Di nuovo in sella

818Report
Di nuovo in sella

Erano le due e mezza del pomeriggio quando gli occhi annebbiati di John Birch videro la Cadillac marrone entrare nel suo vialetto e parcheggiare dove sua moglie Kathy era solita parcheggiare la macchina. La sua non c'era più, né ci sarebbe mai più stata. Ciò che ne restava era nel deposito di demolizioni del vecchio Sprietzer, dov'era rimasto negli ultimi sette mesi e mezzo. Kathy era stata travolta da un semirimorchio mentre tornava a casa dal lavoro una sera, uccidendola all'istante. I suoi genitori erano arrivati ​​in aereo da Upper Manhattan per il funerale della bara chiusa, ma sua madre non era riuscita a farcela a causa di un brutto caso di influenza. Gli aveva detto che avrebbe provato a farcela presto, ma lui le aveva detto di non preoccuparsi. Anche se non poteva uscire, hanno parlato al telefono per ore alla volta nei mesi successivi. Donald Cutter, il padre di Kathy, aveva degli affari all'estero che richiedevano la sua presenza, quindi non erano rimasti a lungo. Helen Cutter gli aveva detto che avrebbe provato a passare qualche giorno con lui solo per assicurarsi che stesse bene. Dato che non aveva avuto sue notizie, si era completamente dimenticato di quello che aveva detto. Ma fedele alla sua parola, la guardò scendere dall'auto, stiracchiarsi e dare uno sguardo misurato alla casa sconnessa con quattro camere da letto. Neanche lei si era presentata a mani vuote; a quanto pare aveva attraversato l'Illinois e aveva portato sua madre Madison, preferiva Madi, con lei.

Durante gli otto anni in cui lui e Kathy erano stati sposati, Helen e Madison si erano incontrate diverse volte, di solito durante le vacanze. Anche se sembrava che le due donne andassero d'accordo, John ha percepito una difficile amicizia tra loro fin dall'inizio. A lui sembrava più che fossero rivali. Fu subito a tutti che con un piccolo sforzo di immaginazione le due donne potevano facilmente passare per sorelle. Entrambe le donne erano alte; in piedi circa cinque e dieci, e nessuno dei due pesava più di un trentacinque o giù di lì. Ognuno di loro aveva occhi azzurri e capelli lunghi fino alle spalle; Quella di Madison era dello stesso colore biondo bottiglia di quella di Kathy mentre Helen era una mora. Le due donne avevano anche seni abbastanza grandi, gambe lunghe e toniche che andavano avanti all'infinito e mozziconi rotondi e ben fatti che potevano far muovere la lingua a qualsiasi uomo. A cinquantatré anni Madison aveva un anno in più di Helen.

Aveva incontrato Kathy mentre era al college a Stanford, dove lei studiava scienze politiche mentre lui conseguiva una laurea in progettazione architettonica. Uno dei motivi per cui era stato attratto da lei in primo luogo era perché somigliava così tanto a sua madre a quell'età. Una volta che l'ha conosciuta se ne è innamorato e il resto è storia. Dalla prima volta che le loro famiglie avevano visto Madison e Kathy insieme, erano state sussurrate barzellette su come John avesse inconsciamente sposato sua madre. Non erano barzellette divertenti, ma avevano un certo suono di verità, almeno per lui. John era sempre stato attratto da sua madre.

A parte la loro somiglianza fisica, tuttavia, Madison ed Helen erano totalmente opposti. Laddove Madison era tranquilla e introversa, Helen invece era chiassosa e civettuola. Si divertiva a mettere le persone, specialmente gli uomini, a disagio intorno a lei solo per vedere che tipo di reazione poteva ottenere. In diverse occasioni si era lasciata cadere sulle ginocchia di John in piena vista del marito e gli aveva chiesto se fosse troppo pesante. Non appena il suo viso diventava rosso barbabietola, lei saltava in piedi e rideva. Il signor Cutter sembrava divertirsi con le sue buffonate.

Pigramente si alzò dalla comodità della sua poltrona imbottita e, dopo essere quasi inciampato nella bottiglia vuota di Jose Cuervo sul pavimento, si diresse verso la porta d'ingresso. Il fatto che indossasse solo un paio di boxer non si notò finché non aprì la porta e vide l'espressione divertita sulla faccia della sua ex suocera. Sua madre non sembrava essere altrettanto divertita.

Madison rimase lì a valutare suo figlio. Non era contenta di quello che vedeva. I suoi capelli castani erano spettinati, i suoi occhi azzurri iniettati di sangue ei capelli ricci che coprivano il suo ampio petto sembravano un po' arruffati. Anche i boxer che indossava non sembravano troppo freschi. Entrando in lui, sussurrò le sue condoglianze mentre lottava contro la nausea che si insinuava su di lei. Poteva sentire l'odore del sudore e dell'alcool che gli colava dai pori. Mantenne l'abbraccio il più a lungo possibile prima di indietreggiare e aspirare un po' d'aria fresca. Apparentemente Helen non aveva problemi con i cattivi odori, ha gettato le braccia al collo di John e ha incollato il suo corpo contro il suo. Madison era un po' scioccata mentre la gonna già corta di Helen si alzava rivelando la maggior parte del suo culo al mondo. Il perizoma nero che indossava lasciava scoperte le sue guance abbronzate. Madison distolse la testa dallo spettacolo temendo di dire a Helen di togliersi le mani da suo figlio.

John vide i seni di Helen rimbalzare sotto la camicetta di seta blu mentre si precipitava in avanti e si schiacciava contro di lui. Quando lo fece, sentì le sue tette schiacciarsi contro il suo petto e notò anche che il suo bacino stava spingendo verso l'interno contro il suo inguine. Era ovvio che non indossava il reggiseno. I tacchi neri da quattro pollici che indossava la mettevano in una posizione equilibrata con la sua struttura di un metro e ottanta e poteva sentire i suoi capezzoli che grattavano contro il suo petto mentre si abbracciava a lui. Sapeva per esperienza passata che poteva essere una sfacciata civettuola, ma questo stava spingendo i limiti anche per lei. Il più sottile possibile, le mise le mani sui fianchi e la spinse via dolcemente. Il suo viso sembrava un po' arrossato e lui poteva vedere le due punte dei suoi capezzoli che spingevano fuori il tessuto della camicetta di seta. Per qualche empia ragione John sentì il suo cazzo iniziare ad espandersi nei suoi boxer. Quello che non sapeva era che anche sua madre aveva visto il rigonfiamento.

"John, uh, perché non ti metti dei pantaloni e ci porti dentro le valigie?" disse Madison mentre gli passava accanto entrando nel disordinato soggiorno.

Helen lo seguì, ma mentre lo oltrepassava, "accidentalmente" lasciò scivolare il dorso della mano sui suoi boxer. Un piccolo sorriso malvagio si diffuse sulle sue labbra quando sentì il suo cazzo contrarsi.

John e Kathy avevano acquistato la casa per una canzone; i precedenti proprietari erano caduti in disgrazia e accettarono la prima offerta ricevuta. Due delle camere da letto erano in fase di ristrutturazione, e lo erano state da prima della morte di Kathy. Poiché la stanza di John aveva un bagno separato, disse alle donne che potevano condividerlo e che sarebbe rimasto in quello in fondo al corridoio. Dopo aver spostato i suoi vestiti nell'altra stanza, fece una doccia mentre si sistemavano.

Appena rasato e vestito con abiti puliti, si sentì quasi di nuovo umano mentre entrava nel soggiorno. Madison era impegnata a riordinare la casa mentre Helen sedeva sul divano a bere quello che sembrava un cacciavite. Beh, tanto per la mia vodka, rifletté mentre si sedeva nella sua poltrona reclinabile. Sentì un fremito all'inguine quando Helen sciolse le gambe tornite e si sporse in avanti sul divano. Per un brevissimo momento ebbe un'ottima visuale sotto la sua gonna e tra le sue toniche cosce color bronzo mentre si muoveva.

"Sai John, non sono mai riuscito a capire perché tu e Kathy avete comprato questo posto. Cos'è, a venti miglia dalla città?" chiese Helen, i suoi occhi brillarono di malizia quando vide dove stavano guardando i suoi occhi.

