L'avventura nella palude di Colleen

148Report
L'avventura nella palude di Colleen

**scritto dal mio amico di Imagefap, Reddwarf**

Capitolo 1

4 marzo 1990: Robert "Bo" Boggs, un camionista cinquantenne fumatore accanito, scarica un altro contenitore pieno di sostanze chimiche di scarto utilizzate negli sforzi per creare un afrodisiaco a base di feromoni di successo. Dopo anni di test, gli scienziati non erano riusciti a individuare l'inafferrabile fattore X che avrebbe reso efficace il farmaco. Abbandonando questa partita di afrodisiaco, l'hanno scaricata in una palude locale, fuori dalla cittadina di Peach Tree, in Louisiana, al confine sud-occidentale vicino al Texas. Lo scarico discreto e illegale ha fatto guadagnare a Bo un sacco di soldi. Bo morirà di buon chiaro di luna e decisioni sbagliate cinque anni dopo, ponendo fine alla sua presenza in questa storia.

26 giugno 2014: Colleen McPherson fa una nuotata.

"Figlio di puttana, pezzo di merda, stronzo, coglione!" è così che Colleen McPherson ha descritto il suo fidanzato recentemente scomparso.

La sua valutazione profana del suo carattere era il risultato di una sfortunata scoperta: il ragazzo, a letto con altre due ragazze, una bionda formosa che serviva il cazzo del ragazzo e una giovane mora magra che stava mangiando il biondo. Quello che l'ha fatta davvero incazzare è stato: (a) l'ex non glielo ha mai detto, lei si sarebbe unita; ( la mora era la figlia del sindaco?! "È un'adolescente di 14 anni per l'amor del cielo!" e (c) la bionda accatastata era Judy Cutler, la sua mortale nemica delle medie, delle superiori e oltre, "Lui?! Con lei?!!"

Colleen era venuta a casa del fidanzato per sorprenderlo con una veloce scopata mattutina. Aprì la porta della camera da letto ed eccoli lì; li guardò, due paia di espressioni scioccate e un sorrisetto biondo ricambiarono lo sguardo. Colleen ha sbattuto la porta e ha preso d'assalto. Seguì il suo nuovo ex ragazzo, avvolto in una coperta, che cercava goffamente di spiegare relazioni aperte, momenti di debolezza e altre stronzate. Gli diede un pugno in faccia e lo lasciò disteso nudo e disteso sul prato davanti casa, con l'erezione che sporgeva verso l'alto come l'asta di una bandiera.

Trascorse il resto della mattinata a sparare con il suo Ford F-150 lungo le strade secondarie vicino a casa sua. Fermò il camion, scese e percorse la strada sterrata, furiosa. "Quel figlio di puttana", pensò, prendendo a calci con rabbia la gomma posteriore del suo camion. Colleen si guardò intorno; il posto era familiare. Era un bel posto ai margini della palude locale. Questa stessa acqua alimentava un ruscello vicino a casa sua, fornendo acqua potabile e bagno a casa sua per tutti gli anni in cui aveva vissuto lì. La stessa palude aveva acque calme di un verde-azzurro in una laguna circondata da canne e tife che incorniciavano una piccola radura erbosa con grandi cipressi nodosi che offrivano fresca ombra dal caldo.

"Ho usato per nuotare qui", ha ricordato.

Era un buon posto per pensare, molto privato; nessun animale pericoloso, solo poche rane e creature. Colleen diede un'occhiata all'acqua calma e fresca e pensò: "Perché no?" Era accaldata, sudata e incazzata. Si stava avvicinando mezzogiorno in una giornata calda e umida, "Tanto vale rinfrescarsi. Non c'è nessuno in giro."

Colleen lanciò il cappello sul sedile del camion e si passò vigorosamente le dita tra i lucenti capelli rossi, scompigliandoli e incorniciando il suo bel viso ovale. Si tolse i vestiti e li mise sul sedile del camion, godendosi il caldo sole e la dolce brezza sulla sua pelle liscia. I suoi teneri piedi riscaldati dalla strada sterrata sabbiosa, poi rinfrescati dall'erba soffice mentre passeggiava senza vergogna sotto gli alberi bassi, la donna sexy era euforica di essere nuda e così libera all'aperto, anche se non c'era nessuno in giro questa strada di campagna solitaria per vederla. Per un osservatore casuale (ammesso che se ne trovasse qualcuno) era una rossa in tutto e per tutto, dal suo cespuglio rosso ben curato alle sfumature cremisi danzanti delle sue trecce. Il suo corpo di 23 anni era sodo e atletico con graziosi seni 34B e arti lunghi e sottili. Una manciata di lentiggini le punteggiava le braccia e le spalle. I suoi occhi erano di un verde brillante e brillavano del suo carattere. Il suo viso sensuale sfoggiava un grazioso naso all'insù e una bocca ampia e sensuale. Colleen camminò in punta di piedi tra i rami bassi di salici e cipressi e camminò sulle fitte chiazze d'erba prima di spostarsi cautamente verso il bordo dell'acqua. La ragazza snella si sguazzava fino alla vita nell'acqua fresca e rinfrescante della palude, le dita dei piedi che sguazzavano nelle alghe e nel fango mentre i suoi movimenti muovevano ninfee e canne d'acqua sulla sua scia.

Colleen scivolò nella piccola piscina per la mezz'ora successiva, lasciando che le acque rilassanti calmassero i suoi nervi scossi. Di tanto in tanto, un grande tonfo qua o là attirava la sua attenzione, ma mentre i grilli e altri suoni del legno continuavano indisturbati, Colleen sapeva di essere al sicuro. Mentre si dirigeva pigramente verso la riva per prendere il sole nei raggi caldi che spezzavano il baldacchino frondoso sopra di lei, sentì qualcosa sfiorarle la gamba. "Croco", pensò, mentre si girava sulla schiena, la parte inferiore del corpo immersa nell'acqua fresca mentre si immergeva nelle secche, assaporando il lusso di nuotare nuda. Appoggiò la testa sulla fresca sponda fangosa, i pensieri vagavano mentre pianificava vendetta su Judy, ignara degli occhi che guardavano il suo corpo.

L'osservatore non era umano; I movimenti di Colleen avevano attirato l'attenzione di qualcosa di completamente diverso. Ha nuotato verso la rossa sdraiata con un solo obiettivo.

Le fantasie di vendetta di Colleen si interruppero bruscamente con un tonfo e uno splat. Qualcosa di misterioso era emerso dall'acqua ed era caduto bagnato sullo stomaco. "Che cosa...?!" Colleen ansimò mentre si tirava su a sedere, poi ricadde nell'acqua. Usando le braccia per spingere dietro di sé, si sedette di nuovo, sputacchiando, consapevole di un peso umido e viscido sul suo corpo.

Uno sguardo le spalancò gli occhi scioccata, "Che cazzo?!!"

Una lunga creatura simile ad un'anguilla giaceva sul suo addome! "Maledizione! Quella è una grossa lampreda!" lei ha pensato.

Era il più grande che avesse mai visto. Normalmente erano grandi appena due dita, ma questa era più grossa del suo pugno chiuso e lunga almeno un metro! Più orribilmente, la sua bocca ovale era fissata saldamente sul suo seno destro. Le lamprede erano creature parassite; di solito prendevano di mira i pesci, stringendo i loro denti aguzzi sulla pelle e succhiando la carne; per qualche ragione questa creatura era interessata a Colleen.

"Ewww! Ick! Togliti di dosso!" gridò Colleen, strattonando freneticamente il corpo dell'anguilla. La pelle della lampreda era bagnata e viscida; la sua bocca era attaccata a lei come colla. Scivolò nella sua presa frenetica e non riuscì a prendere piede sul corpo unto.

"Dannazione! Non si muoverà," pensò Colleen dopo un inutile strattone. Stranamente, non sentì nessun morso doloroso dalla creatura, solo l'inconveniente di averlo attaccato a lei.

"Beh," pensò, "Immagino che sia l'ospedale o il veterinario, vedi se possono fare qualcosa. Dio! È così imbarazzante. Si diffonderà e Judy avrà qualcos'altro di cui ridere."

Sfortunatamente, non solo la lampreda era più pesante di quanto sembrasse, ma ogni volta che cercava di sollevarsi dall'acqua, le sue mani e i suoi piedi scivolavano nel terreno viscido vicino alla riva, facendola ricadere. Allo stesso modo, ogni volta che esponeva la creatura all'aria, si contorceva violentemente, tirandole dolorosamente il seno e costringendo Colleen a sdraiarsi di nuovo, immergendo il petto nell'acqua bassa. Ha ricevuto il messaggio: la creatura non voleva che se ne andasse. "Cazzo," pensò, "Cosa farò adesso? Non posso restare così per sempre."

