Sorelle selvagge I

1.1KReport
Sorelle selvagge I

Capitolo 1

Quella mattina d'inverno quando mi sono svegliato, non riuscivo a capire per un minuto perché mi sono svegliato. Non sembrava molto tempo fa da quando avevo dormito. L'istante successivo ho capito il motivo  quando qualcosa ha colpito duramente il legno della mia finestra. Qualcuno gli stava lanciando pietre! Borbottando parolacce ho lasciato il letto, mi sono avvolto uno scialle e sono uscito sul balcone. Immediatamente ho tremato. Faceva un freddo pungente e c'era una fitta nebbia che aveva avvolto tutto nelle vicinanze.
"chi è quello stronzo?" ho urlato. Nessuno ha ammesso che lo fossero, quindi ho pronunciato altre parolacce prima di consegnarmi.
Tonfo! Un'altra pietra è caduta proprio alle mie calcagna. Imprecai ad alta voce, girai e mi fermai. La pietra era all'interno di un quaderno su cui era scarabocchiato qualcosa. Ho stappato la carta e ho letto
"io. Kalpana"
Kalpana! Ero sorpreso. Quando è tornata! Mi chinai sulla ringhiera e fissai la casa dall'altra parte della strada. Era a quasi 20 piedi di distanza, ma non riuscivo a individuare nulla, quindi ho rinunciato a una mano. E poi ho visto il suo profilo fioco sporgersi e salutarmi dalla sua veranda. Non rischiando la comunicazione verbale le ho fatto cenno di chiamarmi svelto. Non sono riuscita a vedere cosa segnalava ma a questo punto la nebbia è diventata così fitta che lasciando tutti i tentativi di segnalazione sono entrato nella stanza e ho aspettato vicino al telefono.

Kalpana ed io abbiamo avuto una relazione a letto lunga un anno. Dal suo matrimonio, un anno fa, la sua seconda sorella Komal era diventata normale nel mio letto, ma Kalpana aveva ancora una passione per me e veniva a trovarmi quasi ogni volta che andava a trovare i suoi. L'ultima volta è stato sei mesi fa, quando era incinta di sei mesi.

Quando arrivò l'anello, proveniva dal campanello della porta. Sono sceso rapidamente per aprire le porte aspettandomi quasi che lei si fosse portata il cazzo affamato in quest'ora mattutina. Ho sbagliato 3/4. Alla porta c'era Kavita, la sua terza sorella, un'adolescente appena sbocciata.
"didi (termine indiano per sorella maggiore) ha inviato un messaggio per te!" ha detto battendo i denti mentre aprivo la porta. Era vestita con un abito lungo fino alla coscia e tremava dappertutto. Sembrava che Kalpana l'avesse buttata giù dal letto per mandare il messaggio.
"entra prima o ci congeleremo entrambi" dissi
Guardò indietro nel muro di fitta nebbia ed entrò. Chiudendo la porta le ho messo una mano intorno alla vita e l'ho condotta in salotto  dove l'ho fatta sedere accanto a me e le ho messo un braccio forte intorno alle spalle.
"sì, ora dimmi sweetsum, qual è il messaggio del tuo didi"
"ha detto che verrà a trovarti alle 12:00. Ha detto che sarà qui fino a sera, quindi puoi ordinare il pranzo per e komal didi.?"
"oh. Arriva anche Komal!" dissi sorpreso.
"sì. Kalpana didi non può prendersi cura di suo figlio da sola, quindi la mamma ha detto che komal didi accompagnerà kalpana didi ogni volta che esce.!"
"quindi il tuo kalpana didi ha un bambino, eh! È figlio o figlia?"
"figlia. Ha solo tre mesi."
"fantastico. Ora tesoro, perché il tuo didi non mi ha chiamato al telefono invece di mandarti qui tutto congelato e tremante?"
Kavita mi ha guardato come un cospiratore ne ha guardato un altro e ha detto "perché ieri sera lei e Didi avevano tagliato tutti i cavi del telefono. Li ho sentiti parlare che in questo modo la mamma non potrà chiamare nessuno dei suoi amici per controllarla"
Le accarezzai le cosce setose con ammirazione. "qui, prendi questo per il tuo disturbo" le ho passato. Banconota da 100. Si alzò e aprì leggermente le gambe per farmi accarezzare l'interno coscia.
"Vado ora", ha detto dopo aver concesso rs. 100 vale la pena di carezze.
"ti accompagnerò alla porta" la condussi, questa volta la mia mano appoggiata sul rigonfiamento della sua guancia.
"ascolta" dissi alla porta "darai lo stesso vecchio messaggio al tuo didi?" e ho fatto l'occhiolino.
Arrossì profondamente ma chiese in un forte sussurro "quale messaggio"
"vuoi ascoltarlo ogni volta, non è cattiva ragazza!" ho sorriso forte e l'ho spostata in modo che i nostri corpi si premessero l'uno sull'altro. Arrossì di nuovo e annuì. Mi sono chinato e le ho parlato all'orecchio
"dille che non deve indossare questo" e con esso ho messo la mia mano dentro l'elmo del suo vestito e l'ho messo direttamente sopra il suo inguine vestito di mutandine. Era caldo, umido e fortemente aromatico. Messaggere dolcemente il suo inguine ho detto "Allora cosa le dirai?"
"Le dirò .. di non indossare mutandine"  disse e mi tolse delicatamente la mano. Poi chiese con un improvviso sorriso malizioso "ma a chi dovrei dire di non indossare le mutandine. Kalpana o komal didi?" mentre parlava, con un dito tracciò anche un profondo contorno di mutandine sull'inguine. L'ho bloccata contro lo stipite della porta e le ho detto mentre le davo un buon minuto di gobbe secche
"dillo a entrambi"
"lasciami andare o la mamma griderà" disse lottando e alla fine riuscì a scivolare attraverso la mia presa intenzionalmente allentata.
Mentre usciva l'ho chiamata
"ascolta kaivta. Se ti dico di non venire qui in mutandine, allora?"
ha risposto allontanandosi "allora non verrò qui". poi si guardò indietro e sorrise "in mutandine"

