Il sogno di Giovanni si avvera

359Report
Il sogno di Giovanni si avvera

John:

John si svegliò verso le cinque e mezza del mattino con una rabbia furibonda ancora una volta. Guardò in basso, prese la mano, se la fece scivolare lungo i pantaloni e iniziò a strofinarsi. Il motivo per cui si è svegliato era a causa sua. Alexandria, sebbene avesse solo 15 anni e fosse una matricola al liceo, sapeva di amarla. Tutto in lei lo eccitava; L'odore del suo shampoo alla fragola nei suoi ricchi capelli castano scuro che le arrivavano appena oltre le spalle, i suoi seni a coppa a C, il suo culo meravigliosamente stretto e le sue gambe lunghe e snelle.

Si sfogò e alla fine si svegliò alzandosi dal letto e si avviò alla doccia con Alexandria ancora in mente. Mentre faceva la doccia, continuava a pensare a lei ea come pensava di non avere mai una possibilità con lei. Mancavano solo tre mesi all'inizio dell'anno scolastico e lei era già una delle ragazze più popolari, mhm donne, della scuola. Stava già frequentando gli uomini e le donne della classe superiore. Anche se nessuno dei ragazzi si è mai avvicinato a lei perché si era già affermata come una donna che non avrebbe preso un cazzo da nessuno e non avrebbe mai fatto sesso prima di essere con l'uomo, era sicura di essere anche lei sposata. Afferrò la borsa dei libri e la borsa della palestra e partì per la scuola.

Anche se non aveva molti amici e gli unici amici che aveva incontrato in palestra non gli importava mai. Preferirebbe restare dopo la scuola con i suoi amici e andare comunque in palestra. Perché dovrebbe voler "giocare" con altri uomini nel calcio o nel basket per bloccare qualcuno che hai fatto "palpare" altri uomini?
Continuò a pensare a lei con un cazzo semiduro, cosa comune adesso perché non poteva mai fermarsi, quando girò l'angolo andando verso gli armadietti quando andò a sbattere contro di lei. Sia lui che Alessandria caddero a terra, Giovanni in cima ad Alessandria. Arrossì di un rosso intenso e si alzò in piedi. "Sono così, così dispiaciuto Alexandria. Davvero lo sono." Alexandria ridacchiò e sorrise: "Per favore, chiamami Alex, e potresti voler tenere i tuoi "sentimenti" per te."

John guardò in basso rendendosi conto che ora era completamente eretto. Si è chiuso con la zip il cappotto per coprire il suo cazzo eretto e ha detto "Scusa" ha preso i suoi libri e, arrossendo, è andato a lezione.

Alessandria:

Alexandria si svegliò lentamente dal sonno verso le sei di quella mattina e si addormentò lentamente fuori dal letto. Le piaceva dormire nuda. I capezzoli dei suoi seni a coppa C erano eretti. Diede loro un leggero pizzicotto gemendo al tocco. Si inginocchiò, il culo per aria. . Poi ha tirato fuori il dildo viola da sotto il letto. Ha quindi iniziato a camminare verso il.

Aprì l'acqua ed entrò. Si adagiò delicatamente sul pavimento della vasca. Prese lentamente il dildo e se lo strofinò sulle labbra della fica, lentamente, godendosi ogni pezzetto. Quando non poteva più aspettare, prese il dildo e lo spinse lentamente dentro assicurandosi di non rompere il suo imene. Mentre lo faceva, iniziò ad accarezzarsi i seni con la mano libera. Ha iniziato a pompare il dildo sempre più velocemente assicurandosi di mantenere intatto il suo imene. Poi iniziò a pizzicarsi i capezzoli gemendo piano. Presto iniziò a tremare, la sua fica stringeva il dildo. Si morse il labbro mentre emetteva un urlo soffocato di piacere mentre il suo orgasmo si diffondeva su tutto il suo corpo. Succhi versati da lei, più di quanto farebbe l'adolescente medio, e ne ha assaporato ogni pezzetto duraturo. Quando l'orgasmo finì, le prese la mano e ci prese un po' di succhi. Se lo portò al naso, lo annusò, poi lo succhiò sensualmente. Quando finalmente ebbe finito si alzò, si lavò i capelli con il suo shampoo profumato alla fragola, si lavò il corpo e si pulì la fica.

