30 giorni, 30 peccati (in italiano, scusate)

548Report
30 giorni, 30 peccati (in italiano, scusate)

1

- Mi fa male, stasera – sussurrò la sorella nel buio ma quello scemo di Renè non si decideva ad andarsene in camera sua.
- Ieri pomeriggio hai spinto troppo, idiota! -
Renè sbuffò ma non mollò. Era inginocchiato per terra affianco al suo letto e con la mano sotto le lenzuola continuava a cercare di intrufolarsi sotto la sua vestaglietta.
- Devi andartene, non deve succedere più, lo capisci? -
- Solo un’ultima volta – sussurrò il fratello nel buio – è troppo bello! -
Giorgia ripensò a quel mese incredibile... tutto era cambiato e lei non riusciva a raccapezzarsi in quella situazione che sapeva essere peccaminosa… eppure, era stato tutto così naturale e stupefacente al tempo stesso: sensazioni mai provate.
Il giorno dopo sarebbero tornati i genitori; Erano stati fuori per un'operazione tutto Luglio e i due ragazzi erano rimasti con la nonna, anziana e sorda.
Tutto era cominciato quasi per caso, la mattina che la nonna era andata a prendere la pensione. Giorgia era nella vasca, stava finendo di fare il bagno e Renè entrò. La prendeva in giro ma lei si accorse che la guardava in modo curioso; poi il ragazzo, tra una battuta e l'altra, minacciò di fare pipì nella vasca.
La sorella aveva intravisto altre volte il coso del fratello ma mai così da vicino: duro e stizzito, come fosse un ramo lievemente storto.
Quell’arnese aveva attirato il suo sguardo in maniera ipnotica e il ragazzo ne aveva approfittato.
-Vuoi vedere una cosa segreta? - disse cercando di conquistare la sua curiosità. Teneva il membro all'altezza del viso di lei e Giorgia faceva del suo meglio per non guardare ma era impossibile.
- Lo vuoi vedere lo sperma? - disse borioso quel discolo di Renè.
- Perché, tu hai dello sperma? - disse sua sorella ingenuamente.
- Certo – disse Renè vanitoso – Lo vuoi vedere? –
Lei ha provato un certo calore in tutto il corpo e arrossì.
-Mi esce da qui! – e si guardò il cazzo, che si era più grosso di quanto Giorgia avesse potuto immaginare.
- Ecco – disse – faccio così e tra poco mi esce dalla punta, guarda bene! - Il ragazzo prese una posa molto seria; Giorgia ne seguiva attentamente le mosse. Con la sinistra si teneva la maglietta sopra la pancia: si vedeva bene quel fungo che gli spuntava tra le gambe. Con la mano destra se lo faceva scivolare in mano.
Giorgia guardava senza formarsi un'idea precisa, si rendeva conto che quello che stavano facendo era proibito ma, presa così alla sprovvista, non fu in grado di porre un freno alla tresca.
Era eccitante e poi aveva sete di conoscere certi segreti, l'avrebbero messa in posizione privilegiata con le amiche.
Naturalmente, seduta nella vasca, tenendo una mano proprio tra le cosce e, spontaneamente, si carezzava il clitoride gonfio.
Renè continuòva rapidamente, tenendo le gambe rette e strette, per spingere il cazzo più in fuori possibile.
- Togli la mano e fammi vedere le tette! - lei non voleva ma lui insistette e minacciò di andare via senza farle vedere più niente. Giorgia l'accontentò. Tante volte l'aveva spiata, adesso i seni prorompenti della sorella erano tutti per lui, li toccò con le dita, carezzandoli, morboso.
- Vieni più vicino, adesso - comandò Renè e la ragazza non si volle opporre all'ordine del fratello, si vedeva che lo voleva troppo! A pochi centimetri dal pene, lo vide fermarsi.
- Eccolo, sto cacciando... - disse lui per pura libidine. Grosse gocce lattiginose schizzarono sui seni e sul viso di Giorgia, le prime erano piccolissime ma dopo arrivarono quelle più corpose e cocenti: lei voleva svenire per il piacere, così nuovo.

