China Girl Capitolo 1

891Report
China Girl Capitolo 1

Suzie Wong guardava con desiderio verso l'oceano, portando i suoi pensieri nella sua terra natale. Rifugiata dal Vietnam, chi l'avrebbe mai creduto possibile, lei figlia di nobili cinesi costretta a fuggire dalla sua terra natale. Proprietaria di successo di una boutique che offriva solo il meglio al meglio, le mogli di feldmarescialli e colonnelli erano la sua clientela. Aveva vestiti volati da Parigi e Londra, partecipava a pranzi e cocktail party a dozzine. E adesso . . . qui in questo hotel alle Hawaii per riposarsi e riprendersi prima di volare in America per incontrare Brad, suo marito. Qualunque cosa l'avesse posseduta per sposare un agente della CIA, avrebbe potuto avere chiunque... però le ricordava lo stalliere di suo padre, lei tornava sempre da lui. Suzie sospirò, non voleva pensare a Brad, lui non la soddisfaceva nemmeno e comunque non lo vedeva quasi mai. Sorrise tra sé quando pensò al superiore di Brad della CIA che l'aveva informata che doveva lasciare il paese, con i suoi occhi e pantaloni sporgenti, assetato di entrare nelle sue mutandine. Pensò al piacere sadico che aveva ottenuto rifiutandolo.

Chiuse gli occhi e li riaprì per vedere il lussureggiante scenario dell'Hotel Margo, e così facendo si rese conto per la decima volta quella mattina che tutti gli occhi della piscina erano puntati su di lei. Poveri succhiatori, riusciva quasi a vedere i loro cazzi che si tendevano contro i loro costumi da bagno in attesa. Solo perché l'Hotel aveva una reputazione per le belle donne, tutti pensavano che fosse un gioco leale. Beh, non lo era. Era esausta tenere a bada questi idioti. E Suzie Wong, a trentacinque anni, era ancora sbalorditiva.

Mentre si alzava dalla sedia per andare in piscina, era evidente che il suo corpo non rivelava i suoi anni. Le sue gambe erano lunghe e flessuose, la sua pelle tesa e brillantemente stuzzicante contro il sole cocente. Le sue natiche erano rotonde e sode e si gonfiavano in modo seducente sotto il suo bikini, rivelando solo lo spazio tra i due globi di promesse ondeggianti... i suoi seni fuoriuscivano quanto bastava dal suo bikini bianco e il suo ventre, gentile e sempre leggermente arrotondato, giusto per la carezza della mano di un uomo.

Gli uomini la bramavano, la sbavavano e la inseguivano senza sosta. Li ha respinti più e più volte, ma senza successo. Era sempre fredda e altezzosa, ma sembrava solo farle desiderare di più.

Se solo avesse potuto assomigliare alla metà delle donne del villaggio di suo padre, seni cascanti e corpi consumati dalle cure. Rifletté pensierosa per un momento sui suoi primi anni di vita, suo padre era il governatore del villaggio e sua madre proveniva da un antico lignaggio. Lei, nata per essere servita e coccolata. Di nuovo pensò al giovane stalliere, tredicenne picchiato a morte per amarla. L'aveva scopata una notte nel mandorleto e l'amministratore di suo padre li aveva beccati. Il suo primo amore ucciso per amarla. Allora qualcosa era morto in lei, per non risvegliarsi mai più, o almeno così sembrava... e ora. Beh, non voleva pensarci. E ora aveva da accudire sua nipote, poiché suo fratello e sua cognata erano stati uccisi, una ragazza che era diventata donna in fretta, solo da poco uscita dal convento.

Wendy aveva ormai tredici anni, Suzie si era presa cura di lei da quando ne aveva sei. L'aveva mandata solo nelle scuole migliori e l'aveva sorvegliata con molta attenzione. Ieri Wendy era una bambina e ora... Suzie rifletteva che la bambina stava rapidamente diventando una bellissima giovane donna. Ultimamente Suzie aveva notato il crescente interesse di Wendy per i ragazzi e il suo modo seducente di posare lo sguardo ogni volta che entravano nella stanza. In qualche modo l'avvicinarsi della maturità di Wendy stava facendo sì che Suzie sentisse di nuovo il tocco di un uomo in modo più costante, forse era un senso di competizione, chissà. Brad non era di grande aiuto, non stava quasi mai con lei e quando era... Beh, Suzie rabbrividì, non voleva pensare troppo a Brad e alla sua apparente mancanza di interesse per lei, era vero che era un po' frigida anche con lui, ma non sentiva il suo bisogno di essere veramente presa. Apparentemente no, il suo fare l'amore lasciava così tanto a desiderare e metà del tempo la sua mente sembrava essere altrove, probabilmente sul suo lavoro.

