MILF nell'armadio

1.3KReport
MILF nell'armadio

Shelly Wright ha sempre organizzato le migliori feste in casa per sole donne il fine settimana prima del Superbowl come una sorta di ricompensa speciale per tutte le donne che avrebbero avuto così tanto lavoro da fare per ognuna delle loro grandi feste di calcio la settimana successiva. La notte era ancora piuttosto giovane, ma Heidi decise che i suoi piani mattutini sarebbero stati probabilmente più difficili da mantenere se avesse continuato a socializzare e bere con i suoi colleghi di lavoro. Lasciare presto la casa dei suoi colleghi allevierebbe anche la quantità di dolore che avrebbe ricevuto da suo marito, Jason, per la prossima settimana o giù di lì per essere rimasta fuori fino a tardi e festeggiare senza di lui.

Shelly era una graziosa padrona di casa e cercò febbrilmente di convincere la sua amica e ospite a restare per il vero divertimento, ma non si oppose con troppa forza alla partenza anticipata perché Heidi le aveva detto che voleva sgattaiolare fuori inosservata se possibile ed evitare tutte le domande. La mano di Heidi cadde comodamente in quella di Shelly mentre i due parlavano e si fecero strada tra le altre donne verso il grande armadio dei cappotti per prendere la sciarpa e il cappotto che Heidi era arrivata indossando.

Heidi vestiva sempre la più raffinata di tutte le donne. Quella sera aveva indossato un bel paio di décolleté nere vellutate con la sua minigonna nera corta preferita e una camicetta di maglia attillata e dal taglio basso sotto il suo blazer sexy che rivelava una generosa quantità della sua abbondante scollatura. Shelly si è complimentata ancora una volta con Heidi per quanto fosse bella mentre apriva la porta della cabina armadio e salutava la sua amica prima di tornare alla sua festa.

Proprio mentre si separavano, ma prima che Shelly si allontanasse, sussurrò piano all'orecchio di Heidi e le diede una leggera spinta. "Stai attento là dentro, tesoro." Ha avvertito scherzosamente. "È lì che si nascondono le spogliarelliste."

Prima che Heidi potesse rispondere, la porta si chiuse dietro di lei e si ritrovò immersa nell'oscurità totale. Cercò alla cieca un interruttore della luce per trovare il suo cappotto, ma era così nervosa o eccitata che tutto ciò a cui riusciva a pensare era se ciò che Shelly le aveva detto fosse uno scherzo. Si voltò per tornare verso la porta e si imbatté in quello che sembrava un uomo muscoloso molto ben fatto. Congelata e incapace di dire una parola, rimase semplicemente contro l'uomo per un momento imbarazzante che sembrò un'eternità.

Le mani dello sconosciuto alto avevano afferrato la vita sottile di Heidi quando lei gli era andata a sbattere goffamente contro e l'aveva tenuta proprio dove si trovava. "Oh." L'uomo parlò con un sussurro sommesso e sicuro. "Questa deve essere una di quelle possibilità che capita una volta nella vita di scopare in privato un perfetto sconosciuto nella completa oscurità di cui la maggior parte delle persone legge solo."

Heidi balbettava, fingendo di essere inorridita, ma prima che potesse parlare sentì un altro uomo muoversi contro di lei da dietro e stringere delicatamente i suoi fianchi contro di lei, mentre le sue mani afferravano strettamente ciascuno dei suoi seni ansimanti e tiravano il suo corpicino contro il suo. Heidi deglutì a fatica ei suoi capezzoli balzarono immediatamente sull'attenti nella morsa eccitante del secondo sconosciuto.

L'uomo alto e forte davanti a lei le fece scivolare dolcemente la gonna sui fianchi e la baciò profondamente sulla bocca senza dire una parola. Il cuore di Heidi batteva forte per l'eccitazione e il nervosismo. La sensazione di impotenza le diede una breve scusa per lasciare che la seduzione continuasse, un momento abbastanza lungo da permettere alla sua mente di percorrere un sentiero che scartava la sua capacità di pensare razionalmente. La sua bocca si aprì di piacere e le sfuggì un lieve stridio. Non era mai stata con più di una persona alla volta, ma ci aveva sempre fantasticato. C'era il pericolo di essere catturata da tutti i suoi amici. Era proibito perché era sposata. Tutte le ragioni che sembravano dirle che era sbagliato prima l'hanno solo eccitata di più una volta dentro quell'armadio.

