La realizzazione di una troia femminuccia parte 3

417Report
La realizzazione di una troia femminuccia parte 3

L'iniziazione e il degrado di Michael, uno scolaro di sedici anni, continuano. Michael era stato precedentemente sedotto dal suo preside ma non era stato in grado di soddisfarlo completamente, il che lo ha portato a un corso di formazione dalla sua insegnante di forma, la signorina Bolton. Questo episodio descrive la seconda sessione di allenamento più un incontro imbarazzante nel suo negozio all'angolo con un oscuro sconosciuto.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ---
Al mattino presto, svegliandomi, eseguivo il rituale delle abluzioni e della doccia, prestando particolare attenzione alla pulizia del sedere e dei testicoli indolenziti, ancora appesantiti dall'anello d'acciaio che circondava il mio scroto. Andando in cucina, dove ancora non riuscivo a credere alle cose intensamente eccitanti che erano accadute lì il giorno prima, mi ricordai delle istruzioni della signorina Bolton (la mia insegnante di forma fisica) e presi la pirofila dal frigorifero. Esaminando il contenuto, ho potuto vedere che la mia masturbazione pre-sonno era riuscita solo a riempire a metà il piatto con il mio seme. Guardando l'orologio da parete, ho visto che mancavano ancora due ore all'arrivo della mia padrona, lasciandomi tutto il tempo per completare i miei ordini.

Lasciando cadere i pantaloncini, ho trovato la vista dell'acciaio lucido seduto in cima alle mie palline stranamente erotica e quindi non passò molto tempo prima che il mio piccolo pipì fosse in piena attenzione e gocciolasse la consueta quantità di abbondante pre-sborra. Afferrando il clitoride del mio ragazzo con una mano, ho raggiunto le mie guance inferiori con l'altra e sono riuscito a inserire prima una, e poi due, dita nella mia fica e a friggermi mentre pompavo la mia clitoride con il pugno. Dirigendo il mio piccolo buco verso il ramekin, non passò molto tempo prima che riuscissi a depositare una seconda porzione di succo per la colazione nella ciotola che ora era quasi piena. Riposizionando lo stampino in frigo, tornai in bagno dove mi ripulii prima di tornare al piano di sotto ad aspettare, con una certa trepidazione, l'arrivo della mia maestra di forma.

Bussano alla porta esattamente alle 10 del mattino e la signorina Bolton marcia in cucina senza alcun invito.

"Mi piacciono i pantaloncini e la maglietta, un bel tocco, molto dolce", ha detto la signorina Bolton. “Giusto, abbiamo ancora molto da fare oggi, quindi non c'è tempo per scherzare. Vai a prendere la colazione”

Diligentemente, presentai lo stampo intero e un cucchiaio alla signorina Bolton.

"Eccellente, pieno fino all'orlo come ho detto" disse, "ora vieni a sederti sulle mie ginocchia per il tuo dolcetto mattutino".

Senza esitazione, mi sono posizionato sulle ginocchia della signorina Bolton mentre mi metteva un braccio intorno alla vita e raccoglieva una grossa cucchiaiata di sperma nel cucchiaio con l'altro.

"Apri bene e mangia il tuo sperma" ordinò la mia padrona. Ho spalancato la bocca e ho preso la mia medicina come un bravo ragazzino. A metà del mio pasto speciale, ho iniziato ad avere problemi a ingoiare tutta la mia poltiglia, a quel punto la signorina Bolton ha fatto scivolare la sua mano libera in una gamba dei miei pantaloncini e ha tirato giù con forza l'anello d'acciaio attorno alle mie palle.

"Ahia!" esclamai, mentre spalancavo freneticamente la bocca e lottavo per ingoiare il pasticcio appiccicoso. "Torna indietro!" ordinò la signorina Bolton, mentre prendeva l'intero ramekin e mi versava in gola la viscosa melma bianca e pepata, facendo gocciolare lentamente la poltiglia in modo che ricoprisse densamente la superficie della mia lingua e delle tonsille prima di trasudare nello stomaco.

"Così va meglio" disse la mia padrona mentre spostava la mano dall'anello della palla al mio piccolo pene rigido e massaggiava lentamente la testa intorno e intorno, strofinando i succhi nel mio piccolo pomello viola. Questo ha completamente distolto la mia mente dal gusto del mio sperma e me ne sono appena accorto quando ho finito tutta la mia colazione.

