Diventare la brava ragazza di papà 7: Bratty Sister viene sculacciata

1KReport
Diventare la brava ragazza di papà 7: Bratty Sister viene sculacciata

Diventare la brava ragazza di papà
Capitolo sette: Bratty Sister viene sculacciata
Di miopenname3000
Diritto d'autore 2016

Una mano mi ha scosso la spalla mentre dormivo. Non volevo svegliarmi. Ero ancora così stanco da ieri. Ieri erano successe così tante cose. Sono andato su un ottovolante di emozioni. È iniziato con papà che mi portava in una prigione privata per mostrare quanto fossi una brava ragazza. Il mio corpo di diciottenne era in mostra agli altri Padroni e alle loro sottomesse schiave sessuali, alcune giovani come me, altre più grandi. C'erano persino squadre di sottomesse madre/figlia.

Questo avrebbe dovuto essere un indizio di quello che è successo quando siamo tornati a casa.

Sono stato frustato, inscatolato e sculacciato da papà in prigione. Poi sono stato fottuto da tutti i maestri là dentro. Un uomo di colore, con il suo enorme cazzo, mi ha persino fottuto il culo. Sono venuti tutti su di me, dipingendomi di sperma. Ho avuto così tanti orgasmi, dal dolore e dal piacere, che ho raggiunto il subspazio. Ero perso, il tempo passava mentre l'estasi mi afferrava. Non sapevo che fossero passate ore quando ne sono uscito, il mio corpo coperto di così tanto sperma.

Ma avevo dimostrato a me stessa di essere la brava ragazza di papà. Che mi sarei sottomesso a <em>qualsiasi</em> dei suoi desideri. Ero eccitato nonostante quanto fossi stanco. Papà mi premiava quando tornavamo a casa, regalandomi il girocollo che portavo al collo, una catenina d'oro con un ciondolo a forma di delfino. Incisa sul ciondolo c'era: "Melody, Daddy's Good Girl".

Ero la sua brava ragazza.

La mano mi scosse più forte. Emisi un lieve gemito, non volendo rinunciare al sonno come ricordavo ieri. Quando siamo tornati a casa, invece di prendere subito il mio girocollo, siamo stati beccati dalla mamma. O, dovrei dire, la mamma ci stava aspettando. Pensavo fosse fuori città per un'altra settimana con la mia monella, fraterna sorella gemella Alice. Quando l'ho vista, la paura mi ha attraversato.

Sapeva che ero la schiava sessuale e l'amante di papà. Che avevamo commesso incesto. Che papà mi aveva fottuto la fica appena maggiorenne.

Ma non era arrabbiata. Sapeva già tutto. Ero sotto shock, confuso. Mi ha portato di sopra e mi ha fatto il bagno. Era così sensuale e amorevole. Mi ha raccontato tutto di come suo padre, mio ​​nonno, aveva addestrato la mamma a essere una brava ragazza e di come ha incontrato mio padre in una prigione sotterranea. Si sono innamorati e il nonno l'ha venduta a papà come parte della loro cerimonia di matrimonio. Quando io e mia sorella siamo nati, la mamma era ansiosa di allevarci per diventare brave ragazze.

Ero molto più sottomessa di Alice.

Poi è arrivato papà e ieri sera abbiamo fatto una bella cosa a tre. Mi ha dato il suo girocollo, rivendicandomi come sua seconda schiava sessuale da servire con la mamma. E poi abbiamo accontentato papà tutta la notte. La mamma ha leccato il suo sperma dalle mie tette, io ho leccato il suo sperma dalla sua fica. Abbiamo condiviso la passione lesbica mentre papà guardava, facendolo diventare duro per un altro giro con i nostri corpi.

Quindi ero esausto e non volevo svegliarmi questa mattina. Il mio corpo giovanile era prosciugato.

“Melody,” mi ha sussurrato la mamma all'orecchio, “devi alzarti e fare la brava ragazza. Papà ha bisogno di noi».

Quelle parole tagliano la nebbia che indugia sui miei pensieri. I miei occhi si spalancarono. Ero nel loro letto, dormivo in mezzo a loro. Ci eravamo addormentati così, entrambi abbracciati a me, condividendo questo momento di amore familiare e proibito. Mi appoggiai di nuovo alle tette della mamma, gemendo piano mentre capivo cosa intendeva.

“Scusa, mamma. Io sono...” Uno sbadiglio interruppe le mie parole. “...così stanco.”

“Va tutto bene,” sorrise. «Sta ancora dormendo. Ma dobbiamo svegliarlo come si deve. E credo che tu sappia come farlo.

Sorrisi, contorcendomi, sentendo i suoi capezzoli duri contro la mia schiena. I capezzoli che avevo allattato da bambino. Era così malvagio. La mia figa arrossì all'istante per la mia eccitazione. Un'ondata di formicolio di gioia percorse il mio corpo mentre fissavo il petto muscoloso di papà.

Era così bello. Tatuaggi di filo spinato lo attraversavano. Il fuoco bruciava intorno alle sue braccia, tatuaggi sulle maniche e una donna nuda e sottomessa con collare e guinzaglio era inginocchiata sulla parte superiore del suo braccio. Era mamma. Non l'avevo mai capito prima. Era romantico e dolce. Ho sempre saputo che i miei genitori si amavano. Stava nelle piccole cose tra loro, non solo nella grande soddisfazione che provava la mamma nel pulire, cucinare e prendersi cura di lui, ma nei loro sguardi condivisi e nello spazzolarsi le mani.

La vera intimità.

Mi ero illuso di poter prendere il posto della mamma. Papà non voleva che la sostituissi, voleva includermi. Amava entrambi, e Alice, immagino. Non volevo pensare alla mia monella sorella in questo momento. Era a un pigiama party da Donna. Quando sarebbe tornata a casa, sarebbe iniziato il suo addestramento.

Sperai che non fosse troppo testarda.

Spinsi giù la coperta mentre mi muovevo sul letto, i miei capelli castani - ancora raccolti in una treccia da quando mi addormentai prima di scioglierli - mi scivolarono dalla spalla mentre lo baciavo sullo stomaco. Ho esposto il suo cazzo, sdraiato mezzo duro sul suo inguine, i peli pubici scuri che si arricciavano intorno alla base.

