Il maestro sa sempre: parte seconda

84Report
Il maestro sa sempre: parte seconda

La seconda parte della mia serie Master Always Knows. Per favore, leggi prima il Maestro sa sempre: prima parte, in modo da capire cosa sta succedendo. Grazie per aver letto.

~~~~~~~~~~~~~~~

Katy faceva fatica a svegliarsi. Le sue palpebre erano pesanti. Non riusciva proprio a sollevarli. Ma aveva un freddo gelido. Dov'era la sua coperta? E lei stava morendo per un bicchiere d'acqua, lui aveva la gola così secca. Cercò di muovere un braccio ma non si mosse. Era incatenato sul posto? I suoi occhi si spalancarono. Questo non era il suo appartamento.

Era una stanza di cemento che non aveva mai visto prima. Un'unica lampadina brillava al centro della stanza, proiettando ombre pesanti. Era sdraiata su un freddo tavolo di metallo. Le sue braccia erano incatenate in una X distesa.

Si rese conto che stava tremando forte. Tutto il suo corpo tremava. Doveva essere di nuovo lui.

Si aprì una porta e la luce si spostò sopra le scale nell'angolo della stanza. La sua ombra stava camminando su di loro.
Come è potuto succedere? L'ultima cosa che ricordava era... tornare a casa. Andare a dormire. Com'era qui adesso?

Le si avvicinò. Indossava ancora un passamontagna. Quello era buono. Probabilmente aveva pianificato di lasciarla andare di nuovo

"Buongiorno, puttana." Disse: "Ti piace la stanza dei giochi che ho fatto per noi? Guarda tutti i giocattoli. Ah, sembri confuso. Probabilmente non sai a cosa servono la maggior parte di questi. Beh, lo farai".

"Per favore, voglio andare a casa... Come hai fatto?" La gola le bruciava, la testa le faceva male.

"Ti stai chiedendo come sei arrivato qui?"

Lei annuì con la testa e chiuse gli occhi. Ha iniziato a piangere. Era stata così attenta. Ha cambiato le serrature. Non sono andato da nessuna parte. Tutto quello che ha mangiato e bevuto con attenzione. Pensava di essere eccessivamente paranoica - troppo attenta, che non avrebbe mai più visto quel brivido. Si sbagliava.
"Beh, ovviamente ti ho drogato. Ma un mago non può mai rivelare i suoi trucchi!"

Le strofinò la figa secca.

Si ritrasse disgustata.

"Ho una bottiglia d'acqua per te. Non voglio che tu sia disidratato per il nostro fine settimana di divertimento - beh, divertente per me." Disse, afferrandole i capelli e tirandoli forte.
"Sai cosa hai fatto. Sei andato alla polizia. Ti ho dato una fottuta regola e non potevi seguirla."

"Mi dispiace", sussurrò.

"No, non lo sei, comunque non ancora. E hai fatto molto bene? Te l'ho detto. Ho un amico in quel dipartimento. Mi ha detto che i poliziotti che ti hanno intervistato stavano scherzando con tutti a riguardo."
"Ti hanno chiamato una ragazza pazza in cerca di attenzioni. In nessun modo sei stata violentata. Nessuna prova fisica nel tuo appartamento o sul tuo corpo. Che tipo di stupratori non lascia nulla dietro? Sei solo uno spreco di tempo e risorse. Che schifo. puttana pazza".
Adesso piangeva più forte.

"Bevi quella cazzo di acqua." disse, avvicinandolo alle sue labbra. Si sentiva davvero bene sulla sua gola secca. "Ora verrai punito - voglio dire, severamente fottutamente punito, per avermi attraversato in quel modo. E tu sei lo zimbello di un intero dipartimento di polizia".
"Potresti essere abbastanza stupido da tornare di nuovo da loro... ma è per questo che renderò questa punizione particolarmente dura. Quindi spero che tu non faccia più quella merda."

"Ecco fatto puttana, bevi l'acqua. L'intera bottiglia."
Lo sollevò in modo che si riversasse nella sua bocca più velocemente. Si svuotò, il suo stomaco era pieno. Gettò la bottiglia per terra.

"Per favore, mi dispiace. Non lo farò più."

"La tua parola non significa un cazzo." Disse afferrandole entrambi i capezzoli e pizzicandoli.
