Cronache classificate su Internet (parte 2)

317Report
Cronache classificate su Internet (parte 2)

Avevo un ritrovato interesse nel leggere ogni singolo annuncio per adulti sul sito web degli annunci economici, inclusi tutti i diversi generi e categorie. L'unico che non ho letto molto era Maschio che cerca maschio perché, beh, sono una donna e non rientra affatto in quell'equazione.

Ho passato almeno due ore a leggerli ognuno, tornando indietro di quasi un mese. Ci sono alcune persone seriamente perverse là fuori. C'era una coppia, probabilmente sulla cinquantina, che postava quasi ogni giorno, cercando di convincere una ragazza, apparentemente qualsiasi cosa con una vagina, ad incontrarsi in qualche squallido motel nell'estremo west side. Aveva un bel cazzo, ma erano vecchi, e il sesso orale su una ragazza deve essere ancora più disgustoso che su un ragazzo. Non posso assolutamente fare niente con una femmina.

Alcune pubblicità sono un po' tristi. Quelle persone sembrano così sole e disperate. Ho considerato brevemente l'idea di fare amicizia con uno di loro per dare loro un po' di gioia nella loro vita, ma poi ho capito che probabilmente erano disperati e soli per un motivo.

C'erano diversi ragazzi lì con offerte malcelate di denaro per il sesso. Devo ammetterlo, l'idea di prendere soldi per fare sesso mi ha eccitato, ma non ho bisogno di soldi e di certo non sono una prostituta.

Ho risposto a diversi annunci, poi sono corsa al grande magazzino e ho preso un cellulare prepagato con SMS, pagando in contanti. Poi ho preso un panino in un fast food e sono corso a casa per controllare la posta.

Ho avuto diverse risposte, ma una in particolare mi ha colpito. Era un ragazzo sulla trentina, magro e ragionevolmente attraente. Il suo cazzo era di dimensioni nella media, a giudicare dalle foto nelle altre pubblicità. Il suo annuncio diceva che cercava "testa", ma io gli ho detto che volevo il suo cazzo. Ci siamo scambiati email alcune volte, poi gli ho dato il mio nuovo numero di telefono per mandarmi un messaggio.

Era sposato, quindi non potevamo andare a casa sua, e non porterò nessuno qui, quindi magari gliel'ho detto un'altra volta. Mi ha risposto con un messaggio chiedendomi di incontrarlo nel bagno di una stazione di servizio appena fuori dall'autostrada, a circa 10 minuti da qui. Ha detto che il bagno era dietro la stazione di servizio, non era necessaria alcuna chiave per aprire la porta e si chiudeva dall'interno.

Inizialmente ero offeso dal fatto che pensasse che avrei voluto farlo, ma si stava facendo tardi e le mie opzioni stavano diminuendo. Non dormirei mai stanotte finché non avessi un po' di cazzo dentro di me.

Era molto felice di sapere che lo avrei incontrato lì, dicendo: "Adoro i Glory Hole!". Ho pensato che fosse una cosa strana e scortese chiamare una ragazza che ha appena accettato di scoparlo nel bagno di una stazione di servizio. Oppure, a pensarci bene, forse "buco" era la parola giusta per qualsiasi ragazza che avrebbe fatto una cosa del genere.

Dovevo incontrarlo tra 45 minuti, entrare per primo ed entrare nella stalla, poi mi avrebbe seguito quando mi avesse visto entrare. La mia figa cominciò a formicolare per l'attesa.

Mi sono cambiata, ho lasciato le mutandine e il reggiseno nel cassetto e mi sono diretta al distributore di benzina. C'era una fermata per camion dall'altra parte della strada, quindi c'erano molti veicoli che passavano, ma era abbastanza buio e silenzioso dietro la stazione di servizio. Sono arrivato circa 10 minuti prima e non ho mai visto nessuno tornare lì.

Provavo una sorda sensazione di terrore allo stomaco, insieme a un dolore all'inguine che solo una cosa avrebbe potuto soddisfare quando vidi un'auto fermarsi e parcheggiare dietro l'edificio. Chiunque fosse, ha spento la macchina e si è seduto lì. Dopo circa un minuto, un altro uomo si avvicinò alla macchina. Parlarono per un minuto e l'altro uomo se ne andò. Penso che stesse chiedendo indicazioni o qualcosa del genere.

Mi sono seduto in macchina, cercando di trovare il coraggio. Ho deciso più di una volta di avviare la macchina e di uscire di lì, ma il pensiero di andare a letto stasera senza cazzo mi ha impedito di partire.

Rendendomi conto che non lo avrei mai fatto se mi siedo e ci penso, saltai fuori dall'auto e mi avvicinai all'edificio. Entrando nel bagno, cercai a tentoni l'interruttore della luce. Alla fine l'ho trovato e l'ho girato più volte, ma non ha funzionato. C'era una finestra di vetro distorto sopra la porta che lasciava entrare abbastanza luce per vedere, ma era ancora piuttosto buio. A me andava bene.

Entrai nel box e aspettai, il nervosismo prevaleva sull'eccitazione. Alla fine, ho sentito la porta aprirsi, poi chiudersi, poi ho sentito scattare la serratura.

"Silenzio!" dissi, mentre mi voltavo verso il bagno.

Mi sono chinato, ho alzato la gonna sulla schiena, ho messo le mani sul coperchio del serbatoio del WC e ho aspettato. E ho aspettato. Dopo aver realizzato che non sarebbe entrato nel box, mi sono guardato intorno e vicino al distributore di carta igienica, ho visto qualcosa che si muoveva. Era una forma scura. Non riuscivo a capire cosa fosse, quindi ho allungato la mano e ho tastato intorno. La mia mano finalmente sfiorò qualcosa di caldo e morbido.