"Mmm, sveglia papà con stile", fece le fusa la mamma, le sue mani scivolarono verso l'alto per coprirsi i seni.

Ho fatto una pausa. "L'ho fatto nelle ultime due settimane." Ho afferrato il cazzo di papà, offrendoglielo. "Dovresti farlo, mamma."

Lei sorrise e scosse la testa. “No, no, tesoro. Sveglialo. Fammi vedere quanto sei una brava ragazza per papà.

La mia figa si contrasse alle sue parole. Mi chinai, respirando il muschio di papà, denso del profumo di sperma essiccato. Gli leccai il cazzo, raccogliendo le tracce di sperma secco e argenteo, bagnandogli il cazzo mentre mi alzavo fino alla punta spugnosa, gli girai intorno, accarezzandogli il cazzo, sentendolo indurirsi nella mia mano. Crescendo fermo a causa del mio tocco.

I miei fianchi tremavano, la mia figa diventava più bagnata mentre la mia lingua guidava pigri cerchi intorno al suo cazzo. Ho adorato la consistenza della sua corona sulla mia lingua. Divenne più duro e più grosso, gonfiandosi sotto la mia mano che lo accarezzava. Le mie labbra si allargarono, succhiando la sua punta pulsante nella mia bocca.

Papà gemette nel sonno.

Il suono maschile mi fece rabbrividire. Staccai la bocca dalla punta per poterlo leccare di nuovo. Ho iniziato dalla base, amando il suo sapore, come pulsava mentre la mia lingua correva sempre più in alto sul suo cazzo finché non ho raggiunto di nuovo la punta. Gemette di nuovo mentre la mia lingua passava sulla sua corona, raccogliendo la goccia di precum.

"Ecco fatto", ha elogiato la mamma. "Oh, ti stai solo trasformando in un piccolo succhiacazzi."

"Lo sono, mamma", dissi raggiante. "Sono solo una troia come te."

Lei rise, le sue grosse tette tremolavano. Come me, si era addormentata con i capelli castani raccolti in una treccia. Le cadde sulla spalla e penzolò a sfiorarle il capezzolo destro. Fissai la ciocca di capelli che le solleticava il nocciolo, volendo stuzzicarla io stesso. Allattare.

Ma prima dovevo succhiare il cazzo di papà.

Inghiottii di nuovo il suo cazzo, succhiandolo più forte che potevo. Le mie guance si incavarono per la forza. La mia lingua vorticava intorno alla punta mentre la mia mano destra stringeva a pugno il suo cazzo. La mia mano sinistra massaggiò le sue palle, piene di una notte di sperma da schizzare nella mia bocca.

Sborra deliziosa, deliziosa e cremosa.

Agitai la bocca mentre gemeva di nuovo. Si mosse, i suoi fianchi si contrassero. Le mie tette penzolavano sotto di me, la mia treccia ondeggiava mentre mi pendeva dalla spalla. Gli accarezzai il cazzo, accarezzando le mie labbra in salita, i suoi peli pubici in discesa. Ho preso sempre più del suo cazzo nella mia bocca, lasciandolo svegliare in paradiso.

La mamma si muoveva sul letto, strisciando dietro di me, quelle grosse tette penzolanti, i miei occhi le seguivano finché non si muoveva dietro di me. La sua mano mi accarezzò il sedere. Gemetti, la sua lingua mandava svolazzi birichini nella mia figa.

"Ooh, sei una cosa così deliziosa", fece le fusa mamma. "Il tuo culo è una bellissima sfumatura di viola."

Lei lo pungolò e io sussultai, stringendo la mia figa. Il ricordo dell'amore di papà mi fece rabbrividire. Avrei sentito quei lividi per tutta la settimana. Ogni volta che mi sedevo mi ricordavo di come ero la brava ragazza di papà. Lo amavo. Ero così felice di essere suo.

Le mani della mamma mi accarezzarono le cosce. Le sue labbra sfiorarono il mio culo ardente, baciandomi. Gemevo per il cazzo di papà mentre le sue labbra si muovevano sul mio culo, lasciando dietro di sé baci svolazzanti. Erano così rilassanti, così pieni del suo amore materno. È stato bellissimo mentre baciava la mia carne ferita.

“Mmm,” gemette papà.

I miei occhi si posarono sul suo viso. Era sveglio e mi guardava. Gemette, il suo cazzo pulsava. "Bene, bene, bene, vedo che sei ancora la brava ragazza di papà."

"Signore, niente cambierebbe le cose", ha riso la mamma. "Lei ti ama."

"Ti amo anch'io, schiavo." La sua mano si abbassò e afferrò la mia treccia, tenendola come un guinzaglio. "Ora per favore tuo padre."

“Sì, sì, succhiagli il cazzo. Il nostro Padrone merita di scaricarti il ​​suo sperma in bocca, troia. Sei la <em>sua</em> figlia troia.

Ho succhiato più forte, amando le parole, contorcendomi mentre le labbra della mamma mi baciavano fino alle cosce. Poi si è spostata a destra, avvicinandosi alla mia figa. Gemevo per il cazzo di papà mentre lei si infilava il naso tra le mie pieghe depilate, leccando la lingua, stuzzicandomi.

“Mmm, è bagnata fradicia, signore. Nostra figlia è una tale troia per il tuo cazzo.

"Sì, lo è", ha detto papà, la sua voce così forte.

La mia figa si contrasse mentre la mamma leccava di nuovo. Delizioso piacere mi pervase mentre muovevo la bocca su e giù per il cazzo di papà. Il suo precum salato mi ha inondato la bocca. Le mie mani gli massaggiarono le palle, sentendo quanto fossero pesanti e calde, quanto fossero piene del suo sperma, desideroso di esplodere nella mia bocca.

Oh, è stato meraviglioso.

Ho succhiato più forte, più forte. La mia saliva gli gocciolava sul cazzo. Ho bobbed, slurping e succhiare. Papà gemette, la sua mano afferrò la mia treccia, spingendo la mia bocca sempre più giù lungo il suo cazzo mentre la mamma leccava e strofinava il muso contro il mio clitoride.

