Fallout Quattro Futanari

330Report
Fallout Quattro Futanari

Fallout Quattro Futanari

"Eccolo, Jalbert Brothers Disposal", ha detto Brand.

Paige Carter, alta, snella, con gli occhi grigi e corti capelli biondi, strinse più forte il suo fucile automatico mentre guardava su per la collina, verso gli edifici sgangherati e frammentari e le pile di rottami. Guardò la sua squadra di predoni con uno sguardo dubbioso.

Brand era in piedi con il binocolo fissato sul posto, il revolver calibro 44 nella fondina all'anca, quasi nascosto dall'armatura a punte che indossava. Era stoico e calmo, per la maggior parte; una dipendenza psicotica lo ha fatto esplodere di rabbia in alcune occasioni.

Dietro di lui, a un paio di metri, c'era Kimmy, una donna magra la cui personalità superava la sua corporatura. La sua scarsa armatura da predone lasciava poco all'immaginazione; dato che era il materasso della banda ad uso gratuito. Paige era disgustata da lei, ma hanno lavorato abbastanza bene insieme.

Mentre la guardava, Nunchuk si avvicinò alle spalle di Kimmy, fiondandosi il fucile da caccia sulla schiena, e mise le mani sulla vita nuda di Kimmy, sussurrandole qualcosa all'orecchio. Un sorriso si allargò sul suo viso e diede un leggero rovescio al predone che indossava un Mohawk.

Essendo una donna che controllava bene il suo desiderio sessuale, Paige non riusciva a capire come la maggior parte degli uomini non riuscisse a tenerlo nei pantaloni. Sembravano così affamati al riguardo, come se sul serio non avessero il controllo. Paige aveva ucciso un uomo poche settimane prima perché non si sarebbe tirato indietro e l'ha quasi violentata. Si fidava di pochissimi uomini.

Una risatina da ragazzina emessa da Kimmy, svegliando Paige dai suoi pensieri. Alzò gli occhi al cielo e si avvicinò a Brand, che posò il binocolo.

"Vedo almeno un figlio di Atom", ha detto, riponendo gli occhiali, "non dovrebbe essere un problema."

"E dimostra l'intuizione del capo sull'esistenza di ottime sostanze chimiche qui, dal momento che i Bambini lo stanno sorvegliando."

"Sì." Brand estrasse la pistola e la caricò, "Nunchuk?"

L'altro predone maschio stava mordicchiando l'orecchio di Kimmy, mentre lei aveva appoggiato il culo contro il suo inguine e stava macinando contro di lui con gli occhi chiusi.

Brand si voltò bruscamente, costringendo Paige a fare un passo indietro, "HEY!"

Nunchuk barcollò lontano da Kimmy sorpreso, "Cosa?"

La rabbia covava negli occhi neri di Brand per un momento prima di svanire in fastidio.

"Prendi quel fucile puntato contro quella donna lassù. Non sparare finché non fischiamo. Kimmy, Paige, seguimi."

Il marchio era esperto e tutti lo sapevano, quindi tutti si sono lanciati in esso. Il trio si è fatto strada a sinistra mentre Nunchuk aspettava con il mirino sul Child of Atom. Si avvicinarono di soppiatto a una sezione della recinzione che era abbastanza bassa per scavalcare, dove si accovacciarono nascosti.

"Fischierò, poi faremo irruzione. Vai al capannone." disse Brand, con due cenni delle signore.

Un fischio penetrante all'orecchio spezzò il pomeriggio soleggiato e un secondo dopo risuonò uno sparo di fucile. Hanno scavalcato la recinzione con le pistole puntate, Paige in testa.

Immediatamente, un uomo è uscito dal capanno nell'angolo. La pistola di Brand rimbombò e l'uomo barcollò fuori dalla vista, con il petto arrossato.

Un altro uomo era in piedi sulla porta di un edificio prefabbricato proprio da questo lato del capannone, e quando li vide, si sforzò di strappare qualcosa dalla cintura. Paige alzò il fucile automatico e tenne premuto il grilletto, dieci colpi .38 che crivellavano il corpo dell'uomo. Cadde con un solido tonfo di materia inanimata.

La squadra dei vigili del fuoco ha scalato il lieve pendio verso gli edifici e ha guardato i telai delle auto accatastati, i cumuli di rottami e le vecchie gomme. Una postazione di cottura era allestita alla base del pendio, dove sedeva un uomo, che li fissava con occhi spalancati e spaventati, il cucchiaio di legno stretto in mano e la pistola ai piedi.

Brand si è avvicinato all'uomo e ha premuto il grilletto. La testa dell'uomo si aprì come un melone troppo maturo, e il suo corpo crollò all'indietro nella terra, ancora stringendo il cucchiaio.

Gli occhi di Paige si spostarono e si voltò verso gli edifici. Ha cercato di reprimere i suoi scrupoli su come facevano le cose a volte.

"Non essere tenero con me piccola", disse Brand mentre le passava accanto, "ho bisogno di te".

Paige fece una smorfia mentre lui chiamava il suo bambino, sapeva che odiava quel nome, ma si mise al passo dietro di lui mentre arrivavano al capannone.

L'uomo a cui Brand aveva sparato era appoggiato a una banca di barili gialli, un computer contro la parete sinistra e un tronco contro quella destra. L'uomo respirava a fatica, senza armi in vista.

Paige si avvicinò all'uomo vestito di marrone, gli posò uno dei piedi con gli stivali contro la sua spalla, spingendolo indietro contro le travi d'acciaio che racchiudevano le canne, e gli appoggiò la canna della pistola a pipa sulla clavicola.

