La mia mente era congelata nel tuo amore

640Report
La mia mente era congelata nel tuo amore

Capitolo 1:

Era stata la peggior fortuna che avessero mai avuto.

Una strana bufera di neve li aveva bloccati nel loro ultimo rifugio e avevano perso il volo di linea fuori dal paese. Red era stato in contatto con Dembe per fargli sapere che non sarebbero stati in grado di raggiungere la pista di atterraggio dove il suo jet privato era in standby, in attesa di portarli via all'estero. Il ritardo sarebbe indubbiamente costato loro un certo inconveniente: Red aveva sperato di riunirsi con Dembe ormai, i nervi di Lizzie si stavano logorando e, per finire, era la vigilia di Natale. Aveva pianificato quella notte in modo molto diverso per lei. Voleva festeggiare questo Natale con lei su una remota isola tropicale, preferibilmente una senza un trattato di estradizione degli Stati Uniti, e mostrarle esattamente come poteva proteggerla. Da qualche parte ai tropici c'era un nascondiglio completamente ammobiliato, adorno di ornamenti natalizi; era stato preparato un albero decorato, lo zabaione si sarebbe raffreddato in cucina, persino una calza con il suo nome era appesa. Aveva voluto preservare una parvenza di normalità per lei durante la sua prima (e quella che sperava sarebbe stata l'ultima) vacanza in fuga. Sfortunatamente, Madre Natura aveva altri piani.

Red aveva scelto la loro posizione attuale e quindi, ovviamente, non gli mancava nulla. La cabina era lussuosamente arredata, con pannelli di legno scuro in ogni stanza, mobili opulenti in toni e tessuti ricchi e una dispensa ben fornita che avrebbe permesso a Red di cucinare pasti sontuosi per diverse settimane. Sarebbero stati in grado di superare la tempesta in relativa comodità, ma la stravaganza di ciò che li circondava non ha fatto nulla per calmare l'ansia di Lizzie.

Lizzie era irrequieta, la tensione nervosa vibrava dal suo corpo teso come se fosse un arco ben teso. Camminava per il soggiorno in calzamaglia bordeaux e un maglione color crema oversize, i suoi calzini spessi che imbottivano dolcemente il pavimento mentre marciava avanti e indietro, controllando continuamente l'avanzare della tempesta dalla grande finestra a bovindo dall'altra parte della stanza da dove Red se ne stava comodamente seduto sul divano con indosso una canottiera nera e una camicia bianca, leggendo una copia logora di Guerra e pace. Stava sbuffando esasperata, borbottando sottovoce sulla saggezza di affidare a un noto criminale la sua sicurezza quando il suo giudizio ovviamente non sarebbe stato molto affidabile se l'avesse trascinata nel Vermont nel mezzo dell'inverno come parte del loro piano di fuga. Alla fine, i suoi borbottii e il suo percorso irregolare e contorto non potevano più essere ignorati.

"Perché non vieni a sederti e mi lasci leggere per un po'?" chiese, la sua offerta un mezzo di distrazione.

"Come puoi semplicemente sederti lì?" esclamò, voltandosi su di lui. «Quando l'FBI potrebbe essere là fuori, a setacciare i boschi per noi in questo momento? Da un momento all'altro potrebbero sfondare la nostra porta!” lei gesticolava selvaggiamente verso di lei. "Si gela là fuori, siamo bloccati qui ed è Natale!" terminò amaramente. Red provò una fitta di rimpianto alle sue parole. Certo, preferirebbe essere da qualche altra parte piuttosto che intrappolata qui con lui.

"Lizzie, nessuno sta venendo a prenderci, nessuno sa nemmeno che siamo qui", rispose pazientemente, posandosi il libro in grembo. “Fava parte della diversione dei social media, ricordi? Tutte le nostre tracce portano in California".

"Mi dispiace", si sgonfiò accanto a lui sul divano, accartocciandosi per l'esaurimento della sua tensione che correva così in alto, piegandosi in avanti con i gomiti sulle ginocchia, appoggiando la testa tra le mani. “Non so cosa fare con me stesso. Dovremmo correre e invece siamo bloccati qui. Sento che c'è qualcosa che dovrei fare. Come fai ad essere così calmo?"

"Anni e anni di pratica", replicò Red in tono cospiratorio. “Non posso dirti quante volte sono stato intrappolato in nascondigli da varie circostanze, senza altro da fare che aspettare. Di solito, però, ero solo. Devo ammettere che, tanto per cambiare, è delizioso avere un compagno così piacevole".

"Non credo di essere stata un'ottima compagnia", ha ammesso Lizzie, in tono di scusa. “La mia mente non smetterà di correre e non so a cosa pensare. Ho bisogno di una distrazione". Pensò per un momento. "Raccontami una storia?"

Red si fermò un momento, sorpreso dalla sua richiesta, un piccolo sorriso sorpreso sulle labbra. Normalmente sembrava così infastidita dalle sue storie. Forse era solo alla disperata ricerca di qualcosa che tenesse occupata la sua mente? Qualunque fosse la ragione, lui l'avrebbe placata. Dopotutto, non c'era niente che lui potesse negarle se fosse in suo potere darle.

"Beh", iniziò lentamente, la lingua che lavorava intorno alla sua bocca mentre lottava per trovare qualcosa che potesse distogliere la sua attenzione dalla loro situazione attuale e anche tranquillizzarla. "C'è stata una volta in particolare che mi è venuta in mente..."


Capitolo 2:

Un'ora dopo il vento si era alzato fuori, facendo scricchiolare i vetri delle finestre sotto il peso della nevicata, l'oscurità era scesa intorno all'accogliente cabina e Lizzie era finalmente sdraiata contro il bracciolo del divano opposto, i suoi piedi appoggiati sul grembo di Red mentre ha finito di raccontare una storia divertente su un lungo weekend trascorso naufrago con un cantante d'opera italiano su una minuscola isola caraibica durante una tempesta tropicale.

"Oh mio Dio, non posso credere che sei rimasto bloccato per tre giorni con nient'altro che chardonnay da bere!" esclamò ridendo. "Devi essere stato così sconvolto!"

Red le coprì le dita dei piedi con le mani, tenendole i piedi al caldo, e inclinò la testa di lato, godendosi il tintinnio musicale della sua risata, sorridendole in risposta.

"Sì, beh, ci siamo accontentati", ha risposto. "Come ho detto prima, però, la compagnia non è mai stata così dolce come lo è con te", le disse onestamente.

Lizzie gli sorrise di rimando timidamente e per un lungo istante si limitarono a fissarsi l'un l'altro in un amichevole silenzio.

Senza preavviso, l'intera cabina si è oscurata e hanno sentito il ronzio del riscaldamento spegnersi lentamente.
"La tempesta ha spento la corrente", Lizzie sollevò i piedi dal grembo di Red per alzarsi. "Vedrò se riesco a trovare delle candele."

Anche la rosa rossa: “C'è una catasta di legna da ardere sul lato della casa; Vado a portarne un po'», spiegò, infilandosi il cappotto e avvolgendosi al collo una sciarpa di cashmere color fulvo.

"Stai attento", ha ammonito. "Fa più freddo di quanto sembri là fuori e non ci vuole molto per perdersi in una bufera di neve."

Red le sorrise in modo enigmatico, "Beh... mi sembra sempre di trovare la strada per tornare da te". Detto questo, aprì la porta della cabina e uscì nella notte.

Lizzie roteò gli occhi alle sue spalle e tornò al suo compito.

TBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLT

Quindici minuti dopo aveva individuato e distribuito abbastanza candele su scaffali e tavolini da poter attraversare il soggiorno senza inciampare in ogni singolo mobile e muro, e Red non era ancora tornato. Guardò fuori dalla finestra nell'oscurità, preoccupata per la sua assenza. Cosa potrebbe averci messo così tanto tempo? Mentre andava di stanza in stanza, controllando che niente di infiammabile fosse posizionato troppo vicino alle candele, la sua mente correva da uno scenario terrificante all'altro. E se fosse caduto e si fosse sdraiato in cortile da qualche parte ferito? E se si fosse smarrito e si fosse allontanato dalla casa? Ben presto, non poteva più sopportare l'ansia della sua assenza inspiegabile e aveva deciso di uscire e controllarlo.

Si era appena allacciata gli stivali quando la porta d'ingresso si aprì. Rosso, coperto di bianco, con le braccia cariche di legna da ardere, attraversò a fatica la porta.

"Rosso!" gridò: "Dov'eri? mi stavo preoccupando!» Lizzie attraversò in fretta la stanza per prendere un po' di legna dalle sue braccia e chiudere la porta.

"La catasta di legna è stata assolutamente seppellita dalla tempesta di neve", ha offerto, a titolo di spiegazione, posizionando con cura i ceppi vicino al camino e togliendosi il cappotto e la sciarpa. "Mi ci sono voluti quasi venti minuti solo per scoprire abbastanza legna per accendere un fuoco."

Lo aiutò ad accatastare la legna vicino al caminetto, cercando di sedare il panico che aveva provato non sapendo se stesse bene. Sapeva di essere stupida; era la persona più capace che conoscesse, eppure il pensiero che gli accadesse qualcosa l'aveva spaventata e non sapeva bene cosa fare con quell'emozione.

Red poteva sentire la sua inquietudine anche se non aveva detto una parola. Era stato inciso sui suoi lineamenti, nello sguardo spaventato nei suoi occhi quando lui era entrato dalla porta e ora lo stava leggendo nel movimento teso e agitato delle sue mani.

“Puoi farci un caffè, per favore, Lizzie? Sono congelato fino alle ossa", ha chiesto Red mentre si inginocchiava davanti al caminetto. "Fammi sapere se hai bisogno di aiuto per accendere il fornello a gas."

"Certo", Lizzie scomparve in cucina, grata di sentirsi utile per un momento. Si era preso così cura di lei e lei si era comportata come una mocciosa viziata, lamentandosi del Natale mancato. Sentì una punta di rimpianto per il suo precedente sfogo mentre ricordava le sue parole scortesi. Non era stato altro che generoso con lei, completamente sollecito dei suoi bisogni lungo quel viaggio. Chinò la testa per la vergogna per un momento mentre si fermava a considerare la loro situazione: avrebbe potuto nasconderla in qualche squallida pensione, avrebbe potuto semplicemente abbandonarla! Ma invece, aveva rischiato la propria libertà personale e la sicurezza della sua gente per vederla al sicuro fuori da Washington e in ogni tappa del loro viaggio da allora. Le aveva dato asilo in alcuni dei nascondigli più maestosi, si era occupato del suo conforto su vasta scala e, soprattutto, le aveva offerto l'assoluzione dai suoi peccati. La capiva, la ascoltava. Le ha permesso il suo dolore e la sua rabbia per l'ingiustizia della Cabala e la perfidia di Tom Connolly che alla fine avevano infranto il suo autocontrollo e li avevano messi entrambi in pericolo.

Avrebbe fatto qualcosa per mostrargli quanto apprezzava il suo sacrificio e la sua amicizia, decise mentre frugava tra gli armadietti, sorridendo quando si imbatteva nelle scorte di pane. Potrebbe fare molto meglio del semplice caffè.

TBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLT

Mentre era via, Red aveva abilmente acceso il fuoco con i materiali immagazzinati in una scatola di ottone sul pavimento accanto al caminetto, accendendo prima l'esca, poi disponendoci sopra sottili bastoncini di legna e infine alimentando alcuni ceppi.

"Sembra buono", Red si voltò al suono della sua voce e la trovò con in mano due tazze fumanti, un braccio teso davanti a lei che gliela offriva, un sacchetto di carta nascosto sotto l'altro braccio.

Red si alzò, spazzandogli lo sporco dalle mani sulle gambe dei suoi pantaloni perfettamente tagliati. "Lo farà, credo", rispose modestamente. Si allungò per prendere la tazza offerta da lei, "Grazie; Avevo bisogno di questo".

"Possiamo sederci per un po'?" chiese timidamente Lizzie.

"Certo", la sua voce amabile. Si sedettero sul divano, riprendendo le posizioni precedenti alle estremità opposte del divano. Red bevve un sorso sperimentale dalla sua tazza, le sopracciglia inarcate al gusto familiare.

"Cioccolata calda!" la sua voce era eccitata, infantile. "Come ci sei riuscito?"

"Siete persone eccellenti acquirenti", ha sorriso timidamente. “Sappiamo entrambi che non so cucinare, ma Sam mi ha insegnato a fare la cioccolata calda da zero. Ce la facevamo sempre durante le vacanze», esitò, timidamente. "E '... mi è sembrato Natale per me", ha concluso debolmente, imbarazzata per la sua rivelazione infantile.

"Non mangio cioccolata calda da quando ero un ragazzo", sorseggiò con riverenza, gli occhi chiusi alla deriva, assaporando. "Questo è davvero adorabile, Lizzie, grazie", le disse sinceramente.

Fece un respiro profondo: "Grazie, Red. Non credo di aver detto affatto da quando è iniziato tutto quanto ti sono grato per quello che hai fatto per me. Io non…..senza di te,….so che non sarei….” ha vacillato. Si fermò per un momento, ricordando cosa significava per lei; voleva farlo bene. Ricominciò. "Mi hai salvato", ha dichiarato semplicemente. “Nessuno l'ha mai fatto per me prima, tranne te. Sembra che tu mi salvi sempre", disse piano. “So che non sarei sopravvissuto senza di te. Sono stato scortese e mi dispiace. Mi hai mostrato così tanto, fatto così tanto per me; Voglio che tu sappia che noto tutte le cose che fai per me e ti apprezzo,” stava affrettando la sua spiegazione, incapace di guardarlo ma sentendo il suo sguardo penetrante su di lei. "Spero che tu sappia cosa significhi per me", concluse alla fine, fissando la sua tazza.

Rimase in silenzio così a lungo che lei trovò il coraggio di voltarsi e guardarlo. I suoi occhi erano socchiusi, scuri di pensieri segreti che era certa che non avrebbe mai condiviso. La stava osservando così intensamente che lei rabbrividì sotto il suo sguardo.

"Lizzie", iniziò, "Non c'è niente, e voglio che tu mi senta quando dico questo, niente in questo mondo che non ti darei o non farei per te se lo chiedessi. Niente”, ha affermato con enfasi. “Sei l'unico motivo della mia crociata contro la Cabala, contro tutti quelli che sono sulla Lista Nera. Sono uscito dal nascondiglio per te, per rendere il tuo mondo più sicuro e per permetterti di vivere la tua vita in esso". Si preoccupò l'interno della guancia con i denti, la testa inclinata di lato. Sapeva che stava rivelando troppo, ma sembrava non riuscisse a trattenersi. Doveva sapere quanto fosse importante per lui. “Tutto quello che ho fatto dalla notte dell'incendio è stato per proteggerti, per vederti al sicuro. Sono stato egoista nel corso del mio piano, ma è stato tutto per garantire l'armamento di cui avresti bisogno per vivere la tua vita nel modo in cui volevi in ​​sicurezza. Tutto questo, il Fulcrum, la Blacklist, era tutto per te.