Suzie si riscosse dalle sue fantasticherie, inutile indugiare su Brad, eccola in questo posto ridicolo a combattere le avances di uomini come, beh, come Jed Kranz seduto di fronte a lei, la sua pancia era così grande che dubitava che sarebbe riuscita a trovare il suo cazzo, lo voleva lo stesso. Uffa, gli uomini erano tutti uguali, tristi ma veri.

La donna voluttuosa era in piedi sul bordo della piscina e guardava giù nell'acqua azzurra e increspata, un uccello volò sopra la sua testa in un grazioso tuffo e anche lei lo seguì, desiderando di poter volare via nel vento lontano da tutto questo. Riemergendo si sentì rinfrescata e per un momento si sentì di nuovo soddisfatta.

Ha giocato in piscina per un po', dimenticando temporaneamente gli occhi che le occhieggiavano, tuffandosi come un delfino e facendo capriole, era davvero una donna meravigliosa. Gli uomini intorno alla piscina non potevano fare a meno di provare un senso di perdita per non essere in grado di possederla. Merda. Chi era questa volta che cercava di invadere la sua privacy, la sua pace volò via così velocemente come era arrivata.

Vide un paio di gambe robuste che le bloccavano l'uscita dalla piscina e guardò un po' più in alto un costume da bagno di seta blu intenso, un corpo profondamente abbronzato e gli occhi di Russ Redford.

"Ehi piccola," la chiamò. "Ti ho cercato tutta la mattina."

"Oh, ciao Russ," sorrise nervosamente, lo guardò negli occhi e poi si allontanò di nuovo. "Scusami," disse piuttosto bruscamente mentre cercava di evitare di toccare il suo corpo, sfiorando il suo cazzo che era così evidentemente palpitante contro il suo costume da bagno e per un momento sentì una sensazione solleticante nella sua vagina mentre si avvicinava a lui. Un'ondata di desiderio le attraversò il corpo e tese le cosce per evitare un contatto eccessivo.

Russo rise. "La Regina Vergine eh", ha scherzato.

Suzie Wong arrossì scarlatta, poi riguadagnò rapidamente la sua compostezza e la sua dignità e lo oltrepassò verso la sua sedia a sdraio. Russ la guardò, un sorriso che si diffondeva da un orecchio all'altro mentre assaporava l'intera curva del suo sedere che ondeggiava in ondulazioni palpitanti.

Suzie si sedette, si mise gli occhiali da sole e guardò cautamente Russ per un momento. L'aveva eccitata, questo era certo ed era l'unico uomo decente dell'albergo... in effetti l'unico uomo che desiderava il suo corpo. Era ovviamente molto intelligente, in un modo completamente diverso da Brad, ed estremamente bello, un professore di recitazione in una qualche università della California e Wendy, sua nipote, aveva trascorso la maggior parte dei suoi giorni con il nipote di Russ, Mike. Erano gli unici giovani dell'hotel ed erano stati naturalmente messi insieme... ma sembravano anche "lampeggiare" mentre lo mettevano l'uno contro l'altro.

Tutte le donne dell'hotel volevano che Russ se le scopasse, era ovvio, infatti ogni sera lui era con una donna diversa. Suzie sapeva, però, nel profondo di essere l'unica donna che voleva lì in albergo. No, mai, rabbrividì quasi troppo violentemente, mai più mi innamorerò, nessun altro uomo, a parte Brad e lui non contava, entrerebbe nel suo bel corpo, anche se potrebbero morire per la mancanza di esso.

Aveva un bell'aspetto e duro con Russ, sembrava essere un uomo tra i trenta e i quarant'anni, era davvero difficile dirlo con un uomo del genere. Il suo corpo era così forte e muscoloso e ovviamente si prendeva molta cura di se stesso. Era intelligente, affascinante, bello, tutto ciò che una donna può desiderare... ma lei sapeva troppo sugli uomini per lasciarsi ingannare, era lussurioso come gli altri, una bestia sessualmente guidata.

Persa nei suoi pensieri, Suzie rimase scioccata quando sentì la presenza di un altro corpo vicino a lei. Russ era chinato su di lei, quasi toccandole i seni con le mani.