Il piacere mi fece rabbrividire. La sua lingua ha sondato le pieghe della mia figa mentre il cazzo di papà mi premeva in fondo alla gola. Mi rilassai, ingoiando il suo cazzo mentre mi abbassava la testa. Il suo cazzo mi è scivolato in gola. Mi è diventato difficile respirare. Il suo cazzo era così enorme, che mi allungava la gola. Gemetti e deglutii, i miei fianchi tremavano mentre il piacere cresceva nella mia figa.

«Una fica così calda, signore. Ooh, adoro il modo in cui scuote i fianchi.

“Una mamma così cattiva. Leccare la fica di nostra figlia. Sei proprio una sgualdrina, June.

"Lo sono, signore."

La sua lingua si infilò nella mia figa, fottendomi dentro. Rimasi senza fiato e sussultai, volendo infilare la mia bocca nel cazzo di papà. Ma la sua presa era forte, tenendomi la testa bassa. Il dolore divampò nel mio cuoio capelluto. Smisi di dimenarmi, rilassarmi, prendere sempre più cazzo di papà mentre l'estasi usciva dalla mia figa.

Le mie labbra premette sui peli pubici di papà. Solo allora mi avrebbe lasciato scivolare di nuovo su per la sua gola. Ho succhiato forte per tutto il tempo, i miei fianchi si dimenavano. La mia figa si è stretta sulla lingua della mamma. Lei gemette e bevve, bevendo i miei succhi mentre si riversavano.

Le sue dita trovarono il mio clitoride. Lo strofinò mentre strofinava il naso. Mi si sono arricciate le dita dei piedi. Il piacere costruito nel mio nucleo, un orgasmo crescente. La mia bocca ha raggiunto la parte superiore del cazzo di papà, solo la corona è rimasta nelle mie labbra. Ho provato a staccare la testa per chiedere il permesso di venire.

Ma papà non mi ha dato tregua.

Mi ha tirato la treccia, tirandomi giù dal suo cazzo. Gemette mentre lo scivolavo giù. I suoi occhi ardevano di piacere. L'ho visto. Sapeva che volevo chiedere il permesso di venire, di cedere alla dolce lingua della mamma, e mi ha negato l'opportunità.

"Le sue chiappe si dimenano", gemette papà. “Si sta scaldando? La piccola troietta vuole sborrare sulla faccia della sua mamma?

"Mmm, penso che lo faccia." La mamma ha leccato la mia fessura, iniziando dal clitoride e finendo sulla mia guaina. L'ha sondata prima di gemere: “Ma è una brava ragazza. Non verrà senza il tuo permesso.

Volevo stringere i denti, ma era impossibile con il cazzo di papà infilato dentro. Gli ho lasciato andare le palle e ho afferrato la trapunta con entrambe le mani. Strinsi, grugnendo contro il piacere che la lingua della mamma creava mentre assaporavo il brivido di muovere la bocca sul cazzo di papà.

La mia figa si contrasse ancora e ancora. mi sono dimenato. Il prurito caldo è cresciuto nel mio nucleo. Doveva essere rilasciato. Per esplodere attraverso di me. Ma non lo permetterei. Non importa quanto la mamma mi massaggiasse forte il clitoride o mi toccasse la figa.

"Una fica così dolce", gemette la mamma mentre mi dava piacere. "Oh, signore, abbiamo creato insieme una figlia così deliziosa."

"Sì, l'abbiamo fatto", gemette, la voce impastata dal piacere.

Entrambe le sue mani mi afferrarono la testa. Mi ha fottuto la bocca su e giù per il suo cazzo, il suo cazzo mi ha sbattuto in gola. I suoi fianchi si sollevarono dal letto mentre mi sbatteva a terra, schiacciando le mie labbra contro i suoi peli pubici, le sue palle che mi schiaffeggiavano il mento. Grugniva ogni volta. Mi sono lamentato del suo cazzo, concentrandomi sul fargli piacere, cercando di ignorare la meravigliosa lingua della mamma nella mia fica.

Ma è stato così difficile.

Tutto il mio corpo si contrasse mentre combattevo contro di esso. Un gemito basso e gutturale si levò mentre papà mi fotteva la bocca. È stato così difficile. Mi si sono arricciate le dita dei piedi. Strappai la trapunta, lottando per farla a pezzi con le unghie mentre il piacere cresceva. Le sue labbra mordicchiarono le mie labbra e il clitoride. La sua lingua mi accarezzò. Ha scopato un paio di dita dentro e fuori dalla mia profondità.

"Che troia del cazzo", gemette papà. “Il modo in cui fa schifo. Oh, sì, si sta comportando così bene.»

"Lo è", gemette la mamma, deliziata dalla sua voce. Assaporava i miei fianchi contorti. “Le sborri in gola. Versalo dritto nello stomaco della piccola puttana. Ecco perché l'abbiamo cresciuta. Essere la tua discarica di sperma.

«Sì», gemette papà.

Le sue dita affondarono nei lati della mia testa. Ha sbattuto la mia falena sul suo cazzo. Ero così impotente, così alla sua mercé. Quei sentimenti meravigliosi hanno gonfiato l'orgasmo nelle mie profondità. La lingua di mia madre si agitava tra le pieghe della mia fica. Ho trattenuto l'esplosione con ogni grammo della mia volontà.

"Fanculo!"

Il cazzo di papà è esploso. Mi pulsava in gola. Ha scaricato il suo sperma direttamente nel mio stomaco. Un'inondazione calda e calda. Il mio orgasmo voleva esplodere. Per riempirmi di beatitudine. Strinsi gli occhi mentre continuava a grugnire.

Poi ricadde sui cuscini, sazio.

Le sue mani lasciano andare la mia treccia. Staccai le labbra dal suo cazzo e gemetti: "Posso venire, papà?"

«No», disse, i suoi occhi nei miei, così forti, così duri.

Il mio si è allargato. “Per favore, papà? Per favore? Ne ho bisogno. La lingua di mamma... Oh, dio, papa'. Non posso... non posso.

"Non puoi venire finché tua sorella Alice non ti fa", ordinò papà. “June, smettila di leccare la fica della puttana. Se viene, vi sculaccio entrambi.

"Non sarebbe divertente?" ridacchiò la mamma. Poi mi ha leccato per l'ultima volta la figa, dolcemente e lentamente. Ansimai i miei fianchi alzandomi con lei. È scivolata attraverso la mia macchia e mi ha sfiorato lo sfintere prima di alzarsi. Crollai sul letto, una palla di frenesia tremante.

