Timewalker pt 2b (lungo)

182Report
Timewalker pt 2b (lungo)

Questo è davvero lungo, quindi se stai cercando una soluzione rapida, leggi qualcos'altro!

Le avventure di Béla, la ragazza vampiro
Libro 4: Il Viaggiatore nel Tempo
Parte 2b
Capitolo 9 ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

"Sei pronto?" chiese Béla, chiamando di sopra dove si trovava Jake.

Lei sospirò. Li faceva sempre tardi al club.

Jake apparve in cima alle scale. "Scusate. Stavo parlando con Frank di Jake e Tabatha.»

"Hanno scoperto qualcosa?" chiese Bela.

Sapeva già che non l'avevano fatto. Poteva leggerlo nella mente di Jake.

«No», disse. "Frank pensa che dovresti andare di nuovo lì..."

«No, Jake», lo interruppe Béla. “Ci sono stato tre volte. L'unica cosa che ho raccolto sono state alcune vecchie immagini erotiche di Tabatha. Ho chiesto al Pretore di fare delle copie da analizzare. Non so dire dove lei... loro... sono andati. Non ci sono posizioni distinte. È come se fossero appena scomparsi dalla faccia della terra. Ho detto al Pretore di fare tutto il possibile per trovarla.»

«Bene, dai, andiamo», disse Jake, guidandola verso la porta.

"Non ho voglia di andare adesso", gli disse Béla.

«Béla, andiamo», supplicò Jake. “Ti sentirai meglio quando i ragazzi inizieranno a prestare attenzione al tuo corpicino sexy. Questo ti fa sempre uscire da un funk.

"Mi piacciono i grandi incontri quando diversi club si incontrano contemporaneamente", ha detto Béla. "A queste riunioni mensili, mi sembra che tutti stiano aspettando solo me."

"Sono!" Jake rise. “Sanno che proverai qualsiasi cosa una volta, e ne ho sentiti parlare un paio. Ogni mese cercano di inventare qualcosa da cui anche tu ti ritirerai.

"Lo fanno, eh?" chiese Béla, sentendosi sfidato. «Bene, allora andiamo a vedere cosa mi hanno preparato questa volta.»

Di solito lì prendevano i mezzi pubblici, così la gente poteva vederli arrivare. Poi, dopo, se riuscivano a trovare un po' di privacy, ed era abbastanza facile grazie alle stanze private disponibili per le feste consenzienti, Béla li teletrasportava a casa. Se era cosciente, cioè. Abbastanza spesso, i suoi eccessi sessuali a questi incontri del SAM Club la lasciavano ferita a morte e raggiungeva completamente l'orgasmo.

Béla indossava un lavoretto a strisce che Tanya le aveva regalato ora che il personaggio pubblico di Tanya, Tootsie, si era suicidato ufficiosamente su quello "robot-spiedino" il mese scorso. Era un numero blu scuro che era per lo più, beh, va bene, completamente trasparente. Mostrava tutto attraverso una sottile rete di nylon blu scuro. Béla non indossava niente sotto. La sua figa naturalmente glabra permetteva di ammirare tutto il suo corpo attraverso il materiale senza attirare un'attenzione indebita su aree grandi, misteriose e scure - tranne i suoi capezzoli, ovviamente, ed erano solo visibili, non ammirevolmente enormi. Ma questo non ha impedito a nessuno di guardare.

A Jake non piaceva travestirsi e fare il fop, come faceva Frank quando portava Tanya, o meglio, Tootsie, a festeggiare. I club SAM erano più per la dominazione maschile e la tortura delle donne, quindi erano le donne ad essere in mostra, dal momento in cui entravano. A Jake piaceva così e anche a Béla. C'erano anche club FEM per le donne dominanti e club suicidi quando entrambi i partner erano sottomessi.

Il club a cui appartenevano Jake e Béla era un club di bondage che ospitava due sottogruppi: uno specializzato nel bruciare con candele e torture con cera di candela, e l'altro specializzato in bizzarre (e talvolta fatali) penetrazioni corporee. Entrando, ogni coppia sottoponeva il nome della femmina a una lotteria. Il vincitore, o il perdente, a seconda del tema di quel mese per ogni gruppo, sarebbe stato mostrato sul palco mentre tutti gli altri si fottevano il cervello in un'orgia delle dimensioni di una sala congressi mentre guardavano il tema della tortura di quel mese recitare sul palco.

Béla era stata scelta diversi mesi prima ed era stata legata a un supporto di tortura e spruzzata di cera calda. Successivamente, è stata lasciata appesa allo scaffale per l'uso di tutti ed è stata scopata più volte da altri membri del club.

Di solito c'erano due spettacoli e Béla sperava di essere scelto per uno anche questo mese. Molto spesso, le esibizioni erano insolitamente crudeli, specialmente quelle che comportavano insolite penetrazioni del corpo, che a volte causavano deturpazione permanente o addirittura la morte del vincitore della lotteria.

Nei casi in cui la ragazza volontaria è morta, il club non poteva essere perseguito. Non era più illegale uccidere qualcuno se firmava una liberatoria in cui dichiarava di essere a conoscenza di tale possibilità. La sentenza ufficiale della Corte Suprema è stata: "Non è omicidio se la vittima ha accettato di essere uccisa a scopo di intrattenimento".

Quella sentenza è stata il risultato della "State vs. Brandy Wine Tasting Productions" quando la principale interprete underground e comproprietaria della compagnia, Brandy Wine, è stata ripetutamente violentata e brutalmente assassinata come trama per quella che è diventata la sua performance underground più venduta. La società di produzione clandestina è stata in grado di dimostrare che la signora Wine, dopo aver scoperto di avere solo pochi mesi di vita a causa di un cancro diffuso e inoperabile, aveva effettivamente scritto la sceneggiatura in cui sarebbe stata strangolata a morte durante uno stupro di gruppo. "Non riesco a pensare a un modo migliore per andare che essere fottuto a morte", ha detto a Spike Magazine, un tabloid underground, poco prima di recitare la sua scena finale.

Quella sentenza della Corte Suprema ha aperto la porta a centinaia di Suicide Club in tutto il paese, offrendo a migliaia di nuovi membri entusiasti quel brivido extra di una vita, con l'accento su "ultimo".

Jake personalmente pensava che i Suicide Club fossero una buona idea. Hanno ridotto il numero totale di idioti in questo paese ogni mese in cui erano operativi. Per quanto riguardava l'"igiene mentale", era sorpreso che Hitler non ci avesse mai pensato. I club suicidi stavano ripulendo la razza umana dagli idioti.

Ma, si rese conto Jake, Hitler avrebbe probabilmente reso obbligatori i Suicide Club, e Jake credeva che l'igiene mentale dovesse essere volontaria. Naturalmente, il problema con l'Igiene Mentale volontaria era che proprio le persone che non dovevano riprodursi erano le stesse che credevano con fervore nel loro diritto concesso da Dio di "Andare avanti e moltiplicarsi", cosa che fecero con grande abbandono, coprendo il pianeta con più idioti come loro.

Jake e Béla sono arrivati ​​e hanno dato i loro nomi al tavolo del ricevimento. John, l'addetto alla reception, conosceva già Béla e sapeva che le piacevano i dispositivi più tortuosi che il club potesse inventare.

"Presentati alla fase due se non sei un 'prescelto', tesoro", ha detto a Béla. "Chiunque vinca quella tappa probabilmente rifiuterà, quindi chiederanno volontari".

Le ha consegnato il modulo di suicidio e lei lo ha firmato senza leggerlo. Sapevano entrambi che, indipendentemente dal dispositivo demoniaco in cui sarebbe stata legata, legata o calata stanotte, Béla molto probabilmente sarebbe stata abbastanza pronta per provarlo. La seconda fase era la fase della "penetrazione insolita". Sorrise mentre restituiva il modulo.

Anche John sorrise e le prese il modulo di responsabilità firmato. "Grazie dolcezza. Spero che tu viva per tornare il mese prossimo.

