Fat Bastards violenta il mio culo - storia 4

1.9KReport
Fat Bastards violenta il mio culo - storia 4

Sapevo che The Fat Bastard sarebbe stato in giro oggi per riscuotere l'affitto e non sapevo cosa aspettarmi. Non avevo i soldi, quindi ero sicuro che avrebbe voluto scoparmi di nuovo, ma non sapevo cos'altro avrebbe potuto volere. La prima volta che è venuto, mi aveva appena scopato lui stesso, ma la seconda volta mi aveva dato anche a suo figlio. Questa sarebbe stata la terza volta e sospettavo che sia lui che suo figlio mi avrebbero voluto scopare di nuovo, ma non sapevo se sarebbe stato sufficiente per coprire l'affitto del mese.

Ero sdraiato sul mio letto a leggere un libro per l'università quando ho sentito la chiave nella porta. Mi chiedevo quale fosse. Ha fatto poca differenza quale ha preso il turno per primo.

Ho visto il figlio girare l'angolo e appoggiarsi allo stipite della porta. Aveva un grande sorriso stampato in faccia. Indossava ancora un completo bianco a conchiglia che non era molto attraente, ma aveva qualche macchia in meno sul viso ed era magro, giovane e più bello di suo padre.

«Immagino che tu sia venuta per l'affitto», borbottai e mi sedetti sul bordo del letto. "Tuo padre viene più tardi?"

"No. Papà non viene. Ha detto che potremmo fottertelo questo mese.

All'inizio non ero sicuro di aver sentito bene. "Cosa intendi per noi?" ho chiesto.

Entrò nella stanza e poi due ragazzi di trasloco fecero un passo dietro l'angolo e lo seguirono dentro. Uno di loro era basso, all'incirca della mia altezza, 5'5 ma doveva pesare 200 libbre. L'altro era più alto, più magro ma non più bello.

"Non c'è niente da fare", borbottai come se avessi una vera scelta.

«Questo è Robbie», indicò quello grasso, «e questo in Karl. Sono entrambi vergini".

Robbie lo ha colpito alla spalla. "Non dirle quel Jamie."

Ora sapevo come si chiamava. Jamie; che sbuffo nel suo cappellino da baseball al rovescio.

"Quella figa ha preso la mia verginità", ha detto Jamie. Lui mi guardò. "Togliti il ​​kit e mostraci la tua figa o darò un anello a mio padre e gli dirò di venire a scoparti lui stesso. Forse porterà alcuni dei suoi compagni di poker".

Mi sono tolto il top e mi sono sfilato i jeans prima di arrampicarmi sul letto e sdraiarmi sulla schiena. Ho visto Karl e Fat Robbie sussultare mentre mi vedevano in mutande.

"La sto scopando per prima", disse Jamie e si spogliò prima di arrampicarsi sul letto e afferrare le mie mutandine. Li tirò giù, poi li tolse prima di gettarli a terra. Afferrò le mie tette attraverso il mio reggiseno e le strinse.

"Togliti le tette", disse Robbie. L'ho guardato. Era già nudo e si stava accarezzando il suo cazzo duro e grasso. Ho sganciato il reggiseno e l'ho tolto, liberando il mio seno che rimbalzava.

I ragazzi si sono avvicinati immediatamente e hanno iniziato a strizzarli e a torcere i miei capezzoli.

Jamie ha speronato il suo cazzo dentro di me. “È tesa oggi ragazzi. Ci succhierà le palle".

Ha iniziato a scoparmi molto velocemente, speronandomi con il suo piccolo uccello il più forte possibile, chiamandomi troia e puttana per tutto il tempo mentre i suoi amici ridevano. È durato solo pochi secondi e ha grugnito forte, proprio come suo padre e ha tirato fuori il suo cazzo spruzzandomi sperma sullo stomaco e sulle tette. Quando ha finito ha massaggiato la mia sborra sulla mia pelle prima di alzarsi.

"Non voglio scoparla come un cane", annunciò Robbie e mi afferrò per i fianchi, tirandomi in ginocchio.

