Rapitore a noleggio

385Report
Rapitore a noleggio

Rapitore a noleggio.

Guardò la fotografia, memorizzando il viso e gli occhi finché non seppe che non poteva perderla in mezzo alla folla. La donna indossava un tailleur, con i capelli scuri che le scendevano oltre le spalle e gli occhi verdi. Se non fosse stato per il luccichio arrogante nei suoi occhi, l'avrebbe trovata davvero sorprendente.
Abbiamo un accordo? Le parole digitate sullo schermo del suo computer nella chat room privata in cui lui e il suo cliente avevano organizzato un "incontro". Questo modo di comunicare non solo era sicuro, ma del tutto discreto e anonimo.
Sì, ha risposto semplicemente, lo facciamo, 25.000 in meno e il resto alla consegna.
Concordato. Ricorda, non deve essere danneggiata in modo permanente, ma voglio che sia umiliata in ogni modo possibile.
Inteso. Ti contatterò una volta terminato il lavoro per le modalità di pagamento e le opzioni di consegna. Si fermò e si disconnette da Internet nella squallida camera d'albergo, spegnendo il suo portatile. Dopo averlo riposto nella custodia, guardò di nuovo la foto e si alzò, dirigendosi verso la porta.

Rimase appoggiato al taxi come se fosse lì da qualche tempo, a prendersi una pausa. In effetti, si era fermato solo pochi istanti prima davanti all'enorme edificio di uffici. Era notte fonda e dalle sue osservazioni sapeva che lei se ne sarebbe andata da un momento all'altro.
E infatti, eccola lì. Alta e magra, con una figura atletica, uscì a grandi passi dalle porte automatiche dello studio legale con una gonna e una giacca color moka, tacchi a spillo abbinati che tintinnavano rabbiosamente sul cemento.
Mentre si avvicinava vide che un braccio lottava con le sue borse pesanti e l'altro teneva un cellulare all'orecchio.
“Da quando ci importa se il cliente è colpevole, siamo pagati per farlo assolvere. Se non tiri fuori la testa dal culo, non diventerai mai socio." Chiuse il cellulare e lo mise nella borsa. "Puntura."
Alzò lo sguardo e notò che un uomo stava attraversando la strada dal lato opposto e si affrettò a precederlo per raggiungere il taxi. Si sono incontrati nello stesso momento, entrambi volevano un passaggio in due direzioni diverse.
"Senti, stronzo, io sono un avvocato, quindi a meno che tu non voglia avere una causa tra le mani..."
L'uomo alzò le mani sulla difensiva e indietreggiò in una ritirata tattica di scusa.
"Tranquilla signora." Disse, scuotendo la testa mentre si voltava alla ricerca di un altro taxi.
"Non la pensavo così." Si voltò e lanciò uno sguardo fulminante all'uomo che credeva fosse il tassista, scaricando le valigie davanti a lui. “Sbrigati a mettere le valigie in macchina, non ho tutto il giorno. E smettila di fissarmi il culo. Si fermò per accendersi una sigaretta, scuotendo la testa con disgusto. "Che giornata del cazzo."
Lui alzò le spalle e aprì il bagagliaio, assicurandosi che lei non lo seguisse. Sollevando il coperchio gettò le borse sopra l'attuale occupante, guadagnandosi un sordo grugnito di dolore.
Non riuscì a sentirlo, né a notare la rapidità con cui il tassista chiuse il coperchio. Invece, espirò una nuvola bianca di fumo che sembrò calmarle i nervi. “Almeno ho avuto un colpo di fortuna oggi. Hai idea di quanto sia difficile trovare un taxi in questa parte della città, a così tarda notte?"
Lanciò la sigaretta mezza fumata in direzione del bidone della spazzatura più vicino e si chinò per salire sul taxi.
Lui si avvicinò a lei, estrasse l'ago ipodermico dalla tasca della giacca e tolse il cappuccio.
"Forse oggi è il tuo giorno fortunato." Disse, premendo la punta attraverso la gonna attillata nella parte posteriore ben arrotondata. Lei sussultò per la sorpresa e si voltò verso di lui, con gli occhi già rivolti all'insù.
"Che diavolo..." riuscì a dire prima di scivolare fiaccamente sul pavimento del sedile posteriore.
"Poi di nuovo, forse no."
Si guardò intorno per essere sicuro che nessuno lo avesse visto e poi chiuse la porta dietro di sé.

