Insegnante Pt. 4

1KReport
Insegnante Pt. 4

Capitolo 1: Conversazioni e Rivelazioni

Tornai a casa quella sera dopo quella prima lezione di gruppo con Sumin e Jihyun stordito. Non solo stavo fluttuando al settimo cielo al mio primo rapporto a tre, ma Sumin mi aveva lanciato un'altra palla curva in quanto sembrava essere bisessuale. E Jihyun era d'accordo! Non so se fosse il calore del momento o se fosse sempre stato dentro di loro, ma non riuscivo a togliermi dalla mente l'immagine di Sumin che succhiava tutto il seno adolescente di Jihyun. E il modo in cui Sumin aveva infilato le dita nella bocca di Jihyun dopo aver raccolto il mio sperma dalle sue tette... Avevo visto quel genere di cose nel porno per tutta la mia vita, ma ho pensato che fosse la vita del porno. Cose del genere non succedevano alle persone normali. Ma era appena successo a me. E poi c'è stato il dopo che mi ha fatto vacillare la mente.

Dopo il pompino del tag team, con grande disappunto dei due liceali affamati di sesso, ho insistito perché studiassimo davvero. Ho promesso a Jihyun che avremmo fatto sesso vero e proprio la prossima settimana e sono stato sorpreso di vedere Sumin sembrare quasi più deluso di Jihyun. E no, non andrei sotto la doccia con loro! Non potevo essere sicuro che la mamma di Jihyun non avrebbe controllato il libro di testo quando fosse tornata a casa e se avesse visto che non avevamo nemmeno rotto la spina dorsale, ci sarebbero state delle domande. L'ultima cosa che volevo era che qualcuno mettesse in dubbio quello che facevamo in classe. Si sono subito fatti una doccia e si sono rimessi i vestiti normali, poi sono saltato dentro facendo lo stesso. Sumin ha iniziato un carico di biancheria dopo che avevamo finito, quindi non ci sarebbe stata un'enorme pila di asciugamani bagnati a destare sospetti.

E, con mia grande sorpresa, riuscimmo a dedicare una buona mezz'ora allo studio prima che arrivasse la fine della lezione e Jihyun tornasse a casa. Con il ghiaccio rotto, ho iniziato a lavorare con Jihyun per coinvolgerla con Sumin nel libro di testo e darle dei compiti leggeri. Doveva sembrare ufficiale, dopo tutto. L'ho baciata in pieno sulle labbra e la sua mano ha strofinato il mio cazzo sui jeans, poi se n'è andata arrossendo e sorridendo. Quando se n'è andata mi sono seduto sul divano con Sumin per un po' e abbiamo parlato di tutto quello che era appena successo.

"Cosa hai pensato?" le chiesi, mentre la cingevo con un braccio e lei si rannicchiava contro il mio. I suoi lunghi capelli neri erano ancora impregnati del profumo dello shampoo della sua doccia. La inspirai profondamente mentre ci sistemavamo. La stanza si stava facendo più buia ma era fine giugno quindi c'era ancora un po' di luce solare che entrava dalle finestre. Fuori dalla finestra si stavano accendendo le luci e potevo quasi immaginare che questa fosse la nostra casa e ci rilassassimo dopo una giornata di lavoro.

"Maestro, è stato così meraviglioso!" lei disse. Con il suo accento suonava come wun-du-pull. I coreani non hanno un suono "F" nella loro lingua. O una "R", se è per questo. Non riuscivo a vedere il suo viso, ma ho sentito il sorriso nella sua voce. La sua mano era sotto la mia maglietta, strofinando i pochi peli sul mio stomaco.

«Mi hai davvero sorpreso», ammisi. "Non mi aspettavo che toccassi così tanto Jihyun?"

La sua mano si è fermata sul mio stomaco e non ha detto niente per un paio di secondi. Poi, senza guardarmi, ha detto: “L'insegnante ha detto... voler fare sesso va bene. Non male."

"Sì, l'ho detto."

“Quando vedo Jihyun e tu le lecchi la figa, respira molto. Le sue... tette?" Feci un rumore di assenso al suo uso corretto della parola. Ha continuato. "Le sue tette vanno su e giù e sembrano così sexy e penso..." Si fermò di nuovo. "Lo voglio in bocca."

ridacchiai. "Conosco quella sensazione", le dissi. "Voglio anche le tette in bocca." Sumin alzò lo sguardo e mi vide sorriderle, poi riabbassò la testa contro il mio petto. Sotto la mia camicia la sua mano ricominciò a percorrere il mio sentiero felice.

“Comincio a toccarle le tette e lei non dice niente per fermarsi. E si sente molto morbido. Mi piace quella sensazione. Quindi ora uso la bocca e penso che anche a Jihyun piaccia.

"Hai mai pensato a Jihyun in quel modo prima d'ora?"

Ha soppesato le mie parole e poi ha detto: “Penso sempre che il suo corpo sia così sexy e la invidio per questo. Ma non ho pensato di voler fare sesso con lei fino a quando non è nella mia stanza e ti aspettiamo. Voglio toccarla molto. E...» si interruppe.

“Puoi dirmelo, va bene. Nessuna cosa sessuale che vuoi fare è cattiva se tutti dicono di sì. E sono... abbastanza grandi per dire di sì. Quello che volevo dire era la vecchia battuta di Alfred Kinsey su come l'unico atto sessuale innaturale che c'è sia quello che non puoi eseguire, ma sapevo che sarebbe stato sopra la sua testa e non mi fidavo abbastanza del mio coreano per provare a tradurre Esso. Un po' come lei e Jihyun con l'inglese, potevo capire più coreano di quanto potessi effettivamente parlare.

La pausa si allungò un po', poi lei ruppe il silenzio. “Quando ti vedo leccarle la figa, anch'io ti invidio un po'. Penso di volerle anche leccare la figa! Seppellì il viso nella mia maglietta, come per nascondere la sua vergogna. "Maestro, forse sono lezz!" gemette e sentii il suo respiro caldo passare attraverso la maglietta e sulla mia pelle. Lezz è la parola gergale coreana per lesbica. Di solito suona come lez-zuh.

Sapevo che questo era un momento serio per lei, ma non ho potuto fare a meno di ridere un po'. Stava scoprendo cose nuove sulla sua sessualità e la cultura coreana non era eccezionale quando si trattava di cose del genere. Ho dovuto prenderlo sul serio. Ma la sua reazione è stata comunque divertente.

La comunità LGBTQ è costituita da cittadini di seconda classe in Corea del Sud, anche adesso. Non hanno alcuna protezione legale e ogni volta che la legislazione arriva per fornirgliene alcune, viene abbattuta. I più giovani erano, nel complesso, molto più fighi rispetto alla generazione dei loro genitori e nonni, ma non erano ancora una forza politica sufficiente per cambiare politica. Quindi era comprensibile il motivo per cui avrebbe dato di matto se avesse pensato di essere lesbica. Le accarezzai la spalla e la baciai sulla sommità della testa.

"Non sei lezz", le dissi a bassa voce. "Va bene. E anche se tu fossi lezz, andrebbe bene lo stesso.

Adesso si è seduta e ho visto che il suo viso era segnato dalla preoccupazione. "Ma mi piace molto la sua tetta in bocca e voglio assaggiarla di più!" ha insistito. “Voglio leccarle la figa e voglio che lei mi lecchi la figa! Questo è lezzo!

Lo ammetto, sono rimasto un po' sorpreso dalla sua apertura, ma ancora una volta, questo è ciò che l'ho incoraggiata fin dal primo giorno.

«Sumin», dissi con calma. "Vuoi ancora il mio cazzo?"

“Io...” si interruppe, poi rifletté. "Sì... voglio il cazzo dell'insegnante ogni giorno." Vidi il rossore salire un po' sulle sue guance, ma lei non distolse lo sguardo.

"Se tu fossi lezz, allora non vorresti fare sesso con me." Ho guardato mentre gli ingranaggi nella sua testa si muovevano.

"Ma allora perché voglio fare sesso anche con Jihyun?" Sembrava poco convinta.

So che sembra assurdo, ma questa è stata una conversazione perfettamente razionale da avere con un'adolescente coreana. C'era poca o nessuna educazione sessuale qui e quasi nessuna discussione sulle questioni LGBTQ nella cultura popolare. I bambini hanno imparato qui per osmosi e pessimi porno. Dovevi scavare in profondità nell'Internet coreano per trovare informazioni su cose come questa. La situazione è migliorata un po' negli ultimi dieci anni, ma poiché il governo ha poteri di censura molto ampi, non si vede quasi mai alcun tipo di relazione gay in televisione. A volte si accennava al fatto che un personaggio fosse gay, ma mai mostrato. Ricordo ancora un enorme scandalo scoppiato per una scena di bacio lesbico tra studenti in un dramma coreano. La gente ha perso la testa.

