Cresta di cristallo 2

467Report
Cresta di cristallo 2

Mi sono svegliato presto, prima del sole. Laura si era girata durante la notte e guardava lontano da me. Potevo sentire il freddo sul viso e, nella penombra del crepuscolo, potevo distinguere il mio respiro, era così freddo. Misi i piedi sul pavimento freddo della cabina, mi misi l'accappatoio sulla schiena e mi diressi in soggiorno per riaccendere il fuoco. Alcuni bastoncini di legno, un pezzo di giornale accartocciato e un po' di soffio sui carboni fecero presto il fuoco a ruggire e scoppiettare.
Mi diressi verso la cucina e mi resi conto che la corrente era ancora interrotta. Così ho deciso di preparare il caffè alla vecchia maniera. Ho sentito il mio cane grattare alla porta sul retro e sono andato a farlo entrare in casa. È un ibrido di lupo, quindi il freddo di solito non è un problema per lui. Anche tornare a casa di solito non è una priorità, poiché per la maggior parte del tempo va a caccia di ciò che mangia. Con la recente tempesta, immagino che i pick en fossero un po' magri nella natura selvaggia, quindi è tornato a casa per un pasto gratuito e un posto caldo dove sdraiarsi.

Con la porta sul retro aperta, andai avanti e presi un'altra bracciata di legna. Ha smesso di nevicare, ma il cielo era ancora molto buio e nuvoloso. Ho stimato che ci fossero probabilmente due piedi o meglio, di neve fresca e farinosa sul terreno, il che significava che così lontano dai sentieri battuti, le strade erano ancora non arate e impraticabili.

Sono tornato in soggiorno con la mia bracciata di legna, e Bear stava ringhiando in direzione della camera da letto. Mi sono guardato alle spalle e ho visto Laura in piedi sulla soglia, con una trapunta avvolta attorno e un'espressione di terrore sul viso. "Orso!" Ho gridato al cane. "È comunque un modo per trattare un ospite?" Al tono della mia voce, ha abbassato la testa, alzato le orecchie e ha iniziato a scodinzolare. “Va tutto bene Laura, è un mio amico.” Ho dato una pacca sulla sommità della testa di Bear.

"Quello è un lupo?" disse Laura, un po' tremante.

Orso gli mise scherzosamente la mano in bocca e iniziò a tremarla dolcemente. “Beh, suo padre è un lupo, ma la mamma era un San Bernardo. È un ibrido. Ho spiegato: "I lupi purosangue di solito non sono così grossi e grandi". Ho continuato a giocare con lui. “Va bene, lascia che ti annusi. Non morde gli amici. Ho rassicurato.

Laura si avvicinò un po' a noi e Orso smise per un attimo di giocare per annusare il nuovo intruso. "Sembra davvero cattivo."

"Ecco, allunga la mano così può annusarti." Mi sono aggrappato al colletto di Orso, più per far sentire Laura a suo agio che per altro. "È un grosso orsacchiotto." dissi grattandogli rudemente la sommità della testa.

Orso annusò la mano tesa di Laura e poi le diede una rapida leccata come per dire: "ok, puoi accarezzarmi adesso".

Laura gli mise una mano sulla sommità della testa. "Bel cagnolino." Ha detto, ma non voleva ancora avvicinarsi molto.

"Beh, il telefono non funziona, manca ancora la corrente e nevicherà ancora." Ho annunciato di prendere una lattina di cibo per cani dall'armadietto, cosa che ha distolto l'attenzione di Bear da Laura. "Se avevi intenzione di andare da qualche parte oggi, sono cancellati."

Ho aperto la lattina di cibo e l'ho messa nella ciotola di Bear con un plop. Lo succhiò come se fosse semplicemente uno spuntino, ma per il momento sembrò soddisfare la sua fame. Mi sono lavata velocemente le mani, perché l’acqua era molto fredda, ma scorreva ancora, quindi i tubi non si erano ghiacciati durante la notte. "Vuoi del caffè?" chiesi a Laura, asciugandomi le mani.

"Certo, sarebbe fantastico." Disse sbadigliando. Era in piedi accanto al camino, avvolta in una trapunta, cercando di scaldarsi.

