Testimoni di Geova

1.1KReport
Testimoni di Geova

Storia di Fbailey numero 630


Testimoni di Geova


Mary aveva vissuto accanto a me per sempre. Avevamo la stessa età ma non eravamo quasi mai stati insieme. Vedi, Mary è una testimone di Geova e non è autorizzata a mescolarsi con gente comune come me. I suoi genitori sono più potenti di te. Predicano costantemente la Bibbia e vanno sempre di porta in porta spingendo la loro religione sugli altri.

Quando ho compiuto tredici anni mio padre mi ha aiutato a costruire una casa sull'albero dietro il nostro garage. Adesso a quattordici anni trascorro molto tempo là fuori, specialmente d'estate quando la scuola è finita. Anche la mamma mi lascia dormire là fuori.

Non era ancora del tutto buio quando tornai alla mia casa sull'albero per la notte. La mamma aveva preparato un'ottima cena e mi aveva persino preparato uno spuntino per dopo e mi diede da bere una grande bottiglia di soda.

Ero quasi arrivato quando ho sentito qualcuno piangere. Era Maria. Le ho chiesto perché piangeva.

Mary ha risposto: “Oggi è il mio quattordicesimo compleanno e nessuna persona mi ha detto buon compleanno. Sono stanco di essere un Testimone di Geova, due buone scarpe e un Santo Roller. Voglio solo essere una ragazza normale.

Ho sentito il bisogno di sedermi accanto a lei, avvolgerla con un braccio e stringerla forte. L'ho coccolata mentre piangeva e balbettava della sua religione. Non hanno celebrato nulla... tutto quello che hanno fatto è stato pregare e predicare e lei ne era stanca.

In qualche modo negli ultimi mesi aveva saputo di altre ragazze che non erano testimoni di Geova e che si stavano divertendo e frequentavano i ragazzi, e alcune facevano persino sesso.

Ero consapevole di quello che stava dicendo, ma ero scioccato dal fatto che lo sapesse.

Mary era ancora tra le mie braccia quando mi ha baciato e poi mi ha chiesto se poteva salire nella mia casa sull'albero. Era scappata di casa e aveva bisogno di un posto dove stare. Ridacchiai tra me e me che si sarebbe nascosta a meno di cento piedi da casa sua. Ridacchiai di nuovo pensando che probabilmente non l'avrebbero cercata neanche lì. Dopotutto non eravamo veramente amici, ci eravamo visti centinaia di volte nel corso degli anni, ma fino a quel giorno non ci eravamo mai veramente parlati. Oh, ero educato e sorridevo e annuivo con la testa in segno di saluto e rispetto. Diavolo, mi ero persino masturbato pensando a lei. Era davvero carina.

Nella mia casa sull'albero ho condiviso con lei la mia merenda e un po' della mia soda. Non potevo credere che Mary non avesse mai assaggiato la soda prima.

Mary mi ha baciato di nuovo e mi ha chiesto perché non stavo cercando di baciarla. Chiunque le avesse parlato del mondo "esterno" aveva detto che tutto ciò che i ragazzi volevano era il sesso. Ho provato a spiegarle che anch'io volevo davvero fare sesso, ma che i miei genitori mi avevano educato a rispettare le ragazze. Fu allora che mi spinse giù e mi saltò addosso. Era seduta proprio sul mio cazzo duro e potevo sentire il calore della sua figa su di esso attraverso le mutandine. Mary indossava un abito lungo, come tutti i suoi vestiti. Non l'avevo mai vista con nient'altro, niente gonne e camicette, niente blue jeans e niente magliette.