Colleen esaminò la lampreda. La sua bocca le copriva tutto il capezzolo e buona parte del seno. "Sarà meglio che capisca qualcosa prima che questa cosa mi prosciughi. Dannazione! Come ha fatto a diventare così grande?"

La lampreda stava agitando la sua lingua guizzante intorno alla sua areola, facendo scorrere la sua morbida raspa sul suo capezzolo. "Questa cosa mi sta leccando?!"
La lampreda fece più che leccare, la sua bocca iniziò ad aprirsi e chiudersi, stringendo e pompando il suo seno, "Mio Dio!! Una fottuta lampreda mi sta facendo muovere le tette!" esclamò con una risata nervosa, non osando credere a ciò che stava accadendo.

I denti della creatura erano morbidi e gentili. Il gioco della sua lingua era incredibilmente eccitante. Colleen iniziò a gemere piano, mentre il suo seno ora sensibile riceveva attenzione. L'anguilla erotica si contorceva sul suo ventre piatto, la sua coda ondeggiava tra le sue gambe cremose. Il suo corpo scivolò avanti e indietro sul suo tumulo pubico e si schiantò contro le labbra, facendo scivolare la sua viscosità sul clitoride gonfio di Colleen, "Oh Dio, mi sto bagnando così tanto! Una fottuta anguilla sta..uuhhn..farà...uhhhhh. ..fammi....ooooo...mi viene!!"

Colleen inclinò la testa all'indietro mentre iniziò a gemere profondamente. Involontariamente, avvolse le sue braccia magre intorno alla melma che si contorceva come farebbe con un cucciolo eccitato e abbracciò la creatura stretta al suo corpo ansimante. Strinse le gambe l'una contro l'altra, intrappolando la coda che si contorceva all'incrocio infiammato delle gambe e si contorse contro la lampreda; la sua figa ebbe uno spasmo, pompando il suo succo nell'acqua della palude mentre ansimava e squittiva "Oh! Oh! Oh! Oh!" Il suo culo impertinente si sollevò e si schiantò nel fango viscido sottostante, facendo schizzare rumorosamente l'acqua e sollevando i detriti nella pozza.

Mentre lentamente iniziava a scendere dall'orgasmo, Colleen non notò un'altra scia nell'acqua, che ondeggiava verso il suo corpo disteso. Ci fu un altro tonfo, un altro scoppiettio da parte di Colleen mentre veniva respinta. Quando si riprese e guardò, un'altra lampreda si era attaccata al suo seno sinistro.

"Oh cazzo di merda, no! Non un altro," gemette tra sé. La creatura iniziò a prestare al suo seno flessuoso la stessa attenzione che aveva l'altra. Colleen era ora coperta da due corpi viscidi che si contorcevano, la cui coda si spingeva anche nella parte interna delle sue cosce, facendo in modo che Colleen allargasse involontariamente le gambe, esponendo la sua fica tremante alla palude. Il flusso di acqua fresca attraverso la calda vulva di Colleen, unito al dolce ma persistente succhiare delle due anguille, diede al suo capezzolo un'altra piacevole sensazione di crescente eccitazione. Dopo aver fissato i suoi due animali domestici per alcuni istanti, sospirò e inclinò la testa all'indietro, riprendendo i suoi gemiti e ululati; presto, un altro orgasmo soddisfacente costruito in crescendo e con allegri grugniti di gioia, Colleen lasciò scorrere nell'acqua una fresca nuvola di succo di fica. All'insaputa della rossa, il suo profumo nell'acqua portò altri corpi a nuotare verso la donna supina.

Una spruzzata d'acqua più grande le spalancò gli occhi quando Colleen si voltò per trovarsi di fronte a un enorme topo di palude! "AAAAGGHH!" urlò la ragazza spaventata, cercando invano di indietreggiare per allontanarsi dalla bestia dagli occhi rossi. Era enorme! Lungo più di quattro piedi e piuttosto grosso, sembrava un cane grigio di taglia media. All'insaputa di Colleen, le sostanze chimiche nella palude l'avevano mutato come avevano fatto gli altri animali lì, rendendolo molto più grande del normale. Colleen si girò nell'acqua, le lamprede attaccate alle sue tette ora pungenti momentaneamente dimenticate mentre cercava di strisciare sulle mani e sulle ginocchia nell'acqua salmastra lontano dalla bestia cigolante che si avvicinava da dietro di lei.

Il topo, da parte sua, fiutò immediatamente la fonte che lo aveva attirato qui; Colleens perde, bella fica! Come un lampo, l'agile animale si sollevò sulla schiena di Colleen, spingendola a terra con un "Huff!", togliendole l'aria. Mentre le lamprede venivano premute crudelmente nei suoi seni, aumentavano il loro mordere e masticare, succhiando ora il latte dai suoi globi arrossati. Inchiodata dal peso sulla schiena, Colleen era vicina al panico quando sentì una verga di ferro bollente sulla sua gamba posteriore e prima che potesse elaborare ciò che stava accadendo, una punta svasata le trafisse le labbra e la colpì profondamente con un colpo. "Ghaaaunh!" gorgogliò la rossa impotente, la sua mente cercava invano di far fronte al flusso di disgusto e piacere che provava.

Immediatamente, il puzzolente Topo di palude iniziò il suo solco; rapidamente, molto più velocemente di quanto qualsiasi uomo l'avesse mai scopata, il topo iniziò a martellare dentro e fuori dal suo buco levigato, afferrandole i fianchi con le sue unghie simili ad artigli, scavando nella sua dolce carne. Colleen poteva sentire la pelliccia fredda e bagnata sul suo culo e sulla schiena all'insù, poteva sentire il cuore dei topi che le martellava attraverso la schiena mentre grugniva in modo innaturale mentre il cazzo dalla forma strana le tirava fuori la figa tremante. Le lamprede, assaggiando il latte fresco, raddoppiarono i loro sforzi e iniziarono a tirare più forte i suoi capezzoli spessi e teneri, facendo singhiozzare Colleen dall'estasi. Le lacrime e il moccio le scorrevano sul viso. Il topo di palude chinò la testa in giù e Colleen sentì baffi simili a fili di ferro sulla sua spalla, poi trattenne il fiato per il terrore mentre si voltava, vedendo il brutto muso della bestia proprio accanto alla sua faccia!

Prima che potesse reagire, la creatura che guidava i pali allungò una lingua sottile e cominciò a leccare con fervore le lacrime e il moccio dal viso rosso barbabietola di Colleen. Le esplorò le narici e la bocca aperta, facendo vomitare Colleen con il suo alito fetido. Chiudendosi di riflesso la bocca, si rese presto conto che non poteva tenerla chiusa troppo a lungo, dato che l'incredibile scopata che stava ricevendo la faceva ansimare con una crescente eccitazione.

"Oh cazzo, non posso credere di essere stato stuprato da un fottuto topo!" pensò con la febbre.

In qualche modo, essere usata come sex toy da queste creature della palude stava eccitando Colleen più di quanto non lo fosse mai stata prima. Mentre il topo pesante sulla sua schiena aumentava il suo ritmo già rovente, Colleen aprì la bocca con un gemito e lasciò che la bestia la baciasse con la lingua, il suo orgasmo iniziò a esplodere dentro di lei per l'assoluto degrado a cui si stava sottomettendo.

Abbassando la testa e serrando gli occhi ben chiusi, Colleen urlò come una donna selvaggia quando il topo entrò in lei, pompando pinta dopo pinta di sperma bollente e bellissimo dentro la sua fica dolorante. Il suo corpo era sconvolto come in preda a crisi epilettiche, le sue mani cercavano le teste delle lamprede mentre le stringeva forte, facendo sì che i denti affilati come aghi mordessero più forte la sua tenera carne di cinciallegra. Cadde in avanti con un tonfo, la testa ora sott'acqua mentre diventava sempre più forte, incapace di fare altro che giacere sommersa, le braccia e le gambe tremanti.