2

Tutto era cominciato così. Con la nonna sorda, per un mese i due si erano dedicati al sesso, come fossero impazziti. La loro stessa ingegnosità faceva da sprone a nuove scoperte. Giorgia cominciò a farlo sborrare con le seghe, per ritrovare il profumo di quello sperma che tanto l'aveva eccitata. Poi si fece coraggio: e iniziò a prenderlo in bocca; qualche giorno dopo, imparò a bere la sborra calda.
Impararono insieme a leccare e succhiare; il fratello ricambiava, toccava e suggeva bene fino a farla venire con le labbra e la lingua.
Renè era troppo giovane per crearsi problemi di erezione e così tenne una media di circa sei eiaculazioni, tra il giorno e la notte, che cercavano di passare insieme.
Ogni occasione era buona, le sporcava le mani, la bocca, ogni parte del corpo.
Dopo i primi giorni di giochi, una notte la raggiunse nel suo letto: però quella volta voleva di più.
Giorgia sapeva benissimo cos'era la verginità e ne temeva le correlazioni.
- Non ci pensare nemmeno – disse – dentro non te lo faccio mettere … -
- Allora te lo metto nel buco di dietro! - disse il ragazzo.
-Sei matto? – replicò la sorella sospettosa – mica si mette, lì? –
- Si che si mette, scema! Tutti i ragazzi cominciano così… - e si perse nel vago.
- Cosa vuoi dire? Anche tu lo fai? –
- Noi ragazzi, quando siamo da soli ci giochiamo… ci poggiamo il cosa dietro e spingiamo; l'ho fatto con Francesco, io. –
Mentre parlava, il maledetto si era già infilato sotto le lenzuola e le pressava il pene sui reni, per farle sentire quant'era duro.
- Ma solo poggiare, senza entrare nel buchetto? - disse mentre iniziava a sudare. I rapporti continuano la trattengono in un perenne stato di eccitazione, quasi fosse ninfomane.
- Solo poggialo, non entro, parola! - disse Renè mentre già le alzava la vestaglietta liberando il culo a mandolino di sua sorella.
Con perspicacia, Renè abbassò il viso fino al culo di lei: liberata dalle mutandine, iniziò a leccarla. Giorgia, si inarcò, per farsi lavorare anche in figa. Renè era bravissimo e iniziò a dedicarsi al buchetto e con la lingua ne apprezzò il sapore e l’odore aspro. Giorgia era sconvolta da quel piacere che non avrebbe immaginato di poter provare.
Si sentiva aperta, profanata e disponibile; lei stessa cominciò a desiderare ardentemente di provare cosa si sentiva durante la penetrazione, ma tacque.
Il fratello non era mai stato con un'altra. Da una parte ardeva per farsela, dall'altra non sapeva bene cosa lo aspettava. Ma il desiderio non ascoltava ragioni, a un certo punto, la fece stendere supina e le sali addosso, cercando di non pesarle troppo. Fece una serie di tentativi approssimativi, un paio di volte rischiò di scivolarle nella figa e per lei era difficile resistere alla tentazione. Poi riuscì a puntare l'ano, aiutandosi con le dita. Però diede un paio di spinte in modo sbagliato, procurandole una fitta e tanto spavento. Il cazzo era troppo duro e grosso per essere adoperato con legge-rezza.
Finalmente le mise il ghiandole nella fessura e la allargò in maniera repentina. Giorgia urlò e se lo tolse di sopra con uno spintone.
-Sei pazzo? Mi hai fatto maschio! - si voltò sul fianco, offesa e dolorante. Renè, mortificato, si ras insegnarono e si stese sul letto, sperando almeno in una sega liberatoria ma poi si addormentarono, sopraffatti dalla stanchezza.
Qualche ora dopo, il ragazzo si svegliò, ancora duro. Al suo fianco, Giorgia dormiva, iniziò a carezzarla tutta, approfittando che era già nuda.
Non rinunciò e, lubrificandola a forza di saliva, le puntò di nuovo il sedere.
Il buco, rilassato, era cedevole e comunque aveva risentito della botta della sera prima. Lui pian piano fece scorrere la ghiandola attraverso il suo prepuzio e le invase il culo.
Il giorno scoprirono che c'era del sangue sul lenzuolo e che era di Renè.
Nel rapporto violento gli si era spezzato il filetto del pisello e ancora gli faceva male. Il ragazzo era terrorizzato e non voleva nemmeno vederla, per paura di intostare.

