Estate infinita

993Report
Estate infinita

Desmond aveva vissuto una vita idilliaca, e ne era ben consapevole. Era cresciuto con genitori premurosi, entrambi lavoratori e ciascuno considerato di successo nel proprio lavoro. Ha trascorso la maggior parte della sua infanzia da solo, ma ha capito, ha cercato di essere ragionevole. Lavoravano, lui andava a scuola, cenavano in famiglia quasi ogni sera e le loro vacanze in famiglia erano sempre divertenti e rilassanti per tutti. Avevano litigi meschini come fanno tutte le famiglie, ma lui era benedetto. Poi ha compiuto 14 anni.

La famiglia perfetta è crollata intorno a lui. Ha trovato sua madre con un uomo, che non era suo padre, nel loro letto quando è tornato a casa da un amico invece di passare la notte. È stato un po' uno shock, e non appena l'ha scoperto, sia lui che sua madre, e alla fine suo padre, hanno capito cosa sarebbe successo. Suo padre ha chiesto il divorzio, non è stato un casino, ma invece di avere il figlio in giro per vedere una famiglia in rovina, entrambi i genitori hanno deciso che sarebbe stato meglio se fosse stato mandato in un collegio. A Desmond piaceva quell'idea, non poteva più guardare nessuno dei suoi genitori allo stesso modo. Era venuto fuori che sua madre non era l'unica con "indiscrezioni coniugali". Potevano permetterselo, e poiché entrambi i genitori avevano lavorato per tutto il tempo in cui erano sposati, non fu un divorzio orribilmente disordinato. Per quanto pulito possa essere qualcosa del genere, ovviamente.

Così, per i successivi tre anni, Desmond fu mandato dalla sua città natale di Chicago, in un collegio nel Minnisota. Quando era interessato a perseguire un'istruzione post-secondaria, si rese conto che forse era meglio così. Certo, la sua vita familiare è stata colpita, ma aveva un'impressionante lista di controllo per la domanda di iscrizione al college. Il collegio lo ha assicurato. Duro lavoro, ma vantava qualcosa come una probabilità del 92% che tuo figlio fosse accettato in una delle loro prime tre scelte per il college. O così la brochure che Desmond ha visto durante il suo primo viaggio lì. E a scuola ha trascorso tutti i successivi tre anni, non volendo avere conflitti causati dalla "scelta dei favoriti", lui, affrontando la situazione molto meglio di quanto si aspettassero i suoi genitori, ha scelto di vivere lontano da qualsiasi famiglia per i tre anni era lì.

Ora un giovane di 17 anni con un brillante futuro davanti a sé, aspirava a diventare un banchiere per gli investimenti. I suoi genitori avevano incoraggiato almeno una conoscenza tangenziale della finanza crescendo, e una volta che i suoi insegnanti l'hanno capito, lo hanno incoraggiato. Diretto alla USC in autunno per una laurea in Finanza, Desmond aveva il mondo intero davanti a sé. Dopo aver frequentato i corsi estivi, Desmond si era laureato con un anno di anticipo, si era iscritto ai corsi ed era stato a fare una passeggiata nel campus e, per la prima volta in tre anni, era veramente felice ed entusiasta della vita.

Fermando un taxi, gettò la valigia nel bagagliaio e tenne con sé la borsa a tracolla mentre scivolava sul sedile posteriore. Controllando il suo smartphone ha letto l'indirizzo che suo padre gli aveva inviato per e-mail mesi prima al tassista russo. Mentre cavalcava verso l'appartamento di suo padre, dimenticò quanto gli fosse mancata la grande città durante il suo tempo lontano. Certo, Chicago non era una città perfetta, sembrava ossessionato da tutto grigio canna di fucile, incluso il tempo, ma Desmond amava la vita fiorente che vedeva con le persone che camminavano, le luci brillanti e gli artisti di strada gli facevano dimenticare quanto si sentisse completamente solo .

Ora Desmond aveva visto numerosi consiglieri nel suo collegio nel Minnisota, ma sospettava fortemente che dopo i pochi incontri iniziali, fosse soprattutto per sentirsi utili. Gli hanno fatto domande su come si sentiva nel trovare sua madre, o sul divorzio dei suoi genitori, o sui loro eventuali nuovi matrimoni. Ha risposto a tutte le loro domande, e poi era stato informato che era, almeno mentalmente, "secondo me, abbastanza resiliente". Lo psichiatra aveva poi continuato a parlare di quanto affascinante fosse la sua ricerca sui bambini e sulla loro capacità di rimbalzare molto più velocemente degli adulti. Desmond aveva finto di essere interessato. In realtà, aveva trascorso la maggior parte dei suoi tre anni precedenti a fingere interesse, tranne che per i suoi corsi introduttivi di economia. La matematica era, per quanto utile, piuttosto noiosa, la storia non gli interessava e nessuna delle scienze aveva davvero catturato il suo interesse. Parlava correntemente il russo perché la scuola era iniziata esclusivamente per i russi per mandare i loro figli a studiare in Occidente. Onestamente, mi è sembrato anche un po' strano imparare lo spagnolo nel Minnisota. Trasferitosi in California, Desmond si chiese se gli sarebbe piaciuto averlo imparato, ma poi scacciò ogni tipo di pensiero di profilazione dalla sua testa. Le lezioni di inglese erano andate bene, era stato bravo a scrivere saggi, ma aveva scoperto che scriveva costantemente quello che pensava, lo sapeva bene, i suoi insegnanti volevano che lo facesse. Non ha mai seguito Mr.Jeremey, uno dei suoi insegnanti di inglese piuttosto espansivi, che gli aveva detto di “versare il tuo cuore sul paggio! C'è molto di più per te!

Pagando l'autista, Desmond afferrò la sua borsa dal retro e guardò l'edificio incombente di fronte a lui. Chiamò suo padre e aspettò mentre scendeva nell'atrio. Dopo averlo visto, suo padre, Paul, ha visibilmente trattenuto le lacrime mentre stringeva suo figlio in un lungo abbraccio. Sbattendo gli occhi disse: “Desmond, io... sono così felice di vederti! Andiamo di sopra, è ora di incontrare Janis!

