Amando Te

216Report
Amando Te

Tu avevi quattordici anni quando è iniziato, io diciassette. La tua pelle era morbida con quella preziosa elasticità adolescenziale, come la morbida pancia di un cucciolo, che cedeva quando la premevo delicatamente, i tuoi occhi luminosi e curiosi, splendenti di tentazione e desiderio proibito. La tua pancia era distesa su due ossa iliache, succosi punti di carne che chiedevano solo di essere baciati... implorando di essere adorati.

È iniziato lì con una sola ciocca dei tuoi capelli neri come l'ebano, adagiata così innocentemente sulla tua pancia, ha iniziato stuzzicandoti con quei capelli, e poi passando leggermente le mie dita sulla tua pancia e quelle ossa iliache. Ogni traccia delle dita brillava sulla tua pelle, inviando increspature di desiderio e bisogno attraverso di te... era la prima volta che ti toccavo in quel modo e stava facendo cose indicibili a te... e a me. I tuoi morbidi sussurri punteggiavano l'aria immobile, costellata di bassi gemiti di desiderio. Avevo voglia di unirmi a te.

Il bacio è stato memorabile... una mano che ti ha colpito al petto per trascinarti fino a me. È stata una liberazione dal puro bisogno, un abbandono finale al mio senso morale e alla riluttanza. Il bacio era tutto labbra, lingua e denti... la prima volta che tu o io avevamo baciato un'altra donna. Era sensuale... la sensazione persistente che tu fossi trascinato verso di me era sospeso pesantemente nell'aria, accendendo fuochi che ardevano affinché altre passioni arrivassero.
Ti ho tirato su un po' la maglietta e ho iniziato ad accarezzarti la pancia, ho fatto scorrere lentamente le dita sulla tua pelle elastica... eri calda al tatto, volevi di più. Mi sono mosso in tondo, con movimenti ampi e lunghi, ho fatto scorrere il palmo della mano lungo il tuo corpo. Le mie mani cavalcavano te e i tuoi sentimenti, guidandoti verso un senso di casa. Ho abbassato leggermente le dita... quasi non osando toccare la cintura dei tuoi jeans. Qui ho esitato per un po', sentendo delicatamente la consistenza cambiare sotto le mie dita dai jeans ruvidi alla pelle liscia sottostante. Come se fossi un regalo... il tuo involucro esterno rivelava il dono più sorprendente che c'è dentro... Le sensazioni che attraversavano il mio corpo mi stavano infiammando, stavo condividendo il tuo piacere. Le mie dita danzavano sulla tua pelle, strofinando, accarezzando, toccando... stavo prendendo tutto il tempo che potevo per darmi il tempo di trovare il coraggio necessario per fare quello che sapevo che avrei fatto. Il tuo respiro era profondo, i tuoi occhi chiusi, mentre facevo un respiro profondo e camminavo con le dita lungo la tua pancia, oltre quei jeans e finalmente sentivo le mie dita sfiorare i tuoi morbidi peli pubici, guardando i tuoi fianchi sollevarsi appena per incontrarmi.

