Solo per cavarsela II

97Report
Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino.
“Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla.
"Lasciami andare!" scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello maggiore. Ha 20 anni e abitiamo insieme in un appartamento. Ha solo una stanza principale che è abbastanza grande da essere una cucina, una sala da pranzo e un soggiorno in uno, una camera singola e un bagno completo. Ty prende il letto, quindi dormo nella mia borsa sul pavimento. È così da quando avevo 10 anni, quindi ci sono abituato. In effetti, ora è familiare per me. Con riluttanza mi alzo dalla schiena addormentata e rabbrividisco per il freddo. Sostituisco il mio "letto personale" come lo chiamo e liscia il cuscino. Tutti i nostri vestiti sono combinati in un piccolo armadio, quindi devo rovistare tra i vestiti di Ty per trovare i miei. Tiro fuori una semplice maglietta nera e un paio di jeans skinny in denim scuro.
La porta del bagno è chiusa e ci picchio con impazienza.
“Cosa stai facendo, Ty? Devo entrare lì!” grido attraverso la porta. Ho bisogno di farmi una doccia velocemente prima di andare a scuola.
"Rilassati, il mondo non sta finendo!" grida di rimando.
“A differenza di ALCUNE persone, devo andare a una scuola! NON lo fai!" Io schiocco. La porta si apre e Ty mi supera, apparentemente irritato. Entro di corsa, chiudo a chiave la porta e mi precipito sotto la doccia. Esco e sono sorpresa di sentire la voce di Tyler molto alta. Non riesco a sentire quello che sta dicendo perché la porta la attutisce e l'acqua mi ostruisce l'orecchio, ma catturo piccoli frammenti.
"...non ho...perché...un altro ragazzo...tu...come potresti..." era tutto ciò che stavo ottenendo. Potrebbe parlare con una ragazza? O un ex più probabile. Tyler è un ragazzo così straordinario ed è così gentile, ma in qualche modo torna a casa con le peggiori e trash fidanzate in circolazione. Di solito restano abbastanza a lungo per scopare con lui e poi è finita. La sua ultima è stata Rosa, una rossa porca e piagnucolona che non mi ha nemmeno salutato quando me l'ha presentata. Personalmente avrei voluto che uscisse con Miley Rowen, una studentessa della mia scuola. È così simpatica, divertente ed estroversa. Per quanto ne so, è persino ancora vergine, quindi non cerca sesso o altro. Penso che sarebbe la ragazza perfetta e sincera per mio fratello, ma la mia opinione non conta.
Mi vesto ed esco dal bagno, appendendo l'asciugamano. Metto i miei vestiti nel cesto appena dentro la nostra camera da letto e mi dirigo verso la... beh, immagino sia solo la stanza centrale o qualcosa del genere. Non lo so. Tyler ha appena riattaccato il telefono. È rivolto lontano da me, quindi non posso vedere la sua faccia, ma è appoggiato al bancone e guarda fuori dalla finestra. Vedo che è molto teso e sconvolto.
"Tyler, chi era?" chiedo gentilmente. Non risponde, muove semplicemente la mano in aria come per scacciarmi. Bene, qualunque cosa con lui. Devo andare a scuola. Mi infilo la mia felpa preferita e mi affretto a fare un brindisi. La scuola inizia alle 8:30 e sono le 8:00 ora, quindi non ho molto tempo per mangiare e correre alla fermata dell'autobus.
Finisco la colazione e mi metto in spalla lo zaino. Tyler ha cambiato posizione, ma sta ancora fissando fuori dalla finestra. Dalla mia posizione davanti alla porta, posso solo vedere il lato della sua faccia. È accigliato e borbotta dolcemente tra sé e sé. Spero che non sia troppo ferito se fosse Rosa. Esco dalla porta e mi fermo sulla soglia. Affittiamo un appartamento, il che è strano dato che è una casa per una sola persona al piano terra non collegata ad altri appartamenti. Viviamo nel sud di Atlanta, in Georgia, in una sorta di piccolo sviluppo. Ma sono un mucchio di piccoli appartamenti di proprietà di un ragazzo ricco di nome Richard Blanc. Ha avuto l'idea di condomini in un piccolo sviluppo ed è sorprendente quante persone abbiano effettivamente affittato qui. L'intero sviluppo è sempre pieno, che si tratti di persone che vivono qui o di persone di passaggio.
Corro lungo la strada tortuosa tra le case, poi decido di rovinare tutto e tagliare i cortili. Rallento per una passeggiata una volta raggiunto il fondo dello sviluppo e colpito il marciapiede su Main Street. L'aria del mattino è frizzante e fredda, cosa che odio. Dovrebbe fare caldo quaggiù in Georgia, ma recentemente non lo è stato. Probabilmente il risultato dei recenti uragani che sono passati lungo la costa e hanno scatenato un clima divertente. Mi infilo le mani in tasca, sentendo improvvisamente un pezzo di carta familiare. Tirandolo fuori riconosco il numero di telefono di Jay Royce. Certo, per fortuna non l'ho perso... anche se in realtà non sarebbe stata una mia perdita. Ancora non capisco perché il cattivo ragazzo anziano Jay sia così interessato a me. Se pensasse che gli piaccio, non avrebbe alcun senso perché potrebbe avere un diploma a scuola. Sono solo al secondo anno.