Janis, come si è scoperto, aveva la stessa età di suo padre, 47 anni, e onestamente era una donna piuttosto semplice. Peso medio, lunghezza media, opachi, capelli castani con occhi castani. In piedi a 5' 6”, era anche dannatamente vicina all'altezza media. Era gentile, chiedendo a Desmond del suo volo, chiaramente era a disagio. Desmond, fortunatamente, aveva imparato vivendo in un collegio come essere disarmante. Ben presto si era scaldata un po' e si era rivelata una donna piuttosto intelligente e spiritosa. Desmond poteva vedere come a Paul piacessero queste donne, dato che aveva ancora la convinzione, forse infantile, che i suoi genitori biologici si fossero sempre amati. Come accadde in seguito, Janis diede la buonanotte e si ritirò per lasciare padre e figlio a parlare, da soli.

Fece colazione sia con Janis che con Paul in un bistrot che frequentavano prima del lavoro. Era una cosa frettolosa e, quando finirono, Paul e Desmond tornarono indietro e si abbracciarono mentre Paul usciva dal lavoro e Desmond iniziava a camminare verso la stazione della metropolitana con la sua valigia e la borsa a tracolla. Si è trasferito due volte e poi ha preso un taxi di 15 minuti fino alla nuova casa di sua madre. Era in un quartiere molto simile a quello in cui è cresciuto e ha dovuto controllare la sua posizione tre volte sul telefono per assicurarsi che NON fosse dove era cresciuto. Fu colpito da un'enorme nostalgia mentre percorreva il vialetto passando davanti a un nuovo modello di Dodge Caravan, quello con cui era cresciuto, e a una BMW X-5, essenzialmente una versione più bella e nuova del SUV che aveva la sua famiglia posseduto quando se n'era andato. Desmond si fermò davanti alla porta per ricomporsi. Indossava gli stessi jeans lavati scuri che aveva quando è sceso dall'aereo, e una nuova camicia elegante a righe bianche e blu slacciata, con una camicia bianca sotto. Pensava che fosse almeno un po' elegante. Janis aveva detto cose carine sul suo aspetto "cresciuto". Apparentemente, non era una grande fan delle magliette delle band.

Sentendosi abbastanza pronto, ricontrollò l'indirizzo sul suo smartphone e suonò il campanello. Un ragazzo basso e grassoccio di circa 14 anni ha risposto alla porta. Il ragazzo lo squadrò dall'alto in basso, guardando piuttosto sospettoso questo sconosciuto alto che aveva la valigia. "Guarda", disse il ragazzo, "se stai vendendo qualcosa, non è interessato."

Desmond non sapeva davvero come rispondere e rise nervosamente mentre cercava di pensare a una risposta, per fortuna, è stato salvato dal tentativo di spiegare a questo ragazzo che, sorpresa, molto probabilmente condividerò il tuo tetto per i prossimi mesi.

“Desmond!”, esclamò una voce femminile che Desmond identificò all'istante come quella di sua madre, Mary. "Oh mio Dio, piccola mia!", disse con lo stesso entusiasmo quando iniziò a piangere e lo abbracciò. Desmond non era sicuro di cosa aspettarsi da sua madre, ma supponeva che dopo essere stato separato avrebbe dovuto prevederlo. Prima di partire, aveva scelto un comportamento freddo nei confronti di sua madre poiché, all'epoca, aveva visto la rottura della sua famiglia interamente davanti alla sua porta. Maturato, almeno un po', si è reso conto di essere stato appena nascosto dai segni di un matrimonio appeso ai fili. Mentre Desmond abbracciava goffamente sua madre, un uomo più anziano, che pensava fosse il suo patrigno, girò l'angolo a tutta velocità con il panico nella voce.

"Maria! Sei...”, si interruppe quando li vide. "Oh scusa. Voglio dire, beh, ciao Desmond. Sua madre fece del suo meglio per rimettersi in sesto per balbettare una presentazione tra Desmond e, spiegò, il suo migliore amico e amore, Mark. Desmond tese la mano mentre sua madre si aggrappava al suo braccio sinistro.

"Ciao, sono Desmond, piacere di conoscerti." Anche lui sapeva che suonava forzato. Questo era l'uomo con cui aveva sorpreso sua madre a letto, il letto dei suoi genitori, con quegli anni prima. Mark sembrava altrettanto imbarazzato e goffo mentre si scuoteva di rimando.

"Sono Mark, spero davvero che ti piaccia il tuo soggiorno, la nostra porta è sempre aperta per te.", disse Mark, e Desmond colse con la coda dell'occhio lo sguardo scioccato del ragazzo basso e grassoccio. Chiaramente, chiunque fosse, non era stato informato del tutto su chi fosse questo sconosciuto alto che faceva piangere sua madre. Questo sarebbe diventato chiaro mentre Mark continuava, “Questo è mio figlio”, sottolineando il 'mio' così era chiaro che non c'era alcun legame di sangue, beh, pensò Desmond, sarebbe stato impossibile, “il suo nome è Augustus. Saluta figliolo.

Il ragazzo chiaramente non sapeva cosa fare, fece un cenno goffo e si presentò. Desmond quasi rise quando Mark lo presentò come Augustus, pensò che assomigliava esattamente all'Augustus che aveva immaginato nella fabbrica di cioccolato di Willy Wonka, se fosse stato composto da persone reali. Desmond riuscì a sorridere di un sorriso completamente vero e disse che sarebbe stato felice di conoscerlo. Augustus approfittò di questo punto della conversazione per ritirarsi nel seminterrato a guardare la TV, o almeno così dedusse Desmond. Cos'altro fa la gente negli scantinati?