"Dov'è il Radaway, mangiatore di rad." ringhiò.

L'uomo rise, con il sangue rosso vivo che gli si raccoglieva agli angoli della bocca.

"Atom ti avrà ancora. Ti crogiolerai nel Suo splendore prima della fine e non sperimenterai mai l'estasi della Divisione!" ha morso prima di soccombere a un attacco di hacking.

Il mormorio di Brand proveniva dalla sua destra, e il coperchio del bagagliaio si aprì cigolando, rumori strascicati mentre Brand frugava tra il contenuto.

L'uomo cadde in uno stato delirante, così Paige abbassò l'arma e si infilò un paio di dita dietro il colletto. Faceva caldo qui dentro.

Si girò appena in tempo per vedere Kimmy chinarsi con i suoi succinti pantaloncini tirati giù, e il cazzo di Nunchuk fuori. Si è spinto contro di lei e la sua espressione ha detto a Paige che aveva preso il suo cazzo.

"Cazzo, Nunchuk, non puoi tenerlo finché non torniamo a Lex?"

Nunchuk le diede l'uccello e spinse Kimmy più forte, facendola grugnire e stabilizzarsi contro lo stipite della porta.

"Paige è solo gelosa, come tutte le piazze." disse Kimmy, fissando Paige con gli occhi socchiusi e un intoppo nella voce mentre veniva picchiata da dietro.

"Okay banda, ho trovato i Radaway," Brand si avvicinò alla porta con un paio di pacchetti di plastica rossi sotto il braccio, "Rimasta solo una cosa da fare."

Kimmy, ancora piegata e inveita da Nunchuk, estrasse la sua pistola a pipa, la puntò su Paige e premette il grilletto. Qualcosa colpì Paige al petto, scacciandola dal vento, facendola ricadere contro le canne, con il fucile che sbatteva contro il cemento.

Nunchuk gettò la testa all'indietro e urlò al cielo mentre si abbatteva su Kimmy per l'ultima volta, le gambe che tremavano e le mani che raccoglievano manciate del suo culo mentre veniva duro.

Paige giaceva quasi prona, la testa appoggiata alla trave, sentendo il liquido caldo spargersi sul petto e tra i piccoli seni, e vedendo Brand ricaricare casualmente la sua .44 come se intorno a lui non stesse succedendo assolutamente nulla. Per qualche ragione, il suo corpo si sentiva estremamente pigro e poteva solo muovere un po' le dita.

Osservò Kimmy allontanare da sé il predone in calore e andare spavaldamente verso Paige, i fianchi che giravano sensualmente, le gocce dello sperma di Nunchuk che gocciolavano dal suo pube sul pavimento. Si chinò e afferrò il fucile di Paige, poi si fermò prima di mettere un piede dall'altra parte di Paige, accovacciandosi, e strinse i suoi muscoli vaginali, facendo gocciolare sperma frizzante da lei e da tutta Paige. Kimmy ha mostrato la lingua a Paige, e poi ha lasciato l'edificio.

"Scusa, piccola, ordini del capo," disse Brand senza espressione, "sei troppo tenera, dovevi sbarazzarti di te."

Afferrò il bordo della porta e la richiuse mentre se ne andava, "Dormi bene".

La porta si chiuse, l'unica luce proveniente dalle crepe nei muri. Paige, ancora scioccata, tentò senza successo di muoversi.

"Atom... ti vuole... per... Se stesso..." sbatté l'uomo semi-cosciente accanto a lei, "Non... combattere... il Bagliore..."

E il suo respiro tremava da lui per l'ultima volta, lasciando Paige a infuriare nella sua mente contro coloro che l'avevano tradita, finché l'oscurità alla fine l'ha consumata.

Paige stava sognando, ne era certa, perché non le sembrava reale in nessun senso a parte il fatto che è lucida e si sente come se il tempo scorresse.

Un tenue bagliore verde pervase l'ambiente circostante, come una tempesta radioattiva, ma in qualche modo più surreale. Rimase in piedi nel cortile fuori dal capanno, guardando a sud, guardando una figura oscura che si avvicinava a lei. La figura ha preso forma avvicinandosi, è quella di una donna con grandi seni, ma la sua forma era in qualche modo muta, così che era difficile da vedere.

La figura si fermò davanti a Paige, ma non riuscì a vederne il viso. Il fulmine mormorò e crepitò sopra di loro.

Paige si rese conto di essere nuda, in mostra al mondo intero, le sue piccole tette impertinenti e sormontate da capezzoli duri, la sua figa nascosta dal cespuglio. Sollevò il mento con aria di sfida alla forma di fronte a lei.

"Mio devoto..." la voce della forma era un sussurro stridulo, un grido e un sospiro tutto in una volta, il braccio proteso per accarezzare la mascella di Paige.

"Prendi ciò che ti è stato dato..."

Paige non sapeva cosa volesse da lei la figura, ma sapeva che voleva sdraiarsi e prendere ciò che la figura le avrebbe dato. Così fece, sapendo di aprire le gambe e tirarle su per permettere con entusiasmo l'uscita ai suoi abissi più profondi.

La forma si alzò e si inginocchiò, l'ombra di un pene che ciondolava tra le sue cosce molto femminili, e strisciava su Paige come fa un uomo quando sta per portare la sua donna missionaria. Paige sussultò quando lo sentì penetrarla, le sue labbra si allungarono per prenderne la circonferenza. Fece una smorfia di sforzo mentre prendeva il cazzo della figura finché non lo sentiva riempirla completamente, la sua testa di cazzo oscura che premeva forte contro la sua area della cervice. Ha lasciato andare le gambe in modo da poterle avvolgere attorno a questa donna oscura con un pene.