"Sono otto miglia in realtà," borbottò, i suoi occhi si sforzarono di dare un'altra occhiata alla sua gonna.

"Oh, beh, è ​​carino. Madi cara, vuoi un po' di aiuto?" chiese con voce condiscendente mentre lo guardava mentre apriva lentamente le gambe.

"Mi servirebbe un po' di aiuto," rispose Madison senza impegnarsi.

Appoggiandosi allo schienale del divano e incrociando le gambe, Helen disse: "John, sii gentile e aiuta tua madre".

Mentre sistemavano il soggiorno, Helen andò in cucina per vedere che tipo di cibo aveva in magazzino John. C'era una cosa buona in Helen; era un'ottima cuoca. Dopo aver esaminato il frigorifero e la dispensa, giunse alla conclusione che qualcuno doveva andare al negozio. Sapeva esattamente chi avrebbe mandato. Scarabocchiando un elenco di voci su un pezzo di carta che ha trovato vicino al telefono a muro, è uscita e ha preso diverse banconote dal portafoglio. Madison è rimasta sbalordita quando Helen le ha consegnato i soldi, la lista e le chiavi della macchina, poi le ha chiesto se le dispiaceva andare in città.

"Dal momento che sei già stato qui e sai dove sono i negozi, terrò compagnia a John mentre sei via", disse Helen, prendendo il suo drink e dirigendosi verso la cucina per riempirlo senza aspettare una risposta.

Madison furiosa fino in città. Pensò di non prendere alcuni degli articoli sulla lista, specialmente la tequila e la vodka, ma sapeva che avrebbe solo creato una situazione con quella stronza pretenziosa. Meglio mantenere la pace che mescolare la pentola.

John sapeva che sua madre era incazzata. Diavolo, un cieco sarebbe stato in grado di vederlo. Ma a quanto pare Helen non poteva, o non voleva. Per trenta minuti rimase seduto ad ascoltarla divagare su quanto fosse bello rivederlo e su quanto andassero bene le cose per lei e suo marito. Riuscì a lanciare alcune tristi osservazioni "Mi manca mia figlia" mentre gli lasciava guardare più a lungo la sua gonna. Quando lei ha detto che stava per rinfrescarsi, lui aveva avuto l'inizio di un'erezione. Guardò il suo sedere ondeggiare provocatoriamente mentre camminava impettita lungo il corridoio, lanciandogli un'ultima occhiata alle spalle prima di scomparire nella camera da letto principale. Non sentì la porta chiudersi dietro di lei.

Spogliandosi dei vestiti Helen andò in bagno lasciando la porta spalancata e aprì la doccia. Mentre aspettava che l'acqua si scaldasse, fece scorrere dolcemente un dito attraverso la fessura della sua figa calva mentre pensava agli occhi di suo genero che guardavano lussuriosi sotto la sua gonna. Non era sorpresa da quanto fosse bagnata. Aveva sempre invidiato la fortuna di sua figlia nel trovare un uomo come John. Alto, ben muscoloso, di bell'aspetto e ben dotato a giudicare dalla sensazione che aveva provato quando aveva sfiorato i suoi boxer. Che fosse impiccato o meno era qualcosa che intendeva scoprire. Entrando nella doccia si insaponò rapidamente prima di aprire la porta della doccia e chiamare John.

"Giovanni, ho bisogno del tuo aiuto."

All'inizio non la sentì, era troppo immerso nei pensieri sulla cremosità delle sue cosce interne per sentire qualcosa di diverso dal battito del proprio cuore che gli martellava nel petto. Quando lei chiamò di nuovo, lui si riscosse dallo stordimento e andò a vedere cosa c'era che non andava. Quando raggiunse la porta aperta, guardò dentro e non la vide da nessuna parte nella camera da letto.

«Sono qui», gridò Helen.

Voltandosi verso il suono della sua voce notò che la porta del bagno era spalancata e poteva sentire la doccia andare. Esitante, si avvicinò e sbirciò all'interno. Helen teneva aperta la porta a vetri appannati della doccia quel tanto che bastava perché potesse sporgere la testa. Poteva distinguere la sua sagoma attraverso il vetro.

"Cosa c'è che non va Elena?" chiese, la voce rotta mentre lei si appoggiava contro il vetro.

"Non ho niente con cui strofinarmi la schiena. Saresti gentile e me la laveresti?"

"Non penso proprio che sia una buona idea," balbettò, il cazzo che gli cresceva nei pantaloni.

"Non devi entrare con me sciocco, lascerò la porta aperta e tu puoi aggirarla e insaponarmi la schiena", ha riso.

"Uh... okay, immagino che funzionerebbe," rispose avvicinandosi alla porta della doccia e prendendo l'asciugamano insaponato che lei stava porgendo.

Goffamente raggiunse la porta e la sentì tornare nella sua mano. Lentamente iniziò a passarle la stoffa sulla schiena, iniziando dalle sue spalle e scendendo. Quando le raggiunse la parte bassa della schiena, perse la presa sull'asciugamano scivoloso e lo lasciò cadere sul pavimento della doccia. Il palmo della sua mano scivolò sulla sua pelle insaponata e il suo cazzo reagì positivamente alla sensazione della sua carne liscia.

"Whoops, è caduto qualcosa. Lo prendo," ridacchiò e si chinò per raccogliere il panno.

Quando si chinò, il movimento fece scivolare la mano di John più in basso. Scese lungo una guancia, le punte delle sue dita scivolarono attraverso la fessura del suo culo fino a quando non furono accoccolato contro la sua fessura.

"Beh, ciao marinaio," cinguettò Helen allegramente, spingendo indietro la fica contro la punta delle sue dita.

"Dio Helen, mi dispiace," balbettò, tirando indietro rapidamente la mano.

"Va bene tesoro," rispose, alzandosi e spingendo la porta completamente aperta.

La sua mascella cadde mentre lei stava lì completamente nuda di fronte a lui, l'acqua saponosa che le scorreva lungo il corpo in minuscoli ruscelli. Fissò con stupore i rigidi capezzoli rosa che si posavano sui suoi seni eccessivamente sodi e le macchie di lentiggini che le adornavano il petto. Era ovvio che avesse degli impianti, e altrettanto ovvio che chiunque avesse fatto il lavoro aveva fatto un ottimo lavoro. Quando i suoi occhi si abbassarono, prese la sua pancia piatta e liscia prima di raggiungere il suo tumulo rasato. Poteva appena distinguere la sua clitoride che spuntava dalla parte superiore della sua fessura.

Sorridendo Helen si chinò e mise la mano bagnata sul rigonfiamento dei suoi pantaloni, poi disse: "Oh cielo, sono stato io a causare questo?"

"Che diavolo Helen..." iniziò proprio mentre il suono di un clacson proveniva dal vialetto di fronte.

Madison entrò nel vialetto e suonò il clacson. Che fosse dannata se avesse intenzione di trascinare tutto in casa da sola. Colpendo lo sblocco automatico del bagagliaio è scesa dall'auto giusto in tempo per vedere suo figlio uscire di casa. Notò l'espressione tesa sul suo volto, ma ciò che catturò davvero la sua attenzione fu la grande macchia bagnata all'altezza del cavallo dei suoi pantaloni cachi.

"Ti sei versato qualcosa sui pantaloni?" chiese casualmente mentre toglievano le borse dal bagagliaio.

"Sì," inciampò.

Sapeva che stava mentendo, ma non ha insistito sul problema. Portarono tutto in cucina e cominciarono a metterlo via. Quando tirò fuori la bottiglia di tequila, John la prese e la mise da parte vicino al lavandino. Lo sguardo nei suoi occhi le disse che stava lottando contro l'impulso di aprire la bottiglia e berne un po' in quel momento. Prima che potesse dirgli qualcosa sul suo bere, Helen entrò vestita con un top bianco e un paio di pantaloncini neri che le lasciavano metà delle guance sporgenti. Aveva un asciugamano avvolto intorno alla testa. Bene, questo spiega la macchia bagnata sui pantaloni di John che ha ribollito silenziosamente. Un'altra cosa che non è passata inosservata è stato il modo in cui i capezzoli di Helen si vedevano attraverso il materiale quando si girava in un certo modo.

