Il rivale della mia ragazza Ch. 3

1KReport
Il rivale della mia ragazza Ch. 3

Il rivale della mia ragazza Ch. 3


Introduzione: L'autore di Literotica.com en_extase ha creato tre personaggi favolosi nella sua storia in 2 parti, ma ha lasciato la seconda parte con un cliffhanger. È così che immagino che sia continuato.

Si prega di leggere le sue storie incredibili qui:

http://www.literotica.com/stories/memberpage.php?uid=688377&page=submissions



Era strano. Jennifer, la mia ragazza, ha detto di passare da lei poco prima di mezzogiorno, e sicuramente ero un po' in anticipo, e lei aveva detto di entrare, dato che avrebbe lasciato la porta aperta, ma qui era aperta solo un po'.

L'ho aperto completamente e ho guardato dentro. C'erano una borsa e dei vestiti sul pavimento del suo soggiorno. Entrai cautamente e mi chiusi la porta alle spalle chiedendo ad alta voce: "C'è nessuno in casa?"

I vestiti sembravano essere un paio di canottiere, pantaloni della tuta e pantaloncini da ginnastica succinti. Una era la camicia da notte della mia ragazza, mentre l'altra sembrava un reggiseno sportivo che non riconoscevo, ma in tinta con i pantaloncini della palestra. Poi ho sentito un gemito dalla camera da letto. Spero che non sia malata.

Quando ho varcato la soglia sono stato fermato di colpo. Ho visto lo spettacolo più sorprendente della mia vita. Jennifer era seduta contro la sua testiera del letto con, sudava e gemeva di evidente piacere mentre la seduttrice agile, Monica, che una volta mi aveva sedotto, era sudata e nuda lei stessa, con la sua figa succosa e il culo perfetto di fronte a me mentre mangiava fuori la figa della mia ragazza.

Jennifer mi vide e ansimò tra respiri ansimanti, "Mi s-scusa piccola, io- ah- ah! Non potevo- non potevo... Oh dio... Sta per... ohhh- io' Vado...", poi tutto il suo corpo tremò, i suoi occhi si chiusero e gemette mentre un enorme orgasmo la attraversava.

Monica si è rilassata un po', ma ha continuato a leccare la fica di Jennifer mentre emetteva gemiti sensuali e rumorosi e scuoteva dolcemente il culo davanti a me. Dio! Mi chiedeva sempre se volevo scoparla ed eccola qui!

Monica gradualmente si allontanò da me e si rimise in ginocchio. Si è inginocchiata sul letto con la schiena dritta, una postura perfetta, il seno proteso verso il mio ragazzo. Sollevò timidamente un braccio sul petto in una dimostrazione di finta modestia. I suoi occhi si spalancarono mentre noi tre ci scambiavamo sguardi senza parole. Poi, con un broncio sexy, ha detto: "Non sapevo che ti aspettassi compagnia..."

Non avevo idea di come reagire; Ero completamente sbalordito. Ero stupito che Monica sembrasse completamente fuori fase.

"Allora..." sorrise incuriosita, fissando lo sguardo su Jennifer, "Hai intenzione di cacciare il tuo ragazzo?" Premette la sua carne nuda contro quella della mia ragazza prima di mettere le mani sulle spalle di Jen, spingendola delicatamente sul letto mentre si muoveva su per il suo corpo. "O lo lascerai restare e guarderai mentre mi fai venire?"

Monica non ha aspettato una risposta. Ha scalato lentamente e in modo seducente la forma nuda di Jennifer come un'agile alpinista e ha spostato le ginocchia oltre le spalle della mia ragazza. Una volta lì ha afferrato la testiera a cui Jennifer si era appoggiata e ha quasi fatto una spaccata mentre piantava la sua fica scintillante sul viso di Jennifer.