La mia pancia ora piena di porridge di palline, la signorina Bolton mi ha spinto giù dalle sue ginocchia, ha slacciato i miei pantaloncini e li ha rimossi insieme alle mie mutandine da ragazza che mi ero ricordato di indossare per prima cosa, dando un piccolo movimento alla testa del mio clitoride mentre lo faceva .

“Ti voglio sul tavolo della cucina con il culo per aria e la testa bassa”. "Esatto, ora apri un po' le gambe" mi disse mentre mi posizionavo in questa posizione oscena sul tavolo. Rimuovendo il tubo di lubrificante dalla sacca che ora sembrava avere una posizione permanente sul pavimento in cucina, la signorina Bolton iniziò a ingrassare la mia fica femminuccia con le sue due dita prima di estrarre un altro nuovo strano attrezzo dalla sua borsa. Quest'arma per addestrare i ragazzi cattivi aveva ormai una forma familiare di plug anale, di circa due pollici di diametro, ma era diversa dalle altre in quanto aveva un tubo con una lampadina attaccata alla base insieme a un altro cavo attaccato a una piccola plastica scatola. Non sapendo cosa sarebbe successo, rimasi immobile nella mia posizione in ginocchio con le palle tirate verso il piano del tavolo dai pesi e il mio ragazzo clitoride che ricominciava, imbarazzante, a trasudare una pozza appiccicosa sul tavolo.

Senza ulteriori indugi, la spina è stata inserita nel mio passaggio posteriore, abbastanza facilmente ho pensato, anche se ho emesso un sussulto quando il mio piccolo sedere è stato nuovamente violato, e poi ho ruotato avanti e indietro finché la mia padrona non è stata soddisfatta che si adattava bene. Prendendo una catena di metallo con clip a ciascuna estremità dalla sacca, la signorina Bolton ha attaccato una pinza a ciascuno dei miei capezzoli e poi li ha regolati in qualche modo finché non ha potuto vedere che stavo iniziando a sussultare per il pizzicotto delle mie sensibili protuberanze.

"Ora allungheremo questa tua piccola femminuccia finché non ci saranno dubbi che sarai in grado di accettare il cazzo del preside lì dentro" disse mentre, in modo allarmante, all'improvviso ho sentito la spina espandersi nel mio retto. La signorina Bolton ha continuato a pompare la lampadina finché non è sembrato che l'interno del mio buco del culo stesse per scoppiare! Quando la signorina Bolton fu convinta che fossi stata sufficientemente allungata, la spina doveva essersi espansa per almeno il doppio delle sue dimensioni mentre stavo emettendo piccoli gemiti sia di disagio che di piacere mentre la spina spingeva e sfregava contro il mio bottone dell'amore, provocando il mio goo per fluire in un rivolo costante sulla superficie del tavolo.

Facendo scorrere le dita attraverso il pre-sborra che si stava formando sotto il mio piccolo uccello rigido, la signorina Bolton ne ha raccolto una grande pozza in mano prima di strofinarmela su tutto il viso e dentro la bocca con le dita. Poi ha afferrato la catena attaccata ai miei capezzoli e l'ha tirata giù, facendo allungare i miei piccoli capezzoli e creando sensazioni dolorose ma piacevoli che mi sono arrivate direttamente all'inguine. Allo stesso tempo, la mia padrona ha girato una manopola sulla scatola attaccata alla spina ed è stato come se una scossa elettrica fosse appena esplosa nelle mie viscere mentre la spina gonfiata ha iniziato a vibrare all'impazzata, creando sensazioni selvagge ed esilaranti dentro di me. Non riuscivo più a trattenermi e il mio porridge d'amore è schizzato fuori dal mio clitoride e su tutto il tavolo mentre urlavo in estasi.

Improvvisamente, bussano alla porta. Ho iniziato e sono andato a muovermi dalla mia posizione imbarazzante ed esposta sul tavolo ma la mia padrona mi ha messo una mano sul sedere e mi ha detto di non muovermi. "Resta lì, ragazzo cattivo, non ho ancora finito con te!" disse la signorina Bolton mentre andava a salutare l'ospite.

Potevo sentire la voce di un'altra donna che credevo di aver riconosciuto provenire dal corridoio dove stavano conversando a bassa voce che non riuscivo a distinguere, anche se sentivo il mio nome e il preside menzionato. Con crescente imbarazzo e trepidazione, rimasi immobile con il sedere e le parti intime scoperte e il plug anale gonfiabile che girava nelle mie viscere. Nonostante la mia ansia, potevo ancora sentire la mia pipì chiara vomitare fuori dalla mia clitoride.