Ore dopo il taxi è stato trovato dalla polizia sotto un ponte, il legittimo conducente legato, imbavagliato e intontito nel bagagliaio a causa di una sedazione simile che aveva ricevuto, ma per il resto non era in condizioni peggiori.

Si svegliò ore dopo, a miglia di distanza da dove si trovava, nel buio più totale, o almeno così sembrò. Infatti era bendata, imbavagliata e legata mani e piedi. Era rimasta sdraiata sul fianco destro abbastanza a lungo che il braccio corrispondente era diventato insensibile. Girandosi si ritrovò distesa su una specie di pavimento e cercò di sedersi.
Fu allora che sentì la voce.
"Non aver paura." La consigliava meccanicamente e molto vicino al suo orecchio sinistro. Si voltò d'istinto, ma non riuscì a vedere nulla attraverso lo spesso tessuto della benda. "Sei stato rapito e sei trattenuto per un riscatto."
L'oratore le diede un momento per riflettere su questo. "Faremo un video di riscatto da inviare al tuo studio legale, hai capito?" Lei annuì, alzando lo sguardo alla cieca nella direzione della voce sorprendente.
“Ti slegherò le caviglie per permetterti di camminare, ma non pensare che non potrò legarti di nuovo se resisti, capito?” Un altro cenno.
"Ora", disse, il freddo della lama di un coltello che le sfiorava la caviglia le fece tremare tutto il corpo. "Voglio che ascolti con molta attenzione." Il pesante tessuto avvolto attorno alle sue gambe cadde con un colpo del coltello e lei avvertì una fitta di dolore mentre la sensazione si riversava anche da quella zona del suo corpo.
La aiutò ad alzarsi e lei si rese conto di essere scalza per la prima volta. Ora che ci penso, non riusciva a sentire i suoi collant, o le mutandine se è per questo.
“Ti accompagno verso una sedia dove possiamo filmarti, hai capito? Bene. Ora siediti." Si sistemò obbedientemente sulla sedia, spostandosi finché non riuscì a trovare un posto comodo per le sue braccia, dato che erano legate dietro di lei.
“Abbiamo una sceneggiatura che vogliamo che tu legga ad alta voce davanti alla telecamera, capito? Bene."

Qualche istante dopo si sedette sulla sedia dallo schienale rigido, con le braccia legate allo schienale, le gambe divaricate e legate alle caviglie e alle ginocchia della sedia. Non sapeva che la sua vagina nuda si vedeva dall'angolazione della telecamera esistente ed era in bella vista durante l'intera registrazione. Notò l'orologio digitale sul tavolo accanto a lei, con le lettere e i numeri rosso vivo appena visibili nella luce abbagliante.
La sua camicetta era scomparsa insieme al reggiseno e il suo seno sodo era nascosto solo dalla giacca del completo, abbottonata solo sul fondo, consentendo una vista molto allettante del suo petto. Le erano stati tolti la benda e il bavaglio e strizzò gli occhi alla luce dei riflettori puntati su di lei, cercando di leggere il copione che aveva in grembo.
“Sono stato rapito e i miei rapitori vogliono due milioni di dollari in fatture non contrassegnate e non sequenziali consegnate all'indirizzo incluso in questo video. Hai tempo fino a mezzanotte di domani sera per farlo o affrontarne le conseguenze.
Alzò lo sguardo verso le luci, cercando di individuare il suo rapitore nell'ombra che si trovava oltre. "Quali conseguenze?" Chiese, non sicura di volerlo sapere. All'improvviso un panno maleodorante le scivolò sulla bocca e sul naso e più che le luci si spensero.