Jennifer, come me credo, era stata in uno stato di shock, ma una volta che quella figa era stata messa davanti le sue mani sono andate al culo di Monica e ho potuto sentirla andare a lavorare su questa seduttrice. Monica, sempre la messa in mostra, gemette e gemette forse un po' troppo forte di proposito. "Fidanzata, tu- ohhh- sai davvero- ah- come mostrare- mmm- a una ragazza un buon- uhhh- buon tempo!"

Era meglio del miglior porno che avessi mai visto. Mi sentivo già sul punto di esplodere, ed eccomi qui, ancora vestito e intatto. Mentre Monica si contorceva sul viso di Jennifer gemendo, mi guardò da sopra la spalla, e poi ecco che gli occhi saettarono verso il corpo di Jen e tornarono verso di me prima di inclinare la testa per avvicinarsi.

Non avevo bisogno di altro. Mi sono quasi tuffato nella figa post-orgasmica bagnata della mia ragazza come se non l'avessi mai vista prima. Lei si è irrigidita e ha iniziato a stringermi la testa con le cosce, ma quando sono andato a lavorare su di lei, si è rilassata e mi ha permesso di lavorare la mia lingua sul suo clitoride gonfio e sulle labbra gonfie della figa.

Dopo non più di un minuto la sentii irrigidirsi e rabbrividire per un altro orgasmo mentre urlava nella fica di Monica. Lo sperma della ragazza scorreva letteralmente ora da lei mentre lo leccavo avidamente. Dopo di che ho alzato lo sguardo per vedere come stava Monica e lei mi ha appena detto in silenzio: "Fanculo!"

Jen stava cercando di tornare a mangiare di nuovo Monica, ma mentre mi spogliavo ho avuto la sensazione che Monica stesse gemendo di più da me rivelando di nuovo il mio corpo al suo sguardo incrollabile. Lei ansimò e pizzicò uno dei suoi capezzoli impertinenti mentre mi slacciavo i pantaloni. E quando i miei boxer sono stati tolti, rivelando la mia virilità gonfia, ha emesso un lungo "Ohhhh yeaaaa!"

Ero come un bambino in un negozio di dolciumi e così ansioso che ero preoccupato che avrei avuto solo un pazzo in quel momento, ma Monica non ha smesso di guardarmi per un momento mentre tornavo sul letto. "Fottila!" disse di nuovo con la bocca.

Chi ero io per rifiutare una donna che me ne offriva un'altra? Anche se era la rivale della mia ragazza a dirmi di fare la mia ragazza. Mi sono inginocchiato tra quelle cosce lisce e mi sono posizionato sulla sua figa bagnata e sono scivolato dentro.

Potevo sentire il gemito di Jen attraverso la figa di Monica, facendo gemere e sorridere anche Monica. La mia faccia era a pochi centimetri dalle spalle di Monica e ho sollevato le gambe di Jen per ottenere una buona posizione con le mie ginocchia sotto le sue. Poi l'ho picchiata. Non abbiamo fatto l'amore, questo era sesso caldo e vigoroso a tre vie. Ero in paradiso. La sua vagina si aggrappava debolmente a me mentre entravo nel suo grembo con brevi spinte dure.

Poi ho alzato lo sguardo e ho visto che Monica si stava ancora guardando da sopra la spalla, mordendosi il labbro in modo sexy mentre Jen la leccava meglio che poteva mentre la scopavo. Ho messo una mano attorno a Monica e le ho stretto brutalmente uno dei capezzoli, e questo è tutto ciò che le è servito. Strinse gli occhi, gemette forte attraverso il labbro morso e tremò mentre si avvicinava al viso della mia ragazza.

Era così sexy che anch'io ho grugnito forte mentre iniziavo a svuotare il mio carico di sperma in profondità nel grembo di Jennifer. Non ne ero sicuro, ma penso che anche questo l'abbia fatta venire di nuovo. Era soffocata dalla figa di Monica, ma mentre getto dopo getto del mio sperma caldo la riempiva, sembrava che il suo corpo lo stesse succhiando via dal mio, bevendo avidamente quanto più poteva.