Pensò tra sé e sé: "Che inizio perfetto per la mia giornata. Forse gli farò sapere che mi piace. Sembra solo e un po' spaventato che non mi piace..." Si riferiva ovviamente a Giovanni. Pensava che fosse stupendo. Amava tutto della sua figura di cinque piedi e dieci pollici. I suoi capelli castano scuro disordinati, le sue braccia e gambe muscolose magre e quel piccolo rigonfiamento nei pantaloni che aveva ogni volta che la guardava. Afferrò la borsa dei libri, baciò sua madre sulla guancia e la salutò, quindi uscì dalla porta della scuola.

Quando è arrivata è andata all'armadietto e ha preso i suoi libri mentre parlava con uno dei suoi tanti amici. "Allora cosa hai fatto durante la pausa?" chiese Alexandria a Kathleen, la sua migliore amica. “Oh, non molto. Sono appena andato a fare shopping e ho comprato dei nuovi adorabili abiti. Quando Alexandria ha svoltato l'angolo dello spogliatoio, ha incontrato John. Entrambi caddero a terra. John atterrò su di lei e lei poteva sentire il suo cazzo eretto che cercava di uscire dai suoi pantaloni per attaccare la sua fica. "Sono così, così dispiaciuto Alexandria. Davvero lo sono." Alexandria ridacchiò e sorrise: "Per favore, chiamami Alex, e potresti voler tenere i tuoi "sentimenti" per te." John si è chiuso la cerniera del cappotto, ha detto "Scusa" e se ne è andato arrossendo. Sorridendo Alex si alzò e continuò a camminare. "Che cos 'era questo?" "Oh, niente, immagino, anche se sono sicuro che ha alcune cose per la testa." Alex ha continuato a sorridere mentre andava in classe.

Confusione:

"Cosa è appena successo? Era davvero arrabbiata? Ma allora perché dovrebbe sorridere quando mi ha detto di tenere i miei "sentimenti" per me? Dio mio! Si riferiva al mio cazzo?! Oh sono sicuro che lo fosse... Ma se sorrideva significa che le piaceva? Cosa faccio ora? Le dico come mi sento o…” “John, puoi per favore venire al consiglio e risolvere il mio problema?” "Che cosa!!!" pensò. "Uh cosa ha detto signora Reese?" "Ho detto di venire al consiglio e risolvere il problema." "Oh." La giornata di John è continuata proprio come la sua ultima lezione. Tutto quello a cui riusciva a pensare era Alex e come lei gli aveva detto di tenere per sé i suoi "sentimenti". Doveva prendere una decisione.

Confronto:

"Ok. Ok ok ok. Lo farò. Le dirò solo come mi sento e poi le chiederò se vuole andare a vedere un film. Questo è ciò che le ragazze vogliono che un ragazzo faccia, giusto? Racconta loro i loro sentimenti e chiedi loro di uscire, giusto? Oh Dio.

John scese le scale davanti alla scuola e gridò tremante. "Al...Al...Alex?" "Sì Giovanni?" "C... beh io... mi piaci e mi... mi chiedevo se forse volevi andare a vedere un film...?" Alex si avvicinò furtivamente a John. Così vicino infatti John stava diventando di nuovo eretto. "Sai cosa John?" Era così vicina ora che le loro labbra quasi si toccavano ei suoi seni premevano contro il suo petto. “Mi piaci da un po' ormai e speravo che mi avresti chiesto di uscire presto. O dovrei accontentarmi di uno degli altri ragazzi che mi hanno guardato e mi hanno preso…” Posò la mano sulla parte esterna dei suoi jeans e gli strofinò il cazzo ora eretto “...cazzi eretti” Ridacchiò. Mentre si allontanava, gli porse un pezzo di carta con sopra il suo numero. “Chiamami così possiamo parlare di quello che vedremo. Ok?

