Incontro al lago

202Report
Incontro al lago

Incontro al lago

Adam non era mai stato al lago in quel periodo dell'anno. Di solito veniva allo chalet solo all'inizio dell'estate, per godersi il sole e la gente che giocava nell'acqua. Tuttavia, dopo tutto quello che era successo aveva bisogno di un po' di tempo lontano, e la capanna era il luogo perfetto per ritrovare quella solitudine.

In quel periodo dell'anno il lago era tranquillo, con pochi viaggiatori che arrivavano fin lì dopo la stagione del Ringraziamento. Adam si assicurò che ci fosse cibo in abbondanza in cucina, legna da ardere accanto alla casa e che tutto sembrasse in ordine per il suo soggiorno. Successivamente sentì un po' di voglia di viaggiare e decise di andare in riva al lago e pensare al caos in cui si trovava la sua vita in quel momento.

Con la luce che svaniva a ovest, Adamo vide le prime deboli stelle iniziare a brillare, il manto della notte si stendeva lentamente sul cielo mentre i suoni della notte lasciavano il posto al dolce sciabordio delle onde contro la costa. Adam camminò lentamente lungo la riva del lago, trovò un tronco e si sistemò, osservando la luce delle stelle giocare sulla superficie dell'acqua, e ripercorse gli eventi nella sua testa. L'attesa che provava nel tornare a casa presto per fare una sorpresa a sua moglie. Lo shock sul suo volto nel vedere il suo viso contorto dal piacere, un uomo sconosciuto dietro di lei, che evidentemente si spingeva in profondità dentro di lei, con gli occhi chiusi. Il rumore del cofanetto da gioielliere che aveva raccolto prima che cadeva a terra, facendo scattare gli occhi verso di lui da entrambi gli innamorati. Il senso di colpa e il terrore lampeggiavano nei suoi occhi, la confusione e la paura nei suoi. Il clic silenzioso del telefono di Adam mentre scattava una foto, i suoi occhi fiammeggianti di rabbia e tradimento prima di rompere dolcemente il silenzio con due parole. Le due parole che le ordinavano di uscire.

Un leggero scricchiolio della ghiaia riportò i pensieri di Adam al presente, e voltò la testa per vedere una donna che camminava verso di lui, apparentemente persa nei suoi pensieri. Nella penombra, Adam l'avrebbe definita di carnagione chiara, con lunghi capelli scuri, altezza media e corporatura con un simpatico viso da elfo. I suoi occhi avevano uno sguardo lontano, come se anche lei fosse avvolta dai ricordi. Adam tossì piano, girando la testa per guardare il lago in modo che lei non si accorgesse che lo stava fissando. La testa della ragazza si voltò verso di lui e assunse un'espressione pensierosa, che Adam riuscì appena a distinguere con la coda dell'occhio.

"CIAO. Non aspettavo nessuno qui fuori. Di solito il lago è deserto in questo periodo dell'anno,” parlò la ragazza con una voce sommessa, quasi ansimante e con un tono più basso di quanto si sarebbe aspettato. La mente di Adam tornò alla voce di Janis Joplin e si voltò di nuovo a guardare la ragazza.

"Ciao. Sì, di solito non vengo qui in questo periodo dell'anno, ma volevo un po' di tempo lontano da casa. Spero di non averti disturbato." Adam rispose alla ragazza, tenendo gli occhi sul suo viso mentre osservava i dettagli della sua forma e del suo vestito. Poteva vedere che la giacca aveva un aspetto vissuto che gli diceva che probabilmente era una delle preferite, scelta per la comodità rispetto all'aspetto. I suoi blue jeans, al contrario, sembravano quasi nuovi di zecca, gli occhi acuti di Adam individuavano dove c'erano gli adesivi sulle gambe, e pensò che dovesse averli appena comprati. Indossava un paio di robuste scarpe da trekking che avevano qualche graffio, quindi avevano visto anche la loro parte di utilizzo. Gli scorci della sua camicia attraverso la giacca aperta mostravano una camicia o una camicetta verde cacciatore, ma non molto di più. Anche la donna indossava un berretto color arcobaleno, per tenersi la testa al caldo, e anche quello aveva un aspetto vissuto.

La donna sorrise e rispose: “No, non mi hai disturbato. Stavo per chiederti la stessa cosa. Sono Rosa. Lavoro all'hotel a pochi chilometri lungo la strada. Volevo solo uscire e prendere una boccata d'aria fresca. È così morto lì in questo momento che tutto il lavoro procede piuttosto lentamente.

Adam osservò Rose osservarlo attentamente e sperò che le piacesse ciò che vedeva. La sua giacca di jeans era un po' leggera per l'inverno, ma era abbastanza calda. La maglietta che copriva era una maglia bianca pallida, la sua unica concessione al freddo nell'aria. I suoi stivali da lavoro erano logori e consumati, essendo stati suoi compagni ormai per un paio d'anni, e i suoi jeans avevano quell'aspetto vissuto che solo un paio di vecchi jeans può ottenere. Adam pensava di vedere approvazione nei suoi occhi, ma non poteva esserne sicuro. Parlò, rendendosi conto che stava fissando un po': “Scusa, ero perso nei miei pensieri. Sono Adamo. Possiedo una cabina da quella parte." Adam indicò la cabina dietro di lui. “Ho già mangiato in albergo, di solito all'inizio dell'estate quando sono qui di solito, ma non ricordo di averti visto prima. Sei nuovo?"