Vedo la fermata dell'autobus più avanti e corro leggermente verso di essa. Un piccolo gruppo di matricole sta chiacchierando accanto al cartello, quindi mi siedo sulla panchina e mi rilasso. È la prima volta da un po' che riesco a raggiungere la fermata dell'autobus così presto e rilassarmi. Di solito vado di fretta o dovrò chiedere a Ty di accompagnarmi a scuola. Spero davvero che l'intera faccenda dell'armadietto vuoto a testa vuota sia ormai svanita. Ero così in ritardo ieri e per finire avevo dimenticato il mio zaino. Nemmeno uno studente, nemmeno la mia ex amica Mia Williams, lascia che me lo dimentichi tutto il giorno. Vorrei avere un telefono cellulare o anche un orologio per vedere che ora era, ma purtroppo sono tagliato corto per queste cose. Non è una necessità, posso farne a meno, ma è conveniente. Tyler guadagna tutti i soldi (che non sono molti) e noi ci limitiamo alle necessità. Anche se in qualche modo si concede un iPhone e conversazioni/sms illimitati.
"Hai bisogno di compagnia?" Riconosco la voce di Jay all'istante. Alzo lo sguardo e vedo il bell'anziano che mi sorride. Mi supera e si siede sulla panchina accanto a me. "Sei qui presto", aggiunge.
"Sì, per una volta ho tempo per rilassarmi", rispondo, spostandomi in panchina.
"Beh, è ​​bello vedere una bella faccia uscire di tanto in tanto." Sorrido involontariamente e distolgo lo sguardo dalla strada, sperando che l'autobus arrivi presto. Cerco di non sentirlo, ma il mio stomaco si agita. È un anziano, Natalie, e lo fa con tutte le ragazze. Ma il rimprovero nella mia mente aiuta poco. Improvvisamente mi rendo conto che Jay si avvicina a me.
"A proposito, in qualche modo sono riuscito a non capire mai il tuo nome", ridacchia tra sé e sé. Con riluttanza e allo stesso tempo riporto volentieri la mia attenzione su Jay.
"Natalie Kosher". Rispondo. Sorride e si siede.
“Mi presenterei, ma mi conosci. O almeno il mio nome,” afferma con una certa arroganza.
"Chi non lo fa?" Commento, vedendo se riesco a ottenere una reazione come lui. In realtà mi guarda, la sua espressione appare alquanto sorpresa. "Che cosa?" Chiedo, chiedendomi perché l'ho appena detto. Mi sta solo guardando, letteralmente, negli occhi ed è inespressivo a parte lo stesso sguardo sorpreso. "Che cosa?" chiedo di nuovo.
"Non lo so." E si siede in silenzio, guardando dall'altra parte della strada. Fantastico, Nat, semplicemente fantastico. Ora hai offeso il ragazzo o qualcosa del genere. Perché dovevi dirlo? Guardo su per la strada, sollevato nel vedere l'autobus finalmente avvicinarsi. Poi sento una mano intorno alle mie spalle. Sorpreso, affronto di nuovo Jay e lui mi guarda di nuovo e si avvicina leggermente.
“Sai, Natalie Kosher, sei diversa dalla maggior parte delle ragazze con cui ho parlato. Dovremmo uscire qualche volta, forse sei qualcosa di speciale,” sorride, guardandomi dritto negli occhi. E mi sciolgo. È come se non avessi mai provato prima, mi perdo completamente e prima che me ne accorga si alza in piedi e cammina verso il bordo del marciapiede. Speciale? Davvero? Una speranza svolazzante nasce nel mio stomaco, ma nonostante i miei sforzi, non riesco a reprimerla. L'autobus si ferma e Jay è il primo ad entrare. Poi io e le matricole ci affrettiamo alla porta. Esito prima di entrare. Posso davvero affrontare gli studenti? Sicuramente mi chiameranno ancora nomi e cose del genere. Forse dovrei chiamare Tyler per accompagnarmi a scuola.
"Entra, ragazza!" grida l'autista dell'autobus. Frank è un uomo molto pesante con una voce meschina e burbera che corrisponde al suo atteggiamento. Giuro che odia i bambini eppure eccolo qui seduto. Forzandomi sull'autobus, cammino lentamente lungo il corridoio. Guardo i ragazzi e noto subito gli sguardi indifferenti, umilianti e i sussurri. Poi il temuto commento rompe il silenzio.
"Stai cercando di vivere con quella testa vuota, bionda?" qualcuno chiama. Chiudo gli occhi e faccio un respiro profondo. Adesso commenti e risate arrivano da tutto il bus e non c'è via di scampo. Dannazione, avrei dovuto chiamare Tyler! Mi affretto verso l'unico posto vuoto vicino allo schienale. Mentre mi avvicino, vedo Jay che mi osserva, prendendosi le offese. Ha la testa piegata di lato, le braccia incrociate come se stesse studiando. Mi siedo a disagio e scivolo verso la finestra dove appoggio la testa contro la classe e guardo fuori. Questa è la mia unica via di fuga. Sogno ad occhi aperti. Sull'autobus, in classe, in corridoio, dove posso scappare. Ma è una possibilità del 50/50 che funzioni. E oggi nulla viene soffocato. Ogni minaccia e insulto mi sta arrivando, iniziando la mia giornata scolastica in uno stato depressivo. Riesco solo a vedere la parte posteriore della testa di Sammy alcune file davanti a me. Sta guardando in basso, scuotendo la testa. E accanto a lei c'è Mia Williams, che si unisce agli abusi e alle risate. Oggi sarà fantastico.