L'ho afferrato con la mano. Era un cazzo! Un cazzo caldo, rigido e morbido, che spunta da un buco nel muro della stalla. Ho sentito il ragazzo gemere mentre la mia mano lo avvolgeva. Che diavolo sta facendo? È una specie di preliminare pervertito?

Ero molto confuso. Avrei dovuto appoggiarmi al suo cazzo? Non potevo farlo perché il distributore di carta igienica era a soli venti centimetri di distanza, e probabilmente era comunque troppo alto.

Rimasi lì, ad accarezzare il suo cazzo per un po'. Indipendentemente da quello che stava facendo, era bello giocarci.

"Succhiamelo!" disse ad alta voce, con voce sussurrata.

Che diavolo? Si aspetta che gli succhi il cazzo attraverso un buco nel muro...

DIO MIO! All'improvviso mi sono reso conto di cosa dovesse essere un "gloryhole". Sono un completo idiota. Non voleva scoparmi, vuole solo che glielo succhi!

"Non c'è modo! Volevo che tu..." cominciai, poi sentii la sua carne calda pulsare nella mia mano.

Ho fatto scorrere più volte la mano su e giù per tutta la lunghezza della sua asta. Forse... forse potrei semplicemente provarci. Forse lo farò agitare e poi lo farò venire qui e scoparmi.

"OK..." dissi, interrompendomi.

Mi abbassai lentamente, accovacciandomi per non toccare il pavimento sporco. Ho strattonato dolcemente il suo cazzo ancora un paio di volte mentre spostavo il viso verso di esso. L'ho annusato un paio di volte. Aveva un odore molto vago di sudore virile, ma non era sgradevole.

Con cautela allungai la lingua fino a toccare la punta della testa. Non sembrava avere sapore. Forse non sarebbe poi così disgustoso, dopotutto.

Ho aperto la bocca e ho messo le labbra sopra la testa e lentamente sono sceso su di essa di un paio di centimetri.

"Ahhhhh..." ansimò.

Ho tolto la bocca dal suo cazzo e mi sono leccato le labbra. Potevo sentire il sapore della lanugine della sua biancheria intima, ma per il resto non c'era alcun sapore. Potevo farlo... volevo farlo... avevo *necessità* di farlo.

Ci ho rimesso la bocca e ho provato a fare come ho visto in un video porno che il mio ragazzo al college mi ha fatto guardare. La mia bocca cominciò ad annaffiare mentre facevo scivolare la bocca lungo il suo cazzo duro, poi avvolgevo le mie labbra attorno ad esso più fermamente e lentamente tiravo le mie labbra increspate lungo l'asta e fino alla punta della testa. Potevo sentire ogni cresta del suo cazzo duro con le mie labbra. L'ho sentito stringersi mentre mi avvicinavo alla testa, facendo scivolare la lingua sulla parte carnosa inferiore

"Sìiii!" gemette.

Era estremamente eccitante sapere che stavo dando piacere a questo sconosciuto casuale con la mia bocca. Sono andato sul suo cazzo ancora e ancora, cercando ogni volta di andare più in profondità. Volevo il suo cazzo in gola. Volevo inghiottirlo, ogni centimetro sepolto nella mia gola. Sfortunatamente, sono riuscito a infilarmi in bocca solo circa quattro pollici prima di iniziare ad avere conati di vomito.

“Ah! Ahh!" ansimò mentre il suo cazzo pulsava nella mia bocca. Penso che sia quasi pronto per venire qui e scoparmi.

"Uuuttt!" gridò, tirando indietro il cazzo e ficcandomelo in bocca. All'improvviso ho pensato di aver assaggiato qualcosa di salato e mi sono imbavagliato leggermente. Forse era sudore.

"Uuuuuttttt!" gridò di nuovo, cercando di ficcarmi di nuovo il cazzo in gola, e di nuovo imbavagliandomi. Il sapore salato era davvero forte adesso.

"Ohhhhh.... Dio!" gemette mentre me lo infilava di nuovo in bocca.

"Dannazione!" Ho urlato, staccando la bocca dal suo cazzo quando ho realizzato che stava venendo nella mia bocca. La mia bocca era così bagnata di saliva che all'inizio non me ne accorsi.

"Avresti dovuto scoparmi, bastardo!" Ho urlato, cercando di pulire lo sperma che mi aveva colpito la faccia quando ho staccato la bocca.

Ho aspettato una risposta ma tutto quello che ho sentito è stato lui che si faceva una sega e gemeva nei suoi ultimi istanti di piacere.

Dopo circa 10 secondi, l'ho sentito chiudere la cerniera dei pantaloni, aprire la porta ed uscire. Quel maledetto bastardo!

Mi sono alzata, ho sputato con forza diverse volte per togliermi le sue sbavature dalla bocca e ho preso della carta igienica per asciugarmi la faccia. Poi ho sentito la porta aprirsi di nuovo.

"Chi è là?" ho chiesto, spaventato.

Ho sentito la porta chiudersi, qualcuno che si muoveva e poi un gallo ha fatto capolino dal muro, sbattendomi contro la gamba.

Che cos'è questo? Ho pensato, un altro bastardo qui solo per ficcarmi il cazzo in bocca? Hanno una propria rete di comunicazione o qualcosa del genere? Cosa diavolo pensano che io sia?

"Non ho intenzione di..." cominciai con rabbia, poi abbassai lo sguardo sul gallo. Era... enorme. Voglio dire, doveva essere almeno 9 pollici e grasso come un cetriolo.

L'ho afferrato con la mano. Riuscivo a malapena a metterci le dita attorno. Dio mi aiuti, dovevo avere questo cazzo in bocca... adesso.