"Penso che tu conosca la signorina Marsh" disse la signorina Bolton mentre tornava in cucina con un'altra donna. L'ho davvero riconosciuta perché era un'insegnante di ginnastica nella mia scuola e anche molto in forma, avendo circa 22 anni, bruna e con una figura molto formosa. Potevo sentire il mio rossore salire sulle mie guance mentre immaginavo la vista che Miss Marsh stava ottenendo dei miei luoghi segreti mentre era in piedi direttamente dietro di me.

"Ciao Michael" disse la signorina Marsh, con voce lussuriosa, "Vedo che ti stai divertendo molto nel tuo allenamento da femminuccia, a giudicare dalla pozzanghera sul tavolo!" canticchiò mentre intingeva un dito nella poltiglia e se lo infilava in bocca. "Oh delizioso, adoro il giovane succo di pipì, come sembra invitante il tuo sedere!" esclamò.

"Beh, non abbiamo più tempo per allenarci perché devo partire a breve", mi disse in fretta la signorina Bolton. “Tuttavia, ho bisogno di alcune sigarette e vorrei che tu andassi al negozio all'angolo e me le prendessi. Adesso salta giù dal tavolo e rimettiti i pantaloncini”.

"Ma che dire del mio sedere!" Ho esclamato: "è tutto pieno!" La signorina Bolton ha abbassato le vibrazioni fino a quando non c'è stata solo una leggera increspatura che mi ha attraversato l'interno e ha ridotto il gonfiaggio del plug a circa la metà delle sue dimensioni in modo che fosse comodo ma potevo ancora sentire la pressione sul mio pulsante dell'amore.

"Ci siamo", ha detto la signorina Bolton mentre mi tirava su i pantaloncini per nascondere la mia vergogna, tirando il tubo e il cavo dal tappo di testa tra la mia fessura e sopra i miei pantaloncini, infine facendo scattare la lampadina e la scatola di controllo nella destra tasca dei miei pantaloncini. "Ora rimettiti la maglietta e nessuno se ne accorgerà" mi sorride beffarda mentre mi metto i sandali pronta per andare nei negozi con un sedere gonfiabile che mi tappa il sedere!

Passandomi dei soldi e dicendomi la marca di sigarette che voleva, la signorina Bolton mi ha guidato fuori dalla porta principale: "Ora sii veloce e non parlare con nessun estraneo!" gridò dietro di me, mentre lottavo per camminare "normalmente" per la prima volta con il mio sedere pieno di un plug anale che rimbomba delicatamente.

Con le guance arrossate per l'imbarazzo di tutto ciò, camminavo il più velocemente possibile per il mio sedere allungato, sperando di andare al negozio e tornare senza vedere nessuno, anche se ero sicuro che la mia situazione fosse ben nascosta sotto i pantaloncini e la maglietta . Per fortuna, sono arrivato al minimarket all'angolo senza aver visto nessuno. Bene, ho pensato, solo la commessa con cui occuparmi e poi posso correre di nuovo a casa.

E così è stato con sgomento che, entrando nel negozio, ho potuto vedere almeno altre 4 persone lì dentro! Stai calmo, ho pensato mentre camminavo per i corridoi per arrivare alla cassa, agisci normalmente. Tutto stava andando bene fino a quando non fui acutamente consapevole di un uomo sulla trentina che mi fissava dalla fine del corridoio mentre camminavo verso di lui. Sembrava fissarmi il petto ed è stato con un orrore improvviso che mi sono reso conto che la signorina Bolton non era riuscita a rimuovere le pinze per capezzoli dai miei bubbies e che dovevano essere visibili attraverso la mia maglietta sottile. Nel mio stato agitato, sono riuscito a imbattermi in un'esposizione di cereali per la colazione e sono caduto in ginocchio sia per riordinare il pasticcio che avevo combinato sia per raccogliere le scatole cadute. Alzandomi di nuovo in piedi, alzai la testa in alto e sfiorai l'uomo che mi fissava, beatamente inconsapevole che la mia maglietta era salita sopra la cintura dei miei pantaloncini, esponendo così sia il tubo che il cavo di alimentazione collegati al ronzio del dispositivo di connessione lontano nel profondo del mio sedere.