Respiravamo tutti a fatica e Monica gemette: "Aiutami", mentre cercava di muoversi. Mi sono ritirato dalla guaina color crema della mia ragazza e ho sollevato Monica in modo che potesse sedersi accanto a Jennifer da un lato e me dall'altro. Jennifer rimase lì sdraiata, esausta per aver avuto tre orgasmi. I suoi capelli erano un disordine arruffato e sexy, e le sorrisi.

Ansimando, mormorò: "Non sei arrabbiato?"

Non potevo credere che pensasse: "Perché dovrei essere arrabbiata? È stato fantastico".

Poi è rimasta senza fiato e ho notato che Monica non aveva ancora finito con lei. Aveva una mano tra le gambe di Jen, sondando delicatamente la sua figa con alcune dita prima di sollevarle, rivestite di bianco con il mio sperma, poi mi guardò negli occhi mentre se le spingeva lascivamente in bocca come un cazzo, lasciando un po' di sperma intorno le sue labbra, poi gemette mentre si succhiava le dita.

Bene, sapeva come spingere i miei pulsanti mentre sentivo un po 'più di sperma saltare dal mio cazzo raggrinzito. Anche Jen si è lamentata, e io ho riso tra me, sembra che riesca a premere ENTRAMBI i nostri pulsanti.

Dopo essersi ripulita le dita, ha guardato Jen negli occhi e ha quasi trasudato il suo sex appeal dicendo ancora: "È COSÌ buono. Ne voglio di più". Poi si alzò e andò ai piedi del letto. Non pensavo che sarebbe andato bene. Stavo per protestare dicendo che ero già sfinito e debole, ma lei mi ignorò e si ritrovò nella stessa posizione in cui si trovava quando ero entrato nella stanza. Proprio di fronte a me è scesa di nuovo sulla fica di Jen. Jennifer gemette di nuovo pigramente e io guardai mentre Monica prendeva lunghi e lenti giri della sua figa, facendo uscire il mio sperma in modo disordinato sulla sua lingua indagatrice prima che lei lo leccasse come un gatto che beve latte. Più e più volte, gran parte del mio sperma ora stava ricoprendo il suo viso da bambola mentre iniziava a scavare di nuovo nella fica di Jen.

Ho deciso di dare una mano e ho massaggiato e ritoccato le tette ei capezzoli di Jen mentre il suo amante saffico rubava il mio sperma dalle sue profondità. Jen era persa nel piacere, e io mi stavo di nuovo eccitando quando Monica smise di parlare di nuovo con la sua voce da camera da letto, "Fidanzata, il tuo uomo è COSÌ gustoso. Ne vuoi un assaggio?"

Guardò il suo corpo e gemette: "Oh sì..."

Avendo avuto qualche minuto per riprendermi e alcune delle scene sessiste di fronte a me stavano lentamente diventando di nuovo dure, mi sono alzato e stavo per presentarle il mio cazzo in faccia, ma Monica mi ha battuto sul tempo, strisciando fino a Jen e procedendo a limonare con lei, coprendo entrambi i volti con il mio sperma. Stavano leccando, succhiando e baciando, il tutto condividendo tutto lo sperma che Monica è riuscita a succhiare dalla figa di Jen.

Dio che caldo! Non ho potuto fare a meno di essere all'altezza dell'occasione e ho iniziato a strofinare il mio cazzo liscio e indurito. I grandi seni delle ragazze schiacciati insieme in modo sexy, le braccia che si attorcigliano e si abbracciano, due fighe bagnate e luccicanti tra lunghe gambe sexy che si sfregano oscenamente l'una contro l'altra, Jen è ancora trasudante e ricoperta di sperma.