Caddi immediatamente in ginocchio. Il pavimento di cemento, bagnato di piscio, saliva e sperma, mi faceva male alle ginocchia, ma ho bloccato il disagio mentre avvolgevo le labbra attorno a questo mostruoso pezzo di carne.

Riuscivo a malapena a metterne qualcosa in bocca. Ho afferrato l'asta con la mano sinistra, ho abbassato la bocca il più possibile e ho iniziato a segarlo.

"Oh si Tesoro!" disse, con una distinta voce afro-americana.

NO! Era un uomo di colore! Non posso... io... io... volevo questo cazzo più di qualunque altra cosa io possa mai ricordare.

Mi sono piegato in due, forzando un altro centimetro o giù di lì oltre le mie labbra già tese e ho iniziato a strattonarlo più velocemente. Un'ondata di vergogna mi inondò quando realizzai che ora ero ufficialmente una sporca troia succhiacazzi, ma non mi importava! Volevo solo succhiare questo cazzo! Volevo che venisse nella mia bocca! Volevo ingoiare fino all'ultima goccia. Dio, ne ho bisogno.

"Uhhh, succhialo, troia!" gemette.

Come osa chiamarmi... Dio mi aiuti, chi sto prendendo in giro, è esattamente quello che sono. Sono la troia di quest'uomo di colore.

Mi sono staccato la bocca e mi sono leccato le labbra.

"Vieni nella mia bocca!" Ho implorato, rimettendo la bocca su e prendendo il suo cazzo finché non ho sentito come se le mie labbra stessero per spaccarsi. L'ho strattonato per un altro minuto o giù di lì, cercando di leccarlo meglio possibile con la bocca piena di cazzo.

“Oh, cavolo sì, ecco qua, tesoro... prendilo! Prendilo!" disse, infilando il cazzo attraverso il buco.

La mia bocca si riempì quasi subito di voglia con il primo colpo. Aveva un sapore leggermente amaro. Una parte mi è scesa in gola e mi ha soffocato. Volevo così tanto ingoiare la sua venuta, ma non potevo. Ho sentito il secondo e il terzo carico colpirmi i capelli mentre si masturbava, ma continuava a sporgere qualche centimetro attraverso il buco. Mi ha inondato di sette o otto carichi di sperma. Ho provato a bloccarlo con le mani, ma gran parte del materiale è riuscito a passare, colpendomi il viso, i capelli e il davanti della camicetta.

Senza dire una parola, chiuse la cerniera e se ne andò, chiudendo la porta con un botto. Nemmeno 10 secondi dopo, ho sentito la porta aprirsi e chiudersi di nuovo. A quanto pare, si era sparsa la voce che il Glory Hole era aperto agli affari.

Questo cazzo era piuttosto piccolo, forse quattro pollici o giù di lì. Potevo prendere tutto in bocca e quando il mio naso colpì il suo corpo era molto gonfio. A quanto pare era un ragazzo grasso. Mi sono sempre preso molta cura del mio corpo e, onestamente, ho sempre disprezzato le persone grasse, ma in questo momento volevo solo che questo ragazzo grasso mi prendesse in bocca.

Era altrettanto eccitante quanto quelli più grandi, soprattutto perché potevo inghiottire tutto con un po' di vomito mentre lo seppellivo in fondo alla gola. Mi sentivo come se lo stessi facendo gola profonda ed è stato molto eccitante.

Lo sentivo respirare pesantemente. Dio, spero che non abbia un infarto o qualcosa del genere.

Non ci volle molto, forse due minuti e lui strillava come un maiale.

“Ooooo! Oooooooooo!” gemette con voce acuta.

Ho sentito il primo carico di sperma spararmi in fondo alla gola e ho tirato la bocca verso la testa per non imbavagliarmi. L'ho segato con la mano destra mentre la sborra mi schizzava sulla lingua. Non aveva un sapore salato come il primo ragazzo, o amaro come il ragazzo nero. Non aveva molto sapore.

In realtà non sono riuscito a inghiottire nulla, ma non ho mai staccato la bocca. Ho semplicemente aperto leggermente le labbra per lasciare che il liquido mi uscisse dalla bocca e cadesse a terra.

Una volta che ebbe finito e me lo tirò fuori dalla bocca, feci rotolare la lingua in bocca, assaporando la sua venuta. Ho allungato un po' il collo, mi sono fatto forza e ho ingoiato il sperma che mi era rimasto in bocca.

"Prossimo!" dissi, abbassandomi e iniziando a toccarmi.

L'ho sentito andarsene e pochi secondi dopo è entrato un altro uomo. Questo cazzo aveva più o meno le dimensioni del primo. Sono riuscito a ingoiare un paio di colpi della sua sborra, ma la maggior parte è finita comunque sul pavimento.

Il numero cinque era più piccolo, circa cinque pollici, e non circonciso. È stato interessante, ma non molto diverso dagli altri. Probabilmente ho ingoiato metà della sua sborra.

Al numero sei, la mia bocca e la mia mascella cominciavano ad avere crampi. Fortunatamente, anche lui era alto solo circa cinque pollici. Ho deciso che questo sarebbe stato l'ultimo, ed era ora o mai più. Avrei ingoiato tutta la sua venuta, qualunque cosa accada.

Mi sono toccato mentre succhiavo il suo cazzo, ora in grado di prenderne comodamente tutti i cinque pollici. Sentii il mio orgasmo crescere, aiutato mentalmente dal cazzo caldo che mi scivolava sulla lingua.

“Mmmmmffff!” gemevo.

“MMMMMFFFF!!”

“Uuuuuuhhhhhhh!” Ho pianto, aprendo un po' la bocca per far uscire il suono.

Forse sono stato solo fortunato, o forse le vibrazioni della mia voce mi hanno aiutato, ma proprio quando il mio orgasmo si è calmato, ha iniziato a venirmi in bocca. Ho cercato disperatamente di sincronizzare i movimenti della testa e di deglutire tra un sacco di sperma. Penso di essere riuscito a ingoiare fino all'ultima goccia.

