Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

633Report
Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli, ma ho dovuto sforzarmi di aspettare.

Aveva tirato fuori la lozione, e ne ho messo un po' sulle mani e ho ricominciato con le sue belle cosce bianche e cremose. Ha immediatamente aperto le gambe questa volta, allungandole sulla sedia e dandomi una visione completa e stuzzicante del suo cavallo, ancora coperto da quel dannato bikini! Mi sono fatta strada velocemente fino al suo sedere, strofinando una guancia in ogni mano e lasciando cadere i pollici tra le sue gambe per strofinare dentro le sue cosce e attraverso le sue labbra della figa. Diventando di nuovo più audace, ho lasciato che i miei pollici entrassero nella parte inferiore del suo bikini, sentendo le labbra, strofinando su e giù. Nel frattempo, le mie dita si erano alzate all'interno del resto del suo bikini, con il mio dito destro che tracciava la fessura del suo culo. Ho trovato di nuovo il buco, sfiorandolo un paio di volte prima di sfregarci finalmente sopra. Era un po' umido, e mentre mi strofinavo, lei si spinse indietro contro di me, e potevo sentire i muscoli del suo buco del culo stringersi contro la punta del mio dito.

Ne avevo abbastanza di quel bikini e le ho chiesto se potevo togliermelo. Non ha detto niente, ha solo alzato i fianchi dalla sedia. L'ho preso come un permesso e li ho fatti scivolare via, finalmente vedendo cosa avevo aspettato da quando avevo scoperto le ragazze! Il suo culo nudo era stupendo, bianco pallido e liscio come il proverbiale sedere di un bambino. Le ho aperto le gambe e ho intravisto per la prima volta una fica. Era liscio e glabro, con solo una piccola fessura dove sapevo che doveva esserci il buco. Il suo buco del culo era dello stesso colore rosato dei suoi capezzoli, e d'impulso, mi sono chinato e l'ho baciato. Lei gemette un po' e aprì ancora di più le gambe.

Diventando più audace, tirai fuori la lingua e la feci scorrere oltre il suo piccolo buco del culo, e lei me la spinse di nuovo contro. Ho iniziato a leccarlo, cercando di spingerlo oltre la sua apertura mentre lei stava spingendo verso l'alto, quasi in ginocchio ormai cercando di farlo entrare. Non ho avuto molta fortuna, ma sicuramente è stato divertente! Alla fine mi fermai e rimisi il dito, esercitando una leggera pressione. Questa volta è entrato in modo molto lieve, lento, sempre di più e potevo sentire quanto fossero tesi i muscoli. Nel frattempo, era ancora in ginocchio, quindi ho iniziato a esplorare la sua figa con la lingua, su e giù, trovando quel buco magico e spingendo la mia lingua il più lontano possibile. Ormai il mio dito era nel suo culo il più lontano possibile, e lei gemeva forte, spingendo indietro in un ritmo che stavo abbinando. Stava andando sempre più veloce, e all'improvviso tutto il suo corpo sembrò tremare e un po' di liquido uscì sulla mia lingua. Aveva un sapore e un odore che non avevo mai provato prima, e non ne ho mai abbastanza, leccando e succhiando la sua figa.

Si lasciò cadere lentamente sulla sedia e mi guardò da sopra la spalla con il sorriso più grande che avessi mai visto su una ragazza. Ormai mi veniva dalla voglia di infilare il mio cazzo dentro, ma non ero sicuro che lei sarebbe andata per quello. Tuttavia, ha deciso quando ha allungato la mano e mi ha tirato giù i pantaloncini senza tante cerimonie, lasciando libero il mio cazzo per la prima volta in assoluto di fronte a una ragazza. Ero un po' imbarazzato, ma ero più disperato che altro. Lo sentì un po', lasciando che la sua piccola mano si muovesse su e giù. Mi sentivo come se stessi per esplodere proprio in quel momento! Doveva sapere cosa stava succedendo, perché si è rialzata in ginocchio senza dire una parola. Si è allungata e ha afferrato di nuovo il mio cazzo e ha iniziato a strofinarlo su e giù dalla sua dolce figa al suo culo, con me sempre più disperata. Alla fine lo ha infilato un po' nella sua figa bagnata, ma poi si è tirato via prima che entrasse troppo. Lo spinse di nuovo su per il culo, e questa volta quando arrivò al suo buco del culo iniziò a oscillare avanti e indietro, tenendo il mio cazzo in posizione. Potevo vedere e sentire la testa che iniziava ad entrare, a poco a poco ogni volta che si dondolava all'indietro. Dopo circa un minuto potevo sentire i muscoli iniziare a rilassarsi un po', e la testa del mio uccello stava scomparendo ogni volta un po' di più. Alla fine ero quasi fino in fondo e lei gemeva di nuovo ad alta voce. Potevo sentire lo sperma crescere rapidamente, e proprio mentre lei raggiungeva l'orgasmo per la seconda volta, mi sono spinta dentro di lei il più lontano possibile e ho iniziato a pompare il suo piccolo buco del culo pieno del mio sperma.