Una sensazione di panico la colse di nuovo mentre si sollevava sulle braccia, sputacchiando in cerca d'aria mentre si alzava di nuovo, respirando grandi boccate di ossigeno pulito. Il topo improvvisamente si contorse e cadde dalla sua schiena, sollevando notevolmente Colleen dal suo fardello. Guardando in basso, sentì una fitta di rimpianto mentre le sue due anguille galleggiavano in superficie, staccate dai suoi seni ormai violacei; morto. Scrollando le spalle a se stessa, Colleen strisciò stancamente in avanti di qualche metro e cadde sulla schiena sulla riva, esausta e incapace di muoversi per il momento. Ansimando, fissò i rami in alto e il cielo blu profondo oltre i rami.

Il suo corpo ronzava piacevolmente mentre giaceva immobile, crogiolandosi nel bagliore dell'incontro violento ma sessualmente soddisfacente. I suoi respiri affannosi si calmarono rapidamente mentre chiudeva gli occhi per un momento, raccogliendo le forze. Stranamente, si rese conto di non provare alcun dolore; i suoi seni non erano nemmeno doloranti per il loro abuso e la sua figa pulsava solo calda, riecheggiando la scopata selvaggia che aveva appena goduto, la deliziosa sensazione della crema calda che colava attraverso le labbra gonfie delle sue labbra nell'acqua ai suoi fianchi.

Uno sciabordio ritmico fece alzare la testa alla rossa e guardare in basso oltre il suo corpo, oltre i suoi piedi mentre il suo sangue diventava gelido e il suo respiro si fermò. Un muso e due occhi stavano uscendo dalla superficie e si erano diretti verso Colleen. La rossa si bloccò e sussultò con un sussulto "Oh no!"

"Alligatore!"

Sebbene generalmente non si trovi così grande in paludi poco profonde come queste, anche questo enorme esemplare è stato mutato chimicamente. Era lungo più di 15 piedi, dal muso alla coda e pesava più di 400 libbre!! Inoltre era attratto dal dimenarsi e dai profumi che assaggiava nell'acqua ed era giunto alla sua fonte. Più veloce di quanto Colleen potesse reagire, la bestia squamosa si arrampicò sul suo corpo supino, schiacciando la ragazza indifesa nel fango. Se non fosse stato per il behemoth che reggeva il proprio peso su gambe corte e muscolose, la ragazzina sarebbe stata schiacciata. Colleen ritrovò la voce e iniziò a strillare pietosamente, certa di essere a pochi secondi da una morte orribile.

Il behemoth giaceva immobile sul corpo tremante della ragazza. Colleen cominciò a piangere mentre agitava le sue minuscole braccia e gambe, il suo busto saldamente piantato nel fango. Alzò lo sguardo sull'alligatore, vedendo solo le squame sbiancate del collo e della parte superiore del corpo, la sua testa e le mascelle feroci ben oltre la sua testa. Selvaggiamente pensò: "Forse non mi ha visto? Forse sta solo prendendo il sole?" Smise di dibattersi e rimase immobile, le gambe divaricate e le braccia tese ai lati.

Lentamente, nonostante la sua parte inferiore del corpo fosse nell'acqua fresca, sentì un calore scendere dalla sua figa. Con la mente che correva, si chiese se fosse stata tagliata e stesse sanguinando; ma no, non sentiva niente. Il calore crebbe e crebbe, creando un piacevole tepore all'inguine. Improvvisamente, lo sentì! Un grosso pomo carnoso, delle dimensioni di un guantone da baseball; UN CAZZO! Proprio all'ingresso della sua fica!

I suoi occhi si spalancarono di nuovo quando Colleen capì velocemente la partitura; questa grande bestia l'avrebbe fottuta!

Stringendo le natiche, Colleen cercò di reprimere di nuovo un crescente panico; un topo era una cosa, era di dimensioni quasi normali, per quanto riguarda il pene, ma questa cosa tra le sue gambe sembrava enorme mentre premeva con insistenza contro il suo buco. Non colpì né si tuffò, si limitò a spingere costantemente, lentamente e inesorabilmente in avanti, stridendo.

Colleen aveva sentito alcune delle sue amiche parlare di giocare con i grossi cazzi dei cavalli nelle loro fattorie, e una coppia aveva persino affermato di essere stata fottuta da quei mostri, ma Colleen aveva sempre pensato che si stessero vantando. E sporche troie.

Ora, stava cercando disperatamente di ricordare tutto quello che avevano detto su come farlo; Numero 1, rilassati. Più i tuoi muscoli sono sciolti, più facile sarà l'ingresso. Colleen fece un respiro profondo e si costrinse ad aprirsi. Quasi immediatamente, sentì le sue labbra allargarsi e un'incredibile pienezza la sopraffece mentre la punta flessibile e gommosa del cazzo dell'alligatore si comprimeva un po' e si incuneava dentro. Regola numero 2, Respira. Con un controllo ammirevole, Colleen iniziò respiri brevi e taglienti come se fosse in travaglio, apprezzando l'ironia del fatto che non stava partorendo un bambino, ma aveva l'equivalente spinto indietro dentro di lei.

Fu rapidamente ricompensata con una sensazione di movimento, mentre una lunghezza del cazzo di alligatore si muoveva lungo il suo canale, sorprendendo Colleen mentre apriva le labbra e gemeva di soddisfazione sessuale.

"Che cazzo era quello?" rise tra sé. Ora, superato il terrore iniziale di essere divorata, si rese conto che qualunque cosa diavolo stesse succedendo quel giorno nella palude, sembrava essere l'attrazione principale di tutto ciò che si riproduce nella zona. "Che diavolo, se mi tiene in vita, lascia che mi fottano. Non è che io abbia più un fidanzato, comunque..." rifletté.

Abbastanza sicuro, l'alligatore gigante ha iniziato ad aumentare i suoi sforzi, ora muovendosi lentamente ma ritmicamente avanti e indietro, segando il suo cazzo di 4 pollici di diametro e con la punta svasata dentro e fuori la piccola rossa. crudo, inviando beati formicolio di dolore e piacere attraverso le sue tette lattiginose.Mentre lei e i succhi di sperma combinati dei suoi precedenti amanti lubrificavano sempre di più il palo in calore, Colleen chiuse gli occhi e sorrise, affondando i piedi nell'acqua fangosa e facendo del suo meglio per ruotare i fianchi, incontrando le sue spinte indietro.Presto Colleen si perse nel dolce sciabordio dell'acqua mentre il suo enorme amante squamoso faceva oscillare il suo enorme cazzo dentro e fuori di lei.Il suo quarto orgasmo della giornata stava crescendo come un vulcano dentro di lei e era sicura che sarebbe stato il più grande della sua vita.Quasi al momento giusto, la graziosa piccola rossa soffocò e ansimò mentre violente ondate di piacere le distrussero il corpo, rabbrividì e tremò sotto la maestà opprimente del suo alligatore mentre scendeva a fiumi f ragazza-cum sul suo enorme cazzo. Questo sembrò aiutare gli sforzi degli alligatori, perché iniziò a muoversi più velocemente, reso più facile dal suo lubrificante aggiuntivo, e iniziò a riempire il giovane lamentoso con apparentemente litri del suo succoso sperma. Parlando senza parole, Colleen agitò la testa da una parte all'altra, incapace di far fronte al piacere assoluto che stava provando. Il mondo le girava intorno e un'oscurità calda e vellutata la prese mentre sveniva.

Doveva essere passato un po' di tempo, quando Colleen si svegliò con lunghe ombre e aria più fresca. Il suo amante squamoso sembrava scomparso da tempo quando riprese conoscenza, sorridendo alle sue gambe aperte a una sensazione e un luogo familiari;


La testa di una grande tartaruga le stava mordicchiando la fica, le sue labbra ruvide mordicchiavano e tiravano la sua figa contusa ma intatta. La lingua bagnata e viscida affondò mentre piantava la sua bocca croccante e sdentata sulla sua figa sensibile. La tartaruga fece scivolare la lingua attorno al suo tunnel umido, tirandola fuori per leccare le labbra gonfie e il clitoride, inviando scosse elettriche attraverso il corpo di Colleen. Quindi scavò di nuovo in profondità, leccando la melma di alligatore che era rimasta nel suo tunnel ora svolazzante, inondando di nuovo con i suoi stessi succhi cremosi. I gemiti di Colleen erano languidi e pigri mentre lasciava che la sua nuova amica si pulisse la figa. I minuti passavano lentamente, ma la paziente tartaruga sembrava non avere fretta. Sorprendentemente, i sentimenti rilassati di Colleen di avere la sua fica mangiata sono passati da gemiti dolci e tubanti a grida di gioia in piena regola. Pensava di non avere più un altro sperma in lei, ma eccola lì, costruendo un altro orgasmo tremante. La palude risuonava della sua voce rauca;

"Ooohh!! Mmmm!! Nnnng!!...Unnng!!...Tongued!!... unnng!!...Cazzo....tartaruga!!! Oh Dio!! Sto venendo! ! Oh!! Scopami!! Dai!! Mordilo!! Scopami!!" lei ha urlato. Le sue gambe bianche si attorcigliarono e si incrociarono sul dorso corazzato del suo animale domestico mentre incurvava i fianchi nella sua bocca. Con un debole lamento, alla fine arrivò Colleen, non un torrente zampillante come aveva fatto prima, ma un piccolo rivolo di fluido limpido; tutto quello che le era rimasto. Era davvero vuota, sessualmente soddisfatta e completamente fottuta.