Ha tirato fuori lentamente il suo cazzo dalla mia bocca mentre stringevo le labbra per spremere ogni residuo di sperma. C'era un'ultima grossa goccia sulla punta della mia lingua, che subito ingoiai.

"Non dirgli altro!" Ho detto.

"OK." rispose mentre usciva dalla porta.

Potevo sentire diversi ragazzi fuori dire "Aw, merda!", "Che cazzo?" e cose così. Dovevano essercene almeno altri quattro o cinque.

Corsi velocemente e chiusi la porta. Poi sono tornato allo stand per prendere della carta igienica. Mentre stavo asciugando i residui semisecchi dal viso e dalla camicetta, all'improvviso mi sono reso conto di quello che avevo appena fatto.

Mi sono inginocchiato, ho appoggiato la fronte sulla tavoletta del water e ho iniziato a singhiozzare. Ho pianto per diversi minuti.

Mentre le lacrime cominciavano a calmarsi, con la testa ancora sul sedile del water, ho pensato a cosa ero diventata. Ero una puttana lurida, sporca. Meritavo di succhiare sconosciuti sul pavimento del bagno macchiato di piscio di una stazione di servizio. Questo è quello che sono adesso.

Alla fine mi sono alzato, mi sono sistemato i vestiti e sono uscito con cautela dal bagno. Non c'era nessuno fuori, quindi sono andato velocemente alla mia macchina e sono tornato a casa.

*****

Non sono riuscito a dormire di nuovo la notte scorsa, rigirandomi, rigirandomi e appisolandomi più volte solo per svegliarmi di nuovo pochi minuti dopo. Mi sono dato di nuovo malato. È venerdì, quindi ho tre giorni per mettermi insieme.

Non posso andare avanti così. Non riesco quasi più a pensare ad altro che al sesso. Non riesco a concentrarmi sul lavoro, non riesco a dormire. Qualcosa deve cambiare prima che la mia vita vada in pezzi.

Faccio fatica a capire cosa sta succedendo nella mia testa. È come se fossi dipendente dal sesso, ma anche questo non lo spiega del tutto. Non è solo il sesso che bramo, è più una sensazione di... voglio essere sporca... voglio essere una cattiva ragazza. Io... *ho bisogno* di essere una puttana troia.

La sensazione di essere sporchi, il pericolo di incontrare estranei, persino il rischio di malattie sono... inebrianti. Non si tratta nemmeno degli orgasmi; sono più un vantaggio collaterale. E subito dopo l'orgasmo, il brivido svanisce e sono sopraffatto dalla vergogna e dal senso di colpa che mi tengono sveglio tutta la notte.

Dio! Cosa c'è di sbagliato in me?

*****

Non c'erano nuovi annunci interessanti oggi, ma erano solo le 16:00. Tuttavia, ero annoiato nell'attesa che venissero pubblicati altri annunci, quindi ho iniziato a sfogliare gli annunci "In vendita". Si trattava per lo più di un mucchio di veicoli, gioielli economici e computer. Un annuncio ha attirato la mia attenzione. "I fan della fantascienza fanno un sogno proibito!!!"

Ho cliccato sull'annuncio ed era un ragazzo paffuto con la barba, probabilmente sulla trentina, in piedi con il braccio attorno a un ritaglio di cartone a grandezza naturale di qualcosa dall'aspetto alieno con un elmetto verde che impugnava una pistola. Voleva 75 dollari per questo.

Tanto per divertirmi, ho cliccato sul collegamento e gli ho mandato un'e-mail.

«Ti scoperò per questo. Scrivimi a xxx-xxx-xxxx'

Ho continuato a sfogliare gli annunci e me ne sono dimenticato. Pochi minuti dopo, il mio telefono squillò.

"Eh?" ha detto.

'Cosa?' Ho risposto.

"Volevi la figura in piedi?"

Ho cercato velocemente sul web cosa diavolo fosse un "standee".

'SÌ. Ti scoperò per questo."

'Ehm, cosa?'

«Il sostituto. Lo voglio. Ti scoperò per questo."

'signore?'

ho risposto, allegando la mia foto dal collo in giù.

'SÌ. Questo sono io. Ti scoperò per la controfigura. Adesso, se sei solo.'

'OH MIO DIO!'

'Siete soli?'

"Sì, vivo in un appartamento."

"Allora, abbiamo un accordo?"

"È questo Brad?"

«Guarda, nella foto sono proprio io. Mi serve quella statua per un regalo di compleanno ma non ho soldi. Verrò da te e ti scoperò per questo.'

Non ci fu risposta per diversi minuti.

"1712 White Pine Circle, Apt B" rispose infine.

'Sto arrivando. Fatti una doccia.'

Sono salito in macchina e mi sono diretto al suo appartamento. Durante i 15 minuti di viaggio, ho iniziato a bagnarmi pensando a cosa stavo per fare. Certamente non era a causa del suo aspetto. Era la sensazione di scambiare il mio corpo con un pezzo di cartone senza valore.

Sono arrivato al suo appartamento, sono sceso dall'auto e mi sono avvicinato alla porta. Stava diventando molto più facile per me. Non ho esitato affatto prima di bussare alla porta.

Aprì la porta. Era leggermente più attraente che nella foto, ma questo non diceva molto. Forse non volevo farlo, dopotutto.

Mi fissava e basta, con la mascella spalancata.

"Ciao...?" dissi.

Non ha risposto.

"Sono, um... sono qui per il sostituto."

"'Il... ehm... il cosa?"

"La cosa del cartone... ricorda, abbiamo mandato un messaggio..."

