Il ragazzo dell'ufficio - Parte 8

485Report
Il ragazzo dell'ufficio - Parte 8

Il mio mondo è caduto dai miei piedi. Inciampai di nuovo sul divano e fissai il messaggio di Emma.

Ieri sera, in un'atmosfera da ubriaco di lussuria, pensavo di scopare Becky. Pensavo di fare qualcosa che lei mi aveva dato il permesso di fare. Pensavo fosse il suo corpo quello che stavo toccando. Pensavo fosse lei quella in cui stavo entrando. Come potevo non saperlo?

Lo sapevo? Oh Dio...lo sapevo?

Emma è circa trenta centimetri più bassa di Becky. Becky ha i capelli biondi, Emma è scura. Come ho fatto a non rendermene conto? Come potrei farlo? Sono malato... sono un malato pervertito... sono... merda... mi ammalerò.

Corsi lungo il corridoio fino al bagno. Mi sono lanciata in bagno e ho svuotato la mia pancia marcia nella tazza. Ho avuto conati di vomito e convulsioni per almeno 5 minuti. Dopo essermi spurgato, mi sono seduto appoggiandomi alla vasca e mi sono asciugato la bocca. Le accuse e i pensieri mi circondavano la testa. Mi sentivo un criminale. Mi sentivo inutile. Ho pianto. Forse era lo stato tenero del mio corpo imbevuto di alcol, ma ho pianto come non avevo mai pianto prima. I singhiozzi profondi e ansimanti lasciarono il posto a ulteriori conati di vomito, i conati lasciarono il posto a ulteriori purghe.

Dopo 20 minuti di pianto incontrollabile mi alzai. Sono andato alla doccia e l'ho accesa. Mi lavai i denti e entrai nel getto di acqua calda. La combinazione di calore rilassante e vapore mi ha calmato un po'. Avevo bisogno di parlare con Emma... avevo bisogno che lei sapesse che quello che era successo era tutta colpa mia e che era stato un errore. Un errore orribile, orribile.

Mi appoggiai alla parete della doccia e lasciai che l'acqua mi scorresse addosso. Ho ripercorso i miei ricordi e ho cercato di vedere se in qualsiasi momento pensavo tra me e me che fosse Emma nel mio letto e non Becky. Era buio e ricordo di aver sentito l'odore di alcol e profumo. Sembrava così familiare. Il modo in cui ero scivolato dentro di lei non era diverso dal modo in cui la figa di Becky mi aveva preso. Ho guardato in basso e sono rimasto inorridito nel vedere che ero eretto. Sono l'uomo peggiore sulla terra.

Mi sono asciugato, mi sono messo dei pantaloni della tuta e una maglietta e sono andato in salotto. Mi sono seduto di nuovo sul divano e ho guardato il telefono. Il messaggio di Emma sembrava essere scritto in grassetto rispetto agli altri messaggi che lo circondavano. Ho visto che c'era un altro messaggio di Becky. L'ho aperto.

B-Tutto bene?

Ho cliccato fuori dal messaggio e sono tornato al messaggio originale di Emma. Dovevo parlarle. Ho risposto:

M - Vieni appena puoi.

L'ho inviato e mi sono sentito di nuovo male. Ho cliccato sul profilo di contatto di Becky e ho sentito il segnale di linea. Dopo qualche secondo rispose.

"Ehi tu," sembrava allegra. "Mi dispiace tanto per ieri sera, ero distrutto così Sarah mi ha portato a casa. Ero così in stato che non l'ha nemmeno provato."

"Mi sei mancato."

"Awwwww.....tu, tenero. Hai già sentito Emma? Stavo pensando che forse tu e lei vorreste uscire stasera senza che la vostra nuova ragazza sia nei paraggi?"

Ho sentito il mio telefono ronzare e l'ho sentito squillare. Avevo ricevuto un messaggio di testo.

"Non ho ancora avuto notizie da Emma, ​​ma il mio telefono ha appena squillato, quindi forse è lei."

"Tutto bene, Micky? Sembri davvero... strano."

"Solo una sbornia mortale... sai, rimpianti immediati e tutto il resto."

"Non lo so. È stata una mattinata complicata."

"Posso richiamarti quando saprò cosa sta succedendo con Emma?"

"Certo. Non metterci troppo tempo però. Divento molto arrapato una volta che i postumi della sbornia passano." Detto questo Becky riattaccò.

Ho controllato il messaggio: era di Emma.

E - Arrivo adesso. Essere lì tra 5 minuti.

Perché era nel mio letto... perché non poteva semplicemente andare nell'altra stanza? Sono andato nella stanza degli ospiti e ho aperto la porta. Fissai il letto degli ospiti. E poi fissavo le cartelle e le scatole che avevo messo sul letto degli ospiti mentre ripulivo il mio spazio di lavoro dai vecchi documenti di lavoro. Non dormiva nella stanza degli ospiti perché il letto era ricoperto di enormi cartelle piene dei miei lavori di merda. Bravo Micky... sei un vero idiota.