"Allora John, la piscina è sicura da usare?" chiese Helen, alzando le mani per aggiustare l'asciugamano.

"Probabilmente dovrei sfogliarlo prima," rispose lui, gli occhi incollati ai punti gemelli sul suo petto.

"Fantastico, forse saresti un tesoro e lo faresti mentre inizio la cena. Niente come una bibita fresca e un tuffo in piscina dopo cena per aiutare a rilassare una persona," tubò Helen, avvicinandosi a John e mettendola delicatamente mano sul suo petto.

"In realtà, dovresti aspettare un po' prima di nuotare dopo aver mangiato," disse Madison maliziosamente.

"Ecco a cosa serve la bibita fresca," rispose Helen, lasciando scivolare casualmente la mano dal petto di John senza nemmeno guardare in direzione di Madison.

"John tesoro, vado a farmi una doccia e rinfrescarmi. Questo caldo della California meridionale è per gli uccelli", ha detto Madison prima di sparare a pugnali a Helen e andarsene.

"Okaaay," osservò Helen poi si rivolse a John. "Sei troppo grande ragazzo, scat, vai a prenderti cura di quella piscina mentre ti preparo un pasto fatto in casa."

Il pasto si è rivelato essere salmone Teriyaki con zucchine e scalogno, ed era molto più che delizioso. Helen si è scusata per non aver avuto semi di sesamo, ma nessuno si è lamentato. Dopo che ebbero finito, John fece uscire le donne dalla cucina mentre lui puliva. Helen ha chiesto della piscina, poi ha strillato di gioia quando ha detto che era pronta per l'azione. Dicendo che stava per mettersi il costume da bagno, uscì dalla stanza con un'esagerata oscillazione dei fianchi. Madison è rimasta indietro e ha aiutato nonostante le sue proteste.

"Stai bene ragazzo?" chiese prendendo il piatto sciacquato che aveva in mano e mettendolo nella lavastoviglie.

"Sì mamma, sto bene."

"Qualche piano per tornare al lavoro? Magari iniziare a riprendere il ritmo delle cose."

"In realtà mamma, tra l'accordo della compagnia di autotrasporti e quello che Dan mi ha offerto per la mia metà dell'azienda, sono piuttosto a posto finanziariamente."

"Stai vendendo la tua quota della società?" chiese sorpresa Madison, voltandosi a guardare suo figlio.

John aveva avviato uno studio di architettura con il suo vecchio amico di scuola Dan Marlowe. Dopo un inizio lento, hanno ottenuto un lavoro per un noto magnate del cinema che amava il loro design per la sua nuova villa. Quando la voce della sua lode si è diffusa tra la folla di Hollywood, sono diventati il ​​punto di riferimento per i ragazzi tra i ricchi e belli. Nell'arco di soli tre anni la loro azienda era diventata milionaria. L'offerta che Dan aveva fatto a John era piuttosto sostanziosa.

"È meglio così. La mia mente sembra rifiutarsi di pensare a progettare qualsiasi cosa comunque."

"Allora forse dovresti concentrarti su altre cose. Forse tornare sulla scena degli appuntamenti," ha buttato fuori.

"Non lo so mamma, sono ancora piuttosto sconvolto per aver perso Kathy," rispose dolcemente, una nebbia che si accumulava nei suoi occhi.

"Lo so piccola, lo so," sussurrò dolcemente, accarezzandogli delicatamente la schiena prima di prendere il piatto dalla sua mano e metterlo in lavastoviglie.

Dopo che tutto fu finito, tornarono in soggiorno mano nella mano proprio mentre Helen usciva dalla camera da letto. Ciò che indossava fece sussultare Madison e la mascella di John rimase spalancata. Il bikini blu scuro che indossava non lasciava quasi nulla all'immaginazione. Due minuscoli triangoli di tessuto collegati da stringhe intrecciate che si allacciavano dietro e intorno al collo passavano per la parte superiore e le coprivano a malapena i capezzoli mentre la pezza di tessuto si spacciava per le parti inferiori riusciva appena a nascondere alla vista il suo tumulo. Quando si girò per dare loro il massimo effetto, le sue sode guance abbronzate erano chiaramente in mostra.

Madison provò una fitta d'invidia mentre fissava con stupefatta meraviglia la figura snella e tonica di Helen. Le era chiaro che non c'era una macchia sul corpo di Helen che non fosse abbronzata; come poteva esserci visto che era praticamente nuda. Voltandosi vide l'espressione sbalordita sul volto di John, ma vide anche qualcos'altro, l'espressione di lussuria brillava luminosa nei suoi pallidi occhi azzurri.

"Ti unirai a noi per un tuffo, vero Madi?" Helen tubò, lasciando che i suoi occhi guardassero brevemente l'inguine di John.

"Io...uh...non la penso così," rispose dolcemente.

"Dai mamma, sarà divertente," incoraggiò John senza mai distogliere lo sguardo da Helen.

"Ma John, tesoro, non ho portato un completo con me."

"Non è un problema Madi, abbiamo all'incirca la stessa taglia, puoi indossarne una delle mie. Ne porto sempre più di una quando viaggio", intervenne Helen.

Ridendo quasi istericamente, Madison ha detto: "Non credo. Sarà un giorno freddo all'inferno prima che qualcuno mi veda in qualcosa del genere".

John si voltò e mise una mano sulla spalla di sua madre, poi disse: "La roba di Kathy è ancora in camera da letto. Sono abbastanza sicuro che uno dei suoi vestiti ti starà bene mamma".

"Dai Madi, ti aiuterò a trovare qualcosa," la rassicurò Helen mentre le prendeva la mano e la trascinava verso la camera da letto.

A malincuore Madison si lasciò trascinare in camera da letto dove Helen iniziò immediatamente a frugare nell'armadio e nei cassetti del comò. Non passò molto tempo prima che emettesse uno squittio di trionfo. Tirando fuori alcuni articoli da uno dei cassetti si rivolse a Madison tenendo in mano un costume intero. Era bianco con larghe strisce marrone chiaro che correvano verticalmente su e giù davanti e dietro con spalline sottili che si incrociavano dietro.

"Oh, questo è tesoro, ecco Madi, prova questo," disse Helen porgendo l'abito a Madison.

Con un po' di trepidazione Madison prese il vestito e andò in bagno a cambiarsi. Una volta svestita, entrò nelle aperture delle gambe del vestito e lo tirò su notando che era un po' più aderente di quanto avrebbe preferito. Dopo aver aggiustato le spalline, prese un elastico per capelli dalla pila sul bancone vicino al lavandino e si mise i capelli in una coda di cavallo. Osservandosi allo specchio sopra il lavandino non era molto contenta di quanto fosse scollato il top del vestito; i suoi seni erano uniti e quasi fuoriuscivano dalla parte superiore. Un'altra cosa che la infastidiva era il modo in cui le aperture esterne delle gambe si alzavano in alto sui suoi fianchi tirando il cavallo strettamente dentro di lei facendolo scavare nella fessura della sua figa facendo sembrare le labbra gonfie e gonfie. Tirando fuori la stoffa e allontanandola dal suo tumulo, infilò distrattamente i peli pubici neri e randagi che spuntavano fuori. Girandosi controllò il retro della tuta e vide che anche metà delle natiche erano scoperte. A differenza di quelli abbronzati di Helen, i suoi erano morbidi e di un bianco pastoso. Dio, non è possibile che lo indossi davanti a mio figlio, pensò, tirando fuori il fondo del vestito per coprirsi il più possibile il sedere. Esitante, tornò in camera da letto aspettandosi che Helen scoppiasse a ridere o qualcosa del genere.

"Wow, Madi, stai benissimo con quello!" esclamò Helen felice.

"Non lo so, mi sento come se stessi rovesciando tutto", si lamentò, cercando di infilare più tette nella parte superiore senza successo.

"Dovrebbe sembrare così sciocco", ridacchiò Helen.

"Allora perché mi sento la ragazza della pasta di Pillsbury? Perché non posso assomigliare di più a te invece che a una pagnotta di pane crudo?"