"'Pensavo... pensavo... uh... che tu fossi davvero...?"'

Potevo sentirmi sempre più eccitato. Era abbastanza ripugnante, ma potevo vedere nei suoi occhi che era intimidito dal mio aspetto.

"Posso entrare?"

“Shh... certo...” rispose, facendo un passo indietro per permettermi di entrare.

Chiuse la porta e cercò di fare una conversazione educata.

"Quindi... uh... ti piacciono i film?"

"Hmm?" Canticchiavo distrattamente mentre mi avvicinavo e chiudevo le tende.

"Tu... sai, i film... ti piacciono?"

"Non li ho mai visti." risposi cominciando a sbottonarmi la camicetta.

Dio, questo mi stava eccitando. Questo sciattone mi stava sbavando addosso.

"Cosa... perché sei..."

“Avevamo un accordo, vero? Ti fotto, dammi la figura in piedi. Ho capito male?" chiesi, chiudendo scherzosamente la camicetta.

"NO! Voglio dire... voglio dire..."

"Bene, perché ho davvero bisogno di quel personaggio in piedi." dissi, aprendomi la camicetta e lasciandola cadere dalle spalle sul pavimento, esponendogli il mio petto nudo.

"Quindi ti togli i vestiti?"

Non ha sentito una parola di quello che ho detto mentre fissava le mie tette.

"Puoi toccarli se vuoi."

“Io... io...”

"Ecco..." lo incitai, avvicinandomi a lui, prendendogli le mani e mettendone una su ciascun seno.

"Omidio!"

"Non così difficile!" Ho detto.

"Scusa! Oh mio Dio, mi dispiace!"

"L'hai già fatto prima, vero?" Ho chiesto.

“SÌ!... voglio dire... io... più o meno...”

"Sei sicuro?"

"Beh... voglio dire..."

"Va bene. Non essere nervoso. Non ti morderò."

"Lo so..."

“Sai una cosa...” dissi, allungandomi verso la sua cintura e slacciandola, “ti aiuterò. Non devi essere nervoso."

Sembrava sul punto di svenire mentre mi inginocchiavo e gli abbassavo i pantaloni. Ho accarezzato l'esterno delle sue cosce con le mani alcune volte mentre lo guardavo.

“Non essere nervoso. Stai facendo bene."

Ho afferrato entrambi i lati della sua biancheria intima e li ho fatti scivolare giù. Il suo cazzo era... dov'era? Tutto quello che potevo vedere era una testa, sepolta in un piccolo rigonfiamento di grasso.

"Oh guarda! Si sta nascondendo da me." dissi, cercando di calmare il suo nervosismo.

"Esso... diventa più grande... io... oh mio Dio... questo non sta succedendo."

"Ecco", cominciai, alzandomi e conducendolo verso il divano, "stai sdraiato e vedrò se riesco a convincerlo a venire a trovarmi."

L'ho guidato a sedersi sul bordo del divano e a sdraiarsi, con i piedi sul pavimento. Mi sono inginocchiato e sono strisciato tra le sue gambe, appoggiando la faccia sul suo inguine.

Non c'era molto da mettere in bocca, quindi ho cominciato a leccargli la testa.

"Omidio!" ansimò.

Ho raggiunto e ho accarezzato le sue palle e ho continuato a leccargli la testa del cazzo.

“Eccoci! Sta uscendo un po'."

Ora che sporgeva di circa un centimetro, me lo sono messo in bocca e ho fatto rotolare la lingua intorno alla testa. Stava davvero diventando più grande.

Dopo circa un minuto, sembrava che raggiungesse il massimo di circa quattro pollici ed era estremamente rigido. L'altra sera alla stazione di servizio avevo notato che più il cazzo era grosso, meno sembrava diventare duro. Quelli più piccoli sembravano diventare molto duri, quelli più grandi abbastanza duri, ma non come quelli più piccoli. Potrebbe essere stata una coincidenza o potrebbe esserci qualche ragione. Forse è il modo naturale di compensare le dimensioni più piccole. Dovrò ricordarmi di cercarlo.

"Ora, vedi, questo è un gallo perfettamente rispettabile." Glielo assicurai, mentre continuavo a succhiargli il cazzo duro come la roccia.

"Oh... Dio..." gemette.

"Aspettare!" Ho gridato, togliendo la bocca dal suo cazzo: “Non scendere ancora! Vuoi scopare, vero?"

"Omidio" fu tutto ciò che riuscì a dire.

Mi alzai, sbottonai la gonna e la lasciai cadere a terra, rivelando la mia figa nuda.

"Non vedo l'ora..." sussurrai mentre strisciavo sulle sue gambe per montarlo.

“Omidio, omidio, omidio!”

Ho mosso il culo, cercando di far combaciare il suo cazzo con la mia fica gocciolante, ma avevo problemi a causa della sua paffutezza. Alla fine sentii la testina sfiorarmi le labbra ma non sporgeva abbastanza da penetrarmi.

Non volevo rovinargli la situazione cambiando posizione, quindi ho stretto un po' le gambe, gli ho stretto la testa tra le labbra e l'ho cavalcato su e giù. La punta del suo cazzo si sfrega contro la mia figa.

Apparentemente non riusciva a notare la differenza. Meno di un minuto dopo, chiuse gli occhi e mi afferrò i fianchi.

“Eh! Eh! Eh! AAAAGGHHHHH!” urlò, quasi come se soffrisse.

Potevo sentire il suo sperma salire e colpire il mio stomaco, per poi gocciolare giù fino al mio inguine. Mosse i fianchi ancora diverse volte, poi crollò di nuovo sul divano, liberando i miei fianchi.

"O mio Dio, non ci crederanno mai!"

"Chi?" chiesi, prendendo i miei vestiti e vestendomi.

"I miei amici. Non mi crederanno mai”.