……………………………………………………………………………

A pranzo non mangio. Neanche io mi siedo. Rimango in corridoio da solo, sperando di essere lasciato solo. Sono riuscita a mettere i miei libri nel mio armadietto e ho deciso che li avrei tenuti lì d'ora in poi. Un'altra ammaccatura è stata trovata nel punto morto nel mio armadietto e un biglietto era stato infilato dentro.

Se arrivi prima, assicurati di venire con l'armatura, cagna.
~ Alicia e Candy

Grandi, anche le minacce fisiche. So che non hanno nulla contro di me, sono solo un bersaglio molto facile e i bambini popolari a quanto pare trovano piacere nel picchiare gli insicuri. Poi un'idea mi passa per la testa. Potrei scommettere soldi e vincere che quei ragazzi più grandi sono dietro quegli edifici ora, che si fanno sballare e sono felici. So che quello che stanno facendo è brutto, orribile in effetti. Ma in questo momento l'idea di essere spensieratamente felice è incredibilmente allettante. E mi sta attirando fisicamente. Mi sono alzato ora e sto guardando in fondo al corridoio in direzione dell'uscita sul retro. Tutto quello che dovrei fare è scivolare fuori e vedere cosa è cosa. Gli effetti possono eventualmente manifestarsi in classe? Improvvisamente mi rendo conto di essere quasi alla fine del corridoio. Ho camminato involontariamente verso l'uscita e non riesco a fermarmi.
Scivolo in fondo al corridoio e mi fermo all'uscita sul retro. Le doppie porte sono l'unica cosa tra me e un'ora di felicità e totale contentezza. Scivolo fuori e mi fermo nell'erba. L'aria fresca mi colpisce e un'ondata di nervi. Abbastanza sicuro, la banda di ragazzi è dietro l'edificio. Sono rannicchiati insieme, ridacchiando e appoggiandosi l'uno all'altro. Si stanno divertendo così tanto e non gliene frega niente del mondo. Lo stesso anziano che mi ha visto l'ultima volta mi guarda e fa cenno con la testa perché mi unisca. Sa perché sono qui.
Timido, mi avvicino. Mi sento quasi imbarazzato di essere venuto a prendere parte a tali isteriche. Immediatamente l'anziano mi viene incontro a metà strada e mi dà il benvenuto nel gruppo.
“Sono Dylan,” saluta, scuotendomi delicatamente la spalla e sorridendomi negli occhi. Guardo in basso, ma lui mi solleva il mento e mi fa entrare nel gruppo. "Tutti, abbiamo un nuovo amico." Sto per obiettare, ma tutti nel gruppo mi sorridono. La giovane dai capelli rossi accanto a me mi avvolge la spalla con un braccio.
“Sono Lonny! Perché non ti unisci a noi?" introduce, indicando il cerchio. "Hai incontrato Dylan e me, e poi ci sono Tanya, Alex, Sasha, Mike e Austin." Sorrido a ciascuno di loro nervosamente. "Sei?"
“Natalie,” rispondo a bassa voce. Dylan mi prende la mano e mi guarda negli occhi.
"Non essere timido, abbiamo tutti la stessa storia, vero?" alza lo sguardo intorno al gruppo e tutti sono d'accordo con lui. Mi sono adattato perfettamente. Tutti qui sanno e capiscono, perché altrimenti dovrebbero stare insieme per lo stesso motivo? Poi Lonny mi passa un po' rigonfio. E all'improvviso, non si torna indietro.