"Papà", gemetti, la mia figa in fiamme.

"Dovrai farti leccare la fica da tua sorella", disse.

"Come?" Le lacrime mi imperlavano gli occhi. Lui e la mamma si sono divertiti così tanto nel mio tormento.

«Sei una ragazza intelligente», disse. "Ora tu e la tua mamma dovete fare una doccia e iniziare a fare colazione."

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Sono stata una palla tremante di frustrazione per tutta la mattina. La mamma mi ha preso in giro di più mentre facevamo la doccia, infilandomi un dito nel culo mentre faceva finta di lavarmi. Era una maestra manipolatrice, che mi portava sull'orlo dell'orgasmo e mi tirava indietro. Poi ci siamo precipitati fuori nudi per preparare la colazione.

"Oh, è così bello essere nudi in casa", ha detto la mamma, noi due nei nostri grembiuli per proteggerci dal grasso. "Mi manca. Quando io e tuo padre ci siamo sposati per la prima volta, andavo sempre in giro nudo per casa, spesso con un butt plug nel culo.»

Arrossii, ricordando quel brivido.

Poi ci siamo messi a pulire la casa. Con entrambi, è volato via. A mezzogiorno avevamo finito. Abbiamo fatto un pranzo leggero con papà. Poi, con mia sorpresa, papà ci ordinò di vestirci. Aveva preparato i nostri abiti. Mi sono precipitato di sopra e ho trovato la mia gonna rossa fuori e un tubo bianco per le tette. L'ho indossato prima, le mie tette si sono modellate su di esso, e poi la gonna rossa. Cadde sul mio culo ammaccato e qualche centimetro oltre, lasciando la maggior parte delle mie gambe nude.

Poi mi sono precipitato al piano di sotto.

La mamma si è unita a noi pochi minuti dopo nel suo abbigliamento normale: lunghezza alla caviglia, gonna marrone scuro e camicetta beige infilata dentro e abbottonata fino al collo. Ma potevo capire da come i suoi seni si muovevano e si modellavano sulla camicetta sotto la quale non indossava il reggiseno.

"Alice ha bisogno di essere rimorchiata", ha detto papà mentre sedeva in poltrona a guardare una partita di baseball.

Senza che me lo dicessero, andai al frigo a prendere una birra per papà mentre la mamma lo salutava con un bacio e usciva dalla porta, con uno schiaffo sul sedere. Sono tornato con la birra e mi sono appollaiato sul bracciolo della sedia di papà, dimenandomi mentre mi doleva il sedere.

Non passò molto tempo prima che mamma e Alice tornassero. La mia figa si contrasse quando li sentii avvicinarsi alla casa. Come posso convincere Alice a farmi venire? Io e mia sorella non andavamo d'accordo. Era una mocciosa così rumorosa e odiosa. Non faceva mai i suoi compiti. Si è sempre sottratta alle sue responsabilità. La sua stanza era un disastro: ho dovuto pulirla il primo giorno dopo che se n'era andata.

Papà la sculacciava tutto il tempo.

Non ha mai imparato.

La porta si aprì ed Alice entrò in truppa. Assomigliava molto a me e alla mamma, anche se i suoi capelli non erano del nostro castano scuro ma di una tonalità fulva. Le cadeva intorno al collo, non in una vera treccia. Era più alta di me, il corpo snello, le tette piccole, non belle e rotonde come le mie. Indossava un vestito rosa, un pezzo unico, che le scendeva sulle cosce, e calzini bianchi al ginocchio.

«Ehi, papà», disse. Non è nemmeno entrata nella stanza e si è accasciata. Ha lasciato cadere lo zaino in mezzo al pavimento del soggiorno e poi è ricaduto sul divano, riflettendo sui cuscini che avevo gonfiato e tirando la coperta a metà sopra il divano. “Oh, sono stanco. Siamo stati svegli tutta la notte". I suoi occhi guizzarono su di me, si spalancarono. "Cosa indossi, Melody?"

"Il mio nuovo vestito", dissi, a testa dritta. Sperai che vedesse il girocollo che avevo al collo, anche se dubito che ne capisse il significato.

"Gesù, papà, non mi lasci mai indossare una gonna così corta."

"Non sei mai stata una brava ragazza." La fissò. "Tua madre mi ha detto come ti sei comportato con i tuoi nonni."

Alice scrollò le spalle. “Era così noioso. Sarei dovuto restare a casa. Ma vedo che Melody si è divertita a interpretare la mamma. Ti sei persino intrecciato i capelli e hai comprato un gioiello simile. Il suo sorriso crebbe. "Pensa di poter giocare a fare la mamma in camera da letto..."

"Alice Rachel Johnson", tuonò papà.

Squittii di paura e quasi caddi dalla sedia. Abbassò la poltrona reclinabile e si alzò. Sono saltato giù, il sedile dondolava. Torreggiava su Alice mentre si contorceva sul divano, il suo viso impallidiva, il ghigno che svaniva dalle sue labbra. Papà le afferrò il mento, alzando il suo sguardo.

“Sei stato disobbediente a tua madre e hai reso più difficile prenderti cura dei tuoi nonni. Marcerai fino alla mia camera da letto, entrerai nel mio armadio e prenderai la cintura di pelle nera. Subito, signorina!

«Sì, papà», squittì.

Papà le lasciò andare il collo e lei si precipitò fuori dal soggiorno per le scale, la gonna che le vorticava intorno alle gambe. Un sorriso attraversò le labbra di papà. Il suo cazzo tendeva i suoi jeans. Rimase in piedi con le braccia incrociate, i muscoli che tendevano la camicia. Erano sempre così stretti.

"Hai visto quanto era impaziente, June?"

«L'ho fatto, signore», sorrise la mamma. “Nelle ultime due settimane, le ho detto che le avresti dato una sculacciata per ricordare se non si fosse comportata bene. Continuava a sfidarmi. L'ho letto nei suoi occhi. Vuole che papà la sculacci forte.

"Ha preso da sua madre." Poi papà mi lanciò un'occhiata mentre ero in piedi accanto alla sua sedia. «E sua sorella.»