Si fissarono l'un l'altro, l'intensità del momento prese vita propria, diventando un terzo partecipante, seduto in mezzo a loro sul divano con tutto il suo pesante intento. Finalmente comprendendolo, Lizzie annuì. Red allungò una mano verso di lei attraverso il divano e lei la prese senza riserve. Rimasero seduti in quel modo per un po', semplicemente guardandosi negli occhi, la mano di lei nella sua, il calore e la grandezza della loro sincera emozione che comunicava per loro senza rumore. Forse, pensò, avevano finalmente trovato un terreno comune.


Capitolo 3:

Red cercò di convincersi che le stava ancora tenendo la mano perché voleva offrirle conforto, perché era angosciata, perché avevano condiviso qualcosa di importante e voleva che si sentisse rassicurata.

Ma la verità era che la sensazione della sua mano delicata nella sua era una delle più grandi gioie che aveva e uno dei pochi piaceri che si concedeva con lei. Le rare occasioni in cui si era rivolta a lui per avere conforto e gli aveva permesso di consolarla in questo modo erano alcuni dei momenti più preziosi di cui faceva tesoro. Il suo tocco calmava la sua anima stanca in un modo che nient'altro aveva e con la mano di lei nella sua, poteva davvero credere che il perdono esistesse per lui. E così rimase, tenendole gentilmente la mano, il calore di lei che si diffondeva in lui molto più in profondità di quanto il loro contatto avrebbe permesso.

Lizzie cercò di dire a se stessa che aveva indugiato, stringendogli la mano perché avevano condiviso un momento, uno spogliarsi delle anime, e che questa era l'aspettativa. Ma la verità era che era comodo. Era a suo agio con lui. Le piaceva il suo tocco molto più di quanto avesse voluto ammettere a se stessa e le piaceva stargli vicino. La sua presenza la faceva sentire protetta, calma, amata. E sebbene avesse combattuto per così tanto tempo su quella realizzazione, era pronta a riconoscere che anche lei era ciò che voleva. Non c'era niente che non avrebbe fatto per lei, lo sapeva. Più che semplicemente dirlo, glielo aveva dimostrato più e più volte. Perché continuare a punirli entrambi quando ciò che in realtà desiderava di più era che lui la proteggesse?

"Ti piacciono gli s'mores?" chiese all'improvviso.

"Mi dispiace?" chiese, confuso dalla svolta nella loro conversazione.

“S'mores. Sai, con marshmallow e cioccolato?" ha elaborato.

"Oh! Oh, sì, mi piacciono davvero gli s'mores", sorrise Red. "Anche se devo ammettere che non ne ho avuto uno da più anni di quanto possa ricordare." lui la guardò con aria interrogativa.
Lizzie tirò gentilmente la mano dalla sua per chinarsi accanto a lei sul pavimento. "Pensavo che potremmo farli", ha spiegato, alzando le spalle, tirando su il sacchetto di carta che aveva visto infilato sotto il braccio prima. “Prima ho trovato i cracker alla Graham e tutto il resto nell'armadio. Immagino che il tuo droghiere abbia pensato che potremmo finire per usare il camino", gli sorrise dolcemente, sembrando più giovane e più a suo agio di quanto l'avesse mai vista.

"Sembra un'idea meravigliosa", le disse sinceramente, contento che potesse trovare qualcosa di allegro nella loro situazione.

Lizzie andò al caminetto, scegliendo due stecchi di ferro per arrosti dal supporto con in mano un attizzatoio e una pala. Red venne a sedersi accanto a lei sul pavimento, buttando giù cuscini davanti al fuoco. Infilò abilmente due marshmallow e gli porse un bastoncino. Si sorrisero l'un l'altro, alimentando i marshmallow nelle fiamme, rigirandoli fino a farli diventare di un dolce marrone dorato. Red prese entrambi i bastoncini, tenendoli mentre Lizzie schiacciava ogni marshmallow tra una serie di cracker graham, generosamente colmi di pezzi di cioccolato fondente.

Gli occhi di Red si chiusero ed emise un leggero gemito di gioia mentre mordeva il pasticcio appiccicoso.

"Oh, Lizzie", ha strascicato, "Ha un sapore delizioso."

Sebbene sapesse che la sua lode era per il loro spuntino, non poteva fare a meno di arrossire mentre immaginava che lui stesse dicendo quelle stesse parole su di lei.

Presto le loro dita furono appiccicose di marshmallow fuso e c'erano briciole di cracker graham incastonate nelle pieghe del giubbotto di Red. Red si sentiva più leggero di quanto non si fosse sentito da anni, una risata genuina gli increspava gli occhi mentre tentavano di mangiare delicatamente e, trovandolo un risultato impossibile, creavano un pasticcio nel processo.

Lizzie gli sorrise accanto a lei, gli occhi che si posarono sulla sua bocca. La risata gli morì sul volto, sostituita da uno sguardo intento, carico di significato.

"Hai... ehm... hai un po' di cioccolato", gli disse, i suoi occhi puntati sulle sue labbra.

La punta della sua lingua scattò per leccargli l'angolo della bocca, gli occhi fissi sul viso di lei.

Il respiro le si mozzò in gola mentre le immagini balenavano nella sua mente di ciò che lui avrebbe potuto farle con la lingua.

"L'ho capito?" il tono lento e rauco della sua voce la riportava al presente.

“Uhm, no, non proprio,” la sua voce si era ridotta quasi a un sussurro, il loro scherzoso scherzo di pochi istanti prima dimenticato nel nuovo tipo di tensione che si stava creando tra loro.

La sua mano gli toccò il viso, il polpastrello del pollice accarezzò dolcemente il bordo del suo labbro. Si stava mordendo il labbro, nervosamente.

"Ecco", mormorò.

Ritirò la mano, facendo scivolare la punta del pollice tra le proprie labbra, succhiando via il cioccolato.

Il suo inguine si tese dolorosamente ed era abbastanza sicuro di aver smesso di respirare per un buon minuto.

Non riusciva a staccare gli occhi dalle sue labbra; era così affascinante. Quando scoprì che poteva respirare di nuovo, allungò timidamente la mano verso di lei, incerto della sua risposta, accarezzandole dolcemente la curva della guancia. I suoi occhi si chiusero e, come una calamita, fu attratta da lui, girando il viso nella sua mano, premendogli teneramente un bacio sul palmo.

Languidamente, alzò gli occhi velati verso i suoi, fissando intensamente nelle loro profondità.

Un milione di pensieri gli passavano per la testa sul perché non avrebbe dovuto farlo, ma li ignorò tutti e cercò invece la redenzione nel suo bacio.

Abbassò la testa e reclamò le sue labbra con le sue.


Capitolo 4:

Red la respirò come se fosse ossigeno, le sue labbra presero tutto quello che aveva da dare. Caddero di nuovo sul pavimento in un turbinio di mani e labbra che lottavano per l'acquisto dell'altro, le gambe che si intrecciavano, cercando disperatamente il tocco dell'altro.

Lizzie finì con la schiena piatta contro il pavimento, Red sopra di lei, appoggiata su un gomito, le mani tra i capelli, tirandola vicino a sé. Sussurrava il suo nome come una preghiera ogni volta che prendeva fiato. Stava annegando in lui e non voleva alzarsi per prendere aria.