"Penso che forse tu sia bisessuale, tesoro." dissi, rassicurante. “Bi, significa ‘due’. Ti piace la bicicletta? Due ruote. Significa che ti piacciono gli uomini e le donne. E va bene! Penso che sia fantastico, in realtà. Mi sono avvicinato e l'ho baciata, e lei ha ricambiato il bacio ma poi si è allontanata.

L'ho vista rimuginare sulle mie parole, poi è scattato qualcosa. “Ah! Lo vedo nel porno giapponese quando la ragazza fa sesso con un'altra ragazza e poi arriva l'uomo. Ma penso che solo perché film!

"Forse. Potrebbero fare sesso con altre donne solo per soldi, ma ci sono molte persone a cui piacciono sia i ragazzi che le ragazze”.

Rifletté su questa informazione per un po', poi disse all'improvviso: “Maestro? Ti piace ragazzo?"

“No, non sono bisessuale. Alcuni ragazzi lo sono, ma non fa per me. Mi piacciono solo le donne.

Rimase in silenzio per alcuni istanti, poi, incerta, chiese: "Davvero va bene se mi piace?" Alzò lo sguardo su di me e studiò il mio viso, cercando di rilevare qualsiasi falsità.

"Va davvero bene", le assicurai. “E penso che anche a Jihyun sia piaciuto. Penso che potrebbe lasciarti leccare la figa. Ma forse non dire a tua madre o ad altri amici che ti piacciono le ragazze. Almeno, a meno che tu non pensi che non si arrabbieranno.»

Ad alcune persone potrebbe non piacere che le abbia detto di nascondere la sua sessualità, ma la Corea può essere brutale con le persone non eterosessuali. Per quanto ne so, sua madre potrebbe cacciarla di casa e lasciarla senza casa. Gran parte dei bambini senzatetto a Seoul proveniva dalla comunità LGBTQ. I ragazzi a scuola potevano ostracizzarla, farle il prepotente, non c'era modo di dirlo. I giovani generalmente accettano di più, ma è meglio non correre rischi.

Sumin mi rivolse un sorriso malvagio, poi si mise a cavalcioni su di me, baciandomi appassionatamente. Quando si staccò per riprendere fiato, disse: “Grazie, insegnante! Sei il miglior insegnante. Appoggiò la testa sulla mia spalla e restammo seduti in silenzio per un po', tenendoci solo l'un l'altro.

“Maestro…” mi disse dolcemente all'orecchio, il suo respiro caldo sul mio collo mentre la sua voce si affievoliva. E potevo sentirlo nella sua voce. Sapevo cosa voleva dire, perché volevo dirlo anch'io. Avrei voluto dirlo per giorni. Ma una volta che l'hai detto, era là fuori. Non potresti riprenderlo.

L'ho sollevata da me e ho incontrato i suoi occhi nell'oscurità. Nessuno di noi parlò per un lungo momento.

Alla fine ho rotto il silenzio. “Lo so, tesoro. Anche io."

Capitolo 2: Pazienza

Sono stato una palla di frustrazione sessuale per i successivi sette giorni. E ovviamente la nuova chat di gruppo su Kakao non ha aiutato. Sumin aveva invitato Jihyun nella nostra chat e la maggior parte era tra loro due, ma occasionalmente coinvolgeva anche me. Per precauzione ho fatto cambiare a tutti loro le password del telefono e ho aggiunto la protezione con password anche a Kakao, dato che era una cosa che si poteva fare. Minore è la possibilità che qualcuno entri nei loro telefoni e veda le nostre conversazioni e le nostre foto, meglio è. Tutte le foto dovevano essere cancellate prima di andare a letto, nessuna eccezione. E una dura eliminazione, non solo messa nel cestino. Anche le nostre chat venivano cancellate ogni 24 ore. Non stavo correndo rischi. Tutti noi impostiamo avvisi giornalieri sui nostri telefoni per ricordarcelo.

Nel frattempo, però, ci sono state molte foto in giro. Sumin avrebbe pubblicato una foto, nuda o meno, e poi anche Jihyun avrebbe dovuto pubblicarne una. I più caldi erano quando erano chiaramente ancora a scuola e indossavano le loro uniformi.

Quasi tutte le scuole pubbliche qui richiedono uniformi. La scuola frequentata da Sumin e Jihyun richiedeva che le ragazze indossassero camicie bianche a maniche corte con polsini scozzesi attorno al colletto delle maniche della camicia e colletto abbinato. Indossavano gonne con pantaloncini sotto in estate e pantaloni in inverno. Le magliette erano strette a causa degli amministratori perversi che chiamavano i colpi ed era particolarmente notevole sul fisico procace di Jihyun. Il tessuto della sua camicia era stretto sui suoi seni molto più delle dimensioni del busto più modeste di Sumin. Secondo lei, era la taglia più grande che potesse ottenere. Odiava indossarlo perché i ragazzi la fissavano sempre, così come alcuni degli insegnanti. Però le è piaciuto mandarmela. Ha detto che le piaceva quando guardavo.

Jihyun, sapendo quanto mi piacessero i suoi seni, ha iniziato a inviare molte foto con i bottoni dell'uniforme sbottonati, esponendo il reggiseno. A volte mostrava un capezzolo e altre volte inviavano foto che mostravano il loro culo o con il seno completamente esposto. All'inizio Jihyun li stava inviando a mio beneficio, ma Sumin stava facendo altrettanti, se non di più, commenti di apprezzamento e presto Jihyun cominciò a dire cose come "questa foto è per te, Sumin". Sumin commentava come non vedeva l'ora di succhiarli di nuovo, o leccare il mio sperma dalle tette di Jihyun, e Jihyun amava tutte le attenzioni. In cambio mandavo loro foto di cazzi, a volte anche dal mio lavoro. Andavo in bagno e nella stalla e scattavo una foto e mi dicevano quanto non vedevano l'ora di averla.

Una notte, stavo lavorando agli esami di valutazione in ritardo ed ero l'ultimo in ufficio. È stata una vera sfida portare a termine il lavoro in modo tempestivo e dopo un po' ho semplicemente rinunciato. Le ragazze erano già a casa, al sicuro nelle loro stanze e il discorso sul sesso stava prendendo piede. Sumin ha inviato un breve video della sua masturbazione, le sue dita che scivolano su e giù per la sua figa fradicia, e Jihyun ha inviato un video di lei che si succhia uno dei capezzoli in bocca. Poi mi hanno chiesto un video. Sono andato davanti all'accademia, ho chiuso a chiave la porta e poi sono tornato nella mia classe. Assicurato di essere solo, ho spostato i fogli dalla scrivania e ho appoggiato il telefono a uno dei miei organizer verticali. Una volta sicuro che la telecamera avesse un buon campo visivo, ho tirato fuori il cazzo e mi sono masturbato sulla scrivania. Entrambe le ragazze l'hanno adorato e ammetto che l'idea di farlo nella mia classe è stata una svolta piuttosto grande.

Jihyun era molto interessata a imparare a masturbarsi lei stessa. Ha confessato di sentirsi incredibilmente eccitata e quando Sumin le ha detto di scendere, ha ammesso di non sapere come farlo e di non averlo mai fatto prima. Sumin ha promesso di mostrarla nella nostra classe la prossima settimana, cosa che non vedevo l'ora di vedere.

Una cosa di cui non avevano discusso, e che non avevo sollevato, erano i loro sentimenti di attrazione reciproca. Era chiaramente una cosa in crescita a giudicare dal modo in cui avevano iniziato a parlarsi in chat, e l'ho incoraggiato ma non ho posto loro domande dirette al riguardo. Ho pensato che fossero ancora molto incerti su come sarebbe andata a finire in futuro e non hanno insistito. Tuttavia, Sumin mi ha detto nella nostra chat privata che non vedeva l'ora di esplorare di più con Jihyun. Ho adorato l'idea. Non riuscivo a pensare a niente di più sexy che prendere Sumin da dietro mentre il suo viso era sepolto tra le cosce di Jihyun. O di scoparsi Jihyun sulla schiena mentre Sumin le sedeva in faccia.

Inutile dire che il mio lavoro ha sofferto. Ero spesso distratto in classe e trattenevo molto il respiro cercando di far sgonfiare le mie erezioni. Il che a volte mi dava le vertigini e mi veniva qualche mal di testa. Per fortuna insegno dietro un podio e non ho dovuto rischiare che gli studenti vedessero il rigonfiamento nei miei pantaloni.