Mentre sua madre, ancora stringendogli il braccio, lo conduceva in giro per casa facendogli fare un giro di dove, disse speranzosa, "rimarrai finché non partirai per la California!" Ha fatto un ottimo lavoro nel cercare di eliminare ogni tipo di imbarazzo tra lei e suo figlio. Desmond sapeva che alla fine avrebbero dovuto parlare seriamente di quello che era successo, e di cosa era stato perdonato, e cosa no, semplicemente ignorato per amor di civiltà. Mentre lo conduceva in una piccola stanza, Mary disse: “Qui è dove starai, intendo dormire. Non sei sotto pressione per restare qui se non vuoi. Io, beh, sono sicuro che tutta la mia famiglia vorrebbe averti,” guardando Mark in modo eloquente. Desmond ha preso nota mentalmente di controllare quanto "tutta la sua famiglia" lo volesse davvero intorno. Forse saranno presi dal mio fascino, Desmond però. Sorrise a questo fatto, così come alla spiegazione animata di sua madre di come si erano affrettati a preparare tutto. Le assicurò che andava tutto bene, posò le valigie e li seguì in cucina.

Mark ha chiamato suo figlio e tutti hanno condiviso un pasto a base di panini con prosciutto e formaggio. Seduto lì, guardando questo discorso di famiglia, Desmond pensò se si sentiva geloso. Aveva l'età di Augustus quando se n'era andato, eppure sapeva di essere stato più maturo. Il figlio di Mark era, a prima vista, socialmente imbarazzante, terribilmente poco attraente e piuttosto fastidioso. Desmond aveva quasi paura di come sarebbe stata la sua, beh, immaginava che sarebbe stata la sua sorellastra. Sperava che non fosse per niente come suo fratello. Non aveva dubbi che sarebbe rimasto qui per l'estate, Paul e Janis semplicemente non avevano lo spazio nell'appartamento, o nella vita, per Desmond. Non era amareggiato, avrebbe potuto semplicemente non avere l'estate rilassante che sperava se entrambi i bambini, con cui avrebbe voluto sua madre, fossero stati gentili. O almeno provaci. La conversazione è continuata fino alle 5 quando Mary ha iniziato a preparare la cena. Desmond si è offerto di aiutare, o almeno di guardare.

"Immagino che probabilmente dovrei almeno avere un'idea di come accendere una stufa quando vado a vivere da solo, non sei d'accordo?" Desmond ha detto che questo ha fatto ridere entrambi gli adulti. Quindi, mentre tutti e tre si ammucchiavano in cucina, Mark e Desmond si limitavano a intromettersi, per la mezz'ora successiva lavorarono a qualunque cosa Mary avesse in mente. Questa era allora la porta d'ingresso aperta e chiusa, annunciando l'ultimo membro della famiglia che Desmond stava invadendo. Pensieri meno amari Desmond!, si disse.

“Sono a casa!”, proclamò una voce dal suono attraente. Desmond credeva che proprio come c'erano voci fastidiose, c'erano voci dal suono attraente, e non nel telefono il sesso funzionava in qualche modo. Desmond mantenne basse le sue speranze, almeno, lei non sarebbe sembrata fastidiosa come suo fratello, anche se era poco attraente e fastidiosa. Desmond si lavò le mani e si voltò per asciugarsele in modo da potersi propriamente presentare come il nuovo membro della famiglia adottiva di questa ragazza, per poco non lasciò cadere la mascella davanti alla ragazza che stava sulla soglia della cucina.

Era alta circa 5'5", con capelli castano chiaro e sorprendenti occhi verdi. Era, per qualcuno inesperto di ragazze come lo era Desmond, la ragazza più bella che avesse mai incontrato di persona. Lottando per non sembrare super inquietante e sbalordito, sorrise e tese la mano: “Ehi, sono Desmond. Sembra strano da dire, ma io sono il tuo fratellastro, spero che questa non sia una sorpresa eccessiva.

Per fortuna, lei rise e gli strinse la mano con fermezza e disse: “Oh non preoccuparti, ho davvero prestato attenzione durante i discorsi di Mary su di te, a differenza di mio fratello e mio padre. Sono Lumi, è un piacere conoscerti!” Sorrise brillantemente e poi disse che le sue scuse per essersi cambiata, quello che Desmond non aveva notato, erano solo bikini e pantaloncini. Sforzandosi di non fissare il corpo della sorellastra, si voltò per continuare ad "aiutare" sua madre con la cena. Mentre si avvicinavano alla fine, chiese a Desmond di andare a prendere i due bambini, e lui sorrise, sapendo che voleva un momento per parlare con Mark di quello che aveva bisogno di dire a cena per incoraggiare tutti i bambini ad andare d'accordo, e poi si avvicinò. alle scale per trovare Augustus.

Augustus e Lumi, Desmond però, che nomi strani, forse la precedente moglie di Mark era un hippy o qualcosa del genere. Informando che la cena di Augustus era pronta, si voltò per tornare su per le scale quando sentì il ragazzo più giovane gridare: “Chiamami solo Aug, lo fanno tutti. È una pistola, sono più o meno duro come uno. Alzando gli occhi al cielo, Desmond rise e disse che se lo ricordava, e si affrettò su per le scale, e poi un'altra rampa dove si trovavano le camere da letto. Vagò con cautela lungo il corridoio sbirciando in ogni stanza finché non raggiunse l'ultima, bussò prima al muro, sperando di avvertire Lumi della sua presenza. Mentre guardava dentro, non aveva davvero ottenuto ciò che sperava, poiché lei si era voltata sentendo il suo bussare, stava finendo di tirarsi giù la maglietta e finì velocemente, arrossendo forte.

"Sì, okay, scendo subito!", disse, suonando arrabbiata. Come affermato, Desmond non aveva praticamente alcuna esperienza con le ragazze, onestamente come fosse stato scopato gli era sfuggito. Quindi ha fatto esattamente quello che fa ogni altro idiota, e si è scusato, assumendosi tutta la colpa, ed è tornato al piano di sotto. Scosse la testa meravigliato mentre pensava a quello che aveva fatto per sconvolgerla, e poi i suoi pensieri andarono a quanto... piacevole era stata la vista della pancia nuda e piatta della sua sorellastra. Mentre la famiglia condivideva la cena, Mark ha cercato di trovare un terreno comune tra tutti i bambini, facendo del suo meglio per sembrare interessato alla scuola di Desmond, sia passata che futura. Era chiaro che fosse un po' preso dal fatto che sua figlia e Desmond fossero coetanei, e poi ha dovuto spiegare come aveva saltato un anno perché era rimasto a scuola.