Tutto in una volta, non era abbastanza per nessuno dei due. Le mani rosse iniziarono a sollevare il suo maglione, cercando il contatto con il suo ventre piatto, la sua pelle tenera, i suoi seni gloriosi. Lizzie lo prese a coppa attraverso i suoi pantaloni, la sua asta rigida che si sollevava in avanti nella sua mano. Respirò il suo profumo e tutte le cose che aveva passato gli ultimi due anni a negare a se stesso tornarono improvvisamente alla ribalta. Voleva portarla al limite e guardarla cadere. Voleva possedere tutto il suo piacere per il resto della sua vita. Voleva immergersi nelle sue profondità e sentirla urlare il suo nome. La sensazione della sua mano che lo accarezzava attraverso i suoi vestiti gli fece desiderare di marchiare il suo corpo con il suo marchio in modo che nessuno potesse confutare la sua affermazione, che lei era sua. Il suo bisogno era incontrollabile; doveva averla adesso. Che era esattamente il modo in cui sapeva che non avrebbe dovuto.

Immediatamente, si staccò da lei, lisciandole il maglione per coprirle la vita, trascinandosi le mani sopra la testa per la frustrazione. Lizzie si mise a sedere, confusa, guardandolo riguadagnare la calma mentre si sentiva completamente distrutta.

Red sollevò le mani, con i palmi in fuori, bloccandola. “Devi pensare a questo……., prima di andare oltre.”

La luce del fuoco danzava sulla sua pelle, creando ombre allettanti che giocavano sul suo viso.

"Cosa intendi? Cosa c'è da pensare? Voglio questo; Posso avere questo con te», lo incalzò.

“Non sai come sarà questa vita. Complicheremo solo la tua situazione se lo facciamo…..questo.” Red era esasperato; a lei per aver voluto perseguire qualcosa che era chiaramente una cattiva idea, a se stesso per non volerla fermare.

"So che non voglio farlo senza di te!" ha pianto disperatamente.

"Hai me--"

"Sai che non è quello che intendo!"

Sospirò: "Non puoi... annullare questo una volta che è finito."

"Lo so. Non voglio", era sicura.

"Intendo per me!"

Lizzie fissò in un silenzio sbalordito il suo sfogo. Lo sconcerto le contorceva i lineamenti: "Non... sono confusa".

Red si passò di nuovo i palmi sul viso, seccato di non potersi esprimere adeguatamente con lei. "Non posso... ho già abbastanza problemi con l'idea che presto dovrò lasciarti andare. Ripulirò il tuo nome dalla morte del senatore, Lizzie, te lo prometto, ma non potrai mai tornare all'FBI. Non c'è modo di aggirare l'omicidio di Tom Connolly. E tenerti con me ti metterà solo in ulteriore pericolo. Presto, dovrò rinunciare a te. E anche se ho sempre saputo che quella era la fine del gioco, che faceva parte del piano, sto attraversando un momento sempre più difficile immaginare di potermi allontanare da te".

Si fissarono per lo spazio di due respiri prima che lui continuasse.

"E devo, Lizzie, per la tua sicurezza e la mia sanità mentale, perché non posso più esserti così vicino e non essere in grado di averti per me!"

Passò un altro battito. Era grato per il suo silenzio.

"E se lo facciamo, se mi permetti di averti, non sarò mai in grado di lasciarti andare", concluse piano.
Dopo quella che sembrò un'eternità, Lizzie parlò, più piano di quanto si aspettasse.

"Non ho voce in capitolo?"

Red esalò rumorosamente un respiro che non si era nemmeno accorto di aver trattenuto. Ovviamente sarebbe stata irragionevole.

"Voglio dire", ha continuato, "Se questa è la mia vita e tu stai facendo tutto questo in modo che io possa avere la vita che scelgo, allora non ho voce in capitolo nella scelta che faccio? Perché, davvero, se prendi tutte le decisioni per me, non è davvero diverso dall'avere la mia vita dettata dalla Cabala".

Abbassò la testa, "Davvero, Lizzie, come vedi che andrà a finire? Ripuliamo il tuo nome e abbattiamo la Cabala e torni a lavorare con me al tuo fianco e nel tuo letto e nessuno pensa di metterlo in dubbio?" Alzò il viso verso il suo, gli occhi fiammeggianti. “O vieni di corsa con me, hmm? Lascia tutta la tua vita alle spalle, per cosa? Qualche fantasia glorificata di Bonnie e Clyde che hai per noi? Imparerai i segreti meccanismi interni del mio vasto impero criminale, diventerai il mio complice? Vuoi vendere anche la tua anima? Oscurati e distorciti nella caverna con me in modo che nessuno di noi abbia alcuna speranza di ritrovare mai più il sole? Mi toglierai la mia unica possibilità di redenzione?"

Sembrava colpito, i suoi lineamenti così pervertiti dal dolore che il suo cuore si spezzò per lui. Lei era la sua luce. L'avrebbe aiutato a ritrovare la strada.

Allungò una mano per toccargli il viso. Lui si allontanò da lei, sussultando, ma lei non si fece scoraggiare. Si sporse sulla distesa di pavimento che lui aveva messo tra di loro e gentilmente, gli appoggiò il palmo contro la guancia. "No", disse semplicemente, in risposta alle sue domande.

Lizzie si alzò dal pavimento; l'ha guardata andare via. Fece il giro della stanza, spegnendo le candele una per una.

Gli occhi di Red seguirono il suo percorso per la stanza mentre spegneva ogni candela, tranne quella che l'avrebbe condotta lungo il corridoio fino alla sua camera da letto. L'avrebbe lasciato lì al buio, a togliere l'ultima luce dal suo mondo, come meritava. Era terrorizzato. Una parte di lui era trionfante per averla convinta che questo non dovrebbe accadere, non dovrebbero accadere. Ma la maggior parte di lui stava morendo dentro sapendo che lei stava per andarsene.

Quando tutte le candele, tranne l'ultima, furono spente, Red guardò il pavimento. Non poteva sopportare di vederla allontanarsi da lui con in mano l'ultima speranza di luce figurativa e letterale.

Si spaventò quando i suoi piedi calzati apparvero davanti a lui. Alzò lo sguardo e vide che gli porgeva la mano.

"Non lo faremo... questo stasera", ha ammesso. “Hai ragione, la mia vita non sarà mai più la stessa. Non posso riprendermi quello che ho fatto a Connolly e non lo farei, non se significasse salvarti. Dobbiamo parlare e dobbiamo prendere decisioni, ma le prenderemo insieme. Che ti piaccia o no, Red, penso che saremo in questo per il lungo periodo. "

La fissò, incredulo. Non se ne sarebbe andata.

"Andiamo", gli disse semplicemente. “Lo faremo con calma. Proviamo a coccolarci invece."


Capitolo 5:

Lizzie guidò Red per mano sul divano e lo spinse giù delicatamente, tirando fuori una coperta dalla schiena prima di sistemarsi nell'incavo del suo braccio, infilando le gambe sotto di lei. Appoggiò la testa sulla sua spalla, coprendoli con la coperta.

"E adesso?" lui sospiro.

"Ora, parliamo", ha offerto.

E così fecero. Per ore hanno parlato delle loro opzioni per il futuro. Red le ha dato una panoramica di base della sua attività e ha condiviso le sue paure che l'avrebbe corrotta ulteriormente coinvolgendola nel suo stile di vita. Lizzie ha ammesso che, sebbene non volesse necessariamente diventare una criminale a tutti gli effetti, c'era un aspetto della sua vita che trovava intrigante, suggerendo persino che continuassero a perseguire i Blacklist da soli mentre fornivano informazioni all'FBI. Erano a miglia di distanza da una soluzione, ma stavano comunicando e Lizzie sentiva che, attraverso la sua onestà riguardo ai suoi sentimenti riguardo alla loro situazione, Red stava finalmente cominciando a fidarsi di lei.

