La mia tettona zia Rebecca

229Report
La mia tettona zia Rebecca

"Mi dispiace disturbarti", ripeté ancora Emma.

"Va tutto bene", le ho sorriso, "Se succede di nuovo qualcosa, chiamami."

Con un gesto della mano mi voltai e camminai lungo la strada.

Era una calda giornata d'aprile; una leggera brezza mi sfiorava dolcemente il viso e il corpo. Oltrepassai Jefferson Street, oltre i cespugli di magnolia. Un odore dolciastro mi colpì le narici. Jackie viveva qui; era la collega di lavoro di mia madre. Una volta stavo riparando anche il suo portatile. Jackie ha circa 40 anni ma ha un aspetto molto giovanile.

Un'immagine balenò nella mia memoria: Jackie in top bianco e pantaloncini corti. Il tempo era particolarmente caldo quel giorno e lei non indossava il reggiseno, quindi potevo vedere i capezzoli che si vedevano attraverso la maglietta.

Sentivo che il mio cazzo si stava indurendo. Dio! Vorrei poter schiaffeggiare quei capezzoli con il mio schlong!

Non c'era nessuno a casa, probabilmente mia madre e il patrigno se ne sono andati da qualche parte per i loro affari. Mi sono preparato un succo d'arancia e sono andato in soggiorno. Ho acceso il condizionatore. Una grande porta finestra del soggiorno, quasi tutta la parete, si affacciava sul lato sud e durante il giorno l'aria si riscaldava piuttosto rapidamente, soprattutto con un tempo così soleggiato. Era molto luminoso qui. Lo spazio del soggiorno era letteralmente inondato di luce solare.

Sembra che l'atmosfera primaverile e i pensieri di Jackie abbiano fatto il lavoro, quindi mi sono seduto sul divano, ho tirato fuori con nonchalance il cazzo e ho iniziato a masturbarmi.

All'improvviso il mio cellulare squillò. Saltai sul posto e senza vestirmi corsi in cucina dove c'era il telefono. Per qualche ragione, ho cominciato ad agitarmi terribilmente quando venivo interrotto in quei momenti. Il mio pene, che era già notevolmente aumentato di dimensioni, ma non aveva ancora acquisito la durezza di pietra, penzolava tra le mie gambe.

La mamma ha chiamato.

"Ciao caro. Come ti senti?"

Ero piuttosto seccato a dire il vero. Non mi è piaciuto quando sono stato interrotto nel processo.

Senza aspettare una risposta, mia madre continuò:

“Zia Rebecca chiede aiuto.”

In realtà non era mia zia, proprio come la chiamava mia madre. Rebecca è una cara amica della nostra famiglia da molto tempo. Stava spesso a casa nostra e con lei avevo un ottimo rapporto. Beh, quasi come con una vera zia, a parte il fatto che a volte mi arrapavo parecchio parlando con lei. A 40 anni aveva un bell'aspetto. Grandi tette, bel culo stretto, bionda dai capelli corti. Una MILF davvero tettona. Naturalmente, ho cercato di non darlo a vedere quando parlavo con lei. Ma ho passato parecchio tempo a immaginare zia Rebecca e a sviluppare la mia erezione.

Rebecca era divorziata e aveva una figlia di nome Karina che aveva circa 20 anni proprio come me, ma per qualche motivo non abbiamo mai parlato veramente con lei. Inoltre, negli ultimi anni ha frequentato il college in un'altra parte del paese.

Allora, Rebecca ha avuto dei problemi con il suo portatile. E anche se non avevo voglia di andare di nuovo da qualche parte, non vedo Rebecca da diverse settimane in quel periodo. E come ho detto prima, siamo sempre andati d'accordo. Ma forse è stato un errore andare da Rebecca con la mia libido al limite...

Ho bussato; zia Rebecca aprì la porta. Indossava una camicetta azzurra e jeans attillati.

"Oh ciao, ti stavo proprio aspettando."

Ci siamo abbracciati; Ho sentito un leggero profumo floreale del suo profumo. I suoi seni premevano contro di me. Maledizione, forse avrei dovuto svuotarmi le palle prima di andare a casa di Rebecca.

Sono andato in soggiorno. Una ragazza sconosciuta dai capelli lunghi era seduta al tavolino.

“Karina è tornata a casa per il fine settimana. Ti ricordi di lei?" disse Rebecca.