Heidi poteva sentire i suoi succhi fluire in un modo che non aveva fatto da quando era un'adolescente. Questo sconosciuto baciava così bene che quasi si dimenticò dell'uomo dietro di lei finché non sentì il suo cazzo grosso e palpitante premere contro il suo sedere nudo. Ha iniziato a sentirsi svenire era così eccitata.

"Vuoi scopare, vero?" L'uomo di fronte a lei sussurrò mentre le sue labbra si staccavano dalle sue.

"Sì." Era tutto ciò che Heidi riusciva a raccogliere e si sentiva così fortemente riguardo alla risposta, lo ripeté. "Sì." Ha detto di nuovo.

La cosa successiva che sentì le tolse il respiro per un momento. "Dio mio!" Esclamò mentre il cazzo più grande che avesse mai sentito scivolava dolcemente così in profondità dentro di lei che sembrava che il suo stomaco fosse spinto contro il suo petto. "Oh sì, voglio scopare!" Disse, cercando di contenere la sua eccitazione in un sussurro.

L'uomo davanti ad Heidi fece un passo indietro e la trascinò con sé, piegandola in vita. "Succhialo." Sussurrò dolcemente, afferrandole saldamente i capelli con entrambe le mani.

Heidi non ha esitato a eseguire l'ordine dello sconosciuto. Amava sentirsi dire cosa fare e adorava succhiare cazzi. La sua bocca trovò rapidamente la testa spessa e gonfia del suo cazzo duro e osseo e lo ingoiò rumorosamente dentro. Heidi ha provato più che poteva a concentrarsi sul fare un bel pompino allo sconosciuto, ma era impegnata a farsi scopare da un cazzo che sembrava quasi il doppio più lungo e probabilmente anche il doppio più spesso. Ogni volta che i suoi fianchi spingevano quell'arnese muscoloso nella sua figa calda e stretta, lei non poteva fare a meno di ansimare per il dolore più pieno di piacere che avesse mai provato.

Le spinte da dietro sono iniziate lente e lunghe e gradualmente si sono stabilizzate in un ritmo rapido e regolare che ha fatto rimbalzare la bocca affamata di Heidi dentro e fuori dal cazzo di fronte a lei altrettanto dolcemente. Gli sconosciuti si sussurravano l'un l'altro per tutto il tempo su quanto fosse sexy Heidi e davano costantemente ordini su come succhiare o scopare i loro cazzi.

Heidi poteva sentire il grosso cazzo dentro di lei che le tendeva i muscoli ogni volta che pulsava dentro di lei e sapeva anche attraverso il silenzio che stava per raggiungere l'orgasmo. Avrebbe voluto pregarlo, ma aveva la bocca troppo piena per parlare.

"Oh, CAZZO!" L'omone sussurrò più piano che poté e riempì Heidi con un generoso flusso del suo sperma caldo e virile. "Ugh." Disse, spremendo un altro colpo. "Uffa, sì!" Grugnì di nuovo. "Amico, quella figa è calda." Disse, facendo scivolare fuori da lei il suo enorme membro e facendo un passo indietro.

Heidi cadde in ginocchio per lo sfinimento, ma la sua bocca continuò a scivolare dentro e fuori dall'asta spessa venosa dell'altro sconosciuto proprio dietro la sua mano bagnata di bava che lo strattonava selvaggiamente. La sua esperienza le diceva che quando le sue mani si stringevano, la ricompensa era vicina e lei seppellì il suo cazzo nella sua gola il più possibile, lasciandolo sparare il suo carico giù per la sua pipa. Lo tenne dentro di sé finché il suo corpo non si rilassò e poi gli succhiò il cazzo.

