Costruire l'harem di harry - parte 1

569Report
Costruire l'harem di harry - parte 1

Harry attraversò i corridoi con un sorriso sul volto. Aveva un nuovo spavento con la coda dell'occhio dopo un altro incontro con Voldemort. Era stato catturato e torturato per oltre 3 mesi e, a dire il vero, ora era un po' pazzo. La gente lo evitava, compresi i suoi vecchi amici e la sua ragazza prima che fosse catturato. Ma aveva un piano. Non aveva fatto altro che imparare da quando era tornato il mese scorso, e aveva abbastanza per sapere cosa poteva fare. Aveva solo bisogno dell'occasione giusta.

Ci fu una risatina in fondo al corridoio e lui alzò lo sguardo e disse "grazie" al cielo prima di dirigersi lentamente. Guardò lungo un lungo corridoio e il suo sorriso si allargò quando vide Ginny parlare con Hermione e Lavanda Brown. Lentamente, si avvicinò furtivamente e li stordì prima che si accorgessero che era lì. Li legò e creò una passaporta, afferrando la corda che li teneva tutti insieme e attivandola.

Il gruppo apparve in una casa ben arredata e con un gesto della bacchetta li fece levitare lungo il corridoio, giù per una rampa di scale e in una cantina buia con muri di pietra. Non sarebbe difficile immaginare strumenti di tortura qui. Così com'era, c'erano un certo numero di ganci e carrucole nella stanza. Agitò la bacchetta e le corde che tenevano le ragazze scomparvero. Un'altra ondata e i loro vestiti cominciarono a scivolare via dai loro corpi e a piegarsi in un angolo. Ha bandito le bacchette al piano di sopra in modo che non ci fossero rischi nella remota possibilità che scappassero. Iniziò a sbavare alla vista delle fiche delle tre ragazze. Ginnys aveva una leggera peluria come se fosse stata rasata di recente, Lavenders era completamente nuda e Hermione aveva un bel cespuglio. Agitò la bacchetta e tutti i capelli scomparvero completamente dalle aree.

Si scosse e fece sì che una corda afferrasse ciascuna delle braccia e delle gambe della ragazza e le sospendesse in aria, divaricate. Le loro teste giacevano appena sopra il petto. Si spogliò e si avvicinò, accarezzando dolcemente ciascuno dei loro petti. Ginny aveva forse una coppa B, Hermione una D e Lavanda una D. Gli leccò i capezzoli, guardando la lucentezza data dalla sua Saliva, ed il suo cazzo divenne dolorosamente duro. Decise che era ora. Li ha svegliati.

"Cos..." iniziò Ginny mentre gli altri due sbattevano le palpebre, prima di urlare.

“Non servirà a niente. Adoro il reparto del silenzio." Disse loro, facendo roteare la bacchetta nella mano destra. "Rende tutto molto più..." li guardò dall'alto in basso. "Privato..." lo guardarono timorosi.

“Harry? Cosa fai? Perché stai facendo questo?" chiese Hermione, iniziando a piangere.

“L’altro giorno ho letto una cosa poco conosciuta. Apparentemente se una strega vergine viene... costretta a fare sesso, la magia stessa costringerà la strega ad innamorarsi della persona che si impone a lei. Tutto ciò che voglio è essere amato. Glielo disse con il suo sorriso.

“Ti amiamo, Harry! Tutti ti amano! Lo sai che lo facciamo!" Ginny pianse.

"Allora perché mi avete evitato come la peste?!" all'improvviso le sputò addosso, prima di ritornare al suo sorriso. "Così com'è, entro la fine della notte, sarete tutti miei..."

“La gente se ne accorgerà! Sono obbligati a farlo!” urlò la terza ragazza.

"Non proprio. Diresti semplicemente loro che tutti voi avete realizzato il vostro errore. Lo disse a Lavanda. "E secondo la mia fonte, voi ragazze penserete di averlo fatto con totale volontà... La magia è una cosa meravigliosa, non credete?" chiese, alzando un sopracciglio. Lavanda gli sputò addosso, colpendogli la guancia, e lui alzò il dito per infilarselo in bocca. Chiuse gli occhi e lo assaporò mentre le ragazze guardavano disgustate. Con un gesto della bacchetta bandì le sue vesti.

"NO! Per favore! Faremo qualsiasi cosa!” Hermione implorò.

