Affari Parte 3

209Report
Affari Parte 3

Rimase lì, sopra le ragazze singhiozzanti per un momento, lasciando che i muscoli spasimanti del suo buco del culo succhiassero ogni goccia da lui. Anche se lottava per riprendere fiato, le sue mani erano ancora ovunque sul suo corpo minuto, a coppa e massaggiando i suoi piccoli seni, esplorando le pieghe della sua figa ora bagnata.
Lei non si dibatteva più, ma giaceva lì sconfitta, piangendo a dirotto, mentre le lacrime scendevano sul viso dell'altra ragazza. Dopo un momento lui le appoggiò le mani sulla schiena e cominciò a tirarsi fuori lentamente, liberandosi anche dalle sue grida di dolore.
"Oh, smettila di lamentarti!" sbottò mentre faceva scivolare fuori la testa, l'afferrò per i capelli e la tirò in posizione verticale. Facendola girare sulle ginocchia, premette la punta del suo cazzo ricoperto di sangue sulla sua bocca tremante.
"Aprire." ordinò, premendo più forte,
"E ti ricordi cosa ho detto di quei denti." La ragazza sembrava rompersi internamente e semplicemente si allentava. Lei si accasciò contro la sua mano, con gli occhi alzati dietro la testa. La lasciò cadere con un suono di disgusto, lasciandola cadere sull'altra ragazza come un crocifisso davvero incasinato.
La stanza era silenziosa mentre lui stava lì, osservando i tre adolescenti che erano rimasti coscienti e legati. Occhi enormi nei loro volti, labbra tremanti, lacrime scorrevano lungo le loro guance mentre cercavano disperatamente di soffocare le loro grida di orrore. Ha favorito le brune con un grande sorriso e ha detto:
"Bene ragazze, andrò a farmi una doccia e a prendere qualcosa da mangiare. Questo tipo di allenamento richiede molto da un uomo! Voi tesoro, restate dove, e io tornerò per voi!" Avanzò e piantò un grosso bacio umido sulla guancia di una delle brune, che si ritrasse e fece una smorfia. Lui fece finta di non accorgersene, raccolse i pantaloni e se ne andò chiudendosi la porta alle spalle.
Rimase fuori dalla porta per un minuto, contando alla rovescia da dieci. Quando ne raggiunse l'una, iniziarono le urla.
"AIUTA AIUTA QUALCUNO, PER FAVORE, AIUTACI SONO STATI LEGATI DA UN PAZZO!" Ridacchiò, scuotendo la testa e continuò lungo il corridoio. Non c'era nessuno in giro per chilometri ed erano troppo lontani dalla strada principale perché qualche passante potesse sentirli. Lasciateli urlare a squarciagola.
Dopo una doccia rinfrescante, un'enorme bistecca e tre porzioni di purè di patate, Randal si sentì un uomo nuovo. Decise di non prendersi la briga di vestirsi per andare a trovare le ragazze, i vestiti gli davano fastidio solo durante una bella lotta, inoltre gli piaceva il modo spaventoso con cui guardavano il suo grosso cazzo.
Le urla erano durate solo circa due ore e lui non riusciva a sentire nulla mentre stava fuori dalla porta. Facendosi forza, l'aprì velocemente e catturò il biondo che sapeva sarebbe uscito di corsa.
"Lasciami andare!" urlò, lottando inutilmente mentre lui la trascinava nella stanza, chiudendo e chiudendo la porta dietro di sé. Quando lui si voltò verso di lei, lei si immobilizzò, sopraffatta dall'emozione, e strillò: "Sei un fottuto codardo!"
La rabbia calda gli ribolliva rapidamente il sangue. Non erano le parole che pronunciava, ma il modo in cui le pronunciava. Non con la paura appropriata, non con la disperazione, ma con una rabbia furiosa che lo faceva sentire un assassino. Lui fece un passo più vicino a lei, lei cercò di fuggire ma le sue braccia erano lunghe, e la sua mano oscillante la colpì al viso con un soddisfacente Thwack! Colpì il pavimento e non si mosse. Accanto a lui, sentì il sussulto acuto delle altre tre ragazze, e si voltò verso di lui.
"Hai sentito quanto dolore ha provato con me?" chiese con voce dura e brutale. Quando non diedero risposta, balzò in avanti per torreggiare su di loro.
"RISPONDETEMI!" Lui ruggì e le ragazze strillarono, indietreggiando e annuendo.
"Vuoi che faccia del male anche a te in quel modo?" Questa volta non ebbero bisogno di essere stimolati e non scossero furiosamente la testa.