Mentre si allontanava, lui rimase lì, sbalordito. Non riusciva a credere a quello che era appena successo. "Dio mio. Le piaccio! Sembra anche che le piaccia il mio cazzo... E cosa intendeva con "cosa vedremo"? Intende cosa si sarebbe visto a teatro o intende qualcos'altro?" John tornò a casa lentamente con questi pensieri che ora gli correvano per la testa.

La chiamata:

Quando John è tornato a casa è entrato nella sua stanza e ha chiuso a chiave la porta. Con tutti gli eventi recenti si è masturbato, ha preso il telefono e ha composto il numero di Alex. "Ciao?" "Ciao... sono John" "Oh ciao John. Cominciavo a chiedermi se avresti chiamato. Certo, a giudicare da quel rigonfiamento nei tuoi pantaloni forse dovevi sfogarti. "Si l'ho fatto." John fu sorpreso da quello che aveva appena detto. Sì, si è masturbato e sapeva che lo facevano anche gli altri, ma non dovrebbe annunciarlo. "Oh veramente? Strano, dovevo fare lo stesso” Non riusciva a credere che stessero parlando così. Soprattutto a quindici anni!

"Comunque Alex, che film vuoi vedere?" “Beh, mi stavo chiedendo. Forse potresti venire a casa mia per vederne uno. "Sicuro. sarò felice di farlo A che ora? Domani forse?" “Stavo pensando proprio ora. Puoi semplicemente dire a tua madre che stai a casa di un amico".
"Ok. Le lascio un biglietto e me ne vado subito". "Non pensi di dover avere prima il mio indirizzo?" “Oh sì…” Alex ridacchiò. "È 18 Bay Street." "Ok grazie. Arrivo subito". John riattaccò il telefono scrisse il biglietto a sua madre e andò in bicicletta a casa di Alex.

Una notte indimenticabile:

Quando John è arrivato ha suonato il campanello e subito in silenzio Alex ha aperto la porta. La sua mascella cadde. Indossava pantaloncini molto corti che non le davano la punta del cammello ma le abbracciavano la fica così tanto che la forma era ben definita oltre a mostrare il suo culo stretto e le gambe snelle. Indossava un top rosa attillato che mostrava chiaramente che non indossava un reggiseno. Non poteva credere che i suoi genitori le avrebbero permesso di indossare qualcosa del genere. “A giudicare dalla tua tenda, vedo che ti piace il mio vestito. Oh, e i miei genitori non me lo avrebbero mai permesso di indossarlo. Si dà il caso che siano via per il fine settimana". "Beh, mi piace molto, e qualcosa mi dice che la scomparsa dei tuoi genitori è un'ottima cosa"

Alex ha condotto John nel suo soggiorno dove aveva già allestito un film. Lui e Alex si sono seduti sul divano e Alex ha premuto play. Giovanni sussultò. Il film che aveva messo in scena era un porno! La donna nel film gemeva come una matta mentre due uomini le scopavano il culo e la fica. Ha sussultato, "cos'è questo?" "Questo è solo qualcosa per aiutarti a metterti nell'umore. Ovviamente lo desideravo moltissimo. Sei l'unico che io abbia mai voluto. "Tu... vuoi scoparmi?" "No, voglio che mi fotti a morte." Si alzò in piedi togliendosi la parte superiore, i suoi seni ora tremolavano liberamente. Poi si è tolta i pantaloncini mostrando che non era presente alcuna biancheria intima. Si sedette sulle sue ginocchia e si sporse in avanti. “Ma cosa succede se rimani incinta? I nostri genitori lo scopriranno e ci uccideranno!” "Oh non preoccuparti, sto prendendo il controllo delle nascite perché il mio ciclo è così terribile senza di esso." “Beh... se insisti” Si sporse in avanti premendo le labbra contro le sue. Si baciarono la lingua invadendosi la bocca a vicenda. Alex iniziò a togliersi la maglietta di John. John iniziò ad alzarsi in piedi finendo togliendosi la maglietta, i pantaloni, i boxer e tutto il resto.

