Hillary

237Report
Hillary

Hillary si stava annoiando. Rimase seduta con lo sguardo fisso nel vuoto

finestra del dormitorio. Oggi era una delle volte in cui si chiedeva cosa l'avesse spinta ad andare

a scuola sulla costa occidentale. Lontana da casa e pochi buoni amici, lei

cominciò a sentirsi solo tra i nativi californiani.

Mentre osservava gli altri studenti camminare lungo il sentiero sotto la sua finestra,

all'improvviso trattenne il fiato mentre dietro l'angolo arrivò un'incredibile sorpresa

ragazzo meraviglioso. Lo osservò attentamente mentre passava, ammirando la sua abbronzatura

i muscoli che si increspano sotto la maglietta, le gambe muscolose, il culo sodo, la sicurezza di sé

il modo in cui camminava. Lo osservò finché non scomparve dalla vista, e finalmente guardò

in giro per qualcosa di meglio da fare.

I suoi occhi si illuminarono sul suo bikini, gettato con disinvoltura sul retro di un

sedia, accanto a un appassionante romanzo rosa. Lei sorrise, pensando tra sé e sé,

"Proprio quello di cui ho bisogno. Prendere il sole sul tetto e leggere un po' in modo appropriato

Non importa, considerando il mio umore." Dovette ammettere a se stessa che era così

arrapata da morire, e visto che non aveva niente da fare, magari un pisolino al sole

potrebbe calmarle i nervi.

Si indossò rapidamente il bikini, fermandosi ad ammirarsi

specchio. Conosceva l'unica ragione per cui aveva così difficoltà a trovare un uomo

il campus era i suoi nervi. Il suo corpo stava bene, più che bene. Suo

i seni erano sodi e ben rotondi, senza sembrare troppo grandi. Ha rilanciato

una mano per prenderne una, notando che riempirebbe appena il palmo della media

Uomo. Fece scivolare le mani lungo la vita e sui fianchi dolcemente arrotondati.

Non un grammo di grasso sgradevole; le sue curve erano perfette. Qualunque cosa

sulla sua storia d'amore urlata, se solo non fosse rimasta senza parole ogni volta

un maschio di bell'aspetto la guardò!

Afferrando l'asciugamano e il libro, si diresse velocemente verso il tetto,

cercando di ignorare il calore che aveva cominciato a diffondersi nella sua parte inferiore

membra mentre esaminava il suo corpo. Anche adesso, i suoi capezzoli si stringevano mentre lei

pensò alla mano di qualcuno - forse l'uomo che aveva appena visto - che la circondava

seno, sfiorandole i capezzoli con il pollice. Gemendo di frustrazione, Hillary

corse verso le scale fino al tetto.

Una volta arrivata sul tetto, Hillary fu felice di vederlo vuoto. Lei

sentiva che i suoi pensieri erano scritti sul suo viso, e sapeva che era così

arrossendo. Stendendo l'asciugamano, si sdraiò sulla schiena, con le gambe divaricate

leggermente, da leggere.

Mentre leggeva, cominciò a desiderare di non aver scelto quel libro in particolare.

Mentre l'eroe e l'eroina celebravano la loro prima notte di nozze, in modo mai così esplicito

dettaglio, Hillary poteva sentire quel calore familiare diffondersi dentro di lei. Lei

si guardò intorno ma non vide nessuno.

"Che cosa potrebbe farti male?" si chiese a bassa voce, guardandosi intorno una volta

di più per essere sicuro che fosse davvero sola. "Sono dodici piani sopra

terra, e non ho mai visto nessun altro prendere il sole o fare altro qui.

È privato."

Si dimenò a disagio mentre ricominciava a leggere. Una mano scivolò

verso l'alto, apparentemente da solo, e sfiorava leggermente la parte indurita

capezzolo di un seno. Hillary gemette, facendo quasi cadere il libro per lo shock

di piacere il semplice tocco inviato attraverso di lei. Ancora una volta, ci provò

ignora i suoi sentimenti e torna a leggere. Ancora una volta la sua mano si mosse, questa volta

scivolando lungo il lato della sua vita, attraverso la sua pancia piatta fino a raggiungerla

il punto leggermente umido tra le sue gambe. Per lo shock del tocco, Hillary

lasciò cadere il libro accanto a lei e rinunciò a ogni finzione.

Hillary era così sexy che non le importava più se fosse sola o no. Tutto

sapeva che bisognava fare qualcosa al riguardo, e lei era l'unica

uno lì per farlo. Una mano scivolò sotto il bordo dello slip del bikini,

tra le pieghe calde per ritrovare il suo gonfio centro del piacere. Il tocco inviato

ondate di calore la attraversarono, e lei gemette forte, spingendo i fianchi

inoltrare. L'altra mano si sollevò al seno, dove arrotolò il capezzolo

tra le sue dita. I suoi fianchi si mossero dolcemente contro il suo dito, cosa che

scivolò facilmente nell'umidità. Poteva sentire la pressione aumentare, e

la sua seconda mano scivolò alla vita per unirsi alla prima sotto di lei, ora fradicia

slip bikini. Lei gemette di nuovo, massaggiandosi il bocciolo gonfio di piacere

l'altro dito scivolò profondamente dentro di sé. La sensazione del suo dito

scivolare attraverso l'umidità calda dei suoi stessi succhi intensificò la costruzione di

i suoi sentimenti, e sapeva che stava per andare oltre il limite. Lei aprì

i suoi occhi, e si abbandonò alle sue fantasie, immaginando il volto abbronzato dell'uomo

aveva visto prima chinarsi su di lei, sussurrandole. I suoi fianchi si inarcarono

verso l'alto, forte contro la sua mano, e il mondo esplose.

