Nella foresta con un adolescente

218Report
Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a conoscere la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho chattato con lei solo alcune volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che avevo più di dieci anni di lei... A parte questo non avevo mai visto una sua foto, anche se mi aveva detto che è molto di piccole dimensioni.

Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i miei nervi. Quando ho svoltato nella strada giusta, la fermata dell'autobus era a circa 50 metri da me e ho notato una figura seduta su una panchina. Lunghi capelli biondi...

Ero così nervoso. Non avevo mai incontrato una ragazza così giovane di me. Come avrebbe reagito a me..?

Mi sono avvicinato alla fermata dell'autobus. Ci guardammo per un po', entrambi ovviamente molto ansiosi. Quando si è alzata ho visto quanto fosse bassa e magra. I suoi lunghi capelli biondi arrivavano fino alla parte bassa della schiena e il suo viso poteva essere descritto solo come "carino". Indossava un paio di blue jeans, che ho notato essere piuttosto attillati sulla sua piccola figura.

Sulla parte superiore del corpo indossava un top nero e una felpa con cappuccio azzurra che era stata aperta casualmente. Non riuscivo a trattenermi - i miei occhi vagavano e quasi subito osservai il suo seno... la sua forma era chiaramente distinguibile attraverso gli strati dei vestiti.

A questo punto ho sentito il mio pene diventare più duro... e non avevo nemmeno scambiato i saluti con lei.

Ci scambiammo qualche parola, poi cominciammo a camminare per la strada. Era tranquilla - chiaramente molto nervosa, ma ho stimato che fosse anche timida e tranquilla per natura. Durante le nostre sessioni di chat, non avevamo davvero deciso cosa fare durante l'incontro, quindi abbiamo camminato per un po' e abbiamo parlato. Per lo più sono stato io a parlare - la ragazza ha appena risposto con brevi "sì" e "ok"... Stavo anche cercando di nascosto un posto dove passare un po' di tempo senza che nessun altro ci vedesse... Noi erano ancora molto vicini al centro, ma sapevo che c'era un piccolo pezzo di area boschiva nelle vicinanze. Diversi sentieri attraversano la zona, ma quello era il luogo più appartato che mi venisse in mente in quel momento.

Quando siamo arrivati ​​ai margini della foresta, le ho chiesto se le sarebbe piaciuto entrare con me. Lei acconsentì, così iniziammo a camminare lungo il sentiero che portava più in profondità nel bosco. Il sentiero era molto stretto, quindi non potevamo percorrerlo fianco a fianco - le ho chiesto di andare per prima... Mentre le camminavo dietro, lei era l'unica cosa che stavo guardando. Il suo sedere era piccolo e in realtà un po' piatto, ma trovavo difficile distogliere lo sguardo da esso. La mia erezione era ancora forte - il mio cazzo era stato duro sin dal momento in cui la ragazza si era alzata per la prima volta alla fermata dell'autobus.

Quando siamo arrivati ​​in un luogo che sembrava abbastanza riservato, ho chiesto alla ragazza di fermarsi. C'era un ceppo d'albero proprio accanto al sentiero e l'ho esortata a sedersi su di esso. Ho anche chiesto - in modo un po' giocoso - se non faceva troppo caldo per indossare la felpa con cappuccio... Penso che in realtà si sentisse un po' accaldata, dato che la giornata era calda e almeno mi sentivo un po' sudato dopo la nostra passeggiata. Si tolse la felpa con cappuccio e se la mise in grembo.

Ora, mentre era seduta e indossava solo il top senza maniche, ho potuto vedere meglio i suoi seni... Sembravano sorprendentemente grandi, almeno considerando la sua corporatura altrimenti piccola. La pressione nei miei pantaloni semplicemente non sarebbe andata via, e penso che anche la ragazza l'abbia notato: il mio rigonfiamento era chiaramente visibile. Per un momento ho pensato se dovevo essere imbarazzato per questo... Ma la ragazza non ha menzionato nulla, e penso che comunque sapesse cosa stavo pensando. Durante la nostra ultima chiacchierata, non avevamo davvero parlato di cosa fare quando ci saremmo incontrati, ma le chat erano state spesso in qualche modo condite sessualmente.

