IL PRESIDENTE E LA PAGINA

330Report
IL PRESIDENTE E LA PAGINA

L'anno era un po' nel futuro e c'era un uomo nell'Oval
Ufficio che doveva scopare con qualsiasi persona con una vagina. E il suo
il gusto nella figa era terribile e sconsiderato. Quindi non è stata una sorpresa per nessuno
americano di sangue rosso quando ha sentito parlare della storia del
Il presidente e la pagina. So che muori dalla voglia di sentirlo, quindi ecco qui
è.

Era una pagina di 21 anni carina (ma non proprio carina) che glielo ricordava
di sua moglie (prima che colpisse il muro e le crescesse la propria serie di testicoli).
Aveva lavorato alla Casa Bianca per tre giorni interi prima di lei
venne alla sua attenzione. Il presidente Villheim Klittoon (non male
amico stesso) l'ha individuata e il suo cazzo di bastone da hockey è diventato rapido
attenzione, e cominciò a salivare.

Il suo assistente principale, notando lo stato di eccitazione del comandante in capo, e
vedendo l'Oggetto del Desiderio, sussurrò: "Signore, vorresti averlo
quella donna stasera? Penso di poterlo organizzare".

Il presidente deglutì a fatica e sussurrò di rimando: "Ah, non credo
la First Lady tornerà in città fino a dopodomani. Quindi, ah,
sì, perché no? Certo, prendi gli arrangiamenti e prendi quel piccolo carino
bambola nella mia camera da letto entro le dieci di sera affilato."

"Va bene, signor Presidente", scattò l'aiutante, e se ne andò. Lui prese
fino all'Oggetto del Desiderio, e prendendola per un braccio, sussurrò dentro
l'orecchio della giovane donna spaventata. All'inizio, i suoi occhi si spalancarono
sorpresa, ma poco dopo sorrise e annuì vigorosamente.

"Oh!" pensò: "Klitty mi vuole! Wow! Quel dolce pezzo vuole davvero
il mio corpo di 21 anni! Super!"

Alle dieci di sera forte, bussano alla porta della camera presidenziale,
e quando l'Uomo Stesso aprì la porta, Miss Oggetto del Desiderio si alzò
lì in tutta la sua adorabile piccolezza, vestita di un nero elegante
miniabito, sorridendogli.

"Hai suonato, Presidenza?", chiese con una voce sexy che scaldava il
cardi delle sue palle, e ha portato un rossore al suo ma di mezza età
viso di bell'aspetto fanciullesco.

"Ah - sì, in effetti, signorina ah-ah..."

"Chiamami solo Monique, signor Presidente", lo interruppe, offrendogliela
mano.

"Ah sì, Monique, per favore entra", rispose calorosamente, stringendo il
giovane mano morbida e bianca con entrambe le sue calde mani di mezza età. "Per favore",
fece cenno al letto: "Siediti".

"Certo", sorrise di nuovo, e prontamente si avvicinò al letto su cui
si sedette dopo averlo accarezzato e accarezzato per alcuni secondi.

"Dannazione!", pensò, "Quel sorriso farà decollare il mio razzo a lungo
prima dell'ora del lancio, o dell'ora di pranzo, o altro!"

Ora devi capire che Villheim Klittoon era un uomo che
adorato la figa e chi adorava il sesso; e anche, tra l'altro, un uomo di
discrezionalità molto scarsa le cui inclinazioni amorose avevano su più di uno
occasione lo ha atterrato in acqua calda con il suo testosterone invecchiato
coniuge E diverse commissioni investigative. Sì, il poveretto lo era stato
accusato di lei-ass-ment in una o due occasioni. Quindi stasera sapeva dannatamente
bene che con questa ragazza in particolare, stava pattinando sul ghiaccio sottile TRES.
Ma, come dice il proverbio Banglade shi, "AZ DOS SHMECKEL SHTEYT, FLEET
DER SEYCHEL IN GANTSEN AROYS." Traduzione approssimativa, "Quando la testolina
prende il sopravvento, quello grande diventa del tutto inutile." Oh ragazzo - va bene così
il racconto!