"Oh, beh, almeno sai che è successo." Lo rassicurai, mentre mi dirigevo verso la porta d'ingresso.

“Sì...” disse, con un enorme sorriso sul volto, “Aspetta! Non dimenticarlo."

Tornò di corsa in un'altra stanza e ne uscì pochi secondi dopo con il personaggio in piedi.

"Oh..." dissi, cercando di capire il modo migliore per afferrarlo, "giusto... grazie."

“Oh mio Dio, grazie! Vorrei averne un altro da scambiare.

"Beh, forse troverai qualcos'altro che posso usare." dissi uscendo dalla porta.

“Se mi viene in mente qualcosa, ti mando un messaggio! Mi chiamo Ben.»

Non avrei dovuto dirlo. Non volevo nemmeno sapere il nome di questo ragazzo, figuriamoci che mi mandasse un messaggio.

«Uhm, va bene, Ben. Ciao!" risposi, dirigendomi verso la mia macchina.

L'ho sentito chiudere la porta mentre raggiungevo il marciapiede. Ho gettato il personaggio in piedi nel cassonetto, sono salito in macchina e sono uscito in retromarcia. Guardandomi allo specchio mentre ero seduto al primo segnale di stop, ho visto Ben correre freneticamente verso il cassonetto solo con i pantaloni.

*****

Si stavano avvicinando le 21:00 e non avevo prospettive per stasera. Ero ancora seriamente eccitato dopo aver 'scopato' quel nerd per il suo coso di cartone e avevo bisogno di un po' di cazzo. Mi ha davvero eccitato l'idea di scambiare il mio corpo come una lurida puttana, quindi mi sono concentrata sulle pubblicità con ragazzi che volevano pagare per fare sesso. Ho risposto a molti di loro e ho preparato la cena.

Mentre mettevo il cibo nel microonde, il mio telefono ha squillato.

'CIAO. puoi dire ai miei amici che eri davvero qui oggi?' Ha allegato una foto di due ragazzi alti e magri, anche loro sulla trentina. Uno di loro aveva gli occhiali. Erano dei geek dall'aspetto abbastanza standard.

Era Ben. Dannazione, non voglio dover comprare un nuovo telefono.

"Ero davvero lì oggi."

"Puoi mandare un'altra foto?" Non mi credono che tu sia una dea.'

Aww, è stato carino. Ma devo smetterla adesso, prima che pensi che sono la sua ragazza o qualcosa del genere.

«Mi spiace, Ben, non posso adesso. Ehi amici... quella foto ero proprio io.'

"Non ti credono."

«Ben... sono occupato. Scusa.'

'OK. Scusate."

Ho cenato e mi sono messa la camicia da notte. Si era fatto un po' tardi e non avevo ancora avuto risposte. Forse potrei semplicemente provare a usare il mio vibratore più tardi. Sembra così artificiale e insoddisfacente adesso.

Ho sfogliato per un po' i canali della TV, cercando di non pensare al cazzo. Erano quasi le 23 quando decisi di controllare di nuovo la posta prima di andare a letto. Ho avuto una risposta. Era uno dei ragazzi che offriva soldi. Ha inviato una sua foto. In realtà era piuttosto bello e sembrava essere un uomo d'affari.

Gli è piaciuta la foto del mio corpo che ho inviato e ha chiesto una foto del viso. Ho risposto che non potevo mandargli una foto del viso, ma che non sarebbe rimasto deluso, e gli ho dato il mio numero per mandarmi un messaggio. Mi ha mandato un messaggio circa tre minuti dopo.

«Sono in un albergo vicino all'aeroporto. Sei disponibile ora?' chiese.

'SÌ. Posso essere lì in circa 30 minuti.'

'OK. Non vedere l'ora. Ci vediamo tra 30'. mi ha risposto, dandomi anche il nome dell'hotel e il numero della camera.

Mi sono affrettato a vestirmi e me ne sono andato velocemente. L'aeroporto era a circa 20 minuti di distanza. Sono entrato in autostrada e ho acceso un po' di musica per calmare i nervi. La mia figa ha iniziato a lubrificarsi mentre mi chiedevo come sarebbe stato il suo cazzo.

Ho preso l'uscita dell'aeroporto e solo allora ho capito che non avevo idea di quanto avrei dovuto addebitare. Non aveva molta importanza; Non ho bisogno dei suoi soldi, ma dovevo dire una cosa. Non volevo rovinare tutto chiedendogli più di quanto fosse disposto a spendere.

Trovai l'albergo, parcheggiai a diversi posti dalla sua porta, scesi subito dall'auto e bussai alla porta.

Aprì la porta e sembrò scioccato.

"Posso aiutarla?" chiese.

"Sono qui per... ehm... ci siamo mandati un messaggio..."

"OH! Scusa, non mi aspettavo che tu fossi..."

"Sono in anticipo?"

“No, per niente. Prego entra."

"Vorresti un caffè?"

"Uh, no, grazie."

"Allora", iniziò, bevendo un drink, "di cosa stiamo parlando qui?"

“Uhm... vuoi dire... uh... se intendi” balbettai.

Dio, ero nervoso e arrapato da morire allo stesso tempo.

"Se intendi, uh... quanto", ho continuato, "sono um, $ 25 per un pompino, e uh... $ 50 per um... tutto."

"Cosa intendi con 'tutto'?"

"Voglio dire, uh... $50 se vuoi scopare."

“Quindi, permettimi di assicurarmi di capire cosa stai dicendo. Mi farai un pompino per 25 dollari o mi scoperai per 50 dollari?"

"Sì, è giusto. È troppo?"

"Penso che ne abbiamo abbastanza, Dave."

“Dave? Chi è Dave?"