Abbiamo parlato per un po' di cose casuali, o meglio, ho parlato, perché la ragazza era ancora molto tranquilla. Ma la pressione nei miei jeans stava diventando davvero scomoda, quindi dopo una decina di minuti non riuscivo più a mantenere viva la conversazione. Non ero sicuro di come procedere con delicatezza, quindi sono andato avanti e ho chiesto se potevo toccarla. Mi ha fatto un piccolo cenno carino e ha emesso un debole suono "mm-hm", quindi mi sono avvicinato per mettermi proprio accanto a lei. Ho passato le mie mani tra i suoi splendidi capelli e le ho accarezzato una guancia. Da lì ho anche potuto avere una bella visuale fino alla sua scollatura...

Ero certa che la ragazza avesse capito che per "toccare" intendevo qualcosa di più che accarezzarle un po' i capelli, quindi le ho messo una mano sul collo, tra le clavicole. L'ho guardata direttamente negli occhi per vedere le sue reazioni e molto lentamente ho fatto scivolare la mano verso il basso.

Alla ragazza non sembrava importare, quindi non ho fermato la mano quando la punta delle dita le ha toccato il reggiseno. Continuando con movimenti molto attenti e gentili ho spinto le dita sotto la coppa destra del suo reggiseno, e poi sono andato ancora più in basso. Ho sentito la ragazza tendersi quando la punta del mio dito ha toccato il suo capezzolo... Il mio cuore batteva forte mentre spingevo la mano ancora più in basso. Quando il suo capezzolo premette contro il centro del mio palmo, notai che i suoi seni erano davvero piccoli. Il suo reggiseno doveva essere molto imbottito, perché la piccola tetta che ora mi premeva contro il palmo non somigliava all'ampio seno che avevo immaginato nella mia mente. Ma ero estasiato lo stesso! Il mio cazzo si è indurito ancora di più, se possibile, mentre accarezzavo dolcemente il seno della ragazza e le agitavo il capezzolo.

Poi ho notato dei movimenti nelle vicinanze, quindi ho tirato fuori velocemente la mia mano da sotto la maglietta della ragazza. C'era qualcuno che camminava lungo uno degli altri sentieri nelle vicinanze, ma si stava allontanando da noi... Ma il momento era passato, quindi ho chiesto se dovevamo provare ad avventurarci ancora più in profondità nella foresta. La ragazza si alzò ma non si rimise la felpa. Questa volta ho camminato per primo, sperando che la ragazza mi seguisse ovunque avessi deciso di andare.

Siamo andati avanti e ho cercato di avviare di nuovo una conversazione. La ragazza era ancora molto tranquilla e breve con le sue risposte, ma almeno le interessava seguirmi più in profondità nel bosco. La mia eccitazione stava diventando insopportabile, così ho iniziato a pensare a come concludere questa piccola avventura. Anche se la ragazza era chiaramente molto timida e sembrava un po' a disagio, sembrava che fosse abbastanza suscettibile ai suggerimenti... Credo che le piacesse la situazione, semplicemente non voleva mostrarlo, o poi era troppo nervosa per dire qualcosa di significativo.

In ogni caso, ho fatto una promessa a me stesso; prima di lasciare quella piccola foresta, avrei rilasciato la terribile pressione che sentivo nelle palle e in tutto l'inguine... Con o senza l'aiuto del mio piccolo compagno biondo.

Dopo aver camminato per altri 5 minuti circa, siamo arrivati ​​in un punto in cui mi sono fermato di nuovo. I cespugli intorno a noi formavano una specie di cerchio; non offriva una copertura completa, ma ho deciso che avrebbe dovuto farlo. Mi sono fatto strada nel mezzo del piccolo cerchio e ho chiesto alla ragazza di seguirmi. L'ha fatto.