"Non è stato solo non vedere la tua fam...", disse Lumi, le parole che le morivano in bocca, "Oh, mi dispiace così tanto." Desmond ha fatto del suo meglio per riderci sopra, e ogni aspetto generalmente imbarazzante. Per fortuna, è stato interrotto da Aug dicendo che sarebbe tornato a guardare la TV. Desmond ha colto questa opportunità per iniziare a raccogliere i piatti, anche lui sapeva come farlo dai suoi giorni precedenti come una famiglia felice. Maledicendo i suoi pensieri amari, sorrise leggermente a Lumi mentre le prendeva il piatto, cercando di trasmettere un'idea del tipo "ehi, niente rancore". Quando lei gli sorrise, lui lo prese come un segno positivo. Dopo che lui e Mark ebbero caricato la lavastoviglie, Desmond sgattaiolò nella sua stanza per controllare il suo telefono, che ovviamente non aveva messaggi, non era proprio una farfalla socievole. Però lo faceva sentire meglio che stare goffamente in cucina. Mentre lo riponeva sul letto, entrò sua madre.

“Ehi, Desmond, so che abbiamo molto di cui parlare, ma voglio davvero che tu resti qui. Capirei considerando che... beh, tu e Mark avete dei precedenti.", disse. Reprimendo una risata amara, Desmond fece del suo meglio per sorridere.

“Penso che passerò qui la mia estate, non credo che Paul e Janis abbiano la stanza per me. Inoltre, mi sono sempre chiesta come sarebbe avere di nuovo una famiglia, penso che questo sia quanto di più vicino avrò mai. Desmond si pentì di averlo detto, non appena lo disse. Non aveva intenzione di sembrare amaro, ma sapeva come suonava quando vide sua madre cercare di trattenere le lacrime. Sospirò: “Mi dispiace Mary, non volevo sembrare così duro. Devo solo, beh, devo adattarmi a vivere con le persone, spero solo che capirai ", mentre diceva questo, si mosse per abbracciare sua madre in un abbraccio. Sapeva che più di ogni altra cosa aveva bisogno di dire delle cose, ma sarebbe potuto succedere dopo. Si districò e cercò di sorridere.

“Penso che Lumi sia fuori in cortile ad aspettare prima di uscire di nuovo, giuro che non è mai a casa. Comunque, dovresti andare a parlarle, è una ragazza brillante, penso che andrai d'accordo. Per lo meno, è più in sintonia con ciò che ti piace comunque, non sono mai stato in grado di mantenere i miei iGoogle e i miei Gamebox dritti. Desmond ha riso del tentativo di sua madre di tenersi aggiornato e ha detto che sarebbe andato a raggiungere la sua sorellastra. Si infilò lo smartphone nella tasca posteriore dei pantaloni ed entrò in bagno per lavarsi la faccia e... buon Dio stava controllando il suo aspetto prima di andare a parlare con la sua sorellastra. Ha fatto del suo meglio per ignorare cosa significasse, solo cercando di fare una buona impressione, voglio che le piaccia. Anche lui sapeva che era una bugia. Maledetti ormoni, era tua sorella, tieni la testa dritta, ragazzo!

Uscendo sulla veranda, si tolse i calzini e vide Lumi seduta su una delle cinque sedie sull'erba disposte in un rozzo semicerchio attorno a un focolare vuoto. Ora un falò, non ne aveva uno da quando era andato in campeggio quando aveva solo 12 anni. Sorrise al ricordo di Paul che cercava di fare la pancetta su un fuoco che continuava a spegnersi prima che alla fine si arrendesse e lasciasse che Mary cucinarlo su una stufa a propano. Rendendosi conto di aver raggiunto il semicerchio, notò che Lumi lo stava osservando.

“Ti dispiace se mi unisco a te Lumi? Mary ha detto qualcosa sul fatto che te ne vai, non voglio disturbarti se te ne vai e basta. Liscia, pensò Desmond, davvero liscia. La prossima cosa che le chiederai se vuole dare un'occhiata alla sua collezione di distintivi da boy scout. E poi si è reso conto di non avere i distintivi dei boy scout e ha dovuto ridere tra sé.

“Sì, certo, ho circa un'ora da ammazzare. Dovremmo parlare, starai qui tutta l'estate, vero? Meglio assicurarsi che non ci odiamo a vicenda. Proprio così, era riuscita ad abbassare il livello imbarazzante che Desmond aveva provato, e per i successivi 3 quarti d'ora, si sono conosciuti, ha condiviso principalmente com'era stato il suo ultimo anno e i suoi piani per il futuro.

"Oh, quindi il tuo obiettivo è essere 'l'uomo' allora?", disse Lumi scherzando. Devo ammettere che è più o meno quello che aspiravo alla mia carriera. Ha pensato di seguire le orme di suo padre e diventare un architetto. Si scopre che mia madre, l'infermiera, aveva un debole per i ragazzi che disegnavano cose. A questo punto ha ricevuto una telefonata, che Desmond si è davvero pentito di aver ricevuto, perché significava che doveva andare. Si rese conto che non aveva nemmeno pensato a quanto fosse splendida in jeans attillati e una maglietta attillata. Indossando stivali col tacco, disse: “Ehi, è stato bello parlare con te. Sarò onesto, ti inviterei a uscire con i miei amici, ma è una serata tra ragazze e... beh, chiaramente non sei una ragazza! disse con un sorriso malizioso.

"Haha oh cosa, non sono abbastanza in contatto con i miei sentimenti?", disse Desmond ridendo, "So quando vengo spazzato via", dopo aver detto questo, Lumi lo guardò con uno sguardo negli occhi che poteva 'non capisco così ha detto frettolosamente “Sto scherzando, non ti preoccupare. Divertiti!" Dopo una pausa aggiunse: "Stai benissimo". Lo guardò con lo stesso sguardo negli occhi e salutò mentre si affrettava a incontrare il clacson che suonava davanti. Dopo questo, Desmond è andato a letto dopo aver scritto una breve e-mail a suo padre riguardo allo stare con Mary e la sua famiglia.