Praticamente sbavava sul suo costume a rete blu che copriva, ma non nascondeva, i suoi piccoli capezzoli duri.

Jake guardò attraverso gli opuscoli in mostra. "Ehi, questa volta hanno un blocco all'asta."

A Jake piaceva il blocco dell'asta. Béla ha fatto offerte più alte di quasi tutte le altre ragazze del club e Jake ha adorato il fatto che la sua piccola vampira dai capelli scuri fosse una delle ragazze più sexy del posto: è stato un vero ego trip!

“Sì”, rispose Giovanni. Il club aveva deciso che il 'blocco' è il modo migliore per finanziare i suoi incontri mensili. In questo modo, quelli che usano di più il club gli danno il maggior sostegno finanziario”.

Jake annuì in risposta, poi lui e Béla si voltarono verso l'ingresso principale. Non appena sono entrati nella sala riunioni convertita, una signora anziana è piombata su Béla come un avvoltoio.

"Bela, tesoro!" canticchiò, ricordando a Béla Crudelia (sì, aveva visto quel cartone animato cento anni prima, all'inizio degli anni '90).

"Leticia, come stai?" Béla ricambiò il sorriso. “Ho visto il tuo display il mese scorso. Sei stato magnifico. Ma sono sorpreso che tu stia già camminando. Quel gancio deve essere stato davvero doloroso.

"La morfina fa miracoli, tesoro", rispose Leticia. "E il mio scultore del corpo toglierà i punti la prossima settimana, quindi posso mostrare le cicatrici."

Leticia aveva più cicatrici da ustioni e penetrazioni corporali di chiunque altro nel club, cioè chiunque fosse ancora vivo. Molti membri del club la cercavano ogni mese solo per poter passare le mani sulle sue cicatrici mentre scopavano ciò che restava del suo cervello.

“Se decidi di dipingere dei disegni attorno alle tue cicatrici per mostrarle meglio”, ha suggerito Béla, “mi piacerebbe farlo per te. Ho delle grandi idee. Chiamami, va bene?"

Leticia annuì, poi fu praticamente trascinata via dal marito. “Non parlarle! Ha una cattiva influenza! Vuoi vivere per riscuotere la tua sicurezza, vero?

Béla sorrise e guardò il suo compagno di una vita. "Immagino che mi sto facendo un po' la reputazione di masochista pazzo di dolore."

La prima esibizione stava iniziando. Una formosa ragazza bionda veniva condotta sul palco. Era bendata. La benda era tutto ciò che indossava. Fu fatta sdraiare a pancia in giù mentre una grande traversa di ferro veniva calata dal soffitto. Le manette le furono spezzate attorno alle cosce e alla parte superiore delle braccia, quindi attaccate, una a ciascuna estremità sporgente della traversa.

La ragazza è stata quindi sollevata, a faccia in giù, di nuovo in aria dagli addetti al palco, ciascuno su una catena separata. Uno degli addetti al palcoscenico ha prodotto una corda, lunga circa un piede con ganci a ciascuna estremità, e ha legato insieme le due catene sotto il suo busto. Quando hanno lasciato andare, era ovvio che la corda tesa sullo stomaco della ragazza sosteneva tutto il suo peso. Se si rompeva, le catene si srotolavano intorno alle carrucole e lei crollava a terra.

Fu portato fuori un tavolo con sopra diverse candele affusolate e posizionato sotto il corpo ondeggiante della ragazza. Ogni candela è stata accesa, quindi posizionata con cura sotto una parte specifica e tenera dell'anatomia della ragazza impiccata. Il primo le è andato sotto il seno destro, il successivo sotto il sinistro. Uno è stato messo sotto il suo bacino. Quindi il restante è stato acceso e posto direttamente sotto la corda intorno alla sua vita.

"Dio mio!" esclamò Béla, bagnandosi tra le gambe solo guardando. "Mi piacerebbe essere quella ragazza lassù!"

Guardò mentre la ragazza veniva lentamente, centimetro dopo centimetro, abbassata verso le candele. Quando ha gridato, l'argano è stato fermato, quindi è stata sollevata un po'. I gestori del palco hanno riaggiustato un paio di posizioni delle candele, poi se ne sono andati, lasciandola lì appesa.

All'osservatore normale, la ragazza sembrava posizionata abbastanza in alto sopra le candele da non essere influenzata dalle minuscole fiammelle. La verità era leggermente diversa. La cera della candela si stava sciogliendo rapidamente, più rapidamente di quanto lo stoppino bruciasse. Ogni fiamma di candela si allungava man mano che la cera si scioglieva ed esponeva più stoppino alla combustione.

In pochi istanti, la ragazza in mostra si contorceva e gridava mentre i suoi capezzoli cominciavano a scoppiettare e sfrigolare nel calore che saliva dalle candele. Riuscì a iniziare a dondolarsi un po', alleviando le sue tette dal caldo torrido. Le candele più in basso sul tavolo stavano facendo lo stesso con la sua pancia e la sua figa, ma la sua principale fonte di tormento erano i suoi teneri capezzoli bruciacchiati.

Poiché ora stava dondolando, i gestori del palco sono usciti e hanno abbassato il suo corpo più vicino alle minuscole fiamme. Ben presto, stava oscillando a pochi centimetri sopra di loro, piagnucolando ogni volta che i suoi seni passavano attraverso la fiamma di una candela. Ora sentiva il bruciore al bacino e allo stomaco, e si contorceva ogni volta che il suo corpo esitava a dondolarsi sopra quelle candele.

I membri del club che guardavano si stavano eccitando con le contorsioni della ragazza e le sue grida. Era quasi come se le minuscole fiammelle che le accarezzavano il corpo violentassero la ragazza. Béla ha premuto la mano contro il cazzo duro di Jake dentro i suoi jeans mentre guardava diversi membri del club iniziare a scoparsi a vicenda.

Poi Béla ha preso in mano il cazzo duro di Jake. Si mosse di fronte a lui, in piedi con la schiena rivolta verso di lui per poter guardare lo spettacolo e l'orgia che si svolgeva intorno a lei e alla ragazza che soffriva sul palco. Mentre indietreggiava contro Jake, lui l'afferrò sotto le braccia e la sollevò. Il suo cazzo le scivolò lungo la schiena, poi scomparve nello spazio tra le sue gambe. Poi la abbassò finché non sentì il suo cazzo premere contro la sua vulva.

Sempre tenuta in aria e incapace di abbassare le braccia, Béla fece oscillare il bacino avanti e indietro, strofinando le labbra della fica contro la lunghezza del suo meraviglioso cazzo. Dopo un momento, poté sentire l'umidità ricoprire la sua carne liscia e setosa. Sollevò le gambe dietro di sé, quasi toccandogli il sedere con i talloni, e premette le gambe contro i fianchi di Jake.

Ora che aveva più controllo sull'angolazione del suo corpo, ha mosso il bacino in avanti ed è stata ricompensata con il meraviglioso cazzo di Jake che quasi "scoppiava" nella sua figa affamata e bagnata.

La ragazza appesa al palco piangeva e implorava di essere liberata. La corda attorno al suo busto aveva finalmente iniziato a bruciare, provocandole un dolore inimmaginabile e ustioni brucianti che probabilmente l'avrebbero segnata per tutta la vita.

'Dio! Vorrei essere lassù!' pensò Béla, eccitata dalla scena e dalla lussuria che si irradiava dalle fottute coppie intorno a lei.

La sua figa sgorgava al pensiero di quelle lingue di fiamma meravigliosamente delicate che le leccavano il ventre, la fica, i seni. Arrivò mentre immaginava come si sarebbe sentito cadere su quelle candele accese, portando il suo tormento a una brusca fine in un orgasmo agonizzante e rovente.

Poi è successo! La corda bruciò e la ragazza cadde, stridendo, sulle candele accese. Urlò in agonia e si dimenò furiosamente, cercando di allontanarsi dai resti caldi e cerosi delle candele rotte. Alla fine, rimase lì sdraiata, ansimando e piangendo.