Emma non sapeva che stavo aspettando compagnia ieri sera, quindi avrebbe pensato che quando avessi visto qualcuno nel mio letto lo avrei svegliato, avrei usato la stanza degli ospiti o forse anche il divano.

Bene, questa si è appena trasformata nella tempesta di merda perfetta.

Tornai in cucina e bevvi altra acqua. La confusione nella mia testa stava lentamente iniziando a calmarsi mentre i postumi della sbornia uscivano da me minuto dopo minuto. Ho ripulito i pochi piatti nella vasca e ho pulito alcune superfici cercando di far passare il tempo velocemente. O forse stavo cercando di prolungare il tempo per non dover affrontare Emma.

Poi si udì un tintinnio alla porta e il rumore di una chiave che veniva infilata nella serratura. Ho saltato un po'. Mi sono assicurato che tutto fosse a posto nell'appartamento e ho aspettato che la porta si aprisse.

Irruppe come un piccolo tornado. I suoi occhi erano rossi, i suoi capelli raccolti in una coda di cavallo. Indossava una vecchia maglietta con cappuccio e un paio di jeans scoloriti. Emanava furia. Ha lanciato la valigia contro il muro. Chiuse la porta sbattendola, si voltò di nuovo sulle punte dei piedi e mi guardò.

"CHE CAZZO MICKY! A cosa stavi pensando!"

Il suo assalto fu intenso: "Non sapevo che fossi tu, lo giuro. Devi credermi," supplicai debolmente

"Non sapevi che ero io? Non lo sapevi, cazzo?!"

"Era buio......."

"Non osare Micky. Come pensi che mi sia sentito svegliandomi con lo sperma di mio padre addosso?

"Parliamone......."

"Hai provato a scoparmi Micky....a giudicare dal mio stato penso che potresti davvero farlo!"

"Non lo sapevo nemmeno...."

Lei crollò e gridò: "Dannazione Micky... perché hai dovuto farlo... PERCHÉ?"

Si avvicinò al divano e si sedette. Con la testa tra le mani, singhiozzando. Tutto il suo corpo tremava. Volevo così tanto abbracciarla, ma sapevo che avrebbe peggiorato le cose. Mi sono seduto sulla sedia di fronte a lei.

"Ho bisogno che tu mi ascolti, Emma. Puoi lasciarmi parlare... per favore."

"Cosa Micky... cosa vuoi dire?" disse senza guardarmi.

"Onestamente, con la mano sul cuore, non sapevo che fossi tu. Da qualche settimana vedo una ragazza di lavoro chiamata Becky e quando mi hai detto che saresti stata da amici ho pensato di invitarla. Eravamo entrambi in sere separate, quindi le ho dato la chiave di qui in modo che potesse entrare. Quando sono tornato a casa ieri sera pensavo che fossi lei... non avevo motivo di credere che fosse qualcun altro." Stavo parlando a un milione di miglia all'ora.

"Mi sono svegliato stordito e ho fatto qualcosa che doveva restare tra me e Becky... mi dispiace tanto, Emma... devi credermi."

Rimase seduta immobile. Ha ancora la testa tra le mani.

"Emma....se avessi saputo che eri tu sarei andata nella stanza degli ospiti o sul divano. Gesù, Emma, ​​mi dispiace tanto che tu ti sia dovuta svegliare."

Alzò lo sguardo dalla sua posizione seduta: "Eri dentro di me, Micky....."

Quasi persi la pazienza davanti alla sua dolorosa innocenza: "Lo so, tesoro. Mi dispiace così tanto. È solo che non so come farmi perdonare."

"Ho bisogno di una doccia. Posso farmi una doccia?"

"Certo che puoi. Vuoi che me ne vada?"

Lei fece il più piccolo dei sorrisi: "C'è una serratura sulla porta, vero?"

"Sì. Ma resterò da questa parte della casa."

Si alzò dal divano e si avvicinò alla valigia abbandonata. Lo prese e lo portò nella stanza degli ospiti. L'ho sentita aprire la cerniera e poi pochi minuti dopo sono uscita dalla stanza ed sono andata in bagno. Chiuse la porta. Ho sentito la serratura scattare in posizione.

Sono andato in cucina e mi sono preso un sorso d'acqua. Penso che mi abbia creduto. Speravo che mi credesse.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -----------------------------------

Sono andato nella stanza degli ospiti e ho tirato fuori tutti i file e le cartelle che stavano invadendo il suo letto. Mi sono assicurato che la stanza fosse allestita bene per lei. Volevo che si sentisse come se avesse uno spazio in cui poteva stare da sola se lo avesse voluto.