“Oh sì, certo. Ciao, Karina." In realtà, ho visto Karina l'ultima volta qualche anno fa e devo dire che è cambiata molto da allora. Leggings blu le abbracciavano strettamente il sedere, un top con maniche corte e un'ampia scollatura le metteva in mostra il seno, che non era inferiore a quello di sua madre.

"Ehi", Karina sorrise.

"Vuoi qualcosa da bere?" chiese zia Rebecca.

“No, grazie”, risposi un po' duramente, “non ho molto tempo. Diamo subito un'occhiata al tuo laptop."

In realtà volevo andarmene da lì il prima possibile. La presenza di due belle signore (una delle quali era mia zia!) non era per niente rilassante. Avevo davvero bisogno di rompere una noce.

"Oh, ok", Rebecca sembrava un po' offesa. Probabilmente sorpreso dalla mia dura risposta. Si aspettava che ci sedessimo e chiacchierassimo davanti a una tazza di tè come tante volte prima.

“A dire il vero non mi sento bene dopo un lungo viaggio. Mi scusi se vado a riposarmi un po'?" chiese Karina.

“Certo, nessun problema”, risposi e mi sedetti sul divano.

Zia Rebecca andò a prendere un portatile e Karina salì di sopra. Ho guardato il culo stretto di Karina, poi quello stretto di Rebecca; Mi appoggiai stancamente allo schienale del divano e mi misi una mano sull'inguine. Dannazione, quella pressione mi ucciderà!

Rebecca portò il suo portatile e lo posò sul tavolino, poi si sedette sul divano accanto a me. Quando mi sono chinato sul portatile, per sbaglio le ho passato la mano sul ginocchio. Sicuramente non se lo aspettava, ho visto come sussultava. Onestamente non ho idea del perché l'ho fatto. Apparentemente, a quel punto, il mio cazzo aveva preso il pieno controllo di ciò che stava accadendo.

Zia Rebecca si alzò dal divano:

"Sai, andrò comunque a prepararci un po' di tè."

A quanto pare, ha deciso di far finta che non fosse successo nulla. Andò al tavolo della cucina per accendere il bollitore. Rimasi seduto per un po' fissando senza espressione lo schermo del portatile. Ho sentito una forza incontrollabile risvegliarsi in me.

Mi alzai e le andai incontro da dietro. Rebecca aveva appena preparato il tè e messo la teiera e le tazze sul vassoio. "Lascia che ti aiuti", mi sono avvicinato e ho allungato le mani come se volessi prendere il vassoio. Ho premuto contro il culo di Rebecca stretto dai jeans attillati con la mia erezione. Rebecca tremò, il vassoio le sussultò tra le mani e una delle tazze cadde a terra e si frantumò. Rebecca si chinò per raccogliere i pezzi.

“Oh, colpa mia. Lascia che ti aiuti», ripetei.

"No, no, va bene", rispose rapidamente Rebecca. Sembrava che fosse un po' confusa.

Mentre raccoglieva i pezzi di una tazza rotta, io fissavo il suo culetto stretto. Il mio cazzo era duro come la roccia in quel momento. Ho tirato fuori la mia erezione, stringendola delicatamente, mentre zia Rebecca non può vedere.

Poi ci siamo seduti a bere il tè e a chiacchierare. Anche se cercava di non darlo a vedere, la vedevo confusa. Anche se Rebecca non ha detto una parola sul mio strano comportamento, ma per tutto il tempo che abbiamo chiacchierato, ha fissato la mia erezione che i miei pantaloni non riuscivano affatto a nascondere.

Mi sono seduto su una sedia di fronte a Rebecca. Il tè era delizioso con un leggero aroma di lampone. L'ho inspirato profondamente, ho sentito il calore della tazza con le mani. Tutti i miei sensi si sono intensificati. Poi mi sono alzato dalla sedia, zia Rebecca ha alzato verso di me gli occhi sorridenti; si limitò a portare la tazza alla bocca. Mi sono avvicinato a lei e le ho teso la mano, scivolando nella sua scollatura. Con delicatezza e sicurezza ho fatto scorrere la mano sul suo seno sinistro, sotto il reggiseno, ho fatto scorrere le dita sul suo capezzolo. Non ho esitato affatto prima di farlo, ora ero già come in una sorta di trance sessuale.