"Cummon angelo," sorrise. "Vi scioglierete abbastanza da permettermi anche solo un momento con voi?"

Suzie si sentiva a disagio con il suo corpo così vicino al suo, provava davvero desiderio ogni volta che le si avvicinava da qualche parte in tutti i suoi anni fuori dal mondo dalla morte del suo primo marito, nessuno si era nemmeno avvicinato a influenzarla come questo, non sapeva cosa fare. Era davvero sola, in verità... ma davvero non sarebbe stata fottuta da nessuno, fottuta e lasciata a piangere sotto il sole cocente come tutte le altre donne dell'albergo.

"Mi piaci, davvero," disse Russ con serietà. "Non c'è nessuno qui in albergo che possa reggere il confronto con te, i tuoi occhi sono così seducenti, come un gattino giocherellone. Voi donne orientali siete così misteriose e seducenti. Ho pensato che forse non potevamo sapere, qualunque cosa tu voglia fare."

Suzie sorrise calorosamente. "Grazie Russ, ma non esco con qualcuno, te l'ho già detto, sono qui per riprendermi. Io e mia nipote ne abbiamo passate così tante di recente e siamo esauste. Ho bisogno di un po' di pace e tranquillità."

"Allora perché scegliere questo hotel, piccola, con così tanta azione, non è esattamente il tuo ritiro estivo." Percependo il suo allontanamento da lui, Russ si alzò e se ne andò, totalmente disgustato.

Suzie lo guardò allontanarsi senza voltarsi e si sentì lacerata in due. Una metà di lei voleva richiamarlo e dirgli: "Russ, mi piacerebbe andare al cinema con te", e l'altra metà provava repulsione e paura. Lei lo voleva e non... Oddio! ... cosa avrebbe fatto. Era una stronza gelida e tesa e lo sapeva.

Russ si diresse con rabbia verso la sua camera d'albergo. Cristo! quella stronza era difficile da conquistare, lui l'aveva inseguita senza sosta per giorni senza alcun risultato. Non riusciva a togliersela dalla mente però, era diversa dalle altre donne, evidentemente di buona famiglia, aveva un'aria di razza. Aveva frequentato abbastanza donne da riconoscere la classe quando la vedeva, anche in un orientale e Russ Redford era uno snob quando si trattava di donne. Poteva scherzare molto, ma quando si trattava di una vera donna nella sua vita voleva classe e questa donna ce l'aveva. All'università era famoso per la sua caccia allo strappo... e in tutti i suoi anni nessuno era mai sfuggito alla sua presa come Suzie. Niente sembrava funzionare con questo delizioso pezzo di figa!

Sapeva per esperienza però che una volta che fosse riuscito a rompere il ghiaccio avrebbe avuto una tigre infernale tra le mani. Percepì il suo desiderio di sangue e lo ebbe. L'avrebbe fatta a pezzi, la fica, una volta dentro di lei, se solo fosse riuscito ad avvicinarsi abbastanza da accendere la fiamma. Dannazione, era così frustrato che voleva strapparle il bikini proprio a bordo piscina, scopare tutti intorno. Voleva scopare il suo cazzo nel profondo di quella sua figa allettante e soffocarla con esso fino a quando lei lo implorò di smetterla. Voleva... Russ si fermò, rendendosi conto che Suzie stava leggendo i suoi pensieri. Stava diventando sempre più difficile tenere sotto controllo la sua lussuria. Dannazione, l'avrebbe fottuta, avrebbe... aspetta un minuto! Un piano stava emergendo nella sua coscienza... un ultimo disperato tentativo. Va bene, aveva provato un'altra tattica... non aveva assolutamente finito.

Voltandosi per dare un'ultima occhiata a Suzie vide che aveva lasciato il bordo della piscina, non importa, l'avrebbe vista abbastanza presto. Girandosi bruscamente, si diresse verso il bar, avrebbe avuto bisogno di un drink per rafforzare il suo coraggio per questo.