Il mio cuore sprofondò e il mio stomaco si strinse quando vidi un poliziotto in uniforme uscire dal bagno.

"Dio mio!" Ho urlato: “Non è così! Per favore ascolta! Io... non sono una prostituta!”

"Metti le mani dietro la schiena, signora." ordinò il poliziotto.

Mi ha messo le manette e sono scoppiata a piangere.

"Per favore ascolta! Non sono una prostituta! Volevo solo fare sesso! Per favore, Dio, questo distruggerà la mia vita!”

"Mi dispiace, signora." l'uomo d'affari disse: “Mi hai offerto sesso in cambio di soldi. Questa è la prostituzione”.

Caddi in ginocchio, singhiozzando.

“Per favore, Dio, ascoltami. Sono... sono un manager rispettabile presso... sono quasi un vicepresidente... Dio ti prego, questo distruggerà la mia carriera, la mia vita. PER FAVORE!"

"Per favore, signora, si alzi." disse il poliziotto, afferrandomi per le braccia e facendomi alzare in piedi.

Ho provato a smettere di piangere e a ragionare con loro.

"Per favore ascoltami. Sono nell'alta dirigenza di una società finanziaria in centro. Volevo solo fare sesso. Non sapevo nemmeno quanto caricare. Voglio dire, non sono una prostituta. Stavo solo giocando con la tua pubblicità per fare sesso.

L'"uomo d'affari" si è chinato e ha sussurrato qualcosa al poliziotto, che poi ha sorriso e gli ha risposto qualcosa.

"Beh, pensavo che fossi troppo attraente per essere una prostituta." disse l'uomo d'affari.

"Non sono... oh, Dio, per favore credimi, non lo sono."

“E 50 dollari per fotterti? Ci sono puttane crack che fanno pagare di più.

“Te l'ho detto, non sapevo quanto. Non volevo nemmeno i soldi." Ho risposto, sollevato dal fatto che sembravano credermi.

"Purtroppo", iniziò l'uomo d'affari, mentre il poliziotto mi girava intorno alle spalle, "una volta iniziato l'arresto, dobbiamo portarti dentro, altrimenti avremo una montagna di documenti da compilare..."

"Per favore..." implorai.

"Cosa ne pensi, Dave?" chiese.

"Io dico di portarla dentro." Dave rispose, afferrandomi le braccia ammanettate: "Non vale la pena... tutto quel lavoro di ufficio..."

Potevo capire dove stava andando a finire dal tono della voce di Dave, e un'ondata di calore mi attraversò l'inguine. Avrebbero ricattato quella sporca prostituta.

"Beh, forse la signorina direttrice qui può far valere il nostro tempo?" suggerì l'uomo d'affari.

"Sì grazie! Sì, posso!”, dissi sollevata. Stavo per uscire da questa situazione e prendermi due cazzi stasera!

"Toglietevi queste manette e farò in modo che valga la pena, per tutti e due." dissi, la mia figa cominciava a formicolare.

All'improvviso, sentii le ginocchia di Dave colpire la parte posteriore delle mie gambe. Caddi a terra, facendo schioccare entrambe le ginocchia sul pavimento duro.

"Ahhh!" urlai, con le ginocchia spezzate dal dolore.

Ho visto il lampo di un manganello, o come si chiama, girarmi intorno alla testa. Dave mi mise la mazza sotto il mento e mi fece alzare la testa, con il viso puntato verso l'"uomo d'affari".

"Mi spiace, non è così che funziona." Egli ha detto.

“Per favore... farò quello che vuoi...”

"So che lo farai." esultò, mentre apriva la cerniera dei pantaloni.

Ha tirato fuori il cazzo. Era un po' più grande della media, forse poco più di quindici centimetri.

"Fallo!" Egli ordinò.

Ho aperto la bocca ma non sono riuscito a raggiungere il suo cazzo perché Dave mi stava trattenendo con il suo manganello contro la gola.

“Io... non riesco a raggiungere...”

“Forse posso avvicinarmi un po’”, lo provocò, “Chiedimi di avvicinarmi”.

"Ti... ti avvicinerai?"

"Perché?"

"Che cosa?"

"Perché vuoi che mi avvicini?"

"Quindi... quindi posso farlo."

"Fare?"

"Succhialo."

"Succhia cosa!" sbottò, irritato.

Ho capito adesso. Capisco come funzionerà.

"Per favore, avvicinati così posso succhiarti il ​​cazzo, agente."

Ha fatto un passo avanti e io ho affondato il suo cazzo in gola al primo tentativo. Potrei prenderne tutto tranne un pollice.

"Oh, sì..." sospirò, mentre lentamente facevo scivolare la bocca verso la testa, leccando completamente la morbida parte inferiore del suo cazzo. L'ho fatto diverse volte e l'ho sentito diventare più duro ad ogni colpo.

"Mio Dio, Dave, la signorina manager qui può succhiare un cazzo!" disse, il suo cazzo ora era completamente duro e pulsava nella mia bocca.

"Posso dirlo, Steve." Dave rispose: "Fammi provare un po' di quello."

Dave mi afferrò per i capelli e mi fece girare la testa, colpendomi la guancia destra con il suo cazzo. Ho aperto la bocca, ma lui non ha aspettato che ci andassi. Me lo infilò dentro e me lo seppellì in gola. Il suo cazzo sembrava più grande di quello di Steve e io ho avuto un conato di vomito, evitando a malapena di vomitare la mia cena.

"Per favore!" Ho supplicato, staccando la bocca dal suo cazzo, "Ho appena mangiato... per favore, lasciamelo succhiare."

Dave mi guardò.

"Vai piano, Dave." - aggiunse Steve.

"Per favore, agente, lasciami succhiare il tuo cazzo." Io ho supplicato.