Lo spettacolo ora è finito, qualcuno è uscito con una pistola ad ago e le ha somministrato qualcosa nel braccio. In un altro momento, la ragazza era molto rilassata, ma ancora cosciente. È stata girata e messa su una lettiga, quindi portata giù dal palco e al piano principale per essere esposta. Diversi uomini si sono riuniti intorno e hanno iniziato a masturbarsi sul suo corpo ustionato e bruciato mentre li guardava adorarla, drogata fino agli occhi in modo che potesse godere del suo corpo ferito che veniva mostrato e accarezzato.

Béla notò che i seni della ragazza erano bruciati e pieni di vesciche. C'era persino una ferita da puntura nel punto in cui una candela era penetrata nel suo capezzolo semicotto quando la ragazza vi era atterrata sopra. Quelle ferite sarebbero guarite, si rese conto Béla, ma i suoi seni sarebbero sempre stati ipersensibili al calore. Le ustioni peggiori provenivano dalla corda intorno alla vita. Nessuno scultore del corpo sarebbe in grado di cancellare quella cicatrice.

Guardò mentre le persone cominciavano a spruzzare il loro sperma sulla ragazza. Sentì il cazzo di Jake contrarsi. Anche lui si stava preparando a venire. Si tirò fuori da lei. Si voltò in modo da poter vedere il volto di suo marito.

"Vuoi venire anche lei?" lei chiese.

Jake scosse la testa. "Voglio venire da te!" esclamò, digrignando i denti nel tentativo di trattenersi. "Ho voluto spruzzare sperma su quel vestito dal primo istante in cui l'ho visto su di te!"

Béla sorrise e cadde in ginocchio, inarcando la schiena per mostrare il suo corpo attraverso il tessuto trasparente. Lei scivolò in avanti in modo che le sue ginocchia fossero attorno ai suoi stivali. Non voleva sprecare una goccia che cadeva sul pavimento.

"Spara, piccola!" gridò, e inarcò la testa all'indietro.

Amava essere ricoperta di sperma, specialmente quello di Jake. Era delusa dal fatto che riusciva a malapena a sentire lo sperma schizzarle addosso attraverso il tessuto di nylon. Ma quando guardò, lo vide luccicare sulla stoffa che le copriva i seni e la pancia. Lei gli sorrise, soddisfatta del suo aspetto alterato e del suo meraviglioso nuovo profumo.

"Ti dispiace?" disse qualcuno accanto a lei.

Uno sconosciuto aveva il suo cazzo fuori e ci stava giocando. Béla guardò Jake per vedere cosa ne pensava. Jake sorrise e annuì con la testa.

"Certo, vai avanti", disse Béla al ragazzo.

Si sentiva un po' in colpa per aver rubato parte dello spettacolo alla ragazza bionda, soprattutto dopo tutto il dolore e l'agonia che la ragazza aveva attraversato per diventare la star dell'attrazione. Ma questa era un'orgia, dopotutto. In un attimo, c'erano altri due uomini intorno a lei, che cercavano di masturbarsi sul suo vestito sexy e trasparente.

"Non sapevo di essere così sexy", sussurrò nella mente di Jake mentre lui si alzava a guardarla.

'Se riesci a mantenere quella posizione abbastanza a lungo', pensò Jake, 'verrò da me e ti fotterò in bocca.'

«Sei di nuovo pronto?» Béla ripensò con entusiasmo. 'Grande! Sto aspettando, tesoro. Non trattenerti. Sparamelo in gola!'

Prima che Jake potesse aggirare gli uomini che si masturbano su sua moglie, qualcun altro le ha infilato un cazzo nella bocca in attesa. Sebbene Béla non potesse vedere chi fosse, sapeva che non era Jake. Conosceva il cazzo di Jake, e non era questo. Ha iniziato felicemente a succhiarlo comunque.

'Immagino che dovrò aspettare il mio turno', pensò Jake, guardando allegramente la sua piccola moglie troia fare ciò che sapeva fare meglio. Sentì Béla soffocare mentre il ragazzo le sparava il suo sperma in gola. Béla stava migliorando. Più, si è soffocata con lo sperma solo quando aveva la testa sottosopra come adesso.

Il ragazzo che le veniva in bocca ha fatto sì che gli altri tre che si stavano masturbando sparassero i loro carichi su tutto il vestito trasparente di Béla e sulle loro stesse scarpe e pantaloni. Béla si raddrizzò, allungando la schiena rigida e leccandosi lo sperma dalla faccia. Abbassò lo sguardo sul suo vestito, felice di scoprire che ora era decisamente macchiata di sperma.

Rimanendo in ginocchio, si sporse in avanti e iniziò a succhiare il cazzo di Jake. Il suo vestito stava cominciando a essere freddo e viscido contro il suo corpo con tutto quello sperma su di esso. Ma essere ricoperta di tutto quello sperma, insieme al suo sapore in bocca, la stava facendo arrapare di nuovo. Ora che era seduta più eretta, anche lo sperma di Jake dalla sua precedente scopata stava iniziando a gocciolare lungo la sua gamba, rendendola ancora più eccitata.

Béla ha proiettato un'immagine nella mente di Jake di come tutto quello sperma su di lei e che le scorreva lungo le gambe la stesse influenzando. Sentì il suo cazzo sobbalzare in risposta. Poi le stava vomitando un sacco di roba meravigliosamente appiccicosa nella sua bocca, inondandole la bocca e la gola. Deglutì il più velocemente possibile, ma stava uscendo più velocemente di quanto potesse ingoiare. Nonostante tutti i suoi sforzi, alcuni sono fuoriusciti e giù per il mento.

Jake si infilò di nuovo nei jeans, poi si abbassò per aiutare la moglie fradicia di sperma ad alzarsi in piedi. La tenne a distanza di braccia ammirando il lavoro dei suoi compagni umani maschi.

"Sei magnifico!" le disse, sorridendo allegramente.

"Mi sento davvero eccitato!" lei rispose.

Jake sorrise e attirò il suo corpo appiccicoso contro il suo, godendosi l'umidità che gli impregnava la maglietta mentre le baciava le labbra ricoperte di sperma.

"Sei la troia più meravigliosa del mondo", le disse, interrompendo il loro bacio.

"Sono la tua troia, prima," rispose lei, sorridendogli. "Hai intenzione di vendermi adesso?"

Jake annuì ed entrambi si voltarono verso il blocco dell'asta. Ogni pochi minuti, qualcuno offriva la moglie o il partner sessuale da vendere al miglior offerente. Colui che l'ha comprata potrebbe farle qualsiasi cosa volesse per la prossima ora tranne ucciderla o mutilarla permanentemente. Quando il suo proprietario temporaneo ha finito con lei, è stata restituita a suo marito o al blocco dell'asta per guadagnare più crediti per il tesoro del club.

Jake ha consegnato sua moglie al baratto. L'uomo tirò fuori un blocco per appunti primitivo e iniziò a scriverci sopra con una vera matita. Béla lo fissò, senza ricordare l'ultima volta che aveva visto una matita – o una penna, se è per questo. Tutto era elettronico, adesso.

Si alzò, seguendo le sue istruzioni mentre il baratto la esaminava. "Piegarsi." – “Alza il vestito. Grazie." – “Fammi annusare il tuo alito.”

Lui si accigliò, poi allungò la mano e sentì la stoffa del suo vestito. "Ronzio. Bene. Te la caverai bene. Vieni qui, per favore. Hai firmato il modulo?"

"Sì, quando sono entrato", rispose Béla, "ma era per la fase due".

"Veramente!" esclamò il baratto, guardandola di nuovo. “Non so perché vorresti sfregiare un corpo sbalorditivo come il tuo. Ma a ciascuno il suo, suppongo.

Si allontanò da lei e uscì sulla piattaforma.

«Il nostro prossimo articolo, lotto numero venticinque», disse al microfono. Poi, a Béla, disse: «Passa sul cerchio illuminato, caro».