«Non siamo per niente uguali», ansimai. “È una tale marmocchia. Non obbedisce mai e causa sempre problemi. Guarda, ha appena lasciato la borsa in mezzo al soggiorno e...»

"Zitto, schiavo."

Ho chiuso la bocca e ho abbassato la testa. "Si papà."

Alice corse di nuovo giù per le scale, il viso arrossato, una spessa cintura di cuoio avvolta tra le mani. È corsa da papà e ha presentato la cintura. Poi si è chinata sul bracciolo del divano, la posizione in cui veniva sempre sculacciata.

Non mi ero mai reso conto di quanto fosse ansiosa di obbedire a papà quando lui la sculacciava. In nessun altro momento si sarebbe mossa con tale velocità quando le fosse stato affidato un lavoro o un compito. Trascinava sempre i piedi, piagnucolava e si lamentava, lanciava piccoli attacchi, qualsiasi cosa pur di non fare ciò che le veniva detto.

Ed eccola qui, desiderosa di essere sculacciata. La guardai in faccia. I suoi occhi scuri brillarono. I suoi fianchi ondeggiavano avidamente, un movimento che conoscevo così bene dalle molte volte che ero stato sculacciato o frustato, quell'impulso di sentire lo schiocco pungente, desiderando ardentemente il dolore che si sarebbe trasformato in piacere.

Mia sorella era una sgualdrina del dolore. Come me.

«No», disse papà. "Parole nude".

I suoi occhi si spalancarono. "Che cosa?"

"Togliti il ​​vestito adesso, signorina."

“Non sono più una bambina, papà,” sbuffò, alzandosi dal divano. Teneva le braccia incrociate davanti a sé, gli occhi fissi. "Nessuna sculacciata a sedere nudo."

“Ti sei comportato come un bambino per tutto il tempo che sei stato dai nonni,” ringhiò papà. “Un moccioso viziato. Quindi sarai disciplinato come tale. E ora stai cercando di eludere la tua punizione. Cinque sculacciate in più.»

"Cinque?" strillò.

"Dieci."

I suoi occhi sgranarono.

"Quindici." Papà gli sbatté la cintura in mano e Alice sussultò. "Continuerò a contare finché non ti toglierai quel vestito."

"Non indosso il reggiseno, papà." Lei esitò. "Vedrai... il mio... lo sai."

“Ho già visto delle tette, ragazza. Venti."

"Ma..."

"Venticinque."

"Bene," fece il broncio e si sbottonò il vestito. Mi lanciò un'occhiata guardandola. "Melody deve essere qui?"

"Sì."

Aprì la bocca per lamentarsi, ma qualsiasi espressione attraversò la bocca di papà la fece tacere. Finì di sbottonarsi e si voltò, sfilandosi timidamente il vestito, dando le spalle a me ea papà. È stato un gesto così verginale. Non sapevo che mia sorella potesse comportarsi in modo così innocente nel modo in cui parlava sempre di sesso. Non mi sorprenderebbe sapere che ha fatto sesso.

Il suo braccio destro le attraversò il petto mentre la gonna le scendeva dai fianchi rivelando un paio di mutandine piuttosto audaci. Cheekies. In parte perizoma in parte mutandine normali, scavando nella fessura del suo culo in fondo ma allargandosi in un paio di mutandine complete mentre si alzava fino alla cintura, lasciando scoperte le sue natiche inferiori.

"Dove li hai comprati?" Papà ringhiò. "Non li ho mai approvati."

«Con la mia paghetta», disse.

"Per un ragazzo?"

Scosse violentemente la testa. Papà non approvava che uscissimo insieme. Sapevo perché. «Certo che no, papà. Volevo solo... sentirmi cresciuta. Bene?"

"Piegarsi."

Coprendosi ancora le tette piccole, si spostò sul divano. Ero deluso. Volevo vedere i suoi seni. Potrei dire che erano piccoli, probabilmente proprio come quelli di Sun. Montagne sode che rimbalzano e si muovono, capezzoli duri, che implorano di essere succhiati.

La mamma aveva un enorme sorriso sulle labbra mentre guardava. Si è avvicinata a me, avvicinandosi di soppiatto, poi spingendomi a destra di qualche passo. "Così possiamo vedere la sua fica", sussurrò la mamma.

Avevo una visuale perfetta delle guance di Alice premute contro il suo tumulo pubico, una macchia scura e bagnata che le macchiava l'inguine. Le sue labbra modellate sulla figa, strette e carnose, virginali. Papà si è mosso dietro di lei e poi le ha tirato le mutandine giù per le gambe.

"Papà!" sussultò Alice.

«Oh, è rasata», gemette la mamma. "Che cattivo, signore."

“Sì, e perché sei rasata, puttana? Per un ragazzo?"

"Ovviamente no." Alice si contorse. “Ogni ragazza lo fa. Scommetto che anche Melody da due scarpe laggiù ha una passera pelata. È proprio quello che fanno le ragazze di questi tempi, papà. Bene?"

Avevo una fica rasata, ma non perché l'avessero fatto altre ragazze. A papà piaceva la fica nuda. Aveva un enorme sorriso stampato in faccia mentre fissava mia sorella. Mi leccai le labbra, la mia figa - ancora dolorante per il mio orgasmo negato stamattina - si contrasse mentre divoravo la vista del mio gemello. Le labbra della sua figa erano più strette delle mie e carnose per la sua eccitazione.

«Bellissimo», sussurrò la mamma.

Annuii con la testa, la bocca sempre più secca.

"Pronto?" chiese papà.

"Si papà. Mi dispiace di essere stato un marmocchio da nonno e nonno. Avrei dovuto aiutare la mamma invece di fare il moccioso.

“Sì, avresti dovuto. Quindi capisci perché sei stato sculacciato?

"Per esserti comportato come una ragazzina e...e non aver seguito i tuoi ordini."

"Se tu fossi una brava ragazza, non verresti punita." Papà disse quelle parole lentamente, lasciandole penetrare in mia sorella. Mi guardò, mordendosi il labbro inferiore. Poi lo guardò male e distolse lo sguardo con uno sbuffo.

Ooh, era una tale stronza.

Papà teneva la cintura arrotolata a metà, le estremità strette nella mano in modo che le parti metalliche non la ferissero. Tirò indietro la cintura e gliela schiacciò con forza sul sedere. La pelle si schiantò l'una contro l'altra, producendo un caratteristico doppio schiocco. Alice guaì per il dolore, un'ampia chiazza rossa che le cresceva sul sedere tondo.