3

La domenica successiva la nonna andò a messa e poi a pranzo dalla sorella. I ragazzi non riuscirono a resistere, ora che avevano rapporti completi, giocarono a “marito e moglie”. Giravano nudi per casa, spadellando, guardando la tele ma, soprattutto facendo sesso, continuamente, in ogni posto della casa e in ogni posizione.
Non si contarono le volte che vennero: insieme, o separatamente.
Passarono un'altra settimana di passione.
L'uso continuo rende il culetto di Giorgia completamente disponibile, morbido e arrendevole come una vagina. Il fratello poteva incularsela in qualsiasi momento della giornata, anche nel sonno qualche volta. Si passava un po’ di saliva sulle ghiandole e la montava immediatamente: lei per facilitarlo, girava sempre per casa senza mutandine. Le piaceva essere presa, anche controvoglia. Quasi incurante, della penetrazione anale, godeva a fare l'oggetto degli orgasmi di lui.
Qualche volta, Renè le arrivava alle spalle, magari in cucina, che già si stava masturbando perso nei suoi pensieri proibiti.
Allora Giorgia già sapeva cosa fare: si alzava la gonna e si chinava di quel poco che avrebbe reso scorrevole la penetrazione.
Se ne stava lì tranquilla, anche vari minuti a volte, finché dai movimenti del fratello e dal respiro, capiva che era quasi all'acme, allora si allargava le native con le dita in modo che il suo buco sfiancato fosse facilmente rintracciabile dal fratello, che entrava subito.
Entrava nella sorella all'ultimo momento, spesso non la inculava neppure una volta: entrava, come un treno in galleria, ed emetteva tutto il liquido, depositandolo nelle budella di Giorgia e lasciandola piena.
Lei nemmeno si puliva, si limitava a indossare gli slip e aspettava, continuando nelle sue faccende. Le piaceva ricordare ciò che il fratello le aveva fatto mentre sentiva la sua sborra che a fiotti discontinui, ritornava fuori, a volte scorrendo all'interno delle cosce.

4

-Ti ho detto di no! –
Erano nel letto e lui le era già sopra
- Mi fa male il culo, lo capisci? - Forse per le sollecitazioni, una pallina si era formata sullo sfintere e il loro ultimo rapporto aveva rotto l'emorroide.
- Allora lo metto davanti! - disse Renè, incapacità di rinunciare. Non riuscivamo a rassegnarci che tutto stava per finire.
Giorgia era pur sempre una donna e comunque si eccitava. Renè era in vantaggio, già tra le sue gambe aperte, col cazzo che voleva entrare.
I suoi 'No' divenivano sempre più fievoli, finché con un colpo solo, inarrestabile, il fratello la deflorò.
Il dolore durò un attimo, lancinante ma svanì presto.
Il piacere in vagina annientò la ragazza con un'onda elettrica: le bloccava il respiro.
Il fratello viaggiava deliziosamente su e giù e allargava il nido; lei si avvinghiava alle sue reni con le gambe alzate, per non perdere quel contatto lussurioso.
La chiavata durò a lungo, con languida e cadenzata monotonia.
Entrambi i giovani avrebbero ricordato quel piacere per sempre.
Senza bisogno delle dita, la vagina trasmise l’orgasmo a tutto il corpo.
Venne a lungo, orgasmi ripetuti, irrefrenabili e perse ogni contatto con la realtà. Renè, più preso di lei, a furia di colpi, si lasciare andare e sborrò nei meandri più profondi della sorella, con lunghe pompate.
La frittata era fatta!
Quando Renè lo tirò fuori, floscio, Giorgia corse al cesso per lavarsi e irrigarsi la figa, terrorizzata al solo pensiero delle possibili conseguenze di quel gesto irresponsabile.
La sorte fu benigna con i due ragazzi e, per un caso irripetibile, Giorgia non rimase incinta.
Il giorno dopo tornarono i genitori e tutto cambiò, definitivamente.

BENE

Giovanna, agosto 2013

Storie simili

La storia del sesso di Katrina Kaif Questa è la storia della ragazza più calda del culo Katrina Kaif. _(1)

Questa è la storia della ragazza più sexy Katrina Kaif. Una volta Salman e Katrina Kaif andarono in tournée negli Stati Uniti e di notte andarono in un pub a giocare a biliardo. Quando entrarono nella sala giochi videro che stavano giocando tre giganteschi negri. Quando sono entrati, tutti e tre i ragazzi hanno detto wow! Che cagna sexy nella loro lingua locale e il loro bastone sta a 90 gradi completamente eretto nei pantaloni. Katrina indossava una minigonna monopezzo celeste a strisce singole che mostrava le sue spalle complete fino alle tette e le cosce sexy. Hanno discusso tutti nella...

969 I più visti

Likes 0

Capirlo (ripubblicare)

Introduzione: come ho imparato a conoscere il sesso   Capirlo (Repost) Di Kim Categoria = giovane, maschio preadolescente, femmina preadolescente, storia vera, verginità Questa è una riscrittura di una storia che ho pubblicato diversi anni fa. Lo sto riscrivendo nel formato Lui pensava, lei pensava che diversi autori di questo sito hanno utilizzato di recente. Questo evento in realtà mi è successo quasi 20 anni fa. Ho preso un po' di licenza letteraria con quello che ognuno di noi stava pensando in quel momento. Come hai imparato a conoscere il sesso? A volte impariamo in Sex Ed a scuola, a volte...