Nel corso del loro dialogo si erano di nuovo rilassati l'uno nell'altra, Lizzie scivolava sempre più in basso sul divano fino a quando non finivano per accarezzarsi sul divano. Red stava fissando le fiamme del camino, perso nei suoi pensieri sulla loro conversazione. Forse potrebbero trovare un modo per farlo funzionare. Avrebbe potuto insegnarle cose su come sopravvivere nel suo mondo, l'avrebbe protetta. Poteva istruirla così bene che un giorno, quando se ne sarebbe andato, sarebbe stata ancora in grado di prosperare in qualunque mondo si fosse costruita. Era ancora a disagio con la prospettiva di portarla nel suo impero criminale, ma era d'accordo con le sue idee sulla caccia alle liste nere al di fuori dell'autorità dell'FBI. Non sarebbe stato così diverso da quello che stavano già facendo; il loro lavoro aveva spesso richiesto loro di operare con autonomia. Ora, starebbero semplicemente eliminando la burocrazia burocratica, realizzando abbattimenti con le proprie risorse e secondo i propri tempi, consegnando criminali avvolti a mano alla task force dell'FBI.

Era rimasta in silenzio per un po', sonnecchiando tra le sue braccia. Era tardi e il fuoco stava morendo quando Red decise di portarla a letto.

Red le premette un bacio sulla tempia e iniziò a districarsi dalle sue membra.

"Dove stai andando?" chiese lei assonnata.

“Devo portare più legna dall'esterno. Il fuoco si estinguerà presto e l'elettricità probabilmente non verrà ripristinata fino al mattino", tirò la coperta lungo le gambe, cercando i suoi scarponi da neve dall'altra parte della stanza.

"No! Non uscire di nuovo nella tempesta", lo fermò con una mano sul braccio, mentre il panico di prima stava tornando.

“Lizzie, non saremo in grado di tenere acceso il fuoco tutta la notte. Non c'è abbastanza legna per riscaldare tutta la casa. Ti congelerai in camera da letto", ragionò.

"Per favore, Red, possiamo dormire qui?" lo implorò.

"Oh, molto bene", concesse, sapendo che non poteva negarle nulla.

La tirò vicino a sé, accarezzandole il corpo con il suo e coprendo entrambi con la coperta. Le nascose la testa tra i capelli, respirando il suo profumo fresco, e la sentì sospirare contro di lui.

"Rosso?" la sua voce era così dolce che era quasi un sussurro contro il suo braccio sotto la sua testa.

"Hmmmm?" mormorò in risposta.

“Buon Natale,” sussurrò, la sua voce attutita nel silenzio della notte.

La raccolse più vicino, "Buon Natale, Lizzie".

Presto si erano entrambi rilassati nel sonno, intrecciati insieme sul divano e Red, per una volta, in pace con lei tra le sue braccia.


Capitolo 6:

La mattina di Natale è apparsa chiara e luminosa. La tempesta si era finalmente spenta, lasciando la capanna e i boschi circostanti ricoperti da un nuovo strato di neve bianca e incontaminata.

Red era sveglio da un po', assaporando la sensazione della donna che dormiva profondamente tra le sue braccia. Appoggiato su un braccio, studiò il suo viso, inondato dalla luce del primo mattino, le ciglia scure posate dolcemente sul pallore della sua guancia. Il fuoco si era spento ore prima, come previsto, a giudicare dal gelo nell'aria intorno a loro, ma, avvolto nel caldo bozzolo del suo abbraccio, si accorse appena del freddo.

Lizzie si mosse sotto di lui, un leggero sospiro sfuggì dalle sue labbra rosa petalo mentre si rannicchiava più vicino al suo calore. Il suo corpo ha risposto in modo prevedibile, il suono che gli sparava dritto all'inguine. Il divano era troppo stretto per allontanarsi da lei, quindi rimase dov'era, la sua erezione mattutina che si sforzava contro il suo fianco. Istintivamente, si mosse contro di lui, ancora mezzo addormentata, cercandolo anche adesso. Un basso sibilo sfuggì ai suoi denti mentre lei si strofinava il corpo contro di lui.

Permise alle sue dita di scorrere sulle sue labbra, affascinato dalla loro consistenza incredibilmente liscia. Posò le dita sulla sua mascella e girò il suo viso verso il suo mentre abbassava la bocca per baciarla dolcemente da sveglio. Sospirò contro le sue labbra, ancora senza aprire gli occhi, e si avvicinò di nuovo a lui, strofinando sensualmente il fianco contro di lui.

Red era certo ora che fosse sveglia e che lo prendesse in giro deliberatamente. Grinning at her game, he released her mouth and ran his palm down her arm, caressing her flesh so lightly that it caused goosebumps to form in his wake. He outlined the hollows and ridges of her collarbone gently, learning every detail of satiny skin. He pressed a kiss into the indentation at the base of her throat, his tongue darting out to taste her.

Deftly, he slipped a hand under her tank top. Finger-tips skated over the flat plane of her stomach, skirting her ribs, coming to rest on the supple mound of her breast. He taunted her then, rolling her nipple between two fingers, pulling gently, pinching even, until he heard her breath quicken. Still, she continued their game, pretending sleep.

Red smiled knowingly, and dropped his head to her chest, tonguing her nipple through the thin, ribbed fabric of her shirt. He nipped at her playfully, trying to rouse her, but she doggedly refused to give in, though her squirming had definitely increased, he noted with satisfaction. Skimming his hand back down her body, he dipped below the waistband of her pajama pants, simultaneously sweeping the edge of her panties out of his way. His mouth continued the assault at her breast even as his fingers combed through the dense curls at the juncture of her thighs.

Faintly, he began to stroke her clit, barely touching her, not wanting to rush this, wanting her to feel every sensation. He gradually increased the pressure on her delicate organ, until he was rubbing heavy, slow, languorous circles with his thumb. He gently dipped one finger into her cleft, satisfaction spreading across his expression when he found her drenched and oh-so-ready for his penetration. Still massaging her clit, he began to plunge his finger deeper and faster into her sheath.

She gasped, yet still stubbornly refused to open her eyes.

Grinning with purpose against her breast, he added a second and then a third finger to her body as well.

Lizzie was panting now, moaning soft, wordless cries into his neck, all but the last pretense of sleep gone. Still, he wanted to see her eyes. He wanted to gaze into their bright depths as he claimed her body and cleansed his soul.

He crooked his fingers on his withdrawal, brushing against the most secret place inside her. She writhed beneath his hand, clenching her eyes tightly shut against the onslaught of sensations, the game forgotten.

He knew she was close. She only needed that final push to send her into oblivion and he gave it to her, closing his teeth over her nipple at the exact moment that he anointed her G-spot with his fingers again, sending her screaming over the edge, her eyes popping open at last. He covered her mouth with his, plunging his tongue between her lips with the same frantic energy as his fingers, drinking in her screams of pleasure as he stroked her orgasm higher and higher.

Finally, he withdrew from her and gently kissed each of her eyelids.

“You sweet, impossible girl,” he spoke lovingly.

She was ready for him, her thighs parting to take him inside her, even as he shifted himself to kneel between her legs, his hands firm on her hips.

Suddenly, she gave a shriek of surprise as she found herself flipped over on the couch. He tugged her back until she was resting on all fours, her face on the armrest, her backside pressed against his erection, hands gripping her hips tightly.

“My turn,” he declared triumphantly.

“Wha-” she began, turning her head to see him, only to feel his hand come swiftly down on the back of her neck, gently, but firmly, forcing her head back down.