………………………………………………………………….

Il gruppo si scioglie, andando per strade separate, e io mi affretto a rientrare nella sala per reclamare la mia precedente posizione. Ci ero andato fino in fondo e ragazzo ero così felice di averlo fatto. Non molto tempo dopo, sono iniziati gli effetti della droga. Mi sono rilassato completamente, il mondo ha rallentato, letteralmente, e mi sono sentito incredibilmente leggero. Ero completamente felice e contento di essere esattamente dove ero e di non fare nulla. Non mi importava se Candy mi stesse minacciando, non mi avrebbe mai minacciato. Non mi importava se Jay stesse provando con me, non mi importava di nessun ragazzo in questo momento. Non mi importava di vivere con mio fratello in un appartamento, perché in quel momento vivevo con Dylan, Lonny e il resto della banda.
Ma ora, potevo sentire gli effetti che cominciavano a svanire. Mi sentivo stanco, pesante e turbato. Mi sentivo anche un po' nauseato dal movimento se mi muovevo troppo velocemente. Mi sono seduto contro il mio armadietto e ho appoggiato la testa sulle ginocchia, prendendo respiri profondi. La depressione stava iniziando rapidamente. Non mi sentivo più felice o contento. Non mi sentivo sballato e rilassato, mi sentivo nervoso, spaventato e triste. Stavo scoppiando di emozioni che mi hanno dato un mal di testa spaccante e mi hanno fatto sentire come se volessi solo dormire ed essere lasciata sola per la mia vita. Ero vagamente inconsapevole degli studenti che tornavano nei corridoi. Nessuno si è accorto dello stato in cui mi trovavo, hanno semplicemente notato che ero d'intralcio, quindi non si sono fatti scrupoli a prendermi a calci e calpestarmi. Ma non riuscivo ad alzarmi.
Suonò la campanella della classe e dovetti alzarmi lentamente. I corridoi si stavano svuotando e il rumore opprimente si era placato. Ho armeggiato con il codice dell'armadietto, poi ho faticato a ricordare quale classe fosse la prossima. Ho preso i miei libri di matematica e ho sbattuto l'armadietto. Un altro mal di testa si insinuò e mi appoggiai allo schienale per respirare. È andato via così rapidamente e sono stato in grado di schiarire la mente nel miglior modo possibile. Avevo di nuovo il controllo del mio corpo e la mia mente si stava concentrando. Mi sono affrettato a lezione... lezione di inglese. Ed era troppo tardi per risolvere il mio nuovo dilemma.
Sì, i miei nuovi soprannomi erano "Blondie", "svampita" e l'ultimo "smanettone di matematica". Presentarsi all'inglese con un libro di matematica è stato il più grande errore del secolo e non mi è stato concesso di giocare. La lezione di matematica è andata bene considerando che il signor Edwards non tollera cazzate in classe. Me ne andai in fretta, rimettendo i libri nell'armadietto e correndo a casa, saltando l'autobus. Tyler non si trovava da nessuna parte, quindi mi sono scortato in camera da letto e mi sono addormentato.

………………………………………………………………………………………..