Suzie tornò nella sua stanza per sfuggire al sole cocente e per riprendersi. Si sdraiò sulle fresche lenzuola di cotone e sentì una sensazione calda e languida diffondersi lentamente lungo il suo corpo. Era una donna sensuale, lo sapeva, ma le amare esperienze della vita le avevano fatto negare la sua vera natura. Prima lo stalliere di suo padre l'aveva amata ed era stato ucciso e poi sposato con Brad per così tanti anni, senza vederlo quasi mai, una guerra che infuriava, tutte le vecchie usanze che cadevano. Suo padre era un uomo potente e aveva considerato un fiore all'occhiello avere un agente della CIA per genero, le ordinò di sposarlo e ovviamente lei obbedì, così si usava in Oriente. Brad l'aveva sposata ed era partito in missione due giorni dopo, lasciandola brutalizzata e scossa. Erano passati cinque anni e nel frattempo non l'aveva quasi visto. E poi Randy è entrato nella sua vita. Suo padre l'aveva convocata una sera a casa e le aveva detto che la guerra andava molto male, voleva che facesse amicizia con un certo colonnello Randy Newhouse. Suo padre sentiva di poter essere loro utile se avessero avuto bisogno di lasciare il paese in fretta. Adesso si era reso conto che Brad era di scarsa utilità per la famiglia, era stato via con i Montaign, un gruppo di tribù di montagna che lavoravano per la CIA negli ultimi nove mesi, da allora non aveva più avuto sue notizie.

Il colonnello Randy Newhouse e Suzie si sono incontrati a casa di suo padre. Era gentile, sembrava sensibile, leggeva poesie, era attento...

Si alzò dal letto per togliersi il bikini, visto che l'elastico cominciava a tagliarle la carne. Vide la propria immagine riflessa nello specchio dell'armadio e si studiò con distaccato interesse, ma senza molto piacere. La sua carne dalla pelle satinata tingeva di un'abbronzatura dorata, tranne che per le minuscole strisce del suo bikini. Fissò i suoi seni alti e tesi, si incurvarono fino a formare capezzoli sodi di un rosa intenso. Spostò gli occhi sui setosi peli neri della figa e aprendo le gambe, toccò delicatamente le labbra vaginali morbidamente modellate. Poteva vedere la minuscola punta del suo clitoride che spuntava dalla valle crestata della sua vagina con timidezza quasi infantile. Guardò il suo viso, i suoi zigomi alti, i suoi occhi misteriosi come li aveva chiamati Russ, aveva i classici occhi a mandorla dell'oriente che potevano esprimere molti stati d'animo. E poi, come se improvvisamente si vergognasse del suo immodesto voyeurismo, indossò la vestaglia di raso rosa e chiuse la porta dell'armadio.

"Ho un bel corpo", pensava, "ma non mi ha portato altro che dolore". E ancora una volta pensò alle donne del villaggio di suo padre, con i seni cascanti e le cosce rugose. Dio! Se solo fosse stata una vecchia strega sdentata, o nata brutta, allora non sarebbe stata maledetta da uomini costantemente desiderosi di spogliarla nuda e scoparla. Per tutta la vita gli uomini l'avevano accarezzata e quando alla fine aveva sposato Brad, la sua goffaggine e brutalità l'avevano lasciata fredda.

Poi c'era Randy e lei ricordava la prima volta che era entrato nella sua vita. L'aveva trattata come una signora, non sembrava desiderarla, era sensibile e molto intenso.

Avevano passato molti lunghi pomeriggi a parlare, a bere il tè. Poi un pomeriggio lo invitò a casa sua. La sua serva portò loro del vino e lei divenne più alta di quanto si fosse mai concessa di diventare.

Cominciarono a baciarsi e l'accesa presenza di un uomo contro il suo corpo dopo nove mesi da sola, aveva acceso le sue passioni a un livello esplosivo. Era anche consapevole della sua palpitante eccitazione... dell'enorme rigonfiamento nei suoi pantaloni attillati. La stoffa del suo inguine sembrava emanare onde nella torrida tentazione di continuare, e c'era un allettante punto umido dove il suo pene indurito premeva la punta smussata contro la stoffa. La vista salace sembrò infiammarla ancora di più, facendole dolere i seni ei suoi capezzoli diventarono rubini ingioiellati che sfregavano contro il suo stesso vestito.

Poi all'improvviso ci fu un leggero bussare alla porta, era Tang, la sua serva, che le chiedeva se avesse bisogno solo di vino. Così lo congedò velocemente per la serata e tornò da Randy. Poi furono di nuovo soli, strofinandosi coscia contro coscia, il cazzo duro di lui che bruciava nel tumulo rovente tra le gambe di lei. Randy la stava baciando e le sue mani febbrili le stavano aprendo la cerniera del vestito e lei... Oh Dio! Come ha giurato dopo Brad che non si sarebbe mai più fidata di un uomo, ma... Oh! Ohhhh! ... stava inarcando la schiena per permettergli di...