1.6K I più visti

Likes 0

The Rogue's Harem Book 3, Capitolo 14: Promessa mantenuta

L'harem del ladro Libro Tre: L'Harem Appassionato Di The Rogue Parte quindici: Promessa mantenuta Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2018 Nota: grazie a WRC264 per la versione beta di questo. Capitolo quarantatré: Art's Reminder Aingeal - Il principato di Kivoneth, I conflitti di Zeutch Il corpo di vimini del levriero si sgretolò intorno alle nostre anime. Potevo sentire il corpo del povero procuratore disfarsi. La sovralimentazione del martello diamantato gli aveva inviato troppa energia. Il levriero non era un vero e proprio procuratore. Il fumo si alzò, il vimini prese fuoco. Cosa ci succede quando viene distrutto? ho chiesto ad...

1.3K I più visti

Likes 0

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Innocence Enslaved parte 1: Rude Awakening

Emily si svegliò lentamente, le palpebre pesanti. Aveva freddo e la stanza era più luminosa del solito. Era a disagio, la superficie sotto di lei dura e inflessibile... era caduta dal letto? Ancora assonnata, sbatté le palpebre un paio di volte e cercò di alzare una mano per strofinarsi gli occhi. Fu allora che si rese conto che non era nella sua stanza, e all'improvviso era completamente sveglia. Si rese conto di essere a faccia in giù su una specie di tavolo, i suoi ampi seni schiacciati dolorosamente contro la superficie fredda e le sue mani erano legate ai lati. Poteva...

1.9K I più visti

Likes 0

Dare piacere a una nonna. cap. 7

Dare piacere a una nonna. cap. 7 Alla fine della parte 6, Brenda ed io avevamo deciso che eravamo decisamente una coppia e l'avevamo festeggiato trascorrendo la notte insieme. Carol era stata molto più vicina a un pene di quanto si fosse aspettata e ora si stava preparando per il salto finale (se perdonate l'espressione). Ora continua a leggere: La vacanza di Carol, parte 3 settembre 2013 Carol arrivò intorno alle 10 del giorno successivo. Sembrava un po' nervosa e le sue prime parole furono pronunciate in modo conciso: Suppongo che voi due siate stanchi. Brenda ha messo un braccio intorno...

896 I più visti

Likes 0

Mamma che lavora 2

Mi chiamo Becky e se hai letto l'altra mia storia ho un figlio di 17 anni che si chiama Ryan. Dopo di lui ha cercato di ricattarmi per fargli fare un pompino e ha risposto al fuoco, beh, in realtà non è stato così, invece l'ho scopato. io non mi sono descritto molto bene nella prima storia, quindi ecco qualcosa su di me. Sono un avvocato (equity partner), sono di origini italiane e irlandesi decenti con capelli nero scuro sia in alto che in basso, sono 5'7 con una taglia del seno di 32C e una taglia 4 in vita ho...

996 I più visti

Likes 0

Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni. 'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina. 'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella...

889 I più visti

Likes 0

Estate infinita

Desmond aveva vissuto una vita idilliaca, e ne era ben consapevole. Era cresciuto con genitori premurosi, entrambi lavoratori e ciascuno considerato di successo nel proprio lavoro. Ha trascorso la maggior parte della sua infanzia da solo, ma ha capito, ha cercato di essere ragionevole. Lavoravano, lui andava a scuola, cenavano in famiglia quasi ogni sera e le loro vacanze in famiglia erano sempre divertenti e rilassanti per tutti. Avevano litigi meschini come fanno tutte le famiglie, ma lui era benedetto. Poi ha compiuto 14 anni. La famiglia perfetta è crollata intorno a lui. Ha trovato sua madre con un uomo, che...

942 I più visti

Likes 0

Testimoni di Geova

Storia di Fbailey numero 630 Testimoni di Geova Mary aveva vissuto accanto a me per sempre. Avevamo la stessa età ma non eravamo quasi mai stati insieme. Vedi, Mary è una testimone di Geova e non è autorizzata a mescolarsi con gente comune come me. I suoi genitori sono più potenti di te. Predicano costantemente la Bibbia e vanno sempre di porta in porta spingendo la loro religione sugli altri. Quando ho compiuto tredici anni mio padre mi ha aiutato a costruire una casa sull'albero dietro il nostro garage. Adesso a quattordici anni trascorro molto tempo là fuori, specialmente d'estate quando...

856 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.