Avrebbe urlato a squarciagola se non fosse stata per la stanchezza. Lentamente, molto tempo dopo che ebbe finito e finalmente si lasciò cadere sull'erba secca della riva, la sua amica tartaruga le si avvicinò ondeggiando accanto e si abbassò. Sorridendo stancamente, Colleen si girò su un fianco verso la tartaruga e sorrise, appoggiando la testa su un braccio. L'altra mano esplorò giocosamente e gentilmente il guscio e la testa delle tartarughe, che non tirò dentro come fanno di solito, ma la guardò con curiosità, come se la guardasse con tutta la curiosità che aveva per lui.

Sentendosi audace, Colleen girò il grosso animale su un fianco; sapeva che le tartarughe potevano morire sulla schiena, ma voleva vedere qualcosa e non pensava che appoggiarlo su una roccia di traverso per qualche minuto avrebbe fatto male a qualcosa.

Abbastanza sicuro, aveva ragione. Da una piega nella sua parte inferiore, c'era un pene rosso vivo come non aveva mai visto prima. La tartaruga stessa aveva un diametro di circa 3 piedi e il pene era lungo circa 9 pollici, di gran lunga più grande di quello del suo ex. Ciò che attirò l'attenzione di Colleen fu la sua forma. Aveva una testa spessa e bulbosa che era spessa come tre dita arricciate, ma liscia e calda al tatto. Dietro, si assottigliava nettamente, come se un bulbo fosse su un bastoncino molto spesso, robusto ma non quanto la punta. A differenza di altri cazzi, non aveva vene realmente visibili, solo pelle liscia e calda.

Senza pensarci, Colleen chinò la testa in basso e baciò la graziosa testa di cazzo. Teneramente leccò e baciò il membro della tartaruga, meravigliandosi del sapore acquoso ma salato del fluido che ne usciva. Sentendosi più audace, ha inghiottito il tutto e ha sentito il
il pomello urtò contro la parte posteriore della sua gola mentre le sue labbra si chiudevano sull'asta più sottile. Colleen iniziò a leccare ea pompare la sua testa su e giù, bagnando a fondo il cazzo della tartaruga. Troppo presto, sembrò, l'organo caldo nella sua bocca iniziò a farle scorrere un liquido caldo e appiccicoso nella sua bocca, che Colleen deglutì rapidamente. Era morbido e piuttosto gustoso, come quando sua madre aveva preparato la zuppa di tartaruga, ma diverso. Colleen inghiottì un colpo dopo l'altro del vomito della tartaruga, poi leccò la superficie del suo cazzo per pulirlo.

Sedendosi, la giovane ragazza rimise in piedi la tartaruga e le diede un bacio sopra la sua testa verrucosa per buona misura. Colleen si stava stranamente abituando alla strana svolta degli eventi oggi nel suo vecchio parco giochi.

"È divertente quello a cui puoi abituarti." rifletté.

Il corpo di Colleen aveva subito un drastico cambiamento, come effetto collaterale delle sue intimità acquatiche e dell'esposizione a lungo termine alle acque particolarmente contaminate. Le sostanze chimiche combinate con gli acidi e i sali naturali della palude avevano perfezionato il vero afrodisiaco che gli scienziati non erano riusciti a trovare ed era più potente di quanto avrebbero sognato. L'ecosistema si era adattato e assimilato la nuova proprietà introdotta lì e ora a tutti gli effetti, questa palude avrebbe sempre prodotto flora e fauna sessualmente cariche. La stessa Colleen, avendo bevuto e fatto il bagno nelle acque per tutta la vita, dopo averle infuse nella sua biochimica nel corso degli anni, era stata involontariamente preparata per la scossa finale che avrebbe cambiato il suo stesso essere per sempre. Avendo ricevuto i fluidi concentrati di molti degli abitanti della palude pompati direttamente dentro di lei oggi, ora è stata spinta oltre il limite biologico.

La magra rossa, nel corso delle prossime settimane, scoprirà che il suo corpo sta cambiando; i suoi seni diventarono più pieni e iniziò ad allattare, il suo corpo divenne più rigoglioso e generoso. Nel complesso, anche il suo corpo sinuoso sembrava più forte, più resistente, ma anche sensibile. Inspiegabilmente per molti intorno a lei, sembrava raccogliere più attenzioni del solito; uomini e donne si ritrovarono entrambi a fissarla con aria sognante quando era vicina. Animali di ogni genere, da cani e gatti a ogni sorta di bestia si avvicinavano a lei, desiderosi di leccarla o di essere toccati da lei. Allo stesso modo Colleen ha scoperto che i suoi desideri sarebbero aumentati a livelli ancora più innaturali mentre considerava quasi tutto e tutti come un potenziale partner sessuale. Si sarebbe trovata attratta da strani pensieri diversi da quelli che aveva prima, alcuni oscuri e pericolosi.

È stata una bellissima giornata di sole solo 3 settimane dopo. Una Colleen sicura di sé e dall'aspetto più forte guidò lungo la strada polverosa fino alla radura vicino alla palude a cui aveva pensato fin dal primo giorno in cui l'aveva lasciata. Era così eccitata che le sue mutandine erano bagnate. "Sarà meglio che ci arrivi prima che mi rovini i pantaloni", pensò. Colleen si tolse rapidamente la parte superiore della cavezza a quadretti rossi liberando le sue brocche ora piene e lattiginose ei suoi duchi margherita dal suo generoso culo e si diresse verso l'acqua. Galleggiava con le gambe aperte e la figa larga, finché non vide avvicinarsi le familiari increspature dei suoi amici.

Sospirò, sapendo che il divertimento sarebbe arrivato. Colleen inclinò la testa all'indietro, sorrise e chiuse gli occhi, "Dio, questa è stata una grande estate." Il primo dei suoi amanti nuotò in avanti.

capitolo 2

Una brezza fresca con appena un accenno di gelo soffiava sulla sagoma distesa di Colleen McPherson. Ora una splendida giovane donna di 21 anni, la ragazza un tempo minuscola ora era una donna quasi amazzonica. I suoi seni 36DD tesi per la sottile maglietta bianca che indossava, i suoi capezzoli rosso ciliegia spessi come una gomma accentuavano la sua pelle bianco crema e lentigginosa della sua generosa scollatura. Il suo stomaco nudo e tonico era esposto, allargandosi drammaticamente ai suoi fianchi da 36 pollici, coperti dai pantaloncini di cotone rosso che si aggrappavano strettamente alle sue labbra della figa rifinite di rosso, dando a qualsiasi spettatore una piacevole scena di classica punta di cammello.

Colleen era fuori, sdraiata sull'erba lasciando che il sole riscaldasse il suo bel corpo. Era al campus Lafayette di Pharmatech, la più grande struttura di ricerca nello stato della Louisiana, in attesa dei risultati dei test. Dopo quasi un anno delle sue "Avventure nella palude", come le chiamava lei, divenne piuttosto certa che qualcosa nell'acqua avesse causato la sua meravigliosa e strana trasformazione, non solo in lei ma anche nei suoi numerosi amanti multi-specie.

Dopo aver portato con sé un campione di acqua di palude, trovò sorprendentemente facile ottenere un'udienza con il capo biochimico dell'azienda; tali erano i suoi ritrovati poteri di persuasione. Balbettando e agitato, l'uomo di mezza età ascoltò con rapita attenzione i suoi ricordi di sfrenata lussuria e sesso con i molti animali della palude. Colleen si rese conto che il pover'uomo non solo era sotto il suo incantesimo feromonale e trovava difficile concentrarsi, ma che le sue storie stavano rendendo lo scienziato incredibilmente eccitato. Essendo lei stessa sempre in uno stato di eccitazione di basso livello, Colleen faceva l'unica cosa per cui si sentiva naturale in queste situazioni; ha fottuto lo scienziato.

