Tu e Azure, il Drago d'Inverno

1KReport
Tu e Azure, il Drago d'Inverno

Era una fredda mattina d'inverno, sicuramente gelata fino alle ossa. Stavi vagando per le strade da solo, alla ricerca di qualcuno specifico, ma sconosciuto. Era puro coraggio e la semplice consapevolezza che sapevi che sarebbe stato lì. Nonostante il cappotto, il cappello e persino i paraorecchie, potevi sentire il vento freddo e tagliente che ti schiaffeggiava dritto in faccia, gelandoti il ​​naso fino a renderlo completamente insensibile - persino la sensazione che cadesse da un momento all'altro attraversando la tua mente.

Ma poi c'era. Un condominio, non diverso dagli altri dell'isolato, ma irradiato dalla consapevolezza che il tuo obiettivo era dentro. Quindi ti sei avvicinato, fortunatamente non hai dovuto suonare il campanello perché qualcuno è appena tornato a casa e ti ha tenuto la porta aperta mentre ti avvicinavi, ovviamente credendo che anche tu vivessi qui. Ma hai dato un'occhiata alle targhette con il nome all'ingresso per assicurarti di sapere a che piano andare. Piano 14; su 30.

Sei andato con lo sconosciuto nell'ascensore, quella persona aveva già premuto 14, quando ti è stato chiesto a quale piano devi andare hai semplicemente risposto "lo stesso". La figura era irriconoscibile, coperta di abiti invernali tanto quanto te, ma la figura maschile era tre teste più alta di te.

Le porte dell'ascensore si sono chiuse e hai sentito la mano raggiungere il tuo sedere, sei arrossito, ma hai guardato solo la figura sbalordita. Poi sei stato premuto contro il muro dell'ascensore e il tuo cappello e una sciarpa sono stati tolti, rivelando i tuoi capelli e il tuo viso. L'uomo fece lo stesso e rivelò un bel viso da viverna. "Azzurro." È tutto ciò che potresti sussurrare prima che la sua lingua diventi la tua bocca.

Il freddo ha lasciato il tuo corpo istantaneamente, il calore si irradiava dall'interno verso l'esterno, le sue mani ti massaggiavano le natiche, la tua vagina si bagnava, potevi sentire il tuo perizoma bagnarsi fradicio mentre ti accarezzava il sedere. La sua coda gli squarciò i pantaloni, in qualche modo era stata nascosta prima. Sbatté contro il pulsante di arresto dell'ascensore, facendolo fermare.

I suoi forti artigli ti strappano via i vestiti, la sua testa affonda nel tuo collo. Stuzzicandoti con la sua lunga lingua di lucertola, il suo indice-artiglio destro che picchiettava sul tuo culo, dopo aver trafitto il poco vestito che ti era rimasto addosso. Senti il ​​suo rigonfiamento contro la tua coscia, ma non puoi fare altro che avvolgere le gambe e le braccia attorno a lui, gemendo di gioia per il suo divorarti vivo. Hai palpato le scaglie posteriori di Azure, affondandoci le unghie, l'improvvisa ondata di calore che ti colpisce ancora duramente, rendendoti debole rispetto a ciò che ha da offrire.

E non aveva paura di usare i suoi punti di forza. Il suo pene si indurì ulteriormente e si estese dalla sua guaina come avevano le viverne, ma invece di portarlo dritto verso di te ti afferrò e ti fece girare, facendoti appendere a testa in giù con le gambe intorno alla sua testa. Ti teneva con una mano sulla schiena, l'altra sul sedere, mentre la coda ti avvolgeva intorno al collo. La tua faccia premette contro la sua enorme asta che non potevi resistere a divorare. Prima leccando con impazienza selvaggia la punta del pene, prima di prenderlo in bocca. Il motivo per cui ne eri così affamato, era l'aroma che proveniva da esso e la sensazione della sua lingua che perforava l'interno del tuo ano - sorprendentemente invece della tua vagina.