Lentamente tornò alla realtà e arrossì al ricordo del rumore

grido che aveva fatto mentre veniva. Quando le pulsazioni si calmarono, ci provò

capire come tornare di sotto, ora che aveva il fondo del vestito

inzuppata e aprì gli occhi.

"Ciao."

Per un attimo Hillary pensò che stesse sognando. Sicuramente non poteva

essere qualcun altro sul tetto, e certamente non qualcuno con una voce simile

sembrava così elettrizzante. Girò la testa verso la fonte della voce,

e sentì il mondo crollarle sotto i piedi.

Seduto a gambe incrociate accanto a lei, con le mani intrecciate in grembo, c'era l'uomo

aveva visto prima. Lui la stava guardando, con un'espressione vagamente divertita

la sua faccia. "Sono venuto qui per prendere il sole."

"Anch'io," disse tranquillamente Hillary, un rossore che si diffondeva sulle sue guance.

"Di solito non c'è nessun altro qui. Mi piace stare da solo."

Lo sconosciuto ridacchiò. "Penso di poter capire perché."

Hillary arrossì di nuovo e distolse lo sguardo. "Quanto tempo sei stato qui?"

La sua voce era appena udibile e poteva sentire il suo respiro sulla spalla

mentre si avvicinava per cogliere le sue parole.

"Abbastanza a lungo per vedere che il tuo corpo si comporta magnificamente così come è fatto,"

disse piuttosto seriamente.

Arrossendo fino alla punta delle orecchie, Hillary si alzò e avvolse l'asciugamano

intorno alla sua vita. Senza guardare lo sconosciuto, si sporse sul pick-up

il suo libro (presentando una meravigliosa vista posteriore mentre lo faceva), e poi corse via

la porta. "Bene, Hillary. Ora non sei riuscita solo a mettere in imbarazzo

conversare, ma anche in altri modi!" Non sapeva come

non avrebbe mai potuto dimenticare quel pomeriggio, ma avrebbe voluto poterlo fare, e presto.





Rob si voltò a guardare la ragazza andarsene, sentendo un dolore all'inguine.

Quando aveva varcato la porta che conduceva al tetto, non se lo aspettava

trovare qualcun altro lì e, francamente, cercavo un'opportunità per scappare

dal resto del campus. Tuttavia, quando ebbe svoltato l'angolo, lui

l'aveva prima sentita e poi vista. Aveva esitato, sentendosi il cazzo

diventare duro mentre la guardava in silenzio, e poi si era avvicinato. Lei

non sembrava averlo notato mentre sedeva accanto a lei, osservandola attentamente. Il suo

la sua virilità pulsava intensamente mentre lei esplodeva nell'orgasmo, e lui rifletté

approfittando della situazione, ma non lo fece, aspettando invece che lo facesse lei

esce dalle nuvole e apre gli occhi.

Lei era arrossita molto vedendolo, e lui se ne rendeva conto

era davvero piuttosto attraente, oltre che molto ben modellata. Tuttavia, dentro

il suo imbarazzo se n'era andata così in fretta che lui non ne aveva nemmeno avuto la possibilità

scoprire chi era la ragazza insolita. Non ricordava di averla incontrata prima,

ed era sicuro che si sarebbe ricordato di lei. Sorrise di nuovo, riflettendo

di lei, poi gemette per la frustrazione. In qualche modo, in qualche modo, doveva scoprirlo

chi era.

Hillary entrò nella stanza, chiudendo lentamente la porta dietro di sé,

lasciando cadere l'asciugamano sul pavimento in un mucchio accartocciato.

"Ehi, ragazzino!" la voce allegra della sua coinquilina la salutò. "Stato

prendere di nuovo il sole sul tetto?"

Hillary arrossì prima di potersi fermare e si voltò così da Lindsay

non vedrei la sua espressione. "Sì," disse dolcemente. È andata da lei

comò, tirò fuori una maglietta e dei pantaloncini e si cambiò velocemente. Dopo

riprendendo la calma, chiese con la massima calma possibile: "Ehi, Lins, tu

mai visto in giro questo ragazzo davvero carino - assomiglia un po' a..." Ha descritto

l'uomo dal tetto come meglio poteva.

Lindsay ci pensò un attimo, poi sorrise. "Sembra Rob Warren.

Che uomo incredibilmente meraviglioso!" Lanciò un'occhiata a Hillary. "Perché, mi sono eccitato

per il ragazzo?"

Hillary si sedette sul letto, avvicinando le gambe e appoggiando il mento

le sue mani mentre fissava il pavimento. "No," mormorò. "Me lo chiedevo e basta

chi era. 'Inoltre, tu *sai* quanto sono inutile quando si tratta di parlare

Ragazzi."

Lindsay ridacchiò. "Trovalo a una festa, dopo che ne avrai bevute alcune

bevande. Questo ti scioglierà la lingua."

"In qualche modo penso che ci vorrà qualcosa di più in questo caso," Hillary

mormorò così piano che Lindsay non si accorse di aver parlato. "Come avrei potuto

*Fatto?"





Con il passare della settimana, Rob si ritrovò a guardare le ragazze che passavano

attraverso il dormitorio, e ci volle un po' prima che si rendesse conto che stava cercando

la ragazza sul tetto. Tuttavia, non ha mai visto nessuno che le somigliasse, e

dopo due giorni era pronto a rinunciare alla sua ricerca.