Una volta finito ho tirato fuori il telefono e ho chiamato Becky. Non ero sicuro di come avrei affrontato la cosa. Ha risposto dopo circa 3 squilli.

"Ciao straniero", fu la sua allegra risposta.

"EHI."

"Giusto, cosa sta succedendo Micky?"

Potevo sentire il formicolio delle lacrime in fondo ai miei occhi, "Ho fatto un errore davvero grave, Becky. Non credo di poterlo aggiustare."

"Ehi Micky...dimmi cosa è successo."

La mia voce tremava. Stavo facendo tutto ciò che era in mio potere per tenere insieme le cose, "Pensavo che lei fossi te... e ho fatto cose che ti piacciono ma non eri tu era lei ed è così arrabbiata ma non l'ho fatto" scopo perché ero ubriaco e non riesco a smettere di pensarci e mi odio..."

"MICKY.....woah.....Micky. Rallenta. Cosa hai fatto?"

"Ho scopato Emma."

Dall'altro capo del telefono silenzio totale. Completa, rilascia uno spillo di silenzio. Il tipo di silenzio che un cabarettista di merda sente quando pronuncia una battuta finale scadente.

"Era nel mio letto e ho pensato che fossi tu... è stata l'unica conclusione logica quando ho visto qualcuno nel mio letto. Potevi essere solo tu."

"Sta bene?" fu la risposta

"No...suo padre ha appena provato a fregarla!"

"Micky calmati. Cosa hai fatto? Voglio dire, dimmi cosa hai fatto veramente."

Le ho raccontato tutta la storia. Il tornare a casa ubriaco, guardando la sagoma nel letto. Le coccole, lo sfregamento, il fatto che ero dentro di lei e che le venivo addosso.

"Merda Micky... sto tornando."

"Pensi che sarebbe l'idea migliore?"

"Non ne ho idea... ma probabilmente è meglio che andare a caccia di cose peggiorando le cose. Puoi magari dirle che sto cambiando idea e chi sono... magari assicurarti che lei conosca la mia età."

Ha riattaccato. Non riuscivo a capire se fosse arrabbiata, ferita o entrambe le cose.

Emma è rimasta sotto la doccia per circa 40 minuti. Di solito avrei bussato alla porta dicendole di sbrigarsi, ma questa volta ho pensato che fosse meglio lasciar perdere. Quando finalmente emerse, fu attraverso un'enorme nuvola fluttuante di vapore. L'appartamento si riempì subito del delicato odore dei prodotti femminili. Camminò verso la stanza degli ospiti.

Emma uscì dalla sua stanza. Indossava una maglietta dei Guns 'n' Roses e un paio di jeans neri attillati. Era una ragazza molto carina con una bella figura. Ma ho subito distolto lo sguardo. Si sedette sul divano.

"Emma, ​​sai come ho detto che vedevo qualcuno dal lavoro."

"Come potrei dimenticare."

"Beh... sta arrivando. Penso che voglia incontrarti."

"Ohhh Micky, non ho davvero voglia di incontrare la tua nuova ragazza."

"Beh, verrà comunque e prima devo parlarti di lei."

Alzò lo sguardo con un'espressione addolorata: "Oh ragazzo... questa giornata diventerà più strana?"

L'ho ignorata e ho continuato: "Il suo nome è Rebecca. Lavora con me e abbiamo appena iniziato a vederci".

"Allora nel periodo della luna di miele?"

"Sì, qualcosa del genere. È davvero una ragazza fantastica e penso che ti piacerà davvero. È solo che... beh... è solo che è piuttosto giovane."

Mi ha lanciato uno strano sguardo di traverso: "Quanto sei giovane?"

Qui non c'è niente: "Lei ha 19 anni".

"DICIANNOVE! Come l'uno nove. Come la mia stessa età."

"Lo so, lo so, sembra davvero... ehm... strano. Ma sembra che funzioni. Mi ha reso felice per la prima volta in più di un anno."

"Diciannove... Gesù Micky. Cosa ti succede?"

"Non mi sta succedendo niente. Sono felice, Emma... beh, lo ero fino a ieri sera, cazzo."

Ho visto Emma inconsciamente portare entrambe le gambe nel petto. Il ricordo dell'incubo di quella mattina è ancora fresco nella sua mente.

"Vuoi parlarne con lei?" Le ho chiesto.

Lei alzò gli occhi al cielo, "Micky...non conosco nemmeno questa ragazza. Perché dovrei parlarle di qualcosa!"

"Beh, forse potrebbe essere in grado di aiutarti."

"Non ho bisogno di aiuto Micky, devo dimenticare che è successo. Puoi capirlo?" Detto questo si alzò e camminò lungo il corridoio ed entrò nella sua stanza chiudendo la porta.

Mi sono sdraiato sul divano e ho chiuso gli occhi. Cosa pensava Becky che sarebbe successo? In che modo questo avrebbe aiutato la situazione?