Le ragazze erano in una situazione simile. Sumin ha detto che era sempre arrapata e ha detto che era sempre alla ricerca di una scusa per sgattaiolare via in bagno per cercare di alleviare un po' la tensione. Ha detto che cercare di stare zitta nella stalla è stata la cosa peggiore. Le visioni di lei nella sua uniforme scolastica con la gonna arrotolata intorno alla vita e che si toccava fino a raggiungere un orgasmo silenzioso mentre i suoi compagni di classe passavano mi facevano impazzire.

Capitolo 3: Il lavoro di squadra fa funzionare il sogno

Tutti noi eravamo pronti a strisciare fuori dalla nostra pelle quando arrivò sabato. La vita era diventata qualcosa che accadeva in sottofondo mentre aspettavamo la nostra "classe". Non so cosa sia successo all'interno dei circoli sociali delle ragazze, ma i miei amici avevano iniziato a notarlo. Ho pubblicato a malapena sui social media e ho rifiutato più richieste di ritrovi del fine settimana. Ho iniziato a ricevere messaggi che chiedevano se le cose andavano bene. Ho detto loro che stavo bene, solo impegnato con molte lezioni extra ma che presto saremmo usciti. Ma onestamente, non mi importava molto se lo facessimo o no. Avevo cose più importanti in corso.

Mi sono avvicinato alla porta di Sumin quel pomeriggio e ho digitato io stesso il codice della porta, senza suonare il campanello. In qualche modo mi sembrava sbagliato usare il codice della porta per la casa di Sumin come se fosse la mia. Quel semplice atto più di quasi ogni altra cosa ha portato a casa la natura illecita di ciò che stava accadendo. Stavo entrando nella casa di Suminーla casa di sua madreーdavvero come se fosse la mia. O come se avessi la chiave di casa della mia ragazza. Mi sentivo stranamente in colpa per questo.

Le ragazze non erano lì per salutarmi, come avevo previsto. Invece, ho sentito il suono di un gemito provenire da sinistra, verso la camera da letto di Sumin. Incuriosito, mi sono tranquillamente tolto le scarpe e mi sono avvicinato alla porta. Era aperto, Sumin aveva piena fiducia che sua madre non sarebbe tornata a casa per ore, e li ho visti entrambi. Sumin e Jihyun erano lì, già nudi. Entrambi erano seduti sul suo letto, appoggiati al muro, e si stavano masturbando a vicenda.

Sumin era alla mia destra e Jihyun era alla mia sinistra. Le loro braccia erano incrociate l'una sull'altra con la gamba destra di Jihyun sopra la sinistra di Sumin. Erano appoggiati l'uno all'altro, gli occhi chiusi, mentre le loro dita andavano a lavorare sulla figa dell'altro. Mio dio, è stato glorioso. Non ho detto una parola, non volevo interrompere. Ma lentamente ho iniziato a spogliarmi e ho iniziato casualmente ad accarezzarmi il cazzo mentre li guardavo. I loro gemiti riempivano la stanza ed era musica per le mie orecchie.

I piagnucolii di Jihyun hanno cominciato ad aumentare di tono e ho visto Sumin flettere il polso e inserire un dito nella sua figa.

“Uh-muh! È così buono unni! esclamò Jihyun. Unni è una parola che si traduce vagamente in sorella maggiore, ma nessuna relazione. La mano di Jihyun interruppe le sue cure sulla figa di Sumin e le afferrò la coscia mentre raggiungeva l'orgasmo. Ho guardato mentre i muscoli delle sue gambe si irrigidivano e le dita dei piedi si arricciavano. Con un forte sussulto l'ondata del suo orgasmo si ruppe e lei emise un respiro esplosivo, seguito da un linguaggio molto colorato che si traduce approssimativamente in "figlio di puttana!"

Sumin è stata la prima a vedermi sulla soglia. Mi guardò senza un accenno di timidezza o imbarazzo. Guardò avidamente il mio cazzo e poi, con gli occhi nei miei, tolse le dita umide dalla figa di Jihyun e se le mise deliberatamente in bocca. I suoi occhi rotearono all'indietro con un'espressione di estasi. Cazzo, era fantastica.

Fu proprio in quel periodo che Jihyun tornò nel mondo dei vivi e il suo piccolo squittio ci riportò tutti indietro. Era scioccata nel vedermi lì in piedi e, nonostante quello che aveva appena fatto, non era ancora così rilassata su tutto. Ha cercato di coprirsi e Sumin ha riso. Anch'io mi sono fatta una risatina. Jihyun strillò imbarazzato.

"Cosa fai? È solo Drew Teacher! Smettila di essere un bambino! Tirò la coperta che Jihyun stava usando per coprirsi. Non si è lasciata andare, però. Invece ha cercato di scavare più a fondo.

"Maestro, scusa!" Jihyun pianse, la sua voce debole perché il suo viso era sepolto nella coperta.

Sumin alzò gli occhi al cielo e mi guardò con un sorriso. "Penso che forse si sia imbarazzata che tu lo veda."

"Sì, va bene." Le sorrisi. "Era molto sexy, tesoro."

Sumin sorrise. Jihyun sporse la testa sopra le coperte e guardò timidamente entrambi.

"Le insegno a masturbarsi, insegnante." disse Sumin. Stando a quello che avevo visto, Sumin le aveva insegnato molto di più.

"Lo vedo", dissi, incapace di nascondere il mio sorriso. A Jihyun ho detto: "Ti è piaciuto?"

Annuì lentamente con la testa e poi, come se avesse temuto una sorta di rimprovero per essere stata colta sul fatto, si sedette di nuovo.

"La mano di Sumin si sente molto bene", ha risposto.

"Ti è piaciuto toccarla?" Ho continuato.

Il viso di Jihyun divenne cremisi e lei non volle incontrare i miei occhi, ma disse piano: "Sì..."

“È stato un buon allenamento, ma è ora della nostra lezione. Siete entrambi pronti?

"Si professore!" dissero, quasi all'unisono, prima di ridacchiare. Mi sono avvicinato per baciare Jihyun e lei mi ha ricambiato, forte. I nostri denti sbatterono insieme un paio di volte, ma era ancora caldo. Sentii il letto spostarsi quando Sumin si avvicinò, così mi staccai da Jihyun e spostai la mia attenzione sull'altra splendida ragazza nel letto. Ci siamo baciati appassionatamente per alcuni istanti prima che Jihyun diventasse impaziente e mi trascinasse a letto. Ciò che seguì fu una raffica di risatine, gemiti e gemiti mentre ci immergevamo l'uno nell'altro. Fu un meraviglioso miscuglio di baci, succhiamenti, carezze e morsi.

Dopo un paio di minuti, come per tacito accordo, Sumin ed io ci siamo concentrati entrambi su Jihyun. Sono andato basso e Sumin è andato alto. Almeno all'inizio. Sumin si posizionò accanto a Jihyun e ricominciò a baciare quei suoi seni succulenti. Mentre lo faceva, ho iniziato a baciarle lo stomaco e le ho fatto scorrere le dita tra i peli pubici. Mentre infilavo il dito nelle sue pieghe umide, alzai lo sguardo e vidi Sumin che baciava le spalle di Jihyun, poi il lato del suo collo e poi le sue guance. Ho visto l'esitazione in entrambi mentre le loro labbra si avvicinavano a un centimetro l'una dall'altra, poi Sumin ci ha provato. Ha colmato il divario e l'ha baciata in pieno sulle labbra. Scelsi quel momento per infilare il dito fino in fondo nella figa fradicia di Jihyun. I suoi fianchi si inarcarono all'improvvisa sensazione ed emise un gemito acuto, le sue labbra ancora bloccate su quelle di Sumin. Con una mano si strinse forte a Sumin e con l'altra trovò il mio braccio e lo strinse forte. Ho continuato a far scivolare il mio dito in profondità dentro di lei e lei ha interrotto il bacio con Sumin con un forte rantolo.

"Insegnante!" gridò. "Insegnante! Dio mio!"

Sumin mi guardò di nuovo, sorridendo ampiamente, poi tornò al seno di Jihyun, alternandosi tra uno e l'altro. Jihyun ansimava e si contorceva sul letto, sopraffatto dalle sensazioni. Immaginando che fosse pronta, ho rischiato un secondo dito e lei se n'è accorta subito. Le pareti della sua figa erano strette attorno alle mie dita ma questo era necessario per quello che sarebbe successo dopo.

“Uh-muh! Uh-muh! gridò. “Buongiorno!” esclamò con un lungo sospiro. Potevo sentire il suo corpo diventare teso mentre il suo secondo orgasmo serale si avvicinava. Mi stava spingendo nella mano tanto quanto io stavo spingendo dentro di lei.