“Red, please, I want to see you!” lei pianse.

“Now, now, Lizzie, that’s hardly fair,” he stated calmly. “I very much wanted to gaze into your eyes this morning, but you refused to cooperate,” he feigned disappointment. “And now, you must accept the consequence of your impertinence,” he told her matter-of-factly. Behind her back, he smiled.

He stroked his hands over her smooth back, massaging her from shoulder to hip, his hands and eyes roving over her endlessly. She was whimpering at the caresses his expert fingers delivered, all the while aware that he intended to fuck her without letting her look at him. Her pulse quickened at the thought. Dominant Red was so hot.

When he had reduced her to nothing more than a quivering mass writhing from his touch, Red parted her legs, and nudged himself between her folds. Grasping her shoulder, he thrust deeply into her, groaning her name as he sheathed himself to the hilt inside her delicious warmth.

He heard her cry out in response, her body thrusting back into him. He was so big and, god, he felt good, filling her up, stretching her so that there was no room left inside her for anything else but Red. It was like he was everywhere, all around her, completely overwhelming her senses. She was lost in him, in his scent, in the touch of his hands on her body, in the feel of him buried deep inside her.

Lizzie lowered her head onto her arms, draping herself over the armrest and raising her hips, offering herself up to him brazenly. Withdrawing all but the very tip of his shaft from her body, he paused for a moment before he sank slowly back into her. From the other end of the couch, he heard her whimper again, pushing herself back to take more of him inside her, craving the depth that only he could provide.

Taking a deep breath, he began to move, establishing a rhythm fast and deep, rolling his hip to hit every part of her. He reached around to cup her sex, rolling her clit between his fingers and spurring her towards her release. She was panting his name over and over again in time with his thrusts, the word a breathless chant, a mantra grounding her to the earth as she felt the familiar tension begin to build deep inside her core, the sensation of his rock-hard cock rigorously stroking her G-spot coupled with his fingers that eagerly exploited her most sensitive nerve urging her toward the edge. She could feel herself about to come again for the second time, when he pinched her clit between his fingertips, and stars exploded behind her eyes.

“Sweetheart, I’m going to come!” Red warned, forcefully thrusting into her from behind.

“Yes, come for me, Raymond!” she cried out, her hands digging into the fabric of the armrest for support as he came, violently, inside her with the sound of his given name ringing in his ears.

He stayed, buried inside her, panting for breath, for what seemed like an eternity, his cock pulsing with every heartbeat as their breathing slowed and the sweat cooled on their joined bodies. Finally, with a sigh, he slipped out of her and rolled onto the floor, arm around her waist, bringing her with him. She squealed her laughter as she ended up with her upper body resting on top of him, her head on his chest and his lips in her hair.

“You’re a vixen,” he accused, but she could feel his smile.

“I know what I want and I wanted to get my way,” she teased facetiously.

“That, you did,” Red chuckled goodnaturedly.

She draped an arm over his body and a wrapped one leg around his. They lay together like that, him holding her close. Her fingertips drew lazy patterns on his chest. He was thinking something; she could tell, as their companionable silence stretched on and he grew quiet.

"Che cos'è?" she asked into his chest.

“Are you sure…..about this? About me?” he asked, swallowing nervously, his eyes staring up at the ceiling.

“Yes,” she responded emphatically, raising up on one elbow to watch his response. “More than anything.”

“Good,” he whispered, twining his arm around her shoulder and urging her to rest against him again.

After a few moments of silence, “You said my name, my real name,” he said wonderingly and she could hear that something had changed in his tone. He sounded…..wistful.

“It’s who you are,” she explained simply. “‘Red’ is your persona, the wealthy businessman who deals in crime, the secret benefactor, the mysterious playboy-- and it’s a cute nickname,” she added, “but it isn’t who you really are.”

“And who am I?” he asked her honestly.

“That is something I think it will take a lifetime to learn.”

“Hmmm….” he acknowledged thoughtfully.

After a few moments, she spoke again. “I do know quite a lot about who you are already, though.”

"Oh?" lui ha risposto.

Lizzie took a deep breath, “I know you are cultured and sophisticated in a way that sometimes intimidates me. I know that you are a storyteller who knows how to spin a tale in a way that both distracts the listener and manages to teach a much more significant lesson at the same time. I know that you are a person who would risk his life for a child for no reason other than because not doing so would be wrong. I know you have regrets that you hold so deeply that I am afraid I’ll never be able to dig them out and help you repair your heart. I know that you would do anything in the world for me. I know that now we have time for me to learn all the other things about you that I don’t know.” When she finished, there were tears shining in her eyes as she looked down at him.

Red took a shaky breath, blinking the moisture from his own eyes that had collected there while she was speaking, and crushed her to him. “Lizzie,” he breathed. “You are my light, my only salvation,” he told her. “I will give you a lifetime if that’s what you want.”

Lizzie pressed her lips to his in a passionate kiss. He deepened the kiss, his hands coming up to cradle her face. With a fierce, possessive growl, he rolled her onto her back. Suddenly, her stomach growled back noisily. They broke apart, laughing.

“Come on,” he grinned, pulling her to her feet, “It sounds like I’d better feed you breakfast before you devour me!”


Capitolo 7:

Red prepared breakfast while Lizzie showered. When they had realized that it was Christmas day and no one from the power company was likely to be out fixing whatever lines the storm had downed, Red remembered that the cabin was equipped with an emergency generator. He had managed to start it, so they had power again, and he had also restocked the woodpile next to the fireplace so they would be comfortable later when they had to turn the generator off to conserve power.

While the water heated up, she gazed at her face in the mirror. She didn’t look any different, but she felt different since last night, since this morning. A blush crept up her neck as she recalled her wanton abandon this morning. She smiled to herself, running a finger down her neck, over her breasts, remembering. Lei rabbrividì. It was so much better when it was Red doing this. Lei scosse la testa. There would be time for that later; she needed to shower; she was dying to taste the baked french toast Red had promised her.

When she was dressed in dark jeans and a navy tank top, her hair tied back in a loose ponytail, she followed the intoxicating scents of cinnamon and vanilla to the kitchen to find Red clad in a untucked black button-down, sleeves rolled up the elbows and jeans that hugged his backside, a kitchen towel draped over his shoulder. He pulled a casserole dish of french toast from the oven, sprinkling more cinnamon on top and setting it on top of the stove to cool.

“That smells divine,” Lizzie complimented him, climbing onto a bar stool at the counter separating the dining room from the kitchen proper. She rested her elbows on the bar in front of her, looking at him expectantly.

“There should still be some hot water left, if you want to shower,” she suggested.

Red served up a generous helping of french toast for her, adding a dollop of homemade whipped cream on top and passed the plate to her, dropping a quick kiss on her the tip of her nose, before heading to the bathroom.

Lizzie gave a little moan of delight, eyes closing, when she bit into the decadent breakfast, flavor exploding on her tongue. She was so, so lucky to have him. She knew she had never felt so spoiled and she wondered how so much could have changed in the course of just one day. Is this what life would be like, she wondered to herself? If she did abandon the idea of exoneration and simply ran with him, truly becoming his partner, adapting to his lifestyle; it wouldn’t be all jets and gourmet meals, she knew. There would be hiding and the stress of avoiding detection, dealing with criminals and operating at times on the wrong side of the law. Although, she reminded herself, Red had managed to carve out quite the luxurious lifestyle for himself. He was always perfectly tailored, effusing effortless sophistication. He would ensure she was protected, provided for.