"Oh tesoro, se non fosse per i soldi che ho speso per farmi sembrare così, sembrerei proprio come te, solo con le tette molto più piccole", disse Helen.

"Non capisco," rispose Madison, incerta su cosa intendesse Helen per tette più piccole.

"Tesoro, ho speso migliaia in abbonamenti in palestra, personal trainer... e questi," sollevò le tette per enfatizzare il suo punto, "Queste bellezze costano cinquemila dollari l'una, soldi ben spesi secondo Don."

"Sono falsi?" Madison tossì.

"Mi piace definirli ottimizzati. È abbastanza difficile per una donna della mia età accaparrarsi un ragazzo che non ha bisogno di una piccola pillola blu per alzarsi, senza usare qualche trucco. Ora, basta parlare di me, andiamo divertiti un po'. Penso che tuo figlio germoglierà un legno quando ti vedrà in questo costume da bagno. L'ho già fatto, e non ho nemmeno un cazzo. "

"Helen! È di mio figlio che stai parlando. Io...io...non voglio che germogli qualcosa a causa mia."

"Oh rilassati Madi," ridacchiò Helen, l'espressione agitata sul viso di Madi era impagabile. "È un giovane virile, solo perché è tuo figlio non significa che non puoi prenderlo come un complimento se si eccita."

Helen ha dovuto praticamente trascinare Madison fuori dalla camera da letto solo per scoprire che la stanza sul davanti era vuota. I suoni provenienti dal retro vicino alla piscina dicevano loro dove si trovava John. Quando Helen iniziò a dirigersi da quella parte, notò che Madison non l'aveva seguita. Voltandosi la vide in piedi nello stesso punto in cui era stata con un'espressione accigliata sulla fronte. Tornando verso di lei, Helen mise un braccio attorno alla vita di Madison e la condusse gentilmente verso le porte del patio.

"Fidati di me tesoro, John ti amerà con questo vestito."

"Non ne sono così sicura," si protese Madison.

"Sei fantastica tesoro, quindi smettila di perdere tempo e porta il tuo bel culo là fuori", ordinò Helen, dandole una pacca gentile sul sedere.

John era in bilico su un carrello di servizio che preparava da bere per tutti quando li ha notati entrare dalla porta a vetri che conduceva all'area della piscina. Helen fece strada, ma quando si fece da parte e lui vide sua madre per la prima volta, per poco non fece cadere la bottiglia di vodka che aveva in mano. Per un brevissimo istante credette di guardare la sua defunta moglie. Il costume da bagno che indossava sua madre era uno dei preferiti di Kathy; solo che non l'aveva mai compilato come stava facendo sua madre in quel momento. Il sangue gli colò all'istante creando una tenda davanti ai suoi larghi calzoncini da bagno beige che non passò inosservata a nessuna delle due donne. Riprendendosi rapidamente, riportò la sua attenzione a confondere una partita di cacciaviti dicendo loro di sedersi mentre il cuore gli martellava nel petto.

Helen si voltò a guardare e lanciò a Madison un sorriso d'intesa. Un rossore apparve sul viso di Madison mentre i suoi occhi si fissavano sul rigonfiamento di suo figlio. "Dio, deve essere enorme" pensò, diventando rapidamente disgustata dal fatto che potesse pensare una cosa del genere anche su suo figlio. Il suo cuore batteva più forte e il suo respiro divenne irregolare prima che fosse in grado di distogliere lo sguardo dalla parte anteriore dei suoi bauli. Seguendo Helen verso un gruppo di sedie a sdraio, si sedette e aspettò che John portasse loro da bere.

Con le mani leggermente tremanti portò due bicchieri alti, porgendo prima il suo a Helen, prima di andare a mettersi davanti a sua madre. Tenendole il bicchiere non riusciva a staccare gli occhi dalla morbida parte superiore bianca dei suoi seni che traboccavano dal costume da bagno.

"Giovanni, tesoro?" disse piano Madison.

"Sì mamma?" borbottò di rimando, i suoi occhi non si staccarono mai dal suo petto.

"I miei occhi sono quassù tesoro," rispose, incapace di impedire ai suoi capezzoli di irrigidirsi mentre gli occhi di suo figlio divoravano la sua carne scoperta.

"Oh, scusa mamma," balbettò indietreggiando lentamente. "Penso che abbiamo bisogno di più ghiaccio."

Ridacchiando Helen si chinò e sussurrò: "Te l'avevo detto che gli sarebbe piaciuto", mentre lo guardavano scomparire in casa con il secchiello del ghiaccio mezzo pieno.

Non c'era bisogno che le si dicesse l'ovvio; gli occhi pieni di lussuria di suo figlio avevano trasmesso quel bocconcino di conoscenza forte e chiaro. Ciò che non era così ovvio per lei era il motivo per cui aveva provato un tale brivido quando lui la molestava con i suoi occhi. I suoi capezzoli erano ancora dolorosamente rigidi e l'umidità all'inguine continuava a diffondersi. Trangugiando il suo drink in diversi grandi sorsi, si alzò e si avvicinò al carrello di servizio.

"Beh, che io sia dannato! Ti ha eccitato solo a guardarti, vero?" Helen ridacchiò.

"Di che diavolo stai parlando?" chiese timidamente Madison, prendendo posto, una bibita fresca nella mano tremante.

"Non fare il timido con me, se i tuoi capezzoli fossero più duri ti salterebbero via dalle tette. Ammettilo, tuo figlio ti ha appena eccitato," continuò Helen.

"Non ha senso," rispose debolmente Madison.

"È Madi? Lascia che ti chieda questo. Quando è stata l'ultima volta che hai scopato?

"Esco... occasionalmente," borbottò.

"Non sto parlando di appuntamenti, sto parlando dell'ultima volta che hai avuto il tuo mondo scosso da un grosso cazzo duro. Sto parlando dell'ultima volta che sei stato scopato così forte che ci sono voluti due giorni prima che potessi camminare normalmente di nuovo. È di questo che sto parlando», sussurrò Helen in tono cospiratorio.

"Mio Dio Helen, non devi essere così grossolana", disse Madison, poi bevve un altro sorso salutare del suo drink.

"Ascolta tesoro, non stai diventando più giovane. Devi afferrare la vita per le palle e spremerne tutto quello che puoi."

"Di cosa state parlando, adorabili signore?" chiese John mentre si avvicinava.

"Oh, solo chiacchiere da ragazze. Hai dimenticato il miele ghiacciato," gli disse Madison, notando che l'unica cosa che aveva portato era la bottiglia di tequila e mezzo bicchiere pieno.

"Accidenti," borbottò.

"Lo prendo io," annunciò Helen, alzandosi e dirigendosi verso la casa, il suo sedere che ondeggiava avanti e indietro per l'intera distanza.

"Lei è qualcos'altro", ha detto Madison più a se stessa che a qualcuno in particolare.

"E' così," convenne John sedendosi sulla sedia vuota di Helen e voltandosi verso sua madre. "Ascolta mamma, voglio scusarmi per come ti ho fissata prima. Stai così bene con quel vestito che non ho potuto trattenermi."

"Grazie John, sono lusingato che tu la pensi così. Ma vorrei che tu mi facessi un favore e non bevessi troppo, okay?"

"Non preoccuparti, non lo farò", disse, inclinando il bicchiere e scolando il resto del suo drink prima di alzarsi e dire che stava andando a fare una nuotata.

"Ecco il ghiaccio", disse Helen mentre raggiungeva il carrello di servizio. "Posso prepararti un'altra Madi?"

Madison abbassò lo sguardo sul suo bicchiere vuoto e si chiese quando l'avrebbe finito. Tenendolo aperto, lasciò che la sua mente tornasse alla sua precedente conversazione con Helen. Quand'è stata l'ultima volta che il mio mondo è stato scosso, si è chiesta. È stato prima o dopo che il suo doppio marito era scappato con la sua segretaria diciannovenne? Doveva essere stato dopo, visto che era successo quasi dieci anni prima, ragionò. Cominciò a sentirsi un po' frustrata perché non riusciva a ricordare onestamente l'ultima volta che aveva avuto un'esperienza sessuale piacevole. C'erano stati alcuni wham bam grazie signore nel corso degli anni, ma niente che scuotesse la terra. Gli unici orgasmi che aveva avuto di recente erano quelli che si era concessa da sola.