Hai gemito soffocato dal fatto di avere un pene in bocca, leccandolo rapidamente mentre sei in bocca mentre lui ha iniziato a spingere le sue enormi dimensioni di 18 cm di lunghezza e 6 cm di larghezza dentro e fuori dalla tua bocca, facendo quel suono sporco e umido dall'uscita e dall'ingresso la tua bocca.

Alla fine ne ha avuto abbastanza quando ti ha rimesso sulle tue gambe, bisognoso mentre stavi premendo le mani contro una parete dell'ascensore e offrendogli il tuo sedere, chiedendogli di portarti a pecorina, ti sei guardato alle spalle - fissando il suo occhi. "Fottimi." Hai chiesto, davvero non volendo l'amore mentre eri totalmente preso dal caldo, la tua vagina gocciolava dall'eccitazione che provavi.

Ma non ti dava quello che voleva. Si è avvicinato a te e ha tenuto il suo pene in una mano, facendolo scivolare tra le tue chiappe. Potresti sentire la tua stessa saliva su di esso mentre macinava nel canyon. Così vicino ai tuoi buchi, ma non dentro come volevi. Allungò una mano, massaggiando il tuo seno sinistro con il suo artiglio, pizzicando e torcendo il capezzolo di tanto in tanto nel processo. Hai gemito e supplicato. "Per favore, infilamelo dentro, Azure. Amami, amami come hai fatto in Italia!"

Lui sorrise e annuì, tirandosi un po' indietro prima che tu potessi sentire la sua testa sbattere contro il tuo ano, arrossisci per l'imbarazzo ma volevi provarci lo stesso... E anche lui. Potevi sentire il tuo ano stretto allargarsi intorno alla testa, molto lentamente, ma costante. Alla fine la testa è entrata e si è sentito davvero bene. Di cui era ben consapevole dai suoni deliziosi che hai prodotto.

Lentamente il tuo culo bagnato e il suo pene umido e scivoloso stavano sbattendo all'unisono l'uno contro l'altro, tu spingendoti contro la sua asta, e lui ti teneva per i lati del tuo corpo, speronando quel suo enorme bastone ancora e ancora dentro di te. Dopo un minuto potevi sentire la sua interezza scivolare dentro di te ad ogni singola spinta, con una mano sullo stomaco potevi persino sentirne la spinta, ti stava scuotendo dentro e fuori, oh dio era così delizioso!

Azure godeva della tua stretta e ruggiva come il drago che era, accelerando oltre una velocità possibile per gli umani, ma non impossibile per un Wyvern. Ormai hai raggiunto il tuo secondo orgasmo, superato da un altro con un paio di spinte ogni volta! Tre, quattro... CHI SE NE FREGA, DANNAZIONE È STATO TROPPO BUONO!

Hai gemito-urlato di gioia mentre il suo seme ti ha riempito l'intestino, almeno tre spruzzi. Respiravi pesantemente per la stanchezza e tremavi per la scossa di assestamento dei tuoi orgasmi, lui è scivolato fuori lentamente e ti ha abbracciato in un abbraccio, baciandoti appassionatamente sulle labbra.

"Continuiamo nel mio appartamento..." si offrì.

E tu hai accettato. Ansimante. Un misto di stanchezza ed eccitazione, perché sentivi ancora il suo seme caldo dentro, i tuoi muscoli si rilassavano ancora e si contraevano per la massiccia spinta, ma ogni volta che cercava di fuoriuscire, veniva trattenuto dentro, non solo tu ma anche il tuo corpo amava la calda sensazione del seme di Viverna. Hai afferrato il cappotto e te lo sei avvolto stretto intorno, mentre Azure portava i tuoi vestiti all'appartamento una volta arrivato l'ascensore. Fortunatamente nessuno stava aspettando e l'appartamento proprio accanto all'ascensore. Con un movimento fulmineo la porta si è aperta e voi due avete trovato rifugio nell'appartamento riscaldato.