Interrompendo un momento nel suo racconto di essere stata inculata da una grossa talpa scavatrice che ha letteralmente scavato la testa nel suo sfintere stretto e scuro, Colleen sorrise al professore e si tolse la maglietta, rivelando i suoi globi bianchi rimbalzanti, generosamente maculati con lentiggini marroni. Gli occhi del dottore si spalancarono in una speranza infantile, poi sorrise con gratitudine mentre l'agile rossa si inginocchiava davanti a lui e gli apriva la cerniera della patta, tirando fuori il suo cazzo di 7 pollici già gocciolante. A Colleen venne l'acquolina in bocca: aveva dimenticato quanto fosse bello un cazzo umano, una volta ogni tanto.

Mentre la sua lingua vellutata leccava e solleticava il suo cazzo duro come l'acciaio, si fermava ogni tanto per parlare...

"Quindi vede, professor Higgins, penso che sia qualcosa nell'acqua della palude che ha cambiato me e gli animali laggiù."

La bella rossa lo guardò negli occhi, sorridendo maliziosamente mentre dava un rapido bacio alla punta del cazzo, poi si alzò, togliendosi i pantaloncini rossi con un movimento fluido. Facendosi avanti, si abbassò sul suo cazzo con un sospiro, avvolgendo le braccia attorno al collo del dottore barbuto. Ora guardandolo dall'alto in basso, iniziò a salire e scendere lentamente, godendosi la sensazione del suo cazzo nella sua figa ancora meravigliosamente stretta.

"Ah! Ah! Ah! E non solo io, voglio dire" gemette, "intendo gli Uuunnnh, anche gli animali. Tutte le bestie. Uh uh uh... oh cazzo... non importa che tipo, vogliono solo per fottermi, sai?"

Colleen iniziò ad aumentare il ritmo, facendo sobbalzare la sedia del professore contro la sua scrivania, facendo rimbalzare il suo delizioso culo sulle sue ginocchia.

"Voglio dire, anche fuori dalla palude ora, cani randagi vengono ad annusare il mio culo, gatti randagi che mi leccano le gambe...OH! Professore!" squittì deliziata mentre il signore più anziano ora perdeva ogni controllo e le stringeva le tette gonfie, mordendo con forza i capezzoli rosa rossastri. La sua presa vigorosa e succhiante fece immediatamente fuoriuscire dalle sue protuberanze densi rivoli di latte cremoso, inzuppando la camicia bianca inamidata del dottore e perdendo piccoli rivoli di succo di tetta sulle sue dita ossute e lungo la parte inferiore dei suoi seni gonfi, incidendo lunghe scie bianche di lei delizioso latte sulle sue gambe nude.

Colleen è stata spinta oltre il limite e ha iniziato a venire, la sua figa spasmodica stringeva più forte il cazzo del professore, facendo venire anche lui. Torrenti di crema bianca vomitarono da lui nei suoi recessi più profondi, mescolandosi con la sua sostanza appiccicosa da ragazza più sottile ma potente.

Ansimando pesantemente, lei cadde in avanti su di lui e si sedettero in un abbraccio, respirando pesantemente finché lei finalmente si alzò, il suo cazzo schizzò fuori dalla sua fica. Sorridendo dolcemente, Colleen prese lo schienale della sedia e si sedette, nuda, estraendo distrattamente lo sperma del dottore dal suo buco fradicio con una mano e nutrendosi con esso. Tra un boccone e l'altro, finì,

"Quindi comunque, se puoi, ti dispiacerebbe testare me e questa roba per vedere cosa sta succedendo? Mi piacerebbe sapere..."

Looking completely flabbergasted, the disheveled professor finally found his voice and squeaked out a tiny, "Of course, young lady."


Hours later, she had found herself in the medical department, in a flimsy paper gown. Her blood had been drawn, her blood pressure taken, every vital statistic possible was accounted. The trim little brunette nurse, Emily Cross, had at first been very clinical and cool, but professionally pleasant. As minutes passed, Colleen could see the tell-tale signs of her influence taking effect. Emily returned with a new tray of instruments to the examination room, but the redhead smiled to herself when she observed that the nurse had undone the top buttons of her crisp white uniform, revealing smooth brown skin and the hint of cleavage. As Nurse Emily busied herself setting the instruments out, Colleen began humming a low, seductive tune.

Playfully, as Nurse Cross passed in front of her, Colleen slowly took a deep breath, stretching the flimsy gown severely. Emily stopped short with a mild look of surprise on her face, almost confused. She looked at Colleen's deep green eyes, then down at her swelling bosom, then nervously off again, embarrassed.

The nurse fumbled with the remaining instruments and finally got them in order.

"A..alright then," the nurse stammered, forcing herself to regain composure,"we'll just need to get your temperature now, Miss McPherson."

Nurse Cross took the tiny oral thermometer and shook it, preparing to insert it under her patient's tongue.

Colleen looked her dead in the eye, slowly shaking her head side to side.

"Unh uh, not that way, honey," Colleen said with a wicked grin.

With a rustle of the paper gown, the exquisite redhead turned over, drawing her knees up onto the examination table, raising her divine, white globed ass up. With one hand, she slowly tore the gown from her backside, exposing her glistening pussy and smooth-skinned asshole to the stunned nurse.

"Momma wants it up here, baby." Colleen murmured, easing a whetted finger into her cute asshole.

Her eyes transfixed on the finger slowly sawing in and out of the redheads asshole, Emily did not even know she was leaning forward, did not know that she had placed her trembling hands on each warm butt cheek and was tonguing and licking around the finger before she regained her senses. Not even considering stopping, Nurse Emily wanted nothing in life more than to taste this woman's ass and to dig her tongue deep into her bowels.

Colleen flexed her pussy muscles as the tanned brunette began soul-kissing her sphincter. The little minx was almost desperately trying to wedge as much tongue as possible up into her rectal vault, worming and twisting her surprisingly nimble tongue around inside her.

"Someone's been giving killer blow-jobs", Colleen thought happily, feeling that only a woman who worked her tongue and mouth regularly would have this much length and talent.

As if to answer the unspoken thought, Emily brought her incredible tongue down, lapping at the juicy folds of the woman's cunt, eliciting a satisfied groan from Colleen. The lanky brunette's hat fell off her coal-black hair as she angled up and deep, wanting to tongue-fuck this total stranger who seemed to fill her every senses.

Colleen rolled onto her back, impressed that the nurse had managed to stay glued to her cunt as she did so. Looking down, she saw only the tiny head of her nurse rolling around between her creamy white thighs, drinking the flowing, sticky cunt juice flowing from her. Purring, Colleen stroked the girl's head, then drawing her face up.

With a gasp for air, Emily looked up, as if in a daze. Her mouth wide open, gulping air. Colleen's eyes widened with a thrill as her estimation had been correct: Emily had an unusually long tongue, the kind generally found on porn-stars and maybe a member of a rock band. It was long and flexible, writhing about like a hungry snake.

Colleen drew the girl up to her face and kissed her deeply, tasting all of her own cunt juices in the nurse's mouth. As they embraced, Colleen's hands busily undid the buttons of the girl's uniform, at last baring her bra and panties to her own skin. Pulling back from their kiss, the redhead looked into her lover's eyes and with a jerk that made Emily gasp, ripped the panties off of her with a stroke. Colleen's flat hand rubbed and probed the hairless mound of her nurse, who looked pleadingly down at her mistress only inches away, waiting, hoping, needing her to penetrate her with her fingers.

Evilly, Colleen did not, but continued to massage the nurses' clit and labia until her hand was filled with frothy juice. Then she drew it up between them and wiped it on her own lips, then on Emily's, forcing her fingers in the girl's mouth.

"Drink it, go on, drink your own pussy, baby. Good, isn't it? Well, I'm gonna go get me some, too." the fiery redhead whispered.

Pulling the thin girl up, straddling her face, Colleen eased Emily down, breathing deeply the musky fragrance. Little drips hit her lips and face; Colleen smiled as she realized that Emily was literally leaking cunt-juice out of her, raining it down on her.