Ho sorriso, la mia figa in fiamme. Volevo toccarmi fino all'orgasmo mentre guardavo papà tirare indietro la cintura e abbassarla di nuovo. E di nuovo. E di nuovo. La sculacciò più forte di quanto fosse mai stata sculacciata. Si ribellò, i suoi capelli sciolti e fulvi svolazzarono mentre ansimava e urlava.

“Troppo difficile, papà. Fa male."

"Forse inizierai a obbedire ea fare la brava ragazza", ringhiò papà e abbassò di nuovo la cintura.

E di nuovo.

I fianchi della mamma si contrassero accanto a me. I suoi capezzoli risaltavano sulla camicetta, spessi e duri. Le ho dato una gomitata e le ho rivolto un sorriso arrapato. Mi fece l'occhiolino, le sue cosce premute l'una contro l'altra proprio come le mie.

Scommetto che i suoi succhi le colavano lungo le cosce.

“Ahi, papà, così difficile! Aww!” Le bruciava il culo. Le lacrime le rigarono le guance. E quelle non erano le uniche gocce a gocciolare sulla sua carne.

I succhi di fica le colavano lungo le cosce. Brillavano, adornando il suo tumulo rigonfio. Più papà la sculacciava e più il suo culo diventava caldo, più succhi le scorrevano lungo le cosce. Era una fontana che sgorgava succhi mentre il piacere si trasformava in agonia.

Papà dominava il suo corpo. Controllava la cintura. Sembrava difficile, persino casuale, ma conoscevo l'abilità di papà. Ogni colpo cadeva esattamente quanto voleva ed esattamente dove voleva. Le ha spogliato il culo, aggiungendo nuovi lividi. Si concentrò sulla parte inferiore del sedere, proprio dove la guancia incontrava la coscia.

Era il punto debole.

«Vorrei essere io», sussurrai.

La mamma mi ha preso la mano e l'ha stretta. "Anche io. Lei lo ama. Troia.

Ho annuito con la testa.

Alice continuava a urlare, la sua faccia rossa, i suoi capelli al vento, ma potevo dirlo dal modo in cui i suoi fianchi si dimenavano, la sua schiena inarcava il sedere per affrontare il colpo successivo, i succhi che le scorrevano lungo le cosce. Si stava avvicinando sempre di più all'estasi.

E papà lo sapeva.

Fece scattare la cintura nel modo giusto, cambiando la sua angolazione, e la fece atterrare tra le sue cosce. Si incrinò contro la sua figa. La schiena di Alice si inarcò. La sua testa schizzò fuori e lei urlò. Il dolore era denso nella sua voce, ma c'era qualcosa di più nell'urlo. Qualcosa di primordiale.

Alice è arrivata.

I succhi le inondarono le cosce. La sua faccia cadde sul divano mentre si contorceva e aveva uno spasmo. Il suo culo stretto e rilassato. Gemette e ansimò, un enorme sorriso sulle labbra mentre si contorceva per il piacere dell'orgasmo, assaporando il suo gas punitivo.

Ero così bagnato. Volevo volare da lei, afferrarle i capelli e farle leccare la mia figa. Volevo cadere sul bracciolo del divano e supplicare papà di sculacciarmi fino all'orgasmo. Avevo bisogno di venire. Avevo bisogno che Alice mi facesse venire. Con le sue dita. La sua lingua. Qualsiasi cosa.

Alice rabbrividì un'ultima volta. E poi i suoi occhi si spalancarono. "Oh, dio", ansimò. «No, no, no, no.»

Il suo viso divenne scarlatto, e poi si arrampicò sul bracciolo del divano, i piedi premevano sui cuscini, disturbandoli, e corse più veloce che poteva. Non si preoccupò di afferrare i suoi vestiti. Le sue mutandine, che le erano scivolate lungo i fianchi mentre si contorceva, le caddero alle caviglie. Scalciò forte, liberando il piede destro mentre zoppicava verso le scale. Il minuscolo panno si aggrappò alla sua caviglia sinistra mentre scompariva su per le scale, singhiozzando di mortificazione.

Papà sorrise. "Bene, ha funzionato perfettamente."

"La tua povera sorella ha bisogno di conforto", ha detto la mamma. Tirò fuori dalla tasca della gonna un barattolo di unguento. “È appena arrivata davanti alla famiglia. Ha bisogno che tu la calmi. Sia il dolore che il suo imbarazzo.

Ho preso la scatola, deglutendo. "Me? Alice mi odia.

La mamma ha riso e mi ha dato una piccola spinta sulla parte bassa della schiena. Feci qualche passo avanti, guardando papà. Il suo cazzo tendeva il suo rigonfiamento. Era così duro. "Papà, potrei alleviare la tua erezione?"
“Tua sorella ha bisogno di te. Adesso."

Il suo tono non ammetteva discussioni. "Si papà."

Dietro di me, papà ha buttato la mamma sul divano. Lei rimase a bocca aperta per lo shock, poi gemette quando lui le sollevò la gonna. Volevo restare a guardare, invidioso della mamma. Ho arrancato su per le scale, la mamma ansimava di gioia mentre papà le toccava la fica.

Fortunato. La mia figa gocciolava sotto la mia gonna.

Ho calpestato le scale, un misto di rabbia e arrapata. Questo era inutile. Alice non vorrebbe che la consolassi. Non dopo l'umiliazione che ho visto sul suo volto. È venuta di fronte a noi, alla sua famiglia, godendosi le sue fantasie per un solo momento e rivelandole a noi.

Ma papà ha comandato.

Raggiungo la sua porta, i miei piedi nudi affondano nella moquette del corridoio. Ho alzato il braccio, ho esitato, poi ho fatto un respiro profondo. Ho bussato piano e ho chiesto: "Alice?"

"Andare via!" Le lacrime le soffocavano la voce.

Ho bussato di nuovo. "Ti prego, Alice."

