Per sempre capitolo 5

715Report
Per sempre capitolo 5

Abbraccio




Conoscevo l'A.I. stava pianificando l'assalto finale alla mia colonia. Sapevo che si sarebbe mosso contro l'ultimo progetto di robot assassini che mi prendeva di mira.

Rimasi seduto ad aspettare, pensando all'inquietante svolta degli eventi che si erano verificati nell'ultima battaglia. Perché questo robot mi è sembrato familiare? Come mai l'A.I. iniziato a inviare robot d'attacco a forma di corpo femminile dopo la mia persona? Presupponeva che non avrei combattuto e distrutto una forma femminile? A rosicchiarmi c'era questa sensazione inquietante di sapere chi fosse che continuava ad attaccarmi con tale vigore.

Abbassai lo sguardo sulla vecchia foto che avevo ancora del mio amore Marina. L'immagine era diventata calda, sbiadita, si erano formate diverse pieghe ma era ancora il mio amore. Delicatamente ho tracciato le linee del suo corpo, immaginando la mia mano che correva ancora una volta lungo il suo sexy tatuaggio. Immaginai le mie dita che le sfioravano delicatamente i capelli di lato. La fissai a lungo negli occhi. Anche se la foto era sbiadita, i suoi occhi mi attiravano ancora.

Ho pianto dolcemente, qualcosa che non facevo da anni.

“Mi dispiace così tanto Marina per averti ferito. Dopo tutti questi anni quel dolore è ancora reale, è ancora nel mio cuore. Vorrei poterti guardare negli occhi e dirti quanto mi dispiace. Vorrei poterti dire un'ultima volta ti amo. Prego ogni giorno che tu sia al sicuro... anche se... "

Le lacrime mi rigarono le guance mentre la mia vista si annebbiava. Potevo sentire la parte disumana del mio essere che non capiva cosa stava succedendo al mio corpo. Ho tenuto la foto di Marina vicino al mio cuore, chiudendo gli occhi, "Per favore... perdonami."



Pochi istanti dopo ci fu un'esplosione, poi un'altra e un'altra ancora. Il campanello d'allarme è suonato quando ho sentito la gente accorrere pronta a difendersi fino all'ultimo.

Mi alzai, asciugandomi le lacrime dagli occhi. Poi ho messo la foto di Marina nel marsupio che avevo costruito sul mio cuore. Nel corso degli anni avevo imparato molte applicazioni creative con i naniti fusi con il mio corpo.

Camminando con un'andatura regolare, attraversai la porta e uscii nel recinto. Non mi ha sorpreso che l'A.I. non aveva mosso sciami contro di noi. Aveva imparato molto rapidamente la facilità con cui potevo prenderli o contrastarli.

Le esplosioni sono esplose tutt'intorno a me mentre camminavo verso il ponte, l'unico punto di accesso per i robot assassini che sapevo stavano venendo a prendermi. Il mio scudo barriera ha protetto la mia persona dalle schegge che hanno iniziato a far cadere alcuni dei resti dell'umanità.

Ho formato la mia mano destra in una lama di diciotto pollici, tracciando una linea nella sabbia. Rimasi in piedi, aspettando.

"Bot assassini!" Ho sentito gridare durante tutti i combattimenti. Fissando lo stretto ponte ho visto il primo luccichio dei robot. Il loro campo di occultamento li teneva nascosti dal normale campo visivo degli umani, ma potevo vedere le pulsazioni del campo intorno a loro. Ne ho notati quattro all'estremità del ponte, ma solo tre si sono precipitati dall'altra parte.

Mi sono preparato per l'assalto febbrile mentre li guardavo correre attraverso il ponte. Potevo vedere il luccichio delle loro braccia metalliche con spada da combattimento. Con la conoscenza e la tecnologia a disposizione dell'A.I. L'avevo ridotto a brutali attacchi corpo a corpo.

Appena prima che i primi due fossero nel raggio d'azione, ho creato uno scudo a forma di triangolo sul mio braccio sinistro; qualcosa di nuovo che stavo salvando. Ero sempre stato in grado di stare al passo con l'A.I. grazie alla mia creatività unica.

Entrambi i robot lasciarono cadere i loro mantelli contemporaneamente, quello a sinistra balzò in aria mentre quello a destra si spostò ulteriormente a destra. Ho fatto un passo a destra seguendo il movimento di quel robot assassino. Con un solo affondo la mia lama ha penetrato quel robot attraverso il suo corpo, interrompendo tutte le sue funzioni motorie.