Il viso della forma era vicino a quello di Paige, ma non si sentiva alcun respiro e non si distingueva alcun dettaglio, come se fosse tutto nascosto in una profonda ombra.

Paige grugnì mentre la forma d'ombra senza volto si spingeva dentro di lei, i tessuti interni del suo basso addome si spostavano e si muovevano per permettere al grosso cazzo d'ombra di accedere.

Un lampo balenò in alto nell'ambiente sfumato di verde ad alto contrasto mentre la forma sibilava e si fletteva, premendo profondamente su Paige, che si tenne aperta alla figura. Sussultò quando sentì uno schizzo dentro la sua pancia, mentre il muscolo dell'ombra pulsava dentro di lei. Sussurri trasudavano dall'ombra senza volto.

"Mio devoto... sii il loro promemoria... sii la continuazione... Atom guarda..."

Calava l'oscurità e non ce n'era più.

Lentamente, sempre così lentamente, la coscienza tornò di soppiatto in Paige.

Stava guardando la gomma. Gomma invecchiata. Uno pneumatico. Alla luce del sole.

Dolore!

Sibilò mentre si rigirava, ogni sua fibra muscolare e tendine tesa e lacerata dal dolore, la luce del sole che le abbagliava gli occhi. Le sue dita si sfregavano nella terra. I suoi muscoli si contrassero con riluttanza. C'era pressione nel suo busto.

Ma era viva. E lei si è ricordata.

I ringhi provenivano dal suo petto mentre strisciava, la furia le turbinava nella mente. Li avrebbe uccisi.

Alla fine, il dolore e la stanchezza la raggiunsero e si guardò intorno per un momento. Qualche tempo dopo che era svenuta nel capannone, una tempesta di radiazioni era passata attraverso e lei aveva quell'incantesimo di dolore. Doveva essere strisciata fuori durante il suo attacco, strisciare giù per il pendio e andare a sbattere contro le pile di avanzi, vicino al fuoco, senza ricordarsene un secondo.

Doveva capire cosa fare.

Nonostante il suo corpo protestasse, ha lottato con le mani e le ginocchia, e poi con i piedi.

C'era qualcosa di sbagliato.

Ondeggiava sul posto, il suo corpo in fiamme. Il suo petto era così stretto!

Armeggiando con le fibbie che tenevano la sua armatura, lasciò cadere il pettorale a terra, il che si sentì subito meglio. Le sue mani sentivano la pelle del predone sul petto, che copriva qualcosa che prima non c'era. Con un leggero panico, Paige si slacciò le braccia e le gettò da parte prima di slegare le pelli e tirarsele giù dal petto.

Un paio di enormi seni si sgonfiarono mentre le sue tute li liberavano.

Ansimando per l'incredulità, Paige si guardò dall'alto in basso, le sue tette un tempo piccole ora diventate di grandi proporzioni, sollevandosi in cima alla gabbia toracica mentre respirava. Erano fermi e stavano in piedi, come se non avessero mai sentito un briciolo di gravità in vita loro. Prese a coppa le sue nuove aggiunte, guardando i suoi capezzoli, che erano gli stessi di prima, ma ora ricoprono vasi molto più grandi. In cima al seno sinistro c'era una ferita da proiettile, anche se ha già segnato. D'ora in poi avrebbe dovuto cercare almeno reggiseni DD.

Non era tutto ciò che era sbagliato però.

Si strappò l'armatura per le gambe e si slacciò le tute fino in fondo; qualcosa di ingombrante seduto nei suoi pantaloni. Si tolse i pantaloni dal culo e se li infilò sull'inguine, esponendo qualcosa di completamente inaspettato al sole.

Un cazzo. Un cazzo stava crescendo da dove avrebbe dovuto essere la sua figa.

Il respiro di Paige era tremante quando la sua mano tremante si mosse verso l'organo alieno, e il suo nuovo muscolo si contrasse mentre lo toccava.

Si guardò intorno nel deposito di rottami, ma era sola. Raccolse rapidamente i suoi pezzi di armatura e fuggì nell'edificio prefabbricato vicino al capannone dove era stata data per morta. Chiudendosi la porta alle spalle, lasciò cadere l'armatura e si guardò di nuovo.

"Che cazzo." disse la sua voce, ed era leggermente più profonda di quanto ricordasse.

Paige era sopraffatta. La radiazione l'aveva cambiata durante la notte.

Gettò le sue tute su una sedia e si sedette, ma cambiò immediatamente il modo in cui sedeva, perché anche lei aveva un paio di testicoli. Si chinò e le palpò, un paio di palle sensibili contenute in un sacco sciolto, ricoperto di peli pubici che era l'unico aspetto del suo inguine che le fosse ancora familiare.

Il suo cazzo iniziò a salire e crescere alle attenzioni che si stava dando.

Ha guardato tra le sue enormi tette mentre il suo cazzo cresceva lentamente fino a diventare completamente duro, allungandosi per essere per lo più lungo quanto il suo avambraccio e quasi altrettanto spesso. Paige la fissava incredula; aveva già visto uomini prima, ne aveva persino scopati un paio, e nessuno di loro era nemmeno lontanamente così grande.