Lei gemette, "Per favore, mi dispiace così tanto, lo sono, io"

"CAGNA, non mi hai chiamato Maestro una volta. Una fica davvero dispiaciuta conoscerebbe il suo posto! Non sai un cazzo. Te lo insegnerò, cazzo." Disse, pizzicandole i capezzoli ancora più forte.
Raccolse una ciotola di terra, lei si sforzò per vedere cosa ci fosse nella stanza buia.

"Mollette, tanto per iniziare." Ne prese uno e lo chiuse sul capezzolo. I suoi occhi si spalancarono per il dolore.
"Oh cazzo, per favore, fa male, per favore toglilo! Toglilo!"

"Non è niente." Disse mettendone uno sull'altro capezzolo.

Si dimenò e gemette sonoramente.

"Aspetta finché non inizieremo a usare le clip a coccodrillo."
Ne ha messi molti altri intorno alle sue vivaci tette di coppa B. Li ha posizionati in un disegno a spirale. Non riusciva a credere al dolore. Girò la testa e gemette sonoramente.

"Per favore, per favore, fermati... non ce la faccio... per favore."
Si fermò e si allontanò, tornò con quello che sembrava un piccolo dildo spesso.

"Questa è in realtà una gag. Sono stufo di sentire le tue stronzate." Le afferrò la mascella e la costrinse ad aprirla.
Il dildo era abbastanza lungo da riempirle la bocca e a malapena colpirle la gola, lei si imbavagliava. Ma poteva ancora respirare. Glielo legò intorno alla testa, rimase fermo al suo posto. La sua mascella era spalancata, i muscoli cominciavano già a bruciare.
"Una fica dovrebbe sempre avere il cazzo in bocca."

Fece scorrere le dita lungo il suo corpo tremante. Le mollette avevano cominciato a diventare insensibili, ma quando ci passò sopra le mani, bruciarono di nuovo vigore. Gemette di nuovo, soffocandosi con il cazzo di plastica che aveva in bocca.
Le accarezzò le labbra della figa e infilò un dito dentro.

"Wow, sei un po' bagnata. Non puoi goderti questo?"

Lei scosse la testa no.

"Beh, non importa. Farò in modo che non ti piaccia. Non troppo comunque, fottuta troia."

Lentamente le strofinò le dita intorno alla fica, stuzzicandola. Poi ha iniziato a strofinarle il clitoride. Lei gemette e sbatté le sue dita.
"Sicuramente mi diverto troppo." Si è fermato.

Il suo viso bruciava di un rosso vivo per l'umiliazione. Come può aver perso il controllo in quel modo?

Ha afferrato molte delle mollette sulla sua tetta destra e le ha strappate via. Inarcò la schiena e urlò nel bavaglio. Incapace di deglutire, una densa bava gli gocciolava intorno.
"È più così." Disse, rimettendo le mollette sul capezzolo e sul seno. Respirava forte per il dolore, il suo seno era in fiamme.

Poi portò la bacchetta vibrante nera davanti ai suoi occhi. "Ricorda questo?" I suoi occhi si spalancarono per la paura.
"Oooo eeasee, ooo rilassati!" Si strozzò con il cazzo di plastica e scosse la testa.

Lo accese e lo spinse sulla sua fica.

"Non preoccuparti, voglio solo che tu sia un po' eccitato. Stamattina non mi concentrerò sulla tua figa." Disse, accarezzandole il culo.
Ha sapientemente sovrastimolato il suo clitoride per diversi minuti. Le sue braccia e le sue gambe si tesero forte contro le sue catene. Incapace di muoversi di un centimetro o sfuggire alle vibrazioni nemmeno per un momento. Scosse la testa selvaggiamente e gemette sonoramente, sbavando dappertutto. All'improvviso dovette fare pipì.

L'intensità era peggiore che mai e aveva paura di flettere i muscoli, nel caso avesse pisciato. L'avrebbe uccisa se si fosse incazzata. Lei lo sapeva.

"Ooooo tranquillo, ho oo eee." Ha gridato più e più volte attraverso il suo bavaglio. Ma lui l'ha ignorata.
Alla fine, proprio quando fu sicura di non poterlo più trattenere, si fermò.

"Eccoci, bagnati fradici. È facile bagnarsi." Si aprì la cerniera dei jeans e tirò fuori la sua erezione furiosa. L'ha fottuto dentro di lei.