capitolo 2

Alle 12.15 suonò di nuovo la campanella. Ero in salotto, quindi ho aperto rapidamente la porta. È arrivato Kalpana, seguito da una carrozzina, seguito da Komal"
"ciao rosso rosso" kalpana mi strizzò l'occhio e mi pizzicò le guance. Era diventata grassoccia, specialmente su schiena e vita. I suoi seni sembravano grandi come al solito, quindi in risposta le ho pizzicato i capezzoli e ho detto "ciao in tondo"
"sporco ragazzo" mi colpì allo stinco con finta rabbia.
No. Ho lavato il tizio. È abbastanza pulito. Puoi assaggiare se vuoi"
Guardò avidamente il mio inguine rigido e poi distolse lo sguardo. Non ne aveva bisogno però. Sapevamo tutti e tre perché ci stavamo incontrando e non c'era bisogno di pretese. Komal infatti l'ha detto "didi, se voi due volete provarci subito, fatelo. Aspetterò qui con il bambino"
Povero Komal. Non ricordo nemmeno quante volte fosse stata di guardia mentre Kalpana e io ci baciavamo a casa loro. Solo in poche occasioni potevo "ripagarla" fino al matrimonio di Kalpana. Da allora da casa sua ha tenuto un monopolio virtuale su di me, salvo 2 o 3 visite occasionali di Kalpana. E ora il suo monopolio era improvvisamente in pericolo sia dall'alto che dal basso.
"Ho ordinato del cibo. È tutto sul tavolo da pranzo" dissi loro. Komal annuì distogliendo lo sguardo, mentre kalpana lo sentiva a malapena.
"Andiamo su" disse tirandomi i pantaloncini.
"Okay ragazza grande" dissi schiaffeggiandole le chiappe.
Era così in calore che ha iniziato a perdere articoli anche prima che raggiungessimo la mia stanza. via i suoi sandali e poi il maglione. Cercò di sollevare la parte superiore, ma era aderente in vita, quindi l'ha semplicemente arrotolata e si è tolta i leggings. Non indossava mutandine. Si sdraiò supina sul letto, allargò le gambe e chiuse gli occhi. Un ragazzo non può ottenere un accordo più onesto da una ragazza. Mi sono tolto i pantaloncini e ho immerso il mio pene nella sua vagina bagnata e sciatta color rosa mignolo. Sussultò, strillò e poi iniziò a piegare il bacino a 3000 giri/min. Tutto quello che dovevo fare era tenerle divaricate le caviglie e ascoltare i suoi gemiti e gemiti.