Avevo bisogno di toccarla, quindi l'ho tirata delicatamente vicino a me e l'ho baciata! Le sue labbra erano così adorabili e morbide... Dopo che ci siamo baciati per un breve momento, mi ha sorpreso giocando un po' insieme; ha smesso di essere tutta passiva e mi ha ricambiato con un bacio con una certa passione. Ho assaggiato anche la sua lingua, ed è stato molto bello! In quel momento la mia mente si riempì dell'immagine di quelle labbra morbide attorno al mio pene duro come una roccia! In quel momento sapevo come avrei voluto che finisse l'avventura...

Poiché la ragazza aveva mostrato interesse a seguire le mie richieste (e poiché ero così incredibilmente eccitata), ho assunto un approccio notevolmente più audace; Ho chiesto alla ragazza di iniziare a togliersi i vestiti.

Si è tolta la parte superiore piuttosto rapidamente, ma mentre stava lì in piedi nel suo reggiseno beige, è arrossita abbastanza e i suoi movimenti si sono fermati. Mentre lei esitava, le girai intorno e cominciai a sganciarle il reggiseno. L'ho fatto lentamente, in modo che avesse il tempo di dire "no", ma non ha detto nulla. Era come se fosse stata una statua, completamente immobile e silenziosa con una pelle di alabastro bianco. Mi ci è voluto molto tempo per slacciarle il reggiseno - quasi come se fosse la mia prima volta... Non lo era, ma a questo punto le mie mani tremavano un po'! Dopo che finalmente ci sono riuscito, ho aspettato qualche secondo per riprendermi... e poi le ho tirato giù il reggiseno. Delicatamente, ho afferrato la ragazza per le sue spalle e l'ho girata per guardarmi. I suoi seni piccoli, sodi, a forma di triangolo ora erano nudi davanti a me. Ora ho visto i suoi capezzoli per la prima volta - erano di colore rosa chiaro e di dimensioni piuttosto piccole, e mi hanno invitato a baciarli... In pochi secondi ero in ginocchio, la punta della lingua che giocava con loro.

La ragazza arrossì ancora di più e iniziò a respirare più velocemente. Ho passato diversi minuti a giocare con le sue tette - accarezzandole dolcemente con le mani, succhiandole e leccandole... Avrei potuto anche morderle una, anche se molto delicatamente. Stavo diventando troppo eccitato per resistere ancora a lungo, così ho deciso di togliermi velocemente il resto dei vestiti della ragazza: all'improvviso ho aperto i bottoni dei suoi jeans e ho messo i pollici sotto la cintura. Mi sono fermato per un momento e ho guardato il suo viso, ancora una volta dandole il tempo di dire "no". Guardava in basso con occhi grandi e imbarazzati... ma siccome non diceva niente, le tirai giù i jeans. Sono stato accolto con mutandine verde brillante con un testo davanti. Ero intenzionato a tirarli giù anche io, ma mi sono fermato abbastanza tempo per leggere il testo - diceva: "Benvenuto nella giungla!" Ho pensato che fosse una scelta interessante di intimo per una ragazza adolescente, ma ho accettato la sfida e ho tirato giù le mutandine con un movimento deciso.

Quindi eccoci lì, circondati da alcuni cespugli ma ancora in un luogo pubblico, io completamente vestito e in ginocchio e la ragazza completamente nuda tranne che per le scarpe. La ragazza respirava molto velocemente e quando ho raggiunto per toccarle il clitoride con il dito, ha iniziato a tremare. Non c'era giungla laggiù: la sua figa era stata rasata e pulita, permettendomi di vedere le sue labbra estremamente eccitanti e invitanti... Ma quel giorno non era il giorno per la sua figa, quindi ho appena preso in giro la ragazza giocando con la sua vulva per un po' e poi si alzò.

La ragazza respirava molto velocemente e le sue guance erano notevolmente arrossate. Le sue cosce sottili tremavano un po'. La sua figa era bagnata (così come il mio indice) ei suoi capezzoli erano cresciuti un po', anche se erano ancora piuttosto piccoli. A questo punto le ho fatto una domanda diretta e spudorata: "Mi succhieresti?". La ragazza rispose prontamente; un debole "sì" seguito da un leggero cenno del capo. Il mio cuore deve aver perso un battito quando ho capito che il finale che speravo sarebbe accaduto!