Devo essermi addormentato perché mi sono svegliato al suono delle chiavi che giravano nella porta d'ingresso. Si aprì e Becky entrò. Indossava una giacca sopra una camicia con colletto e una gonna di media lunghezza con le gambe nude. Era fantastica come al solito. Lei venne dritta verso di me e si gettò sulle mie ginocchia. Mi ha avvolto in un immenso abbraccio.

Mi ha abbracciato senza dire una parola per circa 5 minuti. Poi ruppe il silenzio.

"Dov'è Emma?"

"È nella sua stanza."

"È arrabbiata?"

"Lei è tranquilla."

"E tu come stai?"

"Sono dappertutto......."

"Vado a presentarmi."

Lei saltò giù e si aggiustò la gonna. Abbassò lo sguardo e vide che stavo montando una tenda con i pantaloni della tuta. Si mise le mani sui fianchi.

"Davvero Micky....dopo tutto questo e reagisci ancora così?"

Sembravo avvilito: "Scusa Becky. Eri sulle mie ginocchia e ha deciso di dare un'occhiata in giro."

Lei mi guardò e sospirò. Si chinò e mi diede un altro abbraccio. Poi, con mia totale sorpresa, ho abbassato la parte superiore dei pantaloni della tuta e dei boxer e ho liberato il cazzo. Lo inghiottì rapidamente con le labbra e iniziò a succhiarmelo velocemente. Dopo qualche minuto alzò lo sguardo e disse: "Dovrai venire subito. Ho bisogno di parlare con Emma".

Ha continuato a pomparmi con la mano e le labbra, occasionalmente facendomi gola profonda nel modo sorprendente di cui è capace. Tenevo d'occhio la porta della stanza degli ospiti ma rimaneva chiusa. Ho tirato fuori il telefono dalla tasca e ho cliccato sulla fotocamera. Ho iniziato a registrare l'azione assicurandomi di avere delle riprese nitide delle sue labbra che scivolavano su e giù lungo la mia asta. Meno di 2 minuti dopo potevo sentire il mio sperma salire.

"Sto per venire, tesoro." Ho sussurrato.

Lei annuì semplicemente e accelerò il passo. Mi sono irrigidito e poi ho sentito la sua lingua sulla parte inferiore del mio cazzo rilasciare quello che sembrava un litro di sperma nella sua bocca. Ho continuato a registrare mentre lei lottava un po' con la quantità ma alla fine è riuscita a ingoiarla tutta. Mi ha ripulito con la bocca e poi mi ha rimesso la tuta.

"Sei calmo adesso?"

Onestamente avrei potuto addormentarmi in quel preciso momento. "Adesso sono calmo. Grazie."

"E hai ripreso tutto dalla telecamera. Le cose che faccio per te, Micky."

"È per scopi 'calmanti'...medicinali, capisci."

Lei sorrise: "Beh, assicurati di mandarmene una copia."

Si voltò e si avviò verso la stanza degli ospiti. La vidi bussare piano alla porta e aprirla. Becky entrò e la porta si chiuse dietro di lei.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -----------------------------------

Non vidi nessuno dei due per le ore successive. Sono ripiombato nel mio sonnellino pomeridiano, spostandomi sul divano per mettermi comodo. Devo aver dormito bene per 2 ore. Mi sono svegliato di soprassalto ma mi sono sentito molto meglio. La porta di Emma era ancora chiusa e sentivo dei mormorii provenire dall'interno. Mi alzai e andai nella mia stanza. Ho rallentato un po' mentre mi avvicinavo alla porta di Emma, ​​ma le voci erano sommesse e non riuscivo a distinguere nessuna parola. Andai nella mia stanza e mi tolsi la tuta. Loro e i miei boxer erano un po' sporchi a causa del pompino, quindi li ho gettati nel cesto della biancheria e ho deciso di fare un'altra doccia.

Ho attraversato velocemente il corridoio fino al bagno e ho chiuso a chiave la porta (non avrei mai avuto una situazione imbarazzante con la porta aperta!). Ho aperto la doccia ed sono entrato. Mi sono insaponato assicurandomi di aver ripulito tutto lo sperma essiccato. Mentre mi pulivo ho preso coscienza delle mie mani sul pene e ho iniziato a indurirmi. Ho pensato tra me: "Perché diavolo no?" e ​​ho iniziato a masturbarmi. Ho chiuso gli occhi e ho pensato a Becky. Ma non era abbastanza per la mia immaginazione. Ho rivolto i miei pensieri a Becky che scopa Sarah nei bagni del pub. Immaginando i fianchi di Sarah che sfiorano le dita di Becky.