Karl si avvicinò e si fermò di fronte a me. "Puoi succhiare il mio cazzo", ha chiesto educatamente.

Jamie rise. "Succhia il suo cazzo troia", ha detto.

Ho aperto la bocca e l'ho avvolto attorno al cazzo di Karl quando ho sentito Robbie spingere il suo grosso cazzo nella mia figa stretta.

"Hai ragione amico", disse Robbie. "Questa è la fica più stretta che abbia mai avuto."

"Questa è l'unica fica che tu abbia mai avuto", rise Jamie.

Ero lì, inginocchiato sul mio letto, il grasso Robbie che mi picchiava il suo cazzo da dietro e grugniva "Prendi quella sporca puttana" e Karl che si lamentava mentre mi scopava la bocca.

Ho visto Jamie che si strofinava l'uccello per renderlo duro.

"Vai avanti. Sputare arrosto quella puttana sporca", gridò.

"Tuo padre aveva ragione", disse Karl a Jamie. "Lei è una così brava succhiacazzi."

Mi chiedevo se avessero ragione. Cominciavo a sentirmi una prostituta. Stavo succhiando il cazzo duro di Karl, cercando di farlo venire e Robbie stava per venire.

«Ah, sì», gridò Robbie. "Vado a pomparle la fica piena di sperma per bambini."

Robbie grugnì e gridò "Sì puttana", poi inondò la mia figa con il suo sperma. Quando ha tirato fuori il suo cazzo, il liquido ha iniziato a colare all'interno delle mie cosce.

“Il mio turno,” disse Jamie e si fece avanti dietro di me.

Jamie ha posizionato il suo cazzo e ha iniziato a spingermelo nel culo. Mi lasciai cadere sul letto voltandogli le natiche dall'altra parte e gridai: "Ho detto di no. Potete fottermi nella figa o potete uscire tutti.

«Non essere cattivo», gridò Karl.

Lui acconsentì e io mi inginocchiai di nuovo. Ho preso il cazzo di Karl in bocca e ho continuato a succhiarlo forte. Jamie ha spinto il suo cazzo nella mia figa da dietro e ha iniziato a scoparmi forte e veloce.

Robbie era seduto sulle sedie e mi guardava mentre venivo arrostito allo spiedo dai suoi due amici. Il suo cazzo era quasi di nuovo duro e sapevo che in poco tempo mi avrebbe scopato di nuovo.

Proprio in quel momento Karl mi ha afferrato la testa e ha spinto il suo cazzo fin quasi in fondo alla mia gola. Ho cercato di spingerlo via, ma era troppo forte e mi ha spruzzato sperma in fondo alla gola. Trattenni il respiro mentre schizzi dopo schizzi di sperma salato mi scendevano nello stomaco.

Karl lasciò andare la mia testa, fece un passo indietro e si sedette mentre Robbie si alzava.

Respirando pesantemente Karl disse: "Non appena sarò di nuovo duro, voglio scoparle la figa".

Jamie mi stava ancora scopando da dietro, strofinandomi un dito sul buco del culo. Sapevo che mentre mi fotteva, immaginava come sarebbe stato fottermi il culo. Tuttavia non sarebbe successo. Non l'avevo mai provato e non era qualcosa che volevo fare. Ho anche pensato che avrebbe fatto male e il dolore non era il mio genere.

Quando ho alzato lo sguardo, ho visto Robbie spingere il suo cazzo nella mia direzione. Strofinando la punta contro il mio naso e le labbra. "Succhialo troia", ha detto.

Ho aperto la bocca e ho preso il suo grosso cazzo. Non era completamente duro, ma dopo pochi secondi l'ho sentito diventare più grande nella mia bocca. "È una brava succhiacazzi", gli ho sentito dire. Mi mise una mano sopra la testa e iniziò ad accarezzarmi il cuoio capelluto, facendo scorrere le sue dita tra i miei lunghi capelli biondi.

"Mio padre la chiama la sua piccola sborrata adolescenziale", ho sentito Jamie dire dietro di me mentre prendeva il ritmo e sbatteva il suo cazzo dentro di me il più lontano possibile.