Hai lasciato cadere il cappotto, non perché fosse caldo, ma perché era fastidioso, solo d'intralcio. Azure ti sorrise e lasciò cadere i vestiti sul pavimento accanto alla porta, chiudendo a chiave anche la porta prima di andare in bagno. "Faccio solo una doccia veloce." Disse prima di scomparire. Hai annuito, non ti sentivi come una doccia, nonostante fossi tecnicamente sporco, sapevi che i capelli bagnati con i tuoi capelli lunghi avrebbero solo provocato fastidio a letto e per non dimenticare il pericolo di polmonite, hai appena superato la febbre alta - non va bene idea di provocare la malattia.

Ovviamente l'idea della viverna nuda dalle scaglie blu ti attraversava la mente, facendoti arrossire, ma te la scrollavi di dosso. Invece sei andato in soggiorno. Riviste porno, Hentai Doujinshis e video che giacevano apertamente sul supporto della TV, hai scosso la testa - non ha nemmeno provato a nasconderlo, ne era orgoglioso! Curiosamente su cosa si stava masturbando, hai guardato attraverso i vari materiali pornografici. Era praticamente tutto ciò che si poteva pensare. BDSM erotico, sesso in spiaggia, adolescenti, quarantenni, opere incentrate sull'orale, molte altre cose. Il gattino curioso ha soddisfatto che tu sia andato avanti nell'appartamento, vedendo cosa poteva essere diverso dall'ultima volta che eri stato qui.

La cucina, niente di speciale. Hai aperto il frigorifero, hai visto una delle tue barrette di cioccolato preferite, l'hai presa e l'hai sgranocchiata mentre esploravi ulteriormente le stanze. Niente di troppo eccitante, finché non sei arrivato in bagno. Sei arrossito alla vista, ma c'era un maschio umano nudo sdraiato sopra le lenzuola. Aveva un'erezione e sbavava leggermente. Incerto su cosa fare hai richiuso la porta, ma non del tutto come te ne sei accorto lo hai svegliato. Non ti ha individuato. Ma vede la sua stessa erezione.

Senza pensarci troppo abbassò la mano destra sulla sua asta semidura, lunga circa 14 cm. ma mentre lo accarezzava lentamente, evidentemente esperto nel compiacere se stesso, cresceva. Potevi vedere i singoli impulsi di sangue che scorrevano nel pene del giovane, crescendo centimetro dopo centimetro. Gemette, forse perché si eccitava, forse perché credeva di evocare una Viverna. In entrambi i casi. Nessuno si è unito a lui, solo i tuoi occhi si sono concentrati su di lui mentre finivi l'ultimo pezzo di tavoletta di cioccolato.

Le sue carezze iniziarono ad accelerare, inarcò la schiena, la mano sinistra si diresse verso le lenzuola, afferrandole saldamente. Stava per venire? I suoi occhi erano chiusi e le sue carezze andarono più veloci, finché non si fermò, ma non venne. Rimase sdraiato lì, respirando affannosamente, sorridendo luminoso. Perché non è venuto? Perché trattenersi? Ma hai capito subito perché... Avvicinò le gambe al corpo, divaricate e inclinate mentre prendeva una lozione sul comodino. Ne versò un po' con entrambe le mani e poi se lo strofinò sulla lunga asta, massaggiandolo dappertutto, lasciandolo lubrificare completamente.

Poi..... Lasciò andare la mano oltre le palle, era quella giusta. Cominciò a sfregare attorno al suo ano mentre il suo palmo sinistro massaggiava delicatamente la testa del suo pene in circolo, mentre l'indice destro ora scivolava nell'ano. I tuoi occhi si spalancano per la sorpresa, ma non fai rumore. Invece abbassi la mano sinistra tra le gambe.... Ma è stata negata, è stata afferrata. "Guardalo." La Viverna ti ha ordinato con un sussurro. Ma non c'era assecondamento, perché ti stava ancora tenendo mentre la sua lingua era tra il collo e la spalla. Ma l'altra sua mano... trovata intorno alla tua coscia, a massaggiarla. Così vicino alla fessura della tua vagina e al clitoride... Ma finora...