Ho immaginato Sarah che abbassava la bocca per inghiottire i grandi capezzoli di Becky. Facendoli scorrere con la lingua mentre Becky gemeva in segno di apprezzamento. Ho immaginato i loro corpi, spogliati dei vestiti, intrecciati l'uno con l'altro. Le loro gambe, fianchi, pancia e seni si spingono l'uno contro l'altro. Ho immaginato Emma cadere in ginocchio, con le mani appoggiate sulle natiche di Becky, spingendo la lingua nella figa gocciolante di Becky. Sondandosi la fica con le dita mentre la sua lingua trova il clitoride di Becky. Posso vedere Becky tremare fino ad un potente climax, inzuppando il viso di Emma nei suoi succhi. Becky tirava Emma in posizione verticale e poi cadeva in ginocchio ed esplorava la fica stretta di Emma con la sua lingua magica. Emma si sedeva sulla panchina con le gambe spalancate, la figa gonfia, il respiro affannoso.

No aspetta, aspetta, sono Sarah e Becky, non Emma e Becky.

Ho accelerato il passo, la mano si muoveva come un pistone sulla mia canna. La mia mente prende il sopravvento.

Potevo ancora vedere Emma ancora sulla panchina, ma ora ero io in piedi tra le sue gambe. Abbasso lo sguardo e vedo il mio cazzo scomparire dentro di lei. I miei fianchi spingono tutta la mia lunghezza nel profondo. Posso vedere il suo viso che mi guarda. I suoi occhi erano socchiusi dal piacere, la sua bocca aperta, i suoi fianchi che si muovevano a tempo con i miei. Il suo corpo luccicava di sudore.

Sento che sto per esplodere.

La immagino urlare nell'orgasmo mentre ricopro l'interno della sua vagina con sperma caldo.

Nel mondo reale, mentre vengo, posso sentirmi sussurrare: "Oh Emma, ​​oh tesoro, lasciami venire dentro di te..."

Le spesse corde di sperma si schiantano sul pavimento della doccia e scivolano lentamente nello scarico. Resto lì a riprendere fiato. L'acqua sembra essere più calda, il vapore più invasivo. Le mie gambe erano deboli, incapaci di sostenere il mio peso. Una volta passata la sensazione di liberazione, mi ritrovo sbattuto in faccia alla realtà. Il rimorso mi salta subito addosso, il disgusto mi copre come un vecchio maglione sporco. La mia voce interna mi ha urlato oscenità e insulti e li prendo tutti sul mento perché sapevo che quello che avevo fatto era oltre il perdono.

Perché stava succedendo questo? Perché non riuscivo a togliermi questi pensieri dalla testa? Di cosa diavolo stavano parlando Becky ed Emma? Perché sono così affamato?

Mi sono lavata velocemente, ho chiuso la doccia e mi sono asciugata. Tornai di corsa attraverso il corridoio ed entrai nella mia stanza. Mi sono vestita con dei jeans puliti e una maglietta. Ho sentito una porta chiudersi nel corridoio. La paura mi fece congelare, ma la curiosità mi fece muovere i piedi. Entrai nel corridoio e vidi Becky che si dirigeva verso la cucina.

Ho camminato lungo il corridoio e mi sono rivolto a Becky.

"Alloraoooo.... sei stato via per un po'?"

"Sì. Mi piace Emma. È davvero carina."

Ogni fibra del mio corpo urlava per un piccolo frammento di quello che stava succedendo. "Di cosa hai parlato?" dissi con tutta la calma che potei raccogliere.

"Perché non metti su il bollitore e parliamo?"

Riempii in fretta il bollitore mentre Becky si sistemava sul divano. Mi sono versata due tazze di caffè bollente e un po' camminavo, un po' correvo verso il divano.

Temendo la risposta ho detto: "Sta bene?"

"In realtà non se la passa poi tanto male. Penso che avesse solo bisogno di un po' di tempo e di qualcuno, che non eri tu, con cui parlare."

"E cosa ha detto?"

"Giusto, tutto quello che sto per dirti viene da lei. Devi considerare ogni singola delle sue preoccupazioni come reali. E per l'amor di Dio, Micky, non fare battute stupide su niente di tutto questo."

Opportunamente castigato mi sono seduto e ho ascoltato.

"Aveva passato una notte di merda. Aveva litigato con le sue amiche quando erano fuori perché stavano cercando di sistemarla con un ragazzo che non le piaceva. Erano state dette parole in tipico stile da ragazza ubriaca e lei era scappata via "Il club. Non voleva tornare a casa della sua amica, quindi è venuta qui."

Mi sono ricordato: "Perché le ho dato un mazzo di chiavi l'ultima volta che si è alzata".

Becky annuì: "È entrata, ha trovato il tuo mobiletto dei drink e ha bevuto qualche berretto da notte."

Ho continuato, "E poi quando era ora di andare a letto lei ha visto che la stanza degli ospiti era un disastro così si è schiantata nella mia pensando che l'avrei vista e l'avrei spostata o avrei dormito sul divano." Ho aggiunto.