Ha continuato nel microfono, “Ha circa ventidue anni e una coppa 'B'. Il suo corpo è perfettamente liscio e ben tonico. Nessun tatuaggio o cicatrici evidenti. È letteralmente ricoperta di sperma – nei capelli, in bocca, sul vestito e tra le gambe. Alza il vestito, mia cara.

Béla si sollevò la gonna corta intorno alla vita e fece oscillare i fianchi da un lato all'altro. L'interno delle sue cosce e la sua figa nuda luccicavano di sperma alla luce su cui si trovava. I membri che guardavano hanno applaudito, fischiato e acclamato. Sorridendo ai suoi nuovi fan, ha abbassato il vestito. Diversi uomini l'hanno fischiata per questo.

"Va bene, signori", disse il baratto, ristabilendo una parvenza di ordine.

Si guardò intorno nella stanza. Più lontano dalla piattaforma dell'asta, c'erano persone che si scopavano a vicenda sul pavimento. Dall'altra parte della sala conferenze, un gruppo di uomini si stava ancora masturbando con la ragazza bionda della Fase Uno. Ma diverse persone, notando chi era sulla piattaforma dell'asta, stavano venendo da questa parte, sperando di fare un'offerta per l'affascinante bellezza dai capelli scuri esposta lì.

«L'asta partirà da cento crediti» annunciò il baratto. «E non si toglierà il vestito per meno di duemila dollari.»

Lui sorrise e le fece l'occhiolino. Nessuno era stato messo all'asta per più di duemila crediti quella sera.

«Cento», disse qualcuno. "Duecento!" "Cinque!" "Settecento!"

La gara è andata avanti. In un minuto circa, era a millesettecento crediti. La prossima offerta batterebbe il record dell'asta di questa sera.

«Milleottocento», gridò Jake.

"Non puoi fare offerte per tua moglie, signore", lo informò il baratto.

"Diciannove!" qualcuno gridò vicino alla parte posteriore.

Il baratto diceva: “Abbiamo millenovecento crediti per questa splendida troia ricoperta di sperma. Qualcuno offrirà duemila dollari per tirarla fuori da quel vestito sgradevolmente umido?

"Novecentocinquanta!" qualcuno gridò.

"Diciannove novanta nove!" urlò qualcun altro.

Il baratto ha esaminato la folla, poi ha individuato chi aveva chiamato l'ultima offerta. "Le dispiace se le chiedo, signore, perché non ha semplicemente offerto duemila?"

"Perché voglio scoparmela mentre indossa ancora quel vestito!" urlò di rimando.

"Sì!" urlò qualcun altro.

"E ti offrirò millenovecentonovantanove per averla quando avrai finito!" gridò qualcuno più vicino.

Anche molti altri hanno urlato.

"Molto bene, allora", annunciò il baratto, compiaciuto dell'azione che stava ottenendo. «Chiuderemo l'asta a millenovecentonovantanove crediti. Passa alla barra "condividi", mia cara. Quanti acquirenti abbiamo?

Sei o sette uomini arrapati hanno alzato la mano. Il baratto gli porse il ricevitore. Mentre la clientela che faceva offerte premeva le loro unità manuali, chiamava i numeri.

"Uno-sedici è chiaro, quarantasette, due-diciannove, due ventisei, uno-diciassette?" alzò lo sguardo. “Ah, marito e moglie, capisco. Il tuo è a metà prezzo, mia cara. Chiunque altro?"

Tese il ricevitore. "No? Molto bene allora. Vuoi fare un'offerta per stabilire l'ordine di utilizzo?" Nessuno sembrava voler pagare di più. "No? Quindi il lotto numero venticinque viene venduto per ottomilanovecentonovantacinque crediti. I proprietari possono ritirare la loro merce presso le scale. Puoi dimetterti ora, mia cara.

Béla ha attraversato il palco salutando la folla. Loro ricambiarono il suo applauso. Quando è scesa, diverse persone l'hanno salutata.

"Siete i miei nuovi padroni?" chiese allegramente.

Béla sapeva che per ottomila crediti, avrebbe dovuto fare una performance davvero eccezionale per l'ora successiva o giù di lì. Non vedeva l'ora di trascorrere una serata di puro eccesso sessuale, lucidandola (si spera) con il grosso cazzo di Jake nel culo quando gli avrebbero restituito il suo corpo ben usato. Sembrava che la Fase Due avrebbe dovuto aspettare fino al mese prossimo.

Mentre veniva catturata e portata via, fece un cenno a suo marito. Poiché era stato lui a venderla, non gli era permesso partecipare. Ma i suoi proprietari dovevano restituirgliela quando avevano finito di usarla. Jake salutò di rimando e le mandò un bacio.

'Divertiti! Buona gangbang!'

Béla è stata condotta in un salotto che è stato transennato per uso privato. Si chiese se questo gruppo arrapato avesse delle aspettative particolari. Poteva vedere nelle loro menti che due erano semplicemente ipnotizzati dal suo aspetto. Sembrava così incredibilmente scopabile che hanno dovuto fare un'offerta per lei. Volevano tutti scoparsela, anche la ragazza. Voleva che suo marito scopasse Béla mentre si sedeva sulla faccia di Béla, girata in modo da poter baciare suo marito mentre lui giocava con i suoi seni.

Una cosa avevano tutti in comune: volevano che si lasciasse addosso il vestito inzuppato di sperma. Avevano pianificato di aggiungere molto di più.

"Folla facile", pensò Béla tra sé.

Ballava per loro, magari giocava con se stessa, facendoli diventare bravi e arrapati (e anche se stessa), poi si fotteva il cervello.

'Buon piano!'

"Auk!" Béla gorgogliò quando la catena del suo colletto fu attaccata a un anello del pavimento. La catena era troppo corta per permetterle di rimanere in piedi. Guardò la persona che l'aveva legata, poi cadde in ginocchio, sapendo che era quello che ci si aspettava da lei.

"È una brava schiava", ha detto uno, notando la prontezza della sua risposta alla catena corta.

'Merda! Vogliono solo pompini! Non mi diverto...'

"Perché sei tutto coperto di sperma?" chiese quello che l'aveva incatenata.

Béla guardò nella sua mente. Si chiamava Davide. Era un dominante, come suo marito, solo più cattivo. Non le piaceva il modo in cui funzionava la sua mente. La voleva per sé e pianificò qualcosa in modo che gli altri non la trovassero più desiderabile.

"Gli uomini si sono masturbati con me, Maestro", sapeva come comportarsi da sottomessa. “E poi mi hanno fottuto. Maestro."

"E cosa farai per noi stasera, schiavo?" chiese.

"Sono a tua disposizione, Maestro", disse Béla, sapendo esattamente dove la stava conducendo.

Iniziò a concentrarsi sul suo cazzo, seguendo i suoi nervi e vari vasi fino all'inguine, cercando qualcosa che potesse usare per disabilitare il bastardo senza essere incolpata per questo.

"Giusto, piccola puttana," le ringhiò. «Sei a mia disposizione.»

Tirò fuori il suo cazzo e ordinò: "Succhia quello!"

Gli altri, meno energici e un po' timorosi di lui, decisero di aspettare il loro turno con lei.

"Brava troia!" David la completò mentre lei lo succhiava forte. Béla scoprì quello che stava cercando: un minuscolo sassolino nella sua vescica. Era abbastanza piccolo da passare senza preavviso. C'erano anche altre cellule semisolide che galleggiavano nella sua vescica. Li raccolse con la mente, aggiungendo la loro minuscola massa alla pietra. In meno di un minuto, aveva una pietra considerevole che gli avrebbe procurato un dolore lancinante se avesse portato a termine il suo piano per rovinarla per gli altri suoi padroni.

"Sei buono per la mia disposizione, troia!" le ringhiò. "Ed è così che ti userò: come unità di smaltimento!"

Béla si tirò indietro quando David iniziò a pisciarle in bocca. Le afferrò i capelli mentre lei si spostava di lato per togliersi di mezzo. Poi fu piegato in due dal dolore quando l'enorme pietra entrò nel suo pene e iniziò il suo viaggio verso l'esterno, bloccando il flusso di urina.