Allo stesso tempo ho bloccato con successo l'attacco degli altri robot alla mia sinistra. Non avevo mai usato uno scudo in combattimento fino a questo momento, una manovra che ha catturato i robot A.I. di sorpresa. Con la mia lama ancora incastrata nel primo robot, l'ho fatta oscillare con un movimento da mazza da baseball, lanciandola nell'altro robot; facendogli perdere l'equilibrio. In quel momento il terzo robot mi ingaggiò, infilando il suo corto pugnale simile a dita nel mio basso addome.

Inciampai all'indietro per un momento, afferrandogli il braccio mentre lo facevo, trascinandolo con me. Con un solo pensiero accorciai la mia lama e con un movimento rapido gli tagliai la testa. L'altro robot si era ripreso correndo dritto verso di me, urlando il mio nome!

“MUORI DAVE!!!” Le sue dita affilate come rasoi completamente estese. In quel momento ho visto che tutti e tre avevano una forma femminile molto riconoscibile! Non ho avuto il tempo di esaminarli ulteriormente poiché il terzo robot era su di me. Rimisi lo scudo e la lama nelle mie mani, afferrando gli altri robot proprio mentre stava per conficcarsi nel mio petto.

I due lottarono mentre il caos continuava a scoppiare intorno a noi. Ora mentre i miei naniti guarivano la ferita nel mio addome. Ho guardato in faccia il mio nemico, il volto della rabbia che continuava a urlare: "Muori David!" Ti odio! Ti ucciderò!" La voce colpì nel profondo di me... qualcosa di profondamente familiare. Il robot ha continuato a dimenarsi nella mia presa. Ho guardato profondamente nei suoi occhi umani! La rabbia e l'odio erano reali.

Ho permesso alla mia guardia di scivolare e il robot mi ha buttato a terra. A cavalcioni del mio corpo il robot teneva insieme entrambe le braccia, unendole in un'unica grande punta. Guardando questo bot... ho visto che sembrava reale, color carne, completamente nudo a parte le ovvie distinzioni sessuali.

Alzando il suo braccio appuntito tra i capelli, guardandomi dall'alto in basso con furia omicida, disse, con quella voce familiare: «Ti odio, David. Mi hai ferito e ora ferirò il tuo cuore!

Nella sua rabbia molto reale e molto umana, il robot non si è accorto che avevo delle lame riformate in entrambe le braccia. Proprio quando ha iniziato a far cadere la punta per impalarmi, ho colpito, pugnalando il robot su entrambi i lati. La punta si schiantò nel terreno vicino alla mia spalla.

Guardai i suoi occhi, la sorpresa quasi umana mentre si accasciava sul mio corpo. Rotolandomi via il corpo e mi alzai in piedi, guardandolo con uno strano senso di colpa. Mi inginocchiai, toccandogli la spalla. Poi i miei sensi mi riportarono al momento. Tutto il combattimento era cessato. Gli umani mi stavano guardando, osservando la mia reazione a questo robot morto, persino ai robot da combattimento e ai droni e cessarono il loro attacco.

Quindi tutte le teste si voltarono verso il ponte e il restante bot assassino. Molto lentamente mi voltai bene, muovendomi per mettermi sulla sua strada mentre camminava lentamente verso di me. Man mano che si avvicinava sempre di più a me, il campo di occultamento iniziò a calare, scendendo a cascata dalla testa ai piedi.

Mi si gelò il sangue perché per la prima volta in tanti anni rimasi senza parole.

Quando il mantello cadde, rivelò lunghi capelli neri mossi dal vento. Il campo continuava a scendere, rivelando un volto... un volto così bello... un volto che non avrei mai dimenticato. Ma questo era impossibile! Non potrebbe essere. Rimasi immobile mentre la figura continuava a rivelarsi.

Davanti a me c'era il mio amore, la mia Marina. Il suo corpo era ricoperto da una lucente pelle argentea ma il suo viso, i suoi capelli... non c'erano dubbi. Ogni fibra del mio essere non poteva comprendere questo... era... lei era una creazione artificiale ma era lei, era la mia Marina.

Sembrò esitare e poi si fermò a pochi passi da me. Ho iniziato ad allungare la mano, volendo toccarle il viso. Avevo bisogno di toccare ancora una volta il volto del mio amore. Mi scostò la mano con sorprendente poca forza. Sapevo che avrebbe potuto essere usata molta più forza.

Ci siamo guardati negli occhi. Continuavo a ripetermi che non era lei ma i miei occhi e il mio cuore avevano bisogno che fosse Marina.

Ho allungato di nuovo le mani, "Marina".