Il suo cazzo pulsava, sporgendo da dove una volta si trovava il suo clitoride. La testa era viola e gonfia, e lei si chinò per afferrarla. Il suo tocco gentile era adorabile e mosse lentamente la mano su e giù per il suo nuovo membro, vedendo la pelle muoversi lungo l'asta. Stava diventando sempre più innamorata della sua nuova aggiunta e voleva esplorarla, conoscerla.

Sentì questo bisogno inconscio di flettere il sedere, di spingere i fianchi avanti e indietro mentre si accarezzava. I suoi pensieri erano attratti dal modo in cui Nunchuk si era avvicinato alle spalle di Kimmy e si era premuto contro di lei. Si ricordò di come Kimmy gli avesse premuto i fianchi snelli contro l'inguine, la figa bagnata per lui. Paige ha tirato fuori il fiato al pensiero di una figa bagnata per un uomo. Era confusa per lei, ma la fretta era innegabile. Ha masturbato il suo cazzo più velocemente, ricordando ora l'ultima volta che aveva fatto sesso, più di un anno prima. Aveva cavalcato l'uomo, le sue pieghe stringevano il suo cazzo dentro di lei, tra i suoi fianchi, sentendo il suo muscolo scivolare dentro di lei mentre rimbalzava su di lui finché lui...

I suoi pensieri furono interrotti quando un fiore di piacere esplose nel suo inguine, crescendo di più ogni secondo. La sua voce più profonda le tingeva il respiro mentre la sua mano accelerava sul suo cazzo, sentendo i muscoli lavorare e flettersi nella parte inferiore del busto.

Con un gemito gutturale, si strinse il sedere e si premette verso l'alto mentre sentiva il fluido scorrerle attraverso. Lo sperma bianco perlato le sprizzò fuori e colpì il soffitto sopra di lei, seguito da un altro scoppio altrettanto potente, che corse su e schizzò sulla sua tetta destra. Altri due flussi meno potenti lasciarono il suo cazzo, che poi iniziò a incurvarsi nella sua mano mentre finalmente rilasciava il respiro trattenuto.

La sua mente era inondata di piacere, le sue emozioni bandite dal rilascio orgasmico.

Paige non era sicura di essere in un sogno o meno, ma si comportava come se fosse tutto reale. Si alzò con un gemito di fatica, prese un tovagliolo pulito dalla tasca di pelle e si pulì meglio che poteva. Usando il dito, si raschiò in bocca lo sperma che aveva sulla tetta; le era sempre piaciuto il sapore dell'uomo-sborra.

Fece un sorriso: ora aveva una scorta illimitata.

Raccogliendo le sue pelli, che era una mancata corrispondenza cucita di pezzi di pelle, Paige ha trovato il modo di far uscire il tessuto, per accogliere le sue nuove parti del corpo più voluminose. Quando ebbe riparato il suo materiale, si sforzò di entrarci, infilando il suo nuovo cazzo di lato mentre si chiudeva sopra il suo inguine. Anche le sue tette stanno bene nel nuovo spazio del petto.

Decise di dare un'occhiata al prefabbricato, come non l'avevano fatto quando erano arrivati. Si voltò troppo all'improvviso e corse contro il muro, ridacchiando per la sua mancanza di consapevolezza nella foschia post-orgasmica. C'erano dei pezzi di spazzatura nei cassetti e negli armadietti, ma il vero premio che ha trovato è stata una pistola da 10 mm e due caricatori completi da 12 colpi.

Adesso poteva difendersi.

Facendo un passo indietro, sospirò nella luce della sera. Non si era resa conto che ora fosse, e ora che se ne rendeva conto, era piuttosto stanca per tutto quello che le era successo.

Salendo sulla surrogata torre di guardia sul lato sud del deposito di rottami, Paige si fermò quando vide il corpo del Figlio dell'Atomo, disteso sul pavimento di assi di legno, un buco pulito sulla fronte. Nunchuk è stato un buon tiro.

Il corpo rotolò abbastanza facilmente dal lato della piattaforma e Paige iniziò a prepararsi per la notte. Aveva una copertura su tutti i lati e un po' di tetto per bloccare la pioggia o il sole. Si sdraiò e tirò l'inguine delle sue tute per dare spazio alla sua nuova aggiunta mentre si girava su un fianco.

Il suo ultimo pensiero prima di addormentarsi è stato: "Ci vorrà molto per abituarsi".

La mattina dopo, Paige ha deciso di andare avanti. Aveva un'idea per un posto dove poteva resistere e riposare e pianificare la sua vendetta, abbastanza lontano dall'interesse di chiunque in modo da non essere disturbata.

Si è avviata verso nord, dopo aver prima scansionato l'area. È sempre utile essere vigili quando si viaggia attraverso il Commonwealth. Lo stabilimento di assemblaggio di Corvega incombeva a est, facendo impallidire il resto della muta di Lexington. Paige sapeva che la più grande presenza di predoni nell'area era rintanata in quella vecchia fabbrica di automobili, quindi si è tenuta alla larga da essa e da Lexington per estensione; nient'altro che una casa per predoni e ghoul.

Le ci sono volute un paio d'ore per costeggiare Lexington seguendo la strada, e stava arrivando al vecchio parcheggio quando degli spari hanno catturato la sua attenzione. Fermandosi all'incrocio, Paige guardò verso l'angolo del parcheggio, sicura che gli spari provenissero dall'interno. Mentre la guardava, una figura svoltò l'angolo, tenendo qualcosa in mano, e si precipitò verso la strada su cui si trovava Paige. La figura era umana, Paige ne era certa.

Ma le figure che seguirono la prima non erano decisamente più umane.