Wasting not another moment, Colleen pulled her down and began diving her tongue into the velvet warmth of the nurses' slick hole. Her mouth filled with salty fluids, sticky and delicious. Colleen rained kisses and nips of love on her labia and suckled like a child on the cute little button of her clitoris. Emily sat straight up and rotated her hips around, grinding down on her new lover's face, wanting to cum more than she had ever before in her life. She ran her fingers through her raven hair, moaning as she moved down to pull her 32c tits free of their bra and began twisting and pulling her nipples, making them feel as if they were on fire.

Colleen had just pushed as far as she could up her gooey channel when she was rewarded with a flutter and shudder over her probing tongue. Emily began sobbing as gushes of cum sprayed from her little pussy. Colleen's hair was drenched in the shower of cum pulsing out from the mewling girl's pussy. Mercilessly, Colleen raked her nails over the tanned, pert ass cheeks of her partner, eliciting new spasms and cries of relief from above. Emily seemed to cum and cum and cum, wracking her body with orgasmic bliss.

Finally the torrent slowed and Emily collapsed forward onto the table, her pussy still fastened to Colleen's expert mouth, not wanting to move from that heavenly spot. For her part, the soaked redhead was nibbling and kissing and licking the outer folds, gently sucking up and swallowing the tasty pussy drink.

Sighing contentedly, Colleen slid out from beneath the semi-conscious nurse and stood up, naked and face glistening in the examination room.

"Ahem..."

Colleen turned, startled at the noise. Standing in a parted curtain to the examination area was Professor Higgins and two other gentlemen who also appeared to be doctors. Each had a bemused and impressed expression on their faces. Colleen just grinned and wiped her face and chest with a handy towel and remarked,

"Told you this was powerful stuff, doc!"

"Er, yes, well, I see..."stuttered the stodgy older professor, staring unashamedly at the fantastic site before him.

"Ummm...perhaps you had better wait, uh, in the courtyard, where you'll be perhaps more comfortable and we won't be so...well, distracted. Yes?" the doctor offered sheepishly.

"Of course, professor. Can't stand in the way of science, can I?" Colleen said with a smile, patting the doctor on his bulging crotch as she slid past the three men. She began to sashay down the short hallway, swinging her hips to complete effect.

"Miss McPherson! Miss McPherson! Your clothes, my dear! You cannot go out in our facility like that!" sputtered one of the other doctors

Turning to look over her shoulder, Colleen grinned coyly,"You sure you want me dressed, boys? I'm more fun this way!"

Giggling at her own joke, Colleen grabbed her flimsy T-shirt and shorts and proceeded outside to lay in the grass. She did appreciate the sun on her skin as she rested, occasionally moving a curious hand up her shirt to collect stray drops of Emily's cum to flavor her fingers with. She did want them to test her, so she was content to leave them to their work.

Chapter 3

The results were in and it was a toss up as to who was more amazed, Colleen or the scientists. It seemed that the swamp water had indeed entered Colleen's bloodstream and had evoked a startling transformation on her basic genetic structure. She now exuded pheromones of such a malleable and adaptable degree that almost any living thing would be attracted to her sexually. Likewise, her own discerning nature had been bypassed and she herself was more open to sexual variety than the average (and even above average) young woman. As a byproduct of her alterations, Professor Higgins explained to the fascinated and horny young redhead that her body also was being altered, as evidenced by her milk-filled breasts, more generous and curvaceous hips and buttocks and even to her endurance and resistance to pain and injury. She even seemed to heal at a faster rate than normal.

Excitedly, Professor Higgins began outlining a rigorous schedule of testing and analysis that he and his team wanted to conduct on Colleen, to which she put up a firm hand and squashed immediately.

"Oh hell no! I am not going to waste my time sitting in some laboratory while you guys poke needles in me and play boring ass doctor all day!"
she stated.

Leaning in to the wide-eyed doctor, she smiled sexily and said with a purr,"Tell you what, though. Loan me that sexy nurse Emily and I'll show her how a Louisiana girl gets down in the swamp. She can collect all the samples and data you could ever want, right from the source."

Reaching down and massaging the old professor's straining cock through his pants, she gave it a firm squeeze and said,

"How's that grab you?"

Flustered at the overwhelming flood of pheromones hitting his system, the sputtering doctor agreed immediately.

Colleen and Pharmatech had come to what seemed to be a perfectly fine mutual arrangement. Colleen was now an employee of sorts, drawing a handsomely comfortable salary (made handsome, she was certain, by her influence) as a member of Professor Higgin's Research and Development team. As matter of fact, she was what the Prof described as Field Agent At-Large, which as far as they all were concerned meant was that Colleen could come and go as she pretty much pleased and they would pay her for getting data from her and her exploits. Suited her, as Colleen had no intention of keeping her "discovery" to herself. As far as she cared, the whole world would be a better place if people fucked a lot more and hated a lot less. Also, she was a good ol' country girl. She didn't know diddly-squat about how to exploit this thing, whatever the hell it was.

So, with a fat bank account, new truck, new best friend and few nasty ideas, it was home to Peach Tree, Louisiana again!

Soon Colleen was flying down the old dirt road with Emily, the thin brunette now out of her nursing whites and wearing a tight pair of faded jeans that hugged her tiny pert buns and a red checked shirt tied up, exposing her tummy and accentuating her smallish tits. Between them on the seat of the truck was Emily's black leather medical bag, filled with all of the instruments she'd need to gather the data required by the institute. Bouncing around in the truck bed was some well-packed recording equipment and other supplies.

For her part, Colleen was less concerned with science now and more anxious to seeing what other animals and things she could fuck. Her pussy fairly ached to be filled and fucked good and hard. She smiled to herself as she also had a much more wickedly exotic encounter planned for her nubile companion to witness.

Colleen wasted little time getting set up in the small shady grove my the swamp's edge. Just the smell of the moist air invigorated her, making her freckled skin tingle. Under Emily's curious eyes, the girl quickly but efficiently began pounding long stakes at equal distances into the ground, securing them firmly in the soil. As the nurse, tasked with recording and evaluating the strength and effectiveness of this "power" Colleen had manifested, began setting up the tripods and recording gear in different areas of the grove, the redhead began to dig through her backpack, producing thin leather strips.

Quickly stripping, Colleen shoved her clothes into her backpack and tossed it to one side. Emily's eyes lingered appreciatively over the shapely and full form of the sexy young woman. Colleen grinned at the brunette's longing gaze and bent over at the hips, allowing her a full view of her damp, red-furred pussy from behind as she carefully secured her own ankles to the two lower stakes with firm knots, being sure to spread her legs widely. Once done, she carefully sat down and lay back, the two leather thongs on each wrist flopping outwards towards the other two stakes above her.

"C'mon Emily, tie me up. I've had this idea for a few days and I can't wait to try it. You can film all of this and show it to your Professor and see what he thinks of me then!"

Tentatively, the young nurse fumbled with the straps but eventually secured the outstretched redhead to her satisfaction. As far as Colleen was concerned, no matter what happened this afternoon, she wasn't going anywhere.

As the nervous brunette retreated to a nearby camouflaged blind to activate the many recorders placed strategically in the grove, silence finally fell. Eventually, only a low melodic humming could be heard coming from the shifting, waiting form of the staked out Colleen, her open legs an offering to the wildlife in the swamp, beckoning any animal to come and ravage her.

For some reason Emily felt warmer than the afternoon weather should make her feel. She felt an almost buzzing in her mind, a flutter in her stomach and a dampness on her forehead and neck as she listened to Colleen's music. The rest of the swamp reacted as well, the chitter and drone of the gnats and bugs growing louder, the splashes and grunts of odd animals overlapping each other, birds cawing in protest as if something were exciting them.

Only a few yards away, Emily could see the sheen of sweat on the rising and falling breasts of the woman facing away from her. On the surface of the water further past her, the nurse saw a cloud of mosquitoes swarming, moving slowly towards the immobilized redhead. They made a gray haze over her body as they dove and landed on her moist skin, darting their numbing proboscis into her creamy flesh, eliciting gasps and groans from the now squirming form.

Colleen was breathless with lust, her pussy squeezing and glistening as these little bugs teased and stung her. Little punctures in a thousand points on her jiggling tits, her nipples already swelling with reaction to their stings. Her roiling stomach a carpet of whelps and her sweaty thighs jostled and kicked in vain, trying to rub her tortured pussy lips together to get some relief from the crawling, biting little lovers. Her body was a feast for them and the helplessness made Colleen cum as her fists gnarled, bloody red as they strained to be free to claw at her aching clit, being repeatedly and relentlessly sucked and stung by countless mosquitoes. Cries of ecstasy and ragged breaths of joy came from the twitching girl as Emily sat dumbfounded at the raw sexual display she was recording.