Si svegliò con qualcuno che le dava una pacca gentile sulla guancia, la guancia del culo. È stata bendata e imbavagliata di nuovo, questa volta legata in posizione eretta, con le braccia e le gambe aperte a forma di "X". La prima cosa che notò fu che indossava di nuovo i tacchi alti, e si rese subito conto di quanto fosse difficile trovare l'equilibrio con loro nella sua situazione attuale.
La seconda cosa che notò fu che la sua figa prudeva. In particolare le prudeva l'area intorno alla vagina, come quando aveva iniziato a radersi la zona bikini. Non ebbe molto tempo per rifletterci prima che la benda le venisse tolta dalla testa e lei fosse improvvisamente esposta a quelle stesse luci dolorosamente intense.
"A quanto pare il tuo studio legale non ci prende sul serio, perché non hanno fatto la consegna." Forse le sue pupille si stavano restringendo, ma i suoi occhi si spalancarono per la paura alle parole dall'accento meccanico.
"Che cosa?" Anche lei sussultò quando il bavaglio fu rimosso. “Perché non dovrebbero, sono uno dei loro migliori avvocati. Uno dei loro migliori, dannatamente." Era allarmata, chiaramente cercando di capire cosa diavolo avrebbe potuto impedire loro di soddisfare le richieste.
"Non è il mio problema." Disse semplicemente la voce, all'improvviso proprio dietro di lei, pericolosamente vicina al suo orecchio destro questa volta. “Ma è tuo. Questa volta, quando parli con la telecamera, voglio che tu dica loro cosa ti sto facendo, e poi ripeti quello che ti dico. Inteso?"

Un attimo dopo sussultò quando una mano ruvida scivolò lentamente dal suo ginocchio sinistro e fece il suo lento viaggio lungo l'esterno della sua coscia. "Digli cosa sto facendo." La voce sussurrò aspramente, molto vicino al suo orecchio.
"Lui è... ha la sua mano sulla mia gamba, la sta facendo scorrere su e giù... oh, Dio, la sua mano è dentro le mie gambe, mi sta stringendo il culo, mi ha appena leccato il collo... ooh, basta , Per favore..."
"Diglielo."
"Ha appena infilato l'altra mano nella mia giacca, oh Dio, mi palpeggia, mi pizzica i seni..."
"Ora digli che se non mandano i soldi entro le prossime sei ore, ti violenterò e gli manderò il film." - sussurrò, stuzzicandole il lobo dell'orecchio con la lingua.
"Oh, Dio! No, per favore!"
"Diglielo."
"Dice che mi violenterà se non mi mandi i soldi entro le prossime sei ore, per favore manda i soldi, manda i soldi prima che mi faccia del male, è pazzo." Le sbottonò la giacca ed espose il suo petto alla telecamera, tirando indietro la giacca abbastanza da poterle palpare liberamente il seno impunemente mentre con l'altra mano trovava la sua vagina.
"Mi hai rasato la figa!" Lei esclamò, poi il suo viso arrossato diventò bianco per lo shock e la paura quando le dita di lui trovarono la strada nelle pieghe della sua vagina. "Per favore, manda i soldi, manda quei maledetti soldi!"
Qualcosa di tagliente le diede un colpo nel culo e sentì il mondo scivolare via ancora una volta.