Era seduto nel salotto, appoggiato allo schienale, con i piedi sulla sedia, il

il libro che stava leggendo per la lezione di inglese aperto e ignorato sulle sue ginocchia. Lui

guardò fuori la pioggia che gocciolava dalla finestra. Da allora aveva piovuto

giornata sul tetto, gettando un velo su tutto nel campus della California.

Rob ridacchiò tra sé. Nemmeno la possibilità di prendere di nuovo il sole sul tetto.

"Ehi, Rob! Stai leggendo quel libro o speri di assorbirne la trama

attraverso la pelle?"

Rob guardò nella direzione della voce allegra per vedere un compagno di classe

del suo camminare verso di lui. Riconobbe il biondo, anche se non lo fece

conosco il suo nome, essendo una ragazza vivace della sua lezione di inglese. La salutò

e le fece cenno di sedersi.

Si appollaiò sul bordo della sedia di fronte a lui e disse allegramente.

"Io sono Lindsay."

Annuì. Lei non disse altro, quindi ricorse al piccolo

parlare. "Che schifo di libro da leggere, eh?" Indicò il romanzo che aveva in grembo.

Lindsay alzò le spalle. "L'ho letto l'anno scorso per un altro corso, quindi non è un granché

affare." Lei lo guardò. "Conosci una certa Hillary Riley?" chiese fuori

il blu.

Rob ci pensò un po'. "Non posso dire di sì. Perché?"

"È la mia coinquilina. Mi ha chiesto di te."

Gli occhi di Rob si strinsero. Potrebbe essere... "Com'è?"

Lindsay ha descritto la sua coinquilina. Non c'era *niente* che le piacesse di più

che un po' di matchmaking, soprattutto dove era la sua coinquilina eccessivamente timida

interessato.

Mentre Rob ascoltava, sentì il suo corpo reagire quando si rese conto che Hillary era la

ragazza che la stava cercando. Si era svegliato la mattina per

la sogna... l'aveva vista nelle sue fantasie... e ora avrebbe potuto farlo

la possibilità di trovare la ragazza. Lui sorrise. "Perché non me la dai

numero o dirmi dove trovarla? Dici che è timida? Forse posso farlo

qualcosa a riguardo..."

Lindsay prese un pezzo di carta dal taccuino che aveva nascosto sotto

il braccio di lei. "C'è anche il suo programma lì." Lei sorrise in cambio. "Bene

fortuna. Probabilmente ne avrai bisogno."





Hillary gemette per la frustrazione. La sua lezione di matematica doveva essere la più bella

*assolutamente* lezione noiosa da seguire. Ogni giorno sedeva in classe, fissando

ai muri, sognando ad occhi aperti, lasciando vagare la mente. La guardò

orologio. Era quasi ora che il professore iniziasse a concludere. Poi finalmente

aveva finito. Con un sospiro di sollievo, Hillary preparò il suo taccuino e il suo libro,

se li mise sotto il braccio e lasciò in fretta la stanza.

Mentre attraversava in fretta la porta e girava l'angolo, mormorò

"Scusatemi," al grosso corpo che all'improvviso le sbarrò la strada. Quando esso

non si mosse, alzò lo sguardo con rabbia. "*Scusate*..." la sua voce si spense

quando riconobbe chi le stava di fronte.

Rob le sorrise. "Che piacere incontrarti qui."

Hillary sentì il suo viso avvampare e capì che stava arrossendo fino alla punta

le dita dei piedi. Lei fece un passo di lato e avanzò più velocemente di quanto lui potesse

bloccarle di nuovo la strada. Mentre si allontanava in fretta, Rob la guardò allontanarsi

indietro, un sorriso divertito sul volto.





Hillary era raggomitolata nella sua stanza a studiare, nonostante il sole fosse già sorto una volta

nuovamente tornato. Preferiva studiare sul tetto, ma dopo l'ultimo

tempo... il suo viso divenne rosso e il suo corpo si riscaldò in modo traditore al ricordo.

Scosse la testa e cercò di concentrarsi sul lavoro.

Un colpo alla porta la distrasse ancora una volta e lei la spalancò.

"SÌ?"

Davanti a lei c'era un giovane con in mano un vaso pieno di rose.

"Consegna per Hillary Riley", intonò l'uomo. "È questo l'indirizzo giusto?"

Hillary annuì, sbalordita. Per lei? Prese le rose e con a

la mano tremante firmò la ricevuta. Mentre chiudeva la porta controllò se c'era un

carta. Posando le rose sul suo comò, colse quella piccola blu

busta tra i fiori. Aprendolo nervosamente, lesse: "Davvero

sai quanto mi fai eccitare? Continuo a ricordare quello che ho visto e che desidero *così* tanto

per vedere di più... -Rob"

Lasciò cadere la carta come se stesse andando a fuoco, e altrettanto velocemente

lo raccolse di nuovo prima che la sua coinquilina potesse trovarlo. Si guardò intorno,

preso dal panico, chiedendosi dove nascondere la carta. Alla fine si è nascosta nel profondo

nel cassetto dei calzini e cercò inutilmente di tornare a studiare.





Lindsay si aggiustò la minigonna sulla pancia piatta e la controllò

apparizione allo specchio. Hillary osservava da dove era rannicchiata su di lei

letto. "Stai bene, Lins. Lascia stare."

Lindsay si voltò a guardare la sua coinquilina. "Dovresti venire con me,

Hillary. Non è che sia un grosso problema o qualcosa del genere."

Hillary alzò le spalle. "Lo sai che non mi piacciono le grandi feste."