"Si scalderà qui piuttosto in fretta." commentai porgendole una tazza di caffè fumante. "Non ho latte, vuoi lo zucchero?"

"No, solo nero." Disse cercando una reazione. “Mio padre diceva sempre che lo zucchero rovina il caffè. Immagino che sia rimasto bloccato. Lei ridacchiò leggermente.

Mi sono seduto sul divano, ho stretto la tazza di caffè con le mani e mi sono goduto il calore. Laura posò la tazza sul focolare, poi aprì la trapunta per sistemarla e l'avvolse più stretta attorno a sé, offrendomi un'eccellente, anche se rapida, visione del suo corpo. Ho cercato di distogliere leggermente lo sguardo, in modo che non pensasse che stavo sbirciando.

Una volta riadattata, prese la tazza e mi raggiunse sul divano, sedendosi proprio accanto a me. Ha messo la testa sulla mia spalla. "Jeff, non so dirti quanto apprezzo che tu mi abbia lasciato stare qui con te." Lei disse.

Ho fatto un suono beffardo. “Non avrei potuto lasciarti lì fuori. A quest'ora saresti morto." Appoggiai la testa sopra la sua. "Inoltre, devi essere la damigella in pericolo più sexy che abbia mai incontrato."

Ha staccato la testa dalla mia spalla, mi ha guardato negli occhi e mi ha dato un bacio veloce. "Quante damigelle in pericolo hai raccolto lungo il ciglio della strada?"

"Solo tu", risposi. "Ma come damigelle, sei sicuramente la più sexy." Le ho fatto l'occhiolino. Questo la fece arrossire un po' e voltò la testa. Vedendo che era un po' imbarazzata, ho provato a cambiare argomento. "Lo scaldabagno è a gas, scommetto che funziona ancora se vuoi farti una doccia."

"Potremmo condividerlo." Disse, appoggiando di nuovo la testa sulla mia spalla. "Questo se vuoi." Lei ha aggiunto.

La baciai dolcemente sulla fronte, poi spostai il mio bacio sulle sue labbra in attesa. Accolse con entusiasmo il mio bacio, la sua lingua curiosava sulla mia bocca. Le nostre lingue hanno danzato l'una nella bocca dell'altra per un po', poi lei ha interrotto il bacio e si è alzata tenendo le mani davanti a sé. La trapunta le cadde dalle spalle e lei rimase davanti a me come Dio l'ha creata, bella, sexy e pronta per l'amore.

Le presi le mani, mi alzai e la seguii in bagno. Quando arrivammo alla porta, tirò la cintura della mia vestaglia, lasciandola aperta. Sono andato alla doccia e ho aperto l'acqua. Si è riscaldato abbastanza rapidamente e mi sono arrampicato sott'acqua, portandola per mano dietro di me. Ci siamo abbracciati sotto l'acqua calda, il calore ha fuso i nostri corpi in uno solo. Si allungò dietro di me, trovò il sapone e iniziò a massaggiarmi la schiena, il collo e poi le natiche.

Si allontanò un po' da me e poi strofinò vigorosamente il sapone fino a ottenere una schiuma morbida e soffice. "Ecco, tieni questo." Ha diretto. Ha messo le mani attorno al mio organo semirigido e ha iniziato a strofinare le sue mani scivolose e insaponate su e giù per l'asta e fino alle palle. Avevo iniziato a strofinare il sapone sul suo petto e sul seno, facendo risaltare i suoi capezzoli.

Tutto quello che potevo fare era gemere per l'attenzione che le sue mani delicate prestavano alla mia erezione ora pulsante. Mentre le pizzicavo e stuzzicavo i suoi capezzoli, un gemito basso le sfuggì dalle labbra. Staccò la doccia dal muro e sciacquò il mio bastoncino dell'amore pulsante. "Il sapone brucerà un po'." Ha commentato.

Una volta che mi ha risciacquato con sua soddisfazione, si è girata, si è piegata leggermente in vita e ha appoggiato il suo culo perfetto fino al mio inguine, strofinando il mio cazzo tra le sue chiappe succulente. Le metto una mano sulla schiena, poi l'altra sul mio cazzo, guidandolo verso il suo sesso. Era ancora piuttosto lubrificata dalla sera prima, quindi sono scivolato dentro facilmente. Mise le mani sulla parete opposta della doccia e spinse contro di me sforzandosi per una penetrazione completa.