La volta successiva si svegliò con una sensazione molto piacevole. Entrambi i suoi capezzoli erano eretti e qualcuno ne stava succhiando uno. Lei gemette, i suoi sensi ritornarono lentamente attraverso la nuvola di sedativo in via di estinzione. La sua vagina era calda e avrebbe voluto fare le fusa di gioia mentre le sensazioni la attraversavano.
Iniziò ad avvolgere le gambe attorno al suo amante e scoprì che non poteva muoverle. Quando riprese completamente conoscenza scoprì di essere sdraiata sulla schiena, con le braccia legate insieme, sopra la testa. Il suo amante era tra le sue lunghe gambe, così che erano drappeggiate attorno a lui e legate insieme da un corto cappio di stoffa alle caviglie.
Era bendata, ma il bavaglio era ancora una volta assente. Dal modo in cui le stava accarezzando il corpo, poté immediatamente dire che questa volta le aveva tolto completamente i vestiti. A quel pensiero fu improvvisamente e spaventosamente riportata alla realtà.
"La telecamera è sopra di te," affermò la voce distorta prima che potesse sfogare il suo grido di orrore. "Dì loro solo che ti scoperò o ti torturerò ogni ora finché non soddisferanno le nostre richieste." Premette la punta del pene contro la sua vagina calda e umida per dare enfasi. "Ogni ora allo scoccare dell'ora, e lo filmerò ogni volta perché possano vederti soffrire."
"Oh, Dio, oh Dio, per favore..."
"Diglielo." Si chinò e cominciò a leccarle i capezzoli orgogliosi con dedizione.
"Uh... dice di mandare i soldi, perché non avete mandato i soldi? Non vedete che mi violenterà? Non vedete voi, mucchio di stronzi insensibili..." Affondò lentamente , l'ampia punta della sua asta invade i suoi tessuti più morbidi in incrementi.
Lei si tese, afferrandogli il corpo con le gambe, stringendogli i fianchi e la parte bassa della schiena con tutte le sue forze, ma questo non fece altro che rallentare i suoi progressi. Aprì la bocca per urlare con tutto ciò che valeva, ma la trovò soffocata da un gomitolo di stoffa che colmò immediatamente il vuoto.
Sentì il suo peso spostarsi e urlò nel bavaglio mentre lui le sussurrava all'orecchio, mentre il pene si muoveva ulteriormente dentro di lei.
"È ora di mantenere la mia promessa e di procurarmi un po' di fica da avvocato. Ti spiace se mi avvicino a quella fica?"

Si svegliò di nuovo con una scossa di corrente elettrica che la attraversava come la lama di un coltello frastagliato, e urlò nel bavaglio. Dopo qualche secondo lo shock cessò e lei si accasciò contro quello che sembrava un tavolo o un piano di lavoro, esausta anche per così breve tempo.
"È passata un'ora." Disse la voce, e lei si accorse di qualcosa attaccato a ciascuno dei suoi seni e alle pieghe della sua vagina. "È scioccante come vola il tempo, non è vero?" Questa volta è svenuta da sola.

Questa volta si svegliò con un leggero mal di testa, ma divenne più rapidamente consapevole della sua situazione. Inspirò e cercò di sedersi, ma si trovò con le braccia e le gambe legate e distesa su una specie di materasso. Era sdraiata sulla schiena, braccia e gambe legate con lo stesso materiale che le impediva di muoversi, ma che in qualche modo non lasciava segni crudi sulla sua pelle.
La benda era ancora lì, ma il bavaglio era sparito come prima.
Fu immediatamente sorpresa che la sua figa non le facesse male, così come il suo seno, anche se il suo ultimo ricordo era stato l'incredibile dolore che aveva lasciato il suo corpo inarcarsi e contorcersi in agonia.
Si chiese distrattamente se fosse passata un'altra ora. Qualcosa di umido e caldo premette contro il suo buco del culo e lei sussultò quando qualcosa di solido e duro fu premuto attraverso la piccola apertura.
"Ti ho fatto un clistere e ti ho lubrificato per renderlo più facile." La voce meccanica la informò. "Si chiama butt plug e questo in particolare è piuttosto grande." Continuò a lavorarci sempre più in profondità finché lei non urlò la sua protesta.
"Smettila, fottuto stronzo! Smettila!"
"Urla quanto vuoi, sei stato trasferito in un luogo fuori città dove nessuno ti sentirà." Una volta che il plug anale le ebbe riempito il culo, si fermò, le mani tornarono un attimo dopo con altri oggetti. Riconobbe subito la sensazione di un vibratore premuto contro la sua carne tenera e fissato in posizione. Si tese e si rilassò in rapida successione, abbastanza certa di poter sopportare quella particolare tortura. I fermagli per capezzoli trovarono ciascuno dei suoi seni e iniziarono a canticchiare la loro dolce melodia di piacere.
Qualche istante dopo sentì una porta chiudersi e rimase sola con i suoi stimoli meccanici. I minuti passavano e lei poteva sentire i vibratori riscaldarla da un'estremità all'altra nonostante i suoi migliori sforzi per ignorarli. Sospirò, il suo petto si sollevava mentre la vibrazione aumentava di ritmo a causa di un timer nascosto.
Più il tempo passava, meno riusciva a resistere alla stimolazione e si ritrovava a tendersi e a contrarsi,
cercando di posizionare il vibratore nel punto perfetto proprio sotto il clitoride.
Non era che si fosse dimenticata di essere prigioniera, nemmeno lontanamente, ma se voleva essere legata e scopata, tanto valeva che andasse così. Sentì tremare i fianchi, le cosce e poi l'addome con una passione crescente che non riusciva a controllare. Ansimò e ansimò ancora, cercando di trattenerlo, e poi alla fine si arrese, con la bocca aperta per l'estasi. In quel preciso momento i vibratori furono spenti e lei sussultò suo malgrado per l'improvvisa perdita di slancio piacevole.
Il suo bacino si inclinò verso l'alto quando il suo desiderio raggiunse i suoi limiti e proprio mentre stava entrando nei primi colpi di un orgasmo potente e non richiesto fu colpita in pieno petto con un secchio pieno di acqua ghiacciata. Immediatamente il suo orgasmo si trasformò in uno shock gelido e lei gridò di dolore. Fu allora che sentì una risata distorta e alterata provenire da vicino e una mano le fu premuta sulla bocca e sul naso.
Con il corpo tremante dal freddo cercò di combattere, ma con l'altra mano le teneva i capelli sciolti e le impediva qualsiasi reale resistenza. Proprio prima di svenire lo sentì sussurrare: "Ci vediamo tra un'ora, stronzo".