Senza aspettare una risposta, mi sono rimesso il cazzo in bocca e ho fatto rotolare la lingua intorno alla testa.

"SÌ!" Steve sussultò.

Ho lavorato sulla sua testa ancora per qualche secondo e poi sono passato dolcemente a colpi lenti e delicati, dondolando la testa sulla sua virilità.

"Dio..." disse Dave, ora completamente duro, "Lei è decisamente migliore dell'altra prostituta della scorsa settimana."

Mi sono bagnato un po' di più quando mi ha definito una "prostituta".

"Senza dubbio!" Steve acconsentì: “Mettiamola sul tavolo. Devo andare presto."

Steve si è chinato e mi ha afferrato per le braccia, sollevandomi e spingendomi brutalmente verso un tavolino rotondo con sopra un telefono e alcuni altri piccoli oggetti.

Spostò il telefono sul pavimento, spazzò via un piccolo blocco note, una penna e un elenco telefonico dal tavolo con l'avambraccio e mi spinse con forza sul tavolo.

Ero piegato sul tavolo, con il petto appoggiato contro di esso. La mia testa penzolava da un'estremità, il sedere alto e vulnerabile dall'altra estremità.

Uno di loro, non saprei dire quale, mi ha afferrato il culo e me lo ha stretto più volte.

"Amico, è decisa." Penso che sia stato Dave.

Mi sollevò la gonna e me la drappeggiò sulla schiena.

"Porca miseria!" esclamò quando vide che non indossavo le mutandine.

Senza aggiungere altro, sentii il suo cazzo scivolare tra le mie gambe. Li ho diffusi leggermente per consentirgli un migliore accesso.

"Ahhh ..." Sospirai, sentendo il suo cazzo che vide la mia figa bagnata, cercando di aprire la strada alla penetrazione. "Oh Dio ... fottimi, per favore!"

“Questa cagna è in calore, Steve. Dai, amico. "

Steve andò in giro e mi alzò il cazzo in bocca, che mi avvolse con impazienza le labbra. Non sono stato in grado di muovere la testa molto a causa della mia posizione, ma ho lavorato con la testa con la lingua mentre iniziava a scoparmi la bocca.

"Eeehhhh!" Ho grugnito per il dolore e lo shock, mentre sentivo il cazzo di Dave che mi penetrava in modo approssimativo.

Ci sono voluti circa un minuto di Dave che mi sbatteva furiosamente prima che il disagio della sua ingresso ruvido si attenuasse e iniziò a sentirsi di nuovo bene. Ogni spinta dei fianchi di Dave spingeva tutto il mio corpo attraverso il tavolo di qualche centimetro, costringendo il cazzo di Steve in profondità in bocca. Quindi sarei tornato alla mia posizione originale. Dave mi stava scopando nella mia fica e mi ha fatto scopare Steve con la bocca allo stesso tempo.

Tutti e tre ci siamo sistemati in un ritmo liscio, cazzi che perforano entrambe le estremità del mio corpo in sincronizzazione.

"Oh cazzo!" Steve gemette dopo circa un minuto.

"Ohhh, cazzo!" urlò, questa volta più forte. Ho sentito che il primo carico di seme caldo mi colpiva la gola. Il suo cazzo pulsava e si irrigidì mentre ogni scatto di venire sparò dal suo cazzo in bocca. Non ho notato come sapeva e non ho nemmeno provato a ingoiare mentre mi concentravo sul mio orgasmo di costruzione. Ho lasciato che il seme dribbla sul pavimento.

Dopo molte altre spinte, Steve tirò fuori il cazzo dalla bocca e si allontanò.

"Oh Dio! Fanculo a me!" Ho implorato, ora che la mia bocca era libera. Ero pericolosamente vicino all'esplosione in estasi.

“MMMFFF! MMMFF! MMMFFF!” Dave sbuffò. Sentii il suo caldo liquido che mi riempiva la figa.

Non ancora! Ho pensato, oh dio, non scendere ancora. Ci sono quasi! Ho chiuso gli occhi e ho cercato di concentrarmi. Ero così vicino ... per favore Dio, solo altri pochi secondi.

Dave mi tirò fuori il cazzo, mi afferrò la gonna e si asciugò il cazzo con esso.

"Per favore ... solo un po 'di più ... per favore!"

Non hanno risposto.

“Dio, per favore, non lasciarmi così. Solo un po 'di più ... Steve? "

Ancora nessuna risposta.

Qualcuno mi ha afferrato le braccia e mi ha costretto a alzarmi.

"Per favore ..." ho implorato.

Ho sentito le manette aperte e ho girato la testa per vedere Dave rimuoverle.

"Dave ... ufficiale ... per favore, fottimi solo un po 'di più."

Mi spinse approssimativamente alla porta, lo aprì e mi spinse fuori.

"Esci da qui prima di cambiare idea e tirarti dentro." Ordinò, sbattendo la porta.

Rimasi lì a fissare la porta, gonna attorcigliata intorno alla mia vita, seme che mi trascinava lungo la coscia e si asciugò parzialmente sul mento. Mi hanno usato e poi mi hanno buttato via come un pezzo di spazzatura inutile.

Ed ero più eccitato di quanto non sia mai stato in vita mia.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Moglie impertinente ottiene uno shock

Shelia Brown è stata presa in giro e lo sapeva. Ha preso in giro gli amici di suo marito, ha preso in giro i fidanzati delle sue figlie, ha preso in giro i suoi vicini e ha preso in giro tutti gli uomini in ufficio. Man mano che Shelia cresceva, peggiorava e suo marito Harry si irritava molto con lei che la rimproverava spesso e si lamentava della sua mancanza di decoro. Sheila non sei più una giovane donna sembri un montone vestito da agnello abbassa un po' le cose è solo chiedere guai se vai in giro così la gente...

2.2K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.