Mary si è chinata per baciarmi ancora e ancora finché non ho iniziato a collaborare. L'ho avvolta tra le braccia e ho tirato i suoi seni nel mio petto mentre la mia lingua entrava nella sua dolce bocca. Stava strofinando la figa sulla mia erezione e le piaceva tanto quanto me. Quando finalmente si è seduta di nuovo, ho notato che il suo vestito era arrotolato intorno alla sua vita e che copriva la maggior parte del mio stomaco. Lentamente ho infilato i pollici sotto il suo orlo e ho iniziato ad ammucchiarlo mentre le mie mani si avvicinavano a lei. Mi ha appena sorriso ma non ha cercato di fermarmi. Presto le stavo toccando le gambe eppure le stavo ancora ammucchiando il vestito che poi si stava arrampicando verso i suoi fianchi. Ho rivelato le sue mutandine di cotone bianco e ancora mi ha sorriso. Così ho continuato a salire fino a quando non ho rivelato tutta la sua pancia, il suo reggiseno bianco e quel vestito intorno alle orecchie. Mary ha poi finito di toglierselo e mi stava ancora sorridendo. Ha allungato la mano e si è sganciato il reggiseno per me, poi ho avuto modo di toglierlo ed esporre i suoi bei seni. Si alzò e si tolse le mutandine mentre io mi spogliavo per lei.

Ci siamo seduti sul letto del mio sacco a pelo e ci siamo guardati l'un l'altro mentre il sole tramontava nel cielo e rendeva tutto buio. Fu allora che iniziammo ad esplorarci l'un l'altro con le nostre mani, le nostre dita e le nostre lingue. Nel buio ho toccato ogni centimetro del suo corpo come se l'avessimo fatto mille volte. Non aveva inibizioni sul fatto che la palpassi, giocassi con i suoi seni e le toccassi la figa. Stava facendo cose simili al mio corpo. Amava il mio cazzo duro e continuava a giocarci. Le ho detto che se avesse continuato così sarei venuto. Fu allora che se lo inghiottì in bocca e ne succhiò ogni goccia quando venni. Non avevo mai fatto un pompino prima, infatti non avevo mai fatto niente prima. Ero vergine in ogni senso della parola... lo era anche lei... ma in qualche modo ne sapeva più di me sul sesso. È stata lei a chiedermi di infilare le dita nella sua vagina e poi strofinarle il clitoride finché non ce l'ha più fatta. Ha urlato contro il mio cuscino quando le ho dato un orgasmo... il primo che avesse mai avuto in vita sua.

Siamo rimasti sdraiati lì insieme ad ascoltare il cinguettio dei grilli. Poi abbiamo sentito suo padre chiamarla per nome. L'ha chiamata solo tre volte e poi abbiamo sentito la sua porta chiudersi sbattendo.

Eravamo infilati nel mio sacco a pelo, eravamo entrambi completamente nudi e lei era rannicchiata contro di me. Dopo un po' ha detto che doveva fare pipì. Le ho detto che ho appena fatto pipì da una finestra. Ha detto che non poteva farlo. Poi mi ha chiesto se poteva fare pipì nell'apertura nel pavimento. Certo che poteva. C'era solo un accenno di luce dal lampione. Aprii la botola e l'aiutai a cavalcioni sull'apertura. L'ho vista accovacciarsi e fare pipì, e fare pipì, e fare ancora pipì. Lo aveva tenuto in mano per un bel po' di tempo. Quando mi ha chiesto della carta igienica, le ho dato un tovagliolo di carta preso dal rotolo che tenevo lassù. Lei si asciugò, io chiusi la botola e la chiusi a chiave, e poi tornammo nel mio sacco a pelo.

Mary chiese: "Faresti l'amore con me?"

Ho risposto: “Certo che lo farei. Sei sicuro di volerlo davvero fare?"

Mary disse: “Penso di sì. Sì, penso di sì. So che voglio farlo con te. Ho pensato di farlo con te per un paio di mesi ormai. Vuole?"