"Allora diventerete brave ragazze, vero? Farete quello che vi dico e starete ferme. Giusto?" Grosse lacrime scorrevano lungo le loro guance mentre le tre ragazze annuivano ancora una volta, accettando il loro orribile destino. Lui sorrise soddisfatto e si chinò per prendere in braccio la ragazza. La portò nel suo letto e le legò saldamente le braccia alla colonna del letto.
Randal si voltò e osservò le ragazze rimanenti, scegliendo rapidamente la bruna più piccola, che piagnucolò in modo incontrollabile e fissò inorridito il suo cazzo pendente. Si ispessì immediatamente e cominciò a sollevarsi mentre lui si avvicinava a lei. Seduto accanto a lei, le prese il mento tra le mani e la fissò dolcemente negli occhi.
"Questo non deve essere doloroso, caro." la rassicurò lui, accarezzandole la guancia.
"Se fai semplicemente quello che ti dico, stai fermo e stai zitto, non otterrai quello che ha fatto lei." fece un cenno con la testa verso l'adolescente privo di sensi disteso sul letto.
"Farai il bravo? Rimarrai fermo?" Lo fissava con enormi occhi vitrei, di un blu spettacolare, così esotico accanto alla sua pelle color caramello. Le labbra carnose a forma di cuore tremarono e lei annuì esitante.
"Allora lasciami sentirti dire 'Sì papà'"
"Si papà." rispose obbediente, ma la sua voce si incrinò e non riuscì a trattenere il brivido che le squarciò il piccolo corpo.
"Quella è una ragazza." le diede una pacca sul ginocchio e cominciò a sciogliere i nodi. Era ovvio che qualcuno ci avesse lavorato sopra durante la sua assenza, ma aveva fatto un nodo meschino e non si era preoccupato minimamente che la ragazza libera li sciogliesse. Una volta che le mani della ragazza furono libere, le tenne sopra la testa ancora un po', incerta su cosa fare di se stessa. Evidentemente stava lottando contro l'impulso di provare a scappare, e lui le disse che era una ragazza molto intelligente. "Ora," disse gentilmente, mettendo la sua figura tremante sulle sue ginocchia, "quanti anni hai, cara?"
"Ho... ho dodici anni." balbettò con un filo di voce. Lui si accigliò un po', e poi chiese:
"Quando avrai tredici anni?"
"In due settimane."
"Ah." sospirò, sentendosi già meglio.
"Va bene, va bene. Come ti chiami?"
"Amanda."
"Amanda, che carina." stava lasciando che le sue dita vagassero in cerchi pigri sulla sua coscia cremosa, avvicinandole lentamente e con nonchalance al bordo della gonna.
"Sei vergine, Amanda?" Lei sussultò e le lacrime le uscirono dagli occhi, ma la bambina mantenne la compostezza e annuì vergognosamente.
"Amore meraviglioso. Vedi, posso essere molto gentile, se sai comportarti bene. Adesso ti bacerò, Amanda, e tu ricambierai il bacio. Capito?" La ragazza annuì rigidamente, chiuse gli occhi e si bloccò, come se aspettasse un duro colpo.
Randal avanzò molto lentamente, lasciandola abituare alla sensazione del suo respiro sul suo viso, e poi ridusse la distanza tra loro. Le sue labbra erano incredibilmente morbide e imbronciate, la bocca di lui sembrava fondersi con la sua. Quando la sua lingua richiese l'accesso, lei aprì le labbra per lui e gli permise di far roteare la lingua attorno alla sua in un'inconsapevolezza infantile.
Invece di interrompere il bacio, lo continuò lungo la mascella, fino al grazioso collo di cigno.
"Hai un sapore delizioso." mormorò, e mordicchiò leggermente la pelle lì. Mentre la sua bocca divorava la sua carne, baciandola ancora e ancora, le sue mani accelerarono il ritmo, accarezzandole la carne delle cosce sotto la gonna, delineando le sue mutandine con le dita. Lei si irrigidì quando lui le afferrò la sporgenza della fica, premendo leggermente due dita attraverso il tessuto e massaggiando il suo buco con leggeri movimenti circolari, ma poi si rilassò quando non avvertì alcun dolore immediato.
"Oh si." gemette contro il suo collo mentre le sue dita esploravano la sua figa attraverso il cotone, "Sei così brava, Amanda. Esatto, resta ferma, proprio così." Le sue dita tirarono il tessuto e vi penetrarono, per strofinare delicatamente il minuscolo bottone del clitoride, sperando di incoraggiare un po' di umidità.
Era troppo giovane, il suo corpo era confuso e non reagiva come avrebbe fatto una donna. Non ancora comunque, quindi ritirò la mano e infilò un dito nella saliva prima di premerla nel suo stretto ventre. I suoi occhi si chiusero, ed emise un basso gemito di vergogna.