Tre ghoul inseguirono la figura in fuga, barcollando e inciampando tra l'erba e il marciapiede rotto. L'umana, che Paige vide essere una donna, si fermò e si voltò, puntando la pistola nella sua mano, e svuotò il caricatore del ghoul di testa il più velocemente possibile. Ad ogni colpo di proiettile, il ghoul sussultava e ringhiava con voce roca finché il sesto proiettile non lo abbatteva. Un colpo vagante colpì la spalla del secondo ghoul, che strappò il braccio dal suo corpo corrotto.

La donna lasciò cadere la pistola vuota, si voltò e corse di nuovo, avvicinandosi sempre di più alla posizione di Paige.

Paige era pronta per scappare e nascondersi, ma qualcosa in lei le diceva di non farlo. Non conosceva questa donna, ma aveva visto com'era morire per mano dei ghoul. Non era carino.

Quindi, ha alzato i suoi 10 mm e l'ha puntato verso il basso, aspettando che le tre figure si avvicinassero. La donna, ansimando a pieni polmoni, si avvicinò a una decina di metri da Paige prima di fermarsi sbandando per la sorpresa.

"Scendi," disse Paige, e la donna obbedì sorprendentemente rapidamente. Una frazione di secondo dopo, Paige sparò e il proiettile fece saltare in aria la testa del ghoul con un braccio solo. Cinque colpi al terzo ghoul lo fecero crollare, inanimato, con un sospiro tremante.

Con un debole piagnucolio, la donna accovacciata si alzò e corse verso Paige, le gettò le braccia al collo e la strinse.

"Oh, grazie, mi hai salvato la vita", disse la giovane donna mentre Paige si alzava goffamente, la pistola tesa di lato. Stava ancora esplorando l'area alla ricerca di altri ghoul, ma non ne apparve nessuno, quindi iniziò a rilassarsi. Con la mano libera, accarezzò la schiena della donna senza fiato prima di spingerla delicatamente via da lei.

"È una fortuna che fossi qui quando avevi bisogno di me", ha detto Paige, lasciando cadere il caricatore nel suo 10 mm e sostituendolo con il suo unico pieno, e infilando il caricatore mezzo pieno nella cintura. Poi ripose la pistola nella fondina e alzò lo sguardo verso l'incantevole bellezza che le stava di fronte.

La donna si teneva un braccio sulla pancia, la mano che teneva l'altro braccio, e guardava l'orizzonte. I suoi capelli erano nascosti sotto un berretto di maglia grigio, che incorniciava un viso morbido e grazioso con occhi azzurri e un naso piccolo. Si trattenne con pudore ora che non c'era alcuna minaccia con cui lottare, e la forma del suo corpo richiamava stranamente Paige. Mentre osservava questa donna, gli occhi della giovane donna incontrarono lo sguardo di Paige, e lei sorrise sinceramente prima di parlare.

"I miei genitori mi hanno chiamato Hope. Come ti chiami?"

"Paige," disse, distogliendo gli occhi dalla giovane donna e guardando a nord, "dovremmo andarcene da qui. Non va bene stare all'aperto così vicino alla città."

"Va bene, Paige. Dove eri diretto?"

Paige indicò il nord dal nord-est, dove una sorta di struttura verticalmente piatta sporgeva sopra l'altura del terreno.

"Un luogo sicuro. Vai a prendere la tua arma."

Hope è andata a prendere la sua pistola a pipa, che aveva un compensatore all'estremità, per aiutare con la stabilizzazione durante le riprese. Paige si rese conto che aveva ancora dei proiettili .38 sciolti in tasca, quindi li consegnò a Hope, che esclamò eccitata e iniziò a ricaricare il caricatore.

Presto furono sulla strada, Hope camminava per prima, mentre Paige li seguiva. Paige non era sicura di cosa fare con Hope, ma per il momento era a suo agio con il suo accompagnamento, anche per rintanarsi al vecchio drive-in con lei per un po'. Paige aveva un grande obiettivo per il futuro, ma non c'era ancora modo di realizzarlo, quindi nel frattempo le cose erano piuttosto vaghe.

Hope indossava un completo atletico, ma anche i cuscinetti di plastica fissati alle gambe non potevano nascondere il modo in cui il suo sedere ruotava quando camminava. La sua vita non era la più sottile in assoluto, ma i suoi fianchi si gonfiavano in modo molto piacevole. Troppo piacevole.

Paige si sentì diventare dura, il suo grosso cazzo nuovo che le si gonfiava nei pantaloni mentre guardava la donna camminare di fronte a lei. C'era qualcosa di estremamente affettivo nel corpo di questa donna, qualcosa di radicalmente significativo nelle curve del suo tronco in un modo che Paige non aveva mai sperimentato prima guardando una donna.

Il suo ritmo aumentava mentre girava la gamba e si pizzicava la pelle, tirando su il suo cazzo in una posizione più comoda mentre si allungava.

Hope si voltò al cambio di ritmo, guardando Paige che la fissava. Distolse lo sguardo per un secondo, ma poi si voltò esitante.

"Da dove vieni?"

Paige camminò in silenzio per un momento, la sua eccitazione sessuale in qualche modo svanendo mentre rifletteva su cosa dire a questa ragazza.

"Sud."

"Perche sei solo?"

Paige si avvicinò a Hope e la guardò, con un tono tagliente nella sua voce.

"Perché il resto della mia banda di Raider ha cercato di uccidermi e prendere la mia merda."

Hope rimase senza fiato e si allontanò da Paige.

"Sei un Raider?"