Gli occhi di Rose sembravano danzare di umorismo mentre si avvicinava prima di rispondere. “Sì, in realtà. Mi sono trasferito qui durante l'estate e ho preso un posto libero lì. Vivevo in città ma,” la sua voce si spezzò all'improvviso e lei assunse uno sguardo cupo prima di continuare, “non ha funzionato. Quindi ora sono qui”. Rose si voltò a guardare l'acqua dopo aver risposto, i suoi pensieri sembravano distrarla.

Adam la osservò per un momento e poi sussultò quando gli venne in mente qualcosa. "Mi dispiace tanto! Sono uno stupido. Vorresti sederti? Avrei dovuto proporlo prima, lo so, ma immagino che fossi distratto. Adam indicò il tronco accanto a lui con un gesto della mano. La guardò voltarsi e guardarlo di nuovo, con un sorriso sul volto mentre annuiva e poi si avvicinava per sedersi accanto a lui.

“Distratto eh? Con cosa?" gli chiese Rose, i suoi occhi danzavano maliziosamente e appariva un grande sorriso.

"Bene", iniziò Adam, poi la guardò prima di finire. "Voi. Ero distratto da te. Sei una donna bellissima e apprezzo la bellezza. Inclinò la testa e mantenne gli occhi su di lei mentre notava un pallido rossore sulle sue guance. “È un piacere fare la conoscenza di una donna così bella. Grazie per avermi salutato, Rose. Avevo bisogno di distrazione. Adam la guardò sorridere al complimento, i suoi occhi bevevano la bellezza dei suoi lineamenti, i pensieri oscuri che lo avevano portato lì riaffioravano nella sua coscienza.

"Mio Dio, sei un incantatore, vero?" Continuava a sorridere e guardava Adam da vicino. Poteva vedere uno sguardo francamente valutativo nei suoi occhi e lentamente un'approvazione ancora più profonda di prima si insinuò sui suoi lineamenti. Allungò la mano per posargli la mano sul braccio, dicendo a bassa voce: “Il sentimento è reciproco. E sono contento anche della compagnia”. Lei gli lasciò la mano sul braccio e il suo respiro accelerò leggermente, prima di rivolgere nuovamente lo sguardo al lago, notando che le stelle si erano moltiplicate molte volte, e che ormai era piuttosto buio. Non se ne era accorto da quando, guardando Rose, tutto sembrava brillare di una luce interiore. Adam si voltò verso di lei e iniziò a parlare.

"Ti piacerebbe.."

"Mi chiedevo se tu..." parlò contemporaneamente a lui.

Entrambi sorrisero l'altro, e Adam fece gentilmente cenno a Rose di continuare. "Mi chiedevo se ti andrebbe di cenare con me?" gli chiese Rose, con una punta di nervosismo nella voce.

Adam sorrise e rispose: “Ti stavo proprio chiedendo la stessa cosa. Volevo cucinarmi qualcosa di carino, una specie di modo per tirarmi su di morale. Sei il benvenuto se unisciti a me." Sorrise nel modo più non minaccioso possibile, sentendo una bolla di anticipazione crescere dentro di sé mentre guardava la donna pensare alla sua offerta.

“Sai cucinare, eh? Sei sicuro che non sia da asporto?" Rose gli scherzò, colpendolo leggermente nelle costole mentre sorrideva.

"Ahia! Sono ferito da un simile suggerimento. È da un po' che cucino per conto mio e ti assicuro che posso farcela." Adam rispose alla sua battuta, massaggiandosi le costole dove lei lo aveva colpito, fingendo di lenire un dolore inesistente. Osservò i suoi occhi seguire la sua mano prima che lei parlasse di nuovo.

"Ti credo. E non volevo ferire nessuno." Rose parlò con voce roca, con una nota di desiderio che si insinuava. "Vuoi che lo baci meglio?" chiese, avvicinandosi a lui. Il suo atteggiamento sembrava vagamente predatorio, ma con appena un accenno di disponibilità a tirarsi indietro.

Prendendo una decisione con una velocità fulminea, anche Adam si avvicinò a lei, sentendo il calore di lei contro la sua pelle un attimo prima che le sue labbra premessero contro le sue, e poi gli sembrò come se fosse perso in un'esplosione di piacere, le sue mani trovarono un punto naturale intorno a lei, ed era vagamente consapevole delle mani di lei che lo tenevano stretto, le loro labbra premute insieme in modo così naturale che era come se fossero due parti di un tutto, le loro lingue che scivolavano fuori timidamente per accarezzare l'altra . Un dolce gemito le sfuggì dalle labbra mentre si allontanavano lentamente, i loro occhi bevevano l'uno nell'altro per un momento prima di avvicinarsi di nuovo, continuando il loro bacio per un momento allettante, poi ancora una volta si separarono, gli occhi persi l'uno nell'altro.

Dopo che fu trascorso un tempo sconosciuto, Adam parlò. “Dovremmo... dovremmo andare. Preparare la cena. Sì, dobbiamo cenare. Preparare la cena. Cenare. Uhm... wow. Vuoi ancora del cibo?" Adam trovava difficile mettere in ordine i suoi pensieri mentre continuava a fissare questa bellissima donna che era entrata così velocemente da invadere i suoi pensieri decisionali.

Sbattendo le palpebre, Rose tornò sulla terra e le sue labbra si allargarono in un sorriso felice. "Cena. Sì. Sì, voglio un po' della tua cena. Facciamolo. Quello. Qualcosa." Rose sapeva poco di ciò che stava dicendo, solo che era positivo e che si sentiva come se avesse toccato qualcosa che pensava non avrebbe mai più toccato.

I due si alzarono insieme e iniziarono a camminare lentamente verso la cabina, le mani che scivolavano lungo le braccia per abbracciarsi, il calore l'uno dell'altro li teneva caldi nella fredda aria notturna.