Hai guardato attentamente l'uomo sul letto che ora praticamente si fotteva l'ano con l'indice, chiedendo di più, il dito medio unito. Smise di toccarsi il pene e si concentrò sull'autopenetrazione anale, gemendo più forte. Strofini le gambe l'una contro l'altra, a malapena per soddisfare il tuo bisogno. Ma finalmente... L'artiglio! Era proprio lì sulle labbra della tua figa, strofinandolo delicatamente prima di scivolare già mentre eri di nuovo bagnato... O ancora bagnato? È interessante notare che Azure ti ha toccato con le dita allo stesso ritmo con cui si dava piacere l'uomo sul letto.

Ora era al terzo dito, penetrando furiosamente il suo ano, facendo scivolare tutte le dita completamente dentro. Azure ti ha messo una mano sulla bocca per non far sentire i tuoi gemiti, gli hai morso un dito per tenerlo dentro, la mano destra della sua si è inserita magistralmente nella tua vagina, penetrandoti con ritmo e profondità piacevoli, mentre ti strofinava il clitoride. Conosceva troppo bene i tuoi punti di piacere. E prima che tu te ne rendessi conto stavi inarcando la schiena e succhiando l'artiglio in bocca. L'orgasmo era così vicino...

I tuoi occhi si concentrarono ancora una volta sull'uomo sul letto, affondando le dita in profondità dentro di sé e tenendole lì mentre l'altra mano gli avvolgeva di nuovo il pene, strappandolo furiosamente. Dalla base del suo albero di 20 cm alla punta. I suoi movimenti erano incredibilmente rapidi, eppure la sensazione doveva essere stata pura gioia per lui, dato che i suoi gemiti sembravano aumentare ogni volta che si faceva strada dal basso verso l'alto.

Azure ti ha finalmente mandato oltre il limite, raggiungendo l'orgasmo tra le sue braccia mentre il maschio sul letto schizzava il proprio sperma sul petto, il liquido schizzava come un proiettile su di lui. Tirò lentamente le dita fuori dal suo ano e sospirò rilassato, rimanendo sdraiato lì, ansimante, con gli occhi chiusi. Respiri affannosamente, ancora sotto shock per il tuo voyeurismo e per gli abili artigli della Viverna. L'uomo sul letto si voltò e sorrise quando vide voi due.

"Vuoi unirti a me?" Chiese con voce piuttosto rilassata, sorridendo da un labbro all'altro, il suo pene ancora pulsante per la sensazione, ma senza restringersi di dimensioni. Erano solo i preliminari per lui? .... Potresti scoprirlo presto.

Hai annuito, ma invece di entrare subito in azione, Azure ti ha avvolto la testa con una benda. Annodato dietro la tua testa, accecandoti completamente. Quasi istantaneamente i tuoi sensi dell'udito e dell'olfatto sono migliorati. Ti sei sentito portato e poi sdraiato... Era morbido, quindi probabilmente il letto? Presto, le mani furono su di te. Potresti distinguere la differenza tra l'umano e la viverna dalla mancanza di scaglie o dalla loro esistenza rispettivamente.

Ti accarezzarono all'unisono. I piedi, risalendo lentamente le caviglie e le ginocchia, fino alle cosce, così vicino ai genitali, prima che le mani si ritirassero sulle cosce e sulle ginocchia. Dandoti un massaggio piuttosto intenso, alla fine la coppia umana scompare. Senti un liquido freddo su varie parti del tuo corpo, capace anche di sentire gli schizzi della bottiglia. Aveva un buon profumo... asiatico... Cherry Blossom!

Il freddo divenne presto caldo mentre veniva massaggiato sulla tua pelle, non solo riscaldandola... ma rendendola anche più sensibile. Hai sospirato rilassato dal loro fantastico lavoro. Tutto il tuo corpo è untuoso a questo punto dalle spalle ai piedi. I tuoi seni erano ora curati da mani umane, mentre la viverna era scomparsa. I tuoi capezzoli si strinsero dolcemente, si attorcigliarono, poi l'intero seno si massaggiò di nuovo prima che le mani scivolassero più in basso. Il calore sopra la tua pelle inizia a bruciare le tue viscere in un inferno di desiderio.