Eravamo a 5 minuti dalla nostra sessione quando bussano alla porta della stanza. Fu un forte bussare accompagnato da un brusio e ruppe il nostro ritmo e la nostra concentrazione.
"che cosa!" kalpana aprì gli occhi e si guardò intorno irritata
"qualcuno sta bussando alla porta. Dev'essere Komal" dissi, ancora profondamente radicato dentro di lei.
"che cosa!" chiese di nuovo, come qualcuno in uno stato indotto dalla droga. Il colpo suonò di nuovo.
Mi tirai fuori da lei e andai ad aprire la porta. Komal stava aspettando fuori  cercando di calmare la bambina che ululava e piangeva  che continuava a lanciare le sue membra. Sembrava imbarazzata e disse
"non si sta affatto calmando. Piange continuamente"
"Cos'è successo? Cosa stai facendo alla porta" gridò kalpana da dietro. Mi sono girato e ho detto
"è tua figlia. Sta piangendo. Sembra che abbia fame"

Si è seduta con un cipiglio intenso "portala dentro"
Ho spalancato la porta e mi sono fatto da parte. Komal esitò per primo. Non è che non abbia visto Kalpana e me nudi o addirittura pomiciare insieme, ma non di recente. Ad ogni modo, ha portato il bambino a kalpana che stava cercando di togliersi di dosso il suo top aderente.
"Arrey, qualcuno mi aiuti con questo" disse irascibile. komal mise la bambina che piangeva in grembo a Kalpana e provò a tirare su il vestito da dietro, ma in qualche modo riuscì a impigliarsi una ciocca di capelli in un gancio e strillò di dolore. Così mi sono fatto avanti e dopo averle districato i capelli abbiamo alzato le mani di kalpana e con un sussulto le abbiamo tolto il vestito super attillato.
"sgancia anche il mio reggiseno" disse massaggiandosi i fianchi. Komal obbedì e si tolse il reggiseno liberando i grandi seni di kalpana.
Sono stato sorpreso di vederli. La sua areola doveva essere di dimensioni doppie rispetto a quelle abituali e i suoi capezzoli avevano le dimensioni del pollice di un bambino
Ha sollevato il bambino e le ha dato da mangiare con rabbia un capezzolo
"succhialo puttana. Succhialo perché non ho nient'altro da fare".
"Oh!" l'ho tagliata su un lato della testa "è così che tratti tuo figlio?"
Kalpana fece una smorfia
"questo è il suo atto deliberato. Altri giorni dorme tutto il giorno. Ma oggi di tutto il giorno ha dovuto irrompere"
"questo è perché oggi non l'hai nutrita correttamente stamattina" intervenne Komal "eri troppo impegnato a mandare appunti"
"così avresti potuto allattarle il seno ora. L'hai fatto ieri, vero. Te l'avevo detto anche che se lei piange mettiti il ​​capezzolo in bocca"
"yaa ma io ..ma non avevo.. del latte" disse komal con uno sforzo e arrossendo profondamente guardandomi.
Sorrisi "sai cosa... la prossima volta voi due sorelle dovreste farti scopare e rimanere incinta insieme. Allora vi scambierete facilmente."
"ma dì didi" disse komal "perché ti arrabbi così tanto. Non è che non ti piaccia essere succhiato. Hai allattato al seno metà dei figli della tua colonia" poi lei mi ha guardato "ha detto ieri che ha nutrito ragazzi di 9 anni . E anche adesso lei si diverte solo"
Lei aveva ragione. Kalpana si stava strofinando forte la figa, facendo scorrere le dita lungo l'intera fessura.
"causa.. Aah.. Puttana..te l'avevo detto.. io produco...troppo... Latte.." disse esitante con un sacco di aah e ooh.
Sembravo affascinato mentre Kalpana giaceva lì completamente nuda a masturbarsi e sua figlia di tre mesi succhiava avidamente il seno della sua mamma. Rivoli di latte le colavano lungo il viso e sul seno di kalpana. Mi sono spostato dall'altra parte, mi sono inginocchiato, ho messo la bocca sul suo capezzolo eretto e ho iniziato a succhiarle il latte. Immediatamente un liquido acquoso dolciastro ha riempito la mia falena e l'ho inghiottito. Kalpana intanto sussultò e aprì gli occhi per lo stupore. Ha detto oh dio e poi si è strozzata quando ho spinto via la sua mano e ho iniziato a toccarle furiosamente la vagina. Aveva spalancato la bocca ma non ne usciva alcun suono. Poi il suo intero corpo ha iniziato a tremare quando sua figlia le ha succhiato un seno, io ne ho succhiato un altro e ho bevuto le mie dita dentro e fuori da lei. Improvvisamente si inarcò, emise un grande grido e un ruscello sgorgò dalla sua vagina.