Stavo diventando gentile e mi sono eccitato quando Monica ha smesso di baciarmi e mi ha guardato. "Oooo... sembra che al tuo ragazzo piaccia lo spettacolo," disse avidamente. "Non pensi che sia ora che mi fotta."

Oh merda! Ho pensato che questo avrebbe posto fine a questo sogno e ha fatto urlare Jen. Jen stava ancora baciando l'orecchio di Monica, ma mentre indietreggiava sulle ginocchia e cominciava a baciare e succhiare i seni di Jen, vide che mi accarezzavo il cazzo mentre li guardavo. Pensavo che avrebbe detto qualcosa, ma poi sobbalzò con un gemito quando Monica iniziò di nuovo a toccarsi la figa ben usata mentre le succhiava le tette.

Monica si concentrò sul corpo di Jennifer ancora per qualche istante prima di parlare di nuovo, "Beh? Non è vero?"

"Che cosa?" Jennifer gemette a metà.

"Non vuoi vedere il tuo ragazzo scoparmi?", poi le succhiò ancora la tetta.

Ho pensato che sarebbe stato così, ma con mia sorpresa Jennifer gemette sommessamente: "Sì..."

"Che cosa?" chiese Monica, suonando in qualche modo innocente nonostante la situazione.

"Sì," disse Jen più forte con un po' più di fermezza.

"Sì cosa?" ripeté Monica. Stava lentamente interrompendo e ricominciando le sue cure sulla fica e sulle tette della mia ragazza, aspettando e premiando l'obbedienza.

"Voglio guardarti mentre lo fotti," disse di nuovo dolcemente, e gemette di piacere quando Monica toccò di nuovo le sue parti femminili proprio nel modo giusto.

Ho iniziato a muovermi, ma Monica ha parlato di nuovo, bloccandomi sui miei passi. "Diglielo." Poi è andata davvero a lavorare su Jen, mandandola in una cascata di gemiti ed estasi. Passò un momento e Monica doveva aver iniziato a mollare la presa e lasciare che Jen riprendesse fiato.

Jen rimase senza fiato e mi guardò negli occhi, in parte con lussuria e un po' di rabbia, poi disse: "Scopala. So che vuoi scoparla. Fallo". Non riuscivo letteralmente a credere che l'avesse appena detto. Certo, prima mi aveva accusato di voler scopare Monica, e sembrava che le piacesse davvero, ma ora dirmi di farlo davvero era incredibile. Ero ancora lì stordito come una statua.

Monica si staccò dalla mia ragazza e la schernì ulteriormente, "Quel tuo ragazzo inutile sembra non ascoltare." Poi ha ricominciato a divorare la figa di Jenifer.

Dopo qualche altro gemito, Jen si sollevò sui gomiti e mi fissò mentre per metà urlava e per metà ansimava di piacere: "So che vuoi- uhhh- scoparti questa puttana! Ahhh! Quindi muovi il tuo- ohaa- fottuto culo!"

Sono entrato in azione e mi sono spostato fino alla fine del letto dietro il culo di Monica. Certo l'avevo già scopata una volta, ma era lei che mi seduceva. Non mi sarei mai aspettato di trovarmi in una situazione simile prima d'ora. Le prese in giro di Monica, verbalmente e fisicamente, sembravano aver rotto la diga verbale di Jennifer quando ha appena iniziato a lanciarmi comandi sporchi. "Spingi il tuo- uhhh- fottuto gigante- ahhh- su questa- uhhhh- fica di troia puttana!"

Mi sono allineato su questo culo sexy e ho strofinato il mio cazzo sulla figa liscia di Monica e sono affondato facilmente dentro di lei fino alle mie palle. Ero ancora un po 'sensibile e non del tutto duro, quindi ho lavorato lentamente con un ritmo lento al discorso sporco di Jen, "Ti piace la figa di quella cagna, vero, imbroglione figlio di puttana?"