Osservai la reazione negli occhi, di riconoscimento alla mia voce.

Ha... ha iniziato a contattarmi a sua volta. «Dave?»

Era lei, la voce, era il mio amore che tornava da me. Non importa la forma, era lei.

"Amore mio... tu sei con me... qui." Ho fatto un passo verso di lei. Sono stato colpito con tutta la forza al petto, facendomi saltare indietro di diversi piedi. Potevo sentire l'odore della carne bruciata sul mio petto e potevo sentire il mio corpo iniziare a riparare il danno. Ero stordito, lottando per rimettermi in ginocchio.

Marina era lì, in piedi sopra di me, che mi guardava con tanta rabbia e dolore negli occhi.

“Mi hai fatto male Dave! Mi hai spezzato il cuore. Perché? Come hai potuto? Sono arrabbiato con te. Ti odio. Devi morire!"

Ero in ginocchio, guardando non un robot ma il mio amore, la mia anima gemella. Ho guardato mentre il suo braccio destro si trasformava in una lunga lama. Ho letto le emozioni nei suoi occhi.

“Marina mi dispiace tanto per averti fatto del male. Come... come stai qui... ora... in questo posto?"

Lentamente alzò il braccio. “Sono qui grazie a te. Ha cercato nei tuoi ricordi... nei tuoi sentimenti... per anni ha cercato, ha trovato me, in te, in tutte le informazioni. Mi ha portato qui da te, per causarti dolore; spezzare il tuo cuore in milioni di pezzi.

Ho iniziato a piangere mentre la guardavo negli occhi. Il dolore era reale, il dolore che avevo causato con la mia stupidità. Era tempo. Alzò la lama, pronta a colpire.

Con le lacrime agli occhi, alzai lo sguardo su Marina per l'ultima volta.

“Prima di colpirmi, Marina, sappi solo che ti amo. Ti ho sempre amato. Ti amerò in questa vita e nella prossima. Se togliermi la vita è l'unico modo per ottenere il tuo perdono allora abbattimi. Il tuo amore è tutto ciò che conta per me. Sistemare le cose con te è quello che devo fare. Per favore, sii veloce... amore mio e io ci vedremo nella prossima vita.

Abbassai la testa, chiudendo gli occhi preparandomi al suo colpo. Era strano ma non c'era conflitto tra il mio lato umano e il mio lato macchina. Ogni parte del mio corpo era in pace, pronta alla punizione di Marina e al suo perdono.

Non è successo niente. Ho aspettato e aspettato ma lei non ha colpito. Alzai la testa e trovai il braccio della sua lama che tremava, le lacrime che le rigavano il viso... lacrime! Lacrime vere.

“Non posso fare questo Dave... non a te... ma devo... la voce mi dice che devi morire. Ti amo lo stesso. Aiutami." Colpì la sua lama a pochi centimetri da me, dandomi un calcio nel petto, facendomi cadere all'indietro di qualche metro.

"Combattimi Dave!" Si fermò, estraendo la lama da terra, avanzando molto lentamente verso di me. "Devi combattere contro di me... non c'è altra scelta."

Mi alzai appena in tempo, formando il mio scudo per respingere il suo prossimo colpo. "C'è sempre un'altra scelta amore mio."

Ha oscillato ancora e ancora ho deviato il colpo. "Non c'è altra scelta... è il nostro destino combattere... distruggerci a vicenda."

Marina mi colpì le gambe ma il suo fendente fu accolto dalla mia lama pochi centimetri prima di colpirmi. “No amore mio, non posso combatterti. Ti ho promesso molto tempo fa che non avrei mai litigato con te, qualunque cosa accada. Sei il mio amore e lo sarai sempre”.

Si è lanciata contro di me, noi due bloccando le lame. Colpo dopo colpo, spingendomi indietro mantenendo un assalto poco convinto. Conoscevo il potenziale dei robot assassini e lei non mi stava veramente attaccando con tutta la sua abilità.

"Non sono il tuo amore... sono un'immagine... non sono lei ma mi sento stranamente."

Mi avventai su di lei, facendo la mia spinta poco convinta. Mi ha parato bloccando il suo braccio con il mio. Ancora una volta ci siamo guardati negli occhi. “Non importa quello che mi dici Marina… tu sei la mia Marina. Sei tornato da me così posso espiare il dolore che ti ho causato molto tempo fa.

La rabbia le balenò sul viso spingendomi indietro con vera forza. "Mi fai male! Ti ucciderò!"