"Dannazione ragazza, sembri assorta nei suoi pensieri. C'è qualcosa in cui posso aiutarti?" chiese Helen, reclamando il suo posto e porgendole il drink di Madison.

"No, solo cercare di ricordare qualcosa è tutto," rispose lei, accettando il drink e portandosi il bicchiere alle labbra carnose.

Sorseggiando il suo drink, Madison osservò il corpo muscoloso di suo figlio scivolare senza sforzo nell'acqua. La rigidità nei suoi capezzoli era sparita, ma l'umidità all'inguine le ricordava che era stata eccitata dal modo in cui suo figlio l'aveva guardata. Incapace di scrollarsi di dosso l'immagine del suo rigonfiamento dal cervello, si rivolse a Helen e le chiese cosa intendesse dire con l'aver preso a pugni ragazzi che non avevano bisogno di una pillola per alzarsi.

"Ti stai chiedendo se tradisco mio marito, vero?" chiese Helen, i suoi occhi osservavano John in piscina.

"Sì."

"Tecnicamente no. Io e Donald abbiamo un accordo. Lui può scoparsi tutti i ventenni che vuole, e io posso fare lo stesso. L'unica regola è che non raccontiamo all'altro le nostre conquiste."

"Non so come voi due possiate farlo. La santità del matrimonio non significa più niente?"

"Non essere così pudica Madi. Donald e io abbiamo imparato molto tempo fa che con tutti i tempi in cui siamo separati entrambi avremmo bisogno di sbocchi per i nostri bisogni sessuali. Quindi prendere un amante di tanto in tanto sembrava la cosa logica per noi da fare. E devo dirtelo Madi, non c'è niente come farsi scopare stupidamente da un giovane stallone come tuo figlio."

"Mio figlio? Non stai dicendo che hai intenzione di..." sibilò Madison.

"Behlllllll."

"Helen, non puoi! Sei parente, sarebbe incesto!"

"Soltanto per matrimonio, non per sangue. E siccome non è più così, non c'è nessun male, nessun fallo. E poi, non sarebbe ora che risalisse in sella?"

"Helen, per favore... non mio figlio," supplicò Madison.

"Oh, non diventare più santa di te con me Madi. Per quanto mi piacerebbe portarlo a fare un giro di prova, non credo di essere quello su cui John ha gli occhi comunque", sospirò Helen.

"Di cosa stai parlando? A chi altro starà pensando?" chiese Madison perplessa.

"Tu", rispose Helen in tono piatto.

"È assurdo, sei pazzo se pensi che mio figlio voglia fare sesso con me," ringhiò Madison.

"Sono pazza? Davvero? Pensaci bene mentre vado a flirtare con tuo figlio. Da quando si sono sposati mia figlia mi ha detto che John l'ha chiamata "mamma" in diverse occasioni mentre facevano l'amore. Cosa significa che ti dice?" Detto questo Helen si alzò e si avvicinò alla piscina lasciando una Madison sbalordita a fissare il vuoto nel vuoto.

John era immerso nell'acqua fino al collo e guardava ammirato mentre Helen si faceva strada sensualmente verso l'estremità bassa e lentamente scendeva le scale finché il minuscolo triangolo di tessuto che copriva il suo tumulo scompariva sott'acqua. Un gemito involontario gli sfuggì quando il resto di lei scivolò fuori vista. Non poteva negare che fosse una donna sexy; il rigonfiamento dei suoi tronchi lo confermava. Guardando in basso attraverso l'acqua riusciva appena a distinguere la sua figura distorta mentre raggiungeva le sue gambe. Senza preavviso sentì le sue mani afferrargli le gambe e usarle per tirarsi su. When her hands reached the hem of his trunks one of them slid up the baggy leg hole and found his ball sack, squeezing it gently before releasing it as her head broke the surface.

"Helen!" he sputtered, staring into her mischievous eyes.

"Relax John, have a little fun for a change. You could always pay me back you know," she giggled, grabbing his hand and placing it against her mound before he could react.

"God, what am I gonna do with you?" he said, yanking his hand off her mound and stepping around her heading for the shallow end of the pool.

"I have a few suggestions," she called out, a tingle coursing through her pussy as she watched his retreating muscular back.

Stepping out of the pool John walked over to where his mother was fixing herself another drink. His pace slowed to a crawl as he took in the sight of her backside pointed in his direction. Her suit bottom had crept closer to her crack exposing a good deal of pale white cheeks to his gaze. He knew he should be disgusted with the thoughts that were running through his brain, but he wasn't. Instead he briefly stopped and admired the view until she turned and reclaimed her seat. By the time he reached the serving cart his cock had gotten thicker in his trunks. He had a little trouble concentrating as he poured himself a drink before taking a seat on the far side of hers leaving Helen's chair vacant.

"I'm really glad you're here Mom," John said as he settled back and began to sip his drink.

"Me too sweetie. Sorry it took so long to visit," she replied, turning toward him and studying his face.

"That's okay, I wouldn't have been much fun to be around anyway."

"I understand baby," came her soft reply.

"What are you two talking about?" Helen asked as she approached.

"Nothing really," Madison answered, annoyed at being robbed of some quality time with her son.

Helen fixed a drink and settled into the vacant chair before asking, "So Madi, have you told John what we discussed?"

Turning to look at them John asked, "What's she talking about Mom?"

"Oh, nothing dear," Madison replied, shooting a scathing look in Helen's direction.

"I would hardly call it nothing Madi," Helen retorted.

"Tell me," John said, his interest piqued.

"Well honey," Helen began, waving a hand in Madison's direction when she saw her start to interrupt. "Your mother and I were thinking that it's time you got back in the saddle."

"Back in the saddle? You mean like start dating or something?" John wanted to know.

"What Helen is trying to say..." Madison started to explain.

"What I'm saying," Helen interrupted, "Is that you should stop feeling sorry for yourself. It's time you started going out and being around other people. Maybe date someone, do something fun, get laid. Don't waste your life moping around the house like you're doing now."

"That's my decision to make, not yours," John replied through clenched teeth before standing and heading to the house.

"That didn't go over too well," Helen said as she watched him duck inside the house.

"Maybe I should go and see if I can calm him down," Madison stated, starting to rise.

"No, I'll do it. I'm the one he's upset with," Helen replied jumping to her feet and heading off before Madison could stop her.

When Helen entered the house John was nowhere in sight. After searching the kitchen and finding it empty she figured he might be in his bedroom. That's where she found him. He was standing in the middle of the room with his back to the open door sipping on a half-full bottle of tequila. Slowly she went up to him and pressed herself against his back, wrapping her arms around his waist and letting her hands settle on his firm abdomen. She felt him tense up as her skin made contact with his shirtless back.

"I didn't mean to make you mad John. I just want what's best for you," she said softly.

He felt the smoothness of her skin against his back and the warmth of her hands on his tummy. To his surprise it felt good, very good. His cock was starting to show signs that it liked the feel of her against him also.

"And you think the best thing for me would be to get laid?" There was no anger in his voice.

"I know you miss Kathy, we all do. But I also know that she'd want you to get on with your life dear," Helen gently replied as one of her hands inched lower on his stomach.

Taking a pull from the bottle John asked, "Do you think she'd be okay with her own mother trying to fuck me?"

"Actually, I think she would like the idea that it was with someone who really cares for you," she cooed, her hand now dipping into the waistband of his trunks.

"I'm not so sure of that," he whispered, feeling his resistance fading away as she began to place tiny kisses on his shoulders.

"I am sweetie, trust me," she replied soothingly, her hand now all the way down the front of his trunks.

John stood there with his eyes closed and surrendered to the warmth of her hand as it finally wrapped around his semi-hard cock. He felt lightheaded as more and more blood flowed into his penis making it rock hard. Softly he leaned back against her feeling the swell of her tits pressing firmly into his back. God it's been so long he thought as the sensation of her hand stroking his shaft sent flutters of joy throughout his being. He hadn't even allowed himself the pleasure of masturbating since Kathy's death.