"Ho detto di andare via!" strillò, la voce gorgogliante, spezzata.

mi morsi il labbro. Volevo andare via. L'ho fatto. Ma dovevo entrare lì. Così ho afferrato la maniglia della porta e l'ho girata lentamente. Ho aperto la porta. Alice giaceva sul letto a faccia in giù, la testa sotto il cuscino. Il suo culo rosso vivo brillava in un raggio di sole che entrava dalla sua finestra aperta.

Si alzò a sedere e mi fissò. "Andare via." Afferrò il suo cuscino e me lo lanciò. "Adesso!"

Il suo cuscino ha colpito le mie gambe ed è rimbalzato sul pavimento. Ho continuato a camminare. Ho sollevato l'unguento. “Ho qualcosa per calmarti il ​​culo. Ti farà sentire molto meglio.

"Come se lo sapessi", disse, ancora sdraiata sulla pancia. La sua faccia era un pasticcio macchiato di lacrime. “Sei una ragazza così perfetta. Non ti metti mai nei guai. Quando è stata l'ultima volta che papà ti ha persino sculacciato?

Ieri.

Scivolai sul suo letto, sdraiandomi accanto a lei. Si è solo messa la faccia tra le mani e ha pianto di nuovo. “Ti prego, Melodia. Lasciami morire in pace.

"Perché hai avuto un orgasmo mentre papà ti sculacciava?"

Lei si irrigidì. Ho svitato la parte superiore. L'unguento aveva un odore amaro, medico. Ne raccolsi una manciata e gliela strofinai sul culo in fiamme. Potevo sentire il calore irradiarsi attraverso la sua pelle. Si irrigidì e fece un respiro.

"Vedi", ho fatto le fusa, "non è carino?"

“Mi stai toccando il sedere, Melody,” gemette.

"Così? Siamo sorelle. Raccolsi un'altra cucchiaiata e gliela infilai nel culo mentre mi sdraiavo accanto a lei. "So quanto funziona bene."

Alice mi guardò. Lei annusò. "Come? Quando mai sei stato punito?

Le mie dita si mossero sulla sua guancia, avvicinandosi alla sua fessura. Mi dimenai, mordendomi il labbro, chiedendomi se avrei dovuto farlo. Papà voleva questo. Ho dovuto sedurla. Mi ha detto che sarei venuto solo se Alice mi avesse fatto. "Alzami la gonna."

"Perché?" Mi ha dato un'occhiata.

"Fallo e basta", sospirai, massaggiandole dell'altro unguento. Mi sono rotolata sulla pancia, il che ha reso un po' scomodo massaggiarle il sedere con la mano sinistra.

Sospirò e mi sollevò la gonna. Lei ansimò. “Santo cielo. Sei nero e blu. Papà ha fatto questo?

Ho annuito con la testa.

"Sembra che faccia male."

“Lo fa. Così tanto." Ho mosso il culo. "Forse potresti... aiutarmi."

Alice si morse il labbro. "È così strano."

“Siamo della sorella. Ci stiamo solo spalmando l'unguento l'uno sul sedere dell'altro. Cosa c'è di così strano in questo?"

"Sei cambiato." Lei strinse gli occhi. “C'è qualcosa di molto diverso in te. E non solo i capelli.

Le sorrisi, le mie dita le massaggiavano ancora il sedere, il vaso dell'unguento era tra noi. Alice sospirò e poi raccolse una cucchiaiata di crema bianca e raggiunse il mio braccio sinistro e me la spalmò sul sedere.

Gemetti quando l'unguento formicolio leniva il dolore lividi. Her fingers were nice, delicate, slimmer than Mommy's. I liked her touch. She smeared the ointment into my ass as we lay our heads on the bed facing each other, relieving the other of pain, touching each other. It was so intimate. My heart beat up and color spotted Alice's cheeks.

I sighed. “Nice.”

“I guess,” she said, squirming as she rubbed her thighs together.

I smiled. I bet she had a hot pussy, still juicy from her orgasm, and now aroused by my touch. I rubbed my fingers towards her crack, reaching. “So, what was it like cumming while Daddy spanked you?”

She bit her lip. “Embarrassing.”

“It didn't sound embarrassing. It sounded like you had the orgasm of your life.”

Her eyes narrowed. “Have you ever had an orgasm, Melody?”

I nodded my head. “Many. I love cumming.”

“Wow, the things I'm learning about my sister today. Fine, yes, it was amazing. For one moment it was everything I wanted.”

“Because you like being spanked,” I grinned. “You get off on it.”

“Melody,” she groaned, but a smile played on her lips. “You make it sound so weird.”

“I don't think it's weird.” My fingers dipped into her crack, caressing her flesh, sliding lower. “I think it's hot. I fantasize about Daddy spanking me, too. And cumming.”

“So were you bad on purpose?”

“Like you were on the trip?”

She blushed and nodded her head.

I grinned as my finger traced across her taint, reaching for her pussy. “Maybe. I like being naughty sometimes. It's fun.”

Alice's eyes widened when she felt my finger brush her pussy slit. I stroked up and down her, arching my eyebrows. She shuddered as her slick juices coated my finger. I brushed her clit, circling it before sliding back up.

“See, being naughty sometimes can be fun.”

“Wow,” she groaned. “You...and me?”

I wiggled closer to her, my finger touching her wet snatch. “It was so hot watching you getting spanked. Did it make you wet? All of us staring at your shaved twat? Watching? Hearing you gasp and moan? And then you came. Did that make it more exciting?”

“Yes, “she groaned, her fingers digging into my ass. I loved the pain. “Holy shit, my sister is a budding dyke. You've fooled around before. With Sun?”

I nodded my head and dipped my fingers into her folds. She shuddered, squirming more, her pussy so hot on my fingers. She licked her lips, eyes wide, then she shoved her hand lower between my legs, brushing my shaved pussy.

“You're bald.” She giggled. “Knew it. Knew this goody-two-shoe act was fake. You're a naughty slut.” Her fingers brushed through my folds and dipped inside of me. “You don't have a hymen. You're not a virgin.”

“Nope.” Then I kissed her.

Her finger pumped in and out of my pussy as we kissed. I clenched down on her, squirming in delight as I stroked her pussy lips. We turned, rolling on our sides to face each other. Our hands came away from each other's pussies—it was too hard to reach around. Our tongues danced, sharing our budding, sisterly love as we shoved our hands between the other's thighs.

And fingered the other's cunt.