"Troppo tardi. Ho trovato un libro molto interessante nella sezione riservata. Aveva degli incantesimi meravigliosi per i rapporti... Alcuni per assicurarsi che una ragazza non rimanesse incinta...” agitò la bacchetta e le ragazze brillarono di un colore grigio per un secondo. "Alcuni che si assicurano che lo facciano, altri che portano una ragazza in uno stato di estasi con il minimo tocco..." agitò di nuovo le bacchette, e il liquido iniziò a fuoriuscire dalle ragazze imbarazzate, e sfiorò il capezzolo di Hermione, facendola urlare. mentre il liquido schizzava fuori da lei in un forte flusso. "e uno meraviglioso per assicurarsi che l'uomo possa rimanere duro per ore, anche dopo aver eiaculato..." agitò la sua bacchetta e il suo cazzo lungo 10 pollici e spesso 4 pollici si illuminò di blu. Le ragazze piangevano.

“No, no, no, no, no. Questo non sta succedendo…” sussurravano tra loro. Harry fece un passo avanti verso Ginny in modo che fosse allineato con il suo ingresso e lei lo guardasse con tradimento negli occhi.

"Oh, ma lo è." Lui sussurrò con voce roca, prima di spingerla forte dentro, strappandole l'imene e facendola venire pesantemente. Ginny urlò in un misto di piacere e dolore, e la magia cominciò a turbinare intorno a loro. Harry abbassò lo sguardo e vide la piccola figa di Ginny che gli stringeva il cazzo, gemendo per la stretta umidità che lo avvolgeva. Iniziò a succhiarle le tette in bocca, pizzicandole i capezzoli con i denti mentre si immergeva dentro e fuori, lentamente ma costantemente. Le stava toccando la cervice con la testa. Lei singhiozzava mentre lui continuava, e la magia si trasformò in un turbine, passando lentamente dal bianco al rosso spesso usato per i cuori. Un flusso di sperma fuoriusciva costantemente da Ginny, e la sua figa si aggrappava al cazzo di Harry ogni volta che lui tirava fuori, tirando le labbra con sé.

Alla fine, dopo quasi 20 minuti di utilizzo del corpo di Ginny, lui entrò forte e forte dentro di lei. L'ha pompata così piena di sperma che ha iniziato a fuoriuscire dalle labbra della sua figa e dal suo cazzo. Non appena ebbe finito, le corde si ritirarono verso il soffitto e Ginny fu portata giù su un letto, mettendo le braccia attorno al collo di Harry e baciandolo profondamente. “È stato meraviglioso amore mio. Non merito qualcuno meraviglioso come te. Ti amo." Disse esausta, addormentandosi mentre Harry usciva con un "pop" sciatto. Hermione e Lavanda guardarono con orrore la dichiarazione d'amore di Ginny e i loro singhiozzi si rinnovarono. Harry alzò lo sguardo, ancora sopra la rossa addormentata, e sorrise maliziosamente.

"Chi è il prossimo?" chiese e iniziarono a urlare. "Te l'ho già detto, nessuno ti sentirà..." guardò tra i due e schiaffeggiò forte Hermione. “Stai zitta, stronza. Presto sarai solo un altro secchio di sperma concentrato sul mio piacere. Ma prima, mi godrò l’angoscia mentale della “strega più intelligente di Hogwarts” mentre guarda cosa le succederà”. Le accarezzò la guancia e si rivolse a Lavanda. "Ora, vediamo se la bellezza di Hogwarts è davvero una troia." - sibilò, avvicinandosi. Lui accarezzò il suo cazzo lungo la fessura e lei tremò dal piacere. Dentro di sé stava mentalmente condannando l'incantesimo. “Lavanda…” sussurrò Harry con voce roca. Lui si spinse lentamente verso di lei.

Ci fu un po' di resistenza, ma presto lui fu dentro di lei. Dopo un attimo si fermò e la guardò negli occhi piangenti e sorrise. "Vergine? Oh, sono così felice che le voci non siano vere!” disse stordito mentre si tirava indietro leggermente. "Almeno fino ad ora, mia piccola troia." Disse con lo stesso tono prima di tuffarsi fino a schiaffeggiarle il culo con le palle. Ha urlato come Ginny quando il suo imene si è strappato. "Adoro il suono delle vergini la sera." Sospirò tra sé e sé mentre iniziava ad accelerare il ritmo. Non aveva pietà mentre entrava e usciva dal suo tunnel dell'amore il più velocemente possibile, ridacchiando e dicendole quanto si sentisse meravigliosa, quanto fosse stretta, quanto fosse assolutamente piacevole amarla.

Lui durò solo 7 minuti questa volta prima di venirla dentro. Ancora una volta, le corde la liberarono e fluttuarono su un letto appena apparso e lei gli avvolse le braccia attorno al collo e gli sorrise felice. “Non lasciarmi mai, Harry.” Lo pregò, attirandolo dentro di sé. "Mai. Ti amo." Anche lei si addormentò, e lui sorrise a Hermione mentre si tirava fuori lentamente, con lo stesso suono e schiocco.

“Presto anche tu mi amerai, Hermione. Quando lo stupro è inevitabile, torna indietro e goditelo. Lui le ha detto.