"Oh sì, è carino." Disse, facendolo rotolare. Tutta la sua fica era gonfia di piscio. Doveva fare così tanto pipì. Stava gemendo forte.

L'ha fottuta forte e in profondità. Afferrò una molletta e la tirò su, in modo che la sua pelle del seno si allungasse. Lentamente scivolò via, pizzicandole la pelle alla fine. Ne prese un altro e lo strappò.
Ha scopato dentro di lei, il suo cazzo si spasmodica mentre lui ha strappato di più.

"Dio, mi piace vederti" disse, strappando altre mollette da bucato, "dolorante. È così fottutamente bello." Egli ha detto. Afferrò l'ultima delle mollette rimaste su entrambe le sue tette. L'ha scopata un paio di volte, tirandole su, allungando la carne.

Poi li ha strappati via tutti in una volta e si è scopato il cazzo nell'elsa. Lei urlò nel bavaglio mentre lui veniva. Le strinse le tette doloranti, affondando le unghie nella sua carne bruciata. Si tirò fuori e le andò alla testa, sganciando il bavaglio.

Tutti i suoi muscoli tremavano e non riusciva a ottenere abbastanza ossigeno. Il bavaglio è uscito e finalmente è stata in grado di spostarlo. I muscoli bruciavano ferocemente.

"Maestro, non posso... ti prego, devo fare pipì. Peccato." Disse, allungando la mascella.
"Non importa", ha detto, "non mi sono tolto questo bavaglio per vedere come stai." Si tolse il preservativo usato dal cazzo. "Il mio sperma non va mai sprecato. Apri la bocca."

Aprì, uno sguardo disgustato sul viso. Le rigirò il preservativo in bocca, scaricando il caldo sbrodo del cazzo e sborrandole sulla lingua. Ha conati di vomito e conati di vomito. Mescolato con il lubrificante per preservativi, aveva un sapore estremamente disgustoso.
"Rondine."

Lo ha fatto, conati di vomito. Ha riso.

"Per favore, devo proprio fare pipì."

Ignorandola, ha messo il preservativo usato sopra il bavaglio del cazzo, che ha forzato di nuovo nella sua bocca. Ha colpito la sua lingua e il lubrificante ha quasi bruciato che aveva un sapore così cattivo. Lo rimise a posto, poi fece scorrere le mani sul suo corpo tremante.
"Siamo indolenziti l'ultima volta che l'abbiamo fatto?"

Lei fece cenno di sì con la testa.

"È divertente. Non abbiamo fatto nessuno dei bondage più estremi. Non vedo l'ora di provarlo su di te. Non sarai in grado di camminare dritto per una settimana."
"Ma ora è il momento di arrivare alla tua punizione. Ora che ti sei scaldato."

La sua vescica si sentiva come se stesse per scoppiare. Non sopportava l'idea di affrontare ancora tutto questo, dovendo ancora pisciare.
Le slacciò le caviglie, spostando i polsini di metallo sulle sue ginocchia. Li tirò indietro in modo che i suoi fianchi fossero a un angolo di 90 gradi. Ha tirato le catene così indietro che le sue ginocchia erano vicino alla sua testa. Quindi ha assicurato le catene a una barra di metallo installata nel muro.
"Facciamo vedere quel tuo culo." Disse, facendo scorrere le mani sui suoi globi muscolosi. "Mmmm, ho scelto te perché avevi un ottimo mix di culo e tette... sia di buone dimensioni che muscolose." Le strinse il culo. Fece scivolare il mignolo nel suo buco del culo asciutto. Lui lo fece girare e lei gemette.

"Tutti con la pancia piatta... Hai un corpo davvero fottuto."

Si diresse verso l'angolo della stanza. C'era un lavandino laggiù, qui poteva scorrere l'acqua. La sua fica si contorceva, combatteva l'impulso di fare pipì.
Tornò indietro con un'enorme siringa piena d'acqua, aveva una punta lunga, sottile e affilata. "Assicuriamoci che tu sia pulito laggiù." L'ha forzato nel suo buco del culo. Poi il suo culo ha iniziato a riempirsi di acqua gelida.
Lei gemette. L'acqua fredda le faceva venire i crampi al retto e alle viscere. La sua pancia era già piena di piscio, ma ora le si gonfiava anche per l'acqua fredda nel culo. Ha pompato l'ultima acqua dentro. Le punte delle dita le sfiorarono la figa gonfia, lei gemette forte.