"Hai un seno molto bello."

Mi guardò senza distogliere lo sguardo. I suoi occhi erano pieni di confusione e... lussuria.

"Non l'hai ancora visto", ha detto, come se si offrisse di strapparle il reggiseno in questo momento.

Mi sono chinato e l'ho baciata sulle labbra, non forte, ho semplicemente premuto le mie labbra sulle sue, ma ho sentito come ha risposto. Ho continuato ad accarezzarle il seno. Con l'altra mano mi toccavo il cazzo attraverso i pantaloni. Zia Rebecca mi coprì la mano con il palmo, poi con un movimento delicato mi tolse la mano dai pantaloni, e mi strinse con forza il pene. Non tanto dolore, ma un'ondata di eccitazione che mi attraversava dalle dita dei piedi fino alla sommità della testa.

Non ha tolto la mano dal mio inguine, continuando a massaggiarmi il cazzo; solo che adesso mi ha messo la mano nei pantaloni e mi ha massaggiato il cazzo attraverso la biancheria intima. Con una mano le accarezzavo il seno, con l'altra cominciavo a slacciare i bottoni dei jeans di Rebecca. Poi ho iniziato ad accarezzarle la figa. Era bagnata da morire.

Poi, senza preavviso, si inginocchiò. Tutto dentro di me tremava di anticipazione. Rebecca mi ha tolto i pantaloni e la biancheria intima fino alle ginocchia, ha afferrato il pene con la mano insieme alle palle e se lo è portato alla bocca. Potevo sentire la vena del mio pene pulsare sotto il suo indice.

All'improvviso, da qualche parte in alto, ho sentito il rumore di una porta che sbatteva, e poi dei passi rapidi! Il cuore nel mio petto perse un battito, mi infilai i pantaloni e raddrizzai il cazzo in modo che la mia erezione d'acciaio non fosse troppo visibile.

"Cosa stai facendo qui?" Karina guardò stupita sua madre inginocchiata. Mi ero però già allontanato di qualche passo da Rebecca per non destare sospetti.

Zia Rebecca fissò sua figlia per qualche secondo, incapace di pronunciare nulla. Poi si ricompose.

"Ho lasciato cadere una chiavetta USB sotto il divano", ha detto Rebecca.

"Posso aiutarti, mamma?"

“No caro, grazie”, sorrise Rebecca, “volevi fare un pisolino. Quello che è successo?"

“Sì, ho dimenticato di chiamare Brandon. Ma non riesco a trovare il mio cellulare. Darò un'occhiata in macchina", rispose Karina e andò alla porta d'ingresso.

Sembrava che Karina non si fosse accorta che Rebecca aveva i jeans sbottonati.

Zia Rebecca mi guardò: ero seduta su una sedia e tenevo la mano sulla mia erezione dura come la roccia. Sembrava che mi scoppiassero le palle dall'interno.

Poi Karina è tornata. Borbottando qualcosa come “Non riesco a trovare il mio cellulare” cominciò a guardarsi intorno nel soggiorno.

“Dannazione a te, ragazza! Ma non andrò da nessuna parte senza aver inserito un cazzo in tua madre!"

Alla fine trovò il cellulare e salì di nuovo le scale. Per circa un minuto mi sono seduto e ho capito come isolare Karina in modo da avere il tempo di scopare zia Rebecca.

Poi mi sono alzato e sono andato al secondo piano dopo Karina. Entrò nella sua stanza e chiuse la porta. Rimasi un attimo nel corridoio. La porta di una delle camere da letto era aperta. Guardando lì ho visto una sedia, l'ho afferrata e l'ho messa davanti alla porta della stanza di Karina, bloccando la maniglia della porta con lo schienale della sedia. La porta si apriva verso l'interno, quindi avrebbe dovuto funzionare.

Poi sono andato di sotto. Rebecca mi guardò in attesa. Era seduta sul divano con le gambe incrociate e giocherellava nervosamente con l'orlo della camicetta.

"Ascolta..." cominciò.

"Va tutto bene", la interruppi, avvicinandomi rapidamente a Rebecca. Le ho dato la mano e lei si è alzata. Con movimenti sicuri, le ho tolto la camicetta e le ho abbassato le coppe del reggiseno. Le sue tette fuoriuscivano dalle coppe e io fissavo le grandi tette bianche e rotonde di Rebecca, ricoperte da areole scure di grandi dimensioni e capezzoli duri come la roccia. Ho palpato quelle tette e i capezzoli duri e mi sono sentito dannatamente bene.