Monique sospirò e aspettò che il presidente facesse il prossimo
spostare. È stato in grado di dire che non indossava il reggiseno. Presto l'avrebbe fatto
scoprire che anche lei non indossava mutandine. Mentre si sedeva sul letto
e si contorceva nervosamente, il suo vestitino cominciò a scivolare su per le gambe,
rivelando la carne bianca interna della coscia dall'aspetto più delizioso
presidente aveva mai visto. Molto tempo dopo che se n'era andata, lui spesso sussultava
la mazza da hockey all'immagine di quei giochi innevati, di seta, e del
vestito che scivola lentamente verso l'alto, per mostrare l'inizio delle due porte
in paradiso (o all'inferno, nel suo caso).

"Wow", pensò, "spero davvero che questa piccola bambola dell'amore sia un tre input
fanciulla!"

Rimase lì, paralizzato, immobile, gli occhi sbarrati, il sudore che gocciolava
giù per la faccia. Dopo un minuto, Monique gli fece cenno di avvicinarsi, accarezzandogli
letto accanto a lei, indicando che avrebbe dovuto sedersi accanto a lei. Subito
ruppe la sua trance e si avvicinò rapidamente a lei e si sedette. È stato
indossava solo un accappatoio e calzoncini abbronzati larghi, e Monique si mise
gli mise le mani sul petto e cominciò a strofinarlo mentre si chinava a baciare il suo
collo. La vestaglia si aprì mentre lei gli lavorava il petto e le spalle
mani e bocca. Lei gli tolse la vestaglia dalle spalle e lui
fece scivolare fuori le braccia. Ora indossava solo i suoi bauli larghi.
Monique baciò, succhiò e accarezzò ogni centimetro della sua pelle nuda. Lui
deglutì, sorpreso dalla sua aggressività, e sussurrò all'hockey
restare ansimando pesantemente.

"Aspetta lì, collega. Non andare da nessuna parte senza di me." Era quasi
certo di sentire la testolina strillare e gemere come le gocce di rugiada
emerse, macchiando i tronchi di colore chiaro.

"Oooo, cosa abbiamo qui?", strillò con voce da ragazzina. "Spio
con il mio piccolo occhio qualcosa di bagnato e. Sono sicuro, anche selvaggio laggiù,
Signor Presidente!"

"Per favore, chiamami Villy", ansimò mentre l'asta sporgente iniziava a protestare
il recinto dei tronchi.

"Oh", fece le fusa con pudore, "Penso che il piccolo Villy voglia uscire dalla sua cella.
Possiamo portarlo fuori per qualche esercizio in giardino? Per favore, signor Pres-er-Villy?"

Klittoon deglutì e deglutì a fatica. "Ah, sì, certo, Monique. Vai
proprio avanti."

Spostò la sua dolce e giovane mano nella patta dei bauli e allungò la mano
in. Sentire la spessa durezza dell'albero e la dolce morbidezza di
le uova sotto, sospirò e accarezzò.

"Oy vey, il piccolo Villy si sente così bene. Così fanno i suoi dolci compagni",
lei rise.

"Cum out, Cum out, ovunque tu sia", ha chiamato ai Primi Gioielli come
gli fece scivolare i tronchi fino alle ginocchia, poi alle caviglie, poi
completamente fuori di lui. Lanciò i bauli sul pavimento e iniziò il
lavoro serio e serio al testimone del comandante in capo con il suo piccolo
labbra serrate.

"Oh, dolce bambolina del cazzo", sospirò. "Proprio come piace a me."

Mentre la sua bocca lo faceva impazzire, pensò a sua figlia,
quasi dell'età di Monique, e si disse: "Ah, presto qualche atleta lo farà
falla fare così, se non l'ha già fatto. Bene, ne sono sicuro
Monique è anche la figlia di qualcuno".

Poi è tornato al business in corso, o dovremmo dire, al business
in bocca, e tutti i suoi pensieri erano ancora una volta concentrati su ciò che è
sta succedendo qui, e NON sullo strappo dell'imene di sua figlia.

Voglio solo chiarire, ok? Voglio dire, stiamo parlando di una figa
amante qui, ma figa nella famiglia di un altro uomo. Voglio dire, dopo tutto, lo siamo
parlando di un presidente con FAMILY VALUES. Ricorda, ne ha firmato uno
molti progetti di legge che limitano i contenuti per adulti su Internet, per Chrissake!

Ora, dov'ero prima che la soapbox apparisse magicamente? Oh sì, nel
metà del 1600 fellatio della Pennsylvania.