Svegliandosi di nuovo alle 8 del mattino, Desmond sentì la casa silenziosa, dopo tutto era sabato, avrebbe dovuto aspettarselo. Così, invece di sprecare le ore in cui era sveglio, si è infilato la tuta da corsa, si è infilato le cuffie ed è scivolato fuori dalla porta sul retro per non lasciare la porta aperta. Si rese conto che non era il piano migliore, ma per il momento doveva bastare. Ha fatto jogging per circa 45 minuti e quando ha riaperto la porta sul retro, è entrato e ha visto Mary e Mark fare colazione a base di farina d'avena e frutti di bosco. Gli chiesero come andasse a dormire e poi lo indirizzarono dove poteva trovare gli asciugamani per la doccia al piano di sotto. Dopo una rapida doccia e rasatura, Desmond si avvolse un asciugamano intorno alla vita poiché aveva dimenticato un cambio di vestiti. Maledicendosi, afferrò i suoi vestiti sporchi e aprì la porta per vedere Lumi che camminava lungo il corridoio. Arrossì, forte, e mormorò delle scuse mentre correva nella sua stanza.

Tirando un sospiro di sollievo mentre chiudeva la porta, guardò lo specchio sottile che era stato sistemato di fronte al suo letto. Supponeva di essere attraente e di non avere nulla di cui vergognarsi di essere visto mezzo nudo. Si è quasi colpito alla testa cercando di togliersi dalla testa i pensieri tutt'altro che puri della sua sorellastra. Sperava che la corsa lo avrebbe aiutato a farlo uscire dal suo sistema, ma si sbagliava, tutto ciò che ha fatto è stato aumentare ancora di più i suoi dannati ormoni.

Vestendosi, indossò un jeans lavato più chiaro e una semplice maglietta grigia. Si è reso conto che a un certo punto sarebbe dovuto andare a fare shopping, aveva solo 6 magliette e due paia di jeans. Questo era più che sufficiente durante il suo tempo a scuola dove per 5 giorni alla settimana, ogni settimana negli ultimi tre anni, aveva indossato l'uniforme scolastica. Erano scarpe eleganti, pantaloni eleganti, una camicia elegante e uno stupido gilet con lo stemma della scuola sul petto. Era stata una scuola per soli ragazzi e all'inizio Desmond si è risentito per l'uniforme, ma ha solo reso la vita più facile. Una cosa in meno di cui preoccuparsi e tutto il resto.

Il fine settimana andava e veniva, pieno di Aug che guardava la TV nel seminterrato durante tutte le 12 ore di veglia, escluse le brevi incursioni per venire a fare spuntini e pasti, e Mark e Mary che chiacchieravano di... qualunque cosa parlassero le coppie sposate. Lumi era, per la maggior parte, assente. Lei era appena uscita da scuola, come Desmond, e si stava godendo questo nuovo tempo libero, mentre lui, d'altra parte, non aveva idea di cosa fare con così tanto tempo libero. Aveva letto il libro che aveva comprato per il viaggio in aereo già due volte e aveva consultato l'intero sito web della USC probabilmente 6 volte. Aveva assolutamente bisogno di qualcosa da fare. Erano circa le 10:30 quando Lumi incespicò giù per le scale per la colazione lunedì mattina, e sorrise quando vide Desmond al tavolo.

“Buongiorno,” disse con voce stanca, “come diavolo fai ad alzarti sempre così presto, non è normale!”

“Beh, mi sono alzato alle 7 del mattino negli ultimi tre anni. Ogni giorno. Ho dormito più di un'ora, dammi un po' di tempo per adattarmi ai tempi di sonno "normali". disse Desmond ridendo. Si unì mentre si versava un po' di cereali e latte.

“Allora,” disse Lumi tra un morso e l'altro, “io e le mie amiche, non tutte ragazze questa volta, andremo a fare shopping tra un'ora, vuoi venire? Ho notato che sei... beh, davvero non hai niente da metterti. E adesso non ti vorremmo sempre in asciugamano, vero?”, aggiunse, con quello stesso sguardo insostituibile negli occhi. Desmond pensava che potesse essere... quasi valutarlo. O forse stava solo immaginando le cose.

"Mi piacerebbe, e per quanto mi piaccia essere mezzo nudo, non credo che questo sia il posto giusto." Desmond disse, cercando di vedere se poteva usare quello stesso sguardo, cosa che fece, "Inoltre, considerando che sei l'unica ragazza, in realtà persona, ho avuto una conversazione che non riguardava la scuola negli ultimi tre anni, forse l'interazione sociale è una buona cosa. Di proposito non menzionò che in realtà aveva sussurrato nell'orecchio della ragazza, Marilyn era il suo nome, prima che se ne andassero a fare sesso nella sua macchina. Non contava come conversazione, e non era sicuro della posizione di Lumi sulla questione del sesso, quindi decise di non spillarlo ancora.

Quindi sono andati a fare shopping, è stato per lo più tranquillo, Desmond ha incontrato alcuni amici di Lumi. Tra loro c'era un giovane rialzista che aveva un anno più di loro, diretto a una scuola di calcio di seconda divisione che era l'attuale fidanzato di Lumi. Si chiamava Steve, Desmond pensava molto poco a lui, ma capiva perché piacesse alle ragazze. Era ben muscoloso, con una faccia al di sotto della media e un'intelligenza molto al di sotto della media. Desmond dubitava di aver ottenuto un punteggio abbastanza alto ai SAT per entrare al college. Mentre stavano tornando in metropolitana dal centro commerciale, Desmond carico di borse, e le ragazze in qualche modo ugualmente cariche, una rossa bassa, Lauryn parlò direttamente a Desmond.