Avanzò in avanti, fendente dopo fendente furia omicida nei suoi movimenti. Ero sulla difensiva bloccandola sia con la lama che con lo scudo. Ad ogni attacco mi malediceva, malediceva il mio nome e continuava a chiedermi di reagire.

“Non posso! Non lo farò! Non ti combatterò Marina. Non ti farò del male."

Ha continuato ad assalirmi con furia e rabbia, fino a farmi inciampare contro un muro nel cortile. Ero alla sua mercé. Piegandole indietro il braccio mi preparo per il colpo finale. Il colpo di rovescio mi arrivò alla gola, schiantandosi contro il muro a un quarto di pollice dalla mia gola.

Avvicinò il viso al mio. “Io... ti amo Dave. Per favore, fermami. Non voglio ferirti."

"Non posso fermarti Marina."

“Devi Dave... devi uccidermi. È l'unico modo».

"Mai! Non potrò mai farti del male, mai ucciderti... mai Marina!”

Fece un passo indietro, abbassando la guardia. “Devi farlo Dave. Questo continuerà, questo dolore continuerà.

Ci fu un leggero ronzio dal suo petto, apparve uno scompartimento dove sarebbe stato il suo cuore. Ho guardato mentre la pelle metallica si apriva esponendo un'apertura quattro per quattro. Ho visto una luce dorata una sfera dorata. Era il nucleo energetico del robot... il cuore di Marina.

"Non posso stare con te mio Dave."

“E io non posso stare senza di te mia Marina.”

In quel momento, il tempo sembrò rallentare, quasi fermarsi. Poi ho sentito una mano, la sua mano, la mano di Marina toccarmi la guancia.

"Tesoro mio... sono i tuoi ricordi... sono tutto ciò che lei era... non sono reale."

Ho iniziato a piangere, le lacrime mi rigavano le guance.

“Ti sbagli Marina. Sei tutto. Sarai sempre tutto per me. Sei la mia anima gemella e ho promesso di non lasciarti mai, qualunque cosa accada. Non ti lascerò ora.

Il globo cominciò a pulsare, il bagliore si illuminò. Sapevo esattamente cosa significava, i miei naniti mi hanno fornito quell'informazione. Era in modalità autodistruzione.

“Marina NO! Non puoi farlo! Non lo permetterò!

Strofinandomi delicatamente la guancia, un'altra lacrima, una vera lacrima le scese lungo la guancia: “Allora amore mio devi distruggermi. Non c'è altra scelta. La nostra lotta andrà avanti all'infinito a meno che non la poniamo fine ora".

“No, non posso farti del male... non di nuovo. C'è sempre un modo, per favore credimi, per favore fidati di me; solo questa volta."

"È una tua scelta Dave, è sempre stata una tua scelta ma devi scegliere tra la mia autodistruzione o devi essere tu la mano che mette fine a tutto questo."

Rivolsi alla mia Marina un sorriso affettuoso. Sorrido che avevo sepolto in profondità, tenuto segreto per così tanti anni. Le ho toccato il viso con il mio tocco amorevole. La mia mano destra alzata sopra la mia testa, ho formato la mia lama. Il bagliore che aveva nel petto stava diventando più luminoso. In pochi istanti si sarebbe autodistrutta. Il mio amore per lei è diventato più forte, più profondo di quanto avessi mai immaginato potesse.

"C'è sempre un'altra scelta." Il mio corpo cominciò a brillare. All'inizio ha circondato il mio corpo, poi è cresciuto circondandoci entrambi. Ho messo la mia mano sul punto che era dove sarebbe stato il suo cuore. La mia mano si riscaldò, crescendo di luminosità.

Marina abbassò lo sguardo sulla mia mano. "Dave cosa mi stai facendo?"

«Quello che ti ho promesso tanto tempo fa. Sto guarendo il tuo cuore, il cuore che ho spezzato.

L'apertura sigillata. La sua pelle di metallo argenteo iniziò a staccarsi, allontanandosi nella leggera brezza. Mentre cadeva, al suo posto c'era l'aspetto di una pelle morbida e tenera.

“Ti voglio bene Marina. Staremo insieme, per sempre”.

“Per sempre…” rispose Marina

Il bagliore del corpo di David divenne sempre più luminoso, in pochi istanti li avvolse.




Epilogo: (Questa parte è una pagina, scritta sopra la sagoma di due persone fuse in una... per un'immagine finale e potente.


I conti da quel momento sono variati.

Tutto ciò che si sa per certo è che la guerra è finita.

Alcuni account dicono che i due si sono fusi.

Altre versioni dicono che sono semplicemente svanite in una sfera di luce.