Bene, signore, Monique amava riempirsi la bocca e la gola con quello
Il latte d'amore del comandante in capo. Ha appena succhiato e succhiato fino a lei
quasi annegato in esso. Quella grande mazza da hockey si è allenata e quando
Villy ragazzo è arrivato per la prima volta, dannatamente vicino potresti sentire tutti i tipi di religiosi
urlando fino al maledetto Pentagono stesso. Sbatté le palpebre come lei
la bocca si ritirò dal suo cazzo.

"Whew", esclamò, "Sei certo qualcosa, Monique."

Lei sorrise. "Sono contento che ti piaccia. Spero che ti sia piaciuto ottenerlo così tanto
come mi piaceva dare. Ora riposati un minuto, tesoro, e diventiamo piccoli
Villy pronto per il Round 2".

Dopo un po', le parti inferiori del Pres erano pronte per il bene
opere e carità. Monique stava sorridendo di nuovo, con gli occhi luminosi e cespugliosa
coda.

"Ciao, grande amico", ha detto. "Pronto per più di me?"

"Ah - sì - certo", ha risposto con entusiasmo il presidente. "Facciamolo!" E così
dicendo, le avvolse le braccia intorno alla vita e baciò quei dolci,
adorabili, piccole labbra e lingua succhiacazzi come se non ci fosse
Domani. Monique è diventata molto calda, molto veloce e si è premuta contro
il suo corpo nudo.

Voleva quella mazza da hockey dentro di sé, davvero tanto. Si chinò
mentre continuavano a baciarsi, e infilarono la mano sotto il mini abito e
sentito tra quelle cosce pazze, dolci e deliziose incredibili. Lei era
veramente bagnato. La piccola si stava toccando le dita mentre Villy
il ragazzo si stava riposando dopo il miglior pompino della sua vita, e

Gli sussurrò all'orecchio: "Tesoro, ho bisogno di quella grossa asta spessa in me
proprio adesso. Toglimi questo cazzo di vestito di dosso, grosso stallone, e aralo
campo. Dai, hai il tuo pulsante. Lancia quel missile dentro
io, mio ​​presidente!"

Villy non aveva bisogno di ulteriori incoraggiamenti. È venuto fuori il vestito. "Amico! Che cosa
Bod", pensò tra sé e sé mentre la adagiava sul letto e si arrampicava
in poi.

"Mi piacerà davvero!"

La sua canna del cazzo era ormai così grande, spessa e dura che è stata fortunata a lei
era la donna che era e poteva aprirsi per accogliere lo stallone. E apri
lo fece, signore, mentre lui la montava e il pistone entrava nel cilindro e
trovato la strada di casa.

Gli occhi di Monique si spalancarono e lei riuscì a malapena a riprendere fiato
Il cazzo di Villy le è andato dentro. Il suo cervello e la sua fica hanno preso fuoco
pura sensazione di esso. Mille trombe risuonarono nella sua testa, suonando Ave
A The Chief mentre la scopava forte e velocemente.

"Oooh Villy!", gemette, "Fottimi, fottimi, fammi bene." Lei
strinse i suoi muscoli vaginali attorno al suo cazzo e tenne duro mentre loro
scopata e scopata, sempre più forte.

"Uh Monique", ansimò.

"Sì?", ansimò in risposta.

"Uh - afferrami le palle e - uh - infila il dito nel mio buco del culo,
per favore", disse, continuando a sbatterla ma più lentamente ora.

"Oh certo", disse, "qualunque cosa tu dica, fottuto stronzo!"

Prendendogli le palle nella mano destra e infilandogli il dito "vaffanculo".
la sua mano sinistra su per il culo, ridacchiò.

"Ah, Villy?"

"Sì?"

"Uhm - tua moglie lo fa per te?"

"Stai scherzando?", sorrise, continuando a scopare. "Lei è una grande donna, ma
lei è tutta affari... pochissima immaginazione... rigorosamente un input
donna... dentro... fuori... l'aquila è atterrata."

Ha continuato. "Quindi - uh - quando scopate, è come un piccolo passo
per uomo?"

"Sì", finì per lei, ancora scopando. "Un passo da gigante per l'umanità."

Improvvisamente iniziò a contorcersi, gemere e urlare. "Oh mio
Presidente, sto venendo, signore! sto venendo!"

Quando è arrivata, ha urlato molto forte. Questa volta, i turisti al
Il Lincoln Memorial sarebbe quasi in grado di sentirla, se ce ne fosse stato qualcuno
turisti lì a quest'ora della notte.

"Ah - hai finito?", chiese.

"Sì!", gli sorrise con quel dolce sorriso che lo faceva sentire
davvero virile.