“Allora Desmond, ho sentito che sei cresciuto da queste parti. Cosa ha privato il liceo di qualcuno così...intelligente come te?", disse maliziosamente. Desmond immaginava che stesse flirtando con lui, almeno passava la maggior parte del tempo abbastanza vicino a lui. Mentre diceva questo, gli occhi di Lumi si spalancarono, chiaramente la storia non era stata raccontata, e lei non pensava che avrebbe dovuto esserlo. Desmond ha colto il suggerimento.

“Oh, i miei genitori hanno deciso quando ero più giovane che dovevo allontanarmi dalle distrazioni, come le ragazze come te,” aggiunse Desmond guardando direttamente negli occhi di Lauryn, “e passare più tempo a studiare,” aggiunse con una risata. Uno sguardo di sollievo passò sul viso di Lumi, Desmond prese mentalmente nota di chiederle cosa non avrebbe dovuto condividere con la sua amica. Quando tutti se ne andarono, Desmond e Lumi tornarono a casa dietro lei e Steve e molto... ovviamente si baciarono per pochi secondi di troppo. Desmond si rese conto che Steve stava cercando di inviare un messaggio, come "giù le mani". Desmond scosse semplicemente la testa e rise al pensiero, lei era la sua sorellastra, non era implicito? Mentre tornavano indietro, Desmond le chiese cosa fosse il suo sguardo di panico.

"Oh, l'hai capito, eh?" Lumi disse distogliendo lo sguardo, “Non ho proprio detto loro chi sei. Pensano che tu sia il figlioccio di Mary. Non sanno che Mary non è la mia vera mamma, mi dispiace dirtelo. Solo... beh, non è mai venuto fuori davvero. A questo punto lascialo cadere su di loro... beh, teniamolo così come va bene?" Sembrava di nuovo arrabbiata, quindi Desmond acconsentì. Percorsero il resto della strada in silenzio.

La settimana trascorse senza commenti, quando il venerdì arrivò, Lumi bussò alla porta di Desmond verso le 14:00, stava solo facendo un rapido allenamento pliometrico (sit up, flessioni e squat. Il suo insegnante di ginnastica lo aveva informato che se avesse continuato su questo, sarebbe andata molto lontano in futuro), aprì la porta prima che lui avesse la possibilità di rimettersi una maglietta. Fissò per un secondo il suo stomaco e il suo petto definiti prima di distogliere lo sguardo per incontrare i suoi. Si fissarono per un secondo, e poi lei disse: “Oh, scusa, non l'ho fatto... Comunque. Stasera vado a una festa in casa, mi chiedevo se volessi venire. Ci saranno quasi tutti quelli che hai incontrato lunedì, non preoccuparti, andrà tutto bene! Disse mentre un'espressione di panico attraversava il viso di Desmond, lui acconsentì. “Va bene fantastico! Partiremo dopo cena.» Poi si voltò e uscì, Desmond la osservò.

Desmond indossava jeans slavati con una maglietta aderente e un blazer, pensava di stare piuttosto bene. Quando Lumi scese le scale, quasi lo perse, indossava un vestito ampio che si fermava appena sopra le ginocchia e le ballerine. Lasciava ben poco all'immaginazione, e Desmond ha riempito volentieri quelle parti. Come diavolo dovrei non essere attratto da lei? Pensò a se stesso, lei è così sexy. Scuotendo la testa, si ricordò che era la sua sorellastra, e NON solo un'altra ragazza. Uscirono salutandosi, Mary controllò circa 5 volte di aver scritto correttamente il numero di Desmond. Era davvero preoccupata, pensò Desmond, per qualcuno che non vedevo da anni. Le vecchie abitudini sono dure a morire.

Non appena ebbero lasciato la casa, Lumi si rivolse a lui e gli fece un giro, “Cosa ne pensi? Pensi che catturerò qualcuno?"

“Beh, hai preso il mio, a patto che non sembri inquietante. Hai un aspetto davvero sbalorditivo, Lumi. disse Desmond arrossendo. Rise di buon cuore e rispose.

"Beh, grazie, detto da qualcuno che ti somiglia, significa molto!" disse con un occhiolino.

"OH? Cosa significa esattamente? Voglio dire, grazie. Dubito davvero che qualcuno mi darà una seconda occhiata quando entrerò accanto a te.

"Andiamo, forza! Non ti sei reso conto di quanto Lauryn ti volesse!? Non essere all'oscuro Desmond, anche tu sei piuttosto figo,” disse mentre gli dava un leggero pugno sul braccio. Hanno camminato per il resto della strada scherzando e Desmond ha iniziato a sentirsi abbastanza bene per tutta la faccenda "sociale". “Oh sì, e ho pensato che dovessi sapere che ci sarà alcol qui. Non so quanto hai bevuto prima, quindi hai bisogno che ti spieghi come non farlo?" ha detto con un sorrisetto?

“In realtà non ho mai bevuto a parte un bicchierino di whisky che un amico si è intrufolato l'anno scorso. Mi piacerebbe sapere come non rendermi ridicolo!" Disse sorridendo.

“Va bene, non sbuffare, mai. Beh, almeno non ancora, e bevi lentamente. Direi di andare per la birra perché le "bevande miste" da queste parti tendono ad avere più di quanto ti aspettassi. Oh e, non farti distruggere, perché avrò bisogno che tu mi conduca a casa! Ha detto con una risata, ha riso anche lui. Si stava davvero godendo la compagnia di questa ragazza. Quando sono arrivati ​​alla festa, ha iniziato a innervosirsi ma si è costretto a calmarsi e si sono uniti al flusso di persone che entravano in casa. "Non preoccuparti, non conosci il ragazzo che è la casa di questa casa, probabilmente verrà incasinato, ma i suoi genitori sono carichi quindi a loro non importa." Entrarono e, come Desmond intuì, tutti gli occhi andarono su Lumi e il suo fantastico vestito. Dubitava che ci fosse un paio di occhi maschili che non si chiedessero quanto sarebbe bello quel vestito per terra. Steve walk up to her, already quite drunk, and gave her a sloppy kiss.