Il ricordo stava avendo un forte effetto su Suzie. Giaceva lì sul letto, la veste bianca che si apriva leggermente per rivelare il corpo abbronzato ei capezzoli induriti. Con sua profonda angoscia, ora sentiva le morbide labbra della sua fica orlate di arricciature che cominciavano a pulsare, pulsando eccitate allo stesso modo di tanti anni fa. Brividi di sensazioni indesiderate le percorsero la spina dorsale e attraverso la carne, e lei gemette con vergognosa lussuria, continuando le sue fantasticherie...

Le mani di Randy le avevano tolto dolcemente il vestito e il reggiseno, e all'improvviso stava stringendo e stringendo a coppa la nudità dei suoi seni sensibili e formicolanti, le sue labbra lasciavano la sua bocca per succhiare il suo capezzolo tremante con un desiderio affamato. L'altra mano le stava ancora togliendo le mutandine dai fianchi contorti, oltre i peli pubici inumiditi, lungo le gambe, mentre lei... Oh Signore! ... ha aiutato a togliere quell'ultimo indumento contenitivo. E poi si è strappato i pantaloni e la camicia rendendoli entrambi nudi. Quanto bene ricordava il suo sussulto alla vista del suo cazzo immensamente gonfio.

E poi lui stava rotolando tra le sue gambe e sopra di lei, il suo giovane cervello sciocco ribolliva di passione incontenibile. Sì, lo stava implorando silenziosamente di continuare, di avere il suo pene lungo e duro che le riempiva la fica palpitante e affamata fino in fondo. Voleva che lui scivolasse tra le sue cosce eccitate e tremanti e le riempisse il ventre con la sua durezza densa e palpitante. Era pronta a farsi scopare di nuovo da un uomo.

I suoi lunghi capelli neri si agitavano attorno al suo viso lamentoso, i suoi seni nubili e tesi le danzavano sul petto mentre si preparava per lui, per il dolce gusto proibito della lussuriosa virilità... I fianchi muscolosi di Randy inchiodarono le sue cosce contorte al divano... Il morbidi riccioli neri dei suoi peli pubici che sfioravano in modo stuzzicante il suo cazzo in cerca, solleticandolo contro di esso e incitandolo a borbottii incoerenti di desiderio folle... Anche lei era stata selvaggiamente eccitata, e poi Randy fece scattare le sue cosce in i fianchi seppellirono tutta la sua durezza fittamente pulsante in profondità nel suo buco della fica calda e tremante.

Ma poi, all'improvviso, ricordò come la sua dolcezza si era trasformata in lussuria selvaggia e sfrenata. E il suo tenero amore si è trasformato in un semplice cazzo egoistico della sua vagina apertamente aperta!

"Ti prego, amore," gli aveva sussurrato. "Fuck me lento e facile." Ma non poteva o non voleva ascoltare le sue suppliche. E quando aveva vomitato il suo caldo sperma maschile fin dentro la sua fica e il suo ventre insoddisfatti, si era vestito e l'aveva lasciata in fretta... semplicemente le era uscito addosso per non tornare mai più. Poi si era tirata il vestito sopra la nudità, e nel soggiorno buio era rimasta sveglia e singhiozzando per metà della notte per la passione inappagata e per il dolore amaro. Mai, aveva giurato, mai mi lascerò vulnerabile all'idea di essere fottuta di nuovo da un uomo finché vivrò.

Un'ondata di vergognosa vergogna passò ora sul viso di Suzie, proprio come era successo tante volte nel corso dei mesi ogni volta che ricordava quella notte dolorosa.

Poi, all'improvviso, hanno bussato alla porta della sua camera d'albergo!

Suzie si strinse la vestaglia attorno al suo corpo voluttuoso e si infilò un paio di sottili mutandine di seta, poi andò a piedi nudi verso la porta.

Russ Redford era fuori. Era sbalordita nel vederlo, e qualcosa in lui le faceva un po' paura... Sentì il debole odore di alcol che proveniva dal suo alito.

"Cosa vuoi?" disse seccamente.

"Ti voglio, amore mio," disse il più dolcemente possibile. "Oh," il liquore gli stava permettendo di lasciarsi trasportare, "Oh, ti voglio così tanto!"

E prima che potesse decidere come gestire questa difficile situazione, lui era già alla porta.