"Dio sei una puttana. Ora trattieni l'acqua, fletti il ​​culo. Vedo che non ti stai flettendo. Fletti, cagna del cazzo." Le pizzicò i capezzoli sensibili. "Bene. Ora tienilo."

Ha tirato fuori la punta della siringa e ha forzato un ma plug nel culo. Tornò al lavandino e lei sentì altra acqua che scorreva. Non poteva metterne di più dentro il suo intestino già scoppiato?

"Tienilo". Disse, rimuovendo il plug anale e sostituendolo di nuovo con la siringa. Ha spinto più acqua fredda dentro.
Si lamentò e tirò le cinghie, che le tagliarono ulteriormente la carne. Si sentiva incinta, il suo stomaco si stava gonfiando così tanto. Finì l'ultima goccia d'acqua nella seconda siringa.

"Tienilo un'ultima volta. Non rovinare tutto questo cazzo."
C'è voluta tutta la sua concentrazione per evitare che l'acqua uscisse di fretta. Il suo retto aveva dei crampi orribili, come se avesse la peggiore diarrea della sua vita. Inserì rapidamente il plug anale e l'acqua non andò da nessuna parte.
"Devi vedere questo!" Disse, afferrandole la testa e spingendola verso l'alto in modo che potesse vedere meglio il suo corpo nudo. Il suo ventre una volta piatto sembrava davvero incinta. Era così gonfio d'acqua. Le lasciò ricadere la testa e colpì il tavolo.
Le strofinò le mani sul ventre gonfio. Premendolo, gemette per il dolore. Tutta la parte inferiore del suo corpo era tormentata dai crampi.

"Ti sto ripulendo, così posso fotterti il ​​culo."
Sembra terrorizzata.

"Se pensavi che un mignolo ti facesse male, non hai idea di cosa ti aspetta." Afferrò un piccolo vibratore a proiettile, che aveva delle cinghie. Se li è infilati sopra la sua fica, così è stato accoccolato contro il suo clitoride gonfio. La guardò in faccia mentre lo accendeva.
Tutti i suoi muscoli si tesero e si contrassero, strillò forte.

Poi ha rimesso le mollette su entrambi i suoi capezzoli.
"Tornerò." Disse, girandosi per risalire le scale.
Ha combattuto duramente contro le restrizioni, era sul punto di fare pipì. Sembrava anche un orgasmo. Ma era certa che se fosse venuta, avrebbe fatto pipì anche lei. La pressione nella sua pancia era incredibilmente dolorosa. I crampi si diffusero dall'interno del suo retto, alla sua fica contorta, come un coltello. Se n'era andato per un'eternità. Il sudore si accumulava su gambe e braccia. La sbronza di fica gocciolava sul tavolo di metallo. La bava le usciva dalla bocca e tra i capelli neri.
Alla fine, vide la luce sulle scale mentre lui apriva e chiudeva la porta e le si avvicinava. "Penso che abbiamo allentato il tuo vago, cosa ne pensi?"

Lei annuì più volte con la testa.
"D'altra parte, forse non è passato abbastanza tempo." Lui premette sul suo stomaco gonfio. Ha urlato nel bavaglio.

Ha spostato il vibratore attorno al suo clitoride e tutto il suo corpo si è contorto selvaggiamente. Le dita dei piedi si arricciarono e le unghie le affondarono nelle mani. Ha morso il bavaglio di plastica.
Non poteva sapere quanto fosse vicina al bordo. Perdere completamente il controllo. Non aveva mai dovuto fare pipì così male in vita sua.

"Va bene, eccoci qui." Tirò fuori un secchio e lo posò sul bordo del tavolo, sotto il suo culo. "Ma voglio che tu tenga tutto finché non lo dico io. Se sbagli, ti presento presto alle clip a coccodrillo."
Il plug anale è uscito con un forte tonfo. Le flette i muscoli con forza per evitare che tutto si rovesciasse. I crampi allo stomaco crebbero cento volte peggio. I suoi muscoli bruciavano.

"Agio ooo, ooo", gridò, "io ant vecchio itttt, agio, aster, agio!"

"Tienilo". Disse, spingendole a pancia in giù. Scosse la testa all'indietro, scagliando bavose dappertutto.

"EASSSSSSE," urlò mentre lui le solleticava la fica con la punta delle dita. I crampi erano incredibili.
"Va bene, puoi cagare. Dì grazie."