Ormai eravamo entrambi esausti, e lei ha cominciato a ricadere sulla sedia, così l'ho seguita giù, ancora con il mio cazzo nel suo culo, sdraiandomi sopra di lei mentre entrambi dormivamo un po'. Mi sono svegliato dopo circa un'ora, di nuovo arrapato da morire, e mi sono reso conto che non solo il mio cazzo era duro come una roccia e ancora nel suo culo, ma che stava ancora dormendo. Cominciai a muovermi lentamente dentro e fuori, con lei sdraiata sulla pancia e io sopra di lei, sentendo il suo culetto contro il mio stomaco. Quando ho iniziato a muovermi, si è svegliata e ha iniziato a gemere di nuovo, e ho sentito rapidamente la pressione aumentare. Dopo solo un paio di minuti potevo sentire i suoi muscoli del sedere stringersi sempre più forte intorno al mio cazzo, e non ce la facevo più. Ha iniziato ad avere uno spasmo e io mi sono lasciata andare, riempiendola di nuovo con il mio sperma. Questa volta dopo pochi minuti ci siamo alzati e l'ho tirata fuori, un po' dolorante, e ho usato uno degli asciugamani per pulirla. Si è girata e ha posato un bacio sulle mie labbra, tenendo il suo corpo nudo contro il mio, e ha detto che non vedeva l'ora di passare il resto dell'estate con me. Aveva un luccichio malizioso negli occhi quando mi ha chiesto se poteva venire di nuovo nella mia stanza quella sera per guardare un film con me...

Altro da seguire...

Storie simili

Ritmo di The Rails

Siamo usciti dalla Union Station verso le 20:00. Nella canzone, il treno parte la mattina e arriva la sera. Immagino che le cose siano cambiate da quando Steve Goodman ha preso il treno e ha scritto la canzone. Potrei conviverci. Fin dalla prima volta che avevo sentito Arlo Guthrie cantare di The City of New Orleans, avrei voluto fare questo viaggio. Spesso, al lavoro o sotto la doccia, mi ritrovavo a canticchiare la melodia. Ora, in realtà ero sul treno leggendario, in viaggio da Chicago a New Orleans. Stavamo cambiando auto a Memphis, nel Tennessee verso le 6:30 del mattino, a...

262 I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

228 I più visti

Likes 0

Fat Bastards violenta il mio culo - storia 4

Sapevo che The Fat Bastard sarebbe stato in giro oggi per riscuotere l'affitto e non sapevo cosa aspettarmi. Non avevo i soldi, quindi ero sicuro che avrebbe voluto scoparmi di nuovo, ma non sapevo cos'altro avrebbe potuto volere. La prima volta che è venuto, mi aveva appena scopato lui stesso, ma la seconda volta mi aveva dato anche a suo figlio. Questa sarebbe stata la terza volta e sospettavo che sia lui che suo figlio mi avrebbero voluto scopare di nuovo, ma non sapevo se sarebbe stato sufficiente per coprire l'affitto del mese. Ero sdraiato sul mio letto a leggere un...

327 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

634 I più visti

Likes 0

Eddie, la mamma del suo amico e Betty

June Cleaver era la mamma di due giovani uomini ben educati, Waldo di 20 anni e Theo di 19 anni. Era la tipica casalinga di periferia americana che amava suo marito Ward ed era sposata con lui da oltre 32 anni. La 53enne June era piena di seni di 40 gg, un culo grasso e rotondo ed era formosa. A 5 piedi 9 era un bicchiere d'acqua alto ed è per questo che il giovane Eddie Haskell, bramava la mamma del suo migliore amico. Eddie, 20 anni, aveva scoperto di recente l'ipnotismo e scoprì di essere davvero bravo in questo. Quindi...

318 I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

276 I più visti

Likes 0

Rito di passaggio

Rito di passaggio Capitolo 1 Le gambe della sorella di Jimmy Smith erano gettate su ciascuna delle sue spalle mentre si spingeva con forza nel suo stretto tunnel. Guardando in basso, poteva vedere la schiuma bianca che ricopriva il suo cazzo e il morbido castano lanuginoso dei suoi peli pubici. L'aria si riempì dei suoni squishy del suo cazzo che martellava la sua succosa figa bagnata. I suoi piccoli seni volavano avanti e indietro. I suoi capelli castani lunghi fino alle spalle circondavano il suo viso sudato. I suoi occhi si fissarono su quelli di lui, la sua bocca aperta con...

588 I più visti

Likes 0

Fallout Quattro Futanari

Fallout Quattro Futanari Eccolo, Jalbert Brothers Disposal, ha detto Brand. Paige Carter, alta, snella, con gli occhi grigi e corti capelli biondi, strinse più forte il suo fucile automatico mentre guardava su per la collina, verso gli edifici sgangherati e frammentari e le pile di rottami. Guardò la sua squadra di predoni con uno sguardo dubbioso. Brand era in piedi con il binocolo fissato sul posto, il revolver calibro 44 nella fondina all'anca, quasi nascosto dall'armatura a punte che indossava. Era stoico e calmo, per la maggior parte; una dipendenza psicotica lo ha fatto esplodere di rabbia in alcune occasioni. Dietro...

596 I più visti

Likes 0

Tatuaggio

Oggi è il giorno. Avevo intenzione di farlo da alcuni mesi ormai e non mi è mai sembrato il momento giusto. Ora l'attesa è finita. Sono in piedi davanti al negozio di tatuaggi, godendomi la dolce miscela di anticipazione e paura che mi avvolge. Prendo un respiro profondo e apro la porta. Quando entro sono momentaneamente travolto dall'aria calda e dalla musica seducente che sembra non finire mai. Ora sono trascorse ore, quindi è solo in studio, si prepara a tatuarmi la schiena. Nel corso dei mesi in cui non riuscivo a decidere il design definitivo per il mio tatuaggio sulla...

424 I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

669 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.