Gatto ladro

212Report
Gatto ladro

Il gatto ladro

Era passata quasi una settimana da quando ero a casa. Anche se Taiwan è un bel posto, ero pronto per tornare nel mio appartamento confortevole e tranquillo. Dopo aver trascinato i bagagli fuori dal taxi sono stato accolto da Steve, il portiere. Salii nell'ascensore e sentii il mio corpo diventare pesante quando arrivammo al 32esimo piano. Era tardi e la sala era silenziosa, ma per me era ancora giorno. Il jet lag è una stronzata. Entrai nell'appartamento e decisi che sarei andato direttamente a letto. Dopo essere rimasto lì per mezz'ora, ho iniziato a cambiare canale. Non c'è molto in onda all'una di notte, ma ESPN è sempre lì a consolarmi. Ad un certo punto finalmente mi sono addormentato.

Strizzai gli occhi mentre il sole entrava nella mia camera da letto. Girandomi, guardai l'orologio. 13:00. Non posso dire di essere rimasto sorpreso poiché non ho impostato la sveglia. Pensavo che sarei andato in ufficio ogni volta che arrivavo lì, ma ora ero sveglio. Sono inciampato nel bagno e ho aperto la doccia. Probabilmente sono rimasto lì per venti minuti sperando che l'acqua calda calmasse i miei muscoli doloranti e mi svegliasse. Uscii, mi asciugai e appesi l'asciugamano allo scaffale. Mentre passavo dal bagno alla camera da letto per vestirmi, ho visto qualcosa con la coda dell'occhio. Il mio cervello funzionava ancora al rallentatore, ma sembrava una persona. Ho girato la testa solo per vedere confermata la mia percezione.

Là, dall'altra parte della mia camera da letto, c'era una figura tutta vestita di nero. Anche loro sembravano sorpresi di vedermi lì, ma prima che potessi comprendere appieno cosa stava succedendo, hanno tirato fuori una pistola semiautomatica.

"Non dovresti essere qui", disse una voce femminile da dietro la maschera nera. È stato a quel punto che ho capito che era ovvio che non avevo a che fare con un uomo. Era alta circa un metro e settanta ed era molto magra. Il suo abito nero era attillato e si adattava bene alle sue piccole curve. La maschera mi permetteva di vedere solo i suoi occhi marrone scuro.

"Questa è casa mia", risposi tendendo le mani sulla difensiva, "Cosa vuol dire che non dovrei essere qui?"

"Ti ho visitato quasi ogni giovedì per due mesi e non sei mai qui alle 13:00", ha risposto.

"Sono stato fuori città", ho provato a spiegare, "Ora, per favore, potresti metterlo giù?"

"Non posso farlo, tesoro", ha detto, "ma non sembra che io abbia con me la pistola più grande della stanza." Lei guardò il mio corpo. Avevo completamente dimenticato di essere nudo.

Ora mi sentivo ancora più a disagio a stare lì in quel modo. "Cosa vuoi?", ho chiesto.

"Quello che voglio, è quello che voglio", disse, "e tutto quello che voglio è quello che ottengo. Ora sdraiati sul letto." Fece un gesto con la sua arma, mentre con l'altra mano toglieva una corda di nylon da un marsupio.

Mi sdraiai sul letto ancora completamente nuda. "Posso mettermi dei vestiti?", ho chiesto.

"No", rispose velocemente mentre avvolgeva la corda attorno a uno dei miei piedi, "Avrai meno probabilità di correre fuori e gridare aiuto se ti esponi. Inoltre, mi piaci così.", continuò in un voce maliziosa.

In qualche modo è riuscita a legarmi tutti i piedi usando una sola mano, mantenendo la pistola puntata su di me. "Ora ti lego le mani", disse, "Non c'è niente di divertente". Poi ha continuato a premere la fredda pistola d'acciaio contro il mio cazzo per assicurarsi che non avessi provato nulla. In pochi istanti ebbe finito.

"Va bene", disse con tono rilassato, "ora ruberò un po' di roba." Entrò nell'armadio della camera da letto e la sentii frugare qua e là.

Ho iniziato a provare le corde che mi tenevano le braccia e le gambe, ma in qualche modo lei le aveva legate molto strette. Non si sarebbero mossi e la corda era chiaramente troppo forte per poterla spezzare.