"Beh, e adesso?", chiese. "Vuoi venire?"

"Sì", ha risposto, "ma prima mi fai un favore?"

"Certo", disse. "Che cosa?"

Smontò da cavallo e si alzò. "Ho un regalo per te", annunciò.
"Vorrei che lo indossassi."

"Certo, ok! Accidenti, grazie!", ha risposto felicemente sorpresa.

Si avvicinò a un armadio e tirò fuori una confezione regalo. Il suo
Johnson era ancora duro mentre glielo porgeva.

"Aprilo, per favore", disse mentre iniziava ad accarezzarsi.

"Oh wow! Non avresti dovuto", strillò mentre rimuoveva l'involucro.

"Oh, va bene", disse. "È tanto per me quanto lo è per te."

Aprì la scatola e rimase senza fiato. "Perché è un vestito! Un bel blu
vestire."

"Sì", sorrise e continuò ad accarezzarsi. "Il blu è il mio preferito
colore. Mi eccita davvero e ti starà benissimo con il tuo
colorazione. Mettilo, per favore."

"Ok", ha risposto, e si è infilato il vestito sul corpo.

"Oh! Ah! Stai benissimo in questo, Monique", si complimentò con lei.

Si avvicinò allo specchio e si guardò. Era contenta
con quello che ha visto. Poi era in piedi dietro di lei, sollevando la schiena di
il vestito in modo che potesse sentire il suo culo sotto. Il suo cazzo si gonfiava
fuori di un pollice in più mentre le sue mani le accarezzavano le chiappe.

"Ah - fammi entrare, piccola", sospirò.

"Sei il capo", fece le fusa mentre si presentava a lui. Lui
la strinse intorno alla vita mentre il suo cazzo scivolava facilmente dentro di lei
Stronzo.

"Oooh, lo adoro!", strillò mentre lui le prendeva il seno tra le mani
e le ha sbattuto forte il buco del culo.

"Yeah Villy", rise in modo sexy, "Dammela bene laggiù. Riempi
lei con un premio senza piombo, ragazzone!"

Villy sentì un'ondata di passione mentre lo sperma usciva dall'hockey
infilale dentro il suo dolce giovane buco del culo. Rabbrividì di gioia
la sensazione della sua crema, nel profondo dei suoi panini.

Tirò fuori la sua asta e sospirò. Abbassò lo sguardo e arrossì
imbarazzo.

"Cosa c'è, tesoro?", chiese vedendo il suo disagio.

"Ah, questo vestito nuovo che ho preso per te. Ci ho messo sopra un po' di sborra per caso.",
si accigliò.

"Oh, va bene tesoro", lo rassicurò. "Ora non lo avrò mai
pulito. Lo conserverò per ricordo di questa notte meravigliosa, e quando io
sono una vecchia, lo mostrerò ai miei nipoti e dirò loro come
questa notte è stata fantastica e tu eri meravigliosa."

"Ah - ok", disse esitante. "Ma Monique, fammi un favore. Se qualcuno
a parte i tuoi nipoti ti chiedono se abbiamo fatto sesso, per favore dì di no!"

"Oh, certo", lo rassicurò. "Prometto." Poi lo baciò
con affetto sulla guancia.

Storie simili

I segreti sporchi di Lindsay

Ohhhh! Ohhhh! Ohhhh! Lindsay è sempre in paradiso quando ha il suo dildo di vetro lungo preferito con il bordo a vortice che entra ed esce dalla sua piccola figa rosa. Torna a casa tutti i giorni e ne ha bisogno subito dopo una lunga giornata di lavoro. Il suo capo, il signor Franklin, la fa impazzire ogni giorno dove torna a casa e guida quel dildo dentro gemendo il suo nome desiderando che fosse il suo cazzo e la sua scrivania invece di quel dildo e quel cuscino. Adora strofinare il suo piccolo clitoride mentre pensa a lui che la...

2 I più visti

Likes 0

Eddie, la mamma del suo amico e Betty

June Cleaver era la mamma di due giovani uomini ben educati, Waldo di 20 anni e Theo di 19 anni. Era la tipica casalinga di periferia americana che amava suo marito Ward ed era sposata con lui da oltre 32 anni. La 53enne June era piena di seni di 40 gg, un culo grasso e rotondo ed era formosa. A 5 piedi 9 era un bicchiere d'acqua alto ed è per questo che il giovane Eddie Haskell, bramava la mamma del suo migliore amico. Eddie, 20 anni, aveva scoperto di recente l'ipnotismo e scoprì di essere davvero bravo in questo. Quindi...