Continua..

Storie simili

Ritmo di The Rails

Siamo usciti dalla Union Station verso le 20:00. Nella canzone, il treno parte la mattina e arriva la sera. Immagino che le cose siano cambiate da quando Steve Goodman ha preso il treno e ha scritto la canzone. Potrei conviverci. Fin dalla prima volta che avevo sentito Arlo Guthrie cantare di The City of New Orleans, avrei voluto fare questo viaggio. Spesso, al lavoro o sotto la doccia, mi ritrovavo a canticchiare la melodia. Ora, in realtà ero sul treno leggendario, in viaggio da Chicago a New Orleans. Stavamo cambiando auto a Memphis, nel Tennessee verso le 6:30 del mattino, a...

1.3K I più visti

Likes 0

Mamma che lavora 2

Mi chiamo Becky e se hai letto l'altra mia storia ho un figlio di 17 anni che si chiama Ryan. Dopo di lui ha cercato di ricattarmi per fargli fare un pompino e ha risposto al fuoco, beh, in realtà non è stato così, invece l'ho scopato. io non mi sono descritto molto bene nella prima storia, quindi ecco qualcosa su di me. Sono un avvocato (equity partner), sono di origini italiane e irlandesi decenti con capelli nero scuro sia in alto che in basso, sono 5'7 con una taglia del seno di 32C e una taglia 4 in vita ho...

832 I più visti

Likes 0

Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni. 'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina. 'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella...

712 I più visti

Likes 0

L'incontro sexy

Sei seduto al bar di un hotel con indosso un bel vestito blu truccato e indossi una bella parrucca castana dai capelli lunghi sapendo che indossi un crogiolarsi con delle mutandine nere a volant sotto il vestito, ti senti un reggicalze sexy che regge delle calze a rete morbide e setose mentre liscia il tuo vestito mentre ti metti a tuo agio sul tuo sgabello da bar alto in pelle. Mi noti dall'altra parte del bar, sorridi, io ricambio e chiedo al barista di mandarti un drink con una chiave magnetica nella stanza 6969 con un biglietto che dice di portare il...

1.4K I più visti

Likes 0

Sabato da sogno_(1)

Sabato da sogno…. Introduzione: Sono alto 6' 3; muscoloso dato che mi alleno 5 volte a settimana e ragionevolmente bello. Sono anche bisessuale. Adoro farmi leccare e scopare il culo con un dito, con un vibratore o preferibilmente con un cazzo vero. La mia ragazza sa tutto del mio lato bi ed è davvero eccitata all'idea di guardare me e un ragazzo che stiamo insieme mentre la facciamo godere. Questo è qualcosa che miriamo a fare nel prossimo futuro. La mia ragazza, Sarah, è alta 5' 6 pollici e molto magra, lunghi capelli castano scuro. Lei è la tipica ragazza fantasy...

411 I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.7K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.7K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

1.8K I più visti

Likes 1

Un mese fantastico

Da Pussycatspecialist Descrizioni dei personaggi Noemi: 18 anni Capelli lisci castano-rossicci Grandi seni 34C 5'6 con gambe lunghe e snelle e un culo tondo. Tom: 20 anni Capelli castani corti Muscolare 6'2 con un gallo da 9 pollici *** Ieri mattina i miei genitori hanno chiamato me e mio fratello Tom nella loro stanza. Cosa succede ragazzi? chiese Tom mentre noi due entriamo nella camera dei nostri genitori. Mentre mi guardavo intorno nella loro stanza, ho notato che avevano preparato le valigie sul letto accanto a loro. Sappiamo che è stato un po' improvviso, e ci dispiace, ma alcuni nostri amici...

1.9K I più visti

Likes 0

Il sogno di Giovanni si avvera

John: John si svegliò verso le cinque e mezza del mattino con una rabbia furibonda ancora una volta. Guardò in basso, prese la mano, se la fece scivolare lungo i pantaloni e iniziò a strofinarsi. Il motivo per cui si è svegliato era a causa sua. Alexandria, sebbene avesse solo 15 anni e fosse una matricola al liceo, sapeva di amarla. Tutto in lei lo eccitava; L'odore del suo shampoo alla fragola nei suoi ricchi capelli castano scuro che le arrivavano appena oltre le spalle, i suoi seni a coppa a C, il suo culo meravigliosamente stretto e le sue gambe...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.