"Armadio noioso", disse mentre si dirigeva verso il bagno. Si fermò e alzò le dita formando un quadrato come una cornice. "Questo è proprio uno spettacolo", ha detto e poi è andata avanti.

"Ehi", disse dal bagno, "Almeno hai dei bei gioielli per un amico. Bel Rolex."

Era un bel Rolex, lo avevo pagato più di 3000 dollari. Tornò indietro attraverso la stanza e si fermò di nuovo. "Oh, non essere così triste, sono sicura che sei ben assicurato.", poi ha continuato a colpirmi la punta del cazzo. Mi ha fatto un po' male. Per i successivi trenta minuti la sentii girare per l'appartamento, aprire cassetti e armadietti. Stavo cercando di elaborare quello che era successo mentre lei esaminava le mie cose. Come era entrata? Sapevo che la porta era chiusa a chiave e incatenata. Sicuramente l'avrei sentita. Fu allora che mi resi conto che la finestra della mia camera da letto era aperta. Una corda pendeva dall'esterno verso l'interno. In qualche modo lei si era arrampicata o si era respinta ed era entrata dalla finestra. Ora mi chiedo che i suoi nodi fossero così belli, era una scalatrice. Si aggiungeva anche il fatto che la sua struttura sembrava quella di una ginnasta. Non avevo a che fare con la tipica ladra, lei era una specie di professionista.

Tornò nella stanza con una piccola borsa nera piena di quelle che potevo solo supporre fossero le mie cose. "Ok, hai delle belle cose", ha detto, "ma per un posto come questo, sono un po' delusa. Avrei dovuto prendere il 312B, ma ora ho finito con questo edificio.", lei posò la borsa sul pavimento vicino alla finestra aperta e si avvicinò a me. "Temo che dovrò prendere qualcos'altro perché ne valga la pena", si stava avvicinando. "Vedi, c'era una risorsa che non avevo mai visto prima di oggi e, come ho detto, 'quello che voglio, lo ottengo".

Ha continuato a salire sul letto accanto a me. In realtà adesso si muoveva proprio come un gatto a quattro zampe. Si tolse i guanti neri rivelando le sue piccole mani bianche. "Lo voglio", ha detto avvolgendo la mano sinistra attorno al mio cazzo.

Non potevo credere a quello che stava succedendo. Avrebbe davvero provato a farlo? Poi ho realizzato che il mio cazzo si stava gonfiando nella sua mano. "No", ho pensato, cercando di comandargli di calmarsi, ma poi lei si è alzata la maschera nera rivelando solo il mento e la bocca e ha cominciato a leccarsi le dita. Un piccolo ciuffo di capelli biondi cadeva dalla parte posteriore della maschera. Poi cominciò a circondare la punta del mio cazzo con le sue dita bagnate mentre continuava a tenermi saldamente con l'altra mano.

"Andiamo", disse come se stesse parlando al mio cazzo, "vediamo quanto sei prezioso."

Sono rimasto scioccato da ciò che stava accadendo. Questa donna era entrata in casa mia, mi aveva legato nudo, mi aveva derubato e ora teneva il mio cazzo in mano.

"Prendi la roba e vattene", le ho detto mentre mi accarezzava.

"Oh tesoro", rispose, "lo sai che lo vuoi. È abbastanza ovvio."

Si riferiva al fatto che il mio cazzo si stava rassodando leggermente nella sua mano. Sono stato tradito dal mio stesso membro.

"Non lo voglio", risposi mentre cercavo di allontanare il mio corpo da lei.

"Ora, sul serio, ti stai indurendo proprio davanti ai miei occhi. Il tuo corpo chiaramente lo vuole.", continuò, "quindi siediti e stai zitto o dovrò disciplinarti", aggiunse battendo di nuovo la mia punta. . Quella volta mi fece male perché stavo diventando molto più sensibile. "Goditi semplicemente una ragazza calda e misteriosa che accarezza il tuo corpo nudo come un bravo ragazzo".