Non potevo negarlo, e in qualche modo il suo commento ha reso tutto ancora più eccitante e ora ero gentile e duro e questo minx mi ha avvolto fino in fondo. Mi aggrappai saldamente ai piccoli fianchi lisci e sodi di Monica e ricominciai a spingermi energicamente nella sua vellutata femminilità. "Ohhh sì!" gemette Monica, fermandosi nel suo cunalingus.

"Scopala quella puttana! Scopala più forte, fottuto bastardo!" Jen quasi gridò. Dio, era così bello. Ho iniziato ad avere gli occhi sfocati e la testa leggera. Ho ancora sentito Jen lamentarsi ad alta voce con i suoi discorsi sporchi, rimproverandomi e tuttavia incitandomi mentre me ne andavo, perso nella lussuria.

Mi mancava che accadesse, ma all'improvviso Jennifer era accanto a me, premendo i suoi seni contro il mio braccio e il mio fianco mentre continuava la sua diatriba di discorsi sporchi e sboccati. Mi stavo avvicinando e gemetti. Jen conosceva quel suono, "Stai per venire?" Poi mi ha sculacciato forte il culo. Mi ha sbalordito per un secondo, ma ero così vicino che l'ho ritardato solo di pochi secondi.

"Farai un piccolo bastardo nella pancia di questa puttana?" Il mio cervello ha iniziato a cortocircuitare. Volevo continuare a scopare e far esplodere Monica piena del mio sperma, ma le parole di Jen mi hanno colto di sorpresa. Monica mi ha sedotto, doveva prendere la pillola... giusto? Oh, Dio, ero così vicino mentre colpivo la sua fica più forte che mai.

Poi Jen afferrò Monica per i capelli, con forza, e le tirò su la faccia sudata e ansimante. "Sporca troia! Scommetto che vuoi rimanere incinta con il suo bambino bastardo!" Monica si è limitata a gemere mentre continuava a fottermi addosso. La sua mancanza di risposta ha fatto arrabbiare Jen, "Bene?"

"SÌ COSA?" Jen urlò e scosse la testa per la salda presa che aveva sui suoi capelli.

"VOGLIO AVERE IL SUO BAMBINO!" La fica stretta e svolazzante di Monica si è bloccata e mi ha letteralmente trascinato in un orgasmo con lei. Ci siamo stretti insieme e ci siamo sollevati insieme. Non credo che più di una goccia del mio sperma sia andata da nessuna parte se non direttamente attraverso la sua cervice e nel suo grembo. La sensazione era così intensa che ho avuto le vertigini e sono quasi svenuto.

Monica è crollata e sono atterrato sopra di lei sul letto. Jen deve essere andata a fare una doccia visto che sentivo l'acqua nel bagno di Monica. Abbassai lo sguardo e vidi il mio membro avvizzito, felice, ma un po' dolorante per l'uso lasciare una piccola scia di sperma dall'inguine della mia padrona che perdeva solo un po' di sperma dalla grande quantità che dovevo averle depositato. Mi stava guardando da sopra la spalla.

Ho dovuto chiedere così sussurrato: "Sei sulla pillola, vero?"

"Sì," sussurrò in risposta, "ma non dirlo alla tua ragazza."

"Non lo farò", ho promesso.

Storie simili

Amy - Parte 1 - Dan

Dan pensava di essere un uomo felice in generale: aveva un buon rapporto con Anna, sì, il sesso era raro e un po' di routine, ma era felice se non del tutto soddisfatto. Poi l'azienda ha assunto Amy, aveva 18 anni e sembrava un po' fuori di testa, forse era il primo giorno di nervi pensò Dan, ma, guardandosi intorno ai suoi colleghi, pensò che probabilmente dipendesse dal loro ovvio guardarla a bocca aperta mentre camminava oltre le loro scrivanie. Il capo aveva una storia di scelta dell'aspetto piuttosto che delle capacità, ma a nessuno degli uomini importava davvero. Dan di...