“Non farlo, Harry! Non lo dirò a nessuno! Lo giuro!" implorò. Si avvicinò e agitò la bacchetta. Hermione sospirò di sollievo quando sentì le corde muoversi. "Grazie! Grazie mille!" iniziò, prima di rendersi conto che non sarebbe stata rilasciata. Le corde che le tenevano le mani si spostarono in modo da essere tenute saldamente al pavimento, le sue ginocchia furono tenute abbassate, così come le sue caviglie, e un tavolo di pietra era apparso sotto di lei, sostenendo il resto del suo corpo.

"Ho un regalo speciale per te, amore mio." Glielo disse, inginocchiandosi dietro di lei e infilandole qualche dita nel culo. Lei gemette mentre lui li inseriva finché non riuscì più a spingerli dentro. "Purtroppo non esiste lo stile topo di biblioteca, quindi la pecorina dovrebbe essere sufficiente." Lui le ha detto. Tirò fuori le dita e le leccò, godendosi il sapore amaro della sua cavità. Lui si mantenne in posizione orizzontale e si avvicinò. Lei stava singhiozzando mentre si inginocchiava.

Sentì le sue pareti espandersi e stringere forte la testa del suo cazzo mentre spingeva dentro. Sentì la levigatezza setosa delle pareti della sua figa, il calore, i confini intrisi di succo della fica della sua fanciullezza. Lui non si tirò indietro, continuò semplicemente a fare pressione finché la sua verginità finalmente cedette. Si sporse in avanti e le afferrò il petto mentre pendeva dal bordo della sporgenza, stringendo e impastando le sfere carnose mentre lo tirava fuori lentamente, sentendo ogni millimetro mentre lasciava i suoi caldi confini prima di spingersi dentro. Mentre procedeva, la sua velocità aumentava. finché non la colpì da dietro più velocemente che poteva. Ansimava ad ogni spinta e sotto di lei c'era una pozza di liquido. Mentre la scopava, mise una mano nel liquido e se la leccò.

Era un dolce, dolce nettare per lui, e si sporse in avanti per sussurrarle all'orecchio. “Il tuo è di gran lunga il migliore. Mi divertirò molto di più con te." Glielo disse prima di penetrarla profondamente. Fu sollevata su un altro letto e gli fece l'occhiolino impertinente.

«Lo spero, tesoro. Non riesco a immaginare di stare con nessun altro. Ti amo." Disse, sdraiandosi con i capelli sparsi sul cuscino. Lui sorrise e fece un passo indietro, lasciandola andare a dormire. Stava per andarsene quando si rese conto che aveva 3 ragazze che erano pazze di lui che dormiva nudo nel suo seminterrato. Si voltò verso Ginny che stava sorridendo nel sonno. Lui sorrise e si avvicinò a lei, facendola girare a pancia in giù e allargandole le gambe, sedendosi in mezzo a loro. Lui mise il suo cazzo in linea con il suo culo e lo spinse dentro, dolcemente.

Dovette impiegare un'enorme quantità di forza prima che il suo anello cedesse all'improvviso e lei si svegliasse con un grugnito. Lui spinse sempre più forte, tenendole la nuca contro il letto. “Harry! OH! Fottimi il culo, tesoro! Io sono tua! Fai quello che vuoi con me!”

“Dannazione, sei mio, troia! Non permetterai mai a un'altra persona di toccarti! Tu sei mio e solo mio!" le ringhiò. Si stava godendo la sensazione della sua merda che premeva attorno al suo cazzo mentre la scopava nel culo. Lei gemette.

"Fa un po' male, ma va bene, perché sei tu, e so che mi ami!" gemette. “Fanculo al mio culo Harry! Scopami con il tuo enorme membro!" lui continuò a scoparle il culo il più a lungo possibile prima di venire di nuovo, riempiendole il culo. Quando è uscito aveva la merda dappertutto. Ne asciugò un po' con il dito e se lo infilò in bocca, ripetendolo ancora e ancora. Quando quasi tutto fu finito, lui si avvicinò e si inginocchiò accanto alla sua testa.

"Succhiami fino in fondo, troia!" comandò. Lei alzò lo sguardo esitante. "Ora!" chiese, e lei cominciò subito a succhiare.

“Adoro il sapore della mia merda sul tuo cazzo, amore mio! Non posso credere di aver esitato a provarlo! Hai un sapore così buono!" scese, circondando il gallo riempiendosi le guance. Dopo un po' lui si è tirato fuori da lei e le ha scopato di nuovo la figa finché non è venuto. Ginny tornò a dormire, con un rossore di piacere sulle guance, e Harry fece un'altra passaporta e tornò a Hogwarts, sorridendo.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.