My God he is huge thought Helen as she felt his cock expand to its fully aroused size in her hand. The thought of having this beast stuck up inside her filled her with joy as her hand stroked faster along the throbbing shaft. Without thinking about it she took her hand off his cock long enough to use both to pull his trunks down around his knees. With the trunks out of the way she reached back around and captured the hot hard meat of his cock once more in her hand. This time she was able to make longer strokes. As her hand worked his shaft with ever increasing speed, she brought her other hand around till it was on top of her mound, the fingertips pressing against her stiffening clit under her skimpy suit. Deftly she used her fingers to pull the fabric to one side giving her access to the slick, wet folds of her slit. A tiny sigh of relief escaped her lips as two fingers wormed their way up into her flooded tunnel.

He heard her sigh just before one of his own leapt from his mouth. The grip around his cock tightened and pre-cum began to ooze out freely from the tip. The warmth of her pistoning hand and the feel of her breasts pushing into his back opened the floodgates of his desires. Helen had teased him for years and now he was going to do something about it. This wasn't about love, or anything remotely close to it. This was about lust. Pure, unadulterated lust plain and simple. The sound of the half-full tequila bottle hitting the carpeted floor didn't even register with either of them. Spinning around he stared into her glazed eyes, his burning with desire.

"You want me to get back in the saddle? I'll show you back in the saddle!" John snarled.

Before she could answer he bent down and grabbed her roughly by her ass cheeks and lifted her off the floor, his face buried between her breasts as he carried her awkwardly toward the bed. Once next to it he unceremoniously dropped her onto her back with her butt at the edge then spread her legs wide by her knees and slid between them. With her thong already pulled to the side he had no problem stepping between her thighs and placing the head of his throbbing cock against the opening of her sopping pussy. He could see both fear and hunger in her eyes as she stared up into his face. In one forceful lunge he sank his cock into her until his balls were pressing firmly against her ass. Because of her wetness and the pre-cum oozing from his cock there was little resistance.

"Oh shiiitttttt!" Helen screamed as she felt his cock stretching her pussy out as it sank into the deepest recesses of her cunt.

For several minutes after Helen had left Madison sat and sipped her drink, disturbing thoughts bouncing endlessly around her brain. Could all the things that Helen had said about her son wanting her, and also calling his wife mom while that made love be true? She didn't think so, but the thought that maybe it was true kept lingering in the back of her mind. Hadn't he stared at her with something more akin to lust than what a son should have? She knew the answer to that was yes; she'd seen it in his eyes. Her nipples grew stiff as she recalled the bulge growing in his pants the longer he had stared at her. And God help me, she rebuked herself, didn't your pussy get wet just from having your son leer at you? She wanted desperately to blame her own arousal on the booze but knew in her heart that she couldn't. The thought that maybe she shouldn't let Helen confront John by herself nagged at her. Setting her glass down she rose and went inside.

Madison heard Helen scream and fear clutched at her heart as she raced toward the sound. It was coming from John's room. When she reached the threshold of his bedroom her jaw dropped, her hands flew up to her mouth and her mind struggled to register what her eyes were seeing. There before her was John between Helen's wide open legs, his trunks hanging around his ankles, and his ass cheeks clinching with each forceful lunge of his hips. His legs were parted enough for her to see his balls bouncing off Helen's upturned ass. When he pulled back she got a quick glimpse of his thick hard cock covered in a shiny sheen of their fluids. The size of it took her breath away. Before she knew what she was doing one of her hands had slid into the top of her suit and captured a ripe nipple between two fingers while the other one had snaked down over her mound and was applying subtle pressure on her clit through the fabric. Leaning gently against the doorjamb she watched mesmerized as the spectacle before her played out, the pressure on her mound increasing.

"Is this what you've been wanting Helen?" John growled, slamming into her hot wet cunt savagely.

"Yes, yes, yes! Fuck me you motherfucker!" Helen wailed, trying to push her hips up to meet the battering ram that was filling her pussy so full.

Placing his hands at the back of her knees he pushed her legs down until they were almost touching her tits. He couldn't deny the effect her pussy was having on his cock. The heat around his shaft was building and he could feel the throbbing increase as he plunged faster and faster into her sopping wetness. Leaning over her he began to take long strokes in and out to prolong the orgasm that was fast approaching.

Madison watched as her son leaned forward giving her a better view of his cock as it went in and out of Helen's bald pussy. Until now she hadn't realized how long it was. Butterflies began dancing in her stomach as she worked her hand furiously over her mound, her eyes glued to the thick wet muscle that was her son's hard cock. She barely had time to pull her hand away from her tit and clamp it over her mouth to stifle the moan the accompanied her release. Shame washed over her as she felt her orgasm rip through her. When it slowed enough for her to move she fled out of the room and didn't stop until she was back by the pool. Her hands were trembling so hard it took two tries to fix herself a drink.

"Ohhhh Fuucccckkkkk!" Helen screamed as her cunt clamped around John's cock and released a flood of juice.

John felt her cum and couldn't hold back any longer. Gritting his teeth he buried his cock into her as far as it would go his spunk erupting from him like a volcano.

Helen felt his cock twitching with each spurt of cum. She felt it drip out and slid down the crack of her ass. Eagerly her cunt milked as much of his cum out as it could before he slid to the side and collapsed on the bed next to her, the wet sucking sound of his cock plopping out of her saturated hole resonating in her ears. Dazed she sat up, gave him one last look and walked unsteadily out of the room. She made it as far as her bed where she fell onto her back and passed out. John crawled all the way onto his and did the same thing.

Madison downed the first drink in one swallow then carefully fixed another before sitting heavily into her chair. She couldn't believe that she'd just masturbated while watching her son fuck the shit out of Helen. The thing that had her worried the most was how much she'd actually enjoyed herself. The orgasm she'd had wasn't earthshaking, but it had been better than any she'd had in a very long time. Without realizing she was doing it she began to rub her mound once more. When it finally dawned on her what she was doing she was very close to having another orgasm. Yanking her hand away from her mound she was startled by the sudden giggle that poured from her lips. My God, have I turned into a Helen she asked herself? Living just for the pleasure life offered, no questions asked? In the back of her mind a little voice chimed in. Why not Madi? When's the last time you actually had fun just for fun's sake? When was the last time you were fucked as hard as Helen was getting fucked right now?

"Never," she whispered, an obvious note of envy in her voice.

Daylight gave way to nightfall as Madison sat there sipping her drink and dwelling on her past. She didn't like what she was remembering. The lonely nights, a loveless marriage, frustration. The only thing that had given her any joy was her son John. Love swelled in her heart but was replaced with pride when her mind shifted to the vision of her son's rigid rod pummeling Helen's pussy. Shaking her head to clear the image she sat her glass down and went into the house. Maybe things would look brighter in the morning she told herself.

As she entered the hall leading to the bedrooms she noticed light flooding into the hallway from John's open doorway. Was he still up she wondered as she approached? She got her answer when she glanced inside and saw him sprawled on the bed without anything covering him. The first thing she noticed was how peaceful he looked. The second thing her eyes took in was his exposed cock. To her it looked like it hadn't gone completely down. She was torn between just shutting his door, or going inside and covering him up. She chose to cover him up then close his door.

As she slowly approached the side of his bed she became acutely aware of the moisture building up inside her pussy. A quiver of anticipation rippled through her. All her good intentions flew out the window once she was next to the bed. She couldn't take her eyes off his cock. From somewhere deep inside her a hunger grew as her eyes spied the drop of cum that clung to the end of her son's magnificent penis. With a trembling hand she slowly reached out and hefted his meat up with two fingers until the head was pointing skyward. As if guided by some otherworldly force she leaned over and captured the drop with the tip of her tongue. A moan escaped her lips as she tasted the salty elixir. The hunger grew into a craving with only one way to satisfy it. Madison's mouth opened and took the head of her son's cock into it. Tenderly she swirled her tongue over the crown and around the entire top of his head hoping that more of his seed would run out. When his penis began to swell in her mouth she became scared that he was waking up. Releasing his cock she fled out the door without covering him or closing the door.