45 I più visti

Likes 0

Rito di passaggio

Rito di passaggio Capitolo 1 Le gambe della sorella di Jimmy Smith erano gettate su ciascuna delle sue spalle mentre si spingeva con forza nel suo stretto tunnel. Guardando in basso, poteva vedere la schiuma bianca che ricopriva il suo cazzo e il morbido castano lanuginoso dei suoi peli pubici. L'aria si riempì dei suoni squishy del suo cazzo che martellava la sua succosa figa bagnata. I suoi piccoli seni volavano avanti e indietro. I suoi capelli castani lunghi fino alle spalle circondavano il suo viso sudato. I suoi occhi si fissarono su quelli di lui, la sua bocca aperta con...

324 I più visti

Likes 0

Gli ospiti

Gestivamo il B&B da un paio d'anni, affittando solo l'attico che era piuttosto autonomo. Ha portato un po' di soldi in più. Prima di iniziare ero completamente contrario, ma poi, quando gli ospiti hanno dichiarato di venire, mi sono abituato e ho iniziato a divertirmi un po'. Un vero mix di persone. A volte uno attirava la mia attenzione e spesso fantasticavo su di loro che scopavano nella stanza sopra la nostra camera da letto o qualche altra avventura sessuale. Questo fine settimana abbiamo avuto una coppia dall'Olanda. La moglie ei bambini erano via, quindi stavo volando da solo. Devo dire...

271 I più visti

Likes 0

L'incontro sexy

Sei seduto al bar di un hotel con indosso un bel vestito blu truccato e indossi una bella parrucca castana dai capelli lunghi sapendo che indossi un crogiolarsi con delle mutandine nere a volant sotto il vestito, ti senti un reggicalze sexy che regge delle calze a rete morbide e setose mentre liscia il tuo vestito mentre ti metti a tuo agio sul tuo sgabello da bar alto in pelle. Mi noti dall'altra parte del bar, sorridi, io ricambio e chiedo al barista di mandarti un drink con una chiave magnetica nella stanza 6969 con un biglietto che dice di portare il...

139 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

374 I più visti

Likes 0

La mia mente era congelata nel tuo amore

Capitolo 1: Era stata la peggior fortuna che avessero mai avuto. Una strana bufera di neve li aveva bloccati nel loro ultimo rifugio e avevano perso il volo di linea fuori dal paese. Red era stato in contatto con Dembe per fargli sapere che non sarebbero stati in grado di raggiungere la pista di atterraggio dove il suo jet privato era in standby, in attesa di portarli via all'estero. Il ritardo sarebbe indubbiamente costato loro un certo inconveniente: Red aveva sperato di riunirsi con Dembe ormai, i nervi di Lizzie si stavano logorando e, per finire, era la vigilia di Natale...

372 I più visti

Likes 0

Il visitatore

Il visitatore Lavoro in un bel ristorante vicino a Mt. Rainer in WA. Riceviamo molti turisti in città a causa del paesaggio, quindi sono abituato a incontrare persone da tutto il mondo. Sono piuttosto timido, ma quando sono al lavoro devo essere estroverso e amichevole. A volte è un vero dolore essere amichevoli con alcuni dei visitatori fuori città che vengono qui a mangiare. Ma ieri era diverso. Un signore alto e anziano è entrato nel ristorante per una cena tardiva. Era da solo ed era un tipo tranquillo, ma aveva un bel sorriso. Potrei dire che gli è piaciuto quello...

308 I più visti

Likes 0

Il maestro sa sempre: parte seconda

La seconda parte della mia serie Master Always Knows. Per favore, leggi prima il Maestro sa sempre: prima parte, in modo da capire cosa sta succedendo. Grazie per aver letto. ~~~~~~~~~~~~~~~ Katy faceva fatica a svegliarsi. Le sue palpebre erano pesanti. Non riusciva proprio a sollevarli. Ma aveva un freddo gelido. Dov'era la sua coperta? E lei stava morendo per un bicchiere d'acqua, lui aveva la gola così secca. Cercò di muovere un braccio ma non si mosse. Era incatenato sul posto? I suoi occhi si spalancarono. Questo non era il suo appartamento. Era una stanza di cemento che non aveva...

79 I più visti

Likes 0

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

378 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.