Ma - comprensibilmente - la ragazza si sentiva abbastanza esposta mentre era lì con il caldo vento estivo che le accarezzava il corpo nudo, quindi si chinò e iniziò a sollevare i pantaloni dalle caviglie. Le ho chiesto cosa stesse facendo e lei ha risposto timidamente che non voleva più stare lì a sedere nuda in una luce diurna brillante. Provai una leggera punta di delusione, ma capii il suo punto di vista e le feci rimettere i pantaloni... Ma subito dopo che la signorina ebbe chiuso i bottoni dei suoi jeans, interruppi quello che stava facendo appoggiando le mie mani sui suoi adorabili seni da adolescente e dicendo: "Non hai bisogno di un top... Voglio guardare questi cuties mentre lo fai.".

La ragazza non sembrava avere obiezioni al riguardo, o almeno non voleva parlarne ad alta voce, quindi il reggiseno e il top sono rimasti su una roccia vicina. Ho lasciato andare le tette della ragazza e le ho dato spazio per iniziare a fare la sua cosa che, sapevo, si sarebbe conclusa con un indubbiamente grande orgasmo...

Era così bassa che non aveva bisogno di inginocchiarsi. Tutto quello che doveva fare era piegarsi in avanti. Le ho permesso di aprire i miei pantaloni... è stato così sollievo liberare finalmente il mio cazzo dalla sua prigione. Aveva mantenuto un'erezione più o meno completa per più di mezz'ora ormai, e quando la ragazza mi ha aperto i pantaloni, è praticamente saltato fuori proprio davanti ai suoi occhi. Lungo poco più di 6 pollici, spesso circa 1 pollice e mezzo con una leggera curva verso l'alto... in quel momento il mio pene era uno spettacolo magnifico ed era pronto ad accettare qualunque cosa la ragazza avesse da offrire. Dopo l'eccitazione prolungata il mio glande aveva assunto un colore rosso scuro (che di solito vedo solo pochi secondi prima di sborrare), e sono diventato un po' preoccupato per la possibilità di un'eiaculazione istantanea... Potrebbe succedere, visto che la situazione aveva spinto in tali livelli estremi di eccitazione.

Una bella testa con lunghi capelli biondi scendeva più in basso, verso il mio inguine. Chiusi gli occhi e aspettai il primo tocco. All'inizio ho sentito una piccola e insicura mano afferrare l'asta del mio pene... poi subito dopo un respiro caldo e superficiale sulla punta di esso...

Poi; labbra umide e morbide intorno al mio glande gonfio! Non riuscivo a trattenermi dal gemere ad alta voce. La ragazza mi ha succhiato molto delicatamente - la maggior parte delle volte si limitava a leccare la punta del mio pene piuttosto che a succhiarlo, ma per me andava bene, perché in questo modo sono riuscita a resistere al mio orgasmo per un po'. Aprii gli occhi, alzai lo sguardo verso le cime degli alberi e concentrai la mente per sentire ogni piccolo movimento che le labbra e la lingua dell'adolescente seminuda facevano sul mio glande super sensibile. Qualche volta la ragazza ha dovuto far cadere il mio cazzo dalla sua bocca e fare un respiro profondo... Apparentemente la sua tecnica di pompino non era molto praticata; la sfiniva e doveva prendersi delle brevi pause. Non mi importava delle pause, poiché mi permettevano di prolungare ulteriormente l'esperienza, dandomi un po' di tempo in più fino a quando l'inevitabile orgasmo non l'avrebbe interrotta. Durante una delle pause mi sono inginocchiato e ho giocato un po' con i seni della ragazza, dando a entrambi un po' di tempo per riprenderci.

