Grimbol l'uccisore. capitolo 3

848Report
Grimbol l'uccisore. capitolo 3

La notte successiva trascorse senza incidenti. Temendo di attirare attenzioni indesiderate, camminavano in silenzio, ognuno perso nei propri pensieri, fermandosi solo poche volte a ingoiare un po' di pemmican e bacche o a prendersi cura del richiamo della natura. Al sorgere del sole, la chioma della foresta improvvisamente cedette e un vasto prato si estendeva a perdita d'occhio davanti a loro, con solo un occasionale boschetto di alberi a spezzare la monotonia. Pochi passi nel mare d'erba Aalina si fermò bruscamente.

Grimbol si voltò e chiese: "Cosa c'è?"

"È solo che... non sono mai stata fuori dal Grande Bosco prima d'ora." Il sole mattutino le scintillava negli occhi pieni di lacrime. "Avevo visto la prateria dagli alberi, ma non avevo mai osato avventurarmi fuori." E per la prima volta pensò di chiedere: "Dove stiamo andando?"

Si avvicinò alla riva del fiume e le fece cenno di seguirlo. Trovando un bastone, liberò il terreno e iniziò a disegnare. “Questo fiume è il Po. Corre dal Grande Bosco, attraverso queste pianure fino al mare. Da lì ci dirigiamo a sud lungo questa strada commerciale fino alla città di Leeside. Ho degli affari lì e sarai al sicuro per iniziare una nuova vita.

L'enormità della sua situazione colpì improvvisamente Aalina. La città? Cosa potrebbe mai fare in una città piena di estranei, probabilmente tutti umani? Ma per quanto ne sapeva, la sua gente se n'era andata. Le orde di orchi se ne erano assicurate. Anche prima dell'incursione finale, il numero degli elfi era diminuito, lentamente eliminato da bande vaganti di mostri. No, i boschi non erano sicuri. Ma dove altro poteva andare? Piaccia o no, questo avventuriero distaccato era tutto ciò che aveva. Il torpore, la sua negazione di ciò che era accaduto, iniziarono a svanire e i suoi occhi pieni di lacrime iniziarono a traboccare. Cercò di soffocare i singhiozzi, ma esplosero alcuni gemiti e le sue spalle tremarono.

Grimbol si alzò da dove era accovacciato nel terreno, a disagio per la sua manifestazione di emozione. La sua inclinazione era quella di confortarla. Fece un passo avanti e la avvolse tra le braccia. Cadde nel suo abbraccio e cominciò a piangere liberamente. “Va tutto bene, Aalina. Va tutto bene." Era la prima volta che pronunciava il suo nome, e gli sembrò strano e strano sulla lingua. Allungò una mano e le accarezzò le spalle, e il suo corpo cominciò a rilassarsi un po'. Rimasero così per molto tempo. Alla fine, le sue lacrime si placarono. Poi Grimbol le baciò dolcemente la nuca. "Forse posso aiutarti a sentirti meglio", ha rispecchiato le sue parole del giorno prima.

Suo malgrado, un piccolo sorriso si aprì sulle sue labbra. Prese il viso di Grimbol tra le mani e, in punta di piedi, gli piantò un bacio sulla bocca. Lui la fissò, si sporse in avanti e le baciò dolcemente un po' di umidità salata dalla guancia. Da lì iniziarono a baciarsi più appassionatamente. Le loro bocche si aprirono mentre le loro labbra sensibili si incontravano. Avevano il sapore della strada, terroso e un po' aspro, ma non era sgradevole. Poi la lingua di Aalina accarezzò le labbra di Grimbol, provocandogli brividi caldi lungo la schiena. Restituì il favore, e presto si baciarono profondamente, il formicolio sensuale si diffuse attraverso i loro corpi in ondate afose.

Le sue mani iniziarono a toccarle il sedere e lei gemette piano nella sua bocca. Sentì la sua lubrificazione inumidire i suoi recessi interni. I loro baci continuarono, e lui spostò una mano per infilare la mano nel suo giubbotto di pelle e posarla sul tessuto sottile che le copriva il seno flessibile. Il suo capezzolo si irrigidì al suo tocco. Dopo alcuni minuti, si allungò e slacciò la corda intorno alla sua vita, lasciando cadere a terra la sua gonna improvvisata. Si sollevò la camicia sopra la testa, e anch'essa ricadde. Ha seguito l'esempio con la sua tunica, rivelando il suo petto virile e muscoloso. I capelli erano folti e scuri, ma attraversati da linee calve dove rimanevano le cicatrici di molte battaglie. Era bello in modo rude, ma i peli facciali scuri e ispidi oscuravano in gran parte i suoi lineamenti. L'eccezione erano i suoi occhi. Erano grigio acciaio con una sottile linea dorata che circondava le pupille. Si dilatarono mentre lei li fissava, e stranamente sembravano non del tutto rotondi.