"Sei timido, lo so." Lindsay sospirò. "Meg, *non* lo farai mai

incontrerai qualcuno se non ci provi." Si avvicinò all'armadio di Hillary

e ho iniziato a frugare tra i vestiti. Tirare fuori una camicetta contadina e

gonna corta, li lanciò a Hillary, aggiungendoci un paio di calze di nylon e ballerine

la pila di vestiti. "Vestirsi."

Hillary alzò lo sguardo e vide Lindsay in piedi davanti a lei, con le mani sui fianchi,

un'espressione determinata sul viso. "Che cosa?" Lei distolse lo sguardo dalla sua compagna di stanza

alla pila di vestiti sul letto, e di nuovo alla sua coinquilina. "Devi

stai scherzando."

"Nessun scherzo." Lindsay allungò la mano per tirare le braccia di Hillary finché la ragazza non fu

in piedi davanti a lei. "Adesso ti vesti o devo farlo io

è per te?"

Vedendo che non c'era via d'uscita dalla situazione, Hillary si spogliò rapidamente

e vestito di nuovo. Guardò la camicetta da contadina che Lindsay aveva scelto e

iniziò a cambiarlo con un altro top, ma Lindsay la fermò. Hillary

arrossì al pensiero di indossare la camicetta, perché era leggermente

trasparente e poiché lasciava le spalle scoperte non si poteva indossare il reggiseno

sotto. "Lins, tutti potranno vedere *tutto*!"

Lindsay alzò le spalle. "Senti, vestiti per uccidere. Così non dovrai farlo

preoccuparti di fare conversazione. Nessuno noterà se hai la lingua legata

se sei vestito abbastanza bene."

Hillary dovette sorridere a questo, e realizzare che Lindsay non sarebbe cambiata

nella sua mente, finì in fretta di vestirsi. La parte superiore era molto bassa su di lei,

scoprendo la parte superiore del seno. Si sentiva come se ne sarebbe caduta fuori

dovrebbe fare qualcosa di troppo attivo, come il respiro. E la gonna... beh, lei

provò a tirarlo ancora un po', ma non funzionò, coprendola a malapena

culo ben modellato e non oltre, mostrando poco e lasciando molto da fare

piacevole immaginazione.

"Perfetto!" Lindsay le ha dato un "pollice in su". "Adesso andiamo."





Nel momento in cui varcarono la soglia, Hillary si sentì schiacciata dal

corpi intorno a lei. Lindsay rimase con lei solo fino al bar, e poi

la lasciò sola mentre si dirigeva verso la pista da ballo, con un ragazzo carino al suo braccio.

Hillary la guardò impotente e si avvicinò al muro, provandoci

per trovare un posto dove poter respirare e sorseggiare il suo drink in relativa pace.

"Balli?"

Hillary alzò lo sguardo per rivederlo. Arrossendo, si voltò. Lui

Le diede un colpetto sulla spalla, costringendola a guardarlo di nuovo.

Sorrise in modo incoraggiante. "Ti ho solo chiesto se hai *ballato*. Un ballo

non può far male, vero?"

Lei alzò le spalle, non fidandosi di se stessa per dire qualcosa. Allungò la mano e

Le prese delicatamente la bevanda dalle mani, posandola su un tavolo vicino. Prendendo

la sua mano, la condusse fuori sulla pista da ballo, dove poteva sentire un lento

canzone in riproduzione. Mettendole le braccia intorno alla vita, la attirò a sé e

cominciò a oscillare.

Hillary poteva sentire il calore proveniente dalle sue mani sulla schiena e ci provò

allontanarsi. La tenne immobilizzata tra le braccia, vicino a sé, e lei vide

divertimento nei suoi occhi quando lei cercò di mettere più distanza tra loro

corpi.

Lui chinò la testa vicino al suo orecchio e sussurrò: "Adesso ti ho, tesoro

caro, e non ho intenzione di lasciarti andare."

Lei lo guardò e vide il sorriso sul suo viso, e cercò di sorridere

indietro, tutti i pensieri sani erano fuggiti dalla sua testa. Questo era peggio di

essere semplicemente senza parole. Non aveva assolutamente idea di cosa stesse pensando

e poco controllo su ciò che sentiva. Le sue mani accarezzavano il

piccola della sua schiena, e anche quel semplice tocco le stava causando il caos

sensi. Alzò di nuovo lo sguardo e vide i suoi occhi brillare mentre la osservava

affrontare intensamente. Si leccò le labbra e la sua attenzione si concentrò su quella parte

del suo volto. Aveva delle labbra così belle. Si chiedeva come sarebbe stato

se l'avesse baciata.

Rob guardò la ragazza tra le sue braccia, stupito da ciò che poteva fare

al suo corpo semplicemente standogli vicino. Era già duro e palpitante,

e non voleva fare altro che andarsene da lì per poter fare quello che era

davvero nella sua mente, e certamente non stava ballando. La guardò

vedere i suoi occhi che lo fissavano con fiducia mentre le sue mani le accarezzavano la schiena. Lui

si leccò le labbra e vide il suo sguardo focalizzarsi nuovamente sulla sua bocca. Sorridente

dolcemente, chinò la testa per baciarla.