Mi sono avvicinato a te, al mio fianco, mentre eri sulla schiena, il mio braccio era sotto di te e tu premevi il tuo viso contro di me, nascondendoti timidamente, mentre il primo tocco di un'altra donna cementava la mia anima alla tua per sempre. Eri viscido e bagnato, volevi che ti toccassi e ti dessi qualcosa che non avevi mai avuto prima. Il tuo corpo tremava, i tuoi occhi erano chiusi ermeticamente mentre intraprendevo la mia prima attenta avventura dentro di te. Le mie dita scivolarono facilmente lungo di te, raggiungendoti e affondando profondamente nel tuo centro caldo e umido. Ti ho sentito e sentito gemere appena un po' e ti ho avvicinato a me, muovendo dolcemente le mie dita dentro di te, sentendoti scioglierti un po' sotto le mie mani pazienti. Il tuo respiro veniva a raffiche lunghe e profonde, il tuo viso sepolto così duramente contro di me, i tuoi occhi si aprivano per guardarmi e poi si chiudevano rapidamente, anche se il tuo sorriso mi diceva tutto quello che avevo bisogno di sapere in quel momento.
**
Ricordo la prima volta che ti ho baciato dappertutto. La tua pelle allora era ancora morbida e provavo un grande piacere nel baciarti e assaporarti. Mi sono messo al lavoro per mordicchiarti, il piatto della mia lingua accarezza la tua pelle, facendoti venire la pelle d'oca. Mi sono presa il mio tempo, assaporando il momento, e lentamente mi sono fatta strada sul tuo viso e sulle tue labbra, (oh, le tue labbra carnose e carnose! Ancora oggi le mie labbra conoscono la mappa del tuo corpo... la curva della tua fronte, l'inclinazione del le tue sopracciglia delicate, il tuo naso finemente proporzionato, i tuoi zigomi alti e quelle labbra che mi fanno impazzire...) i tuoi seni, (così belli e perfetti... i tuoi capezzoli erano una meraviglia per me, il modo in cui restavano timidamente verso l'interno finché con abbastanza baci amorevoli si sono avventurati fuori...) la tua pancia (la mia preferita!) e le tue cosce... e poi verso il pozzo del piacere tra le tue gambe. Ricordo che mi ero tuffata per il primo assaggio di un'altra donna, di te, -di te!- e ricordo fin troppo bene il tuo sapore. Così dolce, così caldo... così giusto. Il tuo sapore sarà per sempre sulla mia lingua, mentre ricordo quanto sia sensuale e dolce seppellirmi dentro di te e baciarti, facendo rotolare dolcemente la mia lingua dentro di te, leccando a lungo, lentamente e sensualmente la tua femminilità, succhiando dolcemente sul tuo piccolo bocciolo di piacere. Ho amato il modo in cui mi hai infilato le mani tra i capelli, i tuoi gemiti lunghi e bassi che risuonavano nella stanza, il forte odore di sesso che si depositava su di noi. Ho amato il modo in cui il tuo corpo e il mio fluivano dolcemente l'uno nell'altro quando siamo così, la mia bocca che si collegava così deliziosamente tra le tue gambe e mi portava dentro di te come se fossimo un unico essere. Le tue mani sarebbero ovunque, afferrando le mie stesse mani, tra i miei capelli, sopra le mie spalle, sulla mia stessa figa... gemeresti dolcemente e alla fine ti fermeresti tra i miei capelli, i miei preferiti, o afferrando i miei.
**
E ricordo fin troppo bene la prima volta che mi hai baciato in quel modo laggiù... il modo in cui mi hai solleticato bagnatamente le cosce con la lingua, il modo assolutamente malizioso in cui i tuoi occhi mi hanno brillato quando mi hai lanciato uno sguardo da tra le mie gambe. Amavi il controllo che avevi su di me... era l'unico posto in cui appartenevo interamente a te, rinunciando a ogni controllo. Hai tirato fuori il mio piacere, il mio desiderio, il mio bisogno, finché mi sono ridotto a implorarti, poi ti sei librato su di me e hai aspettato ancora un attimo prima di immergere la tua lingua dentro di me, assaporando la parte di me che è sempre stato pensato solo per te. Amavo il modo in cui potevi controllarmi in questo modo, il modo in cui mi attiravi allo scoperto finché non potevo fare altro che implorare questo. Mi è piaciuto sentirmi supplicare te... mi è piaciuto pronunciare il tuo nome dolcemente, ancora e ancora... mentre mi davi piacere con la tua lingua morbida, immergendomi in me ancora e ancora, facendomi completamente impazzire dal desiderio di Voi.

Ho mosso i fianchi in modo pazzesco, ma la tua bocca è rimasta incollata a me, la tua lingua mi ha fatto scorrere dolcemente dentro, poi è salita per una lunga leccata lungo tutta la mia figa, poi sei cambiato di nuovo e hai spinto la tua lingua più dentro di me che potevi eventualmente allungare. OH! Come gemevo e ansimavo, come mi dimenavo sul letto! Hai continuato questo delizioso attacco per così tanto tempo, prima ad un minuto cominciando a picchiettare leggermente sul mio clitoride, poi spingendo la tua lingua dentro di me. Ad un certo punto hai prodotto un proiettile vibrante e lo hai tenuto sul mio clitoride mentre mi leccavi e succhiavi la figa.

Sapevo quando sarebbe arrivato, ho sentito l'ondata di sentimenti iniziare dalle dita dei piedi e iniziare lentamente a consumarmi. Il proiettile mi stava trasmettendo sensazioni che non avevo mai provato prima e, insieme alla tua lingua calda e spinta, mi sentivo come se stessi raggiungendo posti dentro di me di cui non avevo mai sentito parlare o provato prima. Un breve sussulto... ho sentito il bisogno di avvisarti prima di perdere del tutto la capacità di produrre suoni coerenti... sto arrivando... sto arrivando adesso...! – e mi hai cavalcato con la lingua ancora più forte mentre cominciavo ad avere spasmi completamente fuori controllo sotto di te.

La fretta era enorme! Sono arrivato così all'improvviso, il succo esplodeva da me, ondate di piacere assoluto mi consumavano da ogni ciocca di capelli fino alle unghie dei piedi. Un basso gemito gutturale mi sfuggì dalle labbra, le lacrime sgorgarono dai miei occhi, afferrai i tuoi capelli con tale intensità... Durò per sempre, ed eri ancora lì, la tua lingua ancora sepolta nel profondo di me, a mungere l'ultima goccia di sperma. dalla mia figa spasmodica e contratta. Potevo solo sdraiarmi, continuando a gemere leggermente mentre le onde successive mi squarciavano, il sudore mi colava dalla pelle, il mio respiro arrivava in rantoli di piacere insensato. Ti sei allontanato delicatamente, dando alla mia figa molto bagnata un'ultima leccata gentile prima di asciugarmi il viso sulle mie cosce e poi avvicinarti per un bacio. Mi è piaciuto molto, assaporarmi nel tuo alito... sapere che eri l'unica donna ad avermi toccato in quel modo. Ti accoccolaresti accanto a me dopo il sesso, mi avresti abbracciato... e avrei saputo di aver avuto la fortuna di trovare la donna più perfetta del mondo.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.