1.8K I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

1.6K I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

1.7K I più visti

Likes 0

Alza il tuo

Nell'agosto del 1998, avevo 18 anni e vendevo Bibbie porta a porta, a piedi, in una piccola città della Virginia. Mentre continuavo a camminare sempre più fuori città, cercando di vendere qualcosa che tutti avevano già, mi sono reso conto che si stava facendo buio ed ero a circa 5 miglia da dove stavo affittando un piccolo appartamento. Ho deciso di tornare in città in autostop. GROSSO ERRORE!!! Quando un furgone si è fermato e si è fermato e la porta scorrevole si è aperta, ho capito che potrebbe non essere una buona idea. C'erano 4 ragazzi neri lì dentro e...

1.2K I più visti

Likes 0

Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni. 'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina. 'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella...

943 I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a conoscere la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho chattato con lei solo alcune volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che avevo più di dieci anni di lei... A parte questo non avevo mai visto una sua foto, anche se mi aveva detto che è molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i miei nervi. Quando ho svoltato nella strada giusta, la...

1.9K I più visti

Likes 0

Sandra dopo l'Università Pt. 1

Sandra dopo l'università di Vanessa Evans Sandra ha guadagnato abbastanza soldi per prendersi un anno di pausa. Nota dell'autore Questa storia è una continuazione della mia storia Sandra è diversa. Sebbene questa storia possa essere indipendente, avrà più senso se leggi prima Sandra è diversa. v introduzione Dopo 3 incredibili anni all'università in cui ho fatto un sacco di soldi lasciandomi sculacciare dagli uomini, lasciando che gli uomini mi scopassero mentre ero privo di sensi e dimostrando macchine del cazzo alle convention di attrezzature erotiche, ho deciso che dovevo prendermi un anno per ottenere il massimo delle mie dipendenze che si...

779 I più visti

Likes 1

Ho guidato la macchina nel vialetto e l'ho parcheggiata accanto a quella di mia madre. Mi sono controllato dallo specchietto retrovisore per l'ultima volta, per assicurarmi di non sembrare il diavolo in persona, ho preso il regalino che avevo comprato per la mamma e mi sono avviato verso casa. Il mio nome è Kevin. Ho ventuno anni e sono uno studente universitario. Vivo con mia madre, che quel giorno compiva quarantuno anni. Lei e mio padre hanno divorziato quando ero piccolo e da allora si è presa cura di me. Papà veniva a trovarci circa ogni due mesi e, a giudicare...

919 I più visti

Likes 0

Vivere la vita negli spogliatoi

Lexi si è svegliata al suono della campanella della settima ora, la campanella le era familiare perché le ricorda sempre l'ora del congedo. Lexi era un'atleta di punta nella squadra di pallavolo del liceo e ogni giorno dopo la scuola doveva andare ad allenarsi. Si affrettò verso il suo armadietto, notando che tutti i suoi amici si stavano salutando, prese la sua uniforme dall'armadietto e la borsa della palestra. e si precipitò negli spogliatoi delle ragazze. Di solito era la prima lì e oggi non era diversa. Andò al suo solito armadietto e iniziò a spogliarsi, si tolse la camicia e...

740 I più visti

Likes 0

Il mio fantastico viaggio a Sydney

Questa è la mia prima storia: ne ho lette alcune ma è un po' diverso scriverle, quindi un feedback sarebbe positivo. In particolare su quanta introduzione piace alle persone. Mi piace un po' ambientare la scena, ma non così tanto da richiedere anni, non sono sicuro di aver capito bene o meno. Mi chiamo Matt, ho 22 anni e studio all'università di Adelaide. Ho una ragazza che si chiama Kate, è una ventenne bionda bassa che sta benissimo nel sacco, ma sfortunatamente le piaccio più di quanto piaccia a me. Kate ha un'amica a Sydney che festeggiava il suo 21esimo compleanno...

696 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.