La prossima volta che si svegliò, ebbe una sorpresa. Le aveva dotato di un collare shock telecomandato fatto di cuoio spesso con una pesante fibbia sul retro. La guidò bendata attraverso diverse stanze fino a raggiungere la loro destinazione e rimosse il telo.
Davanti a lei c'era un'asse rialzata e sospesa con una corda a ciascuna estremità. Le disse che se non avesse seguito esattamente le sue istruzioni, l'avrebbe lasciata a cavalcioni per tutta la notte, causandole molto dolore.
Le avrebbe legato le mani al soffitto e le caviglie insieme e si sarebbe assicurato che i suoi piedi fossero troppo al di sopra del suolo per sostenerla.
Avrebbe cavalcato quel pony di legno tutta la notte. Lei acconsentì prontamente a fare qualunque cosa lui le chiedesse, almeno finché lui non le avesse detto esattamente cosa voleva.
Sembrava che avesse assunto una prostituta per quella sera con l'accordo che avrebbe leccato la giovane prostituta fino all'orgasmo. Lei ha subito cambiato idea e per il suo rifiuto è finita in testa alla classifica.
Con sua grande sorpresa scoprì che aveva un cuscinetto di neoprene avvolto attorno, il che significava che, per quanto le facesse male sostenere il suo peso su quella stretta sezione di legno, non avrebbe lasciato nemmeno un piccolo livido.
Ha fatto male, ha fatto molto male.
Meno di un'ora dopo cedette e accettò, con le lacrime che le rigavano il viso mentre si arrendeva. Pochi minuti dopo apparve la giovane ragazza, non molto più che diciottenne, non così carina come avrebbe potuto immaginarla. Immaginò di aver dato per scontato il concetto hollywoodiano di prostituta.
La condusse dal suo avvocato prigioniero e la presentò con un altro nome e i due si strinsero la mano come conoscenti casuali, senza alcun accenno a ciò che stavano per fare l'uno per l'altro.
La ragazza la guardò con sguardo fisso e si sedette impassibile sul letto di fronte a lei, appoggiando la schiena sui gomiti.
Si stupì che la sua nudità non sembrasse influenzare la ragazza, poi decise che il suo rapitore doveva averle detto ogni genere di cose sulla sua lei e sui suoi gusti sessuali. Fece una smorfia e toccò pensierosa il colletto.
Le sue istruzioni erano semplici: se non voleva che lui la sconvolgesse, allora avrebbe fatto quello che le era stato detto. Lei lo guardò e lui annuì nella direzione delle prostitute.
Lo scambio non è sfuggito all'attenzione della prostituta e lei si è abbassata e ha tirato su la gonna per rivelare le sue parti intime ben rasate.
L'avvocato si chinò davanti alla ragazza lentamente, con la cautela con cui si sarebbe avvicinato ad un animale pericoloso. Certo, ci aveva pensato anni prima, al college, ma... La ragazza sorrise: "Un po' timida per essere una scambista, vero?" La prostituta allargò ancora di più le gambe e le sorrise in attesa. "Non mi faccio fare da una ragazza così spesso, dovrebbe essere carino."
Si inginocchiò davanti alla giovane bionda e si sporse in avanti, aprendo la bocca man mano che si avvicinava alla prostituta. La ragazza si abbassò e allargò le labbra della propria vagina per la bruna. Entrambe le donne chiusero gli occhi, anche se per ragioni diverse.
Diede una leccata esitante alla carne rosa esposta e si ritirò immediatamente, alzando lo sguardo verso il suo rapitore. Lui rimase dietro di lei, ancora nell'ombra dove lei non riusciva a distinguere i suoi lineamenti. Le fece cenno di continuare, tenendo in mano la macchina fotografica per tutto il tempo.
Si leccò le labbra e scoprì di aver scoperto un nuovo sapore, aveva un sapore piccante, ma non del tutto sgradevole. Si chinò per leccarlo ancora e poi ancora. La ragazza gemette e invertì l'angolazione, lavorando sul solco con più dedizione. La bionda piagnucolò e sospirò e lo sentì avvicinarsi dietro di lei.
Sentì la sua figa riscaldarsi mentre iniziava a entrare nel flusso delle cose, sentendo lei stessa ciò che stava guardando accadere davanti a lei. La ragazza si tirò su la maglietta e cominciò a lavorare forte e velocemente i propri capezzoli finché l'avvocato non sentì i suoi diventare duri solo a guardarla.
Entrambi ansimavano di desiderio e all'improvviso lei si ritrovò a toccarsi la figa, con l'altra mano la sua stessa figa. Dietro di lei le schiaffeggiò la mano e spinse un vibratore nell'accogliente fessura nella sua tenera carne. Sospirò e ingoiò il fluido piccante con piacere pieno di sorpresa.
Il vibratore ronzava dolcemente nella sua figa e lei si gettò nel lavoro che le era stato assegnato con un gusto che non sapeva di avere.
Non più di cinque minuti dopo la prostituta tremò per un potente orgasmo, le lacrime le salirono agli occhi mentre guardava il suo riluttante benefattore. Pochi secondi dopo anche l'avvocato era in preda all'orgasmo. Concesse alla coppia qualche momento di estasi, poi la fece alzare in piedi e ordinò loro di sedersi sul letto, uno di fronte all'altro.
Si ritrovarono schiena contro schiena, i culi in aria con uno spesso vibratore a doppia estremità in mezzo a loro. Entrambe le ragazze sussultarono di lussuria mentre lui infilava ciascuna estremità e lasciava che si occupassero del resto. Ben presto i due cominciarono a dare il loro peso nella relazione, i corpi che si contorcevano, il respiro che arrivava in brevi raffiche estatiche.
Stando indietro, guardò mentre si scopavano schiena contro schiena, facendo del loro meglio per forzare il vibratore in profondità dentro di loro e riuscendo a far godere l'altro allo stesso tempo. Alla fine ebbero un altro paio di orgasmi e lui li separò immediatamente, pagandola prima che potessero anche solo salutarsi.