"Non so più cosa sono. Ma non penso di essere un Raider."

La donna con il berretto grigio guardò Paige con sospetto: "Come pensi?"

"Perché a quest'ora ti avrei violentato o ucciso se fossi stato un Raider."

Non aveva una risposta per questo. I suoi occhi erano belli, si rese conto Paige con una strana fitta.

Lo sguardo della donna più giovane era attratto dall'altura verso la struttura che era il loro obiettivo: "Cosa c'è lassù al Drive-In? Altri assassini?"

Anche Paige alzò lo sguardo in quel modo: "Non credo. Ma non lo so".

Hope la guardò per un momento, valutandola. Apparentemente ha superato il test, perché Hope ha improvvisamente ripreso a camminare lungo la strada e Paige l'ha seguita.

"Mi fido di te", disse Hope, "perché mi hai salvato la vita e non mi hai rubato, come farebbe un Raider".

"Grazie. Sto davvero solo cercando un rifugio. Tu sei... beh, puoi seguirmi per un po'."

Hope guardò Paige mentre camminavano, e poi le sorrise: "Va bene!"

Attraversarono i binari del treno e seguirono la vecchia strada dissestata fino a dove passava la proprietà Drive-In, dove era ancora in piedi lo schermo di proiezione alto e largo. Era una struttura, con accesso interno allo schermo, e alcune stanze alla base dell'edificio. Paige guardò il cielo, che stava lentamente sbiadendo di colore e livello di luce.

"Penso che dovremmo fare irruzione in una di queste stanze e passare la notte. Esplorare di più al mattino."

La speranza annuì d'accordo. Paige si avvicinò alla porta blu e afferrò la maniglia, ma non si mosse.

"Bloccato". disse Paige, e ripose nella fondina la pistola, preparandosi a ritirarsi e ad aprire a pugni la porta.

"Attesa!!" disse Hope, afferrando il braccio di Paige. Paige girò la testa di scatto, guardando Hope con uno sguardo selvaggio finché non lasciò andare il braccio.

"Io-io posso scassinare." lei disse. Paige le fece un cenno col capo e si fece da parte. La donna più giovane si fece avanti, tirando fuori dalla tasca una scatoletta, e si accucciò davanti alla porta. Vedendo Hope accovacciarsi in quel modo, che accentuava le dimensioni e la forma dei suoi fianchi e del sedere, Paige dovette girarsi dall'altra parte, per paura che la sua erezione tornasse.

"Ecco, è aperto."

La porta scattò e si aprì quando Hope girò la maniglia, tirando fuori una forcina dalla serratura. L'interno era scarsamente illuminato, con un divano, una culla e un frigorifero stipati nella stanzetta. Quando la porta si aprì, trasse un'onda nella polvere sottile sul pavimento.

"Bel lavoro." Paige ha detto, entrando nella stanza, "questo andrà bene per la notte".

Hope si chiuse la porta alle spalle, guardando da dove venivano per eventuali minacce, e la chiuse a chiave. Le due donne tirarono fuori i loro zaini, Hope si lasciò cadere sul divano cadente e Paige andò al frigorifero. Non era alimentato, ma la costruzione di un frigorifero consente di mantenere una temperatura stabile, quindi potrebbe esserci stato qualcosa dentro.

La porta si aprì e una bottiglia cadde dal ripiano inferiore. Non c'era nient'altro che un paio di lattine di alluminio vuote. Paige raccolse la bottiglia e la mostrò a Hope.

"Sei un bevitore?" la bottiglia era bianca, non aperta, piena di vodka.

Le sopracciglia di Hope si inarcarono e un sorriso si allargò sulle sue labbra carnose.

Un'ora dopo, le ragazze ridevano tra di loro sul divano, la bottiglia più che mezza vuota.

"Sono fortunato che tu sia venuto quando-quando l'hai fatto!" disse Hope, cercando goffamente di tenersi i capelli lontani dagli occhi con le mani, il berretto grigio che giaceva dimenticato nel bracciolo.

"Sì, vorresti... voglio dire, saresti stato cibo per ghoul!" Paige armeggiava con le sue parole mentre beveva un altro sorso prima di consegnare la bottiglia a Hope. Mentre Hope beveva, Paige ha aggiunto un'aggiunta che non intendeva davvero.

"Cibo sexy per ghoul, comunque."

Ci volle un momento prima che l'affermazione passasse attraverso la vodka nei loro cervelli, ma li colpì entrambi, Paige si portò una mano sulla bocca e Hope la guardò lentamente con gli occhi sbarrati.

"Co-cosa hai detto?"

Paige guardò Hope, la sua mente ora intrappolata nell'argomento, i suoi occhi che viaggiavano lungo le linee di Hope e indugiavano in certi punti. Il suo uccello si contrae e si sposta quando Hope ha notato dove vagavano i suoi occhi.

"Tu-tu sei-" balbettò Hope.

Paige smise di pensarci e si avvicinò, le sue labbra premute contro quelle di Hope, che non si staccò. Si baciarono un paio di volte, mentre un piccolo lamento sfuggiva a Hope, ogni bacio era intriso di un po' più di urgenza.

"Togliti i pantaloni", disse Paige mentre si separavano. Si alzò in ginocchio e girò intorno a Hope per aiutarla a togliersi i pantaloni da atletica, una gamba alla volta, finché solo un paio di mutandine bianche furono tutto ciò che si frapponeva tra Paige e la vagina di Hope. La speranza sembrava essersi radicata rapidamente nelle cose; si tolse dai pantaloni con la stessa urgenza che aumentava il ritmo dei suoi baci. Le sue mutandine si staccarono con uno svolazzo, rivelando un cespuglio pesante dello stesso colore dei suoi capelli, ma Paige non era timida. Aveva mangiato fuori alcune donne, quindi sapeva dov'era tutto.