Poi si chinò di nuovo in avanti, baciandole brevemente le labbra prima di passare alla sua guancia, al suo orecchio, scendendo al suo collo, al suo petto e al suo seno. Il calore di Aalina aumentò mentre la sua lingua le accarezzava il capezzolo, mentre le sue mani continuavano a massaggiarle la parte posteriore e l'altro seno.

Poi si sdraiò, facendola cadere sopra di lui. Le sue mani le accarezzarono le braccia ei fianchi, e lei premette il suo corpo contro di lui, strofinando il bacino contro il suo. Una scossa di dolore la attraversò mentre le sue labbra doloranti erano state impegnate, quindi aggiustò la sua posizione. Allungò il collo verso l'alto, continuando a baciare e succhiare i suoi deliziosi tumuli. Con una mano trovò la fessura delle sue natiche. L'altro ha tracciato il suo stomaco teso per raggiungere il suo tumulo lanuginoso. Sentì le morbide punte delle sue dita scorrere tra le sue delicate ciocche di capelli biondi. Poi si avventurarono a sud, sfiorandole leggermente la punta della vulva. Il suo clitoride le faceva male, desiderando un tocco più deciso. Come se le leggesse nella mente, Grimbol si leccò velocemente le dita e le riportò al loro dovere. Strofinò, dapprima delicatamente, il cappuccio della ragazza. Altre ondate di passione si diffusero dal contatto. Il suo cuore batteva all'impazzata e sentiva i suoi succhi gocciolare. Lui strofinò ancora un momento, poi, stringendole entrambe le natiche, la sollevò facilmente in avanti per mettersi a cavalcioni sul suo viso.

Gli stinchi di Aalina incontrarono il terreno fresco e umido, la sensazione si mescolò al calore del resto del suo corpo. Quindi Grimbol iniziò a leccarla sul serio. Sembrava sapere come evitare le sue zone tenere e concentrò la sua attenzione sulla sua clitoride e sulla carne immediatamente circostante. La sua lingua abile era abile, e lei gridò sommessamente mentre lo cavalcava. Le sue mani raggiunsero di nuovo i suoi seni. Erano sempre stati sensibili e il sentimento aggiunto portò un'altra marea di euforia. Il tempo stava salendo e lei si avvicinava al culmine. Grimbol cominciò a succhiare leggermente il suo bottone, e lei schiacciò più forte l'inguine contro di lui. Leccava e succhiava alternativamente, leccava e succhiava. I suoi capezzoli si indurirono ancora di più mentre veniva mandata oltre il limite. Gridando, rabbrividì, ondate dopo ondate di piacere inondarono tutto il suo essere. Smise di leccare e premette la lingua piatta contro la sua area reattiva. Si ribellò e tremò di nuovo. Quando l'orgasmo svanì, ricominciò il processo. Desiderava averlo dentro di sé ma sapeva, date le sue condizioni, che avrebbe dovuto aspettare. Tornando al presente, i sentimenti di Aalina sono rapidamente aumentati di nuovo. Le leccò la clitoride e le munse i seni, e in pochi istanti lei fu nuovamente catapultata nell'oblio estatico.

Grimbol probabilmente avrebbe continuato a farlo, ma lei rotolò via da lui, stringendo forte le gambe e tenendo in mano il suo inguine piacevolmente formicolante. La terra fredda rinfrescava il suo corpo accaldato. Poi improvvisamente consapevole del suo egoismo, guardò Grimbol negli occhi, "Oh, lascia che mi prenda cura anche di te!" Fece un passo verso di lui, ma lui esitò.

“No, no. Davvero, starò bene. È stato un piacere darti piacere. Sorrise ampiamente, i succhi gli brillavano sul viso e gli gocciolavano lungo il mento. Un'altra vampata di calore fluì sulle guance di Aalina, e lei ricambiò il sorriso, provando vero affetto per lo strano uomo.

Tornarono nell'area erbosa e, senza nemmeno vestirsi o allestire il campo, si sistemarono l'uno nelle braccia dell'altro sotto il caldo sole e caddero in un sonno veloce e soddisfatto.