Alex sussultò perché proprio di fronte a lei c'era l'incredibile cazzo di John. John non ci ha mai pensato troppo. Ha sempre pensato che fosse di dimensioni normali, ma Alex gli ha detto il contrario. “Mio dio Giovanni! È enorme! Ho letto che un cazzo di dimensioni normali è di circa sei pollici, ma questo è almeno dieci!!!” "Grazie... Forse possiamo divertirci di più allora." "Oh lo faremo."

Lo condusse su nella sua stanza dove andarono dritti verso il letto. John si sdraiò e Alex si sdraiò sopra di lui con la bocca sul suo cazzo, la sua fica su quella di John. "Per favore, mangiami la fica come nessun domani!" Con ciò John iniziò lentamente a leccare le labbra appena rasate della sua fica. Cercando di ripetere tutte le cose che aveva mai visto in un porno. Con questo Alex gemette e iniziò a succhiargli il cazzo. Ha provato a gola profonda ma ha imbavagliato terribilmente. "Stai bene?" “Sì, è molto più grande del mio dildo. Non preoccuparti, mi adeguerò" Sbatté la bocca proprio su quel cazzo di dieci pollici ancora una volta amandone ogni pezzetto. Ha cominciato a piangere ma non ha smesso. John ha continuato sulla fica invadendo la sua fica ora. I succhi iniziarono a fluire da lei. Adorava il suo sapore dolce e ora Alex continuava a gemere più forte. Presto John stava per esplodere per il fantastico pompino che stava ricevendo e Alex stava per sborrare in faccia a John. Hanno urlato all'unisono: "SONO CUMMING!!!" John ha sparato un carico enorme nella bocca di Alex e lei quasi si è imbavagliata. Tuttavia; Alex è venuto così tanto che pensava che sarebbe annegato in un paradiso di sudore delizioso succo di fica. Quando gli orgasmi finirono, sia John che Alex ansimarono. "Oh dio John, hai un sapore così buono!" "Come fai tu, mia dolcezza."

Ormai John era sopraffatto da una rabbia sessuale. Aveva bisogno di più. “John, per favore, fammi quello che vuoi. Sono solo così felice che tu sia con me, voglio che tu sia felice. DISTRUGGIA IL MIO CORPO PER FAVORE!” John non aveva più bisogno di aiuto, ha girato Alex sulla schiena, ha preso il suo cazzo e lo ha speronato direttamente in Alex. Lei urlò e un po' di sangue gocciolava fuori dalla sua fica. Questo però non ha fatto nulla per fermarlo. Continuò a sbattere in profondità nel suo imene ora lacerato; i suoi seni tremano ad ogni spinta. Mentre lo faceva, afferrò i capezzoli di Alex e li pizzicò tirandoli su e giù ad ogni spinta. Presto Alex fu sopraffatto dall'estasi pura e presto ebbe un orgasmo, i succhi coprivano il cazzo di John e inzuppavano le lenzuola. Aveva molti altri orgasmi in caduta e presto i suoi occhi le si posarono dietro la testa con pura beatitudine che avvolgeva il suo corpo. Poi John è esploso rilasciando un'enorme quantità di sperma direttamente nella sua cervice.

Per favore, fottimi di nuovo. “Oh, non ti preoccuperò tesoro. Tuttavia, questa volta sarà il tuo culo". "MA IL TUO CAZZO LO STRAPPERA' A PARTE!" "Non sei stato tu a dire di farmi quello che vuoi?" "Sì, è solo che non ho mai avuto l'anale prima." "Beh, c'è un primo per tutto." Con questo fece rotolare Alex sullo stomaco, le gambe penzolanti oltre il lato del letto. John ha preso un po' del succo di fica ancora gocciolante da Alex e gli ha messo un po' sul culo per un po' di lubrificazione. Quindi john non ha perso tempo e le ha speronato il cazzo direttamente nel culo. Lei ha urlato. Il suo dolore si trasformò presto in piacere quando il cazzo di John si conficcò in lei. Cominciò a gemere e respirare affannosamente. John ha continuato la sua furia lussuriosa. Il viso di Alex iniziò a diventare rosso e tutto ciò che potevi vedere dei suoi occhi erano il bianco e le vene rd. Poi John è esploso riempiendo il culo di sperma. Poi è crollato su di lei. Alex si trascinò tremante sul letto sotto le lenzuola e John si mise all'inseguimento. "Andiamo a dormire." "Bene. Comunque sono esausto". "Posso farti un ultimo pompino?" "Puoi mia cara." Detto questo, Alex le mise lentamente in bocca il cazzo di John e iniziò a ingoiarlo. Entrambi sapevano che erano innamorati e che un giorno si sarebbero sposati.