Paige mise le mani sotto le gambe di Hope e la tirò sul bordo del divano, poi si tuffò nel cespuglio con vigore. Hope rimase senza fiato e afferrò i cuscini del divano con le mani, respirando attraverso la sua bocca mentre la lingua di Paige scivolava tra le labbra della sua figa.

Pochi minuti di questo ministero del piacere e della speranza furono completamente imbevuti; il suo respiro era pesante, rivoli del suo sperma stavano inzuppando il cuscino su cui era seduta, e la parte inferiore del viso di Paige era ricoperta da un liquido denso e trasparente.

Armeggiando con la sua patta, Paige diede a Hope un'ultima leccata e poi si sedette, dando una pausa ai muscoli doloranti della lingua. Il suo respiro era corto mentre lottava per liberare rapidamente il suo mostro; c'era un'urgenza unica che la possedeva che non aveva mai sperimentato prima. Fissò l'apertura coperta di peli tra le gambe di Hope e capì che la sua nuova appendice apparteneva a lì.

È stato certamente già abbastanza difficile.

Si alzò in piedi e si tirò giù i pantaloni, il suo cazzo che dondolava nella luce bianca e rigida del soffitto. Hope guardò con occhi pieni di piacere lo spettacolo di fronte a lei, che non registrava correttamente per una frazione di secondo. Guardò il cazzo pulsante, e poi il viso di Paige confusa, poi di nuovo giù all'organo riproduttivo fuori posto.

"Aspetta, hai un pene?" disse Hope incredula.

"Sì." disse Paige mentre piegava le ginocchia e si sporgeva in avanti, la lingua tra i denti in concentrazione mentre usava una mano per allineare il suo cazzo con la figa di Hope; aveva visto ragazzi che le facevano questo sulla schiena quando aveva una figa e aveva lasciato che i ragazzi la montassero in missione.

"Stai per-" Gli occhi di Hope si spalancarono mentre afferrò ancora una volta i cuscini del divano, fissando il fallo mentre si allineava con il suo tunnel.

La testa del cazzo di Paige scivolò facilmente tra le labbra di Hope, ma Paige dovette spingere per entrare nel corpo di Hope. I suoi tessuti cedettero, permettendo all'asta di Paige di iniziare a seguire la testa, affondando più a fondo in Hope. Tutto il corpo di Hope ha risposto quando il cazzo è entrato in lei; le sue gambe si strinsero ei suoi pugni raddoppiarono la presa sui cuscini del divano. Le sue sopracciglia si corrugarono prima di ritrarsi angosciata, i suoi occhi si spalancarono e la sua bocca si apriva per lasciare che i rumori tesi uscissero dalla sua gola.

"Uggghhhhhh sei così GRANDE!" Speranza gemette.

A causa della sua ubriachezza e dell'eccitazione generale, Paige è stata colta alla sprovvista dall'esperienza di penetrare per la prima volta in una donna. Una parte del suo corpo sprofondò all'improvviso in un morbido tunnel di calore e carne fradicia, che afferrò strettamente il suo penetratore, l'equilibrio di tenuta e la sensazione di calda sicurezza era sottile ed efficace. Era del tutto impreparata alla moltitudine di sentimenti che la attraversavano mentre penetrava costantemente in Hope, sentendosi a pochi centimetri dal suo essere bagnata da Hope, che ansimava durante l'intero processo. Qualcosa di subliminale stava riempiendo Paige di significato, con l'insinuazione di un USO fondamentale, fondamentale, primordiale, anche se non riusciva a quantificarlo a parole.

Circa metà del suo cazzo è stato ingoiato dalla vagina di Hope, le labbra della figa della donna si sono allungate attorno al muscolo per accogliere la sua circonferenza, quando Paige ha sentito la testa del suo cazzo toccare l'estremità del tunnel che stava occupando.

Il piacere rovente iniziò a erompere nel corpo di Paige e il suo equipaggiamento iniziò a flettersi.

"Ohhhh," disse Paige mentre l'istinto le faceva dondolare i fianchi avanti e indietro, scivolando dentro e fuori Hope di circa un centimetro ogni volta, "Io-io vado-"

The instinct shifted on her suddenly, and she felt the need to get as far into this woman as she could possibly get. She pushed with her hips just as she felt a fluidic feeling in her loins, and semen rushed out of her in a burst, splashing all over Hope's interior. Hope winced and squirmed as she felt Paige push hard against the end of her tunnel.

A flash of dirty green and shadowy black silhouette appeared in front of Paige's eyes as she came.

"Nnggggghhhhhhhhh!" Paige growled out wordlessly as she emptied herself into Hope, who could do little but watch and feel it happen, her chest rising and falling with heavy breaths.

Finally, the orgasm culminated and began to drop off, and Paige took a breath again, little stars dancing before her eyes. She rolled off of Hope, who gasped as the giant member slipped out of the embrace of her flesh, and flopped on the couch. A bit of masculine cum streaked the softening cock, but most of it was leaking from between Hope's labia, which were slowly returning to their usual shape.

Consciousness was fading from Paige, the ejaculation having stolen what strength remained in her, and her eyes closed more quickly than she could do anything about it. Darkness fell.