Mentre mi univo alla fine della fila di persone alla cassa, ho preso alcuni respiri profondi e mi sono detto che nessuno sapeva del mio segreto, anche se pensavo di sentire un debole ronzio dai miei pantaloncini. In effetti, il bulbo gonfio che riempiva la fica del mio ragazzo e l'azione vibrante contro il mio bottoncino aveva causato un bel gonfiore nei miei pantaloni e potevo sentire il materiale dei miei pantaloncini inumidirsi a causa delle emissioni del mio piccolo buco. Proprio mentre stavo pensando a come nascondere la chiazza umida nell'inguine, ho sentito una mano sulla mia spalla e, guardandomi rapidamente intorno, ho riconosciuto l'uomo con lo sguardo fisso in piedi dietro di me, ora ultimo in coda.

"Voltati e affronta la parte anteriore, non muoverti, e il tuo segreto è al sicuro con me" disse l'uomo con voce bassa ma imponente. Temendo che il mio segreto venisse svelato in un luogo così pubblico, accettai umilmente e affrontai la prima fila. Poi, con mio orrore, ho sentito la mano dell'uomo avventurarsi nella tasca dei miei pantaloncini che contenevano i comandi. Guardando in basso, mi sono reso conto che i tubi erano stati scoperti e, prima che potessi aggiustarmi la maglietta, l'uomo ha afferrato leggermente il bulbo e gli ha dato diverse pompe lente e decise. Le sensazioni nella fica del mio ragazzo sono state istantanee ed elettrizzanti quando la spina si è espansa fino al doppio della sua dimensione normale, spingendo forte nel mio pulsante dell'amore e intensificando immediatamente l'azione vibrante. Sono quasi caduto in ginocchio quando l'uomo ha poi rivolto la sua attenzione alla scatola di controllo, girandola completamente alla sua impostazione più alta, creando profonde ed esilaranti onde di vibrazione che si increspavano da tutto l'ingresso del mio buco del culo fino alle mie viscere. Le sensazioni che ho colpito il mio piccolo bottone dell'amore erano troppo per me da sopportare e, mentre iniziavo a oscillare e cadere all'indietro, l'uomo mi ha messo entrambe le mani sulle spalle per tenermi fermo mentre entravo con forza nei miei pantaloncini, in fila in fila nel mio minimarket locale!

Mordendomi il labbro per evitare di urlare, getto dopo getto di succo di sperma cremoso vomitato dal mio clitoride del mio ragazzo, inzuppando l'interno dei miei pantaloncini e gocciolando lungo l'interno della mia gamba. Pochi secondi dopo, ho sentito le sensazioni attenuarsi quando l'uomo si è avventurato di nuovo nella mia tasca e ha spento le vibrazioni, lasciando andare le mie spalle mentre lo faceva.

"Posso aiutarla?" disse il cassiere, quando mi resi conto che ora ero il primo in coda ma in piedi a 6 piedi dal bancone. Ho borbottato il marchio delle sigarette richieste dalla signorina Bolton, le ho pagate rapidamente e sono uscito incespicando per strada, quasi correndo per circa 100 iarde verso casa, senza voltarmi indietro per paura che l'uomo stesse seguendo.

"Ah Michael, era ora" disse la signorina Bolton, salutandomi nel corridoio. «La signorina Marsh mi ha informato che il preside deve partire urgentemente per affari, quindi non potrà assistervi per un paio di settimane. Tuttavia, mi ha chiesto di assicurarmi che la tua formazione continui. In effetti, con due intere settimane di allenamento, si aspetta che tu sia un esperto assoluto in tutti i modi per compiacere un uomo”.

Nascondendo la mia delusione, ma anche la mia eccitazione al pensiero di essere il giocattolo sessuale della signorina Bolton per altre due settimane, mi affrettai oltre le due donne e mi sedetti al tavolo, anche se leggermente a disagio con la spina ancora nel sedere, nascondendo lo stato del mio pantaloncini e la mia gamba macchiata di sperma. La mia padrona e la signorina Marsh hanno quindi avuto una breve discussione su dove avrebbe dovuto svolgersi il mio continuo addestramento, in particolare perché mio padre sarebbe tornato a breve, e hanno convenuto che la loro casa era il posto migliore. Poi, senza salutarmi, la signorina Bolton si precipitò fuori dalla porta, lasciandomi con la sua collega di lavoro e, come ormai era successo, la sua coinquilina.

"Ora, Michael, ci conosceremo molto meglio nelle prossime settimane" disse la signorina Marsh, sedendosi al tavolo. “Vieni e mettiti tra le mie gambe così posso guardarti meglio”. Incrociando le mani davanti all'inguine nel tentativo di nascondere la macchia nei pantaloncini, rimasi in piedi tra le cosce aperte del mio insegnante di ginnastica seduto. Tuttavia, quando ha spostato le mie mani da parte per accedere al bottone dei miei pantaloncini, il mio segreto è stato svelato.

