Piccola e carina babysitter

943Report
Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni.
'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina.
'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella sua stanza. Tornerò verso le 11, 11:30. Sentiti libero di qualsiasi cosa nel frigorifero, piccola. Fai come se fossi a casa tua' dissi, schiaffeggiandole sfacciatamente il culo. Lei ridacchiò e si sedette sul divano con le gambe divaricate.
Era quasi doloroso allontanarsi da quella fica calda.

Ho lasciato il pub presto, verso le dieci e ho camminato piano in casa mia e ho sentito gemiti sommessi dalla mia camera da letto. Sono strisciato al piano di sopra e ho sbirciato dalla fessura della porta quasi chiusa.
Ed eccola lì.
Tammy Lovett, 13 anni. L'adolescente innocente che ho sempre voluto trapanare, fin dall'età di dieci anni, era seduta sul mio letto, guardava il mio porno, masturbandosi la sua minuscola, gonfia spinta rosa in fondo al mio letto.
'Oooh, sì. Sì, per favore. Ohhh cazzo sì.' Sussurrò sporca. L'ho osservata per circa 15 minuti, fino a quando la sua piccola bocca rosa sussultò e il suo corpo tremò violentemente per l'orgasmo. L'ho vista saltare giù dal letto e dirigersi verso la porta. Corsi di sotto e cercai di calmare il mio cazzo estremamente duro.

'OH! Ciao papà! Non sapevo ancora che saresti tornato!' Disse, le sue braccia intorno al mio collo, abbracciandomi.
Le afferrai le chiappe e tirai il suo corpicino verso il mio. L'ho sollevata e l'ho lasciata cadere sul divano.