Storie simili

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

961 I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

784 I più visti

Likes 0

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

768 I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

784 I più visti

Likes 0

La nuova vita di Aria Pt3

Aria Mi sono svegliato con un sussulto tra le braccia di mio padre. Cosa c'è che non va, Aria? mi chiese preoccupato. Solo un sogno 'strano', immagino. Sudavo e tremavo. Il re deve averlo notato. “Sei venuto mentre stavi dormendo. Sei venuto spesso in questi ultimi due giorni.» Mi prese tra le sue braccia e mi tenne stretta. Nel momento in cui sono tornato tra le sue braccia ho iniziato ad avvolgere il mio corpo intorno al suo, cercando di più. Papà, per favore, ho supplicato. Assolutamente sì, Aria. Detto questo, iniziò a baciarmi e mi adagiò sulla schiena, stritolandomi. I...

788 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

758 I più visti

Likes 0

Fallout Quattro Futanari

Fallout Quattro Futanari Eccolo, Jalbert Brothers Disposal, ha detto Brand. Paige Carter, alta, snella, con gli occhi grigi e corti capelli biondi, strinse più forte il suo fucile automatico mentre guardava su per la collina, verso gli edifici sgangherati e frammentari e le pile di rottami. Guardò la sua squadra di predoni con uno sguardo dubbioso. Brand era in piedi con il binocolo fissato sul posto, il revolver calibro 44 nella fondina all'anca, quasi nascosto dall'armatura a punte che indossava. Era stoico e calmo, per la maggior parte; una dipendenza psicotica lo ha fatto esplodere di rabbia in alcune occasioni. Dietro...

705 I più visti

Likes 1

La mia nuova passione

La mia nuova passione Racconto di Night_Walkerx5 __________________________ I videogiochi sono sempre stati una passione nella mia giovane vita. Non quei giochi sportivi, dove fai sempre la stessa cosa ed è divertente solo quando giochi con gli amici. No... intendo giochi di avventura, giochi horror, giochi di ruolo... quelli che raccontano una storia. Una storia in cui interpreti il ​​​​personaggio principale. Probabilmente ho vissuto più avventure di chiunque altro nella mia scuola. Ho visto così tanti giochi sottovalutati con trame e gameplay meravigliosi. Mi chiamo Ashley, sto per compiere 13 anni. In termini di aspetto fisico, non c'è molto da guardare...

672 I più visti

Likes 0

Raduno per single

Rinchiuso in un ritiro per il fine settimana per persone con il desiderio di incontrare tutti i tipi di altri single, mi sono diretto al lago e quando sono arrivato, mi è stata mostrata una bella cabina di legno che ho condiviso con altri 3 single co-ed, ed essendo il primo a arrivato, ho fatto degli spuntini, ho aperto del vino e ho scelto il letto su cui mi sentivo meglio. Sdraiato sul letto matrimoniale nella camera da letto principale, l'addetto al benvenuto è entrato e aveva un paio di bambine sexy che stavano sorridendo mentre ci presentavamo. Il leader delle...

923 I più visti

Likes 0

Zack e John

Zachary ha aspettato con impazienza l'arrivo della sua nuova babysitter. Ha sempre fatto scherzi alla nuova babysitter per sbarazzarsene. Aveva già 13 anni e credeva di potersi prendere cura di se stesso, ma i suoi genitori non glielo permettevano e lo trattavano come un bambino. Ding Dong! Zachary, vieni qui per incontrare la babysitter, disse sua madre. Zackary scese le scale aspettando di vedere un'anziana signora entrare dalla porta, ma si sbagliava. Un'anziana signora non è entrata dalla porta, ma un adolescente sì. Zachary, questo è John. disse la mamma di Timmy. Vive in fondo alla strada e ha detto che...

650 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.