Questa volta quando si svegliò la sua lingua e la testa le facevano male. Si ritrovò immediatamente in piedi, con le braccia tese e legate da qualche parte in alto sopra di lei, così in alto che poteva raggiungere il pavimento con non più di una o due dita dei piedi alla volta. La tensione sulle sue braccia non era l'unica cosa che notò. Qualcuno le aveva sollevato la gamba destra e le aveva inserito qualcosa di lubrificato nel culo. Si rese conto che era stato quello a risvegliarla dal suo sonno indesiderato. Il bavaglio era ancora sparito, ma restava la perenne benda.
"Ancora senza soldi, signora legale, immagino che potrò godermi di più il tuo bel culetto."
"Mi fa male la testa, mi sembra di non fumare una sigaretta da giorni." - sussurrò, sentendosi svenire. "Per favore, lasciami una sigaretta."
"Hmm. Se mi succhi il cazzo abbiamo un accordo. Che ne dici, un pompino per una sigaretta?"
"Mettiti a terra, stronzo!" Lei urlò di rimando, contorcendosi e sputando alla cieca nella direzione della voce.
Non è stata data alcuna risposta, ma il suo rapitore le ha dato uno schiaffo sul sedere abbastanza forte da farle male per diversi minuti.
"Stai fermo, o ti scopo proprio qui."
Fece come le era stato detto, sapendo che non c'erano alternative.
L'oggetto lubrificato nel suo sedere si rivelò essere un vibratore ruvido che fece vibrare istantaneamente le ossa del suo bacino con il suo slancio agitato. Subito dopo le labbra della sua vagina si aprirono e qualcosa di intensamente freddo fu spinto dentro. Lei urlava e si dibatteva, ma le sue gambe venivano strette insieme e legate strettamente alle ginocchia, mantenendo effettivamente incastrati sia il giocattolo nel culo che il cubetto di ghiaccio nella figa.
Rimase sola nella stanza, urlando a squarciagola per chiedere aiuto a chiunque fosse disposto ad ascoltarla. Nessuno lo ha fatto.