Ho iniziato a muovermi avanti e indietro, pompando la mia verga dentro e fuori dal suo buco dell'amore umido. Ho messo entrambe le mani sui suoi fianchi e ho guidato le mie spinte più forte e più velocemente. Si allungò indietro, mi afferrò il sedere e iniziò a incitarmi, tirandomi i fianchi facendomi spingere ancora più forte. Sentivo che il mio sacco di noci iniziava a irrigidirsi e sapevo che presto sarei venuto, ma non volevo. Mi tirai fuori da lei, con suo grande sgomento, e la girai. L'ho avvolta tra le braccia, con le mani saldamente piantate sulle sue natiche, e l'ho sollevata. Ha capito subito la mia intenzione ed è saltata tra le mie braccia, avvolgendomi le sue lunghe gambe lisce intorno alla vita. Con una mano si è messa in mezzo a noi e ha guidato il mio missile d'amore verso la sua fica inzuppata e pulsante.

Con le gambe avvolte intorno a me, muoveva i fianchi al ritmo delle mie spinte, portandomi più in profondità, strofinando il suo clitoride rigido contro la mia pancia ad ogni spinta. Mi avvolse le braccia attorno al collo e lo tenne stretto. "Sto venendo... oh... DIO. urlò oltre la mia testa. Sentendo il mio intenso orgasmo vicino, ho martellato il mio cazzo duro nella sua figa con tutta la mia energia. Ho sentito il mio seme iniziare a eruttare e le ho riempito la figa con una corda dopo l'altra di sperma caldo e appiccicoso, tuttavia ho pompato dentro di lei come un martello pneumatico.

Le sue gambe si strinsero intorno alla mia vita, gettò la testa all'indietro, poi mise entrambe le mani sopra la testa contro la parete della doccia per sorreggersi. Le sue tette rimbalzavano sotto le mie spinte, la sua bocca si spalancava in un urlo silenzioso e i suoi occhi erano spalancati. All'improvviso, la sua figa ha sputato il mio cazzo contro il mio stomaco, e poi è esplosa. La sborra calda e viscida della ragazza mi è sgorgata sulle palle e tra le mie gambe. Laura si contrasse e poi sussultò.

Mi aggrappai alla sua vita, impedendole di cadere. Dopo l'eruzione iniziale, si è afferrata la figa, agitando la mano sul clitoride sensibile, facendo vomitare ancora più succo caldo. "Oh merda!" Ha urlato, mentre la lasciavo gentilmente scendere sul pavimento della doccia. "Oh Dio!" esclamò. Lei mi guardò, si mise in ginocchio e prese in bocca il mio bastoncino ammorbidente leccando la miscela del suo succo e del mio sperma come se fosse il suo ultimo pasto. Con la mano ancora sull'inguine, iniziò a piagnucolare, poi crollò a terra sul pavimento della doccia, con l'acqua che le rimbalzava sul viso. Le ho offerto la mano, che lei ha preso, e poi l'ho aiutata a mettersi sulle gambe tremanti. Ci siamo abbracciati per un breve periodo e poi ci siamo sciacquati con ciò che restava dell'acqua calda. Quando abbiamo finito, ho chiuso l'acqua e ho preso due asciugamani dallo scaffale. Ci siamo asciugati a vicenda, poi ci siamo avvolti negli asciugamani e siamo usciti dal bagno.

Mi sono vestita con dei pantaloni della tuta e una camicia di flanella, e poi le ho trovato qualcosa di comodo e caldo da indossare. Ci spostammo nel soggiorno, dove il fuoco continuava a mantenere la stanza un po' calda. Ho guardato fuori dalla finestra e ho notato che aveva ripreso a nevicare. Non veri fiocchi grandi, ma così costanti, sai che ci sarà un po' di neve. Non potendo guardare il canale meteorologico, era difficile dire cosa stesse facendo la tempesta.

"Vuoi del caffè?" Laura mi toccò la spalla, distraendomi dai miei pensieri.