Gli ci erano voluti solo pochi secondi per sborrare la prima volta, ma ora stava rimediando, dando alla mia figa grandi carezze lunghe. Questo non era il tipo di sesso che stavo cercando. Due sedicenni e un grassone di 15 anni mi hanno fatto gangbangare sul mio letto in affitto, ma la stimolazione era così forte che mi stava portando all'orgasmo. Potevo sentire la mia figa stringersi attorno al cazzo di Jamie e le mie gambe hanno iniziato a tremare quando ho avuto il mio primo orgasmo. Ho iniziato a gemere meglio che potevo con il cazzo di Robbie in bocca.

"Lo adora ragazzi", ha detto Jamie. La sua figa sta succhiando il mio cazzo. "Stai venendo Lucy?" ha chiesto.

Era la prima volta che usava il mio nome. Ho rilasciato il cazzo di Robbie e ho annuito. Ho borbottato "sì" meglio che potevo mentre sono esploso dentro e lo sperma ha iniziato a defluire sul cazzo di Jamie.

Ho aperto gli occhi mentre arrivavo alla fine del mio orgasmo. Robbie era in piedi di fronte a me masturbandosi il suo cazzo più forte e più velocemente che poteva. Mi afferrò per i capelli e mi tirò indietro la testa. "Apri completamente", ha chiesto.

Ho aperto la bocca appena in tempo. Gli schizzi caldi di sperma mi hanno colpito la guancia e la lingua e poi ha sollevato il suo cazzo e mi ha spruzzato lo sperma sulla fronte. "È stato fottutamente geniale", ha detto. "Non avrei mai pensato di poter scopare un uccello come te."

Robbie è praticamente crollato sul pavimento nello stesso momento in cui Jamie mi è venuto dentro, mescolando il suo sperma con il primo carico di Robbie. Meno di un secondo dopo, Karl stava prendendo il suo posto, duro e pronto a prendersi la propria verginità speronando il suo cazzo nella mia fica.

L'ho sentito entrare in me e spingere fino in fondo. La mia figa era ancora in spasmi intorno al suo cazzo duro e sono tornato, questa volta ho gemito forte e ho abbassato la testa sul letto, infilando la mia figa in alto in aria.

"È così bello", ha detto Karl. "Non sapevo che la figa si sarebbe sentita così bene."

Ha iniziato lentamente a scoparmi, le mie gambe si sono trasformate in gelatina e sono crollato sul letto, il suo cazzo è caduto fuori di me. Mi ha afferrato intorno ai rifiuti e mi ha tirato indietro le gambe e mi ha fatto girare sulla schiena. Voglio vedere la sua faccia mentre la scopo. Ha posizionato il suo cazzo all'ingresso della mia figa e l'ha spinto dritto dentro. Mi stava fissando negli occhi mentre spingeva. Ho tenuto gli occhi aperti e ho guardato indietro.

Era il ragazzo più brutto da cui fossi mai stato fottuto. Più brutto del bastardo che ha violentato la mia verginità allontanandola da me, più brutto del fottuto padrone di casa che mi ha ricattato per farmi usare come una puttana e più brutto di Jamie e Robbie Quando ti rendi conto che Robbie è alto un metro e ottanta e pesa 200 libbre, ti dà ragione hai la vera idea di quanto sia brutto Karl. Una piccola testa sottodimensionata, denti storti, un viso coperto di acne e occhi luccicanti. Ma era di gran lunga il ragazzo più simpatico e riconoscente che mi avesse scopato. Era ovvio che gli altri due ragazzi si erano divertiti a scoparmi, ma per loro ero solo un pezzo di figa e nient'altro. Karl pensava che fossi speciale. Sono stato il suo primo e voleva ricordarmi come qualcuno che gli piaceva e qualcuno a cui era piaciuto scopare con lui e non come un pezzo di culo.

Mentre gli altri due ragazzi ridevano, lui mi ha scopato fino all'orgasmo altre due volte e mi ha sussurrato dicendomi quanto ero bella e sexy. Mi ha detto quanto amava il mio corpo, i miei occhi e il suono della mia voce. Non distoglieva gli occhi dal mio viso e dai miei occhi e per qualche motivo mi sentivo speciale. Gli sorrisi e sembrava che lo rendesse felice. Non mi ero mai sentito così prima e tornai di nuovo a lamentarmi.