* * *

Rose si rilassò sul divano, ascoltando i suoni di Adam nella cucina della sua cabina. Si voltò a guardare l'arredamento. Semplice ma caldo e confortante. Fatto di legno, sembrava tutto fatto a mano. Il divano era rivolto verso il caminetto, con un tavolino basso davanti. C'era una libreria contro la parete su cui si trovava il caminetto, con un piccolo buffet perpendicolare ad essa. Alcune sedie erano sistemate qua e là nella stanza. Su entrambi i lati del divano c'erano dei tavolini quadrati su cui erano appoggiate piccole lampade. Tutta la luce nella stanza però proveniva dal caminetto.

Il fuoco scoppiettava nel camino e Rose cominciò ad addentrarsi nelle sue profondità mentre i suoi pensieri si concentravano brevemente su ciò che l'aveva spinta ad andare al lago. Le parole di amaro tradimento del suo ragazzo. L'agonia di vederlo fare le valigie e poi sparire. Fuori dalla sua porta. Fuori dalla sua vita. La vita che aveva pensato avrebbero condiviso.

Non aveva detto a nessuno dove stava andando. Ha terminato il contratto di locazione, ha lasciato il lavoro, ha messo in valigia le poche cose a cui teneva davvero e ha iniziato a guidare. Ha guidato per giorni, finché non è finita al lago. La sua pacifica tranquillità era proprio ciò di cui la sua anima aveva bisogno. Ha trovato rifugio qui e ha vissuto tranquillamente, guarendo e diventando pronta ad andare avanti fino ad oggi. Fino ad Adamo. E il fuoco del loro bacio. Lo sentì di nuovo, la sua purezza fusa. L'incredibile perdita di tempo così come esistevano, non più separati, ma insieme. Si sentiva così naturale con lui. Così comodo. Aveva visto che aveva il suo dolore, la sua ferita, e se lo chiedeva, ma aveva già deciso che quelle cose sarebbero state discusse quando sarebbero state pronte. Per ora, era quasi adesso. Riguardava il qui e ora e loro due. Non il passato. Ci sarebbe tutto il tempo necessario, se ce ne fosse bisogno.

"Sei sicuro di non volere una mano?" Rose gridò verso la cucina. Adam le aveva mostrato rapidamente la cabina e le aveva detto di rilassarsi sul divano mentre lui preparava le cose. Era apparso pochi minuti dopo con un bicchiere di vino rosso, un delizioso Merlot, e poi era scomparso di nuovo in cucina, lasciandola sola a godersi il fuoco e a mettere ordine nei suoi pensieri. Aveva già chiamato un'amica dal lavoro per dirle dove si trovava. Un meccanismo di sicurezza. Non pensava di averne bisogno, ma Adam le aveva sorriso quando aveva fatto la chiamata, con l'approvazione nei suoi occhi sorprendentemente verdi.

"Ne sono sicuro", richiamò attraverso la porta aperta della cucina. “Rilassati e goditi il ​​tuo vino. Tra poco avrò le insalate pronte.

Rose si alzò e si avvicinò alla libreria, vedendovi delle foto. Li guardò e vide alcuni di un'altra donna con Adam, una donna dai capelli rossi con la pelle pallida e gli occhi tristi. Lo notò per aver chiesto informazioni più tardi e continuò a cercare. Vide una coppia di anziani che potevano essere solo i genitori di Adam. Notò il portamento forte di suo padre. Il taglio di capelli corto lo tradiva come un ex militare, e l'espressione di amore e felicità di sua madre diceva molto a Rose sull'educazione di Adam. Sospettava che fosse cresciuto come un marmocchio militare, viaggiando in giro. Ma sua madre ovviamente amava la sua vita, e questo si sarebbe trasferito ad Adam. Non ha visto nessuna foto di fratelli, quindi sospettava che Adam fosse figlio unico. È stato interessante. Poi ha visto una foto del matrimonio. Adam e la rossa. Aveva ragione. Si voltò e si avvicinò alla mensola del camino, guardando il fuoco e pensando.

Quasi, ha deciso di andarsene. Quasi decise che questo avrebbe potuto essere più di quanto fosse pronta. Ma poi le venne in mente che non doveva fare nulla che non volesse. Poteva sentire che Adam non avrebbe forzato nulla. E con questo però decise di girovagare verso la cucina e guardarlo cucinare.

Rose osservò Adam muoversi per la cucina, con uno scopo nei suoi movimenti, e gli sorrise quando la guardò, un rapido sorriso che balenò sul suo viso prima che tornasse alla padella che stava condendo.

“Spero che ti piaccia la bistecca. Li ho presi come una sorta di regalo celebrativo. Naturalmente avevo intenzione di averli separatamente, ma sono felice di avere compagnia. E staranno benissimo con il vino. Adam aprì la griglia e mise le bistecche sulla padella, chiudendola e lasciando uno spazio per far entrare l'aria. Rose gli fece un cenno di assenso prima che lui prendesse due ciotole, piene di verdure in foglia, pomodori, cipolle, crostini, formaggio e cetrioli a fette sottili. Li portò fuori dalla cucina, scivolando oltre Rose mentre lei sorrideva innocentemente, strofinandosi contro di lui mentre lui passava, e li posò sul tavolo da pranzo. Accese le luci e poi tornò verso la cucina.