"Uh, sì, sarebbe fantastico." dissi, senza spostare lo sguardo dal bosco all'esterno.

Laura ritornò poco dopo con le tazze di caffè fumante “Cavolo, è un grosso cane”. Ha commentato, dovendo scavalcare Bear mentre andava e tornava dalla cucina. "Ha passato tutta la notte fuori?"

“Sì, con il suo cappotto, non ha freddo là fuori. Lui lo ama." Presi il caffè e lo sorseggiai con cautela. "Se ne sta via per giorni interi, nella maggior parte dei casi."

Laura si fece coraggio all'improvviso e si abbassò verso Orso per massaggiargli la testa. Bear la guardò, le annusò il braccio e poi si girò permettendole pieno accesso alla sua pancia, che lei diligentemente grattò e strofinò.

"A lui piaci." Ho commentato: “Di solito non si consegna così a chiunque e se continui così, avrai un amico per la vita.

Continuò a massaggiare la pancia di Orso, facendole tremare una gamba, segnalandole che aveva sicuramente centrato il punto giusto. All'improvviso Orso balzò in piedi, cominciò ad abbaiare forte e corse alla porta sul retro della cabina come se volesse uscire. "Che diavolo?" ho commentato, scostando le tende della finestra sulla porta sul retro per dare un'occhiata a cosa sta abbaiando.

Il cielo era grigio e aveva cominciato a nevicare piuttosto forte, il che aveva ridotto la visibilità quasi al bianco. Ho aperto con attenzione la porta parlando con Bear. "Che odore senti là fuori, amico?" Ho aperto la portiera quanto bastava per farlo uscire e lui è partito come un fulmine, correndo per una ventina di metri, e poi ha tagliato a destra come una gazzella in fuga da una tigre, balzando nella neve alta fino alla cintola. Sentendo il freddo entrare dalla porta, la chiusi e tornai al calore del fuoco. "Deve aver sentito il branco avvicinarsi e voleva giocare." dissi, vedendo l'espressione un po' spaventata sul viso di Laura.

Si voltò verso la finestra anteriore sbirciando attraverso la nevicata accecante. "Pensi che riusciranno mai ad arare questa strada?" Ha chiesto, e poi ha aggiunto sarcasticamente, "o siamo bloccati qui fino alla primavera?" Lei rise un po' e mi diede una gomitata.

"Sei così pronto a scappare da me?" ho chiesto scherzosamente.

"No", appoggiò la testa sulla mia spalla mentre la abbracciavo. "Sono solo ansioso di affrontare Eddie e riprendermi la mia vita."

Storie simili

La storia del sesso di Katrina Kaif Questa è la storia della ragazza più calda del culo Katrina Kaif. _(1)

Questa è la storia della ragazza più sexy Katrina Kaif. Una volta Salman e Katrina Kaif andarono in tournée negli Stati Uniti e di notte andarono in un pub a giocare a biliardo. Quando entrarono nella sala giochi videro che stavano giocando tre giganteschi negri. Quando sono entrati, tutti e tre i ragazzi hanno detto wow! Che cagna sexy nella loro lingua locale e il loro bastone sta a 90 gradi completamente eretto nei pantaloni. Katrina indossava una minigonna monopezzo celeste a strisce singole che mostrava le sue spalle complete fino alle tette e le cosce sexy. Hanno discusso tutti nella...

969 I più visti

Likes 0

The Rogue's Harem Book 3, Capitolo 14: Promessa mantenuta

L'harem del ladro Libro Tre: L'Harem Appassionato Di The Rogue Parte quindici: Promessa mantenuta Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2018 Nota: grazie a WRC264 per la versione beta di questo. Capitolo quarantatré: Art's Reminder Aingeal - Il principato di Kivoneth, I conflitti di Zeutch Il corpo di vimini del levriero si sgretolò intorno alle nostre anime. Potevo sentire il corpo del povero procuratore disfarsi. La sovralimentazione del martello diamantato gli aveva inviato troppa energia. Il levriero non era un vero e proprio procuratore. Il fumo si alzò, il vimini prese fuoco. Cosa ci succede quando viene distrutto? ho chiesto ad...