Gli altri due ragazzi hanno smesso di ridere quando mi hanno sentito implorare Karl di scoparmi più forte e di farmi venire di nuovo. Karl ha inondato la mia figa con un terzo carico di sperma, riempiendomi di così tanto sperma che è trapelato su tutte le lenzuola mescolandosi con i miei succhi di figa.

Ho continuato a respirare rumorosamente e Karl si è alzato da me e mi ha ringraziato per avermi lasciato scopare, cosa che ho pensato fosse davvero dolce.

Cominciarono a vestirsi e io rimasi sul letto cercando di riprendermi. Li sentivo parlare mentre si dirigevano verso la porta.

Quando la porta si è aperta ho sentito il Bastardo Grasso gridare: "Che cazzo ci fate qui tre?"

Li ho costretti a scappare ridendo e sono saltato giù dal letto.

Il Bastardo Grasso è entrato nella camera da letto e mi ha afferrato per il collo e mi ha spinto a faccia in giù sul letto. Mi afferrò intorno ai rifiuti e mi tirò a pecorina, le mie ginocchia saldamente appoggiate sul pavimento e lo stomaco piatto sul letto. «Ritiro l'affitto da queste parti. Sei la mia puttana adolescente. Comprendere?"

«Sì», mormorai.

Si slacciò la cintura e poi iniziò a strofinare la punta del cazzo contro il mio buco del culo.

«Non lo voglio nel culo», gridai.

"Non mi prendo una troia sciatta", ha gridato di rimando e ha speronato il suo cazzo nel mio sedere.

Ho urlato e l'ho pregato di smettere. Gli ho urlato che faceva male, ma lui mi ha subito colpito sulla nuca e mi ha detto di tenere chiusa la mia bocca da puttana a meno che non ci fosse il suo cazzo dentro.

Si è allungato e mi ha afferrato le tette, stringendomi forte i capezzoli.

Quindi eccomi qui, piegato sul mio letto con tre carichi di sperma che gocciolano dalla mia figa; il sapore dello sperma nella mia bocca e il grasso bastardo di quasi 60 anni che grugnisce mentre si scopa il mio culo vergine di 18 anni.

Sapevo allora che avrei chiamato la mia amica e scoprire se il suo agente di borsa poteva sistemarmi con uno dei suoi amici. Sapevo che ciò significava che avevo accettato l'inevitabile che mi sarei fatto strada a fanculo fino all'università, ma almeno sarebbe stata una mia scelta. Direi chi, quando, dove e come. Oggi è stata la prima volta che ho avuto un cazzo nel culo e sarebbe stata l'ultima.

The Fat Bastard grugnì e sparò il suo carico nel mio buco del culo. Poi ha continuato come se non avesse sborrato. Viagra tenendolo duro ha continuato a martellarmi il culo per altri venti minuti.

"Sto tornando di nuovo troia", ha gridato e ha tirato fuori il suo cazzo dal mio culo e sborrando su tutta la schiena.

Il mio sedere era davvero dolorante quando ha finito con me. Ho girato la testa per vederlo masturbarsi con le ultime gocce di sperma dall'estremità del suo cazzo e strofinarselo sulle chiappe.

Dopo aver finito con me si alzò e si tirò su i pantaloni. “Nest mesi ho pianificato qualcosa di speciale. Ho parlato di te ad alcuni miei amici. Saremo in giro il 1° per fare gangbang con quella figa troia cruda. "

Storie simili

Amy - Parte 1 - Dan

Dan pensava di essere un uomo felice in generale: aveva un buon rapporto con Anna, sì, il sesso era raro e un po' di routine, ma era felice se non del tutto soddisfatto. Poi l'azienda ha assunto Amy, aveva 18 anni e sembrava un po' fuori di testa, forse era il primo giorno di nervi pensò Dan, ma, guardandosi intorno ai suoi colleghi, pensò che probabilmente dipendesse dal loro ovvio guardarla a bocca aperta mentre camminava oltre le loro scrivanie. Il capo aveva una storia di scelta dell'aspetto piuttosto che delle capacità, ma a nessuno degli uomini importava davvero. Dan di...