"Bingo. Così si è spogliata, si è arrampicata sul tuo letto ed è andata a dormire. Ricorda che ormai era piuttosto ubriaca quindi è crollata davvero."

"Ho sentito l'odore dell'alcol, forse è per questo che ho pensato che fossi tu." Ho riso.

"Vuoi sentire il resto, Micky?"

"Scusa, vai avanti."

"Quindi non ti ha nemmeno sentito entrare. Ricorda però di aver avuto la sensazione di avere qualcuno contro di lei."

Sono arrossito.

"Il vero problema per lei, però, è che ricorda anche la sensazione. Non era consapevole di quello che stava succedendo, ma ricorda la sensazione. Pensava di stare sognando. Ha sentito il formicolio mentre evidentemente ti stavi strofinando contro di lei e lei ricorda di essere stata inserita, cosa che secondo lei era davvero un bel sogno erotico."

"Oh Dio."

"Aspetta Micky. Lei capisce come è successo tutto questo. È stato un momento e una circostanza sbagliati. Il suo problema principale è che le sono piaciute le sensazioni che ha provato. Pensa di aver persino avuto un orgasmo. Ed è per questo che è arrabbiata, imbarazzata e confuso."

"E il fatto che io sono suo padre."

"Ebbene sì....certo. Si sta chiedendo come sia potuto succedere qualcosa del genere e sospetta che le sia piaciuto mentre accadeva."

"Le è piaciuto?"

"Beh, lei pensa di averlo fatto. Emma è una persona sessuale come tutti gli altri. Il suo corpo reagisce agli stimoli proprio come la maggior parte delle persone. Se fosse bendata e non sapesse chi la sta toccando, avrebbe la stessa reazione, sia che fossi tu." o il suo ragazzo, o una ragazza. La verità è Micky, e ricorda che viene da lei, non ti trova attraente indipendentemente dal fatto che tu sia suo padre. Semplicemente non sei il suo tipo. E non è questo il suo essere cattivo. "

"Beh, non mi aspetterei che mi trovasse attraente."

"Perché no?"

"Beh, tanto per cominciare ho più di 20 anni più di lei."

"Ti trovo attraente. Non ne ho mai abbastanza di te e ho solo un anno più di Emma."

"OK, va bene," ho lottato per non sorridere, il mio orgoglio mi faceva venire voglia di gonfiare il petto.

"Sta solo lottando con i suoi sentimenti iniziali. Pensa che avrebbe dovuto sentirsi immediatamente oltraggiata. Il fatto che non lo fosse è stato terrificante per lei."

"Non la pensavo così."

"Micky, si è svegliata con il tuo sperma addosso. Era in lacrime e mi ha detto che pensava di volere davvero che accadesse."

"Ma non l'ha fatto," dissi velocemente.

"Certo che no. Ma sai una cosa, lei se ne sta occupando. Hai una figlia molto intelligente che è capace di vedere le cose da tutti i lati. Penso che starà bene. Allora come ti senti?"

"Sto lottando, Becky. Da un lato mi sento male fisicamente, dall'altro mi ritrovo davvero ad eccitarmi.

La mia voce cominciò a incrinarsi un po' per l'emozione: "Mi sono fatto una sega sotto la doccia e stavo pensando a lei. Penso di avere la nausea."

"Sciocchezze, stupido." Il suo tono mi fece uscire dal mio piccolo tuffo di autocommiserazione.

"Hai appena avuto un'esperienza sessuale, certamente un'esperienza piuttosto tabù, ma pur sempre un'esperienza. Avrai emozioni contrastanti ed è il modo in cui le affronti che conta."

"Ma fantasticare su questo probabilmente non mi fa bene."

"Perché no, a patto che non sia l'unica cosa su cui fantasticare su quale sia il danno nel trasformarne uno in uno scenario sexy."

"Non sei disgustato da me?"

"Sono rimasto disgustato quando hai fatto finta che fossi tua figlia quando abbiamo fatto sesso sul mio divano?"

"NO."

"Esattamente, possiamo interpretare il ruolo di Micky."

"Ma Emma... è così sconvolta."

"Micky, voglio che tu risponda onestamente. Non voglio che tu pensi alle conseguenze o a come pensi che dovresti rispondere... sii solo onesto. Lo hai fatto apposta?"

Questa era la domanda che segretamente temevo... l'ho fatto apposta? La mia risposta è stata onesta e detta senza alcun dubbio nella mia mente esausta.

"No. È stato un errore. Pensavo fossi tu."

Lei si è avvicinata e mi ha dato un abbraccio e un bacio. Mi ha guardato negli occhi: "Quindi smettila di rimproverarti e sappi che la tua reazione a questo," ha detto indicando il mio inguine, "è naturale, il modo in cui reagiresti a qualsiasi altra esperienza sessuale."