David si stava rotolando sul pavimento, tenendosi il cazzo e urlando. Béla le stava tirando la catena, comportandosi terrorizzata e cercando di togliersi di mezzo mentre cercava ripetutamente di prenderla a calci.

"Medico!" Béla urlò a squarciagola.

A causa del tipo di club che era, c'erano sempre una dozzina di medici a portata di mano. Uno si precipitò nella stanza quasi immediatamente.

"Cosa è successo?" urlò, cercando di farsi sentire al di sopra dell'uomo che urlava in mezzo al pavimento.

"Cagna! Mi ha morso! lui gridò.

Ha provato a prenderla a calci di nuovo. Béla scosse la testa in segno di diniego, continuando a tirare la catena e cercando di allontanarsi dai suoi piedi scalcianti.

"Non l'ho fatto!" lei pianse. “Non so cosa gli sia preso! Ha provato a pisciarmi addosso! Non ho fatto niente!

Il medico ha tirato fuori la sua pistola ad aghi, equipaggiamento standard da queste parti, e ha riempito David di tranquillanti, la stessa sostanza di cui qualcuno aveva iniettato la ragazza bionda dopo la sua esibizione con le candele. Dopo qualche secondo, David si sdraiò, molto più rilassato, ma ancora tremante e coperto di sudore.

Il medico ha tirato fuori uno scanner e ha iniziato a registrare le condizioni di David, a partire dal suo cazzo. Non aveva bisogno di andare molto lontano.

"Ha un blocco", annunciò il medico. «Sembra un calcolo renale. Sono sorpreso che qualcosa di quelle dimensioni sia arrivato così lontano. Di solito, se riesce a entrare nella vescica, può uscire di nuovo. Il tubo di 'uscita' è molto più grande.

"È questo che non va in lui?" chiese Béla, la voce tremante mentre interpretava ancora la vittima innocente.

"Sì", rispose il medico. Alzò lo sguardo su due conduttori di palco che avevano sentito l'uomo urlare ed erano venuti in aiuto. «Mettilo nel camion con la ragazza Olsen. Non appena la prossima esibizione sarà finita, li faremo tutti in un viaggio.

"La prossima esibizione?" chiese Bela.

Guardò nella mente del medico. Intendeva la Fase Due. Ogni mese, quando si riuniva il SAM Club, la sua unità di solito portava in ospedale una, ea volte due, vittime di automutilazione. Questa volta, ora che ne aveva già due, se ne aspettava uno in più a causa della presentazione speciale, la rievocazione di una famosa scena di Star Trek in cui il comandante romulano dell'Enterprise interroga un ufficiale Klingon. La ragazza del tabacco da fiuto che interpretava l'ufficiale Klingon nella versione originale di Tri-d morì in seguito per le ferite riportate, dando alla produzione molta più notorietà.

Gli addetti al palco portarono il povero David su un carrello mobile.

«Dovremmo ricominciare la nostra ora», suggerì Béla agli altri.

Tuttavia, nessuno era eccitato adesso. Gli altri due liberarono Béla dai suoi obblighi di schiava messa all'asta fino al mese successivo, o più tardi quella notte, se si fossero incontrati di nuovo. L'uomo che era lì con sua moglie ha invitato Béla e suo marito a casa loro per una cena e una serata di intrattenimento. Béla, come loro schiava, accettò con grazia. Non le dispiaceva uscire a cena. Non sarebbe stata lei a pulire dopo. E sospettava che sarebbe stata lei l'intrattenimento.

La coppia ha restituito Béla a suo marito nella sala d'attesa. Jake si alzò, notando che Béla non aveva un aspetto molto diverso da quello che aveva quindici minuti prima.

«Ciao, tesoro», disse Jake, abbracciandola. "Che fine ha fatto la gang bang?"

"È fallito", gli disse. "Un tizio ha cercato di rovinare tutto agli altri pisciandomi addosso."

«L'hai mandato in ospedale?» chiese Jake, sapendo come si sentiva al riguardo.

Bela annuì. ‘Damned right I did!’

“These are my auction owners,” Béla said, introducing the pair behind her. “This is Nick, and this is Nova. Compton, is it?”

Nova nodded.

“In order to fulfill my obligation as an auction slave, they want to invite us for dinner,” she told him.

“Sounds like fun,” Jake said, smiling. “That way, she can spend more than the requisite hour with you.”

“Yeah,” Béla agreed. “But, with this arrangement, you get Nova.”

“You both get me,” Nova offered. “I still want to make love to you, Betty.”

“Béla,” Béla corrected her, smiling. “If you forget again, just yell, ‘Hey, slut!’ I’ll know you mean me!”

They all laughed.

People began to move toward the stage again.

“The next performance must be beginning,” Nick said.

“Oh, good,” Nova said, grinning and pushing her husband toward the stage. “It’s supposed to be really gruesome.”

“They’re hungry for some blood, aren’t they?” Jake asked.

“Yeah, so long as it’s not theirs,” Béla agreed. “You ever watch Star Trek?”

“No, not since they killed off Captain Janeway,” Jake told her. “That was about seventy, maybe eighty years ago… something like that.”

“You liked her?” Béla wanted to know.

“Not especially,” Jake admitted. “It was the way they did it. The Klingon High Command condemned her to death and had her burned at the stake for treason.”

“Ugh!” Béla said. “I’m glad they’re not reenacting that scene tonight.”

“What scene are they reenacting?” Jake asked.

“Some torture scene where some commander interrogates a Klingon,” Béla told him.

“The one where Captain Conway tortures Commander Worf’s granddaughter?” Jake asked, incredulous. “The girl who played Sharla died! For real!”

“I thought you didn’t watch Star Trek anymore,” Béla said.

They were crowding up to the front of the stage, now.

“I don’t,” Jake admitted. “But everybody saw that episode. It was on the Kelly Thompson News Hour!”

“Who?” Béla asked.

“Never mind,” Jake said. “You weren’t here, then. That was about ten years ago.”

“Sorry,” Béla apologized. “I got back as soon as I could. The Praetor held me captive inside it for most of the time I was gone.”

“Why did it do that?” chiese.

“I don’t know,” Béla said. “I think it believed it was protecting me, or something. It was also using my life force for battery backup.”

The lights dimmed, then came back up.

“Uh-oh,” Nick, standing nearby, said. “Somebody chickened out.”

A man came onstage. It was the same guy who had auctioned her off, earlier.

“I’m sorry, gentlemen, and ladies,” he announced, “but the winner of our Stage Two Lottery has declined to play her role tonight. We are asking for a volunteer to take her place.”

He looked directly at Béla.

‘We want you!’

Béla laughed, hearing his thought.

‘How do you know I’ll do it?’ she dared to think into his head.

“Are you up for a real challenge?” he asked her, out loud.

People looked around to see who the announcer was talking to.

“Go for it and I’ll fuck you blind afterwards,” Jake whispered in her ear. “But you have to leave the spikes in while I do it.”

“Spikes? Christ! Do you think I’m crazy?” Béla hoarsely whispered over her shoulder.

“I know you are,” Jake told her. “Crazy about sex, crazy about being mutilated. Just be careful when they put that hook in your…”

“Mrs. Pestova,” the announcer said, interrupting their loudly whispered conversation. “Are you volunteering?”

“Um, it doesn’t involve decapitation, does it?” she asked him, feigning nervousness to cover up how horny she was right this instant.

“No, Mrs. Pestova, it doesn’t,” he promised. “Please come this way.”

The crowd broke into a smattering of cheers and applause as Béla climbed up on the stage and followed the announcer, her heels clopping loudly on the hardwood stage floor.

Jake heard Nova disgustedly complaining to her husband. “Oh, fuck! There goes next week’s dinner plans!”

“Maybe not,” Nick replied. “If she’s still alive after the performance, they’ll put her on display. She probably won’t live long anyway, so maybe they’ll let us have her after that. She still owes us an hour, and club policy insists that members are indebted for any monies earned for the club…”

Chapter 10 ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

“Who’s next on the agenda,” the goddess Elaine asked the court assistant.