1.8K I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

1.6K I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

1.7K I più visti

Likes 0

Alza il tuo

Nell'agosto del 1998, avevo 18 anni e vendevo Bibbie porta a porta, a piedi, in una piccola città della Virginia. Mentre continuavo a camminare sempre più fuori città, cercando di vendere qualcosa che tutti avevano già, mi sono reso conto che si stava facendo buio ed ero a circa 5 miglia da dove stavo affittando un piccolo appartamento. Ho deciso di tornare in città in autostop. GROSSO ERRORE!!! Quando un furgone si è fermato e si è fermato e la porta scorrevole si è aperta, ho capito che potrebbe non essere una buona idea. C'erano 4 ragazzi neri lì dentro e...

1.2K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a conoscere la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho chattato con lei solo alcune volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che avevo più di dieci anni di lei... A parte questo non avevo mai visto una sua foto, anche se mi aveva detto che è molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i miei nervi. Quando ho svoltato nella strada giusta, la...

1.9K I più visti

Likes 0

Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni. 'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina. 'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella...

944 I più visti

Likes 0

Sandra dopo l'Università Pt. 1

Sandra dopo l'università di Vanessa Evans Sandra ha guadagnato abbastanza soldi per prendersi un anno di pausa. Nota dell'autore Questa storia è una continuazione della mia storia Sandra è diversa. Sebbene questa storia possa essere indipendente, avrà più senso se leggi prima Sandra è diversa. v introduzione Dopo 3 incredibili anni all'università in cui ho fatto un sacco di soldi lasciandomi sculacciare dagli uomini, lasciando che gli uomini mi scopassero mentre ero privo di sensi e dimostrando macchine del cazzo alle convention di attrezzature erotiche, ho deciso che dovevo prendermi un anno per ottenere il massimo delle mie dipendenze che si...

779 I più visti

Likes 1

Ho guidato la macchina nel vialetto e l'ho parcheggiata accanto a quella di mia madre. Mi sono controllato dallo specchietto retrovisore per l'ultima volta, per assicurarmi di non sembrare il diavolo in persona, ho preso il regalino che avevo comprato per la mamma e mi sono avviato verso casa. Il mio nome è Kevin. Ho ventuno anni e sono uno studente universitario. Vivo con mia madre, che quel giorno compiva quarantuno anni. Lei e mio padre hanno divorziato quando ero piccolo e da allora si è presa cura di me. Papà veniva a trovarci circa ogni due mesi e, a giudicare...

919 I più visti

Likes 0

Vivere la vita negli spogliatoi

Lexi si è svegliata al suono della campanella della settima ora, la campanella le era familiare perché le ricorda sempre l'ora del congedo. Lexi era un'atleta di punta nella squadra di pallavolo del liceo e ogni giorno dopo la scuola doveva andare ad allenarsi. Si affrettò verso il suo armadietto, notando che tutti i suoi amici si stavano salutando, prese la sua uniforme dall'armadietto e la borsa della palestra. e si precipitò negli spogliatoi delle ragazze. Di solito era la prima lì e oggi non era diversa. Andò al suo solito armadietto e iniziò a spogliarsi, si tolse la camicia e...

740 I più visti

Likes 0

Il mio fantastico viaggio a Sydney

Questa è la mia prima storia: ne ho lette alcune ma è un po' diverso scriverle, quindi un feedback sarebbe positivo. In particolare su quanta introduzione piace alle persone. Mi piace un po' ambientare la scena, ma non così tanto da richiedere anni, non sono sicuro di aver capito bene o meno. Mi chiamo Matt, ho 22 anni e studio all'università di Adelaide. Ho una ragazza che si chiama Kate, è una ventenne bionda bassa che sta benissimo nel sacco, ma sfortunatamente le piaccio più di quanto piaccia a me. Kate ha un'amica a Sydney che festeggiava il suo 21esimo compleanno...

696 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.