Ho iniziato a rallentare il mio ritmo e alla fine mi sono fermato, le mie dita ancora strette nel calore di quello stretto buco coreano.

"Jihyun, vuoi la bocca?" Le ho chiesto.

"Mmm?" Potevo vederla cercare di schiarirsi i pensieri. "Si professore. Bocca, per favore. Le ho sorriso. Poi ho guardato Sumin.

“Sumin, lei vuole la bocca. Dovresti farlo?"

Gli occhi di Sumin incrociarono i miei, grandi come piattini. "Veramente?" La testa di Jihyun si sollevò, guardando prima me con occhi ugualmente spalancati, e poi la nuca di Sumin. Sumin sentì il movimento e si voltò a guardarla.

A Jihyun, Sumin disse: "Posso farlo?"

Jihyun fissò per un momento, elaborando, poi disse: "Lo vuoi davvero?" Sumin annuì.

"Voglio davvero provarlo."

Jihyun mi guardò e poi tornò a Sumin, poi annuì anche lei.

"O si!" esclamò Sumin, poi si chinò e baciò di nuovo Jihyun, che ricambiò il bacio avidamente. Poi Sumin si staccò e si allontanò dal letto mentre io riposizionavo Jihyun con le gambe fuori dal bordo del letto come l'ultima volta. Sumin afferrò un cuscino, lo fece cadere sul pavimento di legno duro e si sistemò.

"Vai piano", le dissi. “Non mordere, non soffiarci sopra o altro. Sii gentile. Pensa a cosa vorresti provare.”

"Va bene, insegnante." Segnalò la sua comprensione, poi si chinò più vicino. Forse ricordando quello che avevo fatto, iniziò a baciare le cosce di Jihyun, muovendosi gradualmente in avanti. Mi sdraiai accanto a Jihyun e le avvicinai la testa per un bacio. Respirava affannosamente, in parte per il nervosismo, ne ero certo, e in parte per l'eccitazione. Le accarezzai lo stomaco e le accarezzai i seni mentre Sumin si faceva avanti. Proprio come avevo fatto con Sumin, l'ho incoraggiata. Le ho detto quanto fosse bella, quanto sarebbe stato bello, e lei ha accettato le parole e ha iniziato ad aprirsi. Fino a quando la lingua di Sumin non è entrata in contatto con la sua figa. Sussultò e strillò prima che si trasformasse in un basso gemito. I suoi occhi rotearono all'indietro e li chiuse mentre le prendevo in bocca uno dei suoi seni.

Potevo sentire i suoni bagnati mentre Sumin leccava la sua prima figa. Sembrava molto entusiasta e Jihyun l'ha decisamente apprezzato. Dubitavo che ci fosse molta abilità, ma con l'erotismo del momento, non credo che a Jihyun importasse. Una ragazza si stava leccando la figa e le piaceva. Jihyun allungò la mano libera e afferrò la parte posteriore della testa di Sumin, tirandola forte contro il suo inguine. Un "mmmm!" soffocato venne da Sumin, ma lei continuò. Nella parte posteriore della mia testa una parte di me ne era divertita. Volevo dire "sì, è così che ci si sente" ma l'ho tenuto per me.

“Unni! Unni! Oooooooh fuuuuck!

Il respiro di Jihyun divenne più acuto e il suo corpo iniziò ad inarcarsi. Con un grido venne e il suo corpo iniziò a tremare. Le sensazioni divennero eccessive per lei e allontanò la testa di Sumin, poi il suo corpo si afflosciò.

Sumin aveva un sorriso stordito sul viso mentre iniziava ad allungare la mascella. L'ho attirata a me e ci siamo baciati condividendo l'umidità di Jihyun, mentre lei si riprendeva sul letto tra di noi. È stato uno dei momenti più caldi della mia vita.

"Ti è piaciuta la figa di Jihyun?" le sussurrai all'orecchio, mentre le baciavo il collo e l'orecchio. Mi morse con fermezza la spalla, la sua mano si protese verso il mio cazzo. Il suo morso faceva un po' male, ma era una ferita buona. La sua voce era roca quando parlò.

“Maestro, è incredibile. Ma ho bisogno del cazzo dell'insegnante. Insegnante così arrapato! Gemette l'ultima parola mentre mi mordeva di nuovo il collo.

"Prima scoperò Jihyun, poi potrai avere il mio cazzo quanto vuoi." gliel'ho promesso. "Ti voglio accanto a lei quando la scopo."

Sumin fece il broncio ma capì che oggi era per Jihyun. Potrei dire però che per quanto si stesse divertendo con noi tre insieme, le mancava decisamente la mia totale attenzione. E onestamente, mentre ci pensavo, anch'io l'ho fatto. Amavo l'idea di quello che stava per succedere, ma mi mancava solo passare il tempo con Sumin. Erano ormai due settimane che Jihyun era con noi e sentivo un forte desiderio di trovare del tempo da solo solo per me e Sumin.

Riportando la nostra attenzione su Jihyun, ho detto: "Sei pronto, Jihyun?"

«Mi ha guardato, si è morsa un po' il labbro, poi ha annuito. "Sì, sono pronto, insegnante."

L'abbiamo centrata sul letto e io mi sono sistemato tra le sue gambe. Sumin si sdraiò accanto a lei, tenendole la mano e baciandola dolcemente, a volte sulla bocca, a volte sul collo e sul petto. Jihyun si stava davvero appoggiando ai baci adesso.

Il mio cazzo era duro come una roccia mentre cominciavo a farlo scorrere su e giù per la sua figa. Ha rivolto la sua attenzione a me e l'ho sentita tesa.

"Insegnante? Farà male?" lei chiese.

"Probabilmente. Hai fatto sesso prima ma hai detto che il suo cazzo era molto piccolo. Ma io andrò piano e tu puoi dire basta in qualsiasi momento, ok?"

"Va bene." Lei annuì.

"All'inizio farà male", le disse Sumin. "Ma poi inizia a sentirsi molto bene."

"Riesco a farlo!" Jihyun le disse.

Usando la stessa mossa che ho usato su Sumin, ho iniziato a massaggiarmi il cazzo su e giù, bagnandolo il più possibile. Una volta che si è alzata per incontrarmi, ho messo la testa del mio cazzo nella sua apertura e l'ho spinta delicatamente dentro. Ha fatto un piccolo rumore di disagio ma non ha detto di fermarsi, quindi sono andato avanti ancora un po'.

"Stai bene? chiese Sumin, la sua voce sfumata di preoccupazione.

"Sì, fa solo un po' male." Jihyun rispose, la sua voce tesa.

Non sentendo alcuna obiezione, ho spinto in avanti lentamente, la pressione intorno al mio cazzo quasi dolorosa. Mi tiravo indietro, permettendole di rilassarsi un po', poi lentamente in avanti. Sumin è passata dall'osservarla affascinata al confortarla e penso che questo abbia reso le cose più facili per Jihyun. Avere una guida attraverso questo penso abbia diminuito molta della tensione e della paura che doveva aver provato.

Dopo circa un minuto, finalmente avevo tutta la mia lunghezza dentro di lei. Il viso di Jihyun era contratto dal dolore e aveva gli occhi chiusi. Muovendo appena i fianchi, mi chinai e le baciai le guance. "Ce l'hai fatta", le dissi.

Si tirò su e iniziò a baciarmi e mordermi il collo, i gemiti si avvicinarono ai ringhi che emanavano da lei. Poi ho sentito i suoi fianchi iniziare a muoversi sotto di me e l'ho preso come spunto. Lentamente, ho tirato fuori il mio cazzo finché non è rimasta solo la punta. Avvicinai la mia bocca alla sua e mi spinsi dentro di lei, andando fino in fondo, come si suol dire. Lei gemette e sollevò i fianchi per incontrare la mia spinta. Quando le nostre labbra si separarono, lei gridò: “Maestro! Uhm! Uhm-muh"

Accanto a lei, Sumin giaceva tra Jihyun e il muro e la sua mano lavorava a un ritmo furioso mentre mi guardava scopare la sua migliore amica. Vedendo che la guardavo, mi rivolse un sorriso lascivo, tirò fuori le dita dalla fessura e me le mise in bocca. Li ho succhiati avidamente e ho cominciato a sprofondare più forte in Jihyun. Reagì quasi immediatamente e ad ogni spinta la sua voce cresceva in un piccolo stridio. Era decisamente un'urlatrice. Quasi tutto era non verbale e se l'avessi visto in un film, sarebbe stato comico. Ma qui lo ha appena reso più caldo. Volevo che urlasse e mi supplicasse di fermarmi. Misi le spalle e cominciai a picchiarla forte.