Storie simili

I segreti sporchi di Lindsay

Ohhhh! Ohhhh! Ohhhh! Lindsay è sempre in paradiso quando ha il suo dildo di vetro lungo preferito con il bordo a vortice che entra ed esce dalla sua piccola figa rosa. Torna a casa tutti i giorni e ne ha bisogno subito dopo una lunga giornata di lavoro. Il suo capo, il signor Franklin, la fa impazzire ogni giorno dove torna a casa e guida quel dildo dentro gemendo il suo nome desiderando che fosse il suo cazzo e la sua scrivania invece di quel dildo e quel cuscino. Adora strofinare il suo piccolo clitoride mentre pensa a lui che la...

7 I più visti

Likes 0

Eddie, la mamma del suo amico e Betty

June Cleaver era la mamma di due giovani uomini ben educati, Waldo di 20 anni e Theo di 19 anni. Era la tipica casalinga di periferia americana che amava suo marito Ward ed era sposata con lui da oltre 32 anni. La 53enne June era piena di seni di 40 gg, un culo grasso e rotondo ed era formosa. A 5 piedi 9 era un bicchiere d'acqua alto ed è per questo che il giovane Eddie Haskell, bramava la mamma del suo migliore amico. Eddie, 20 anni, aveva scoperto di recente l'ipnotismo e scoprì di essere davvero bravo in questo. Quindi...

46 I più visti

Likes 0

Rito di passaggio

Rito di passaggio Capitolo 1 Le gambe della sorella di Jimmy Smith erano gettate su ciascuna delle sue spalle mentre si spingeva con forza nel suo stretto tunnel. Guardando in basso, poteva vedere la schiuma bianca che ricopriva il suo cazzo e il morbido castano lanuginoso dei suoi peli pubici. L'aria si riempì dei suoni squishy del suo cazzo che martellava la sua succosa figa bagnata. I suoi piccoli seni volavano avanti e indietro. I suoi capelli castani lunghi fino alle spalle circondavano il suo viso sudato. I suoi occhi si fissarono su quelli di lui, la sua bocca aperta con...

324 I più visti

Likes 0

Gli ospiti

Gestivamo il B&B da un paio d'anni, affittando solo l'attico che era piuttosto autonomo. Ha portato un po' di soldi in più. Prima di iniziare ero completamente contrario, ma poi, quando gli ospiti hanno dichiarato di venire, mi sono abituato e ho iniziato a divertirmi un po'. Un vero mix di persone. A volte uno attirava la mia attenzione e spesso fantasticavo su di loro che scopavano nella stanza sopra la nostra camera da letto o qualche altra avventura sessuale. Questo fine settimana abbiamo avuto una coppia dall'Olanda. La moglie ei bambini erano via, quindi stavo volando da solo. Devo dire...

271 I più visti

Likes 0

L'incontro sexy

Sei seduto al bar di un hotel con indosso un bel vestito blu truccato e indossi una bella parrucca castana dai capelli lunghi sapendo che indossi un crogiolarsi con delle mutandine nere a volant sotto il vestito, ti senti un reggicalze sexy che regge delle calze a rete morbide e setose mentre liscia il tuo vestito mentre ti metti a tuo agio sul tuo sgabello da bar alto in pelle. Mi noti dall'altra parte del bar, sorridi, io ricambio e chiedo al barista di mandarti un drink con una chiave magnetica nella stanza 6969 con un biglietto che dice di portare il...

139 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

374 I più visti

Likes 0

Il visitatore

Il visitatore Lavoro in un bel ristorante vicino a Mt. Rainer in WA. Riceviamo molti turisti in città a causa del paesaggio, quindi sono abituato a incontrare persone da tutto il mondo. Sono piuttosto timido, ma quando sono al lavoro devo essere estroverso e amichevole. A volte è un vero dolore essere amichevoli con alcuni dei visitatori fuori città che vengono qui a mangiare. Ma ieri era diverso. Un signore alto e anziano è entrato nel ristorante per una cena tardiva. Era da solo ed era un tipo tranquillo, ma aveva un bel sorriso. Potrei dire che gli è piaciuto quello...

308 I più visti

Likes 0

Il maestro sa sempre: parte seconda

La seconda parte della mia serie Master Always Knows. Per favore, leggi prima il Maestro sa sempre: prima parte, in modo da capire cosa sta succedendo. Grazie per aver letto. ~~~~~~~~~~~~~~~ Katy faceva fatica a svegliarsi. Le sue palpebre erano pesanti. Non riusciva proprio a sollevarli. Ma aveva un freddo gelido. Dov'era la sua coperta? E lei stava morendo per un bicchiere d'acqua, lui aveva la gola così secca. Cercò di muovere un braccio ma non si mosse. Era incatenato sul posto? I suoi occhi si spalancarono. Questo non era il suo appartamento. Era una stanza di cemento che non aveva...

79 I più visti

Likes 0

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

378 I più visti

Likes 0

La mia mente era congelata nel tuo amore

Capitolo 1: Era stata la peggior fortuna che avessero mai avuto. Una strana bufera di neve li aveva bloccati nel loro ultimo rifugio e avevano perso il volo di linea fuori dal paese. Red era stato in contatto con Dembe per fargli sapere che non sarebbero stati in grado di raggiungere la pista di atterraggio dove il suo jet privato era in standby, in attesa di portarli via all'estero. Il ritardo sarebbe indubbiamente costato loro un certo inconveniente: Red aveva sperato di riunirsi con Dembe ormai, i nervi di Lizzie si stavano logorando e, per finire, era la vigilia di Natale...

373 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.