1.3K I più visti

Likes 0

Capirlo (ripubblicare)

Introduzione: come ho imparato a conoscere il sesso   Capirlo (Repost) Di Kim Categoria = giovane, maschio preadolescente, femmina preadolescente, storia vera, verginità Questa è una riscrittura di una storia che ho pubblicato diversi anni fa. Lo sto riscrivendo nel formato Lui pensava, lei pensava che diversi autori di questo sito hanno utilizzato di recente. Questo evento in realtà mi è successo quasi 20 anni fa. Ho preso un po' di licenza letteraria con quello che ognuno di noi stava pensando in quel momento. Come hai imparato a conoscere il sesso? A volte impariamo in Sex Ed a scuola, a volte...

1.6K I più visti

Likes 0

Dare piacere a una nonna. cap. 7

Dare piacere a una nonna. cap. 7 Alla fine della parte 6, Brenda ed io avevamo deciso che eravamo decisamente una coppia e l'avevamo festeggiato trascorrendo la notte insieme. Carol era stata molto più vicina a un pene di quanto si fosse aspettata e ora si stava preparando per il salto finale (se perdonate l'espressione). Ora continua a leggere: La vacanza di Carol, parte 3 settembre 2013 Carol arrivò intorno alle 10 del giorno successivo. Sembrava un po' nervosa e le sue prime parole furono pronunciate in modo conciso: Suppongo che voi due siate stanchi. Brenda ha messo un braccio intorno...

896 I più visti

Likes 0

Innocence Enslaved parte 1: Rude Awakening

Emily si svegliò lentamente, le palpebre pesanti. Aveva freddo e la stanza era più luminosa del solito. Era a disagio, la superficie sotto di lei dura e inflessibile... era caduta dal letto? Ancora assonnata, sbatté le palpebre un paio di volte e cercò di alzare una mano per strofinarsi gli occhi. Fu allora che si rese conto che non era nella sua stanza, e all'improvviso era completamente sveglia. Si rese conto di essere a faccia in giù su una specie di tavolo, i suoi ampi seni schiacciati dolorosamente contro la superficie fredda e le sue mani erano legate ai lati. Poteva...

1.9K I più visti

Likes 0

Testimoni di Geova

Storia di Fbailey numero 630 Testimoni di Geova Mary aveva vissuto accanto a me per sempre. Avevamo la stessa età ma non eravamo quasi mai stati insieme. Vedi, Mary è una testimone di Geova e non è autorizzata a mescolarsi con gente comune come me. I suoi genitori sono più potenti di te. Predicano costantemente la Bibbia e vanno sempre di porta in porta spingendo la loro religione sugli altri. Quando ho compiuto tredici anni mio padre mi ha aiutato a costruire una casa sull'albero dietro il nostro garage. Adesso a quattordici anni trascorro molto tempo là fuori, specialmente d'estate quando...

856 I più visti

Likes 0

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Sally si sveglia - Capitolo 03

Imparo che bisessuale è così divertente. Possa andare ancora meglio. Il resto della settimana ha seguito lo schema dei due giorni precedenti. Mi ero data a Sid e Sue senza fare domande. Mi piaceva fare e ricevere sesso orale e Sid era un grande amante. Era sabato mattina e Sue ha detto che doveva andare a fare la spesa e che mi sarebbe piaciuto venire. Quando ho detto di sì, ha insistito sul fatto che non indossavo reggiseno o mutandine. Ero un po' preoccupato ma ho accettato di fare come mi aveva chiesto. L'emozione che ho provato indossando solo un abitino...

1.3K I più visti

Likes 0

Mamma che lavora 2

Mi chiamo Becky e se hai letto l'altra mia storia ho un figlio di 17 anni che si chiama Ryan. Dopo di lui ha cercato di ricattarmi per fargli fare un pompino e ha risposto al fuoco, beh, in realtà non è stato così, invece l'ho scopato. io non mi sono descritto molto bene nella prima storia, quindi ecco qualcosa su di me. Sono un avvocato (equity partner), sono di origini italiane e irlandesi decenti con capelli nero scuro sia in alto che in basso, sono 5'7 con una taglia del seno di 32C e una taglia 4 in vita ho...

997 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.