Zia Rebecca si è inginocchiata di nuovo, mi ha tirato fuori il cazzo e ha cominciato a succhiarlo. Dall'alto giungeva la voce di Karina, che parlava al telefono.

Indicai Rebecca sul divano. Capì tutto senza parole, salì sul divano, cominciò ad abbassarsi i jeans.

"Lo farò da solo", ho detto.

Si chinò e appoggiò le mani sullo schienale del divano, sollevando il sedere. Le ho tolto i jeans e le mutandine. La sua figa era completamente bagnata, ho avvicinato il mio viso, inalando il profumo di una donna lussuriosa. Poi mi sono alzato di scatto dalle ginocchia e mi sono abbassato i pantaloni. Ho preso il mio pene con la mano e l'ho portato nella sua figa.

Poi mi è venuto un pensiero inaspettato:

“Senti, non ho...” cominciai, ma lei mi interruppe:

"Non preoccuparti, prendo la pillola."

"Va bene, così posso venirti dentro", mi balenò in testa inaspettatamente. Ma questo pensiero mi ha eccitato ancora di più. Ho deciso che il lubrificante sotto forma di saliva della zia era sufficiente e non le ho chiesto, oltre alla protezione, se ci fosse del lubrificante in casa. Ma per il futuro, ho notato che nelle prossime visite a zia R, sarà necessario portare con me qualcos'altro oltre alla chiavetta USB.

Ho portato il mio cazzo nella sua figa, l'ho passato delicatamente sulle labbra. Zia Rebecca gemette piano. Poi ho iniziato a inserire gradualmente il cazzo nella vagina. Ho iniziato con piccoli movimenti ritmici e ho gradualmente aumentato la velocità e la forza dell'attrito. Ad un certo punto, ha iniziato a sembrare una perforazione dura che viene mostrata solo nel porno. Rebecca gemette forte. Da qualche parte nel profondo della mia coscienza, balenò il pensiero se Karina avrebbe sentito i gemiti di sua madre. E anche del fatto che questa è l'amica di mia madre e quasi mia zia e non è bello scoparsela. E poi tutti i pensieri furono annegati nel ritmo di questa folle scopata.

Anch'io sono salita sul divano con le ginocchia, ho afferrato zia Rebecca con tutto il corpo da dietro e le ho stretto le tette con le mani. Rebecca gemette, io ringhiai, continuando i miei movimenti in avanti. Tutto si fondeva davanti a me in un unico flusso: i gemiti di Rebecca, il calore del suo corpo e il calore della sua vagina, che avvolgeva strettamente il mio cazzo.

Si udì bussare dall'alto:

"Mamma, non posso uscire", gridò Karina. Rebecca gemette piano.

"Aspetta mentre scopo tua madre", mi balenò in testa. Ho intensificato ancora di più i movimenti. Ora tenevo Rebecca per i fianchi e la scopavo con spinte pesanti e potenti. I nostri corpi si sfiorarono con sonori schiaffi. Quando la tensione ha raggiunto il limite, ho tirato fuori il cazzo dalla figa di Rebecca e ho finito sulla sua schiena. Un potente getto di sperma denso e caldo eruttò dalla mia uretra, liberandomi e prosciugandomi mentre copriva le natiche e la schiena di Rebecca. Il getto era così potente che schizzò anche dietro il divano, colpendo i capelli e il viso di zia Rebecca quando la sua testa era leggermente girata di lato. Lei gridò con un sussulto. Poi ho continuato i movimenti di attrito per un po', restituendo il mio cazzo a Rebecca.

Poi mi tirai indietro e mi alzai, asciugandomi il sudore dalla fronte. Ero esausto. Zia R si alzò dal divano, asciugandosi qualche goccia di sperma dalla guancia destra e si inginocchiò davanti a me. Prendendo con attenzione il mio cazzo devastato ma ancora duro, lei lo chiuse attorno alle labbra. Prendendomi le palle per mano, ha spinto il mio cazzo ancora più in profondità, facendo movimenti di suzione con la bocca, succhiandomi il resto dello sperma.