"Allora, signorina Tammy Lovett, per caso hai un fidanzato?"
'Uhh, niente papà. Sono single!'
'È una bambina perfetta. Ti capita di volere un fidanzato segreto? Un ragazzo di cui solo tu e io sapevamo?
'Ooh sì papà! Per favore, fammi avere un fidanzato segreto, per favore!!!!'
L'ho sollevata, la sua piccola figa contro la mia vita, e l'ho sdraiata sul divano, la sua figa vicino al mio viso.
'Ti ho visto accarezzare la tua piccola figa nella mia camera da letto, arco che era molto cattivo ora non è vero?'
dissi, guardando le sue guance arrossarsi.
'Stavo solo... stavo solo... mi dispiace tanto papà! Per favore, non dirlo a mia madre!' Pianse, accarezzandomi i capelli.
"Credo che non lo farò... A meno che tu non mi permetta di farti questo."
Le ho tirato giù le mutandine e ho iniziato a leccare la sua piccola figa, toccandole la clitoride con la lingua.
'Sì piccola ti piace, vero?' dissi, mentre lei gemeva raccontando. Io per non fermarmi.
Ho preso un dito e ho spinto nella sua fica calda. Glielo spinsi dentro, sentendola contorcersi per l'eccitazione.
'Per favore... Oh sì!.... Per favore, puoi.. Scoparmi?' Ci è riuscita, e io ho afferrato le sue enormi tette e le ho tirate forte, giocando con i suoi capezzoli finché non sono diventati duri come la roccia. L'ho piegata in avanti in modo che il suo viso e le sue tette fossero schiacciati contro la pelle sudata. Ho sculacciato il suo piccolo, sexy culo a bolle di 13 anni e improvvisamente l'ho spinta dentro. Era chiaramente vergine, perché la sua figa era incredibilmente stretta. Continuavo a sbatterla contro e lei gridava ad alta voce ogni volta che lo facevo. Poi mia figlia Aimee, che ha 10 anni, è scesa al piano di sotto ed è corsa da me.
"Papà, cosa stai facendo a Tammy?" Ho tenuto saldamente Tammy giù, mentre lottava per scappare. Ho continuato a spingere.
'Io e Tammy ci stiamo divertendo un po', piccola. Tammy mi vive e io la amo e ora lo faremo ogni volta che lei si siederà per dimostrarlo. Vuoi guardare il bambino?' chiesi avvicinando la mia piccola figlia nuda al mio corpo, accarezzandole la figa incredibilmente piccola. Lei ridacchiò e annuì, facendo scorrere la sua manina sulle natiche di Tammy. Ho riso e sculacciato Tammy, e lei si è rilassata e ha ricominciato a gemere, molto forte.
'Oh sì, vieni papà scopami! Andiamo avanti, oh sì!' Ha urlato ad alta voce.
'Papà, posso unirmi per favore?' chiese Aimee, giocando con le sue tette molto piatte. I suoi capezzoli erano grandi come piselli e si ergevano sul suo corpo freddo e tremante.
'Va bene tesoro. Voglio che mi lecchi le palle, queste grandi cose qui. Niente morsi, solo leccate. Ok piccola?'
dissi, sculacciandole il culetto. Ho tirato fuori dalla figa di Tammy e le ho afferrato la testa e l'ho agganciata al mio cazzo.
"Succhia, pezzo di culo sexy." Ho comandato, e lei ha obbedito immediatamente, unendosi ad Aimee che stava già giocando e succhiandomi le palle. Ero in paradiso puro.
Tammy saltellava su e giù mentre Aimee continuava ad accarezzare, nessuno sapeva di meglio. Il mio cazzo pulsava di piacere mentre sentivo emergere il mio climax. Ho posizionato Aimee e Tammy uno accanto all'altro e sono riuscito a dirigere il mio sperma su entrambi i loro volti e capelli, anche le belle tette di Tammy.
«Adesso, ragazze. Un'ultima cosa,' ho iniziato, masturbandomi il mio cazzo ora semi.
"Voglio che vi lecchiate la fica a vicenda, vi sputiate sulle tette a vicenda e vi sedete sulla faccia a vicenda."
'Andare!'
dissi, e le due belle ragazzine iniziarono a baciarsi.
I piccoli capezzoli vivaci di Tammy continuavano a colpire il petto piatto di Aimee, cosa che mi eccitava incredibilmente. Aimee si staccò per prima e sputò sulla splendida rastrelliera di Tammy. Ha iniziato a strofinare la saliva appiccicosa e strofinare il proprio mini corpo contro le tette calde di Tammy. Tammy ha spinto Aimee brutalmente a terra e ha spinto la sua bella figa senza peli in faccia ad Aimee. Aimee leccò e succhiò e ridacchiò.
Sono arrivato a un altro climax e l'ho diretto alle ragazze che ridacchiavano e di nuovo le ho inzuppate di sperma.
'ORA, i miei piccoli bambini sexy. Entrambi non ne parlerete a nessuno, o non vivrete più questa esperienza. Entrambi ora fate una doccia insieme e vi asciugate. Potete dormire entrambi con me stanotte fino a domani, quando Tammy deve tornare a casa. Potremmo avere tempo per una sveltina domattina».
'Si papà!' I miei due piccoli amici del sesso hanno suonato, e ho riso e mi sono chiesto quando sono stato così fortunato.

Storie simili

Amy - Parte 1 - Dan

Dan pensava di essere un uomo felice in generale: aveva un buon rapporto con Anna, sì, il sesso era raro e un po' di routine, ma era felice se non del tutto soddisfatto. Poi l'azienda ha assunto Amy, aveva 18 anni e sembrava un po' fuori di testa, forse era il primo giorno di nervi pensò Dan, ma, guardandosi intorno ai suoi colleghi, pensò che probabilmente dipendesse dal loro ovvio guardarla a bocca aperta mentre camminava oltre le loro scrivanie. Il capo aveva una storia di scelta dell'aspetto piuttosto che delle capacità, ma a nessuno degli uomini importava davvero. Dan di...

1.8K I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

1.6K I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

1.7K I più visti

Likes 0

Alza il tuo

Nell'agosto del 1998, avevo 18 anni e vendevo Bibbie porta a porta, a piedi, in una piccola città della Virginia. Mentre continuavo a camminare sempre più fuori città, cercando di vendere qualcosa che tutti avevano già, mi sono reso conto che si stava facendo buio ed ero a circa 5 miglia da dove stavo affittando un piccolo appartamento. Ho deciso di tornare in città in autostop. GROSSO ERRORE!!! Quando un furgone si è fermato e si è fermato e la porta scorrevole si è aperta, ho capito che potrebbe non essere una buona idea. C'erano 4 ragazzi neri lì dentro e...