Era fuoco! Hillary rimase senza fiato quando le labbra di Rob lasciarono le sue. IL

la musica si fermò, e lui la lasciò andare lentamente, e lei rimase semplicemente lì, a

espressione sconcertata sul suo viso. In una piccola parte della sua mente lo era

stupita... non sembrava importare quanto fosse rimasta senza parole in quel momento...

si guardò attorno e vide che era iniziata un'altra canzone: veloce e

vivace - e automaticamente sentì il suo corpo iniziare a muoversi a tempo

la musica. Lanciò un'occhiata a Rob e vide un ampio sorriso sul suo volto

ballava in modo suggestivo, sorridendo solo a lei. Hillary sentì il suo corpo rispondere e

danzò in tono gentile, muovendo i fianchi in modo scherzoso vicino ai suoi, poi sfrecciò

lontano... sfiorandogli dolcemente il petto e poi tornando indietro... uno sguardo canzonatorio,

leccandosi le labbra, facendo scorrere la mano lungo la schiena e le gambe... Lo aveva sempre fatto

amava ballare, e ora scoprì che non aveva bisogno di trovare le parole per farlo

parlare, il suo corpo potrebbe farlo per lei.

Rob sapeva che se non se ne fosse andato presto, sarebbe scoppiato proprio lì.

Finalmente si era rilassata e il modo in cui si muoveva, stuzzicandolo, lo aveva conquistato

così caldo che difficilmente riusciva a pensare. Quando la canzone finì lui le afferrò le braccia,

stringendola a sé e coprendole la bocca con la propria.

Il corpo di Hillary si sciolse contro il suo e lei poteva sentirlo caldo e duro

contro di lei. Lei desiderava vederlo e rispose con fervore al suo bacio,

scherma con la sua lingua, le mani che serpeggiavano attorno alla parte posteriore del suo collo

gioca con le cime dei suoi capelli alla base del collo. Lei gemette

contro la sua bocca, e mentre lui si ritraeva gli occhi di lei lo supplicarono di andarsene.

Mettendole un braccio intorno alle spalle (cosa di cui Hillary era grata – lei

non era sicuro che sarebbe riuscita a restare in piedi da sola), Rob la guidò

dall'edificio, attraverso il campus fino alla sua stanza. Mentre apriva la porta, Hillary

entrò, improvvisamente di nuovo incerto. Esitò mentre Rob chiudeva la bottiglia

porta.

Poteva vedere il suo nervosismo nei suoi occhi e sapeva che la voleva

per sentirmi a posto su questo. Sorrise, sapendo che ci aveva pensato

già questo spesso, e mi chiedevo se lo avesse fatto anche lei. La guardò

si guardò intorno nella sua stanza.

"Bella camera," commentò con voce tremante.

Rob alzò le spalle. "È piccolo, anche per un single. Perché non ti siedi?"

giù, torno tra un minuto."

Mentre se ne andava, Hillary si guardò intorno in cerca di un posto dove sedersi, trovando una sedia

pieno di vestiti e libri, sul letto e sul pavimento. Osservando il letto

nervosamente si sistemò sul pavimento, appoggiandosi al letto.

Ora che la sua mente era tornata al corpo, era ancora una volta terrorizzata.

Lei *sapeva* che lo voleva, oh Dio, come lo sapeva. Semplicemente non ne era sicura

potrebbe farlo. Aveva paura di essere derisa, di fare qualcosa di sbagliato...

Rob aprì la porta, portando con sé una ciotola piena di

cubetti di ghiaccio. Aprendo la porta del suo piccolo frigorifero, tirò fuori un

bottiglia e la sistemò nel ghiaccio. Andando al suo armadio, ne tirò fuori due

bicchieri di vino e li posizionarono accanto alla bottiglia. Poi notò dove

Hillary era seduta. Sospirò dentro di sé, sapendo che lei era di nuovo tesa.

Si sedette sul letto, accanto a lei, e le toccò dolcemente le spalle.

"Hillary, se vuoi, ti porto a casa adesso."

Hillary scosse la testa e lo guardò. "Non voglio andare a casa,"

disse dolcemente, mettendogli una mano sul ginocchio. "Io semplicemente..." la sua voce

si interruppe perché non riusciva a pensare a cosa intendesse dire.

"Sai quanto eri bella quel giorno sul tetto?" rapinare

chiese piano. Hillary arrossì e si voltò, desiderando che lui non glielo avesse ricordato

di quel giorno. Le prese il mento con la mano e la voltò dolcemente verso il viso

di nuovo lui. "Dico sul serio", ha detto. "L'ho sognato, e anche te." Lui

Si chinò per baciarla dolcemente e sentì un po' di tensione allentarsi da lei.

"Hai?" disse Hillary, non credendogli del tutto.

Ridacchiò. "Oh sì, l'ho fatto." Iniziò a massaggiarle le spalle e

La sentì iniziare a rilassarsi di nuovo, appoggiandosi alle sue mani forti mentre le stringevano

le carezzava e massaggiava i muscoli. "Se ti siedi qui posso farlo

Meglio."

Hillary si alzò, stiracchiandosi con grazia felina, i seni tesi

contro il tessuto sottile della camicetta, poi si sedette sul letto. Rob fece cenno

per lei restare ferma e alzarsi abbastanza a lungo da aprire la bottiglia di

champagne e versare due bicchieri. Ridacchiò di nuovo. "Se non ci sono stato

pensando a te, allora perché avrei dovuto avere tutto questo?"

Hillary alzò le spalle, non abituata a questo tipo di adulazione. "Avresti potuto averlo

è per qualcun altro," disse dolcemente.

La voltò verso di sé e posò il bicchiere in modo da poterla tenere in mano

correttamente mentre la baciava. "Non per qualcun altro, Hillary. Solo per te."

Lui le tirò delicatamente la maglietta, tirandola fuori da dove era infilata

la sua gonna, allungandosi sotto così da toccarle la pelle nuda della schiena.