Ci volle un momento perché il sangue e l'adrenalina smettessero di correre così in fretta, ma una volta che lo fecero Heidi si alzò, si ricompose e raggiunse il punto in cui aveva posato il cappotto prima. Lo indossò rapidamente e scivolò con cautela inosservata dalla festa.


Una volta in macchina, Heidi ha acceso la plafoniera e ha cercato di nascondere l'aspetto fottuto che aveva ora. Le sue mutandine erano inzuppate di sperma ei suoi capelli erano un disastro. Ha cercato un pezzo di gomma per nascondere l'odore del sesso dal suo alito, ma non ne aveva in macchina. Decise che avrebbe usato la scusa di doversi alzare così presto il giorno dopo per fare la doccia la sera, sperando che questo avrebbe soddisfatto la curiosità del marito.

Era solo un breve tragitto in auto da casa sua a casa di Shelly, quindi Heidi era a casa quasi subito dopo essere andata via. Entrare nel garage le fece battere il cuore ancora più forte di quando era entrata nell'armadio. Il rimorso avrebbe dovuto insorgere, ma era stato così eccitante, così spontaneo e così inaspettato che tutto ciò che poteva fare era rivivere tutto nella sua mente e si ritrovò ancora estremamente eccitata.

Ero seduto al tavolo della cucina quando la mia bellissima moglie entrò dalla porta. Mi alzai e la salutai con un abbraccio. "Wow, piccola." Ho detto: "Stai benissimo, ti sei divertito?" chiesi innocentemente.

"Bella festa." Heidi me l'ha detto. "Sono tornato a casa presto perché domani devo alzarmi così presto." Disse, cercando inutilmente di non sembrare esausta.

Eravamo sposati da quindici anni e posso dirti che fino a questa notte non ero mai stato più eccitato da lei. Le presi i capelli con forza nella mia mano e la baciai profondamente. "Bambino." Ho detto: "Ho voluto scoparti tutto il giorno".

All'inizio ha cercato di resistere e sapevo che stava cercando di uscirne, ma le ho tirato forte la gonna e le è caduta a terra intorno alle caviglie e io sono caduta a terra con essa, seppellendo il viso nel suo viso forte e sexy. , figa appena scopata. L'ho divorata lì, abbassandola lentamente sul pavimento e ascoltando le urla di piacere che gridavano mentre il suo primo orgasmo della notte tremava selvaggiamente attraverso il suo corpo totalmente eccitato. L'ho risucchiata delicatamente dall'alto, facendo attenzione a non portarla oltre quel punto di sensibilità. Quando finalmente il suo corpo smise di tremare, mi alzai e le diedi un dolce bacio sulla bocca.

"Non vuoi venire piccola?" Chiese, continuando a stringersi forte il seno nella mano.

Ho lasciato scivolare il mio cazzo nella sua figa e le ho sussurrato piano nell'orecchio. "Tesoro, mi hai succhiato nell'armadio a casa di Shelly." ho confessato. “Ma verrò di nuovo.

Storie simili

Amy - Parte 1 - Dan

Dan pensava di essere un uomo felice in generale: aveva un buon rapporto con Anna, sì, il sesso era raro e un po' di routine, ma era felice se non del tutto soddisfatto. Poi l'azienda ha assunto Amy, aveva 18 anni e sembrava un po' fuori di testa, forse era il primo giorno di nervi pensò Dan, ma, guardandosi intorno ai suoi colleghi, pensò che probabilmente dipendesse dal loro ovvio guardarla a bocca aperta mentre camminava oltre le loro scrivanie. Il capo aveva una storia di scelta dell'aspetto piuttosto che delle capacità, ma a nessuno degli uomini importava davvero. Dan di...

1.8K I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

1.6K I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

1.7K I più visti

Likes 0

Alza il tuo

Nell'agosto del 1998, avevo 18 anni e vendevo Bibbie porta a porta, a piedi, in una piccola città della Virginia. Mentre continuavo a camminare sempre più fuori città, cercando di vendere qualcosa che tutti avevano già, mi sono reso conto che si stava facendo buio ed ero a circa 5 miglia da dove stavo affittando un piccolo appartamento. Ho deciso di tornare in città in autostop. GROSSO ERRORE!!! Quando un furgone si è fermato e si è fermato e la porta scorrevole si è aperta, ho capito che potrebbe non essere una buona idea. C'erano 4 ragazzi neri lì dentro e...