"Se vuoi prendere il vino e i nostri bicchieri, porterò fuori il resto della cena tra pochi minuti." Adam le porse il bicchiere e la bottiglia di vino, tornando ai fornelli e mescolando qualcosa nella pentola lì seduta. Rose ridacchiò e tornò al tavolo dove aveva lasciato il vino, posando velocemente sia i bicchieri che la bottiglia sul tavolo, e scegliendo un posto con la deliziosa insalata seduta lì. Aspettò pazientemente mentre un attimo dopo Adam usciva, posando una vinaigrette appena fatta sul tavolo prima di sedersi. Prese il bicchiere e glielo porse. Rose alzò rapidamente il bicchiere, sorridendo ad Adam mentre parlava a bassa voce. “Alla fine, ai nuovi inizi e agli incontri casuali. Sláinte!”

Rose sorseggiò il suo vino, lasciando che il sentimento si mescolasse ai suoi sentimenti e ai suoi sospetti. Sorrise e ne sorseggiò ancora un po', godendosi i paralleli e permettendo a se stessa di sperare che forse ci fosse di più di quanto avesse inizialmente considerato. Provò la deliziosa insalata con vinaigrette al bacon che Adam aveva evidentemente appena preparato, e la assaporò. Si perse nel pasto, riconoscendo brevemente Adam che andava in cucina per recuperare le bistecche, le patate al forno e le zucchine bollite che aveva preparato. Tutto era perfetto, delizioso e la faceva sentire a casa. Mangiò a sazietà, molto meno di quanto lui le aveva servito, e lo guardò con gioia mentre finiva il suo pasto.

La colpì la consapevolezza di aver parlato a malapena per un po'. “Adam, è stato fantastico e ritiro completamente i miei commenti precedenti. Sei un cuoco eccezionale. Perdonami?" Lei sbatté gli occhi in modo civettuolo, deliberatamente esagerando per farlo sorridere.

"Non lo so. Ero piuttosto ferito. Potrei semplicemente aver bisogno di qualche altro bacio per migliorare le cose", le rispose Adam. I suoi occhi erano pieni di malizia e lei non riusciva a trattenere una risatina.

"Potresti semplicemente realizzare il tuo desiderio", gli disse Rose, più che un accenno di promessa nella sua voce. Rose mordicchiò il piatto e sorrise all'espressione di Adam.

* * *

La coppia si rilassò sul divano, guardando il fuoco danzare sul viso dell'altro, mentre i loro pensieri turbinavano. Nessuno dei due sembrava voler rompere il silenzio mentre godevano della reciproca compagnia, la presenza stessa dell'altra persona scacciava i pensieri più oscuri che in precedenza li avevano preoccupati entrambi.

Adam ruppe il silenzio: “Non è così che mi aspettavo che andasse stasera. Pensavo che avrei mangiato da solo e che sarei rimasto seduto in silenzio con i miei pensieri. Quando ti ho visto in riva al lago, ancora non mi aspettavo questo, di essere seduto qui con te. Eppure, non riesco a immaginare nulla che preferirei fare, ovunque preferirei essere, piuttosto che qui, ora, con te. Grazie per essere apparso così."

La silenziosa ammissione di Adam fece sorridere teneramente Rose. Lei rispose: “Dovrei ringraziarti altrettanto. Anch'io non me lo aspettavo, eppure sono così felice che sia dove mi trovo, proprio ora. Neanche io potevo immaginare nessun altro posto in cui avrei voluto essere. O con qualcuno con cui preferirei condividere stasera.
Grazie per la cena, il vino, la compagnia e...” La sua voce si spense per un momento, mentre all'improvviso sembrava contemplativa. Poi un sorriso le illuminò il viso e concluse il suo pensiero: “essere te. Grazie per essere te stesso." Adam poteva vedere la felicità nella sua espressione e sapeva che non era finta. Per ragioni di cui non era del tutto consapevole, quel semplice fatto lo riempiva di tanta felicità e affetto.

“Cosa ti piace fare, Rose? Quali cose ti rendono felice?" chiese Adam, volendo saperne di più su questa donna infatuante seduta accanto a lui.

Rose ha risposto, con un'espressione pensierosa: "Mi piace l'escursionismo, lo sci e lo yoga. Pratico la danza del ventre per mantenermi in forma e mi piace leggere. Almeno, queste sono le cose fuori dalla camera da letto. Potresti scoprirne di più, col tempo. " Lei gli sorrise sfacciatamente. “Mi piace ballare e guidare per lunghi viaggi, alla ricerca di angoli perduti che nessun altro conosce. E adoro quando riesco a fare a modo mio. Concluse, con un sorriso sornione sul viso e quello sguardo malizioso nei suoi occhi. "E tu?"

Adam arrossì leggermente ai pensieri che gli correvano in testa in base alle sue affermazioni principali. Tossì per un momento e sorrise mentre la gioia le illuminava gli occhi per il suo disagio. “Uh, beh, anche a me piace leggere, lavoro all'aperto quindi mi piace stare all'aperto per altre cose. A volte la costruzione è un po' monotona, quindi mi piace uscire e godermi la natura. Ho scoperto che mi piace cucinare, anche se è una specie di novità. Anche a me piace andare in giro”, Adam fece un cenno a Rose, “e amo la musica. Ho imparato il pianoforte quando ero giovane e mi è rimasto piuttosto bene. È qualcosa che so di poter fare e di sentirmi bene con me stesso. Gli occhi di Adam si allontanarono per un momento. Poi tornò indietro e fece un ampio sorriso a Rose. "Allora", iniziò. “Fai danza del ventre, eh? Mi piacerebbe vederlo. Non ho mai visto una danzatrice del ventre prima. Balleresti per me?"

Con il rossore che le copriva lentamente le guance, Rose guardò Adam per un momento prima di annuire. “Va bene, ma a una condizione. Balla con me."

"Non so ballare la danza del ventre!" esclamò Adamo. "Sarei terribile!"