"No," gridò, terrorizzata dal suo approccio improvvisamente diretto e lussurioso. "Vattene, per favore! Te l'ho già detto, io[

Storie simili

Amy - Parte 1 - Dan

Dan pensava di essere un uomo felice in generale: aveva un buon rapporto con Anna, sì, il sesso era raro e un po' di routine, ma era felice se non del tutto soddisfatto. Poi l'azienda ha assunto Amy, aveva 18 anni e sembrava un po' fuori di testa, forse era il primo giorno di nervi pensò Dan, ma, guardandosi intorno ai suoi colleghi, pensò che probabilmente dipendesse dal loro ovvio guardarla a bocca aperta mentre camminava oltre le loro scrivanie. Il capo aveva una storia di scelta dell'aspetto piuttosto che delle capacità, ma a nessuno degli uomini importava davvero. Dan di...

1.8K I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

1.6K I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

1.7K I più visti

Likes 0

Alza il tuo

Nell'agosto del 1998, avevo 18 anni e vendevo Bibbie porta a porta, a piedi, in una piccola città della Virginia. Mentre continuavo a camminare sempre più fuori città, cercando di vendere qualcosa che tutti avevano già, mi sono reso conto che si stava facendo buio ed ero a circa 5 miglia da dove stavo affittando un piccolo appartamento. Ho deciso di tornare in città in autostop. GROSSO ERRORE!!! Quando un furgone si è fermato e si è fermato e la porta scorrevole si è aperta, ho capito che potrebbe non essere una buona idea. C'erano 4 ragazzi neri lì dentro e...

1.2K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a conoscere la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho chattato con lei solo alcune volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che avevo più di dieci anni di lei... A parte questo non avevo mai visto una sua foto, anche se mi aveva detto che è molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i miei nervi. Quando ho svoltato nella strada giusta, la...

1.9K I più visti

Likes 0

Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni. 'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina. 'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella...

944 I più visti

Likes 0

Sandra dopo l'Università Pt. 1

Sandra dopo l'università di Vanessa Evans Sandra ha guadagnato abbastanza soldi per prendersi un anno di pausa. Nota dell'autore Questa storia è una continuazione della mia storia Sandra è diversa. Sebbene questa storia possa essere indipendente, avrà più senso se leggi prima Sandra è diversa. v introduzione Dopo 3 incredibili anni all'università in cui ho fatto un sacco di soldi lasciandomi sculacciare dagli uomini, lasciando che gli uomini mi scopassero mentre ero privo di sensi e dimostrando macchine del cazzo alle convention di attrezzature erotiche, ho deciso che dovevo prendermi un anno per ottenere il massimo delle mie dipendenze che si...

779 I più visti

Likes 1

Ho guidato la macchina nel vialetto e l'ho parcheggiata accanto a quella di mia madre. Mi sono controllato dallo specchietto retrovisore per l'ultima volta, per assicurarmi di non sembrare il diavolo in persona, ho preso il regalino che avevo comprato per la mamma e mi sono avviato verso casa. Il mio nome è Kevin. Ho ventuno anni e sono uno studente universitario. Vivo con mia madre, che quel giorno compiva quarantuno anni. Lei e mio padre hanno divorziato quando ero piccolo e da allora si è presa cura di me. Papà veniva a trovarci circa ogni due mesi e, a giudicare...

919 I più visti

Likes 0

Vivere la vita negli spogliatoi

Lexi si è svegliata al suono della campanella della settima ora, la campanella le era familiare perché le ricorda sempre l'ora del congedo. Lexi era un'atleta di punta nella squadra di pallavolo del liceo e ogni giorno dopo la scuola doveva andare ad allenarsi. Si affrettò verso il suo armadietto, notando che tutti i suoi amici si stavano salutando, prese la sua uniforme dall'armadietto e la borsa della palestra. e si precipitò negli spogliatoi delle ragazze. Di solito era la prima lì e oggi non era diversa. Andò al suo solito armadietto e iniziò a spogliarsi, si tolse la camicia e...

740 I più visti

Likes 0

Il mio fantastico viaggio a Sydney

Questa è la mia prima storia: ne ho lette alcune ma è un po' diverso scriverle, quindi un feedback sarebbe positivo. In particolare su quanta introduzione piace alle persone. Mi piace un po' ambientare la scena, ma non così tanto da richiedere anni, non sono sicuro di aver capito bene o meno. Mi chiamo Matt, ho 22 anni e studio all'università di Adelaide. Ho una ragazza che si chiama Kate, è una ventenne bionda bassa che sta benissimo nel sacco, ma sfortunatamente le piaccio più di quanto piaccia a me. Kate ha un'amica a Sydney che festeggiava il suo 21esimo compleanno...

696 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.