Sedici ore dopo lei era inginocchiata davanti a lui, fissando un pene completamente eretto. Negli ultimi giorni aveva sopportato umiliazioni sufficienti a durare mille vite. Svanito il suo orgoglio, sedeva con le caviglie legate da un breve pezzo di stoffa, un vibratore vibrante tra le gambe che sfiorava il bordo del suo manicotto corto di peli vaginali scuri.
Con le mani sciolte, stava stringendo a coppa il suo pene lungo e duro con entrambe le mani, accarezzandolo e massaggiandolo ancora più forte nel suo sforzo di compiacere il suo rapitore. Tutto ciò che contava davvero per lei a quel punto era la prossima dose di nicatina.
Sapeva che il collare elettrico allacciato attorno al suo collo era più che capace di farla perdere i sensi, ma solo dopo che l'elettricità era penetrata attraverso di lei abbastanza da inabilitare e debilitare qualsiasi tentativo di fuga.
Così lo succhiò come le era stato detto, ascoltando i gemiti meccanici che di tanto in tanto le scappavano sopra. Il vibratore ronzava sotto di lei e dopo circa dieci minuti sentì che cominciava a muoversi con esso, cominciava a godersi il movimento. Non è che non avesse mai fatto un pompino prima, al college era famosa per questo, ma questo era diverso, erano affari.
Doveva trovare la sua soluzione.
Lei continuò a succhiare e leccare il suo membro duro e grosso con una ferma determinazione a farlo venire. Questo era l'accordo. All'improvviso si staccò da lei, girandola e spingendola verso il pavimento. Ancora inginocchiata, trovò il sedere in aria verso di lui.
"Solleva il sedere e ti do due sigarette." La voce promise. Fece come le era stato detto e sentì il suo cazzo duro immergersi dolcemente, in modo uniforme finché il suo bacino non fu contro il suo sedere. Lo fece entrare e uscire dalla sua figa costantemente, trovando un ritmo e trattenendolo. Dieci minuti dopo era sdraiata sulla schiena, con una mano legata alla colonna del letto e l'altra che si faceva entrare e uscire una sigaretta dalla bocca. Poteva ancora sentire il suo sperma fuoriuscire dalla sua figa, scivolando lungo l'interno delle sue gambe nude e gommose, ma non le importava. La sigaretta era piacevole, migliore dell'orgasmo che avevano condiviso solo pochi minuti prima.

Di volta in volta, ora dopo ora, lei lo succhiava fino a prosciugarlo, o veniva appesa per essere sbattuta, o costretta a sedersi su un grosso plug anale, o rimaneva scioccata. Solo quando lei glielo succhiava lui le permetteva un orgasmo, o una pausa per il bagno, o qualcosa da bere. Lei si svegliava pulita, faceva la doccia, si pettinava i capelli, si lavava i denti, poi lui la scopava di nuovo. Le premette il panno sulla bocca e sul naso dopo una serie di orgasmi particolarmente potenti e la fece perdere i sensi ancora una volta. Alzandosi, lasciò la stanza per ripulirsi e preparare l'ultima sezione del video per il suo cliente.