La sua testa andava avanti e indietro e le sue braccia mi circondavano. Ho sentito la puntura acuta delle sue unghie mordermi la carne mentre gemeva il mio nome tra le sue esclamazioni. Con un grido ha raggiunto l'orgasmo ma io non mi sono arreso, fottendola attraverso il suo orgasmo e oltre. Non so come riuscii a trattenere l'orgasmo, ma quel giorno gli dei del cazzo erano con me.

Mentre si afflosciava sotto di me, rallentai le mie spinte e cominciai a riprendere fiato. Guardando Sumin ho visto che aveva un sorriso pigro sul viso mentre ci guardava, indicandomi che si era fatta venire anche lei.

"Ti è piaciuto guardare?" le dissi. Lei semplicemente annuì. Quindi Sumin si chinò e iniziò a succhiare i seni della sua amica.

Jihyun si riscosse e passò le dita tra i lunghi capelli neri di Sumin mentre Sumin continuava a baciarle il petto e il collo, prima di baciarla finalmente sulla bocca.

"E come stai, piccola." chiesi a Jihyun. "Stai bene?"

"Yeeeees, insegnante..." La sua voce era piena di soddisfazione. “Un po' ferito ma molto buono.”

Mi tirai fuori da Jihyun, che ebbe un gemito da entrambi, e poi mi spostai sul suo stomaco. Ho messo il mio cazzo palpitante tra la sua succulenta scollatura e le ho detto quello che volevo.

"Tienili insieme, così." Dimostrai, sentendo la carne fresca delle sue tette avvolgere la mia asta. Li premette insieme incerta, non del tutto sicura di cosa stesse per succedere. Come ha applicato più pressione ho cominciato a muovere il mio cazzo avanti e indietro tra quei cumuli succulenti di carne di tetta. Era passato così tanto tempo dall'ultima volta che ero stato con una ragazza che aveva tette abbastanza grandi per questo.

“Brava ragazza,” dissi a Jihyun mentre guardava quasi incantata mentre le fottevo le tette. Ho portato Sumin da me e l'ho baciata mentre il mio cazzo si avvicinava all'orgasmo.

"Le sborrerò in faccia e voglio che tu lo pulisca, piccola." le grugnii.

"Si professore." disse Sumin, obbediente. Fece scorrere le mani sul mio petto prima di avvicinare le labbra al mio capezzolo e succhiarlo proprio come aveva fatto con Jihyun pochi istanti prima. Non ci è voluto molto. Con il mio precum e l'umidità della figa di Jihyun, la valle tra i suoi seni era un tunnel caldo e scivoloso ed era più che sufficiente per portarmi all'orgasmo.

"Sto venendo!" Ho gridato, tirando il mio cazzo tra i suoi seni. I began to stroke furiously as Sumin went for my balls, massaging them as thick ropes of cum splashed across Jihyun’s upper chest and face. She squealed as my body shuddered atop hers and her hands released her breasts. They went up around her face more in shock than anything else and I was able to watch as the cum landed on her lips, nose, cheeks and forehead.

As I gasped for breath Sumin leaned down and took my pulsing cock in her mouth, sucking at my seed like the good little cum slut she was becoming. Once she’d decided my cock was clean, she switched her attention to Jihyun who was still surprised, eyes clenched shut and hands on either side of her head.

“You did good, Jihyun.” My voice warm and congratulatory. “This is your present for being a good student.”

Sumin went to work, licking up the cum wherever she found it. Most of it was centered between Jihyun’s tits and then around her neck. Jihyun giggled as Sumin’s tongue tickled her flesh. Her own tongue emerged from her mouth and began to lick the cum from around her lips, which she swallowed immediately. I’m not sure if I’d ever seen anything so sexy in my life.

I pulled myself off of Jihyun and Sumin immediately took my place, straddling Jihyun as she hungrily lapped up the cum off of her friend’s body. There was more giggling and squealing as Sumin made her way up to Jihyun’s face and I got to watch in satisfaction as she would collect a tongue full of cum before kissing Jihyun, who returned her kisses with equal fervor.

I knew Sumin had been feeling a little neglected so with her kneeling over Jihyun I moved behind her and began to lick her pussy from the back. She groaned in pleasure as she continued about her task and I moved my tongue up to her waiting rosebud, which I knew she liked. I probed the dark flesh of her asshole as she shuddered, then slipped one finger into her causing her to buck and push back against me.

“Yes, teacher! Unng, so gooood!” And she began to kiss Jihyun in a frenzy as I pleasured her long-neglected pussy. And despite my orgasm, I was hard again in moments. Getting up on my knees I lined my cock up with her eager whole and pushed into her roughly.

"Oh Dio!" she screamed, right along with me as I penetrated her. “Fuck me, teacher! I need you cock so bad!”

I grabbed her hips and pulled her hard into each thrust, knowing she could handle rougher sex than Jihyun could and I went for it.

“Take my cock, slut!” I growled at her.

“Yes, teacher! I teacher’s slut. Fuck meee!” she panted and her head collapsed down onto Jihyun’s shoulder, who was mute in shock at the carnal display we were putting on above her.

With a free hand I brought my thumb to her asshole and, without telling her what I was doing, slipped it inside. I’d toyed with her ass, licked it and massaged it, but never entered it before. She cried out and bucked into me.

“Teacher! Teacher! Uh-muh!” and I felt the now familiar sensations of her body beginning to cum. She let out a long, low groan as her back arched up like a cat before screaming with release as her body shuddered. It was enough to bring me to orgasm and I pulled out and finished with a groan onto her back. Almost as one we both collapsed onto the bed that was entirely too small for the three of us.

Life was good.

Chapter 4: Alone Time

Sumin: Teacher, I want meet you. Solo io e te. Not Jihyun too…

It was the next day, Sunday morning, and I’d just woken up from dreams of Sumin and Jihyun taking turns sucking my cock.

Groggily I squinted in the dawn light at Sumin’s message in our private chat.

Me: Yeah, sure baby. I don’t have any classes on Sunday so I can meet you. How about I pick you up downtown again at 11:00?

Sumin: (happy face)(happy face) Okay teacher. I wait for that! (heart)(heart)(heart)

Me: (heart)(heart)

After some negotiation I picked up Sumin down a less-traveled side street downtown rather than at a large intersection like last time, just to be safe. She got in, smelling of floral body scents and it quickly filled the car.

“Hey, baby.” My voice warm. It genuinely made me happy to see her for reasons that had nothing to do with the sex.

“Hi, teacher.” We leaned in and kissed each other, my hand sliding around behind her head and pulling her close. God, she smelled so good.

I asked her where she wanted to go and she said she didn’t care. So since we had no destination in mind, I headed for the beach. There’s a road that runs along the coast for a ways and I thought it would make a nice drive. She synced her phone up to the car’s radio and I let her choose the music. It was mostly k-pop stuff but I didn’t mind too much. We drove and talked. We talked about my job and her workload at school. We talked about how she couldn’t wait to get out of Korea and more about American culture.

She used the derogatory name some young people have for Korea, Hell Joseon. Joseon was the name of the last royal dynasty of Korea before the Japanese invaded in 1910. Young people used the ‘hell Joseon’ term to talk about how their lives were hopeless here. Years of grueling study, culminating in high school that saw students in school or academies from dawn till well after sunset. All in hopes of scoring well on their college entrance exam to secure a position at the best schools. Sadly, many students cracked under the pressure and committed suicide. It was the number one cause of death for young people. And if they made it out of that nightmare they then had increasingly poor job prospects to look forward to. It was hell for them. Hell Joseon.

Understandably, many like Sumin wanted to get out while they could. Because she wasn’t planning on going to university in Korea, her life was a little easier than many Korean students. It’s partly why she could afford to spend the day with me today rather than in a study cafe with her nose buried in a calculus textbook surrounded by forty other Korean teenagers struggling to make it through another day.

She’d begun to browse different universities in the States for next year and said that Washington University in St. Louis, Missouri had a good program that she liked. But she was also looking at Stanford University in California, and University of Michigan in Ann Arbor. Her plan was to major in biochemistry. She asked me what I knew about those schools but I admitted that I didn’t know much. They had good reputations, though.

As we drove along the coast, taking in the brilliant azure sky and the waves crashing against the rocks, her hand found mine and held it. I realized then that this was our first date. We’d had some of the most intense and passionate sex of my life but we’d never been on a date. I smiled at her and she smiled back and we drove on, the sounds of Korean artists like Black Pink, IU, and ZionT coming through my car’s speakers. È stato bello.