Le sue labbra si mossero su quelle di lei mentre le sue mani le accarezzavano la schiena, con estrema delicatezza

stuzzicandole i seni gonfi come lui quasi, ma non del tutto, tentava di fare

accarezzarli.

Hillary sentì il suo respiro diventare tremante e la sua mente se ne andò

unica sensazione dietro. Era grata di essere seduta, per questo

all'improvviso sembrò come se tutte le sue ossa fossero diventate poltiglia, senza più sostenerle

il suo corpo. Lei ridacchiò leggermente, sorprendendo Rob, mentre ne pensava uno

cosa che *sicuramente* non avrebbe dovuto trasformarsi in poltiglia...

Si tirò indietro quando la sentì ridacchiare e vide un'espressione diabolica

i suoi occhi. "Che cos'è?" chiese.

Lei sorrise maliziosamente. "Stavo proprio pensando a come ogni volta che ti tocchi

me, è come se non avessi più ossa dentro di me." Allungò la mano

una mano incerta per toccare il rigonfiamento sotto i pantaloni. "Non posso dire di sì

la stessa cosa per te."

"Certamente no!" La tirò contro di sé mentre si sdraiava

sul letto, facendola sdraiare sopra di lui. Lei chinò la testa come lui

si tolse la maglietta dalla testa con un movimento rapido. Le sue mani si allungarono fino a

toccarle i seni, prima un capezzolo, poi l'altro, quindi metterlo a coppa su un seno

in ogni mano. Si sporse in avanti per baciarli. "Molto carino," le disse

con apprezzamento. "Quasi bello come avevo sognato."

"Quasi!" Hillary ha agito senza pensare e ha strappato via il cuscino

sotto la testa, colpendolo sonoramente. "Non è carino insultare il

ragazza che stai cercando di sedurre."

La distrasse mordicchiandole un capezzolo, stuzzicandolo finché non crebbe

duro sotto la lingua. "Non è previsto alcun insulto," disse lentamente, tra un bacio e l'altro.

Hillary ha dimenticato quello che aveva considerato un insulto e si è arresa

le sensazioni che attraversavano il suo corpo. Ogni volta che la sua lingua si toccava

il suo capezzolo, era come se ci fosse una linea che portava direttamente tra di lei

gambe, e avrebbe dovuto sentirsi sempre più bagnata in ogni momento.

Mentre la accarezzava e la baciava, Rob fece scivolare le mani sotto la schiena

la sua gonna corta e cominciò a massaggiarle dolcemente le natiche. "Tu," disse

dolcemente, "hai un bel culo."

Hillary scivolò fuori dalla sua presa per sdraiarsi accanto a lui. Ha aspettato un

momento finché non ebbe di nuovo il respiro sotto controllo e commentò,

giocando con un bottone della camicia: "Non è giusto, lo sai. Mi hai

già mezzo spogliato."

Rob si alzò e si spogliò rapidamente, lasciando Hillary a fissarlo

corpo meraviglioso. Lui le sorrise. "BENE?"

Hillary si alzò e lentamente, in modo seducente, fece scivolare la gonna e le mutandine

i suoi fianchi. Poi si inginocchiò davanti a Rob sul letto, avvolgendo le braccia attorno

Il corpo di Rob. "Bello," sussurrò, strofinando la guancia contro il suo petto.

"Molto bello." Le sue mani serpeggiarono intorno a lui, fino a raggiungere la base di

il suo collo e gli passò le dita tra i capelli. Tirò dolcemente,

portando le sue labbra ad incontrare le sue mentre lei si appoggiava allo schienale, tirandolo giù sopra

di lei. Le sue mani gli accarezzarono le natiche mentre le loro lingue si intrecciavano. Suo

il respiro si fece irregolare mentre Rob si girava per sdraiarsi accanto a lei, con una mano sola

tracciando pigramente un cerchio attorno a un seno.

"Hai davvero un bel corpo," disse dolcemente, con gli occhi fissi

Hillary è prigioniera. Si sentiva come se stesse sprofondando nelle sensazioni, nella sua mente

catturato dai suoi occhi e dalla sensazione della sua mano mentre stuzzicava il suo corpo.

La sua mano si alzò per accarezzarle delicatamente il seno, sfiorandole leggermente con il pollice

il capezzolo. "Hai un bel seno," sussurrò, chinando la testa

prendere il capezzolo in bocca. Hillary si sentì come se fosse attraversata da uno shock

lei mentre la sua lingua stuzzicava leggermente il capezzolo finché non divenne rigido. Poi il suo

la lingua scese lungo il lato dei suoi seni e lui strofinò il naso contro l'incavo

in mezzo prima di passare a leccare delicatamente l'altro capezzolo finché non divenne anch'esso duro.

Hillary trovava difficile pensare, e lo sapeva se avesse continuato a lungo

ancora a lungo, non sarebbe stata in grado di trattenersi. "Rob", sussurrò,

la sua voce appena udibile. Era così difficile anche solo pensare. "Rob, se tu

non fermarti, io..."

"Bene," lo interruppe dolcemente. Poteva quasi sentire la sua bocca sorridere

contro il suo seno. La sua mano scivolò dolcemente sul suo ventre piatto,

sentendo i muscoli sussultare, finché non sfiorò leggermente il cumulo umido di rugiada

riccioli alla giuntura delle gambe. Lui premette la mano contro di lei, sentendolo

lei premeva i fianchi contro il suo palmo mentre gemeva. Fece scivolare un dito

nelle calde pieghe, trovando il suo centro di piacere nascosto dentro. Lui

lo fece rotolare dolcemente sotto il dito, mentre la sua lingua continuava a stuzzicarle i capezzoli,

finché lei non gemette e si dimenò sotto la sua mano. La sentì tesa, e

si mosse rapidamente per catturare le sue labbra con le proprie, bloccandola sotto le sue

corpo mentre sentiva il suo rilascio con una calda corsa contro la sua mano.