L'ho fatta rotolare sulla schiena e mi sono messo tra le sue gambe. Grazie alla nostra esplorazione reciproca dei corpi, sapevo dove metterlo. Così ho afferrato il mio cazzo duro in una mano e le ho aperto la figa con le dita dell'altra mano. Poi ho inserito lentamente il mio cazzo dentro di lei. Quando le colpii l'imene, mi spinse contro rompendo la sua stessa ciliegia sul mio cazzo. Lei rabbrividì e mi strinse forte le spalle prima di dirmi di continuare. Mi ci è voluto un momento per rendermi conto che Mary aveva appena fatto l'ultimo sacrificio che una ragazza può fare. Mi sono sentito onorato che mi avesse scelto. Anch'io ho perso la verginità, ma non è stato così drammatico o doloroso. Non avevo idea di quanto tempo avessimo fatto l'amore in quel modo, ma quando sono venuta mi sono sentito così bene. Era molto meglio di quanto non fosse mai stato masturbarsi.

Abbiamo fatto l'amore altre due volte quella notte prima di addormentarci. Al mattino Mary doveva fare pipì tanto quanto me. Le ho aperto la botola e ho fatto pipì dalla finestra come faccio di solito.

All'insaputa di entrambi, la mamma stava stendendo il bucato e ha notato due rivoli di pipì provenire dalla mia casa sull'albero. Si era avvicinata all'albero e alzò lo sguardo per vedere la figa di Mary a cavalcioni dell'apertura in cima alla mia scala.

La mamma ha aspettato pazientemente prima di salire la scala e infilare la testa dentro. Ha detto: “Ciao Mary. I tuoi genitori ti stanno cercando. Sono contento che tu sia al sicuro. Sei al sicuro, vero?" Poi la mamma è arrivata fino in fondo e ha chiuso la porta, sedendosi sopra.

Mary e io eravamo tornate nel sacco a pelo per coprirci.

La mamma ha detto: “Così alla fine ti sei ribellato contro i tuoi genitori e la tua religione. Presumo che non prendiate la pillola e che voi due abbiate fatto sesso.

Mary arrossì e io la strinsi più forte e dissi: “Sì, l'abbiamo fatto. Siamo in grossi guai?"

La mamma ha sorriso e ha detto: “Non avrei potuto scegliere una ragazza più carina per te. Mary tu rimani qui e io vi porto qualcosa da mangiare. Cerca di stare zitto o attirerai l'attenzione su di te. Potresti riuscire a nasconderti qui per un giorno o due, ma dovremo portarti in casa il prima possibile.

Mary ha detto: "Devo usare un vero gabinetto".

La mamma ha detto: “Tiro fuori un secchio e della carta igienica. Forse possiamo portarti in casa dopo che fa buio stanotte. Fino ad allora potresti anche fare l'amore. Sembra che voi due siate innamorati.

La mamma ci ha portato del cibo, un secchio e della carta igienica. Ha anche portato a Mary un asciugamano e un thermos di acqua calda con cui lavarsi.

Mary e io abbiamo fatto l'amore diverse volte quel giorno, non ci siamo mai vestite e abbiamo parlato di tutto. Eravamo perfetti l'uno per l'altro. La mamma aveva ragione, non avrebbe potuto scegliere una ragazza più carina neanche per me.

Ci eravamo appisolati quando la mamma è venuta a prenderci. Erano le tre del mattino, non c'era la luna e il quartiere era tranquillo. La mamma aveva un lungo cappotto con cappuccio da far indossare a Mary. La mamma ha poi portato Mary in casa. Mi sono vestito, ho raccolto i vestiti di Mary e li ho seguiti. La mamma ha portato Mary direttamente nella sua camera da letto e nella sua doccia. Per fortuna papà lavora di notte. Quando sono entrata, la mamma mi ha detto di entrare nella doccia con Mary e di assicurarmi che si pulisse. Poi la mamma mi ha sorriso e mi ha schiaffeggiato il culo.

Il mio letto aveva lenzuola pulite quando io e Mary ci siamo saliti. La mamma mi ha detto di chiudere a chiave la porta e di non aprirla a nessuno tranne che a lei.

La mattina dopo mamma ci portò la colazione a letto dopo che papà era tornato a casa dal lavoro. Gli raccontò di Mary e disse che si stava occupando delle cose.