She shook her head at her thoughts. None of these musings really mattered, she knew. There could be no turning back for her now, whether they were to spend the rest of their lives in palaces or hovels or caves. She was completely in love with Raymond Reddington. She couldn’t leave him even if he wanted her to. The only question now was whether or not she would have to convince him of that.

She finished her breakfast and washed her plate, staring out the window over the sink into the winter wonderland stretching out before her into the forest surrounding the cabin, lost in her thoughts. She jumped when she felt a strong pair of arms slide around her middle, drawing her close, his face nuzzling her jaw.

"Dove sei?" he asked, drawing her out her reverie.

“Right here,” she sighed, relaxing into his embrace. She wasn’t ready to talk about the future again yet. She didn’t want to scare him away; he was already so nervous about their tentative plan and she was clinging so tightly to it. She couldn’t lose him now.


TBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLTBLT

“There isn’t much to do, unfortunately, when in hiding. It’s important to stay busy and keep your mind active. Dembe and I usually play chess. Would you like to read for a bit?” le chiese.

“I think I’m going to paint my nails,” she told him, pulling a bottle of dark red nail polish from the pocket of her jeans. “This was in my toiletry kit,” she said by way of explanation.

“That’s a lovely color,” Red offered. “What’s it called?”

"Dio mio!" Lizzie exclaimed, turning the bottle upside down. “It’s ‘called Come to Bed Red’!” lei rise. “Did you know about this?”

“My, my, that is a coincidence. Lauren did mention that she was doing some consulting for the polish industry….I guess she’s branching out from lipsticks,” he reasoned, a wry smile on his face.

Lizzie quirked an eyebrow at him; only he would have a growing line of cosmetics named for him. “Well, that’s fitting,” she smiled.

She propped her feet up on the coffee table in front of her and unscrewed the bottle’s cap.

“Come here,” he held out his hand. “Allow me.”

She looked askance at him, “Really?” a hint of doubt in her voice.

“Don’t you trust me?” he asked in jest.

“Implicitly,” she stared into his eyes, that one word heavy with meaning.

“Well, then……” he prodded after a moment.

Lizzie swung her legs onto the couch, resting her feet in his lap. She leaned forward to hand him the bottle of crimson polish and then reclined against the armrest to watch him work.

“Did you know that nail polish originated in China?” Red began, carefully painting the toes of one foot. “It was used to denote different classes of Chinese society. The lowly could even be executed for using it.”

She relaxed into the plush cushions, tucking one arm behind her head. As if watching him paint her toes wasn’t sexy enough, she was going to get to listen to his gravelly voice rasp over her, too? Beatitudine.

Red continued painting, stopping occasionally to fix a mistake or wipe a smear of paint from the edge of her nail.

“Women would dip their hands into an amalgamation of beeswax, gelatin, and egg whites that had been colored with flower petals. They would sit for hours to achieve the look that you are now getting with just a few short minutes of work.” He smiled up at her, lifting her other foot and replacing the first against his leg.

She watched him through lowered lashes, his voice making things curl luxuriously deep in her lower abdomen. God, his voice! She began to lose herself in the sensation of his hands gently gripping her foot, the deep resonance of his voice.

“Now, if we were in Paris, I could pick up a bottle of Black Diamond King for you. It’s the most stunning lacquer you’ve ever seen!” he explained excitedly. “It’s infused with 267 carats worth of black diamonds and costs a staggering $250,000.”

Lizzie’s eyes grew wide at the price. “Surely you could think of better things to do with that kind of money than buy nail polish?” ha preso in giro.

He smiled coyly, as if spending a quarter of a million dollars on her toes was not entirely out of the question, and raised her foot higher to blow on the paint.

When it was dry, he tipped her foot up for her approval. "Cosa pensi?" chiese.

“Beautiful,” she smiled. “Definitely my new favorite color.”

Red had trouble focusing when Lizzie began absentmindly stroking him through his trousers with the bottom of one foot, her toes curling to grip him as he grew beneath her touch.

He groaned, “Now, now, you’ll smear your polish,” he admonished her.

Lizzie smirked at him safely from her end of the sofa. “The storm’s lifted,” she pointed out.

“So it has,” he twisted his head around to glance out the front window. “We’ll be on our way by this time tomorrow.”

"Veramente?" she asked hopefully. She had enjoyed their time at the cabin, but she would feel even more relaxed once they were out of the country.

“Mmm, yes, it will take that long to dig the car out,” Red rolled his tongue around inside his mouth, a nervous habit she had noticed.

“Where will we go next?” Lizzie was curious and anxious again.

“Cuba first, then Belize,” he shared.

Lizzie paused thoughtfully for a moment, “Both of those countries have extradition treaties with the U.S.” she reminded him.

“Yes, well it isn’t exactly ideal, but I have ways to move unnoticed throughout most places in the world if I choose to be unseen,” Red was letting her in, more and more, bit by bit; she was grateful for his honesty.

Si preoccupò il labbro inferiore tra i denti.

“Lizzie,” Red began, cupping her foot in his hand more firmly to remind her of his presence. “I would never let anything happen to you.”

“I know that…..” the worry refused to leave her eyes.

Red studied her for a moment. She said she knew, but she really didn’t. He would try to make her understand.

He took a breath, “I have lived in this world for a very long time, nearly all your life. I know where to go and how to remain unseen. I have spent years cultivating relationships with powerful people in every relevant nation in the world and a few irrelevant ones as well, just for good measure. I have spent decades building an empire that both protects me from the unsavory characters of the underworld and keeps them reliant on me for their own business ventures. I have surrounded myself with people who are both well-trained and well-paid to protect me and my interests. I have killed men who needed killing and I have sent others to prison for the rest of their lives. I have power, Lizzie, power that I have created and stolen and built. I have put plans into motion whose results will not come to fruition for years, but when they do, they will indeed come to bear righteous fruit that the unholy who have wronged us will be forced to sample. And all of that, I lay at your feet, my offering to protect you and to keep you safe. Because I love you, Lizzie, more than my own life, more than anything else in this world.” He paused, “And remember, I am insanely wealthy!” his eyes crinkled on his last comment, teasing her and pulling a smile into her eyes as well.

“Yes, well, you know how much I wanted that quarter-million-dollar bottle of nail polish,” she quipped, to show him he had succeeded in lightening the mood.

Red smiled at her teasing, lifting her foot to his mouth and pressing a tender kiss against her insep and suddenly the atmosphere in the room had changed, their gentle banter and teasing replaced by something far more primal and predatory.

The breath caught in her throat as she watched him, all sensual grace and oozing sexiness from every pore. There was something both tender and voracious in his gaze; as if he hadn’t really decided whether to worship her or devour her. Forse entrambi.

She had been worshipped by him, now she wanted to him to devour her.

Slowly, he traced the tip of his tongue along her arch, trailing that wet heat to the tip of her first digit. His eyes on hers, he slowly slipped her toe into his mouth, sucking gently. Lizzie’s eyes rolled back in her head and she sank down into the couch, a whimper easing out from between her lips. he continued down her foot, dipping his tongue between each of her toes delicately, sending shivers of heat racing straight to her center, spreading the flames of desire, igniting her passion for him again.

Her eyes fluttered open slightly when she felt his mouth leave her body. His eyes were dark with need, focused on her face. Red leaned over her, swiftly unbuttoning her jeans and peeling them down her legs, dragging his fingertips over her as he went.

Lizzie was mewling softly by the time he began to kiss his way up her leg, from ankle to hip, sweeping his tongue across her flesh until he was angled above her, spreading her knees with his hands for his access.