Minutes after agonizing minutes passed when, to the observers amazement, the mosquitoes rose en masse, as if commanded, and flew quickly away. Only the heavy breathing and occasional giggle could be heard coming from the still bound woman in front of her.

It was after the briefest of pauses that Colleen's newest friends presented themselves, alarming Emily into standing and saying nervously,

"Oh my god, Colleen! Look out!"

"Shh! It's fine, it's fine, Emily," Colleen murmured reassuringly. "I saw them up there when I set up in this spot. Believe me, they're invited. Now watch, honey."

Embarrassed, Emily sat back down behind her concealment, nervous but now strangely intrigued. She could not tear her eyes away from the fine, silken strands that had begun dropping from the branches overhead, dangling down over the supine body of the gorgeous redhead. Colleen, for her part, had gone silent as well. Her glittering eyes were intent on the ballet of motion and delicate fall of hundreds of black spiders from the branches above her. Each white thread held at its tip a fat, one inch diameter, black, hairy, eight legged spider. Colleen licked her lips in anticipation.

With a light plop, each creature fell like a drop of rain on her once-again smooth, velvety skin. Quickly disengaging their lines, the arachnids skittered across her skin, hairy little feet with course barbs digging gently in, clinging to her for purchase. Colleen moaned low as they caressed her, running to and fro over her once more heaving breasts, climbing up quivering globes to grab tightly onto her firm upthrust tits. As if goaded into it, the larger, more aggressive spiders opened wide their chitinous mandibles and swiftly bit deep into the thick, pliant flesh of her thick rubbery nipples.

"Oh Fucking Yes!" squealed Colleen as she bucked upward, arching her proud, spider-covered tits to the treetops.

Vicious incisors pinched and chewed her cherry nipples as dozens more began nipping and biting her mounds, clambering into the valley of her sweating cleavage and pouring down her rippling white belly to her parted legs. Some adventurous spiders danced on her closed eyelids, tickling and brushing her wet, pouty lips with their filthy legs and hairy bellies. Some ventured into her luxurious hair, wriggling around her ears and neck, making her dizzy with a million different sensations.

Quickly the small army of warriors found her thighs and pussy and began biting in earnest, taking little pricks of blood and flesh from her gasping, writhing form. The tenacious workout they were giving the shaking woman was giving her rolling orgasm after orgasm, perverse and sweet as any she had ever experienced. Colleen was in rapture as her pulsing cunt leaked creamy juice which the filthy spiders swarmed onto with relish.

A loud "Thud" broke Colleen's reverie and caused Emily to squeak from her blind with surprise.

At Colleen's outstretched feet had landed the great-granddaddy of the spiders, having leaped from the tree above. Obviously mutated by the swamp, Emily only barely had enough capacity to register that it was being recorded.

The beast stood on eight fat legs, each easily 5" around. It's bloated belly was an incredible 5 feet wide and it stank like rotted meat. Multifaceted sickly green eyes with wiry hairs sticking haphazardly around it glistened as it surveyed the helpless whore before it. Colleen lowered her shocked gaze from it's dripping, slavering fangs to see an (for a spider) unusual but obviously excited penis extend itself from its fat gut.

The grotesque piece was possibly 17" long, hideously deformed. It was scarlet red and thick at the base, maybe 4" thick there. It tapered forward to a 2" diameter, a flange of skin like a thick fin lined it's top, but at the quivering, bobbing tip of the penis was not a pleasantly rounded bulb but a tapered black end much like a duck's bill. Crowning the very tip if this appendage was a sinister, slightly upturned hooked claw, as if a single bony finger beckoned Colleen to try it's obscene delights.

Emily's hands sought her pistol in a nearby knapsack, but stopped in shock as she heard the trembling voice of her subject,

"Oh fuck me you son of a bitch, come on, give me that nasty piece of shit."

Colleen was wild-eyed with lust as she only had eyes for the torturous instrument easing towards her wet pussy.

"Oh yeah, oh yeah, mmmmmmm...oh fuck! Yeah! Do that!" she hoarsely murmured.

Unbeknown to Emily, the larger spiders at the redhead's cunt had bit deep into her fat, juicy labia and strained to pull the lips wide open, readying this willing whore for their master. Red cunt hair was stretched and torn, giving sharp, sexy jolts to flavor the anticipation.

"Grrrr....oh you little monsters, oh God!" sobbed the quivering slut with joy. Tears streamed from her burning eyes. This was it.

The shadow of the spider-beast fell over her shaking form as it lowered its body onto hers. The sensation was like having a trash bag full of hot mud engulf her as she felt the heat from it mix with hers. The rough hairs on its body scraped her red streaked skin, crushing and scattering her tinier lovers. As they were mashed into her flesh, they bit and chewed her even harder in their death throws, making her gasp in ecstasy. Her full, milky tits were squashed painfully into her chest, her thick abused nipples being pierced by the needle-like hairs of her new rapist. Trickles of sweet milk leaked from the purple, twisted tips, giving her another explosion of pleasure.

Then it happened. With a shift, the hideous creature placed the tip against her pink, sodden cunt. With no pretense of gentleness, the ragged claw scraped in her tender hole, dragging it's nail across the top of her tunnel with a firm thrust.

Colleen bucked wildly under the stifling mass, her screams echoing loudly into the woods. Fists clenched, her eyes screwed shut, the flailing redhead was completely at the mercy of the pistoning, grinding hulk on top of her. Emily was frozen in panic as she witnessed what she was certain was the doom of her new friend, horrifically fucked to death by this deformed abomination.

Moments passed as the huffing monstrosity pulled and plunged his ever-widening cock in and out between the raised, bucking thighs of the screeching redhead. It was only after a couple of minutes that the nurse could clearly hear the throaty yelps of her friend,

"God! Damn! Fuck! Uh! Uh! Uh! So! Good! OH GOD! Yes! Oh Fuck! Rape Me! Rape Me! Oh Fuck! Uh! Uh!"

Incredibly, Colleen was fucking the creature back! Emily was astonished at the insatiable redhead's capacity for pain sex. As she watched the obscene coupling taking place, she glanced at the monitors, each with different angles and degrees of closeness of the scene. Shots of the beast overpowering her, shots of Colleen's beautiful, sweat-soaked face a tangle of hair and spider bodies, smiling, kissing and licking the grotesque underbelly of her lover, shots of the hideous penis-thing pulling her bruised labia inside and out as it pile-drove her raw, red hole. The tiny spiders that were left, nipping and biting little love notes on her legs, arms and sides. Shots of her large, flattened tits being scraped like a washboard on it's terribly coarse underside, streams of white milk flowing from beet red nipples.

Emily couldn't help but plunge both hands into her sopping panties, cramming fingers into her own weeping cunt. Fingernails scraped her own clit, giving her a sympathetic shudder of the sweet ecstasy her girlfriend was enjoying only a few yards away. The tawny nurse pumped her cunt furiously, the squelching gushes of her fluid soaking her hands, finding their way to her thirsty mouth as she watched.

Colleen was wailing like a banshee, expressing her unbridled pain and love for it. The red hot poker creasing her fuck tunnel had sent her insane with pleasure, the hooked tip bumping painfully and exquisitely against her cervix with each jackhammer thrust. Colleen was having wrenching orgasms that seemed to rob her temporarily of consciousness only to reawaken the pinioned redhead as her head flopped back and bumped onto the ground, rousing her again and again to thrust upward, meeting her lovely attacker with as much as she could give.

Her leather bonds restraining her so, she was perfectly anchored for the seemingly unending assault of her terrible master. How long the beast pounded her, she did not know; it seemed to last an eternity. Colleen was beginning to have longer and longer intervals between orgasms and the pain in her pussy was becoming unbearable. Still the beast continued.

Although her orgasms were becoming less frequent, a new sensation emerged for the now groaning girl. The pain, becoming a burning, sharp tearing in her pussy and womb, gave birth to one last, violent orgasm that made the screaming woman clench her whole body rigidly, actually painfully gripping the torturous cock even more tightly, stopping it's rapacious motion. With a chilling screech, the immobilized spider-thing reared up off of Colleen, cruelly forcing one more thrust inward and began spewing it's penile venom into the mute woman's bruised womb.