"Ank oo aster" disse attraverso il bavaglio, rilasciando un torrente di acqua di merda nel secchio. La stanza si riempì di odore di merda e piscio.

Lei finì e lui raccolse la siringa.
"Perché sei stata davvero una pessima puttana, ad andare alla polizia quando ti ho espressamente detto di non farlo... farò qualcosa di più cattivo."

Ha succhiato una piccola quantità di acqua di merda nella siringa e le ha mostrato l'acqua marrone.
"Un po' di "medicina per puttane" per te."

Scosse la testa e iniziò a chiedere l'elemosina. "Oo, oo, rilassati oo! Su oo. FACILI SU NON OO!!!" Gridò più forte mentre lui le portava la siringa alla bocca.
"È solo un po' e te lo meriti, cazzo." Fece scivolare la lunga punta della siringa oltre le sue labbra vicino al bavaglio del cazzo. Scosse la testa cercando di spingerlo fuori, ma non le servì. Ha schizzato nella merda.
Conati di vomito e conati di vomito, scalciando ai suoi vincoli, cercando di sputare fuori il bavaglio.

"La tua unica scelta è ingoiarla."

Lo fece, soffocando rumorosamente. Il suo intero corpo ebbe le convulsioni.
"Ora occupiamoci della tua vera punizione."

Gemette, ma provò anche un grande sollievo. Rilassandosi per un momento, notò come tutte le sue membra tremassero e bruciassero per lo sforzo così intenso. Il bavaglio le stava uccidendo la mascella.

Ha svuotato il resto dell'acqua di merda nel lavandino. Poi è tornato e le ha strofinato la figa.
"Vuoi venire, vero?"

Lei non ha risposto.

"Si o no?" le chiese, strattonandole la molletta sul capezzolo.

"Ess, aster..." gemette.
"È quello che pensavo." Le strofinò la fica, "Beh, ecco uno spoiler. Non verrai questo fine settimana, stupida puttana".

Afferrò una molletta e gliela chiuse sul clitoride. Ha avuto le convulsioni e ha urlato.
"Non hai idea di quanto sono incazzato oggi."

Le mise un dito nella fica, coprendola con il lubrificante. Poi l'ha spinto forte nel suo buco del culo.

"Sono così pronto a scoparti. Non ho pazienza. Non sarò gentile, di sicuro non te lo meriti."
Disse, costringendole un secondo dito nel culo.

"Se fossi stata una brava cagna, l'avrei fatto lentamente. Avrei iniziato con piccoli plug anale e dildo, un sacco di lubrificante... alcuni orgasmi. Ma di sicuro non lo meriti ora. "
Le ha forzato un terzo dito nel culo e gli ha scopato la mano dentro e fuori. Il suo strillo era costante.

"Voglio che tu qui implori per questo." Disse, annullando il suo bavaglio e tirandolo fuori.
"Per favore Maestro, fa così male... per favore non farlo." Ha iniziato a piangere. "Per favore, togli la molletta dal mio clitoride... per favore..."

Lui sorrise. "Oh, vuoi smetterla, vero?" L'ha tirato su e poi l'ha strappato via.
"Ahee!" Si fermò. "Grazie - "

"Non essere così veloce. Non ho detto che l'avrei lasciato fuori." Disse, facendolo scattare di nuovo sul suo clitoride. Il suo corpo si arcuò in avanti, la testa che le superava i piedi.
"Qualunque altra cosa?"

Lei scosse la testa no.

"Ok. Aiutami a prendere il mio grosso cazzo bello e duro per il tuo culo," Tirò qualcosa sul tavolo sotto la sua testa e lo ripiegò, in modo che la sua testa non pendasse dal bordo. Lui le tirò i capelli e lei aprì la bocca. Ha spinto il suo cazzo dentro.
"La tua bocca è così calda e bagnata... è stata progettata per succhiare il cazzo." Ha detto, scopandola. Ha avuto un facile accesso perfetto alla sua fica da qui. Ha scopato alcune dita nella sua figa bagnata e lei ha gemito. Le tolse la molletta da bucato dal clitoride gonfio.
Ha sentito il vibratore accendersi. Si lamentò rumorosamente e iniziò a scopare la sua bocca su e giù sul suo cazzo, sperando di distrarlo. Non ha funzionato. Spinse il vibratore nella sua fica.