“Mr. Jake Hedron, Goddess,” the man replied.

The Golden Goddess sighed. This was his fourth petition to retrieve his wife from exile on Earth. She’d been exiled several months ago for treason against her husband’s family, causing the deaths of everyone in his family and two of Elaine’s immortal sisters.

“Show him in,” she said quietly.

She never turned anyone away, even a worthless pest like Hedron who, instead of going to university and learning a useful trade (security not being a viable trade in New Eden), spent his time sorting through and cataloging the records that the librarian Sabrina had spent half her life downloading from the last remaining Praetor.

“Thank you for seeing me, Goddess,” Jake said, as he was admitted into the temple court.

Elaine noticed that he walked crouched over, although his physical fitness was still that of a twenty-year-old human. She knew what pain caused him to walk that way, but was still unwilling to change her mind about his exiled wife. As her primary accuser, only the goddess Elaine could make the request to terminate the woman’s exile and she had no intention of doing so.

“What is it this time, Master Hedron?” Elaine asked tiredly, already knowing the answer.

She called him ‘Master’ because he was working in the records department at university. He spent most of his time trying to find a historical precedence that would free his wife, but he was also putting university’s historical records in order, so perhaps he had some use, after all.

“I’ve come across an entry that describes the beginning of the university Praetor’s usage. It seems that Béla actually destroyed the previous Praetor because of some misunderstanding of its intentions regarding her continued survival.”

Elaine frowned at the human who dared to use her dead sister’s name, but honored her decision to hear him out, despite the fact that she wanted nothing more than to teleport him onto the outer surface of the little hollow moon they occupied.

“Continue,” she commanded.

“Um, thank you, Goddess,” Jake murmured nervously. “It seems that a Praetor is capable of recharging itself using the, um, ‘souls’, if I may use that word, of the people it comes into intimate contact with.”

“Yes?” Elaine asked. “And your point, Good Sir?”

“There is a Praetor still on earth,” he said, knowing he wasn’t telling her anything she didn’t already know. “If Tabatha could be guided so that she could find that Praetor, perhaps she could…”

“The Praetor’s location on earth is unknown,” the Golden Goddess declared, seeing where his logic was going. “It was hidden from prying minds by my deceased sister, whose ‘life force’ remains undetected, as well.”

“So Tabatha’s life is to be wasted to pay for something she didn’t know she was doing?” Jake cried out. “It was my family that died! I should have some say in what happens to her!” Elaine looked down at him in pity. It always came down to the same argument. “She's all I have left.”

“Your request is refused, whatever it would be, Master Hedron. No one knows where the Praetor on earth is, so whatever new scheme you’ve hatched to rescue your wife is, by this fact alone, thwarted,” Elaine said quietly. “Aaron, please show Master Hedron out.

“And Aaron?” The court assistant turned toward her. “No more petitioners today.”

Elaine stepped down off her seat. She wasn’t enjoying her job any more. She hadn’t enjoyed much of anything since her sister was drugged and murdered, two centuries ago.

The worst part of it, now – the part about living on, anyway – was the indeterminable waiting for a tiny ball of fire eight hundred million kilometers away to burst. No one was certain if New Eden was far enough away to be protected by Jupiter’s mass when the big event finally occurred. No one was certain that even massive Jupiter, itself, would survive the incredible assault of energy the sun would release when it went nova.

‘What if it’s all a waste,’ Elaine thought as she walked toward the goddess’ mansion.

She imagined some lizard-like child (the only alien race she’d ever met) pointing up at the night sky at the pretty new star, not realizing that the bright light that so enamoured him announced the demise of two intelligent species.

‘Is that what all our endeavors boil down to?’ she lamented. ‘A bright light in some alien child’s eye?’

She entered the mansion through the front door. That in itself was unusual, for the Golden Goddess usually flew directly to the balcony entrance of her quarters. Their quarters – she and Jacob, her life-mate.

He met her at the door, Jacob did, surprising the goddess with his infectious grin and lightening her mood, as always.

“You always know where I am, don’t you,” Elaine said, stretching up to kiss him.

It wasn’t a question as much as an acknowledgement of his devotion to her. He didn’t answer. He just kissed her.

“What do I smell?” she asked, brightening up even more.

Jacob, Elaine discovered early in their relationship, could cook. So when Chef passed away, several years after she’d officially made Jacob her lifemate, Jacob took over the cooking for everyone in the mansion.

“Come and find out,” he replied, then led her into the dining hall.

Dinner was a meat loaf made from lamb, pureed rice, mushrooms, onions and yesterday’s bread (sun dried and crumbled, then mixed in with pureed tomato) and eggs. It was lightly spiced with salt, pepper, dried garlic and ginger. Potatoes pureed with cream and chives, then spiced with pepper, paprika and garlic accompanied the lamb loaf. Everyone thought it was wonderful. Elaine thought it was another of Jacob’s wonderful sausage dishes he often served. In fact, the lamb loaf was called ‘sausage’ loaf.

Shortly after Jacob took over the cooking for the mansion, he decided to wean Elaine off sausage. To him, sausage was the most unhealthy, grease-laden non-meat that had ever been invented by mankind. After experimenting around for several years, he discovered a combination of lamb, rice and mushrooms that he could make taste just like sausage, right down to the texture. By adding a small amount of bacon fat, even Elaine couldn’t tell the difference.

So, Jacob very covertly began to replace the sausage that Elaine craved in her diet with lamb, rice and mushrooms. In less than a year, she was unknowingly weaned off sausage completely. Over the next few years, he gradually cut down on the amount of grease, also. Now, Elaine could have all the sausage dishes she desired (and he had taken the time to learn sixty different ways to prepare it for her), and she and the rest of the household were eating healthy.

In addition, to protect the recipes that he kept in his head, he asked Elaine’s sister, Dawn, to show him how to shield those images in his mind so that none of the other telepathic goddesses could raid his mind and serve his gourmet dishes in their own districts. In addition, the shield protected him from Elaine ever finding out she wasn’t eating sausage.

Jacob normally didn’t prepare desserts with starch-heavy meals like the one they’d just eaten, so, after the main course, Elaine and Jacob retired upstairs while the servants cleaned up.

“Play for me?” Elaine asked, smiling at him.

“Of course, My Queen,” Jacob grinned back at her.

He recalled when he met her. The goddess had come to him in the middle of his sleep period. They’d made love for hours and hours. Then he’d played his pipe for her. After mere minutes of pouring his heart out to her on his pipe, Elaine knew she was in love.