“Dai, sarebbe divertente! Non devi essere bravo, basta provarci. E ballerò per te. Per favore?" Gli occhi di Rose divennero grandi e vulnerabili. Adam la guardò per un momento, ricordando quanto le piacesse ottenere ciò che voleva, e cedette.

"Va bene, ma sembrerò stupido." Si alzò e si avviò verso la camera da letto. Adam iniziò a frugare nell'armadio e finalmente trovò quello che cercava. Una vecchia valigia di sua moglie. Adesso c'è l'ex moglie. L'aprì e trovò alcune delle sue gonne fluenti che non aveva mai indossato, dicendo che non erano più per lei. Ricordava ancora di essere stato un po' deluso dal fatto che non li avesse mai indossati. Portò con sé le gonne in soggiorno. Li posò sul divano e guardò Rose, con le sue emozioni sotto controllo. “Questi erano, beh, erano per qualcun altro. Lei non li voleva. Non sono mai stati indossati, quindi spero che non sia troppo strano. Almeno, le gonne sembrano andare meglio con la danza del ventre rispetto ai jeans, giusto?"

Rose lo guardò, con la bocca leggermente aperta per lo stupore. Chiuse la bocca e guardò le gonne. Riconobbe il gesto vulnerabile e la sua rassicurazione che i regali non erano stati accettati allentò la tensione che aveva inizialmente sentito quando li aveva portati fuori. «Questi andranno benissimo, Adam. Grazie." Si alzò e scelse una delle gonne dai colori vivaci in stile contadino. "Vado a cambiarmi", disse mentre camminava verso la camera da letto. Riapparve qualche minuto dopo, con i jeans e gli stivali in una mano. Li posò su una sedia e poi tornò al divano. "Non cambierai anche tu?"

Adam si riscosse dallo stordimento, mentre i suoi occhi si allontanavano dal lampo viola che aveva visto nei suoi jeans quando li aveva posati. Sbatté le palpebre e poi prese l'altra gonna. Esitò un attimo, poi si voltò con decisione verso la camera da letto e andò a mettersi la gonna. Dubitò di fare la stessa cosa che sospettava avesse fatto, ma decise che non voleva che succedesse qualcosa che rovinasse il momento. Adam tornò in soggiorno, con la faccia rossa per il rossore così forte. Si avvicinò al divano e si chiese cosa ci fosse in questa donna che gli aveva fatto fare una cosa del genere.

Rose scoppiò a ridere per un momento, poi si trattenne, le sue spalle tremarono e lottò per controllare le risatine. Guardò Adam con aria di scusa per un momento, poi si alzò per riprendersi. “Okay, avremo bisogno di un po’ di musica. Hai della musica in stile arabo o persiano? Sarebbe la cosa migliore su cui ballare, ma molte altre cose possono funzionare. Evidentemente stava ancora lottando per controllare la sua allegria, e in un certo senso Adam era felice di essere in grado di ispirare così tanta gioia.

“Uh, sì, la musica. Fammi vedere cosa ho." Adam si avvicinò al buffet e lo aprì, guardando la musica all'interno. Trovò qualcosa che sembrava vagamente mediorientale e mise su la musica. Si voltò per guardare Rose e lei annuì, compiaciuta della sua scelta. Tornò da lei e la affrontò, osservandola in attesa. Lasciò che la musica penetrasse dentro di lui, godendosi gli schemi complessi mentre penetravano nella sua coscienza.

Rose iniziò ad ondeggiare, facendo cenno ad Adam di copiare i suoi movimenti. Ha iniziato a muoversi e oscillare a tempo con la musica, i suoi fianchi costantemente in movimento, i suoi piedi a fare passi veloci a volte, poi rallentando per permetterle di usare tutto il suo corpo mentre traduceva la musica in movimento fisico. Adam fece del suo meglio per tenere il passo, ma sentiva la musica in un modo diverso ed era troppo ipnotizzato dalla sua danza. Il tempo scorreva mentre ballavano l'uno per l'altro, Adam in modo cattivo e Rose con una grazia sinuosa. Iniziò a girare, la gonna svasata e intravide la sua gamba, e più in alto cominciò a sollevare l'ardore di Adam. Poi, un brevissimo lampo e lui vide il suo sesso, solo per un momento e tutto scomparve. I suoi occhi erano incollati a terra, poi guardò il viso di Rose e lei aveva questo sorriso che non era più malizioso. Questo sorriso era sensuale e desideroso. Poteva vedere il desiderio nei suoi occhi, l'invito aperto in quelle pozze liquide da cui non riusciva a staccarsi e prima di sapere cosa stava facendo, la stava trattenendo, le sue labbra la cercavano, i loro corpi premuti l'uno contro l'altro. mentre le loro labbra si chiudevano di nuovo in quel bacio fuso, ardente, pieno di passione.

Adam interruppe il bacio con riluttanza, la sua bocca si spostò verso il suo orecchio, i sentimenti e le emozioni dentro di lui precipitarono e scorrevano attraverso di lui. Si sentì dirle dolcemente all'orecchio, "Voglio assaggiarti", un attimo prima che la sua lingua le leccasse leggermente il lobo dell'orecchio, sentendo il semplice atto mandare un brivido attraverso il suo corpo, le sue mani che lo afferravano e lo attiravano forte a sé. Sentì le sue mani scivolare sulla sua schiena, sentendo il suo corpo mentre le sue stesse mani sembravano bloccate in posizione, tenendola stretta a sé mentre lasciava vagare la lingua lungo tutto il suo orecchio, mordicchiandole leggermente il lobo prima di parlare di nuovo. "Posso io?" respirò.