Devo ammettere che era sexy e le sue piccole mani mi stavano manipolando il cazzo. Era magra e chiaramente in forma poiché il suo abito nero era attillato. Si capiva che le sue braccia erano toniche, anche attraverso la camicia a maniche lunghe che indossava e il collo mostrava che era magra e in forma. Non poteva pesare più di 100 libbre e aveva quello che sembrava un seno piccolo e sodo avvolto strettamente dal vestito. Potevo sentirmi irrigidirmi ancora di più mentre lei mi avvolgeva forte la mano e mi accarezzava.

"Ciao a tutti", disse apparentemente parlando al mio cazzo, "prima pensavo che stavi bene".

Lei si avvicinò, posizionandosi tra le mie gambe immobilizzate. Poi ha continuato ad afferrarmi saldamente le palle con una mano mentre con l'altra mi accarezzava il cazzo semi-eretto.

"Anche le tue palle sono enormi. Penso che siano le palle più grandi che abbia mai visto", ha commentato continuando le azioni delle mani.

Adesso stavo diventando duro mentre lei mi accarezzava, mi toccava e mi accarezzava. Il desiderio di resistere fu sostituito dalla sensazione di piacere perché sapeva chiaramente come usare le mani. Successivamente, il ladro si è chinato e ha avvolto la bocca attorno alla mia punta. Sono rimasto sorpreso dalla sua azione ed estremamente eccitato dalla sensazione della sua bocca calda intorno a me. Ora stavo diventando molto duro.

"Dannazione", disse allontanandosi e guardandomi in faccia, "pensavo che avessi finito, ma ne hai ancora di più, vero?"

Ora stavo raggiungendo il mio pieno potenziale e lei avvolse di nuovo le sue labbra intorno a me, portandomi profondamente nella sua bocca. Il piacere stava travolgendo il mio corpo, ma mi sono ricordata delle mie circostanze in cui non potevo muovere le braccia o le gambe che erano legate lontano dal mio corpo. Volevo toccare quel corpicino sodo.

"Ok tesoro", si allontanò di nuovo, "anche tu hai il cazzo più grande che abbia mai visto".

La figura vestita di nero si alzò sul mio letto e cominciò a infilarsi i pantaloni attillati e le mutandine. Lo spettacolo era del tutto inaspettato. Aveva delle gambette strette che conducevano ad una figa perfettamente rasata. Il suo stomaco era piatto e rivelava il tono muscolare mentre la camicia scivolava leggermente su.

"Questo potrebbe piacerti anche più di me", disse mentre si metteva a cavalcioni su di me e cominciava ad abbassarsi su di me. "Devo vedere com'è".

Ho sentito la sua figa calda e bagnata colpire la mia punta ed ero elettrizzato. La sua figa era stretta e mentre scivolava su di me si fermò.

"Merda, tesoro", esclamò, "Sei un peso, vero?"

Poi lentamente mi ha portato dentro di sé. La sua figa era così stretta che potevo sentire ogni movimento mentre ruotava i fianchi, spingendomi nel profondo di lei. Si sentiva meravigliosa.

"Diavolo sì", ha detto e poi ha iniziato a rimbalzare sul mio cazzo duro come la roccia. "Diavolo sì", disse di nuovo, ma questa volta più forte mentre continuava a rimbalzare più forte e più in alto.

Potevo sentirmi così profondamente dentro di lei mentre scendeva sempre più forte e mi resi conto che stavo per esplodere.

"Ecco fatto!", proclamò, "Diavolo sì, è così!", e sentii la sua figa stringersi su di me. I suoi succhi iniziarono a fluire e non riuscivo più a trattenermi. Ho soffiato un carico enorme in una figa che non aveva spazio per farlo. Potevo sentire i succhi di ognuno di noi che mi colava lungo i fianchi mentre arrivavo. "Dio, sì!", alzò la voce mentre continuava a rimbalzare sul mio cazzo pulsante. Avrei potuto riempire la sua piccola figa 10 volte.

Alla fine ho sentito la sua testa colpire il mio petto, poi ha alzato la testa e mi ha guardato negli occhi. "Questo è il bottino più grande che ho da molto tempo, tesoro", ha detto con un sorriso sul viso.