"Ahhhhhh," gridò, lui spinse il suo cazzo più in profondità nella sua gola, finché non riuscì a respirare.

"Voglio assicurarmi che tu sia bella e bagnata, con un sacco di lubrificante per il tuo culo."
Si sentiva male. Le fece vibrare il clitoride come un matto, amando guardare i suoi muscoli tendersi e contrarsi tutt'intorno. Il suo cazzo era così in gola che non riusciva a respirare. Dopo un minuto, si è tirato fuori. Tossì e sputò, respirando aria.
"Succhiami la puttana. Ecco così, ora mettine una in bocca. Succhiala fino in fondo. So che sono grandi, ma sono sicuro che puoi farcela. Solo una. Fallo, cazzo." Disse, spingendo forte il vibratore contro la sua figa, lei gridò ad alta voce e risucchiò il suo dado, la sua bocca era piena dei suoi peli pubici ispidi e sudati.
"Finalmente. Ora, cosa fai se stai per venire? Beh, dai, dimmi?"

Lei sputò la sua noce e disse: "Chiedi il permesso, Maestro".

"Sì. E se vieni senza permesso, riceverai una dura punizione. E rovinerò anche l'orgasmo."
Risucchiò il dado in bocca, massaggiandolo con la lingua. Spinse forte il vibratore nella sua figa bagnata. Il suo grido è stato attutito dal dado in bocca. Le sue cosce si contrassero ad ogni movimento del vibratore. Ci sono voluti solo pochi secondi di questo trattamento prima che lei gridasse.
"Per favore, maestro, mi farai venire!"

"Non era il modo giusto per dirlo". Dichiarò, continuando a farle vibrare la fica.

"Voglio dire. Agghhh, posso venire, Maestro? Aghhh per favore?"
"No." Disse, togliendole il vibratore dalla fica. Si rilassò per un momento. Poi lo ha rimesso. Succhiò l'altro dado con più vigore. Concentrati sul dado. Lo massaggiò con la lingua. Fallo sentire bene. Non farlo arrabbiare. Oh cazzo, era troppo intenso.

"Ahhh," sputò di nuovo la sua palla, "Merda, per favore, posso venire Maestro? Ahhhh cazzo, per favore, Maestro, per favore?"
"Pregami di fotterti nel culo." Disse, togliendole il vibratore dal clitoride, per evitare di costringerla all'orgasmo. Le stuzzicò leggermente la fica con le dita.

"Ohhhh," gemette, incapace di trattenersi dall'arricciare le sue mani. Essere nervoso tutto il giorno le stava prendendo piede.

Girò il vibratore sulla posizione più alta e lo spinse contro il suo clitoride.

"AGGGHHHH FUCKKKK PER FAVORE, PER FAVORE, PER FAVORE!" Pianse, ruotando la testa da una parte all'altra. Era troppo intenso per raggiungere l'orgasmo. È stato semplicemente intenso come un cazzo!

"Fottimi, nel culo Maestro! Per favore, basta, basta, per favore, basta!"

"Pregami di essere duro, di fare un buon lavoro. Dai, posso farlo tutto il giorno." Disse, girando il vibratore.

"Oh cazzo. Per favore, fottimi più forte che puoi. Aghhh fottimi fino a quando non piango. Aghhh fottimi fino a sanguinare. Oh merda. Maestro, per favore, me lo merito. Scopami nel culo Maestro, me lo merito! " Gli leccò le palle pelose e si convulse sul tavolo. Alla fine il vibratore si è spento. Si è rilassata.

"Se lo dici tu." Si alzò e andò al suo culo. Per prima cosa, ha scopato il suo cazzo nella sua fica. Era fradicio. La loro era una pozzanghera sotto il suo culo. Raccolse una tonnellata di melma e gliela spinse su tutto il culo. Le ha solleticato la fica con le dita e si è goduto il suo fruscio e contrazioni su tutto il suo cazzo. Le infilò alcune dita nel buco del culo, spingendo dentro quanto più lubrificante possibile.

"Questo è il primo culo vergine su cui non ho bisogno di usare il lubrificante. Ti bagni così fottutamente, è fantastico." Disse tirando fuori la sua fica.

"Oh sì, ti sento irrigidire il culo. Continua a fare quella puttana." Disse, strofinando il suo cazzo sul suo buco del culo. "Sarà bello e stretto per me, dai, spaventati. Pensa a quanto farà male questo." Si strinse le chiappe per la paura. Le afferrò il culo e iniziò a spingere la testa del suo cazzo nel suo buco.