Restammo in questa posizione ancora per qualche minuto: io stavo con le mani sui fianchi e Rebecca con il mio cazzo in bocca. Ma un bussare sempre più forte dal secondo piano costrinse Rebecca ad allontanarsi da me. Poi si vestì in fretta e corse al secondo piano per salvare sua figlia dalla prigionia.

Rebecca ha detto a Karina che la porta era bloccata, cosa che succede spesso ultimamente. Rebecca scese per prima le scale, seguita dalla figlia.

Sono rimasto seduto tutto questo tempo sdraiato sul divano, il mio cazzo era spremuto come un limone, risucchiato fino in fondo da zia Rebecca, ma era ancora grosso e duro e giaceva tranquillo sulla mia pancia.

Zia Rebecca, vedendomi sul divano completamente nuda, fece uno sguardo frenetico. Questo sguardo mi strappò dal languore beato, afferrai convulsamente i miei vestiti e corsi nell'angolo più lontano della stanza cominciai a vestirmi.

Karina andò in cucina. Mentre Karina era in cucina, Rebecca si asciugò frettolosamente il mio sperma dal divano e dal tappeto con un tovagliolo. Grandi macchie erano ora chiaramente visibili sullo schienale del divano. "Ha anche la sborra sulla schiena", pensai, guardando zia Rebecca.

All'improvviso mi sono ricordato che non avevo riparato il portatile di zia Rebecca. Ma ho deciso di non ricordarglielo, così avrei avuto un motivo per tornare. Forse domani...

“Se succede qualcos'altro al tuo computer, chiamami” - dissi salutandola. Zia Rebecca sorrise misteriosamente e Karina gridò mentre saliva al secondo piano "Ciao, forse ci rivedremo!"

“Spero di vederti”, ho pensato. Mentre chiudevo la porta dietro di me, ho notato un paio di gocce di sperma sui capelli di zia Rebecca. Mi sono voltato e ho camminato per la strada. La calda giornata primaverile era ancora in pieno svolgimento e una leggera brezza soffiava piacevolmente sul mio viso.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.3K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.7K I più visti

Likes 0

Tarda Serata Parti 2 e 3

Parte 2 La mattina dopo la serata a sorpresa con Delia, Judy non ha menzionato quello che era successo e non sembrava interessata a parlarne. Dopo averla vista godersi il sesso in modo così lascivo, speravo e mi aspettavo che la nostra vita sessuale fosse cambiata in meglio. Più tardi la mattina dopo che si era fatta la doccia, i bambini avevano mangiato ed erano stati a un torneo di calcio tutto il giorno con il nostro vicino, sono andato dietro a Judy in cucina e ho spinto il mio cazzo duro contro il suo culo e ho allungato la mano...

1.8K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.7K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

1.9K I più visti

Likes 0

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.7K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.8K I più visti

Likes 0

AGGIORNAMENTO E SCUSE AI LETTORI SI PREGA DI LEGGERE!!

Aggiornamento rapido: attualmente a partire da giovedì 1 agosto 2013 alle 7:14 vorrei informare i miei lettori che riscriverò i capitoli 2 e 3. saranno molto più dettagliati e più lunghi ci sono anche scene che saranno importanti alla storia in seguito. i capitoli dovrebbero essere finiti al massimo entro la fine di oggi, ma molto probabilmente verranno rilasciati prima. il quarto capitolo sarà scritto subito dopo le parole e anche pubblicato. Vorrei anche scusarmi per la qualità del mio lavoro, non sono stati nemmeno all'altezza dei miei standard in quanto una delle mie prime storie mai scritte l'ho preceduta per...

1.8K I più visti

Likes 1

La nuova vita di Aria Pt3

Aria Mi sono svegliato con un sussulto tra le braccia di mio padre. Cosa c'è che non va, Aria? mi chiese preoccupato. Solo un sogno 'strano', immagino. Sudavo e tremavo. Il re deve averlo notato. “Sei venuto mentre stavi dormendo. Sei venuto spesso in questi ultimi due giorni.» Mi prese tra le sue braccia e mi tenne stretta. Nel momento in cui sono tornato tra le sue braccia ho iniziato ad avvolgere il mio corpo intorno al suo, cercando di più. Papà, per favore, ho supplicato. Assolutamente sì, Aria. Detto questo, iniziò a baciarmi e mi adagiò sulla schiena, stritolandomi. I...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.