Il mio rapitore si è alzato e le ha rimesso le mutandine e i pantaloni. Potevo sentire l'aria fresca che soffiava attraverso la finestra sul mio cazzo bagnato. Si è avvicinata a me e ha pasticciato con il nodo che legava la mia mano sinistra al letto.

"Ti ci vorrà un po', ma col tempo riuscirai a divincolarti", spiegò mentre raccoglieva le sue cose, e le mie, per poi avvicinarsi alla finestra. Ha mostrato un'agilità felina mentre scivolava fuori dalla finestra permettendo alla corda di sostenere il suo peso.

"Se vuoi di più, lascia la finestra aperta. Forse ti farò una visita di mezzanotte", disse e poi scomparve dalla finestra.

Due ore dopo ero nella mia camera da letto con gli agenti di polizia. Avevo bisogno di un rapporto della polizia per presentare la mia richiesta di risarcimento assicurativo.

"Questo è lì da anni", ha spiegato l'ufficiale. "Nessuno lo ha nemmeno visto. È bravo."

"Quindi si è trattato solo di furti?", ho chiesto.

"Sì, perché?", chiese l'ufficiale.

"Oh, niente", ho risposto. "Niente di niente."

L'unica decisione che restava da prendere era se chiudere a chiave la finestra quella notte oppure no.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.3K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.7K I più visti

Likes 0

Tarda Serata Parti 2 e 3

Parte 2 La mattina dopo la serata a sorpresa con Delia, Judy non ha menzionato quello che era successo e non sembrava interessata a parlarne. Dopo averla vista godersi il sesso in modo così lascivo, speravo e mi aspettavo che la nostra vita sessuale fosse cambiata in meglio. Più tardi la mattina dopo che si era fatta la doccia, i bambini avevano mangiato ed erano stati a un torneo di calcio tutto il giorno con il nostro vicino, sono andato dietro a Judy in cucina e ho spinto il mio cazzo duro contro il suo culo e ho allungato la mano...

1.8K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

1.9K I più visti

Likes 0

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.7K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.8K I più visti

Likes 0

AGGIORNAMENTO E SCUSE AI LETTORI SI PREGA DI LEGGERE!!

Aggiornamento rapido: attualmente a partire da giovedì 1 agosto 2013 alle 7:14 vorrei informare i miei lettori che riscriverò i capitoli 2 e 3. saranno molto più dettagliati e più lunghi ci sono anche scene che saranno importanti alla storia in seguito. i capitoli dovrebbero essere finiti al massimo entro la fine di oggi, ma molto probabilmente verranno rilasciati prima. il quarto capitolo sarà scritto subito dopo le parole e anche pubblicato. Vorrei anche scusarmi per la qualità del mio lavoro, non sono stati nemmeno all'altezza dei miei standard in quanto una delle mie prime storie mai scritte l'ho preceduta per...

1.8K I più visti

Likes 1

La nuova vita di Aria Pt3

Aria Mi sono svegliato con un sussulto tra le braccia di mio padre. Cosa c'è che non va, Aria? mi chiese preoccupato. Solo un sogno 'strano', immagino. Sudavo e tremavo. Il re deve averlo notato. “Sei venuto mentre stavi dormendo. Sei venuto spesso in questi ultimi due giorni.» Mi prese tra le sue braccia e mi tenne stretta. Nel momento in cui sono tornato tra le sue braccia ho iniziato ad avvolgere il mio corpo intorno al suo, cercando di più. Papà, per favore, ho supplicato. Assolutamente sì, Aria. Detto questo, iniziò a baciarmi e mi adagiò sulla schiena, stritolandomi. I...

1.7K I più visti

Likes 0

Sogno di compleanno

Buonanotte, ragazzi, e grazie ancora per i fantastici regali. Va bene, mamma... e possiamo dire che stai invecchiando visto che vai a letto così presto. Non sono vecchio, ragazzini... ho appena avuto una giornata molto lunga e ho bisogno di dormire. Certo, mamma, qualunque cosa tu dica e i tuoi figli scoppiano a ridere mentre esci dal soggiorno e torni in camera da letto. Ti chiudi e chiudi a chiave la porta dietro di te, poi ti spogli. Una doccia veloce, pensi, e poi te ne andrai per un po' di sonno tanto necessario. Sorridi tra te stesso mentre pensi a...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.