Mary ed io abbiamo vissuto nella mia camera da letto per due settimane finché Mary non ha perso il ciclo. La mamma ha comprato tre tester di gravidanza e li ha usati tutti per verificare che Mary fosse effettivamente incinta.

La ricerca di Mary era terminata dopo la prima settimana ei suoi genitori l'avevano effettivamente cancellata, rinnegata. Quindi, quando la mamma li ha contattati, ha detto che sapeva dove si trovava Mary, e poi ha detto loro che Mary era incinta. Tutto quello che facevano era inginocchiarsi e pregare. Non hanno pregato per Maria, invece hanno pregato che non contagiasse le altre sue sorelle.

Dissero alla mamma di tenere Mary e che per loro era morta. Siamo riusciti a sposarci prima della nascita del bambino, grazie a un giudice molto gentile.


Fine
Testimoni di Geova
630

Storie simili

La vita non è una ciotola di ciliegie, a meno che...

LA VITA NON È UNA CIOTOLA DI CILIEGIE, A MENO CHE... . . Di aliveinpr Le mie storie non riflettono necessariamente le mie inclinazioni personali, desideri, desideri o fantasie. Si prega di leggere e godere di questa scrittura immaginaria. Ho avuto un ottimo lavoro e migliore della maggior parte degli stipendi. Ho anche imparato troppo tardi, ho avuto il marito più meraviglioso del mondo. Ho fatto una cazzata, ero ridotto a badare al bar ea guardare le donne sedute ai tavoli con dita di sconosciuti nelle fighe, oppure si masturbano un cazzo di sconosciuto sotto il tavolo. Una donna sulla trentina...

1.2K I più visti

Likes 0

Gatto ladro

Il gatto ladro Era passata quasi una settimana da quando ero a casa. Anche se Taiwan è un bel posto, ero pronto per tornare nel mio appartamento confortevole e tranquillo. Dopo aver trascinato i bagagli fuori dal taxi sono stato accolto da Steve, il portiere. Salii nell'ascensore e sentii il mio corpo diventare pesante quando arrivammo al 32esimo piano. Era tardi e la sala era silenziosa, ma per me era ancora giorno. Il jet lag è una stronzata. Entrai nell'appartamento e decisi che sarei andato direttamente a letto. Dopo essere rimasto lì per mezz'ora, ho iniziato a cambiare canale. Non c'è...

632 I più visti

Likes 0

Il rapimento di Vickie parte 4

Il rapimento di Vickie parte 4 Le persone che lo conoscono lo chiamano Cowboy. A loro insaputa, è uno stupratore seriale che rapisce donne graziose, single e mature, le violenta prendendo ciò che vuole e glielo fa piacere. Le sue vittime lo chiamano Gentle Rapist. Vickie, Julie, Tina e Teri sono quattro delle sue vittime che hanno scoperto la sua identità. Tutti concordano sul fatto che il suo rapimento e lo stupro delle sue vittime è per il loro piacere tanto quanto il suo. Stanno cercando di decidere di lasciare le cose come sperano che continui a rapirli, il che dà...

1.4K I più visti

Likes 0

Randy Randy

Randy è sempre stato ammirato dalle donne, con un corporatura di 6'4 che porta la maggior parte dei muscoli che ti darebbe essere un bracciante agricolo sarebbe stato sufficiente da solo. Ha anche una splendida massa di capelli biondi naturali e occhi azzurri avviare. A circa 14 anni dal suo matrimonio, ha iniziato a mostrare questo corpo fantastico a chiunque lo guardasse, guidando per grandi distanze verso campi per nudisti e spiagge per nudisti e suggerendo costantemente che i nostri incontri diventassero feste di immersioni magre. Circolavano voci secondo cui è diventato gay, le donne sembravano meno eccitate da lui e...