He pressed his face to her mound, covered by a delicate layer of peach lace. He breathed her in deeply, relishing her secret scent. Putting his tongue to good use, he licked her through the lace, feeling her gasp. He settled into the cradle of her legs, sliding his arms beneath her and bringing his hands to rest on the outsides of her things, dragging her body closer to his mouth.

He lathed his tongue over her clit through the fabric of her panties endlessly, wringing cry after cry from her lips. She was wet and ready for him before he even finished her. Finally, he couldn’t hold off his own need to bury his tongue inside her; he grasped the delicate lace in his hands and pulled, the fabric shredding in his grip. Flinging the impeding scrap of fabric aside, Red plunged his tongue fully into her core, stroking upwards when he reached her center, his teeth scraping over her clit and that was all it took.

She exploded around his mouth, her hips arching off the cushions, her hands wildly seeking his. She clutched at him, her fingers winding around his.

She was stunning in her abandon, all breathless and wanton release. He sank into her again and again with his tongue, riding out wave after wave of her orgasm with her on his lips. He continued to thrust into her until she begged him to stop.

He smiled against her, releasing her from the sweet torment. It pleased him that he could make her feel like this.

He slid up her body to taste her lips. She clutched him to her violently, the force of her arms around him speaking her gratitude for his attentiveness. She kissed him passionately, plunging her tongue deep into his mouth, tasting herself on his lips. She moaned for him, her fingers seeking the front of his jeans, scrambling to release him. Resting his forehead against hers, he sank into her with a groan.


He paused just long enough to allow her to adjust to his size before he began to move inside her. She moaned low in her throat, the sound sending a heady arrow straight to his loins. He shoved the fabric of her shirt up to bury his face in her breasts. She helped him, tugging her bra down so they spilled out over the top of the soft lacy confines. His mouth closed over one nipple, drawing it sharply against his teeth, forcing her head back in a gasp, her hips rocking against his.

“Sweetheart…...please,” she begged him and it was all the encouragement he needed.

He straightened his back, hips arching into hers. His hands clasped her waist, pulling her to him. Lizzie folded her legs around his waist, raising up to meet him. Red increased the pace and depth of his strokes until he felt her trembles begin to reverberate through her entire body. He thrust powerfully into her tight sheath, stretching her with abandon, losing himself as she reached her climax. He pulsed wordlessly inside her, letting her unravel around him, melting in his hands.

Red looked down the length of her body while his breathing steadied, taking all of her in, committing the look of her like this to memory; her face flushed from their exertions, limbs akimbo, one arm thrown across the back of the couch, the other above her head; a fine sheen of sweat cooling on her skin, the sight of his body joined with hers at the juncture of her sweet thighs; and buried deeply inside her still-clenching walls, his seed slipping slowly from his body and into hers. The thought moved him profoundly, the possibility of them reaching into his consciousness in a way he hadn’t truly dared to consider.

She slowly lifted her eyelids to catch him staring intently at her with the most serious expression on his face.

"Che cos'è?" she worried, her own brow furrowing in concern.

Red shook the somber thought from his head, his sedate features replaced by a playful smile smoothing across his lips.

He inclined his head at an angle in that way she loved, his smile beginning to crinkle the edges of his eyes.

“I was just thinking that this is a much better way to pass the time than playing chess with Dembe,” he teased, leaning over her to touch his lips to hers.

Lizzie chuckled into his kiss, winding her arms around his neck and squeezing her legs around his waist.

She looked into his eyes between kisses and softly uttered, “Merry Christmas, Red.”

Storie simili

Ritmo di The Rails

Siamo usciti dalla Union Station verso le 20:00. Nella canzone, il treno parte la mattina e arriva la sera. Immagino che le cose siano cambiate da quando Steve Goodman ha preso il treno e ha scritto la canzone. Potrei conviverci. Fin dalla prima volta che avevo sentito Arlo Guthrie cantare di The City of New Orleans, avrei voluto fare questo viaggio. Spesso, al lavoro o sotto la doccia, mi ritrovavo a canticchiare la melodia. Ora, in realtà ero sul treno leggendario, in viaggio da Chicago a New Orleans. Stavamo cambiando auto a Memphis, nel Tennessee verso le 6:30 del mattino, a...

262 I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

228 I più visti

Likes 0

La moglie vuole un altro bambino_ (1)

Questa è una storia di fantasia che coinvolge me, mia moglie e il suo patrigno Mia moglie, Nicole ed io siamo sposati da 7 anni e abbiamo tre figli meravigliosi. Viviamo in una città più piccola e la maggior parte delle persone qui sono amici intimi e molta famiglia. Quando è nato il nostro primo figlio, gli è stata diagnosticata una sindrome ed è stato allora che abbiamo scoperto che entrambi siamo portatori di un gene. Dopo che al nostro secondo figlio è stata diagnosticata la sindrome, quando ho deciso che avrei dovuto sottopormi a una vasectomia per evitare che altri...

685 I più visti

Likes 0

Fat Bastards violenta il mio culo - storia 4

Sapevo che The Fat Bastard sarebbe stato in giro oggi per riscuotere l'affitto e non sapevo cosa aspettarmi. Non avevo i soldi, quindi ero sicuro che avrebbe voluto scoparmi di nuovo, ma non sapevo cos'altro avrebbe potuto volere. La prima volta che è venuto, mi aveva appena scopato lui stesso, ma la seconda volta mi aveva dato anche a suo figlio. Questa sarebbe stata la terza volta e sospettavo che sia lui che suo figlio mi avrebbero voluto scopare di nuovo, ma non sapevo se sarebbe stato sufficiente per coprire l'affitto del mese. Ero sdraiato sul mio letto a leggere un...

327 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

634 I più visti

Likes 0

Betty tettona

Storia di Fbailey numero 489 Betty tettona Avevo incontrato Betty solo di recente. I primi due tempi furono relativamente brevi e frettolosi. Tuttavia, la terza volta è stata un incantesimo. Non eravamo soli ma siamo riusciti a trascorrere un'ora o giù di lì nella stessa stanza. Mia moglie era lì con me così come un amico comune. Suo marito e due figli erano in un'altra stanza, ma di tanto in tanto entravano in cucina per un momento o due e poi si ritiravano in cose più grandi e migliori come i videogiochi e la televisione. Betty è quella che Internet chiama...

386 I più visti

Likes 0

Eddie, la mamma del suo amico e Betty

June Cleaver era la mamma di due giovani uomini ben educati, Waldo di 20 anni e Theo di 19 anni. Era la tipica casalinga di periferia americana che amava suo marito Ward ed era sposata con lui da oltre 32 anni. La 53enne June era piena di seni di 40 gg, un culo grasso e rotondo ed era formosa. A 5 piedi 9 era un bicchiere d'acqua alto ed è per questo che il giovane Eddie Haskell, bramava la mamma del suo migliore amico. Eddie, 20 anni, aveva scoperto di recente l'ipnotismo e scoprì di essere davvero bravo in questo. Quindi...

318 I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

276 I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

670 I più visti

Likes 0

Rito di passaggio

Rito di passaggio Capitolo 1 Le gambe della sorella di Jimmy Smith erano gettate su ciascuna delle sue spalle mentre si spingeva con forza nel suo stretto tunnel. Guardando in basso, poteva vedere la schiuma bianca che ricopriva il suo cazzo e il morbido castano lanuginoso dei suoi peli pubici. L'aria si riempì dei suoni squishy del suo cazzo che martellava la sua succosa figa bagnata. I suoi piccoli seni volavano avanti e indietro. I suoi capelli castani lunghi fino alle spalle circondavano il suo viso sudato. I suoi occhi si fissarono su quelli di lui, la sua bocca aperta con...

588 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.