Storie simili

Mamma che lavora 2

Mi chiamo Becky e se hai letto l'altra mia storia ho un figlio di 17 anni che si chiama Ryan. Dopo di lui ha cercato di ricattarmi per fargli fare un pompino e ha risposto al fuoco, beh, in realtà non è stato così, invece l'ho scopato. io non mi sono descritto molto bene nella prima storia, quindi ecco qualcosa su di me. Sono un avvocato (equity partner), sono di origini italiane e irlandesi decenti con capelli nero scuro sia in alto che in basso, sono 5'7 con una taglia del seno di 32C e una taglia 4 in vita ho...

832 I più visti

Likes 0

Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni. 'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina. 'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella...

712 I più visti

Likes 0

L'incontro sexy

Sei seduto al bar di un hotel con indosso un bel vestito blu truccato e indossi una bella parrucca castana dai capelli lunghi sapendo che indossi un crogiolarsi con delle mutandine nere a volant sotto il vestito, ti senti un reggicalze sexy che regge delle calze a rete morbide e setose mentre liscia il tuo vestito mentre ti metti a tuo agio sul tuo sgabello da bar alto in pelle. Mi noti dall'altra parte del bar, sorridi, io ricambio e chiedo al barista di mandarti un drink con una chiave magnetica nella stanza 6969 con un biglietto che dice di portare il...

1.4K I più visti

Likes 0

Ritmo di The Rails

Siamo usciti dalla Union Station verso le 20:00. Nella canzone, il treno parte la mattina e arriva la sera. Immagino che le cose siano cambiate da quando Steve Goodman ha preso il treno e ha scritto la canzone. Potrei conviverci. Fin dalla prima volta che avevo sentito Arlo Guthrie cantare di The City of New Orleans, avrei voluto fare questo viaggio. Spesso, al lavoro o sotto la doccia, mi ritrovavo a canticchiare la melodia. Ora, in realtà ero sul treno leggendario, in viaggio da Chicago a New Orleans. Stavamo cambiando auto a Memphis, nel Tennessee verso le 6:30 del mattino, a...

1.3K I più visti

Likes 0

Sabato da sogno_(1)

Sabato da sogno…. Introduzione: Sono alto 6' 3; muscoloso dato che mi alleno 5 volte a settimana e ragionevolmente bello. Sono anche bisessuale. Adoro farmi leccare e scopare il culo con un dito, con un vibratore o preferibilmente con un cazzo vero. La mia ragazza sa tutto del mio lato bi ed è davvero eccitata all'idea di guardare me e un ragazzo che stiamo insieme mentre la facciamo godere. Questo è qualcosa che miriamo a fare nel prossimo futuro. La mia ragazza, Sarah, è alta 5' 6 pollici e molto magra, lunghi capelli castano scuro. Lei è la tipica ragazza fantasy...

411 I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.7K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.7K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

1.8K I più visti

Likes 1

Un mese fantastico

Da Pussycatspecialist Descrizioni dei personaggi Noemi: 18 anni Capelli lisci castano-rossicci Grandi seni 34C 5'6 con gambe lunghe e snelle e un culo tondo. Tom: 20 anni Capelli castani corti Muscolare 6'2 con un gallo da 9 pollici *** Ieri mattina i miei genitori hanno chiamato me e mio fratello Tom nella loro stanza. Cosa succede ragazzi? chiese Tom mentre noi due entriamo nella camera dei nostri genitori. Mentre mi guardavo intorno nella loro stanza, ho notato che avevano preparato le valigie sul letto accanto a loro. Sappiamo che è stato un po' improvviso, e ci dispiace, ma alcuni nostri amici...

1.9K I più visti

Likes 0

Il sogno di Giovanni si avvera

John: John si svegliò verso le cinque e mezza del mattino con una rabbia furibonda ancora una volta. Guardò in basso, prese la mano, se la fece scivolare lungo i pantaloni e iniziò a strofinarsi. Il motivo per cui si è svegliato era a causa sua. Alexandria, sebbene avesse solo 15 anni e fosse una matricola al liceo, sapeva di amarla. Tutto in lei lo eccitava; L'odore del suo shampoo alla fragola nei suoi ricchi capelli castano scuro che le arrivavano appena oltre le spalle, i suoi seni a coppa a C, il suo culo meravigliosamente stretto e le sue gambe...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.