Lentamente, si rilassò, aprendo gli occhi e vedendolo che la fissava, a

espressione dolce e divertita nei suoi occhi.

Lei arrossì. "Sembri identico a quel giorno sul tetto," disse

dolcemente.

"Anche tu..." sussurrò, sfiorandole le labbra con le sue, poi muovendosi

scenderle leggermente lungo il collo.

Trattenne il fiato e dovette concentrarsi per parlare. "Voi

sembri un po' diversa," disse, lasciando scappare una risatina sommessa.

"Oh veramente?" Si appoggiò sul gomito per fissarla. "Come

COSÌ?"

Lei fece scorrere la mano lungo la sua schiena, poi la raggiunse per accarezzarla

durezza. "Beh, non eri esattamente nudo sul tetto..."

Lui rabbrividì mentre la sua mano accarezzava la lunghezza del suo cazzo rigido.

"Tuttavia, se avessi guardato abbastanza attentamente, avresti potuto vedere quanto mi sono divertito

guardandoti."

"Oh, davvero?" Hillary gli sorrise.

"Mi divertirò *sempre* guardandoti..." disse Rob a bassa voce.

Hillary portò le mani al suo petto e spinse dolcemente contro di lui

finché lui non rotolò giù da lei e cadde sulla schiena. "E adesso?" chiese incuriosito

mentre lo fissava, sembrando divorarlo con gli occhi. Lui potrebbe

si sentiva diventare più caldo anche mentre lei lo fissava, senza toccarlo. Poi lei

le mani si allungarono per sfiorargli leggermente il petto, e lui si sentì teso

le sue mani si avvicinarono, e poi si allontanarono di nuovo, stuzzicandolo con cautela

evitò di toccare la sua verga. Poi sorrise e si chinò fino a baciarlo leggermente

è sulla punta. Si voltò a guardarlo e vide che lui la guardava

attraverso gli occhi velati di passione.

"Ti diverti ancora?" chiese scherzosamente.

Rob annuì, sapendo che la sua voce non avrebbe più funzionato. Quando sembrava

lei si era fermata, lui cercava di far funzionare le corde vocali. La sua voce venne fuori

come se non fosse stato usato per un bel po'. "Vai avanti, continua quello che vuoi

stavano facendo."

Lei inclinò la testa e gli sorrise, spostandosi i capelli dietro

le sue orecchie. "Continuare cosa? Questo?" Lei sfiorò leggermente la sua mano sulla sua

petto e poi sul pene. "O questo?" Sistemandosi i capelli dietro le orecchie,

lei si chinò e lo prese in bocca. Lo sentì tendersi e lo sentì gemere

mentre le sue dita si intrecciavano tra i suoi capelli, spingendola a continuare. Lei lo accarezzò

le palle con una mano, mentre la sua lingua esplorava la sua verga, leccandola su e giù,

poi stuzzicare la zona sensibile della testa. Sentì che i suoi fianchi cominciavano

muoversi, e il suo respiro si fece affannoso, e si ritirò rapidamente prima che potesse farlo

orgasmo.

"Un-unh." Lei scosse la testa e agitò un dito contro di lui. "Non fare

finché non sei dentro di me."

Rob sorrise. In tutta la sua immaginazione della settimana precedente, non l'aveva mai avuto

fantasie di Hillary come questa. Lui si allungò e la tirò sopra di lui,

gemendo quando sentì il suo monticello umido sfiorarlo. Le sollevò i fianchi,

e guidandosi con una mano, si immerse rapidamente dentro di lei, sistemandosi

lei contro lui.

I suoi occhi si spalancarono per la sorpresa quando lo sentì scivolare nel profondo, allora

addolcito nel piacere del sentimento. A causa della sua timidezza, lei

in realtà aveva poca esperienza, e la maggior parte non era stata così terribile

piacevole. Ma quella notte si stava rivelando indimenticabile!

Rob aspettò finché sembrò che Hillary si fosse rilassata di nuovo, poi lentamente

cominciò a muoversi. Si appoggiò allo schienale, con i seni spinti in avanti contro quelli di Rob

palme, mentre le massaggiava i capezzoli. I suoi fianchi si mossero, allontanandosi da lui,

poi di nuovo vicino, spingendolo ogni volta più profondamente dentro di lei. Le sue mani caddero

alla vita, muovendosi per accarezzarle le natiche, poi scivolando in avanti, a

dove poteva sentire se stesso entrare in lei. Ritrovò di nuovo il suo piacere

pulsante e massaggiarlo delicatamente. Poteva sentirsi vicino al limite, ma

era determinato ad aspettare Hillary.

Hillary sentì il calore accumularsi tra le sue gambe. Il suo respiro entrò

brevi sussulti ogni volta che sentiva le mani di Rob toccarla. L'afferrò

fianchi, attirandola con forza contro di sé, spingendola sempre più in profondità dentro di lei,

finché non sentì il suo mondo esplodere all'improvviso. Le venne strappato un grido, e

si sentì crollare contro il petto di Rob.

Mentre Hillary gridava, Rob si spinse profondamente dentro di lei, sentendo il suo cazzo

scoppiò, riempiendola di fluidi caldi mentre crollava tra le sue braccia.

Quando tornò alla realtà, sentì le braccia di Rob intorno a lei, calde

e confortante contro la sua schiena. I suoi occhi si aprirono per incontrare quelli di Rob.