His current pipe was an instrument he was proud of. It was the fourth one he’d carved; each one more exquisite and intricate than the previous one as he learned more about the instrument. This one was capable of producing two tones at once from the same mouthpiece. He’d even written several compositions specifically for this instrument, although it was the only one of its kind in existence.

~~~~~

Jake Hedron had returned to university after his abrupt dismissal from the temple audience chamber. It had been more that three months now since his wife, Tabatha was taken from him and, in a trial lasting less than an hour, sentenced to exile on a barren, baked Earth. The justices had immediately surrounded her and teleported her there after stripping her of her powers. He hadn’t even been allowed to say goodbye to her.

Since that day, Jake had relentlessly spent every free moment learning as much as he could about the justice system, the powers of the goddesses, previous judgements; anything he could use in an attempt to free his wife. Today was the first time he’d tried subterfuge, attempting to create a situation where his wife would have access to a Praetor, the ultimate lawgiver in this society.

He knew that if Tabatha could access a Praetor, she could possibly convince it to retry her case, if she were even still alive, that is. Earth today was a dry, dead, radioactive wasteland with limited plant and insect life. Tabatha was fit, strong-willed and resourceful. But she was a city girl, and… Three months of scrounging for food and water? Jake doubted that even he could survive those conditions.

He spent the next six hours researching Béla’s trial where she’d murdered a landowner and taken over his estates. He didn’t find anything he could use, but now he understood why she had been given the freedom to govern herself free of any impediments.

Exhausted from his efforts, and heartsick that he may never see Tabatha again, he staggered to his cot in the dormitory. That night, for the first time, she came to him in his dreams.

He woke up. There was someone sitting on the cot, tipping the thin mattress at an odd angle. Sitting up in the darkness, he could see a silhouette. There was a female sitting on the bed with him.

“Jake?” she asked, seeming as surprised to see him as he was to see her.

“Tabatha?” he asked, incredulous. “How? When did you get back? I petitioned at the temple again today and the goddess didn’t mention your return.”

“I’m…” Tabatha began.

Then Jake was hugging her – almost crushing her against him, sobbing his relief that she still lived and she was with him, again.

“I’m still on earth, darling,” Tabatha told him when he let her breathe again. “The Praetor taught me how to dream-walk so I could visit you.”

“I’m dreaming this?” Jake asked, his elation crashing down as fast as it had risen.

“Yes,” Tabatha said quietly. “And so am I!”

She reached forward to kiss him again.

“Oh, God! I’ve missed you so!” Jake exclaimed ardently.

He pulled her down with him on the cot. She responded, kissing him warmly and wrapping her arms tightly around him. Then Jake noticed how thin she was. She was thinner now than she was immediately after she’d teleported them both into this horrid future they were trapped in.

Tabatha, her empathic abilities working now that she wasn’t in her body, noticed his worry immediately.

“There’s food and water here,” she said, hoping to ease his mind. “The sun’s really hot and it burns me every day, but I heal at night, and the sky is really beautiful. The Northern Lights cover the entire night sky and are so bright you can only see the most brilliant stars behind them.”

“You’ve found food and water?” Jake asked, “and the Praetor, too? How did you manage all that?”

Tabatha opened her mind to him, letting him see some of the less traumatic ordeals she’d gone through in the last week or so. She didn’t let him see earlier than that – she didn’t want him to know how she’d managed to survive from day to day by eating bugs and drinking mud until she’d finally found that food cache.

She let him see that, for the last hour or so before she came to visit him in his sleep, she and the Praetor had practiced her dream-walking to teleport things she needed to survive without triggering the image detector placed in her skull by the justices.

The first thing she’d dream-walked back to Béla’s ruined house was tomorrow’s menu from the food cache she’d discovered in Somerville. Then she’d searched, still dream-walking, for containers to hold water and dream-walked them to her little stream near the Washington Street Bridge. Once she had both food and water and was settled into Béla’s roofless ruins, she dream-walked to New Eden to visit Jake, feeling much happier than she believed she would ever feel again.

“So, here I am,” Tabatha cheerfully concluded her visual update.

Jake couldn’t believe how upbeat she sounded, especially since he had spent the last three months in the deepest depression imaginable.

“You are so incredible!” he exclaimed, radiating pure joy at her seeming well-being. He hugged her to him again. “But you’re so skinny! You never got a chance to fill out after you brought us here.”

“It took a long time to find food here,” Tabatha admitted. “Most of the food, even canned goods, is so irradiated by the sun that it’s spoiled. And Massachusetts is so dry, now. There used to be hundred of rivers and lakes. And millions of trees. They’re all gone – dried up. Most of the trees are gone, too. I think maybe insects ate them.”

“Insects?” Jake said, suddenly worrying again. “What kind of insects eat entire trees?”

“Oh, termites, ants,” Tabatha replied. “This planet’s been dead a long time. It probably took them a long time to eat all the trees.”

“So you’re doing all right?” Jake asked, wanting her to lie, if necessary, to ease his mind.

She could see that, too. She also saw that it embarrassed him to believe that he was that callous. She smiled at him in the darkness.

“It’s lonely,” Tabatha said, her quiet voice belying the desolate emotion behind her words. “I would have died for someone to talk to.”

She hugged him tighter, opening her mind further to let him know how wonderful she felt stretched out against him, molding her body against his from her head to her toes.

She withheld the fact that she really hadn’t missed him. She had been too busy, trying to survive in that forsaken wasteland the justices had dropped her into, to spend all her emotional energy grieving because her husband wasn’t sharing her terrible fate. Her mind simply didn’t work that way.

She was extremely glad that he wasn’t with her in this horrible, desolate place. It surprised her to realize that she could live without Jake, but she would rather be without him than have him trapped on Earth with her. But, if given a different choice, it was much more wonderful to be with him than to be alone, even if she could only be with him in her dreams.

Jake’s body responded to the pleasure she radiated though him, quickly reminding him that he hadn’t made love to her for three long, lonely months. He began caressing Tabatha’s back and shoulders and discovered she was covered with incrusted dirt.

“It helps keep the sun from burning too badly,” she explained when he asked her. “And it keeps bugs off at night when I’m sleeping.”

“Why don’t you sleep during the day?” he asked her.

“You try sleeping when the temperature is over a hundred every day,” she replied. “I’ve passed out from the heat, but that’s not sleeping. Besides, the bugs don’t come out during the day.”

“Bugs come out at night?” he asked, wondering what she meant.

Tabatha shuddered, unintentionally broadcasting images of waking up to swarms of tiny, red ants covering her body and trying to eat her alive. She could regenerate as fast as they tore their tiny chunks of flesh off her, and actually found the sensation of being eaten alive somewhat erotic, minute though their little mandibles were.

“That’s the vampire blood in you, darling,” Jake explained, smiling.

He remembered a confession she’d made to him after her first field operation at Tomlin Security. She’d hesitated and almost gotten herself killed just to see what it felt like to be blown up.

“You probably like the sun burning your skin, too,” he added, rubbing some more crumbling dirt off her arms. “In fact, I believe that you enjoy everything that’s been happening to you!”

Tabatha thought for a moment. “You’re right, I think. I never really thought about it. I really don’t mind being here. It’s lonely, and before I found the Praetor, I nearly starved to death.

“But I didn’t mind any of it!” she exclaimed, surprising herself with the realization. “I’m experiencing life at its most extreme. I’m actually happy here!”

“And you can visit me at night,” Jake added, smiling at her.

He didn’t really know if she was telling the truth, or just trying to relieve his anxiety. Perhaps it was some of each.

“But if I’m happy where I am,” teased Tabatha, “why do I need to visit you?”

She moved her hips slightly, letting his growing hard-on slip into the space between her legs, then squeezed her legs together, trapping his beautiful cock between them.

“Oh! Now I remember why…”

Jake laughed and kissed her again. She returned his kiss, gently moving her pelvis back and forth, dry-humping his hard-on. She moaned into his mouth after a few minutes of passionate kissing and rubbing. Jake noticed that his dick was moist, now. He realized she must have already had an orgasm. He found it odd that she hadn’t shared it with him.

“Sorry,” she said. “I was imagining us back home. We’ll probably never get back, will we?”

She sighed, seeming a little depressed.

Jake positioned himself so that he could shove his cock inside her. Gently, he pushed forward. Tabatha opened her eyes for a moment as she realized what he was doing, then smiled at him and closed her eyes again. She opened her mind to him, letting him know how good he felt inside, stretching her where she hadn’t been stretched for a long time.

As he pushed farther in, she moaned and gently arched her back, radiating her pleasure from the small release she’d just had. Jake realized that, physically, she was exhausted from just trying to stay alive. Any orgasms she had tonight were not going to be mindbenders, despite their long separation.

He held her tightly against him, loving how her soft and warm, but very dirty body felt against his as he moved slowly in and out of her. He raised her head and let her rest her cheek on his so she could breathe more easily. It was also easier to kiss her sexy neck in that position.

She still smelled like Tabatha, but he could detect the strong odor of stress. It was an older scent, not the one she was emitting now, but she had been stressed recently; in the past day or so, anyway.

Tabatha was responding to his movements, now, moving her pelvis toward him so that he could get deeper with each thrust. She was also getting wetter down there. What she was radiating seemed to be a nice, long, constant, low-level but very pleasant orgasm.

After a few more moments, Jake began thrusting faster, feeling his own orgasm approaching. Tabatha picked up her pace; her constant, low-level sensations quickly building up into a crescendo of explosive, orgasmic satiation. Her pussy erupted in orgasm, sending waves of ecstasy throughout her body. They radiated on out into Jake’s body as well. Jake’s cock exploded into her soaked pussy, adding his juices to hers and radiating his orgasm back through her.

They came down from their ecstatic heights slowly, holding each other tightly and just feeling each other breathe. Tabatha moaned and moved her head back to look at him. She put one hand on his cheek and smiled at him.

“I love…” she faded.

Jake cried out in anguish as his arm dropped through her fading body. His emotions crashed from complete sensual ecstasy to complete and total misery in just the few seconds it took for Tabatha to fade completely away. He cried out his misery to the empty room, twisting and turning in his sleep as the dream faded away. Then he relaxed into a deeper and more restful sleep than any he’d had since the justices had stolen her away from him.