1.2K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a conoscere la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho chattato con lei solo alcune volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che avevo più di dieci anni di lei... A parte questo non avevo mai visto una sua foto, anche se mi aveva detto che è molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i miei nervi. Quando ho svoltato nella strada giusta, la...

1.9K I più visti

Likes 0

Sandra dopo l'Università Pt. 1

Sandra dopo l'università di Vanessa Evans Sandra ha guadagnato abbastanza soldi per prendersi un anno di pausa. Nota dell'autore Questa storia è una continuazione della mia storia Sandra è diversa. Sebbene questa storia possa essere indipendente, avrà più senso se leggi prima Sandra è diversa. v introduzione Dopo 3 incredibili anni all'università in cui ho fatto un sacco di soldi lasciandomi sculacciare dagli uomini, lasciando che gli uomini mi scopassero mentre ero privo di sensi e dimostrando macchine del cazzo alle convention di attrezzature erotiche, ho deciso che dovevo prendermi un anno per ottenere il massimo delle mie dipendenze che si...

779 I più visti

Likes 1

Ho guidato la macchina nel vialetto e l'ho parcheggiata accanto a quella di mia madre. Mi sono controllato dallo specchietto retrovisore per l'ultima volta, per assicurarmi di non sembrare il diavolo in persona, ho preso il regalino che avevo comprato per la mamma e mi sono avviato verso casa. Il mio nome è Kevin. Ho ventuno anni e sono uno studente universitario. Vivo con mia madre, che quel giorno compiva quarantuno anni. Lei e mio padre hanno divorziato quando ero piccolo e da allora si è presa cura di me. Papà veniva a trovarci circa ogni due mesi e, a giudicare...

919 I più visti

Likes 0

Vivere la vita negli spogliatoi

Lexi si è svegliata al suono della campanella della settima ora, la campanella le era familiare perché le ricorda sempre l'ora del congedo. Lexi era un'atleta di punta nella squadra di pallavolo del liceo e ogni giorno dopo la scuola doveva andare ad allenarsi. Si affrettò verso il suo armadietto, notando che tutti i suoi amici si stavano salutando, prese la sua uniforme dall'armadietto e la borsa della palestra. e si precipitò negli spogliatoi delle ragazze. Di solito era la prima lì e oggi non era diversa. Andò al suo solito armadietto e iniziò a spogliarsi, si tolse la camicia e...

740 I più visti

Likes 0

Il mio fantastico viaggio a Sydney

Questa è la mia prima storia: ne ho lette alcune ma è un po' diverso scriverle, quindi un feedback sarebbe positivo. In particolare su quanta introduzione piace alle persone. Mi piace un po' ambientare la scena, ma non così tanto da richiedere anni, non sono sicuro di aver capito bene o meno. Mi chiamo Matt, ho 22 anni e studio all'università di Adelaide. Ho una ragazza che si chiama Kate, è una ventenne bionda bassa che sta benissimo nel sacco, ma sfortunatamente le piaccio più di quanto piaccia a me. Kate ha un'amica a Sydney che festeggiava il suo 21esimo compleanno...

696 I più visti

Likes 0

30 giorni, 30 peccati (in italiano, scusate)

1 - Mi fa male, stasera – sussurrò la sorella nel buio ma quello scemo di Renè non si decideva ad andarsene in camera sua. - Ieri pomeriggio hai spinto troppo, idiota! - Renè sbuffò ma non mollò. Era inginocchiato per terra affianco al suo letto e con la mano sotto le lenzuola continuava a cercare di intrufolarsi sotto la sua vestaglietta. - Devi andartene, non deve succedere più, lo capisci? - - Solo un’ultima volta – sussurrò il fratello nel buio – è troppo bello! - Giorgia ripensò a quel mese incredibile... tutto era cambiato e lei non riusciva a...

602 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.