Con tutto il lubrificante, è scivolato dentro abbastanza facilmente, ha fatto male da morire.

"AGGGH, per favore Maestro! Porca puttana! Toglilo! Toglilo! Per favore, OH FUCKKKK."

Lo stava spingendo ulteriormente. Si tese di più e le fece più male. Era come se le stesse infilando il braccio nel culo.

Ha scopato dentro e fuori un po', prima di spingerlo ulteriormente nel culo.

"Per favore, non lo dirò a nessuno. AGHHH. Mai più. Non parlerò. Non lo farò. Cazzo per favore... tiralo fuori!"

Lo ha spinto fino in fondo nelle palle. La sfiorò leggermente.

"Oh cazzo, sei così fottutamente stretto. La mia ultima fica... le ho allungato il culo così tanto. Ho dimenticato come ci si sente. Oh così fottutamente bene." Ha iniziato a scopare dentro e fuori.

Ogni volta che entrava, il suo culo si stringeva intorno, come se fosse la prima volta che veniva scopata, ancora una volta.

"Abbiamo un po' di sangue quaggiù. Va bene. Perché te lo meriti proprio, cagna? Dimmi cosa hai detto prima."

"Oh cazzo. Maestro, mi dispiace,"

"Dimmi quanto te lo meriti." Ha detto tirandosi fuori e speronando fino in fondo".

"AGHHHH OH CAZZO PER FAVORE. Maestro, me lo merito! Me lo merito perché ero una puttana cattiva."

"Completamente giusto." Disse, sbattendola contro molte altre volte. Cominciò a gemere con rumori disumani. L'ha scopata per almeno venti minuti. Entrambi i loro corpi erano coperti di sudore e di succo di fica.

Trattenne lo sperma il più a lungo possibile, volendo tirare fuori il dolore per lei il più a lungo possibile. Quando si è avvicinato, l'ha scopata molto forte e velocemente, lei ha gemito ad alta voce. Si è tirato fuori. Alla fine si rilassò, tutto il suo corpo tremante.

"Ti sto venendo in bocca. Conosci già il sapore del tuo stesso culo." Disse sorridendo: "Adesso apri, o preferisci che lo rimetta?"

Ha appena aperto la bocca, troppo esausta per parlare o combattere. Si avvicinò e tirò di nuovo la testa in basso, in modo da avere un facile accesso alla sua bocca. Poi ha spinto il suo cazzo nella sua bocca.

Aveva un sapore assolutamente orribile. Come merda e sudore. Si imbavagliava e le lacrime le rigavano il viso. Doveva solo scoparla per pochi secondi prima di arrivare lungo e duro, riempiendole la gola e la bocca di sperma. È andato giù per il tubo sbagliato e parte di esso le è esploso attraverso il naso, pungendole e bruciando brutalmente.

"Cazzo, è stato bello." Sospirò tirando fuori e facendo rientrare il copricapo, così lei avrebbe potuto appoggiare di nuovo la testa.

"Ora ho finito, e posso dire che sei fottutamente esausto." Disse, solleticandole il clitoride gonfio. "Voglio dire, vuoi venire, ma te l'ho già detto che non sta succedendo, cazzo."

"Voglio che tu sia completamente sveglio per sentire tutte le cose che ti farò in futuro, quindi devi riposarti un po'. Ma non preoccuparti, tornerò molto presto."

Le tirò giù le gambe tremanti, così fu di nuovo incatenata in una x. Poi le diede una pacca sul culo e tornò al piano di sopra, spegnendo la luce. Non riusciva a smettere di tremare e conati di vomito nel buio.

Storie simili

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

0 I più visti

Likes 0

Eddie, la mamma del suo amico e Betty

June Cleaver era la mamma di due giovani uomini ben educati, Waldo di 20 anni e Theo di 19 anni. Era la tipica casalinga di periferia americana che amava suo marito Ward ed era sposata con lui da oltre 32 anni. La 53enne June era piena di seni di 40 gg, un culo grasso e rotondo ed era formosa. A 5 piedi 9 era un bicchiere d'acqua alto ed è per questo che il giovane Eddie Haskell, bramava la mamma del suo migliore amico. Eddie, 20 anni, aveva scoperto di recente l'ipnotismo e scoprì di essere davvero bravo in questo. Quindi...