Ho sentito un peso sollevarsi da me. Come se fossi in grado di respirare di nuovo. Becky mi aveva semplicemente detto che sarebbe andato tutto bene e io le credevo. L'ho attirata a me e l'ho abbracciata forte.

Per la prima volta da stamattina mi sono sentito rilassato. La questione con Emma era stata messa in prospettiva e per la prima volta speravo che saremmo riusciti a superare questo evento.

"Devo andare a parlarle adesso?"

"Forse aspetterei che lei venga prima da te. Sono sicuro che ha ancora molto di cui parlare."

"Sì, probabilmente hai ragione."

Becky si mise a sedere: "Mi chiedevo... pensi che potrei restare? Mi piacerebbe dormire accanto a te stanotte."

"Lo sai che non posso proprio dormire accanto a te." dissi sorridendo.

"Lo so, ma ho chiesto ad Emma se andava bene e a lei andava bene."

"Beh, se per lei va bene. Ti va la pizza per cena?"

"Perfetto."

Ho telefonato alla pizzeria e ho ordinato la consegna di 2 pizze. Mentre aspettavamo la consegna mi sono seduto con Becky sdraiata sulla schiena e la sua testa sulle mie ginocchia e ho guardato un film. Il film era spazzatura ma Becky sembrava esserne affascinata. Mentre guardavo in basso potevo vedere il suo profilo laterale mentre fissava lo schermo. Ho fatto scorrere delicatamente il dito lungo il suo collo e ho visto i suoi occhi chiudersi e ha permesso alle sensazioni di travolgerla. Ho sentito un leggero 'mmmm' scappare da lei. Lei allungò la mano, mi prese la mano e la posò sul suo petto gonfio. Ho infilato la mano sotto la sua maglietta e il reggiseno e ho sentito la punta dura del suo capezzolo contro il palmo della mano. Le massaggiai dolcemente il seno e godetti l'esperienza di sentire il suo battito cardiaco pulsare sotto il mio contatto.

Gli occhi di Becky adesso erano chiusi. La sua attenzione è stata completamente distolta dal film dal trattamento che stavano ricevendo le sue tette. Stava iniziando a respirare pesantemente. Con l'altra mano mi allungai e slacciai alcuni bottoni della sua camicetta. Ha inarcato leggermente la schiena e ha fatto scattare la spallina del reggiseno permettendomi libero accesso ai suoi seni montuosi. Mi chinai dalla vita e posai la bocca sul suo capezzolo più vicino. La mia lingua danzava sulla protuberanza sensibile e la sentivo sussultare. Ho guardato il suo corpo e ho visto che la sua stessa mano stava sollevando la gonna per rivelare le sue mutandine viola. Le sue dita hanno immediatamente scostato il tessuto e ha iniziato a massaggiarsi il clitoride mentre io lavoravo sui suoi capezzoli con le dita e la lingua.

Potevo sentirla iniziare a tremare. Il suo segno rivelatore che si stava avvicinando al suo climax. Le sue gambe si allargarono un po' e tirò i piedi verso il sedere. Immerse le dita nella figa e venne più silenziosamente che poteva. I suoi fianchi si appoggiavano e si sollevavano, le dita dei piedi si arricciavano e il seno rimbalzava per lo sforzo di restare in silenzio.

Dopo qualche secondo aprì gli occhi e allungò la mano libera e mi abbassò la testa per un bacio appassionato.

"Grazie." Sussurrò mentre ci separavamo.

Proprio mentre mi sedevo avrei giurato di aver sentito la porta della camera di Emma chiudersi. Mi sono voltato ma non ho visto nessuno. Mi sono voltata e ho visto Becky che si sistemava la gonna e si rimetteva il reggiseno.

Pochi minuti dopo il pizzaiolo ci consegnò due pizze bollenti ed Emma si unì a noi nella lounge.

Il folle fine settimana era appena iniziato.

Storie simili

La storia del sesso di Katrina Kaif Questa è la storia della ragazza più calda del culo Katrina Kaif. _(1)

Questa è la storia della ragazza più sexy Katrina Kaif. Una volta Salman e Katrina Kaif andarono in tournée negli Stati Uniti e di notte andarono in un pub a giocare a biliardo. Quando entrarono nella sala giochi videro che stavano giocando tre giganteschi negri. Quando sono entrati, tutti e tre i ragazzi hanno detto wow! Che cagna sexy nella loro lingua locale e il loro bastone sta a 90 gradi completamente eretto nei pantaloni. Katrina indossava una minigonna monopezzo celeste a strisce singole che mostrava le sue spalle complete fino alle tette e le cosce sexy. Hanno discusso tutti nella...