La settimana successiva è andata così. Ogni ora di pranzo scivolavo fuori e mi univo alla mia banda dove ci prendevamo un'ora per essere felici e sballati. Ho imparato a gestire gli effetti collaterali del farmaco e presto sono stato in grado di gestire gli effetti collaterali del logoramento e di schiarirmi la testa due volte più velocemente. Ho preso il mio abuso dagli studenti senza vendicarmi o ossessionarlo e ho semplicemente evitato il mio armadietto se fossi arrivato in anticipo. Inutile dire che il mio armadietto ha subito un bel po' di danni, ma la serratura ha resistito. Ho anche iniziato a frequentare la banda dopo la scuola per un po', dato che ero sempre assente dall'autobus. L'unico inconveniente erano le continue domande di Sammy. Poteva dire che qualcosa era diverso e dovevo trovare scuse ogni giorno. Ho anche iniziato a scrivere le idee al mattino. Mi sono assicurato di essere alla fermata dell'autobus presto per parlare con Jay, che era stranamente interessato a tutto ciò che riguardava me e ultimamente siamo stati spesso in corridoio. Oggi ero particolarmente allegro, sapendo che sarei riuscito a farcela.
Ma non appena ho raggiunto il mio armadietto, quell'allegria è svanita. Lì c'erano Alicia e Candy, ad aspettarmi. Ho rallentato la mia camminata, ma era troppo tardi. Mi avevano visto.
"Hai bloccato la puttana!" Alicia si scaglia. Mi avvicino al mio armadietto e la affronto, sperando di poter lasciar andare questo abuso come faccio a giorni alterni.
"Cosa ho fatto?" chiedo freddamente.
“Cammini in giro come se stessi fluttuando tra le nuvole. So che ti droghi, ecco perché sparisci così spesso!” lei scatta. Divento freddo, la paura mi pervade.
"Farò confiscare il tuo pass per il bagno", ringhia. Poi quasi rido a crepapelle. Avrei voluto che Candy non ci fosse stata.
"Pensi che stia annusando nei bagni?" sbotto, lottando per non ridere.
"È troppo bionda per sapere come funziona, non ci sono prove, Alicia." Candy ridacchia, non si preoccupa di accusarmi di uso di droghe. Ma quel commento biondo per qualche motivo mi irrita. Di solito rimuovo quei commenti, ma ultimamente tutta questa merda bionda mi stava prendendo.
"Cosa hai detto?" chiedo, parlando per irritazione. Sfortunatamente, ho bisogno di regnare in questo mio nuovo temperamento ritrovato. Candy mi sbatte contro l'armadietto, facendo risuonare un forte scontro attraverso i corridoi.
"Posso dire quello che voglio, cagna!" lei scatta. "Dov'è il tuo ragazzo per salvarti adesso?" Tutti avevano notato come uscivo con Jay Royce. Mi avevano visto parlare con lui alla fermata dell'autobus e qualche volta nell'ingresso. E per mia fortuna, nessuno mi ha mai preso in giro quando era in giro. Ma fino ad ora nessuno aveva mai detto niente. Ma per qualche ragione, non sono in grado di lasciar perdere. Alzo il braccio e mi giro, sbattendo il pugno in faccia a Candy. Incespica indietro e guaisce sorpresa. Nessuno si sarebbe aspettato qualcosa del genere da me e la fredda paura mi attraversa perché so cosa ho appena fatto. Vedo Dylan che mi osserva da sopra la spalla di Candy. Annuisce, guardandomi negli occhi con comprensione. Cosa significava? Ma poi se n'era andato, apparentemente prevedendo cosa sarebbe successo dopo. Perché Candy mi guarda e non esita. Vola dentro di me, sbattendomi i pugni nello stomaco centinaia di volte. Non riesco a respirare, il dolore è scioccante attraverso di me e mi piego in due. Candy mi sferra diversi colpi direttamente alla testa, facendomi cadere a terra. Sussulto, ma non arriva aria. Mi rannicchio sul pavimento, urlo ma non esce alcun suono. Candy mi dà un calcio alla schiena ripetutamente e poi è finita. Il mondo gira e si oscura finché non sono accecato dal mio dolore. Non riesco a respirare e sento che soffocherò. Sicuramente sarei svenuto e sarei morto per mancanza di ossigeno. È brutto come infilare la testa in un sacchetto di plastica. Quello che hai in te è tutto ciò che ottieni. E esco freddo.

……………………………………………………………..