Si svegliò di nuovo per quella che sembrò essere la centesima volta, completamente riposata e rilassata. Sbadigliò e si stiracchiò. Per qualche ragione questo la sorprese. Aprì gli occhi e fissò il soffitto e anche questo la sorprese. Si sedette e si ritrovò in una stanza d'albergo, una bella stanza peraltro. Guardò sotto il lenzuolo e confermò il fatto che era completamente nuda, ma per il resto libera. Si guardò attorno, ricordando distintamente che gli ultimi giorni erano stati un'esperienza orribile, torture, stupri e crudeltà oltre la sua immaginazione.
Si esaminò a turno ciascun polso e poi gettò via le coperte, cercando segni evidenti di come era stata trattenuta, ma non ne trovò. Allargando le labbra della figa si toccò ma scoprì che non era affatto dolorante. Le faceva male il sedere, ma non c'era nessuna lacerazione del tessuto, nemmeno un segno. L'unico motivo per cui sapeva con certezza che non era stato un sogno era il fatto che i suoi peli pubici erano stati rasati. Era ancora molto breve e la portava a credere di non essere uscita da più di qualche ora dal suo rapimento, ma niente di tutto ciò aveva senso.
Evidentemente quello stronzo si è divertito a violentarmi, a torturarmi, altrimenti non mi avrebbe trattenuto così tanti giorni, ma perché avrebbe dovuto lasciarmi andare così? Si chiese, alzandosi lentamente e attraversando la stanza fino al grande specchio sopra un comò decorato.
Gli unici segni sul suo corpo oltre ai segni dell'abbronzatura erano tre piccoli segni di ago vicino all'interno del gomito sinistro, e la pelle era tenera al tatto. Sentì bussare alla porta e si guardò intorno in cerca di qualcosa da indossare.
Trovando un accappatoio guardò fuori dallo spioncino e vide un paio di agenti di polizia. Spalancando la porta esclamò: "Sono felice di vederti!"
I due agenti delle forze dell'ordine si scambiarono un'occhiata e si fecero avanti prendendola per le braccia.
"Noi, sei in arresto."

Il giudice si appoggiò allo schienale della sedia, aprendo lentamente il pacco ed estraendo il DVD fatto in casa. Lo inserì nel suo portatile e abbassò il volume in modo che nessuno al di fuori del suo ufficio potesse sentirlo.
Dopotutto era la prova di un rapimento, stupro e tortura particolarmente crudele e disumano.
Partì la riproduzione del dvd e subito vide l'avvocato 36enne che implorava il salvataggio dei suoi rapitori, chiedendo un riscatto di due milioni di dollari.
Le torture erano orribili, umilianti e la lasciavano priva di sensi più e più volte, ora dopo ora. Si spostò sulla sedia, un'erezione che si gonfiava dove nessuno avrebbe dovuto averla.
Dopotutto era carina, nuda, appesa, legata al letto, legata in ginocchio, con un seno grande e un culo molto carino. Si era spesso chiesto che aspetto avesse quel corpo sotto i suoi abiti da lavoro quando si trovava nella sua aula di tribunale, e ora lo sapeva.
La guardò con un'erezione pulsante, mentre scopava una prostituta, facendole rimbalzare il sedere, e poi dando una testa al suo rapitore per il lusso di una sigaretta. Troppo presto il DVD finì e lui rimase seduto nella stanza da solo, a fissare lo schermo del portatile.
Sollevò il giornale dalla scrivania e sorrise mentre leggeva ancora una volta il titolo. Avvocato di spicco arrestato per mancata comparizione durante un caso di alto profilo, arrestato in un grattacielo locale. Lei sostiene che durante il periodo di scomparsa è stata rapita e torturata da un maschio non ancora identificato.
La polizia ritiene la sua storia sospetta poiché aveva tracce di eroina nel sangue. Attualmente è agli arresti e affronta l'accusa di mancata comparizione e ostruzione alla giustizia.
Si sedette e rise tra sé, pensando a quante volte lei era stata arrogante in sua presenza, ostentando il suo potere e la sua influenza. Bene, non di più. Adesso avrebbe preso solo i dolci. Lui annuì, si accese un sigaro e ridacchiò. Quel rapitore su commissione valeva ogni centesimo.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.