969 I più visti

Likes 0

The Rogue's Harem Book 3, Capitolo 14: Promessa mantenuta

L'harem del ladro Libro Tre: L'Harem Appassionato Di The Rogue Parte quindici: Promessa mantenuta Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2018 Nota: grazie a WRC264 per la versione beta di questo. Capitolo quarantatré: Art's Reminder Aingeal - Il principato di Kivoneth, I conflitti di Zeutch Il corpo di vimini del levriero si sgretolò intorno alle nostre anime. Potevo sentire il corpo del povero procuratore disfarsi. La sovralimentazione del martello diamantato gli aveva inviato troppa energia. Il levriero non era un vero e proprio procuratore. Il fumo si alzò, il vimini prese fuoco. Cosa ci succede quando viene distrutto? ho chiesto ad...

1.3K I più visti

Likes 0

Capirlo (ripubblicare)

Introduzione: come ho imparato a conoscere il sesso   Capirlo (Repost) Di Kim Categoria = giovane, maschio preadolescente, femmina preadolescente, storia vera, verginità Questa è una riscrittura di una storia che ho pubblicato diversi anni fa. Lo sto riscrivendo nel formato Lui pensava, lei pensava che diversi autori di questo sito hanno utilizzato di recente. Questo evento in realtà mi è successo quasi 20 anni fa. Ho preso un po' di licenza letteraria con quello che ognuno di noi stava pensando in quel momento. Come hai imparato a conoscere il sesso? A volte impariamo in Sex Ed a scuola, a volte...

1.6K I più visti

Likes 0

Dare piacere a una nonna. cap. 7

Dare piacere a una nonna. cap. 7 Alla fine della parte 6, Brenda ed io avevamo deciso che eravamo decisamente una coppia e l'avevamo festeggiato trascorrendo la notte insieme. Carol era stata molto più vicina a un pene di quanto si fosse aspettata e ora si stava preparando per il salto finale (se perdonate l'espressione). Ora continua a leggere: La vacanza di Carol, parte 3 settembre 2013 Carol arrivò intorno alle 10 del giorno successivo. Sembrava un po' nervosa e le sue prime parole furono pronunciate in modo conciso: Suppongo che voi due siate stanchi. Brenda ha messo un braccio intorno...

896 I più visti

Likes 0

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Innocence Enslaved parte 1: Rude Awakening

Emily si svegliò lentamente, le palpebre pesanti. Aveva freddo e la stanza era più luminosa del solito. Era a disagio, la superficie sotto di lei dura e inflessibile... era caduta dal letto? Ancora assonnata, sbatté le palpebre un paio di volte e cercò di alzare una mano per strofinarsi gli occhi. Fu allora che si rese conto che non era nella sua stanza, e all'improvviso era completamente sveglia. Si rese conto di essere a faccia in giù su una specie di tavolo, i suoi ampi seni schiacciati dolorosamente contro la superficie fredda e le sue mani erano legate ai lati. Poteva...

1.9K I più visti

Likes 0

Testimoni di Geova

Storia di Fbailey numero 630 Testimoni di Geova Mary aveva vissuto accanto a me per sempre. Avevamo la stessa età ma non eravamo quasi mai stati insieme. Vedi, Mary è una testimone di Geova e non è autorizzata a mescolarsi con gente comune come me. I suoi genitori sono più potenti di te. Predicano costantemente la Bibbia e vanno sempre di porta in porta spingendo la loro religione sugli altri. Quando ho compiuto tredici anni mio padre mi ha aiutato a costruire una casa sull'albero dietro il nostro garage. Adesso a quattordici anni trascorro molto tempo là fuori, specialmente d'estate quando...

856 I più visti

Likes 0

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Il sogno di Giovanni si avvera

John: John si svegliò verso le cinque e mezza del mattino con una rabbia furibonda ancora una volta. Guardò in basso, prese la mano, se la fece scivolare lungo i pantaloni e iniziò a strofinarsi. Il motivo per cui si è svegliato era a causa sua. Alexandria, sebbene avesse solo 15 anni e fosse una matricola al liceo, sapeva di amarla. Tutto in lei lo eccitava; L'odore del suo shampoo alla fragola nei suoi ricchi capelli castano scuro che le arrivavano appena oltre le spalle, i suoi seni a coppa a C, il suo culo meravigliosamente stretto e le sue gambe...

1.4K I più visti

Likes 0

Sally si sveglia - Capitolo 03

Imparo che bisessuale è così divertente. Possa andare ancora meglio. Il resto della settimana ha seguito lo schema dei due giorni precedenti. Mi ero data a Sid e Sue senza fare domande. Mi piaceva fare e ricevere sesso orale e Sid era un grande amante. Era sabato mattina e Sue ha detto che doveva andare a fare la spesa e che mi sarebbe piaciuto venire. Quando ho detto di sì, ha insistito sul fatto che non indossavo reggiseno o mutandine. Ero un po' preoccupato ma ho accettato di fare come mi aveva chiesto. L'emozione che ho provato indossando solo un abitino...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.