Rose si tirò indietro tra le sue braccia e annuì leggermente, il suo sorriso cresceva mentre parlava altrettanto dolcemente: “Sì. Niente ti ferma.” I suoi occhi pulsavano quasi del desiderio implicito per lui.

"L'ho notato", disse Adam prima di prenderla in braccio, portarla sul divano e adagiarci sopra con leggerezza. Abbassò la gonna, osservando la sua pelle apparire mentre il tessuto scivolava lungo le sue gambe lunghe e sottili. La piccola ciocca di pelo all'apice delle sue gambe era piccola e ben curata, proclamando la sua femminilità, mentre le labbra sottostanti stavano già iniziando ad aprirsi, segnalando il suo desiderio per l'uomo che guardava con occhi pieni di lussuria. Adam le sorrise, poi si abbassò, baciandole le labbra per un momento prima di spostarsi più in basso, le sue labbra iniziarono il loro percorso lungo la sua gamba, baci gentili che risalirono lungo la sua gamba, diretti al centro della sua femminilità. Lui svolazzò sul suo sesso per un breve momento prima di continuare lungo l'altra gamba, godendosi il lieve gemito di frustrazione che Rose gli diede. Le sue dita gli accarezzarono i capelli mentre lui risaliva verso il suo sesso, la sua lingua scattava per aprire le morbide labbra, sentendo il calore della sua lussuria contro il suo viso. La sua lingua raggiunse quelle labbra e la assaggiò, il mix di profumi e sapori si mescolarono per solidificarsi nel suo cervello come l'essenza di LEI. Gli piaceva decisamente il suo sapore. Muschiato e speziato, con una dolcezza piccante quasi indescrivibile. Si divertì nel sapore di lei sulla lingua, e lentamente trascinò la lingua giù attraverso il suo sesso, sentendo le morbide pieghe cedere il passo all'intruso orale. Le sue dita che gli stringevano i capelli, ed i deboli gemiti che provenivano da lei gli fecero capire che approvava i suoi sforzi. Raggiunse la sua apertura, l'ingresso del suo vero nucleo, e l'umidità lì era quasi incredibile. Poteva vedere e sentire quanto lei lo desiderasse con una certezza che non aveva mai ricevuto in passato. Ha messo in movimento le cose nella sua testa, ma ha scosso la testa e ha scacciato i pensieri. Sorrise di nuovo a Rose, i suoi occhi guardavano di traverso, e poi si tuffò di nuovo per infilarle la lingua dentro, sentendo il grido silenzioso di piacere provenire da lei mentre spingeva e leccava profondamente dentro di lei. Adam risalì di nuovo la sua calda umidità, palpando la dura protuberanza del suo clitoride, succhiandolo e applicando delicatamente il piacere, mentre la sua lingua gira lentamente attorno alla parte dura e sensibile, sentendo il corpo di lei sussultare leggermente mentre lui si avvicinava sempre di più a il suo clitoride, la sensazione che la attraversava facendole perdere momentaneamente il controllo. Alla fine diede un colpetto al clitoride direttamente con la lingua, la sua bocca vi applicò una decisa aspirazione mentre la lingua vorticava umida tutto intorno al clitoride, mentre il corpo di lei si inarcava e un grido di estasi le sfuggiva dalla bocca, le dita di lei si stringevano tra i suoi capelli mentre raggiungeva l'orgasmo. la consumò, correndo attraverso il suo corpo, le tenere cure della sua lingua sul suo clitoride la guidarono verso vette sempre più alte. Adam era stupito che lei avesse raggiunto l'orgasmo così velocemente ma mantenne la presa salda, infine muovendo la bocca verso il basso per leccare e succhiare tutti i succhi che uscivano da lei, amando il sapore di lei in bocca, provando il piacere che si può provare solo dall'esterno. dare qualcosa di così piacevole a un altro.

Rose rimase senza fiato mentre sembrava tornare con i piedi per terra, la testa che le girava per la forza dell'orgasmo che aveva appena ricevuto. Il suo viso si increspò leggermente per la gioia che la attraversava, quando vide il viso di Adam che le sorrideva, il suo mento ancora bagnato, le sue labbra che sorridevano felici, le sue mani che le massaggiavano dolcemente le gambe. Lei scattò in avanti, prendendogli il viso tra le mani e baciandolo con una forza che li sorprese entrambi. Le loro lingue danzavano e lei lo teneva stretto a sé, non volendo lasciarlo andare, e sentendo le palpitazioni nello stomaco mentre la tensione aumentava di nuovo. Alla fine, interruppe il bacio, guardando con desiderio negli occhi Adam prima di dire a bassa voce: "È il mio turno".

* * *

Gli occhi di Adam si spalancarono mentre la pallida luce dell'alba filtrava dalla finestra. Inspirò profondamente, un odore leggermente stantio mescolato con l'aroma completamente diverso di un profumo femminile. Adam guardò al suo fianco e ammirò la forma addormentata della donna al suo fianco. La sua mente vacillava ancora un po' per la velocità delle loro interazioni. Eppure non poteva dire che non fosse un sentimento del tutto naturale. Che gli sembrava giusto. Sperava solo che anche lei si sentisse allo stesso modo. La sua mente tornò alla notte prima, e ricordò la sensazione delle sue labbra mentre scivolavano sul suo organo, e il suo corpo rispondeva al ricordo. Rendendosi conto che avrebbe dovuto usare il bagno prima che tutto diventasse troppo difficile, si liberò silenziosamente e si avvicinò silenziosamente al bagno.