After about an hour we spotted a beautiful little seaside cafe called Go Around Cafe that was built on an outcropping that jutted into the sea. We were miles from anywhere but I had to admit, it was a great spot. I parked the car and we walked, hand-in-hand, into the cafe.

At the counter there was one bored looking older woman, probably the owner, who took our order. Sumin got an iced Americano and I got a black tea latte. The drinks menu was pretty sparse but the cafe more than made up for it with their wide assortment of baked goods. There were pastries, cookies, sweet breads, scones, and other delicious looking items. I let Sumin have the run of the place and she picked several items for us to sample. Drinks and sugary breads and fruit tarts in hand, we picked out a spot on a large, overstuffed sofa that faced the enormous front windows which looked out on the ocean.

The decor was weird. The owner couldn’t seem to make up their mind on a theme or style, so there was a mix of things scattered all over the place. Art Deco lamps on Edwardian end tables. Giant stuffed leather sofas that looked like they came out of a 1950s hunting lodge, like the one we were sitting on, with minimalist coffee tables. Some of the furniture looked like it was picked up at a dead Russian oligarch’s estate sale. It was jarring to look at but people didn’t come here for the decor, they came for the unparalleled ocean view. And the sofa was comfortable.

Sumin, being a teenage girl, had to take a lot of photos for instagram before consuming anything. I took a few pictures of her while she posed and made goofy faces and we laughed together. She even got me to pose for a few, goofy faces included . And of course, no pictures of me were to be posted on Instagram. Although I’m not much for taking pictures I’ll admit, it was fun.

After sampling all the deserts Sumin curled up against me on the sofa, slipping off her shoes and tucking her feet underneath herself. I put my arm around here and we enjoyed the quiet. There were only a handful of other people in the coffee shop and it was big enough that everyone had ample personal space. No one paid us any mind. If they could tell she was too young for me, they didn’t give any sign of it. We sat, sipped our drinks, and watched the birds swooping down to the rocks. I had my face resting on the top of her head and was breathing deeply the smell of her.

“Teacher,” Sumin said, quietly. “This is our first date.”

“It is,” I confirmed. “It feels a little strange, doesn’t it?”

“Little. Already we do so much together before we have date.”

“Are you happy we did those things?” Le ho chiesto.

“Yes, teacher. So much happy. It most fun in my life.”

“Me, too,” I told her, chuckling.

“Teacher…” her voice trailed off. You could hear the unasked questions in her voice. I knew she wanted to talk about something today, that was obvious. I could see her working up to it the whole morning.

“Whatever you're thinking you can tell me,” I told her. "Va bene."

“Did you do… like that with other girl before? Like with me and Jihyun?”

“No,” I said, truthfully. “I’ve never done anything like that. I always wanted to but no girl I dated before would do that with me. I’ve never met a woman like you before.”

“And…” She stopped. I couldn’t see her face and I think it was easier for her to talk without seeing me, so I didn’t move to look at her. I could feel the slight tremble of her body though. “And now that you have sex with Jihyun… Still I am special for you?”

I thought it might be something like this. It had been building for days now. Weeks, even.

“Look at me, sweetie.”

She sat up slowly and looked up at me, her normally dark brown eyes looking almost amber in the bright sunlight streaming through the window. I held her gaze for a moment.

“I love you, Sumin.”

Her eyes widened and then I saw them get moist.

”Really, teacher?” Her voice cracked a little. You’re not lying?

I cupped her cheek to mine and brought her forward for a kiss. It was soft and tender.

“I’m not lying,” I told her, as we broke apart. And I wasn’t.

“I love you, too!” she exclaimed, and hugged me. Once her hand began to reach for my belt, I knew it was time to go.

Chapter 5: The Back Door

The GPS on my phone said that there was a seaside motel just a few kilometers further up the coast and we headed there in a hurry. Grabbing a bag out of the trunk of my car, we headed in through the garage entry and received some annoyed looks from the bleary-eyed old woman who worked the check in desk. We were far from the city and there were no fancy automated check-ins here. Just an old woman who was probably also the owner and maid and who had probably imagined herself doing something better in her twilight years than cleaning cum stains out twenty-year-old mattresses. It was a little early for check in and it looked like I’d woken her up from a nap, but she only complained for a moment before I put the cash on the counter. She shoved the key at us along with a complimentary toiletries bag and closed the window just a little too forcefully.

Sumin was on me as soon as the elevator door shut and I didn’t try to stop her from sliding her hand down my pants this time. We were the only ones in the building if the empty parking lot was any indication and there was no camera in the elevator.

“I love you, teacher!” she panted as she pulled me down for a kiss, her warm lips sucking at my skin, her teeth biting. As her hand awkwardly stroked my dick, my hand was down the back of her shorts and under the panties. I’d reached all the way down and under her ass and my finger found her already soaking pussy. As my finger penetrated her, I gasped, “I love you too, Sumin!”

Both too fast and too slow, the elevator arrived at our floor and, not bothering with walking, I picked her up and her legs wrapped around my waist. Kissing, we fumbled our way down to the end of the hall where I had to pause for a moment to use an actual key to get the door unlocked. Task completed, I carried her into the room and dropped her with a plop onto the bed, throwing my bag down on the floor beside it. We hadn’t even taken our shoes off, so I kicked mine off quickly, pulled hers off, and tossed them all behind me towards the entrance.

“Teacher, hot!” she panted and she wasn’t talking about me. The room was stifling in the July heat. I spent the next couple of minutes getting the air conditioner on full blast and shutting the windows while Sumin began to undress. By the time I turned my attention back to the bed, she was topless and in just her panties and her finger was already rubbing her pussy.

“Teacher,” she said, biting her lip as she pleasured herself. “I want to see your cock. I want you masturbate for me.”

I grinned. “Yes, ma’am.”

With her propped up on the pillows wearing only a sexy pair of black panties and a smile, I disrobed at the foot of the bed. Still standing, I began to slowly stroke my cock for her.

“So sexy, teacher!” she moaned. I could see her fingers moving beneath her panties and she whimpered as she buried a finger all the way into her pussy. Her hips writhed as she stared at my cock. It was so hot that I could have easily finished right there, blasting my cum all over her, but I went slow. Her eyes never leaving my shaft, her body started to twitch as she brought herself to orgasm. She collapsed back on the bed with a giggle.

“Do you want this cock, Sumin?”

Her free hand came up and squeezed her tit, pinching the nipple between her thumb and forefinger.

“I want teacher’s cooock!” she groaned.

I moved around to the side of the bed closest to her and stood, just a short distance away from her gorgeous face. Her long black hair was splayed around her head like a dark aura. She eyed my cock hungrily and looked into my eyes. Our hands never stopped. My hand was moving rhythmically up and down my shaft and her fingers were rubbing frantically between her legs. She began to pant and as she did, I paused in my stroking and collected a large drop of precum that was dripping from my cock and brought my finger to her lips. She sucked it greedily. There was a sharp pain as she bit me. I gave a little grunt, but didn’t try to pull away. She just grinned at me as her tongue slid over my finger.

Her dreamy eyes met mine and she smiled as I pulled my finger from her mouth. Laying down beside her I trailed my hand down her chest and stomach before slipping my own hand underneath her panties. I began to rub her pussy, coating my fingers in her juices, and I leaned in to kiss her. Our mouths met hungrily as my fingers entered her and I felt her delicate fingers find my cock and squeeze.

“Whose pussy is this?” I whispered to her, as my fingers moved inside her.

“It your pussy, teacher,” she whispered, her mouth finding my shoulder and biting down.

“Do you want me to fuck this pussy?”

Her breath was hot on my neck as she panted. “Yeeeees, teacherrrr. But I want you lick it, first.”

“As you wish,” I replied.

“Oh yeah!” she squeaked, her voice high and excited. She quickly peeled off her panties and flipped herself around. One leg came over my chest and she slotted it in under my arm, then began to back her ass up into my face. Her pussy was already glistening and I stared at her little puckered brown asshole as she lowered herself into place.

“Make me cum, teacher,” she pleaded. Her pussy pressed into my nose and I darted my tongue out, dragging it up the length of her slit. She sucked in a breath and slid herself along my face. I shifted positions slightly, allowing her to put her knees behind my shoulder, then wrapped my arms around her slim waist and pulled her down into my face. She planted her hands on my thighs and sat up slightly, pushing her hot slit firmly into place and I began to lick her.

I stuck my tongue deep into her pussy as she rocked above me. I held her tight, trying to maintain her position and slid my tongue down to her clit, teasing it first, then applying more pressure. Her hips began to move up and down and I tried to work in rhythm with her. She collapsed down onto my legs and I felt her warm breath on my balls as she moaned my name. Pushing my head up, I found her asshole and began to work that over as well. After a few seconds of attention to that tight virgin asshole she began to shudder and whimper. I moved my attention back to the entrance to her pussy but my thumb replaced my tongue on her asshole and began to push gently in as I started to work her clit.. It worked like a charm.