47 I più visti

Likes 0

L'incontro sexy

Sei seduto al bar di un hotel con indosso un bel vestito blu truccato e indossi una bella parrucca castana dai capelli lunghi sapendo che indossi un crogiolarsi con delle mutandine nere a volant sotto il vestito, ti senti un reggicalze sexy che regge delle calze a rete morbide e setose mentre liscia il tuo vestito mentre ti metti a tuo agio sul tuo sgabello da bar alto in pelle. Mi noti dall'altra parte del bar, sorridi, io ricambio e chiedo al barista di mandarti un drink con una chiave magnetica nella stanza 6969 con un biglietto che dice di portare il...

139 I più visti

Likes 0

Sogno di compleanno

Buonanotte, ragazzi, e grazie ancora per i fantastici regali. Va bene, mamma... e possiamo dire che stai invecchiando visto che vai a letto così presto. Non sono vecchio, ragazzini... ho appena avuto una giornata molto lunga e ho bisogno di dormire. Certo, mamma, qualunque cosa tu dica e i tuoi figli scoppiano a ridere mentre esci dal soggiorno e torni in camera da letto. Ti chiudi e chiudi a chiave la porta dietro di te, poi ti spogli. Una doccia veloce, pensi, e poi te ne andrai per un po' di sonno tanto necessario. Sorridi tra te stesso mentre pensi a...

397 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

377 I più visti

Likes 0

Il visitatore

Il visitatore Lavoro in un bel ristorante vicino a Mt. Rainer in WA. Riceviamo molti turisti in città a causa del paesaggio, quindi sono abituato a incontrare persone da tutto il mondo. Sono piuttosto timido, ma quando sono al lavoro devo essere estroverso e amichevole. A volte è un vero dolore essere amichevoli con alcuni dei visitatori fuori città che vengono qui a mangiare. Ma ieri era diverso. Un signore alto e anziano è entrato nel ristorante per una cena tardiva. Era da solo ed era un tipo tranquillo, ma aveva un bel sorriso. Potrei dire che gli è piaciuto quello...

311 I più visti

Likes 0

Capirlo (ripubblicare)

Introduzione: come ho imparato a conoscere il sesso   Capirlo (Repost) Di Kim Categoria = giovane, maschio preadolescente, femmina preadolescente, storia vera, verginità Questa è una riscrittura di una storia che ho pubblicato diversi anni fa. Lo sto riscrivendo nel formato Lui pensava, lei pensava che diversi autori di questo sito hanno utilizzato di recente. Questo evento in realtà mi è successo quasi 20 anni fa. Ho preso un po' di licenza letteraria con quello che ognuno di noi stava pensando in quel momento. Come hai imparato a conoscere il sesso? A volte impariamo in Sex Ed a scuola, a volte...

99 I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

401 I più visti

Likes 0

Rito di passaggio

Rito di passaggio Capitolo 1 Le gambe della sorella di Jimmy Smith erano gettate su ciascuna delle sue spalle mentre si spingeva con forza nel suo stretto tunnel. Guardando in basso, poteva vedere la schiuma bianca che ricopriva il suo cazzo e il morbido castano lanuginoso dei suoi peli pubici. L'aria si riempì dei suoni squishy del suo cazzo che martellava la sua succosa figa bagnata. I suoi piccoli seni volavano avanti e indietro. I suoi capelli castani lunghi fino alle spalle circondavano il suo viso sudato. I suoi occhi si fissarono su quelli di lui, la sua bocca aperta con...

329 I più visti

Likes 0

Il massaggio - 2 (corretto)

Sarah e io abbiamo chiacchierato mentre tornavamo a casa dopo aver visto Mike e Maria. Eravamo entrambi d'accordo che ci era piaciuto e volevamo fare di più. Mi piacerebbe davvero vedere Mike scoparti, ha detto Sarah. Maria ha fatto un buon lavoro pulendomi la figa dopo che è entrato in me – penso che sarà divertente vedermi mangiare da lei. Voglio vedere com'è diverso essere risucchiato da una donna - sì, e anche succhiare lei. Eravamo ancora randy quando siamo tornati a casa. Eravamo a letto nudi in pochi secondi, a baciarci, succhiarci, leccarci. Ho affondato il mio cazzo dentro di...

312 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.