Vide un'espressione mista nei suoi occhi, di meraviglia e sorpresa e

gratitudine, e sentiva che questo si rifletteva nella sua stessa espressione. Lei

allungò la mano per baciarlo leggermente, dolcemente, finché il bacio non divenne più caldo e profondo.

Quando lei si tirò indietro, lui le stava sorridendo.

"Che cosa?" chiese, sicura che stesse pensando di dire qualcosa.

"Dovrei incontrare più donne sul tetto," sorrise.

Lo colpì leggermente sulla spalla. "Cattivissimo!" Lei sorrise di rimando

lui. "Immagino che questo significhi che dovrò semplicemente prendere di nuovo il sole sul tetto

a volte."

Rob le fece scorrere lentamente le mani lungo la schiena. "Quando lo farai, come preferisci?"

qualche compagnia? Conosco questo tetto carino, fuori mano, dove *nessuno* mai

va..."

Hillary gli sorrise. "È un appuntamento." Lei sbadigliò, coprendosi la bocca

sorpresa. "Penso che tu mi abbia sfinito!"

Rob la tirò contro di sé, facendola scivolare via da sé finché non si sdraiò

rannicchiato contro il suo corpo nell'incavo del braccio. Le strofinò il fianco

collo, sussurrando: "Vai a dormire, Hillary. E fai sogni d'oro. E quando

ti svegli, io sarò ancora qui."

Guardò mentre Hillary sorrideva e sussurrava: "Sono felice". Poi con

un altro sbadiglio, chiuse gli occhi. Si sistemò accanto a lei, abbracciandola

stretto tra le sue braccia. Si sentiva bene lì. Strofinandola delicatamente la schiena fino a

Si è addormentata, ha pensato a come sarebbe stato lì quando si è svegliata

La mattina - e cosa avrebbe fatto quando si svegliò - fino a quando non si addormentò

con un sorriso sul viso.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.3K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.7K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.8K I più visti

Likes 0

AGGIORNAMENTO E SCUSE AI LETTORI SI PREGA DI LEGGERE!!

Aggiornamento rapido: attualmente a partire da giovedì 1 agosto 2013 alle 7:14 vorrei informare i miei lettori che riscriverò i capitoli 2 e 3. saranno molto più dettagliati e più lunghi ci sono anche scene che saranno importanti alla storia in seguito. i capitoli dovrebbero essere finiti al massimo entro la fine di oggi, ma molto probabilmente verranno rilasciati prima. il quarto capitolo sarà scritto subito dopo le parole e anche pubblicato. Vorrei anche scusarmi per la qualità del mio lavoro, non sono stati nemmeno all'altezza dei miei standard in quanto una delle mie prime storie mai scritte l'ho preceduta per...

1.8K I più visti

Likes 1

Sogno di compleanno

Buonanotte, ragazzi, e grazie ancora per i fantastici regali. Va bene, mamma... e possiamo dire che stai invecchiando visto che vai a letto così presto. Non sono vecchio, ragazzini... ho appena avuto una giornata molto lunga e ho bisogno di dormire. Certo, mamma, qualunque cosa tu dica e i tuoi figli scoppiano a ridere mentre esci dal soggiorno e torni in camera da letto. Ti chiudi e chiudi a chiave la porta dietro di te, poi ti spogli. Una doccia veloce, pensi, e poi te ne andrai per un po' di sonno tanto necessario. Sorridi tra te stesso mentre pensi a...

1.7K I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

1.6K I più visti

Likes 0

La mia mente era congelata nel tuo amore

Capitolo 1: Era stata la peggior fortuna che avessero mai avuto. Una strana bufera di neve li aveva bloccati nel loro ultimo rifugio e avevano perso il volo di linea fuori dal paese. Red era stato in contatto con Dembe per fargli sapere che non sarebbero stati in grado di raggiungere la pista di atterraggio dove il suo jet privato era in standby, in attesa di portarli via all'estero. Il ritardo sarebbe indubbiamente costato loro un certo inconveniente: Red aveva sperato di riunirsi con Dembe ormai, i nervi di Lizzie si stavano logorando e, per finire, era la vigilia di Natale...

1.8K I più visti

Likes 0

IL PRESIDENTE E LA PAGINA

L'anno era un po' nel futuro e c'era un uomo nell'Oval Ufficio che doveva scopare con qualsiasi persona con una vagina. E il suo il gusto nella figa era terribile e sconsiderato. Quindi non è stata una sorpresa per nessuno americano di sangue rosso quando ha sentito parlare della storia del Il presidente e la pagina. So che muori dalla voglia di sentirlo, quindi ecco qui è. Era una pagina di 21 anni carina (ma non proprio carina) che glielo ricordava di sua moglie (prima che colpisse il muro e le crescesse la propria serie di testicoli). Aveva lavorato alla Casa...

1.6K I più visti

Likes 0

Insegnanti Pet_(1)

Signor Walker! La voce del mio insegnante di inglese mi colse alla sprovvista. Ero fondamentalmente un ragazzo timido, non ancora abituato a queste cose del liceo, e ho cercato di stare fuori dai riflettori. Dato che i miei genitori avevano deciso di trasferirsi in un nuovo quartiere, ho dovuto ricominciare da capo a farmi degli amici. Ho dovuto frequentare questa scuola pubblica per il mio secondo anno dopo essere stata in una scuola cattolica per la maggior parte della mia vita. Ora, lunedì della mia seconda settimana di scuola, sembrava che fossi nei guai. Signor Walker! Questo tipo di scherzo non...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.