Apro gli occhi e vedo Dylan che mi scruta in faccia. I suoi occhi marroni sono scuriti dalla preoccupazione. Sono seduto contro gli armadietti, c'è anche Lonny.
“Nat? Nat, svegliati", incoraggia Dylan. Sono completamente sveglio e pienamente consapevole di tutto. Compreso il dolore paralizzante che ancora tremava attraverso il mio corpo. Ho un mal di testa spaccante e mi sento come se stessi male. Guardo indietro nei suoi occhi con la domanda che non riesco a farmi venire fuori.
"Sono state le droghe a scatenarsi", mi spiega.
"Ma non l'ho nemmeno..." Mi affievolisco mentre un'altra ondata di nausea mi attraversa.
“Non devi. È un effetto collaterale di cui tutti abbiamo sofferto. Devi essere particolarmente attento con quello”, risponde Lonny. Sospiro e chiudo gli occhi. Le mani di Dylan sono ancora sulle mie spalle, sfregando delicatamente la tensione. Sono grato per questo.
“Non alle tue classi. Almeno non fino a dopo pranzo. Staremo con te se vuoi,” mi dice Dylan. Sto ancora cercando di riprendere il controllo di me stesso. Apro di nuovo gli occhi e permetto alla mia testa di schiarirsi lentamente.
«Lonny, rimarrò. Tu vai alle tue lezioni. Non hai bisogno di un'altra citazione", ordina. Lonny mi fa un sorriso comprensivo e si precipita lungo il corridoio. Dylan si siede accanto a me, le sue spalle contro le mie, e sospira. "Tutto bene allora?" lui chiede. Annuisco, rimpiangendo immediatamente il movimento mentre un forte incantesimo di vertigini fa girare il mondo intorno a me. Appoggio la testa sulla sua spalla e chiudo gli occhi. Poi mi viene in mente qualcosa.
"Non ti dispiace che lo faccia, vero?" gli chiedo, sperando che non lo trovi strano.
"No certo che no. Non sei il primo ad aver bisogno di supporto", risponde. “Lonny ed io siamo stati entrambi picchiati a causa di una scagliata. È l'unico effetto collaterale che rimane con te anche quando non lo prendi. Immagino sia solo perché ha funzionato nel tuo sistema. Ma non unirti a noi oggi, non importa quanto ci si senta male. Ti farai male violentemente…” e Dylan se ne va solo a parlare con i consigli e le storie di ciascuno dei membri della banda. Penso di essermi addormentato ad un certo punto, perché la prossima volta che apro gli occhi dorme anche lui e mi sento molto meglio. La mia testa è più chiara e il dolore si è ridotto a una bassa pulsazione.
Dylan si sveglia e mi controlla, chiedendomi come mi sento. All'ora di pranzo, la mia mente è completamente lucida e sono in grado di alzarmi e camminare finché sono lento e attento. Dylan si siede anche con me a pranzo, ma posso dire che sta sentendo gli effetti della mancanza della banda. Entrambi stiamo annegando nella depressione, incapaci di mangiare a malapena nulla, ma lo forziamo perché i nostri corpi ne hanno bisogno. Quindi partiamo per la classe, camminando come in un sogno ad occhi aperti di depressione.