Quando tornò a letto, il freddo nell'aria lo rendeva gradito per il calore del letto, si strofinò di nuovo verso il basso, girandosi su un fianco per guardare la donna che dormiva al suo fianco. Si sentiva diventare qualcosa che non si aspettava. E non era sicuro che fosse giusto sentirsi così. Si rimproverò silenziosamente e decise di prendere le cose come venivano. Una cosa che poteva fare, però, era assicurarsi che lei si divertisse la mattina tanto quanto lui si era goduto la notte. Si chinò e le baciò dolcemente la guancia, prima di alzarsi di nuovo e indossare i pantaloni del pigiama, dirigendosi in cucina per iniziare a preparare la colazione per entrambi. Perdendosi nella cucina, non la sentì alzarsi e dirigersi silenziosamente verso la cucina.

All'inizio Rose si era svegliata e si era chiesta dove fosse, poi la notte era tornata precipitosamente. Ricordava l'incontro in riva al lago e la cena che avevano condiviso. Poi la stupidità del ballare e infine il calore e il piacere di ciò che seguì. Tremava di gioia al ricordo della sua lingua, alla sensazione delle sue dita, al suo sapore sulla lingua e allo squisito piacere di tenerlo in braccio mentre dormivano. Rose temette per un momento che forse le cose fossero andate oltre il dovuto, ma scacciò subito quel pensiero. Era contenta e tutto quello che era successo era stato gradito a entrambi. Si rese conto di essere sola e poi sentì i suoni che le arrivavano dalla cucina. Lei sorrise e scivolò giù dal letto, usando il bagno prima di intrufolarsi silenziosamente in cucina per sbirciare oltre il muro e osservarlo.

Ammirava la forza nelle sue spalle, il portamento eretto che l'aveva sorretta con così tanta facilità, a quanto pareva. Lo osservò muoversi per la cucina con decisione, esultando al ricordo della sensazione delle sue dita tra i suoi capelli mentre lei si muoveva su di lui, prendendolo in bocca, sentendo il calore contro la sua lingua e la testa morbida e spugnosa premere contro il fondo della gola. Sorrise all'uomo che preparava la colazione, decisa a dimostrargli ancora una volta quanto piacere le aveva dato, e poi tornò silenziosamente in camera da letto, strisciando sotto le coperte in attesa del ritorno del suo amante. Si fermò a quel pensiero poi un sorriso di felicità ancora più grande attraversò i suoi lineamenti. Il suo amante. Sperava che durasse più della giornata.

Adam diede gli ultimi ritocchi alla colazione e poi prese il vassoio, portandolo in camera da letto dove vide Rose seduta sul letto, le coperte raccolte intorno alla vita, i suoi seni che ondeggiavano leggermente e catturarono la sua attenzione per un momento. Lui sorrise e poi si addentrò ulteriormente nella stanza, posando il vassoio sul letto e sorridendo al suo compagno di letto. "Pensavo che avresti avuto fame questa mattina", le disse, ammirando la sua forma nuda senza fissare troppo forte. Guardò il sorriso ballare sulle labbra mentre notava i suoi occhi ma lei non diceva nulla e non si copriva.

"Grazie." Rose parlò piano, prima di sollevare il piatto e iniziare a colazione. Si sono guardati a vicenda, abbastanza parole di apprezzamento e ringraziano tutto ciò che è stato scambiato per il momento. Finendo rapidamente e godendosi il semplice pasto, Rose sentì di nuovo il suo desiderio. Ma non era sicura che si sentisse lo stesso, e ora c'era un po 'di esitazione. Si sedettero lì un momento prima che Adam le parlasse piano.

“Stavo per fare una doccia. Speravo che potresti voler condividerlo con me. " Speriamo che la guardò, nessuna aspettativa solo un desiderio, il desiderio di trascorrere più tempo con lei.

"Suona meraviglioso. E potrei usare qualcuno in grado di lavarmi la schiena ”, ha scherzato, cercando di rassicurare e alleggerire un po 'l'umore. Si stava godendo la presenza e la compagnia e non era pronta per finire. La condivisione di una doccia suonava esattamente bene.

La coppia si alzò dal letto e si diresse in bagno, Adam afferrò degli asciugamani lungo la strada. Fu momentaneamente distratto mentre Rose gli scivolava oltre e si sporgeva per iniziare l'acqua, gli occhi che accarezzavano la sua forma, il suo culo gli presentava. La sua mano allungò la mano per la sua accordo e le accarezzò le guance del culo, la sua testa lo guardò di nuovo con un sorriso mentre sembrava perso nella sensazione della sua pelle. La sua voce spezzò la sua fantasticheria, "Prima volevi diventare più sporco?" Il luccichio birichino era tornato negli occhi. Abbassò la tenda in rapida formazione nei pantaloni del pigiama.

Per la risposta, Adam lasciò cadere i pantaloni, rivelando di nuovo il suo cazzo agli occhi per un momento prima di farsi avanti. Allungò la mano e si strofinò delicatamente il clitoride e le labbra del suo sesso, poi decise che un gusto e un po 'di umidità in più avrebbero reso le cose ancora migliori. Si accovacciò e lei sentì la lingua leccare lentamente su e giù la fessura, spingendosi dentro, facendola brillare di eccitazione.

Rose si allungò rapidamente per chiudere l'acqua e poi si aggrappò alla vasca, godendosi le sue azioni per bagnarla. Poi lo sentì stare in piedi e l'anticipazione durò per un momento prima di sentirsi scivolare attraverso la figa, preparandola per lei. Lamò alla prima volta che era entrata in lei, sul divano, la luce del fuoco che ballava sui loro corpi, e rabbrividiva la prontezza a sentirlo di nuovo dentro di lei.