La ragazza non ha preso il mio cazzo molto profondamente... il più delle volte aveva solo la punta in bocca, e quindi doveva tenerlo fermo con una delle sue fragili mani. Fortunatamente, non ha avuto l'idea di segarmi con la mano, perché avrebbe posto fine a tutto quasi all'istante! No; l'incredibile piacere che stavo provando in quel momento era causato quasi esclusivamente dalla lingua bagnata di un'adolescente che si muoveva sul mio glande rosso scuro, gonfio e ricoperto di saliva, ed era appena sufficiente per tenermi sull'orlo dell'orgasmo.. . È stato perfetto! Non credo che l'abbia pianificata in quel modo - probabilmente voleva solo farmi venire il più velocemente possibile, ma non sapeva che era la mancanza di pressione a trattenermi. In quel momento, un paio di carezze piene con la sua mano, o una bella suzione sulla punta del mio pene mi avrebbero spinto oltre il limite... Ma non ho detto niente, volevo che quel momento durasse all'infinito!

Poi, all'improvviso, entrambi abbiamo notato dei movimenti vicino al nostro punto... Una donna di mezza età stava passeggiando con il suo cane! Eravamo così concentrati in quello che stavamo facendo che non ci eravamo accorti dello sconosciuto finché non era stata a meno di dieci metri di distanza. Ho girato la testa per guardare l'arrivo e ho notato che ci stava fissando. Anche la ragazza - che era stata intensamente concentrata sul suo compito - tornò alla realtà, girò la testa e lasciò che il mio cazzo le uscisse dalla bocca (era lasciato oscillare da una parte all'altra davanti al suo viso in modo piuttosto osceno - il la donna lo vedeva sicuramente chiaramente...).

Lo sconosciuto si voltò e iniziò in fretta ad andarsene con il suo cane, mormorando qualcosa del tipo "...scusa... ...continua a fare quello che vuoi...". La ragazza di fronte a me si è davvero imbarazzata e ha iniziato a rimettersi il reggiseno in modo nervoso. Le ho assicurato subito che va tutto bene e che non c'è niente di cui preoccuparsi, ma si stava già rimettendo il top...

Non mi piace mostrare il mio corpo nudo agli estranei, ma non era il momento di diventare timido! Nonostante l'interruzione, la mia erezione non si era affatto indebolita, ed era inaccettabile pensare che il momento sarebbe finito così.

E poi, per rendere le cose ancora più difficili, il suo telefono squillò. Era già completamente vestita, quindi ha risposto rapidamente. Era sua madre che chiamava, apparentemente chiedendo (o dicendo) a sua figlia di tornare a casa. Ma anche dopo l'imbarazzante interruzione, la ragazza era ovviamente ancora molto eccitata, e il mio pene duro come una roccia e pronto per lo sperma oscillava avanti e indietro davanti a lei, rendendola chiaramente piuttosto distratta.

Cercò di fare del suo meglio per calmare il respiro e per dare delle risposte sensate a sua madre... Sentendomi infastidita e un po' disperata, decisi di renderle le cose difficili; senza dire una parola, mi sono avvicinato a lei, ho messo la mia mano sul suo ventre e l'ho spinto in basso in modo che fosse fatto scivolare sotto il davanti dei suoi jeans. La ragazza ha continuato a parlare con sua madre nel modo più calmo possibile, ma quando il mio dito medio ha trovato la sua strada sotto le sue mutandine, ha detto rapidamente alcune parole di addio e ha riattaccato. Mi ha guardato con un'espressione che sembrava essere un misto di divertimento e rabbia, e mi ha detto che doveva tornare a casa immediatamente (in retrospettiva, credo che in realtà potrebbe essere uscita senza il permesso di sua madre).

L'ho implorata di non lasciarmi in questo stato... Il mio uccello non si era affatto ammorbidito ei miei testicoli sembravano sul punto di scoppiare. Le ho chiesto di finirmi, promettendole che il mio orgasmo era molto vicino ora... Non ci sarebbero voluti più di 30 secondi. Le ho anche dato un piccolo consiglio, dicendole di usare le guance per generare più aspirazione...