…………………………………………………………………………………

Esito alla fermata dell'autobus. Non c'è modo che io stia tornando a casa a piedi, non nello stato in cui mi trovo. Ma non c'è modo di prendere l'autobus con il modo in cui il mio temperamento è fuori controllo. Eppure non ho altre opzioni. Improvvisamente, mi rendo conto di Jay accanto a me. Mi mette un braccio sulle spalle e sorride. Guardandolo negli occhi, mi sento un po' più al sicuro.
“So cosa stai pensando. Posso offrirti un passaggio a casa?" dice con la sua voce profonda e sexy, alzando le chiavi della macchina. Il sollievo mi inonda, ogni giudizio è andato perché so che questa è l'opzione migliore. Seguo Jay fino alla sua macchina, una vecchia Dodge Charger. La vernice blu è graffiata e alcuni sono stati raschiati via, ma all'interno i sedili in pelle sono incredibilmente morbidi e accoglienti. Jay accende l'accensione ed esce dal parcheggio della scuola.
"La scuola non è andata così bene?" chiede Jay. Conosce la storia, ma vuole fare conversazione.
"No." Rispondo semplicemente. Non voglio pensarci. Non voglio pensare affatto. Restiamo in silenzio per un po'.
"Ascolta, um... forse... non so che hai impegni e tutto il resto..." inizia Jay. Lo guardo incerto. È concentrato sulla strada, con entrambe le mani che stringono il volante. Mi guarda e poi torna alla strada. “Stavo pensando che forse potremmo uscire qualche volta. Sai, non a scuola?" egli propone. Il mio cuore sussulta al pensiero, ma ricordo a me stesso che non mi ha chiesto un appuntamento. Era solo un ritrovo. Probabilmente con qualche altro amico.
“Beh, di solito rimango a casa dopo la scuola. Non ho mai fatto davvero nulla nei fine settimana, tranne con Sammy. All'improvviso Sam mi salta in testa e mi rendo conto di non averle mai chiesto come è andato il compleanno di sua madre. Mi sento male. Non ho davvero passato molto tempo con Sam di recente.
"Beh, allora dovremo fare qualcosa", afferma Jay, interrompendo i miei pensieri. "Avete ancora il mio numero?"
"Sì lo faccio." Involontariamente la mia mano scivola nella tasca del maglione per prendere il giornale. Troppo presto vedo il nostro sviluppo in arrivo. Jay fa oscillare il Challenger lungo la strada e io lo dirigo all'appartamento. Ferma la macchina sul marciapiede e si siede lì. Siamo silenziosi. Sto guardando fuori dalla finestra, come se non fissassi il nulla. Poi sento una mano sulla mia coscia. Sorpresa, guardo velocemente Jay. Mi sta guardando negli occhi pensieroso.
"Natalie, quando dico 'passa il tempo', immagino di voler davvero dire che mi piacerebbe portarti fuori qualche volta", dice a bassa voce. Il mio battito accelera e spero che non senta il piccolo brivido che mi attraversa il corpo. Se l'ha fatto, non ha dato alcun segno.
"Non lo so, voglio dire..." Mi interrompo, non sapendo cosa dire.
“Senti, non ho mai incontrato una ragazza come te e... sarebbe solo come un film o qualcosa del genere. Non ho davvero pianificato tutto". Sta aspettando la mia risposta. Questa è una delle volte in cui vorrei avere il mio cellulare. Quindi non dovrei usare la stupida linea fissa per cose come questa. Non ho il controllo quando rispondo.
"Certo, mi piacerebbe", dico senza pensarci. Non ho nemmeno fatto uscire le parole e subito sento una scarica di nervi. Non sono sicuro se sia buono o cattivo. Jay sorride e mi stringe delicatamente la coscia. Poi esce dall'auto e mi apre la portiera. Esco e lo ringrazio per avermi accompagnato a casa. Poi, stringendo il foglio con il suo numero, mi affretto in casa.

………………………………………………………..

Parte III in arrivo!!!

Storie simili

Eddie, la mamma del suo amico e Betty

June Cleaver era la mamma di due giovani uomini ben educati, Waldo di 20 anni e Theo di 19 anni. Era la tipica casalinga di periferia americana che amava suo marito Ward ed era sposata con lui da oltre 32 anni. La 53enne June era piena di seni di 40 gg, un culo grasso e rotondo ed era formosa. A 5 piedi 9 era un bicchiere d'acqua alto ed è per questo che il giovane Eddie Haskell, bramava la mamma del suo migliore amico. Eddie, 20 anni, aveva scoperto di recente l'ipnotismo e scoprì di essere davvero bravo in questo. Quindi...

122 I più visti

Likes 0

I Ragazzi ritornano!

I ragazzi tornano! Ci è voluta una settimana per organizzare un momento reciprocamente gradevole in cui Brad e Mike tornassero per un altro incontro con mia moglie Beth. L'ultima volta che i ragazzi sono stati qui, Beth si è divertita moltissimo e non vedeva l'ora di ripetere l'esibizione. Mi aveva persino detto che li avrebbe portati direttamente in camera da letto dove avrebbero potuto davvero farlo. Sono rimasto un po' sorpreso quando sono andato ad aprire la porta. C'erano Brad, Mike e altri due bei ragazzi. Brad mi ha indotto da Chad e Dan, che avevano entrambi 18 anni, e ha...

245 I più visti

Likes 0

La realizzazione di una troia femminuccia parte 3

L'iniziazione e il degrado di Michael, uno scolaro di sedici anni, continuano. Michael era stato precedentemente sedotto dal suo preside ma non era stato in grado di soddisfarlo completamente, il che lo ha portato a un corso di formazione dalla sua insegnante di forma, la signorina Bolton. Questo episodio descrive la seconda sessione di allenamento più un incontro imbarazzante nel suo negozio all'angolo con un oscuro sconosciuto. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --- Al mattino presto, svegliandomi, eseguivo il rituale delle abluzioni e della doccia, prestando particolare attenzione alla pulizia del sedere e dei testicoli indolenziti, ancora appesantiti dall'anello d'acciaio che circondava il mio...