Adam scivolò profondamente in lei, sentendo la stessa sensazione celeste che aveva avuto la sera prima, questa volta senza la preoccupazione che non la avrebbe piacere. La conosceva solo un po 'meglio ora, aveva imparato abbastanza per piacere a lei mentre si divertiva. Il movimento attraversò entrambi, i loro cuori battevano rapidamente, il sangue che li pompò mentre il suo cazzo scivolava senza sforzo in profondità in lei, e i suoi muscoli combattevano uno sforzo valoroso per cercare di tenerlo all'interno ogni volta, l'effetto di massaggino facendo brillare Adam, La durezza, il calore e le profonde penetrazioni che sfilano il corpo di Rose con estasi. Questa volta era un po 'diverso però. Dove la scorsa notte era stata tenera e sulla scoperta, questa volta riguardava la passione e il fuoco. Adam prese il ritmo e presto stava sbattendo i fianchi contro i suoi, la durezza del suo cazzo che si spingeva profondamente nella sua fessura, il suo corpo dondolava dalla sensazione di lui che la scopava, spingendoli sempre più vicini al climax.

Un momento prima che grugnì, Rose sentì il calore della vita del suo corpo che dà fluido che le esplodeva in lei e la stessa sensazione che la inclinava nel suo abisso di piacere, le sensazioni che si rafforzavano a vicenda mentre si scambiavano avanti e indietro tra i due amanti. Ha perso la concentrazione e non ha potuto vedere per un breve momento e poi la realtà si è schiantata su di lei, e la deliziosa sensazione del suo duro membro che penetrava nel suo nucleo l'ha riempita di nuovo di estasi. Rabbrividì mentre sembrava tornare dal suo stesso orgasmo, e poi si appoggiò su di lei, tirandola leggermente su, il suo cazzo era ancora sepolto in lei e la baciò, le loro lingue si incontravano mentre il suo cazzo si contraesse, espellendo l'ultimo del suo fluido il suo corpo accogliente.

Si disimpegnarono e iniziarono l'acqua, ridendo e sorridendo, la luce dell'umore mentre si lavavano i corpi, giocando e baciando parti l'una dell'altra, senza senso di urgenza, solo il gioco di due amanti che si godono i corpi reciproci. Sono emersi dalla doccia, asciugandosi, sorridevano avanti e indietro. Adam pensò a qualcosa che aveva detto e le aveva chiesto: "Devi lavorare oggi? Posso farti correre in hotel o ovunque si trovi la tua auto. "

Rose ridacchiò. "Cerchi di sbarazzarsi di me?" chiese leggermente, umorismo nella sua voce.

"Che cosa? NO! Mi sono appena ricordato che hai detto che hai lavorato in hotel. Non volevo farti tardi. " Adam si difese.

“Rilassaci piccola, ti stavo prendendo in giro. No, non lavoro oggi. Grazie comunque. È stato premuroso da parte tua preoccuparvi. " Rose gli sorrise, il malizia nei suoi occhi era ancora presente ma temperato con qualcos'altro. Ammirazione avrebbe potuto essere. Adam deglutì e annuì la testa contro di lei.

"Inoltre", continuò Rose. "C'è qualcos'altro che voglio fare oggi."

"OH? Che cos'è?" Adam la sorrise da dietro, ammirando il suo culo fino a quando non si voltò e lo guardò, la lussuria che aveva visto la sera prima tornò da loro.

"Voi."

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.3K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.7K I più visti

Likes 0

Tarda Serata Parti 2 e 3

Parte 2 La mattina dopo la serata a sorpresa con Delia, Judy non ha menzionato quello che era successo e non sembrava interessata a parlarne. Dopo averla vista godersi il sesso in modo così lascivo, speravo e mi aspettavo che la nostra vita sessuale fosse cambiata in meglio. Più tardi la mattina dopo che si era fatta la doccia, i bambini avevano mangiato ed erano stati a un torneo di calcio tutto il giorno con il nostro vicino, sono andato dietro a Judy in cucina e ho spinto il mio cazzo duro contro il suo culo e ho allungato la mano...

1.8K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.7K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

1.9K I più visti

Likes 0

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.7K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.8K I più visti

Likes 0

AGGIORNAMENTO E SCUSE AI LETTORI SI PREGA DI LEGGERE!!

Aggiornamento rapido: attualmente a partire da giovedì 1 agosto 2013 alle 7:14 vorrei informare i miei lettori che riscriverò i capitoli 2 e 3. saranno molto più dettagliati e più lunghi ci sono anche scene che saranno importanti alla storia in seguito. i capitoli dovrebbero essere finiti al massimo entro la fine di oggi, ma molto probabilmente verranno rilasciati prima. il quarto capitolo sarà scritto subito dopo le parole e anche pubblicato. Vorrei anche scusarmi per la qualità del mio lavoro, non sono stati nemmeno all'altezza dei miei standard in quanto una delle mie prime storie mai scritte l'ho preceduta per...

1.8K I più visti

Likes 1

La nuova vita di Aria Pt3

Aria Mi sono svegliato con un sussulto tra le braccia di mio padre. Cosa c'è che non va, Aria? mi chiese preoccupato. Solo un sogno 'strano', immagino. Sudavo e tremavo. Il re deve averlo notato. “Sei venuto mentre stavi dormendo. Sei venuto spesso in questi ultimi due giorni.» Mi prese tra le sue braccia e mi tenne stretta. Nel momento in cui sono tornato tra le sue braccia ho iniziato ad avvolgere il mio corpo intorno al suo, cercando di più. Papà, per favore, ho supplicato. Assolutamente sì, Aria. Detto questo, iniziò a baciarmi e mi adagiò sulla schiena, stritolandomi. I...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.