“Teacher! Teacher! I cum!” I felt a sharp pain in my thigh. She was biting me. Ancora! In tandem with that, I felt her nails digging into my calves. “I--! Ahhh!” Her hips bucked and she pushed back into my thumb, which sunk inside her ass just past the knuckle. It was hot and I felt her flex her ass and squeeze my thumb as her orgasm crested.

I stilled my tongue but didn’t remove my thumb from her ass as she lay panting on my legs. After several seconds, she shifted slightly and I felt her tongue begin to lick my balls.

“Teacher,” her voice soft as she gently pulled one of my balls into her mouth and worked her tongue around it before releasing it with a small pop. ”You’re in my asshole…” She lapsed back into Korean, probably not quite knowing how to say that in English.

I kissed her pussy, then ran my tongue slowly up and down her length. “I am.” I sank my thumb in a little further, but not much. Saliva isn’t a great lube and I didn’t want to risk any pain. "Ti piace?"

She pushed herself backwards into my hand and groaned deep in her chest. “You’re so pervert, teacher!” she said huskily. Slowly I pulled my thumb out, which elicited a small sound from her throat. Then, lifting her off of me, I rolled her onto her back and positioned myself between her legs. Her hand immediately went for my cock and began stroking.

Her legs were bent and spread wide, her pussy on full display, wet and glistening. Her chest had a flush still visible from her previous orgasm, her nipples hard like unripened fruit, and her mouth was spread in a lascivious smile. I marveled at her taut skin, smooth, unblemished, and firm. She was glowing with youth and I had no trouble at all understanding why some men become obsessed with younger girls. I hadn’t chased after Sumin, had never really considered an actual relationship with her or anyone that much younger than me, but I was all in now. She radiated a youth and sexuality that I could drown in.

Sumin had a firm grip on my cock and she lined it up with her pussy. “Fuck me, teacher. I want your cock.” Her voice was pleading as her hand stroked my length. I brought my hands around to the front of her thighs, gripped, and then slid easily into her tight pussy. We both groaned loud as I sunk balls deep on the first stroke. I brought myself down between her legs and kissed her hard. I felt her thighs grip around my waist and her arms encircled me and held us locked together. She was breathing hard through my nose and she bit down on my lower lip as I began to move into her.

“Harder! Fuck me harder, teacher!” Her breath was hot against my neck as I drove into her more forcefully. I used long strokes, coming almost all the way out and slamming back in. With every stroke she grunted and moaned. She took her right hand and moved it between our bodies and I felt her begin to rub her clit. Almost immediately her voice rose in pitch as she clutched me with her other hand.

“I'm a cumming teacher!” she cried after a few minutes of steady pumping, her voice reaching a crescendo and I could feel her finger rubbing her clit as my cock continued to piston into her eager pussy. I fucked her through her orgasm, only slowing when her body went the tension went out of her. I held myself there, and began kissing her forehead, cheeks, and lips. She had a light sheen of sweat breaking out over her skin and I could taste the saltiness of it.

Her eyes opened slowly and met mine.

“I love you, Sumin.” I said softly,

Lei sorrise. “I love you too, teacher.” She lifted her head up and we kissed long, and deep.

“I want you cum, teacher,” she told me after we broke for air. Her hips pushed into me. “I want feel your come on me.”

“I have one more surprise for you today,” I told her.

"Veramente?" She looked interested. “Tell me, tell me!” implorò.

Reluctantly, I extricated myself from her arms and reached over to my bag. She watched with interest as I pulled it up on the bed and pulled out the contents. Inside there was a small dildo, pink, about five inches long and a little thin and it was molded to look like a real dick. Next to that, I set a bottle of lube. Sumin immediately went for the pink dildo and laughed.

“Teacher, why need this? Your cock is bigger.” She held it next to my cock which was still mostly hard. Then she gave it a few shakes, watching it wobble around, before she started giggling.

“It’s not for your pussy,” I told her, smiling. “I’m going to put it in your ass.”

She froze for a moment, her eyes wide. Ho continuato. “Then, when you're ready, I’m going to put my cock in your ass. Will you give me your ass, Sumin?”

I’d been working up to this for a while with the ass play and I meant to have that tight Korean ass today. I’d ordered the lube and the dildo weeks ago and they’d finally arrived. I’d been waiting for the right time to use them and I didn’t figure that this was something we could do with Jihyun.

Sumin sat stunned. I knew she liked it when I licked her ass and she really liked it when I massaged her virgin opening with my fingers. She’d also responded well to my thumb just now, so this was the next step.

“Will it hurt?” I could hear the nervousness in her voice.

“It might, a little, that’s why we have this,” I pointed to the dildo. “It’s smaller and will help you get used to the feeling.” I grabbed the lube. “And this will make sure everything is smooth and goes in easily. And just like always, if it hurts or you don’t like it, you can always tell me to stop. I’ll never be upset if you want to stop something we do together.”

After a moment she nodded her consent. “Okay, teacher.” I leaned in and kissed her, then got up and grabbed some of the extra towels in the room. I spread them out on the bed. “Lay down here.”

Sumin laid down on her stomach and I lifted her up slightly to wedge a pillow under her hips. She was trembling a little but that might have also been the air conditioner, which was cooling the room rather well. I placed myself between her legs and began to kiss the backs of her thighs while I massaged the plump flesh of her ass. I moved my mouth up, parted her cheeks, and kissed her pussy first, and then moved up to her ass, flicking my tongue over the area delicately. She slowly began to relax, which was the plan. I felt the tension start to leave her muscles and she began to moan quietly as I went back and forth between tongue and fingers.

I surreptitiously pumped a little bit of lube on my fingers and slid them between the cracks of her ass, and then began to circle her rosebud. There was a slight temperature difference and she squeaked at the cold lube, but it warmed up quickly enough. Slowly, gently, I slid one finger into her ass and held it. She whimpered but didn’t object. It was tight and I could feel her flexing her O ring around the digit. Once I felt her get used to the new sensation, I pulled my finger out, added some more lube, then pushed it back in. It was easier now as the fear began to recede. I continued this for a little while longer while my free hand rubbed her pussy. Once I heard her begin to moan I paused, added more lube, then gradually inserted two fingers.

Sumin was panting slightly and there was some groaning but I wasn’t sure if it was in pleasure or discomfort.

“How are you doing, sweetie?”

“It little strange and little good, teacher.” My fingers pushed all the way in. “Unngg. Keep rub the my pu- pussy, teacher.”

“Does it hurt?”

“Just little. It okay.” She panted. I slowed my fingers in her ass and increased the tempo on her pussy. The angle was a little awkward but as I slid first one then a second finger inside her pussy she started to cum. It was a deep, shuddering orgasm and her ass squeezed so tight it almost forced my fingers out.

“Oooooh my gooood!” she panted, her face buried into the blankets and her voice muffled. “More, teacher! More!”

I pulled my fingers from her ass and reached for the dildo. I lubed it up generously and placed the bright pink head at her asshole.

"Siete pronti?"

“Yes, teacher.” Her voice was still muffled. She’d just had her third orgasm, I’d guess she was getting all fucked out. I wasn’t done yet, though.

“Try to relax. Tell me to stop if it hurts too much.” I saw her head nod in agreement and I continued.

I started to apply pressure to the dildo and saw it sink into her well-lubed ass. There was that moment of resistance and then release as she accepted the head of the small silicone cock. There was a gasp from the head of the bed and I saw her hands ball up the covers. There was no word to stop though, so I continued. I squirted a little bit of lube onto her asscrack and it slid down to coat the dildo and I pushed it incrementally forward.

A low moan issued from her throat as the dildo sank all the way up to the little silicone balls.

I leaned forward and kissed her ass cheeks and massaged her pussy as she got used to the intrusion. I didn’t move the dildo at all, I wanted her to grow used to the feeling and to relax around it. She’d done pretty well so far and my cock was like a steel rod as I waited to ram it into her ass. Once she began to moan and push herself into the hand rubbing her pussy I returned to the dildo and slowly pulled it out about halfway, then pushed it back in. A little faster this time. She grunted and cried out, but pushed herself onto the dildo as it bottomed out once again. Her hands were still balled up in fists and she was pulling the covers toward her in giant wads of synthetic fabric.

Sumin let out a long wail of sound as I began a steady rhythm with the dildo. Every time I sunk it all the way into her it went up in pitch. “UuuuuuuuUuuuuuuuuUUh!” She twisted slightly and her own hand joined mine as she began to rub her pussy furiously.