1.2K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a conoscere la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho chattato con lei solo alcune volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che avevo più di dieci anni di lei... A parte questo non avevo mai visto una sua foto, anche se mi aveva detto che è molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i miei nervi. Quando ho svoltato nella strada giusta, la...

1.9K I più visti

Likes 0

Sandra dopo l'Università Pt. 1

Sandra dopo l'università di Vanessa Evans Sandra ha guadagnato abbastanza soldi per prendersi un anno di pausa. Nota dell'autore Questa storia è una continuazione della mia storia Sandra è diversa. Sebbene questa storia possa essere indipendente, avrà più senso se leggi prima Sandra è diversa. v introduzione Dopo 3 incredibili anni all'università in cui ho fatto un sacco di soldi lasciandomi sculacciare dagli uomini, lasciando che gli uomini mi scopassero mentre ero privo di sensi e dimostrando macchine del cazzo alle convention di attrezzature erotiche, ho deciso che dovevo prendermi un anno per ottenere il massimo delle mie dipendenze che si...

779 I più visti

Likes 1

Ho guidato la macchina nel vialetto e l'ho parcheggiata accanto a quella di mia madre. Mi sono controllato dallo specchietto retrovisore per l'ultima volta, per assicurarmi di non sembrare il diavolo in persona, ho preso il regalino che avevo comprato per la mamma e mi sono avviato verso casa. Il mio nome è Kevin. Ho ventuno anni e sono uno studente universitario. Vivo con mia madre, che quel giorno compiva quarantuno anni. Lei e mio padre hanno divorziato quando ero piccolo e da allora si è presa cura di me. Papà veniva a trovarci circa ogni due mesi e, a giudicare...

919 I più visti

Likes 0

Vivere la vita negli spogliatoi

Lexi si è svegliata al suono della campanella della settima ora, la campanella le era familiare perché le ricorda sempre l'ora del congedo. Lexi era un'atleta di punta nella squadra di pallavolo del liceo e ogni giorno dopo la scuola doveva andare ad allenarsi. Si affrettò verso il suo armadietto, notando che tutti i suoi amici si stavano salutando, prese la sua uniforme dall'armadietto e la borsa della palestra. e si precipitò negli spogliatoi delle ragazze. Di solito era la prima lì e oggi non era diversa. Andò al suo solito armadietto e iniziò a spogliarsi, si tolse la camicia e...

740 I più visti

Likes 0

Il mio fantastico viaggio a Sydney

Questa è la mia prima storia: ne ho lette alcune ma è un po' diverso scriverle, quindi un feedback sarebbe positivo. In particolare su quanta introduzione piace alle persone. Mi piace un po' ambientare la scena, ma non così tanto da richiedere anni, non sono sicuro di aver capito bene o meno. Mi chiamo Matt, ho 22 anni e studio all'università di Adelaide. Ho una ragazza che si chiama Kate, è una ventenne bionda bassa che sta benissimo nel sacco, ma sfortunatamente le piaccio più di quanto piaccia a me. Kate ha un'amica a Sydney che festeggiava il suo 21esimo compleanno...

696 I più visti

Likes 0

30 giorni, 30 peccati (in italiano, scusate)

1 - Mi fa male, stasera – sussurrò la sorella nel buio ma quello scemo di Renè non si decideva ad andarsene in camera sua. - Ieri pomeriggio hai spinto troppo, idiota! - Renè sbuffò ma non mollò. Era inginocchiato per terra affianco al suo letto e con la mano sotto le lenzuola continuava a cercare di intrufolarsi sotto la sua vestaglietta. - Devi andartene, non deve succedere più, lo capisci? - - Solo un’ultima volta – sussurrò il fratello nel buio – è troppo bello! - Giorgia ripensò a quel mese incredibile... tutto era cambiato e lei non riusciva a...

602 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.