La ragazza sembrava stressata per la telefonata e l'interruzione, ma ha acconsentito. Ha rapidamente afferrato di nuovo il suo bersaglio (questa volta leggermente più forte di prima), si è inchinata e ha rimesso il mio pene in bocca, questa volta spingendo la testa in avanti in modo che il glande andasse molto più a fondo in lei... Poi la piccola signorina si è imbavagliata e tirò indietro la testa quasi immediatamente - a quanto pare il mio organo sessuale gonfio è andato troppo in profondità! Ma la ragazza ora sembrava più vorace di prima - probabilmente aveva intenzione di finire il suo compito il prima possibile - quindi continuò dopo una pausa di pochi secondi.

E poi il suo desiderio è stato esaudito: la volta successiva che ha preso la punta del mio pene tra le sue labbra umide, è successo; un magnifico orgasmo ha scosso il mio corpo e ho emesso un forte gemito! Le labbra della ragazza erano saldamente avvolte attorno al mio pene, quindi il mio sperma poteva entrare direttamente nella sua bocca. Dopo circa 40 minuti di costante eccitazione ed eccitazione i succhi uscivano ad alta pressione; Ho sentito due scariche separate che hanno spruzzato lo sperma sulla lingua della ragazza e nella sua gola. La ragazza ha lasciato andare il mio cazzo e ha ingoiato per un bel po', sembrando piuttosto seria... Forse la quantità di sperma l'ha colta di sorpresa. Ma è riuscita a schiarirsi la gola abbastanza velocemente.

Poi la ragazza sembrava avere fretta, così ha cominciato ad andarsene velocemente senza dire nulla... Mi sono rimessa i pantaloni, molto lentamente, toccando attentamente e ispezionando il mio pene ricoperto di saliva che era appena diventato estremamente sensibile. Ho guardato la piccola figura che si stava allontanando da me e ho ammirato i suoi lunghi capelli biondi che quasi arrivavano fino al culo piccolo e vestito di jeans... Rimasi lì molto tempo dopo che la ragazza se n'era andata. Ho pensato agli eventi accaduti durante l'ultima ora, il mio calore si è calmato e il mio pene finalmente si è ammorbidito, e ho capito quanto fossi stato fortunato... sapevo che non avrei mai dimenticato questa esperienza.

Storie simili

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

418 I più visti

Likes 0

Tarda Serata Parti 2 e 3

Parte 2 La mattina dopo la serata a sorpresa con Delia, Judy non ha menzionato quello che era successo e non sembrava interessata a parlarne. Dopo averla vista godersi il sesso in modo così lascivo, speravo e mi aspettavo che la nostra vita sessuale fosse cambiata in meglio. Più tardi la mattina dopo che si era fatta la doccia, i bambini avevano mangiato ed erano stati a un torneo di calcio tutto il giorno con il nostro vicino, sono andato dietro a Judy in cucina e ho spinto il mio cazzo duro contro il suo culo e ho allungato la mano...

387 I più visti

Likes 0

La moglie vuole un altro bambino_ (1)

Questa è una storia di fantasia che coinvolge me, mia moglie e il suo patrigno Mia moglie, Nicole ed io siamo sposati da 7 anni e abbiamo tre figli meravigliosi. Viviamo in una città più piccola e la maggior parte delle persone qui sono amici intimi e molta famiglia. Quando è nato il nostro primo figlio, gli è stata diagnosticata una sindrome ed è stato allora che abbiamo scoperto che entrambi siamo portatori di un gene. Dopo che al nostro secondo figlio è stata diagnosticata la sindrome, quando ho deciso che avrei dovuto sottopormi a una vasectomia per evitare che altri...

383 I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

387 I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

387 I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

364 I più visti

Likes 0

Moglie impertinente ottiene uno shock

Shelia Brown è stata presa in giro e lo sapeva. Ha preso in giro gli amici di suo marito, ha preso in giro i fidanzati delle sue figlie, ha preso in giro i suoi vicini e ha preso in giro tutti gli uomini in ufficio. Man mano che Shelia cresceva, peggiorava e suo marito Harry si irritava molto con lei che la rimproverava spesso e si lamentava della sua mancanza di decoro. Sheila non sei più una giovane donna sembri un montone vestito da agnello abbassa un po' le cose è solo chiedere guai se vai in giro così la gente...

382 I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

344 I più visti

Likes 0

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

364 I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

384 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.