John lay there semi awake, the tingling sensation on his cock slowly fading. He had opened his eyes to slits at the feel of something warm surrounding the head of his cock and thought he saw Kathy. She was bent over sucking his cock wearing her favorite bathing suit. Now that the feeling was fading he just thought it was a dream. He closed his eyes but sleep eluded him. The picture playing out in his mind kept switching from Kathy sucking his cock to one where it was his mother doing the sucking. His hand traveled down until he was holding his growing stiffness in his palm.

The main bedroom was shrouded in darkness when Madison reached it. Without thinking she flipped on the light flooding the room in brightness. Stretched out on the bed, her legs open, was Helen. She seemed to be completely out of it so Madison left the light on. She needed to find something to wear to bed and wouldn't be able to if the light was off. She also didn't care if she woke Helen or not. Making her way to where her suitcase was she had to pass right by where Helen lay. Glancing down as she passed she noticed that Helen's suit bottom was still pulled to the side leaving her pussy in plain sight. Madison stopped and gazed between Helen's legs. She could see that Helen's cunt lips were red and puffy, and cum was still oozing out of her. Her son's cum. The longer she watched it dribble out of Helen's soaked slit the stronger the urge to taste more of it grew. Without a conscious thought as to what she was doing she bent down and ran a finger through Helen's inflamed puffy lips gathering a coating of John's cum on her finger. Having never touched another woman's pussy before it felt strange and oddly exhilarating. It wasn't until she had her finger in her mouth and was sucking the salty fluid from it that she looked down and saw Helen staring up at her with wide-open eyes. There was no anger or judgment in them, only understanding.

"Oh God Helen, I'm so sorry. I don't know what I was thinking," Madison stammered, starting to back away.

Before Madison could retreat Helen reached up and took hold of her wrist and held her in place as she swung her feet off the bed and stood up in front of her.

"You wanted to taste him, didn't you?" Helen asked soothingly, her hands now resting lightly on Madison's shoulders.

"Ye...yes," came her soft reply.

"Is that all you want from him Madi?" Helen asked, gazing over toward the doorway as she began to gently pull the straps of Madison's suit down over her shoulders.

"I...I...don't know," Madison whispered, barely registering the fact that her top was being pulled down exposing her breasts.

"Yes you do Madi. Tell me what you want. Tell me what you want John to do," Helen coaxed as she knelt and pulled Madison's suit down and off her torso, leaving it bunched at her ankles as she stood back up.

"Please Helen...I can't," she responded with a quiver in her voice.

"You can Madi. Say it. Say you want to feel his hard young cock in you," Helen encouraged a little more forcefully.

"Please don't make me say it," Madison implored her while images of her son's thick hard cock raced through her mind.

"Say it Madi!" Helen urged as her fingers captured Madison's ripe swollen nipples and pinched them lightly.

A gasp escaped Madison's lips and her eyes squinted shut as she spoke. "God forgive me, but yes, I want to feel my son's cock in me!"

John had lain in bed for several minutes before deciding that he wasn't going to get back to sleep anytime soon. Reluctantly he rose out of bed and stepped into the hallway butt- ass naked. He didn't think anyone would be up. The light spilling from the main bedroom made him think twice about that so he grabbed a towel out of the bathroom. With the towel securely wrapped around him he made his way to the main bedroom and stopped dead in his tracks before reaching the door when he heard Helen's voice say, "You wanted to taste him, didn't you?" When he heard his mother's reply he stepped into the doorway and stared slack-jawed at the two women. His cock grew and grew as the scene played out in front of him. Releasing the towel he began to slowly stroke his shaft as his mother's swimsuit was tugged from her body. By the time it was finally off his cock had become painfully hard. He stepped forward and stood behind his naked mother, the urge to touch her overpowering.

Helen took Madison gently by the shoulders and turned her around, softly saying, "Then tell him Madi."

She almost fainted when she saw her son standing in front of her. She wanted desperately to cover herself with her hands but her arms wouldn't move, they just hung limply at her sides as her eyes traveled lower on his body. Another gasp escaped her lips when she took in his raging hardness, the veins standing out and pulsating with life. Her eyes lingered a moment longer before she forced herself to look into his face. She didn't know what she expected to see; perhaps disgust, pity, shame. When her eyes reached his all she saw was love coupled with an intense desire. The kind of desire she'd yearned for from a man.

"I'm so sor..." Madison didn't get the chance to finish before John's hands cupped her face and his lips pressed tenderly down onto hers.

"I think I'll give you two some privacy," Helen said, heading to the door leaving the bottoms of her swimsuit still pulled to the side.

Madison struggled feebly to back away, but stopped when her son's hands left her face and went around to cup her ass. All willpower vanished as she felt herself being swept up in his arms, his muscular body pressing against hers. She felt his tongue gently probing until she parted her lips and allowed it to dart inside, his cock wedged between their bodies hot and throbbing. Her arms found a life of their own and snaked around his neck and forced his lips down harder on to hers. A long slow moan escaped her as her son's tongue explored her mouth while his hands gently kneaded the lush full buns of her ass.

John felt her yield to him as she parted her lips and let his tongue in. When her arms came around and pulled him tighter into her his desire for her reached its zenith. His hands gently kneaded the pliant flesh of her ass as he lovingly kissed her with a passion he'd never known before. Slowly he broke the kiss and backed up until he was holding her at arms length. Like gazing at a priceless masterpiece his eyes traveled over her. His cock throbbed harder as he took in the full ripe breasts capped with brown medium-sized areolas and stiff pointy nipples, then moved down over the slight swell of her tummy before settling on the fur-covered mound of her pussy.

Shivers of delight coursed through her body as she watched her son devour her with his eyes. When he dropped to his knees and pulled her into him she squealed with surprise. His breath was hot on her skin as he buried his face into her mound and snaked his tongue out onto the tip of her erect clit. Her knees buckled and she almost fell as his tongue probed deeper into the wetness between her cunt lips. A loud moan filled the air as he used his hands against her ass to pull her pussy tighter against his face. When his tongue touched the opening to her velvety tunnel she screamed from the force of the orgasm that raced through her.

John stood and gathered his mother's quivering body up in his arms. His lips found hers once more as he carried her to the bed and gently laid her down. She opened her legs wide as he climbed onto the bed and crawled between them. Holding himself on stiff arms he gazed into her sparkling eyes while her hand reached between them and guided the head of his rigid cock to her soaking wet entrance. Slowly he pushed until just the head was buried inside his mother's steaming hot pussy. Her eyes opened wide as he pushed more and more of his cock into her tight wet pussy. The heat surrounding his shaft was immense as his cock slipped deeper into her slick velvety tunnel.

"Oh sweet Jesus," Madison cried out as she felt her son's cock stretching her cunt walls as it sank slowly into her.

"Am I hurting you Mom?" he asked, his voice filled with concern.

Madison couldn't help but chuckle as she cupped his face in her hands. "No baby, you're not hurting me. It just feels so damn good is all."

She saw relief wash over his face and he smiled down at her.

Patiently John slid the last few inches into her. When his balls finally nestled up against her ass he lay down on top of her and stayed still. He couldn't believe how tight, hot and wet his mom was. Raising his head up he kissed her again, gently, lovingly. She responded by wrapping her arms around his back and softly stroking him. Slowly he began to pull out until just the head was inside, then just as slowly he pushed back in. He repeated this for several minutes, marveling at how she was getting into the same rhythm. Once their timing was set he began to stroke into her faster and faster, feeling her pussy rise to meet his downward thrust.

Helen leaned against the wall just outside the bedroom and listened to the sounds of their lovemaking. She could hear their bodies slapping together as she jammed two fingers into her sore wet pussy. The faster the couple went, the faster her fingers plunged. Her envy for what Madison was receiving was obvious to her. Why couldn't I have a son that would love me like that she asked herself?

Madison threw her legs around John until her heels were locked over his ass. She could feel each time his balls slammed against her upturned ass making the cheeks ripple from the force of it. His cock was stretching her to the limit and it felt glorious as he speared into her molten heat. The sound of their wetness bounced off the walls as she rode the tidal wave of her happiness. Grunting she pushed up to meet him as her feet pushed down on his butt forcing him to pound her harder and harder with each thrust. Her first orgasm hit her like a ton of bricks, ripping through every fiber of her being.