Hai allungato la mano per il suo pene ma ti è stato negato mentre lo spingeva via. Per la frustrazione hai ringhiato, ma hai smesso non appena eri parzialmente compiaciuto... Finalmente... La mano dell'uomo era sul tuo clitoride, strofinandolo in lenti cerchi... Ha dato un bel sollievo e hai inarcato la schiena nel sensazione. Quello che prima era sollievo, lentamente si è già trasformato in presa in giro.... "Ancora..." hai già implorato.

Ma hai meno. Respirare pesantemente nel calore che ha sopraffatto il tuo corpo. Ma la speranza balenò nei tuoi occhi mentre sentivi qualcosa di piuttosto duro sulla tua vagina, che si sfregava contro di essa. Il pene dell'uomo? Sì... Potresti sicuramente dire che era l'umano mentre penetrava dentro di te. E hai emesso un sospiro rilassato che si è trasformato in un gemito mentre lui ha rapidamente iniziato ad aumentare il ritmo, dato che sia tu che lui eravate già ben lubrificati. Poi le sue mani sulle tue, premendole sul cuscino sopra la tua testa mentre ti fotteva a morte.

Hai iniziato a gemere continuamente nell'estasi della sensazione, spingendo le tue cosce nell'uomo mentre la sua asta potente e spessa conquistava le tue viscere, ma poi sei stato soffocato mentre il pene di Azure faceva per la tua bocca, tenendoti la testa e fottendoti mentre la tua vagina era dominato. I maschi hanno continuato a controllare il tuo corpo finché non si sono fermati entrambi. Ti hanno spostato a quattro zampe e cambiato posizione, potevi sentire un suono simile a uno schiaffo... Si sono appena dati il ​​cinque a vicenda?

Gli artigli ti afferrarono le cosce mentre le tue gambe si allargavano ulteriormente e quel grosso cazzo che cresceva tra le gambe della Viverna entrava lentamente nella tua tana. Nel frattempo la tua coda di cavallo è stata afferrata dall'umano e il suo pene si è sfregato sulle tue labbra, l'hai accolto volentieri, l'odore e il sapore combinati dei suoi e dei tuoi genitali, dandogli un tocco ancora più malizioso.

Mentre la viverna è riuscita a spingere il suo intero pene dentro di te, l'ha lasciato riposare lì, così ha fatto l'umano. Irritato ma non abbastanza da fermarti, anzi, al contrario, i tuoi bisogni sono divampati ulteriormente e hai iniziato a dondolare tutto il tuo corpo avanti e indietro. Quando sei tornato indietro, la tua vagina si è compiaciuta dell'asta di Wyverns. Mentre ti muovevi in ​​avanti, potevi assaggiare l'umano e farlo gemere abbastanza bene. Rimasero perfettamente immobili, permettendoti di accelerare i tuoi progressi e aumentando la forza ad ogni spinta.

Sia la tua bocca che la tua vagina hanno emesso un suono sporco e umido mentre compiacevi entrambi gli uomini allo stesso tempo. Gemevano forte e inarcavano la schiena, incapaci più di resistere al tuo talento nel fare l'amore, tornarono a spingersi anche dentro di te. Potevi sentire il pulsare mentre la tua bocca si avvolgeva strettamente attorno al pene umano nella tua bocca e la tua vagina stringeva la lancia nata dal drago nella tua tana inferiore, un climax che inondava il tuo corpo.

I maschi hanno ritirato i loro peni e ti hanno fatto girare velocemente in modo che tu ti sdraiassi sulla schiena, masturbandoti fino al bordo e inondandoti del loro sperma. L'Umano ti è venuto su tutto il viso, sui capelli e un po' sul tuo petto. Mentre Azure ha spruzzato il suo seme di viverna sulla parte inferiore dello stomaco fino al seno. Sei stato immerso nel loro seme e non ti sei mai sentito così bene prima.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.