My sister's flesh was so hot and juicy. I stroked her. She moaned into my mouth, her tongue fluttering against mine. She shoved two fingers into my cunt this time while our bodies pressed tight. She was so warm and silky. Her tits were small and firm. They rubbed against my mounds. I savored how they felt against me. I moaned into the kiss, savoring her two fingers pumping in and out of my cunt.

“Oh, damn, Melody,” moaned Alice, her eyes blinking. “Wow, this is a surprise. You feel good against me.”

“So do you.”

We kissed again. Our tongues danced, caressing each other. Her nipples brushed. Tingles shot down to my pussy. My sheath clenched about her probing fingers while I rubbed faster and faster on her clit, stimulating her. I savored the taste of her lips. The feel of her pussy.

I had to taste that pussy.

“Let's sixty-nine,” I moaned, breaking the kiss.

“Oh, you are naughty.” She nodded her head, enthusiastic.

I flipped around and grabbed her ass. She moaned in pain and returned the favor, seizing my bruised cheeks. I groaned against the stab of agony as we pulled each other tight. We lay on our sides, legs spread wide, and devoured us.

Alice was unskilled but enthusiastic. Her tongue licked and flailed across my pussy lips, desperate to enjoy me. I had lots of practice with Sun. I knew where to lick my sister to drive her wild. Her fingers clenched into my ass as I licked and nuzzled.

And her taste...

Delizioso.

My sister tasted sweet and fresh, not the tart flavor of Mommy or the spicy flavor of Sun, or even my tangy flavor. Alice tasted wonderful. I licked and tongued her. I attacked her, pulling her pussy tight against my mouth.

It was wonderful to be caressed by her tongue. I didn't have to fight the pleasure—Daddy had given me permission to cum with my sister. The horny itch that had afflicted me all day was finally scratched. By my sister. My bratty, annoying, wonderful sister. We could have been doing this forever. Loving each other instead of fighting.

This was so much better.

“Yes, yes, yes, Melody, oh, you taste better than me. I fantasized about this.”

“Me?” I gasped.

“You, Daddy, even Mommy. I masturbated to everyone. I'm such a freak. I wanted you all to spank me and make me cum.”

“Oh, that sounds so hot,” I moaned and buried my face back into her pussy.

My fingers dipped into her asscheeks as I licked at her hymen—another Cherry to pluck for Daddy. I brushed her sphincter. She gasped into my pussy as I pressed at her puckered backdoor. She resisted and then I was in her.

She stiffened and bucked in my arms. Her juices flooded sweet and delicious out of her cunt. I made my sister cum. Her thighs tightened about my head. She thrust her tongue deep into my pussy as her fingers clenched on my ass.

“That's it, cum,” I moaned to her. “You naughty slut. You're cumming on your sister's mouth.”

“Yes,” she hissed. “Oh, Melody, yes. You need to cum, too. Feed me your juices.”

She flicked her tongue up to my clit. My nub shuddered. A spark of pleasure shot through me. My cunt convulsed. I moaned into her pussy as the pleasure surged through my body. Powerful rapture crashed into my mind. I gasped and moaned, my sister drinking every drop of my pleasure while stars danced before my eyes.

It was so wicked. So bad and naughty.

I loved it.

“Alice,” I moaned.

“Melody!”

We both trembled as our pleasure burned through us, sharing our sisterly passion. It was so wrong, so taboo. I loved it. As much as I loved submitting to Daddy and playing with Mommy. Alice would soon be a part of the fun.

Once she learned to be a good girl.

Alice groaned, rolled onto her back, and passed out from the ecstasy. I grinned, licking my lips, and left her lying there. I slipped out only to find Mommy and Daddy waiting, Mommy sucking his cock. I moved to Daddy, lifting my pussy smeared face.

He ripped his cock out of Mommy's mouth and pinned me to the wall. He kissed me, tasting the proof that I had seduced my sister. Then he slammed his cock into me. Three pumps and he exploded into my depths. He grunted into our kiss as he erupted into my pussy. I shuddered, my toes curling as I savored his cum flooding my cunt.

I was Daddy's good girl. And soon Alice would be, too.

To be continued...

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.3K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.7K I più visti

Likes 0

Tarda Serata Parti 2 e 3

Parte 2 La mattina dopo la serata a sorpresa con Delia, Judy non ha menzionato quello che era successo e non sembrava interessata a parlarne. Dopo averla vista godersi il sesso in modo così lascivo, speravo e mi aspettavo che la nostra vita sessuale fosse cambiata in meglio. Più tardi la mattina dopo che si era fatta la doccia, i bambini avevano mangiato ed erano stati a un torneo di calcio tutto il giorno con il nostro vicino, sono andato dietro a Judy in cucina e ho spinto il mio cazzo duro contro il suo culo e ho allungato la mano...

1.8K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.7K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Moglie impertinente ottiene uno shock

Shelia Brown è stata presa in giro e lo sapeva. Ha preso in giro gli amici di suo marito, ha preso in giro i fidanzati delle sue figlie, ha preso in giro i suoi vicini e ha preso in giro tutti gli uomini in ufficio. Man mano che Shelia cresceva, peggiorava e suo marito Harry si irritava molto con lei che la rimproverava spesso e si lamentava della sua mancanza di decoro. Sheila non sei più una giovane donna sembri un montone vestito da agnello abbassa un po' le cose è solo chiedere guai se vai in giro così la gente...

2.1K I più visti

Likes 0

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

1.9K I più visti

Likes 0

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.7K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.8K I più visti

Likes 0

AGGIORNAMENTO E SCUSE AI LETTORI SI PREGA DI LEGGERE!!

Aggiornamento rapido: attualmente a partire da giovedì 1 agosto 2013 alle 7:14 vorrei informare i miei lettori che riscriverò i capitoli 2 e 3. saranno molto più dettagliati e più lunghi ci sono anche scene che saranno importanti alla storia in seguito. i capitoli dovrebbero essere finiti al massimo entro la fine di oggi, ma molto probabilmente verranno rilasciati prima. il quarto capitolo sarà scritto subito dopo le parole e anche pubblicato. Vorrei anche scusarmi per la qualità del mio lavoro, non sono stati nemmeno all'altezza dei miei standard in quanto una delle mie prime storie mai scritte l'ho preceduta per...

1.8K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.