Desmond grabbed a bottle from the table, it was Keystone, even he knew it was bad beer. But as he cracked it and downed the whole thing in a few glups, totally ignoring Lumi's instructions, he smiled at the feeling that soon set in. He slowed down after that, nursing two or three more so he was at a point where he was “buzzed”, and as Lauryn walked over, he also realized he was horny as all hell. She slid her arm around his back and he put hers around her shoulders and she motioned outside as they wandered towards the back door.

Once they were in the yard, she turned and kissed him, hard. He returned it after a half second of hesitation to realize what was happened. As the kiss broke she said, “I've been trying to get close enough to do that since we first met!” Desmond looked her up and down, she was hot, not doubt. Standing at 5' 3”, she had a round face with firey red hair that framed it nicely. She chest wasn't huge, but because she was so short it looked much bigger, and deffintly quite well proportioned. They kissed again, and their tongues became a dance, Desmond bent down and lifted her up so that she didn't have to stand on her toes. As she broke the kiss she said, “Put me down,” she grabbed his hand after he put her down, “and follow me,” she said with a wink and a caress of his chest. She opened a door and grabbed his shirt and pulled him into a kiss as she walked towards a bed. She reached down and expertly undid his belt pulled his jeans and briefs down to his ankles.

She grabed his cock and slow ran her hand up as she licked the tip. Now, Desmond had no idea exactly what was “average” or anything like that, he had assumed that the clossal dicks that guys had in porn was not a good representative sample. He was 7” long and about an inch in diameter, so where ever that put him, he was okay with it. Lauryn was now at this point starting to warp her lips around it, she dropped fully to her knees and looked up into his eyes.

“Fuck that's hot,” Desmond moaned as he ran his fingers through her hair without exterting a force, she took control with a mouth assualt. She licked from his sack up to the tip and then put about half of his length. She continued her expert assualt for the next few mintues before Desmond realized he was getting close, and had no desire for this fun to end, so he lifted her up onto the bed, who's bed he didn't know, but ceased to care. He slid his blazer off as she lifted her shirt off and he took in the sight of her breasts and bare stomache. She snapped of her bra as he climbed onto of her and kissed her with lust and ran his hands up her pale stomache to play with her tits. She moaned softly as he kissed her nipples back and forth, soon she was moaning constantly. She flipped Desmond over and returned to her work on his dick, still rock hard at this point. She quickly brought him back up to the edge of no return. “Lauryn, shit, if you keep going I'm gunna cum.”

She lifted her mouth of and smiled as pre-cum ran from her lips to his dick and said, “It's okay baby, I want to swallow you,” and she began her oral assualt again. Desmond moaned and placed his hand on her head to let her know it was coming. He exploded in her mouth, had she not swallowed it all he had no doubt it would have overflowed her petite mouth. A petite mouth that was incredibly talented mind you. She giggled and slid up him to rest her head on his chest and said, “Damn, that was hot. We'll have to see how far I can get you to go some other time. Now c'mon, let's get to back to partying, I think after that workout we both need a drink!”

As they slipped their clothes on they kept making out, Desmond didn't care that she had just swallowed him. He shrugged on his jacket and held open the door for her and they embraced and parted in to the swarm of people, she went off to find her friends and Desmond went to find another beer. He needed to cool down, and slipped outside to enjoy his drink in relative quiet. As he finished his beer, Desmond went back inside to find somewhere to take a piss and wash his face, in an attempt to find some sort of sobriety as he remembered Lumi telling him he would have to lead her home. As he stepped out of the bathroom he turned sharpy as he heard a girl yell out.

"Fermare! No I don't, piss off!” The girl yelled. Desmond was no hero, but it's hard to turn a blind eye to things like that. He turned down the hall and into the room where he saw the back of some guy smothering a girl much smaller then him.

“Hey, buddy, chill the fuck out.” Desmond said, hoping that just by his being there the guy would leave it alone. Instead the guy pushed the girl on the bed and turned around angerily. Desmond realized it was Steve, so he had to assume the girl was Lumi, or at least hoped it was. Although at this point, he was conflicted, maybe it would be better if this asshole was cheating on his step-sister.

“Oh look,” Steve slurred, “it's you. Piss off, she likes to resist but I know she wants it.”

“No, Steve, I don't. I think we'd better go, Desmond.” Said the girl, who was indeed Lumi. Steve didn't like this idea, so instead of stepping out of the way, he threw a punch that Desmond caught on the shoulder, causing him to step back and curse in pain. Desmond had been forced to take self-defence classes after he got beat pretty bad in his first week at boarding school. Even though Steve was bigger, when he charge Desmond bobbed and brought his fist into Steve's gut, using his own momentum to increase the force of the punch. Steve puked, and collapsed on the ground coughing. Desmond, grabbed Lumi's hand and pulled her outside and the ran for a few streets until Lumi stopped, panting. “Thanks, I don't know what the hell that jackass was thinking,” Lumi said, her speach slowed, clearly to try and mask her drunkeness. She stumbled forward and Desmond caught her as she started crying.

“Hey, hey, now c'mon it's all over now. Let's head home, nothing bad happened. At least you didn't get too far into a relationship with that guy.” Desmond said as she cried into his shoulder. He pulled out his smart phone and got directions to Mary's address, and they started to walk home.

“I'm really sorry you had to get in the middle of that, Desmond. We usually fuck at every chance we get, but I just wasn't into it tonight. Maybe I drank too much I just felt like I wasn't into it... I don't know.” Wel I guess that answers that question, Desmond thought. “Probably not your best experience at a party hey?” She said as she sniffed and laughed softly.

“Haha well, it, uh, could have gone worse right?” Desmond said, not mentioning the fact he'd gotten blown by her friend. That could come later, right now he figured it was all about getting Lumi home. She leaned heavily on me as we stumbled home, she rambled about the party and other things.

“Know what's really weird? Had you not left for boarding school, I don't know why you did, we would have grown up at the same school. Your friends would be my friends, and we would have known each other for years. Isn't that weird?” She said stopping and looking Desmond right in the eyes. He stared back, taken again with just how beautiful this girl really was.