"Oh, non aver paura, tesoro," mormorò, facendola sdraiare sulla schiena, "stai facendo così bene che non ti farò del male, sii solo buono."
Il suo respiro si faceva irregolare mentre cercava di trattenere i singhiozzi, e il suo corpo tremava quando lui sbottonò la camicia per rivelare sfere rotonde e luminose di caramello. I capezzoli erano piccoli ed eretti, di un marrone esotico. Li mordicchiò prima di prenderne uno in bocca, succhiandolo e leccandolo, mordendolo leggermente, poi l'altro, mentre le sue dita continuavano lungo la sua fica calda e setosa, massaggiando delicatamente l'imene che sentiva.
Lui tirò via la mano e cercò invece quella di lei, portandola al suo cazzo palpitante. Il suo respiro divenne più veloce, ma non resistette mentre lui l'avvolgeva, incoraggiandola a strofinarlo su e giù.
"Lo senti? Non è poi così male, vero? Non è così spaventoso?" Lei lo fissò con l'infelicità di una bambina, prima di abbassare gli occhi e rispondere timorosa: "È così grande". Lui ridacchiò e le fece scivolare via le mutandine senza problemi.
"Non sarà poi così grave, te lo prometto. Solo un po' di dolore"-Il suo viso si sgretolò-"E poi non farà mai più male. Finché sarai una brava ragazza. Capito?" Ancora una volta, lei annuì e si appoggiò allo schienale, chiudendo forte gli occhi, in attesa. Lui si sporse in avanti, usando una mano per tenersi sopra di lei, e l'altra per guidare il suo cazzo.
La punta premette contro le pieghe della sua piccola figa rosa, ancora bagnata dalla sua saliva, poi le oltrepassò. Sembrava quasi andare in iperventilazione, mentre lui infilava lentamente il grosso cazzo gonfio nella sua piccola e giovane fessura. Sentì la testa premuta contro la pelle sottile della sua verginità, e poi si sollevò dolcemente per romperla.
Alla fine non ce la fece più e, presa dal panico, lanciò un grido strozzato e cominciò a lottare contro il suo peso. Troppo tardi pensò, mentre scivolava fino in fondo, emettendo un sospiro esplosivo. Rimase lì per un momento, ignaro del suo debole dimenarsi, e si rallegrò della sensazione dei suoi muscoli che si contraevano selvaggiamente attorno al suo cazzo, così stretto nei guanti.
"Oooooooh.Oh sì, così stretta, ragazzina così giovane.Oh sì, CAZZO, ti piace il mio cazzo nella tua piccola figa?" Mentre lottava per spingerlo fuori da sé, si strinse attorno al suo cazzo sepolto, facendolo gemere e lui cominciò a ritmo di costruzione lento. Pompando lentamente e profondamente nella sua piccola fessura, lui tirò fuori completamente e gemette ogni volta che il buco della sua figa lo ingoiava di nuovo, prendendo velocità e spingendo un po' più forte.
Amanda rimase in silenzio, a parte qualche singhiozzo occasionale, ma lottò comunque valorosamente per liberarsi da questa dolorosa intrusione. Tuttavia, lei la prese molto meglio della prima, e lui fu gentile con lei, attirando la sua forma tremante tra le sue braccia e pompando con un'intensità lentamente crescente. Allungò la mano, afferrandole la guancia del culo e immergendoci dentro, cercando il suo piccolo buco del culo.
"Ooooooh DIO cazzo, sì, così stretta che è una brava ragazzina, resta ferma. BUONO. AHHHHHHH!" Lui le infilò un dito nel culo e urlò il suo orgasmo nella sua aureola di riccioli color cioccolato, pompando il suo sperma in profondità nel suo grembo e spasimando selvaggiamente dentro di lei. Lei gemette e singhiozzò a dirotto quando lui tirò fuori il cazzo insanguinato e le legò rapidamente le braccia.
"Non fare il bambino," la rimproverò con leggerezza, "Sei stata una brava ragazza... davvero fantastica. E guarda quanto stai meglio di lei." Gli occhi di Amanda seguirono i suoi, fino all'inconscio. Adesso si voltò verso la bionda che doveva ancora essere toccata. Lei lo fissò, paralizzata dal suo orrore. "La prossima volta," mi avvertì, "tornerò per te. Ora guarda la tua amichetta bionda e guarda Amanda. Mentre non ci sono, puoi decidere se vuoi essere buono o cattivo. " Il viso del biondo si accartocciò immediatamente e nuovi singhiozzi la strapparono mentre usciva dalla stanza, chiudendo la porta dietro di sé.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.