Not breathing, her entire body beet-red, every muscle strained to definition as she reared forward as well, the leather thongs at her wrists snapped with a crack! Colleens immediately bolted upright and gripped the rearing spider's belly in her fists and hugged herself to him, having what looked to Emily like an epileptic seizure. Stuck to it's belly like a tick for several moments, the now scarlet woman suddenly sagged and fell like a rock to the ground below, still and unmoving.

Now scared again, Emily stood but dared not move as the horrible creature settled back down on its eight fat legs and stood a moment, as if in thought. The nurse could see it slowly withdraw it's nasty, green dripping tool and pull it back into its belly. It turned in place, its rough underbelly jostling the still woman beneath him and it skittered off to a nearby tree, to which it deftly clambered up and away, making it's way back into the swamp trees overhead.

As Emily approached Colleen, she saw the other little spiders that had not been destroyed by their master's onslaught likewise run for cover, making their ways to bushes and branches nearby.

As the nurse knelt by the still form, she was relieved to see her color returning quickly to normal and her breathing again. Amazed at the violence she had witnessed Colleen endure, the astonished nurse undid the thongs at the awakening woman's feet, allowing her to sit upright. As they sat silently facing one another, Colleen smiled weakly at first and quickly seemed to regain her strength. She absentmindedly ran fingers through her thick red locks and find a stray spider. As she sat smiling wistfully at it, she let it play on her fingers before letting it nestle on her sloping left breast. It lingered and explored her skin, no longer driven to lustful attacks upon her, but content to just roam her body now.

"Whew!" Colleen finally broke the silence. "What a fuck!"

"I've, uh, never seen anything..."murmured Emily, lost for further words.

"Please, baby, please tell me you filmed that?" pleaded a now concerned Colleen. A nodded reassurance satisfied the well-fucked redhead as she settled back onto the grass again.

"I think it's still recording now, actually," Emily added.

"Good, good. As long as it's on film," Colleen sighed. She sat spread-legged, surveying her body, feeling her tits and sides, sliding her hands down to her creamy white thighs and in between her legs.

Wincing a little and smiling, she laughed, "Still a little tender yet. Big boy likes it rough, but so do I. Wasn't he incredible? Pure animal bestial fucking! He just tore into me like I was nothing, just a cunt to fuck. And his cock! Jesus, what the hell makes a cock like that? Fucking nearly ripped my womb out, but holy motherfucking shit, it felt so gooooood."

Now the smiling redhead had her hands down in her cunt, making squelchy noises as she fished out a palm full of the green fluid it had pumped up her.

Holding it up in the air before her in her right hand, between Emily and herself, Colleen let the thick goo slowly elongate between her fingers, watching like a small child in fascination as the sun glinted off of it. It smelled vaguely spoiled but oddly, not unpleasant. Without a thought, as if it were perfectly natural, Colleen tilted her head back and raised her hand high up, allowing the leading edge of the slop to hover over her red, wet tongue. First a drip, then a fatter drop plopped onto her quivering tongue. She rolled it around for a moment, savoring he taste. Her eyes locked with Emily's as they went wide with delight and a grin preceded her swallowing the nasty snack.

"Holy shit, Emily! You've got to try this, baby!" Colleen giggled.

Disgusted, Emily recoiled slightly, but Colleen's surprisingly strong left hand left her pussy and took Emily by the shoulder.

"No, really, babe. Here."

Colleen took another, greater mouthful of green spider cum and leaned forward, gently but firmly kissing the gasping nurse. Suddenly, Emily was lost in a velvet fog, knowing nothing but the erotic slipperiness of Colleen's mouth and the oddly nutty and sweet flavor on both of their tongues. Without reservation, Emily took Colleen's head in her hands and began kissing with passion. For long minutes the two women kissed, hands feeling their way around each other, eliciting moans and whimpers with each new, wet passage they found. It wasn't long before the clothed nurse was down between her naked friend's legs, slurping noisily at her sopping cunt, drawing mouthfuls of green goo from her red-trimmed cunt and bringing it up her toned, slick body to once again exchange it for a kiss.

The two nymphs played this game for quite awhile until, sadly, the spider cum was gone.

A beep from one of the cameras announced that no mo

Storie simili

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

1.2K I più visti

Likes 0

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

949 I più visti

Likes 0

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

926 I più visti

Likes 0

La nuova vita di Aria Pt3

Aria Mi sono svegliato con un sussulto tra le braccia di mio padre. Cosa c'è che non va, Aria? mi chiese preoccupato. Solo un sogno 'strano', immagino. Sudavo e tremavo. Il re deve averlo notato. “Sei venuto mentre stavi dormendo. Sei venuto spesso in questi ultimi due giorni.» Mi prese tra le sue braccia e mi tenne stretta. Nel momento in cui sono tornato tra le sue braccia ho iniziato ad avvolgere il mio corpo intorno al suo, cercando di più. Papà, per favore, ho supplicato. Assolutamente sì, Aria. Detto questo, iniziò a baciarmi e mi adagiò sulla schiena, stritolandomi. I...

921 I più visti

Likes 0

Sogno di compleanno

Buonanotte, ragazzi, e grazie ancora per i fantastici regali. Va bene, mamma... e possiamo dire che stai invecchiando visto che vai a letto così presto. Non sono vecchio, ragazzini... ho appena avuto una giornata molto lunga e ho bisogno di dormire. Certo, mamma, qualunque cosa tu dica e i tuoi figli scoppiano a ridere mentre esci dal soggiorno e torni in camera da letto. Ti chiudi e chiudi a chiave la porta dietro di te, poi ti spogli. Una doccia veloce, pensi, e poi te ne andrai per un po' di sonno tanto necessario. Sorridi tra te stesso mentre pensi a...

935 I più visti

Likes 0

Mia moglie Maryanne - Cap. 3

Maryanne e io, e talvolta con il nostro amico John, abbiamo continuato settimana dopo settimana con il nostro gioco di Maryanne indossa il suo vestito sexy e visitiamo un bar locale. In realtà, siamo stati lontani dai bar troppo vicini a casa e da quelli in cui potevamo incontrare qualcuno dei miei colleghi. Non so come potrei affrontare le persone con cui ho lavorato scoprendo il nostro piccolo segreto. Sono sicuro che se fossimo scoperti la voce si sarebbe diffusa in tutto il posto di lavoro e ogni possibile futuro che avevo con l'azienda sarebbe finito. Tuttavia, non avevamo programmi per...

914 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

897 I più visti

Likes 0

Zack e John

Zachary ha aspettato con impazienza l'arrivo della sua nuova babysitter. Ha sempre fatto scherzi alla nuova babysitter per sbarazzarsene. Aveva già 13 anni e credeva di potersi prendere cura di se stesso, ma i suoi genitori non glielo permettevano e lo trattavano come un bambino. Ding Dong! Zachary, vieni qui per incontrare la babysitter, disse sua madre. Zackary scese le scale aspettando di vedere un'anziana signora entrare dalla porta, ma si sbagliava. Un'anziana signora non è entrata dalla porta, ma un adolescente sì. Zachary, questo è John. disse la mamma di Timmy. Vive in fondo alla strada e ha detto che...

797 I più visti

Likes 0

Troppo perfetto per lasciar perdere [Capitolo due]

In seguito ci addormentammo entrambi per un paio d'ore. Mi sono svegliato e lei era ancora lì a dormire accanto a me. Rimasi lì a fissare il soffitto per alcuni minuti, sentendomi come se fossi entrato in una realtà alternativa in cui tutte le mie sporche fantasie da vecchio si erano appena avverate. Lo ammetto, anch'io mi sentivo un sacco di merda, ma mi ha praticamente saltato le ossa. Cosa avrei dovuto fare? Era fumante, e io sono solo un uomo dopo tutto. Passarono alcuni minuti prima che si svegliasse. La guardai intensamente mentre batteva il pisolino pomeridiano dai suoi occhi...

802 I più visti

Likes 0

Gli ospiti

Gestivamo il B&B da un paio d'anni, affittando solo l'attico che era piuttosto autonomo. Ha portato un po' di soldi in più. Prima di iniziare ero completamente contrario, ma poi, quando gli ospiti hanno dichiarato di venire, mi sono abituato e ho iniziato a divertirmi un po'. Un vero mix di persone. A volte uno attirava la mia attenzione e spesso fantasticavo su di loro che scopavano nella stanza sopra la nostra camera da letto o qualche altra avventura sessuale. Questo fine settimana abbiamo avuto una coppia dall'Olanda. La moglie ei bambini erano via, quindi stavo volando da solo. Devo dire...

963 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.