"Oh God, oh God, oh God, ohhhhhh Goddddddd!" she wailed, her juices erupting and coating her son's hard thick cock with its stickiness.

John felt his mother's pussy clamp forcefully down around his cock and start vibrating, the flood of juice that flowed out making it easier to pump into her tightness. Lifting himself back onto his arms he began to slide in and out of her cunt as fast as he could. Another spasm rippled around his penis as his mom's pussy exploded with another orgasm.

"Uuuuuugggggghhhhhhhhhh, I'm cumming!" Madison screamed, her head rolling from side to side as her body shuddered from the force of her new orgasm.

Helen placed her hand over her mouth and stifled the guttural moan that bellowed from her as her own orgasm rocked her violently. As the feeling subsided she slid softly down the wall landing on her ass, legs spread with two fingers still buried deep into her dripping pussy.

John couldn't hold back. Every nerve ending in his cock screamed for release as his mother's slick pussy quivered endlessly around his shaft. His asscheeks clinched as he buried his thick hard cock into his mother's cunt and released a torrent of cum. The howl of pleasure that erupted from him could be heard well past the boundaries of the house. When the jets of cum shooting into his mother finally dried up he collapsed on top of her heaving chest struggling to catch his breath completely spent. When he regained his breath he rolled off of her, a loud wet sucking plop could be heard as his deflating cock slipped from her saturated pussy. In an instant he was sound asleep.

Madison sighed deeply as she felt his cock slip from her tingling cunt. It felt like a river of cum was running out of her as she lay there on her back gazing lovingly over at her sleeping son. She felt no shame in what she'd done, nor would she.

John Birch slowly opened his eyes. The bedroom was filling with the morning light as it streamed in through the open curtains. The brightness wasn't what drew his attention; the feel of something hot and wet around his cock did. Glancing down he saw Helen with half of his erect cock in her mouth, her eyes gazing up his nude uncovered body filled with mischief. Before he could say anything a hand came from his right side and the fingers began to twirl through the curly hairs of his chest. Turning his head he saw his mother propped on her elbow gazing sweetly into his confused face. Helen chose that moment to deep throat his cock causing an involuntary groan to escape his lips.

"I think he likes that Helen," Madison murmured as her fingers roamed sensuously over his chest.

"What's going on Mom?" he asked, groaning once more as the pleasurable feeling on his cock intensified.

"Well, Helen and I have decided that since she has to leave in a few days that we would share you. But only if that's okay with you sweetheart."

"Are you leaving too Mom?" His eyes betrayed the worry he felt.

"I'd rather stay here, if it's okay with you," she replied, a huge smile on her full pouty lips.

"I would like that. I would like that very much," John said, a twinkle returning to his eyes.

"And," Helen added after releasing her lip-lock on his fully engorged cock, "we decided to let your Mom have first crack at you this morning."

John watched as his mother rose into a kneeling position next to him and threw her leg over his hips. He couldn't tear his eyes away as he stared down between her thighs and watched as Helen held his stiff cock up and guided it between the wet slick lips of his mom's pussy. His head dropped back down on the bed and a peaceful look came over his face as his throbbing hard cock slowly disappeared inch-by-inch into her hairy pussy.

Madison grimaced slightly as she lowered herself down on her son's cock, its size filling her fuller than she'd ever been filled before. A deep sigh of contentment spewed out of her mouth as she lowered herself the rest of the way down on him. Leaning slightly forward she placed the palms of her hands on his chest and gazed lovingly into his eyes. The despair that had been in them had been replaced with the look of a love that was so pure and bright it could rival the glare of the sun. She vowed that from this moment on, if he'd let her, she would spend the rest of her life making sure the brightness never died again. Slowly she began to rise and fall on his raging hardness, her pussy muscles quivering and clamping around his shaft with each upward movement.

"I love you so much Mom," he groaned, reaching up and cupping her face in the palms of his hands.

"Maybe you should start calling me Madi," she whispered, her bottom lip trembling as the love she had for her son shone brightly in her own eyes.


pics--

Storie simili

Ritmo di The Rails

Siamo usciti dalla Union Station verso le 20:00. Nella canzone, il treno parte la mattina e arriva la sera. Immagino che le cose siano cambiate da quando Steve Goodman ha preso il treno e ha scritto la canzone. Potrei conviverci. Fin dalla prima volta che avevo sentito Arlo Guthrie cantare di The City of New Orleans, avrei voluto fare questo viaggio. Spesso, al lavoro o sotto la doccia, mi ritrovavo a canticchiare la melodia. Ora, in realtà ero sul treno leggendario, in viaggio da Chicago a New Orleans. Stavamo cambiando auto a Memphis, nel Tennessee verso le 6:30 del mattino, a...

1.3K I più visti

Likes 0

Mamma che lavora 2

Mi chiamo Becky e se hai letto l'altra mia storia ho un figlio di 17 anni che si chiama Ryan. Dopo di lui ha cercato di ricattarmi per fargli fare un pompino e ha risposto al fuoco, beh, in realtà non è stato così, invece l'ho scopato. io non mi sono descritto molto bene nella prima storia, quindi ecco qualcosa su di me. Sono un avvocato (equity partner), sono di origini italiane e irlandesi decenti con capelli nero scuro sia in alto che in basso, sono 5'7 con una taglia del seno di 32C e una taglia 4 in vita ho...

832 I più visti

Likes 0

Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni. 'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina. 'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella...

712 I più visti

Likes 0

L'incontro sexy

Sei seduto al bar di un hotel con indosso un bel vestito blu truccato e indossi una bella parrucca castana dai capelli lunghi sapendo che indossi un crogiolarsi con delle mutandine nere a volant sotto il vestito, ti senti un reggicalze sexy che regge delle calze a rete morbide e setose mentre liscia il tuo vestito mentre ti metti a tuo agio sul tuo sgabello da bar alto in pelle. Mi noti dall'altra parte del bar, sorridi, io ricambio e chiedo al barista di mandarti un drink con una chiave magnetica nella stanza 6969 con un biglietto che dice di portare il...

1.4K I più visti

Likes 0

Sabato da sogno_(1)

Sabato da sogno…. Introduzione: Sono alto 6' 3; muscoloso dato che mi alleno 5 volte a settimana e ragionevolmente bello. Sono anche bisessuale. Adoro farmi leccare e scopare il culo con un dito, con un vibratore o preferibilmente con un cazzo vero. La mia ragazza sa tutto del mio lato bi ed è davvero eccitata all'idea di guardare me e un ragazzo che stiamo insieme mentre la facciamo godere. Questo è qualcosa che miriamo a fare nel prossimo futuro. La mia ragazza, Sarah, è alta 5' 6 pollici e molto magra, lunghi capelli castano scuro. Lei è la tipica ragazza fantasy...

411 I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.7K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.7K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

1.8K I più visti

Likes 1

Un mese fantastico

Da Pussycatspecialist Descrizioni dei personaggi Noemi: 18 anni Capelli lisci castano-rossicci Grandi seni 34C 5'6 con gambe lunghe e snelle e un culo tondo. Tom: 20 anni Capelli castani corti Muscolare 6'2 con un gallo da 9 pollici *** Ieri mattina i miei genitori hanno chiamato me e mio fratello Tom nella loro stanza. Cosa succede ragazzi? chiese Tom mentre noi due entriamo nella camera dei nostri genitori. Mentre mi guardavo intorno nella loro stanza, ho notato che avevano preparato le valigie sul letto accanto a loro. Sappiamo che è stato un po' improvviso, e ci dispiace, ma alcuni nostri amici...

1.9K I più visti

Likes 0

Il sogno di Giovanni si avvera

John: John si svegliò verso le cinque e mezza del mattino con una rabbia furibonda ancora una volta. Guardò in basso, prese la mano, se la fece scivolare lungo i pantaloni e iniziò a strofinarsi. Il motivo per cui si è svegliato era a causa sua. Alexandria, sebbene avesse solo 15 anni e fosse una matricola al liceo, sapeva di amarla. Tutto in lei lo eccitava; L'odore del suo shampoo alla fragola nei suoi ricchi capelli castano scuro che le arrivavano appena oltre le spalle, i suoi seni a coppa a C, il suo culo meravigliosamente stretto e le sue gambe...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.