“Fuck me, teacher! Fottimi! FuuuuUUuck me!” She was panting hard and rocking into each thrust and I watched fascinated as she orgasmed again. Her body quaked and her pussy was so wet it was dripping down from her pussy lips like little beads of nectar. I couldn’t wait anymore.

I got up on my knees on the bed and pulled the dildo out. It came free with a small popping sound and I watched as the opening began to return to it’s normal size. I lubed my cock up and placed it at the entrance to the last hole she had yet to give me. Her pussy was mine, her mouth was mine, now I was going to claim her ass. Metaphorically speaking, of course.

“I’m going to fuck your ass now, Sumin.” Ho detto. “Do you want me to?”

Her voice was weak, exhausted. “Yes, teacher.” My dick throbbed in anticipation.

“Tell me,” I commanded her. “Tell me you want me to fuck your ass.”

She was a second in answering, still catching her breath. “Fuck…” she paused for breath. “Fuck my ass, teacher.”

Without saying anything else, I leaned forward and pressed my fat cockhead against her slick hole. I applied gentle pressure, my thumb just behind the ridge of my cock, my fingers and dick slick and shining with the lube. From the bed came the sound of another grown as she pushed back into me. I felt the muscles loosen and with a gasp from both of us, my cock was in her ass. Just the tip, but it was so hot and her ass gripped me like a rubberband around my cock. She whimpered but didn’t tell me to stop.

“It’s so big, teacher, oh my god!”

“Should I stop? Tell me to stop if you need to.”

"NO!" she called back. “Uhh. Just slow teacher. Go slow.” I could hear the strain in her voice.

I pumped another squirt of lube on my cock and moved forward inch by inch. I paused a few times to give her a chance to acclimate and waited for her to signal me forward. I was gnashing my teeth at the slow pace. If my cock had a voice it would have been screaming to cum. I knew I wouldn’t last long but Sumin was almost fucked out anyway so I wasn’t worried about finishing early

At last my balls came to rest on her ass cheeks. Sumin was panting and so was I. I’d never felt anything so tight on my cock before. I’d done anal with another girl years before this but it hadn’t felt like this. And the hea

Storie simili

La storia del sesso di Katrina Kaif Questa è la storia della ragazza più calda del culo Katrina Kaif. _(1)

Questa è la storia della ragazza più sexy Katrina Kaif. Una volta Salman e Katrina Kaif andarono in tournée negli Stati Uniti e di notte andarono in un pub a giocare a biliardo. Quando entrarono nella sala giochi videro che stavano giocando tre giganteschi negri. Quando sono entrati, tutti e tre i ragazzi hanno detto wow! Che cagna sexy nella loro lingua locale e il loro bastone sta a 90 gradi completamente eretto nei pantaloni. Katrina indossava una minigonna monopezzo celeste a strisce singole che mostrava le sue spalle complete fino alle tette e le cosce sexy. Hanno discusso tutti nella...

972 I più visti

Likes 0

Capirlo (ripubblicare)

Introduzione: come ho imparato a conoscere il sesso   Capirlo (Repost) Di Kim Categoria = giovane, maschio preadolescente, femmina preadolescente, storia vera, verginità Questa è una riscrittura di una storia che ho pubblicato diversi anni fa. Lo sto riscrivendo nel formato Lui pensava, lei pensava che diversi autori di questo sito hanno utilizzato di recente. Questo evento in realtà mi è successo quasi 20 anni fa. Ho preso un po' di licenza letteraria con quello che ognuno di noi stava pensando in quel momento. Come hai imparato a conoscere il sesso? A volte impariamo in Sex Ed a scuola, a volte...

1.6K I più visti

Likes 0

Testimoni di Geova

Storia di Fbailey numero 630 Testimoni di Geova Mary aveva vissuto accanto a me per sempre. Avevamo la stessa età ma non eravamo quasi mai stati insieme. Vedi, Mary è una testimone di Geova e non è autorizzata a mescolarsi con gente comune come me. I suoi genitori sono più potenti di te. Predicano costantemente la Bibbia e vanno sempre di porta in porta spingendo la loro religione sugli altri. Quando ho compiuto tredici anni mio padre mi ha aiutato a costruire una casa sull'albero dietro il nostro garage. Adesso a quattordici anni trascorro molto tempo là fuori, specialmente d'estate quando...

856 I più visti

Likes 0

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Innocence Enslaved parte 1: Rude Awakening

Emily si svegliò lentamente, le palpebre pesanti. Aveva freddo e la stanza era più luminosa del solito. Era a disagio, la superficie sotto di lei dura e inflessibile... era caduta dal letto? Ancora assonnata, sbatté le palpebre un paio di volte e cercò di alzare una mano per strofinarsi gli occhi. Fu allora che si rese conto che non era nella sua stanza, e all'improvviso era completamente sveglia. Si rese conto di essere a faccia in giù su una specie di tavolo, i suoi ampi seni schiacciati dolorosamente contro la superficie fredda e le sue mani erano legate ai lati. Poteva...

1.9K I più visti

Likes 0

Il visitatore

Il visitatore Lavoro in un bel ristorante vicino a Mt. Rainer in WA. Riceviamo molti turisti in città a causa del paesaggio, quindi sono abituato a incontrare persone da tutto il mondo. Sono piuttosto timido, ma quando sono al lavoro devo essere estroverso e amichevole. A volte è un vero dolore essere amichevoli con alcuni dei visitatori fuori città che vengono qui a mangiare. Ma ieri era diverso. Un signore alto e anziano è entrato nel ristorante per una cena tardiva. Era da solo ed era un tipo tranquillo, ma aveva un bel sorriso. Potrei dire che gli è piaciuto quello...

1.8K I più visti

Likes 0

Il massaggio - 2 (corretto)

Sarah e io abbiamo chiacchierato mentre tornavamo a casa dopo aver visto Mike e Maria. Eravamo entrambi d'accordo che ci era piaciuto e volevamo fare di più. Mi piacerebbe davvero vedere Mike scoparti, ha detto Sarah. Maria ha fatto un buon lavoro pulendomi la figa dopo che è entrato in me – penso che sarà divertente vedermi mangiare da lei. Voglio vedere com'è diverso essere risucchiato da una donna - sì, e anche succhiare lei. Eravamo ancora randy quando siamo tornati a casa. Eravamo a letto nudi in pochi secondi, a baciarci, succhiarci, leccarci. Ho affondato il mio cazzo dentro di...

1.8K I più visti

Likes 0

Il sogno di Giovanni si avvera

John: John si svegliò verso le cinque e mezza del mattino con una rabbia furibonda ancora una volta. Guardò in basso, prese la mano, se la fece scivolare lungo i pantaloni e iniziò a strofinarsi. Il motivo per cui si è svegliato era a causa sua. Alexandria, sebbene avesse solo 15 anni e fosse una matricola al liceo, sapeva di amarla. Tutto in lei lo eccitava; L'odore del suo shampoo alla fragola nei suoi ricchi capelli castano scuro che le arrivavano appena oltre le spalle, i suoi seni a coppa a C, il suo culo meravigliosamente stretto e le sue gambe...

1.4K I più visti

Likes 0

The Rogue's Harem Book 3, Capitolo 14: Promessa mantenuta

L'harem del ladro Libro Tre: L'Harem Appassionato Di The Rogue Parte quindici: Promessa mantenuta Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2018 Nota: grazie a WRC264 per la versione beta di questo. Capitolo quarantatré: Art's Reminder Aingeal - Il principato di Kivoneth, I conflitti di Zeutch Il corpo di vimini del levriero si sgretolò intorno alle nostre anime. Potevo sentire il corpo del povero procuratore disfarsi. La sovralimentazione del martello diamantato gli aveva inviato troppa energia. Il levriero non era un vero e proprio procuratore. Il fumo si alzò, il vimini prese fuoco. Cosa ci succede quando viene distrutto? ho chiesto ad...

1.3K I più visti

Likes 0

Sally si sveglia - Capitolo 03

Imparo che bisessuale è così divertente. Possa andare ancora meglio. Il resto della settimana ha seguito lo schema dei due giorni precedenti. Mi ero data a Sid e Sue senza fare domande. Mi piaceva fare e ricevere sesso orale e Sid era un grande amante. Era sabato mattina e Sue ha detto che doveva andare a fare la spesa e che mi sarebbe piaciuto venire. Quando ho detto di sì, ha insistito sul fatto che non indossavo reggiseno o mutandine. Ero un po' preoccupato ma ho accettato di fare come mi aveva chiesto. L'emozione che ho provato indossando solo un abitino...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.