1.2K I più visti

Likes 0

Gigi e il barbecue a bordo piscina

Gigi e il barbecue a bordo piscina Ehi! Mi chiamo Gigi e voglio raccontarvi di una festa in piscina che io e mio marito abbiamo fatto la scorsa estate. Prima di tutto, sono 4'11, 90 libbre e ho una figura 34C-24-34. I ragazzi e io tutti amiamo il mio sedere. Amano anche le mie tette. Era domenica mattina e io e Jerry eravamo diretti in piscina per rinfrescarci. Indossavo il mio minuscolo bikini nero con taglio alla brasiliana. Amava quando diventavo in topless o addirittura nuda quando andavamo in tubing, o prendevamo il sole o nuotavamo sulle spiagge del fiume o...

1.3K I più visti

Likes 0

Devo essere il ragazzo più fortunato del mondo,

Devo essere uno dei ragazzi più fortunati del mondo. Ho un fantastico matrimonio di tre anni con una delle troie più sexy del mondo e lo adoro. Mi chiamo Paul e mia moglie è Mary. Ho 30 anni e sono 6'2 e peso 185 #. Ho un cazzo che mi attira molta attenzione. È alto 8 ed è spesso e duro come una roccia. Posso scopare per mezz'ora prima di scaricare così tanto sperma che nessuna figa è ancora riuscita a trattenerlo tutto. Mary è una vera bomba con un bel viso e un corpo all'altezza. Lei è alta 5'7 e...

1.3K I più visti

Likes 0

Vivere la vita negli spogliatoi

Lexi si è svegliata al suono della campanella della settima ora, la campanella le era familiare perché le ricorda sempre l'ora del congedo. Lexi era un'atleta di punta nella squadra di pallavolo del liceo e ogni giorno dopo la scuola doveva andare ad allenarsi. Si affrettò verso il suo armadietto, notando che tutti i suoi amici si stavano salutando, prese la sua uniforme dall'armadietto e la borsa della palestra. e si precipitò negli spogliatoi delle ragazze. Di solito era la prima lì e oggi non era diversa. Andò al suo solito armadietto e iniziò a spogliarsi, si tolse la camicia e...

808 I più visti

Likes 0

L'orrore di Katie

Katie camminava lungo le strade buie delle file e file di case a schiera, sorridendo tra sé mentre lo faceva. Il vento soffiava dolcemente nella notte, giocando leggermente con i suoi lunghi capelli biondi. La musica e il rumore della festa che aveva appena lasciato si spensero nella notte buia e fredda mentre tornava alla sua macchina a poche strade di distanza nel Car Lot. Non c'è alcun suono tranne i dolci sussurri del vento nell'aria notturna. Katie si fermò davanti alla macchina, mettendo la borsetta sul cofano per cercare le chiavi sepolte in profondità. Cominciano dei leggeri passi dietro di...

948 I più visti

Likes 0

L'avventura della principessa(1)

Taryn è il figlio del Re Supremo dell'Impero di Kom, che comprende quasi la metà del mondo conosciuto, abitato da molte specie diverse di esseri, senzienti e non. Il padre, il nonno e il bisnonno di Taryn hanno lavorato a lungo e duramente per unire ed espandere l'impero dopo una lunga era di caos e conflitti, con grande successo. Le persone prosperano e amano il loro Re, non esistono guerre all'interno dell'Impero e i confini sono pacifici e stabili. Il Re è amato, capace e in ottima salute fisica, quindi il compito di essere principe è per lo più facile. Taryn...

658 I più visti

Likes 0

Incontro al lago

Incontro al lago Adam non era mai stato al lago in quel periodo dell'anno. Di solito veniva allo chalet solo all'inizio dell'estate, per godersi il sole e la gente che giocava nell'acqua. Tuttavia, dopo tutto quello che era successo aveva bisogno di un po' di tempo lontano, e la capanna era il luogo perfetto per ritrovare quella solitudine. In quel periodo dell'anno il lago era tranquillo, con pochi viaggiatori che arrivavano fin lì dopo la stagione del Ringraziamento. Adam si assicurò che ci fosse cibo in abbondanza in cucina, legna da ardere accanto alla casa e che tutto sembrasse in ordine...

570 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.