Un'altra narrazione dice che se ne andarono insieme.

L'unico racconto che è coerente tra tutti loro è che all'ultimo momento entrambi hanno avuto sorrisi beati

I loro volti erano avvolti da pura gioia e amore.

Storie simili

Mamma che lavora 2

Mi chiamo Becky e se hai letto l'altra mia storia ho un figlio di 17 anni che si chiama Ryan. Dopo di lui ha cercato di ricattarmi per fargli fare un pompino e ha risposto al fuoco, beh, in realtà non è stato così, invece l'ho scopato. io non mi sono descritto molto bene nella prima storia, quindi ecco qualcosa su di me. Sono un avvocato (equity partner), sono di origini italiane e irlandesi decenti con capelli nero scuro sia in alto che in basso, sono 5'7 con una taglia del seno di 32C e una taglia 4 in vita ho...

832 I più visti

Likes 0

Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni. 'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina. 'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella...

712 I più visti

Likes 0

L'incontro sexy

Sei seduto al bar di un hotel con indosso un bel vestito blu truccato e indossi una bella parrucca castana dai capelli lunghi sapendo che indossi un crogiolarsi con delle mutandine nere a volant sotto il vestito, ti senti un reggicalze sexy che regge delle calze a rete morbide e setose mentre liscia il tuo vestito mentre ti metti a tuo agio sul tuo sgabello da bar alto in pelle. Mi noti dall'altra parte del bar, sorridi, io ricambio e chiedo al barista di mandarti un drink con una chiave magnetica nella stanza 6969 con un biglietto che dice di portare il...

1.4K I più visti

Likes 0

Ritmo di The Rails

Siamo usciti dalla Union Station verso le 20:00. Nella canzone, il treno parte la mattina e arriva la sera. Immagino che le cose siano cambiate da quando Steve Goodman ha preso il treno e ha scritto la canzone. Potrei conviverci. Fin dalla prima volta che avevo sentito Arlo Guthrie cantare di The City of New Orleans, avrei voluto fare questo viaggio. Spesso, al lavoro o sotto la doccia, mi ritrovavo a canticchiare la melodia. Ora, in realtà ero sul treno leggendario, in viaggio da Chicago a New Orleans. Stavamo cambiando auto a Memphis, nel Tennessee verso le 6:30 del mattino, a...

1.3K I più visti

Likes 0

Sabato da sogno_(1)

Sabato da sogno…. Introduzione: Sono alto 6' 3; muscoloso dato che mi alleno 5 volte a settimana e ragionevolmente bello. Sono anche bisessuale. Adoro farmi leccare e scopare il culo con un dito, con un vibratore o preferibilmente con un cazzo vero. La mia ragazza sa tutto del mio lato bi ed è davvero eccitata all'idea di guardare me e un ragazzo che stiamo insieme mentre la facciamo godere. Questo è qualcosa che miriamo a fare nel prossimo futuro. La mia ragazza, Sarah, è alta 5' 6 pollici e molto magra, lunghi capelli castano scuro. Lei è la tipica ragazza fantasy...

411 I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.7K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.7K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

1.8K I più visti

Likes 1

Un mese fantastico

Da Pussycatspecialist Descrizioni dei personaggi Noemi: 18 anni Capelli lisci castano-rossicci Grandi seni 34C 5'6 con gambe lunghe e snelle e un culo tondo. Tom: 20 anni Capelli castani corti Muscolare 6'2 con un gallo da 9 pollici *** Ieri mattina i miei genitori hanno chiamato me e mio fratello Tom nella loro stanza. Cosa succede ragazzi? chiese Tom mentre noi due entriamo nella camera dei nostri genitori. Mentre mi guardavo intorno nella loro stanza, ho notato che avevano preparato le valigie sul letto accanto a loro. Sappiamo che è stato un po' improvviso, e ci dispiace, ma alcuni nostri amici...

1.9K I più visti

Likes 0

Il sogno di Giovanni si avvera

John: John si svegliò verso le cinque e mezza del mattino con una rabbia furibonda ancora una volta. Guardò in basso, prese la mano, se la fece scivolare lungo i pantaloni e iniziò a strofinarsi. Il motivo per cui si è svegliato era a causa sua. Alexandria, sebbene avesse solo 15 anni e fosse una matricola al liceo, sapeva di amarla. Tutto in lei lo eccitava; L'odore del suo shampoo alla fragola nei suoi ricchi capelli castano scuro che le arrivavano appena oltre le spalle, i suoi seni a coppa a C, il suo culo meravigliosamente stretto e le sue gambe...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.