~~~~~

Elaine lay awake in her life-mate’s arms. Jacob had played for her, then he’d shown her a new set of pipes he was making. One side of the dual-bodied pipes was much smaller than the other. When he’d shown her how it would sound, it made a high, delightful peeping sound, rather than the soft, low, melodious sound of the larger and wider pipes he’d made.

Then they had laughingly, lovingly, had sex together. Even after two hundred years, she still delighted in his company and his lovemaking. She loved his cooking and his talking as well. She’d never known anyone who wanted to talk to her, except for the Bard Geoffrey. And the great bard had been more interested in simply getting her to change her sluttish behavior than he was interested in her as a real person. Jacob had succeeded in making her a one-man woman where Jeff had failed. But, to be fair, Elaine had never loved Jeff – especially not like she loved Jacob. She’d seduced the great bard many times before she met Jacob, and Jacob already knew of her sexual reputation when he’s asked her to be his lifemate.

Tonight, as in many nights before, Elaine lay awake for hours in Jacob’s arms as he slept. Three months ago, she’d had a vision as the goddesses surrounded the little murderess, Tabatha Hedron, preparing to exile her to her home world for destroying the future of her husband’s family and causing the deaths of Béla and Beth, or rather, Lisa. Once she was exiled to earth, in the vision, she would have the opportunity to correct her mistake.

Elaine didn’t understand what the earth girl would do, especially with her powers bound by the image alarm placed in her brain. But the vision only required one thing of the Seeker as she held hands with her sister goddesses and aided in teleporting the murderess to Earth. The murderess needed to be dropped near where Béla had lived when she had been captured, drugged and killed.

Elaine passed the image of the location in her vision along to her sisters, and then they carried out the sentence. The space where the earth girl had stood was suddenly empty. A great cry of anguish echoed throughout the room from a single male throat. Elaine turned and watched as the earth girl’s lifemate dropped to his knees crying out his denial of what he just witnessed. Watching him, she felt no emotion whatsoever. She turned and left the temple.

But every time she saw Hedron now, she still heard that haunting cry. As time passed, and his arduous efforts to seek a reprieve for his exiled wife continued, her conscience bothered her more and more. Her error was in not letting them say goodbye. She and Jacob, her own lifemate, had had their single biggest quarrel ever over that very point.

“If I was him,” Jacob told her, “and it was you trapped and powerless on a dead world, I’d move heaven and hell to get you back. He’s behaving much more civilized that I would. So don’t complain to me that he ‘bothers’ you. It’s your conscience that bothers you, so take it to the justices and see if you can make amends to him!”

That was the only time they’d ever discussed it. After that, Jacob was his pleasant, normal self – perhaps putting a little more effort into pleasing her, which she liked, although it reminded her that Hedron was still missing a lifemate.

Something moved in the ethereal world her mind occupied. Someone was dreamwalking in a nearby building. She recognized the aura. Furious at the murderess’ violation of her exile, she dream-walked out of her body and relocated next to the eart

Storie simili

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

1.2K I più visti

Likes 0

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

926 I più visti

Likes 0

La nuova vita di Aria Pt3

Aria Mi sono svegliato con un sussulto tra le braccia di mio padre. Cosa c'è che non va, Aria? mi chiese preoccupato. Solo un sogno 'strano', immagino. Sudavo e tremavo. Il re deve averlo notato. “Sei venuto mentre stavi dormendo. Sei venuto spesso in questi ultimi due giorni.» Mi prese tra le sue braccia e mi tenne stretta. Nel momento in cui sono tornato tra le sue braccia ho iniziato ad avvolgere il mio corpo intorno al suo, cercando di più. Papà, per favore, ho supplicato. Assolutamente sì, Aria. Detto questo, iniziò a baciarmi e mi adagiò sulla schiena, stritolandomi. I...

921 I più visti

Likes 0

Sogno di compleanno

Buonanotte, ragazzi, e grazie ancora per i fantastici regali. Va bene, mamma... e possiamo dire che stai invecchiando visto che vai a letto così presto. Non sono vecchio, ragazzini... ho appena avuto una giornata molto lunga e ho bisogno di dormire. Certo, mamma, qualunque cosa tu dica e i tuoi figli scoppiano a ridere mentre esci dal soggiorno e torni in camera da letto. Ti chiudi e chiudi a chiave la porta dietro di te, poi ti spogli. Una doccia veloce, pensi, e poi te ne andrai per un po' di sonno tanto necessario. Sorridi tra te stesso mentre pensi a...

935 I più visti

Likes 0

Mia moglie Maryanne - Cap. 3

Maryanne e io, e talvolta con il nostro amico John, abbiamo continuato settimana dopo settimana con il nostro gioco di Maryanne indossa il suo vestito sexy e visitiamo un bar locale. In realtà, siamo stati lontani dai bar troppo vicini a casa e da quelli in cui potevamo incontrare qualcuno dei miei colleghi. Non so come potrei affrontare le persone con cui ho lavorato scoprendo il nostro piccolo segreto. Sono sicuro che se fossimo scoperti la voce si sarebbe diffusa in tutto il posto di lavoro e ogni possibile futuro che avevo con l'azienda sarebbe finito. Tuttavia, non avevamo programmi per...

914 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

897 I più visti

Likes 0

Gli ospiti

Gestivamo il B&B da un paio d'anni, affittando solo l'attico che era piuttosto autonomo. Ha portato un po' di soldi in più. Prima di iniziare ero completamente contrario, ma poi, quando gli ospiti hanno dichiarato di venire, mi sono abituato e ho iniziato a divertirmi un po'. Un vero mix di persone. A volte uno attirava la mia attenzione e spesso fantasticavo su di loro che scopavano nella stanza sopra la nostra camera da letto o qualche altra avventura sessuale. Questo fine settimana abbiamo avuto una coppia dall'Olanda. La moglie ei bambini erano via, quindi stavo volando da solo. Devo dire...

963 I più visti

Likes 0

Devo essere il ragazzo più fortunato del mondo,

Devo essere uno dei ragazzi più fortunati del mondo. Ho un fantastico matrimonio di tre anni con una delle troie più sexy del mondo e lo adoro. Mi chiamo Paul e mia moglie è Mary. Ho 30 anni e sono 6'2 e peso 185 #. Ho un cazzo che mi attira molta attenzione. È alto 8 ed è spesso e duro come una roccia. Posso scopare per mezz'ora prima di scaricare così tanto sperma che nessuna figa è ancora riuscita a trattenerlo tutto. Mary è una vera bomba con un bel viso e un corpo all'altezza. Lei è alta 5'7 e...

53 I più visti

Likes 0

La moglie vuole un altro bambino_ (1)

Questa è una storia di fantasia che coinvolge me, mia moglie e il suo patrigno Mia moglie, Nicole ed io siamo sposati da 7 anni e abbiamo tre figli meravigliosi. Viviamo in una città più piccola e la maggior parte delle persone qui sono amici intimi e molta famiglia. Quando è nato il nostro primo figlio, gli è stata diagnosticata una sindrome ed è stato allora che abbiamo scoperto che entrambi siamo portatori di un gene. Dopo che al nostro secondo figlio è stata diagnosticata la sindrome, quando ho deciso che avrei dovuto sottopormi a una vasectomia per evitare che altri...

964 I più visti

Likes 0

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

950 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.