“Yeah, well, life throws your change and you do your best to deal with it. I guess that's one way to look at it. But because we didn't, we get to have a great time this summer getting to know each other before I go off to learn how to steal souls.” He said laughing. She laughed too and then wrapped her arm around his body, exactly as Lauryn had, and Desmond started to stiffen up again. He shook his head, he'd just stopped this girl from having sex forced on him, mind out of the gutter! Yet as he wrapped his arm around her shoulder protectively, he coudln't help but take in her amazing smell and feel how good she fit into this embrace. As they got home, she pulled a key out of her purse, and they slipped in the door. He helped her up the stairs and then said said good night and turned around. She grabbed his arm and spun him around

“When I said I was sorry, I meant it. But I also mean that I'm really thankful you did what you did. I might have been raped if you hadn't stepped in. I...I'm just, thank you.” She said fighting back tears, she kissed Desmond on the cheek and smiled at the shock on his face. “What, it's not like we're blood relatives, a kiss as a friend is nothing. Now go, and don't wake anyone up,” she said with that glint in her eye again.

Desmond went down stairs, still trying to come to terms with what had happened tonight. At his first party, real party, ever, he had gotten an amazing blowjob, got in a fight and now he just got a kiss from the most gorgeous girl he'd ever met. Maybe this summer will not be entirely boring, he thought as he drifted off to sleep.


Okay, so I realize it was super long, I kinda got caught up in the character of Desmond. Colpa mia. Any ways, any input would be greatly appreciated, and I hope the formatting isn't too bad. I promise there will be more sex in the next part. Like I said, first time ever writing fiction, hope its enjoy able!

Storie simili

Amy - Parte 1 - Dan

Dan pensava di essere un uomo felice in generale: aveva un buon rapporto con Anna, sì, il sesso era raro e un po' di routine, ma era felice se non del tutto soddisfatto. Poi l'azienda ha assunto Amy, aveva 18 anni e sembrava un po' fuori di testa, forse era il primo giorno di nervi pensò Dan, ma, guardandosi intorno ai suoi colleghi, pensò che probabilmente dipendesse dal loro ovvio guardarla a bocca aperta mentre camminava oltre le loro scrivanie. Il capo aveva una storia di scelta dell'aspetto piuttosto che delle capacità, ma a nessuno degli uomini importava davvero. Dan di...

1.8K I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

1.6K I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

1.7K I più visti

Likes 0

Alza il tuo

Nell'agosto del 1998, avevo 18 anni e vendevo Bibbie porta a porta, a piedi, in una piccola città della Virginia. Mentre continuavo a camminare sempre più fuori città, cercando di vendere qualcosa che tutti avevano già, mi sono reso conto che si stava facendo buio ed ero a circa 5 miglia da dove stavo affittando un piccolo appartamento. Ho deciso di tornare in città in autostop. GROSSO ERRORE!!! Quando un furgone si è fermato e si è fermato e la porta scorrevole si è aperta, ho capito che potrebbe non essere una buona idea. C'erano 4 ragazzi neri lì dentro e...

1.2K I più visti

Likes 0

Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni. 'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina. 'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella...

943 I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a conoscere la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho chattato con lei solo alcune volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che avevo più di dieci anni di lei... A parte questo non avevo mai visto una sua foto, anche se mi aveva detto che è molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i miei nervi. Quando ho svoltato nella strada giusta, la...

1.9K I più visti

Likes 0

I Ragazzi ritornano!

I ragazzi tornano! Ci è voluta una settimana per organizzare un momento reciprocamente gradevole in cui Brad e Mike tornassero per un altro incontro con mia moglie Beth. L'ultima volta che i ragazzi sono stati qui, Beth si è divertita moltissimo e non vedeva l'ora di ripetere l'esibizione. Mi aveva persino detto che li avrebbe portati direttamente in camera da letto dove avrebbero potuto davvero farlo. Sono rimasto un po' sorpreso quando sono andato ad aprire la porta. C'erano Brad, Mike e altri due bei ragazzi. Brad mi ha indotto da Chad e Dan, che avevano entrambi 18 anni, e ha...

1.7K I più visti

Likes 0

Sandra dopo l'Università Pt. 1

Sandra dopo l'università di Vanessa Evans Sandra ha guadagnato abbastanza soldi per prendersi un anno di pausa. Nota dell'autore Questa storia è una continuazione della mia storia Sandra è diversa. Sebbene questa storia possa essere indipendente, avrà più senso se leggi prima Sandra è diversa. v introduzione Dopo 3 incredibili anni all'università in cui ho fatto un sacco di soldi lasciandomi sculacciare dagli uomini, lasciando che gli uomini mi scopassero mentre ero privo di sensi e dimostrando macchine del cazzo alle convention di attrezzature erotiche, ho deciso che dovevo prendermi un anno per ottenere il massimo delle mie dipendenze che si...

779 I più visti

Likes 1

Ho guidato la macchina nel vialetto e l'ho parcheggiata accanto a quella di mia madre. Mi sono controllato dallo specchietto retrovisore per l'ultima volta, per assicurarmi di non sembrare il diavolo in persona, ho preso il regalino che avevo comprato per la mamma e mi sono avviato verso casa. Il mio nome è Kevin. Ho ventuno anni e sono uno studente universitario. Vivo con mia madre, che quel giorno compiva quarantuno anni. Lei e mio padre hanno divorziato quando ero piccolo e da allora si è presa cura di me. Papà veniva a trovarci circa ogni due mesi e, a giudicare...

919 I più visti

Likes 0

Vivere la vita negli spogliatoi

Lexi si è svegliata al suono della campanella della settima ora, la campanella le era familiare perché le ricorda sempre l'ora del congedo. Lexi era un'atleta di punta nella squadra di pallavolo del liceo e ogni giorno dopo la scuola doveva andare ad allenarsi. Si affrettò verso il suo armadietto, notando che tutti i suoi amici si stavano salutando, prese la sua uniforme dall'armadietto e la borsa della palestra. e si precipitò negli spogliatoi delle ragazze. Di solito era la prima lì e oggi non era diversa. Andò al suo solito armadietto e iniziò a spogliarsi, si tolse la camicia e...

740 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.