184 I più visti

Likes 0

Betty tettona

Storia di Fbailey numero 489 Betty tettona Avevo incontrato Betty solo di recente. I primi due tempi furono relativamente brevi e frettolosi. Tuttavia, la terza volta è stata un incantesimo. Non eravamo soli ma siamo riusciti a trascorrere un'ora o giù di lì nella stessa stanza. Mia moglie era lì con me così come un amico comune. Suo marito e due figli erano in un'altra stanza, ma di tanto in tanto entravano in cucina per un momento o due e poi si ritiravano in cose più grandi e migliori come i videogiochi e la televisione. Betty è quella che Internet chiama...

179 I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

433 I più visti

Likes 0

Foto della squadra 10: Lauren

Introduzione: Scusa per l'attesa, ma la vita si è intromessa e non sono riuscito a scrivere tutto quello che volevo. Questo capitolo ha funzionato in modo diverso dal previsto, sarebbe stato l'intero fine settimana, invece questo è solo venerdì sera. Continuerò a lavorarci su questa settimana e spero di averne altri presto. Parte 10: Laurens presente Il resto della settimana è passato in modo confuso, le cose sembravano piuttosto strane e mi sentivo come se fossi stato trascinato in ogni direzione contemporaneamente. Caitlyn e io abbiamo sviluppato una piccola routine, ogni mattina la guardavo vestirsi e mi faceva così caldo che...

223 I più visti

Likes 0

Il maestro sa sempre: parte seconda

La seconda parte della mia serie Master Always Knows. Per favore, leggi prima il Maestro sa sempre: prima parte, in modo da capire cosa sta succedendo. Grazie per aver letto. ~~~~~~~~~~~~~~~ Katy faceva fatica a svegliarsi. Le sue palpebre erano pesanti. Non riusciva proprio a sollevarli. Ma aveva un freddo gelido. Dov'era la sua coperta? E lei stava morendo per un bicchiere d'acqua, lui aveva la gola così secca. Cercò di muovere un braccio ma non si mosse. Era incatenato sul posto? I suoi occhi si spalancarono. Questo non era il suo appartamento. Era una stanza di cemento che non aveva...

161 I più visti

Likes 0

I segreti sporchi di Lindsay

Ohhhh! Ohhhh! Ohhhh! Lindsay è sempre in paradiso quando ha il suo dildo di vetro lungo preferito con il bordo a vortice che entra ed esce dalla sua piccola figa rosa. Torna a casa tutti i giorni e ne ha bisogno subito dopo una lunga giornata di lavoro. Il suo capo, il signor Franklin, la fa impazzire ogni giorno dove torna a casa e guida quel dildo dentro gemendo il suo nome desiderando che fosse il suo cazzo e la sua scrivania invece di quel dildo e quel cuscino. Adora strofinare il suo piccolo clitoride mentre pensa a lui che la...

91 I più visti

Likes 0

Sogno di compleanno

Buonanotte, ragazzi, e grazie ancora per i fantastici regali. Va bene, mamma... e possiamo dire che stai invecchiando visto che vai a letto così presto. Non sono vecchio, ragazzini... ho appena avuto una giornata molto lunga e ho bisogno di dormire. Certo, mamma, qualunque cosa tu dica e i tuoi figli scoppiano a ridere mentre esci dal soggiorno e torni in camera da letto. Ti chiudi e chiudi a chiave la porta dietro di te, poi ti spogli. Una doccia veloce, pensi, e poi te ne andrai per un po' di sonno tanto necessario. Sorridi tra te stesso mentre pensi a...

469 I più visti

Likes 0

L'incontro sexy

Sei seduto al bar di un hotel con indosso un bel vestito blu truccato e indossi una bella parrucca castana dai capelli lunghi sapendo che indossi un crogiolarsi con delle mutandine nere a volant sotto il vestito, ti senti un reggicalze sexy che regge delle calze a rete morbide e setose mentre liscia il tuo vestito mentre ti metti a tuo agio sul tuo sgabello da bar alto in pelle. Mi noti dall'altra parte del bar, sorridi, io ricambio e chiedo al barista di mandarti un drink con una chiave magnetica nella stanza 6969 con un biglietto che dice di portare il...

207 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.