"Dio mio, cosa è successo da quando sei uscito di casa!" ha esclamato "Sembra che questo ragazzo cattivo si sia eccitato e si sia massaggiato in pubblico. Ora togliti subito quei pantaloncini, ragazzaccio, e prendi quello che ti sta succedendo!

Ho abbassato nervosamente i pantaloncini fino alle ginocchia, ciocche di sperma si sono attaccate all'estremità del clitoride del mio ragazzo mentre lo facevo, e i controlli della spina ora penzolavano tra le mie gambe.

Afferrandoli, la signorina Marsh iniziò a pompare il bulbo, espandendo il dildo nelle mie viscere sempre di più fino a quando le mie guance si stringevano e la pregavo di smetterla.

"Oh, per favore, basta, Miss Marsh, i miei culi stanno per esplodere!" Ho pianto mentre cercavo di accogliere l'enorme fallo nella mia fica da ragazzo.

"Lascia che questa sia una lezione per te!" disse con voce gutturale mentre aumentava le vibrazioni finché le mie gambe tremavano in modo incontrollabile. Proprio mentre pensavo che sarei svenuta, la signorina Marsh ha lasciato andare i comandi e, afferrando il peso della mia palla in una mano, ha iniziato a schiaffeggiarmi le palle con l'altra, dapprima delicatamente ma poi sempre più forte, sculacciando le mie piccole palle con un movimento verso l'alto fino a quando le lacrime non hanno iniziato a scorrermi sulle guance.

"Mi dispiace di essere un ragazzo così cattivo Miss, per favore smettetela di farmi del male, farò qualsiasi cosa ma per favore smettetela!" sbottai mentre mi cadevano le lacrime.

“Devi imparare l'obbedienza, piccola sporca puttana. Ora sdraiati sul pavimento e rimani ferma mentre mi preparo”, ha detto. Con gratitudine, mi sono sdraiato sulla schiena e ho aspettato ciò che sarebbe seguito, il bulbo continuava a pulsare in modo incontrollabile nelle mie viscere, ma avevo troppa paura per lamentarmi.

Alzandosi in piedi, la signorina Marsh si tirò su la gonna corta e si tolse le mutandine, offrendomi una vista fantastica delle sue parti private da ragazza mentre si metteva a cavalcioni sulla mia faccia e poi, prima che sapessi cosa stava succedendo, si è posizionata con la schiena di fronte a me. A poco a poco, la signorina Marsh si accovacciò sulla mia bocca finché il suo buco del culo muschiato fu a un pollice dalle mie labbra.

"Ora hai detto che avresti fatto qualsiasi cosa per impedirmi di farti del male, così puoi iniziare a leccarmi il buco del culo e assicurarti di fare un buon lavoro!" mi ha comandato, afferrandomi le palle e il cazzo per stabilizzarsi. In modo provvisorio, ho aperto la bocca e ho colpito delicatamente il buco marrone del mio insegnante di forma con la lingua

"Più forte e più a fondo, o frusterò le tue palline finché non saranno blu!" esclamò la signorina Marsh mentre leccavo febbrilmente sempre più forte il suo buco sporco, spingendo anche la punta della mia lingua nell'anello stretto.

"Ecco fatto, ora più in profondità, femminuccia. Mangiami il culo, puttana femminuccia! mi ha urlato contro mentre cercavo disperatamente di soddisfare le sue fantasie sporche. Con uno sforzo concertato, e assistito dalla signorina Marsh che rilassava il suo sfintere, sono riuscito a infilare la mia lingua di circa 2 pollici nel suo sedere, che aveva un sapore un po' muschiato ma non troppo cattivo, in particolare perché potevo sentire l'odore della sua figa bagnata a solo un pollice dal mio bocca. I gemiti della signorina Marsh diventavano sempre più forti mentre esploravo il suo retto con la lingua, emettendo persino piccole scoregge che mi soffiavano in bocca e su per il naso, solleticandomi la lingua mentre il suo sfintere vibrava mentre l'aria usciva.

Dopo alcuni minuti, mi sono accorto della mano della signorina Marsh che si sfregava furiosamente le parti intime e, mentre i suoi gemiti diventavano sempre più forti, si è spostata un po' indietro finché non era il suo sedere ma la sua figa pelata che mi veniva infilata in bocca. Ho avuto grandi difficoltà a respirare mentre si schiacciava sulla mia faccia, i suoi succhi di figa mi scorrevano in gola mentre girava il culo in giro fino a quando finalmente, e per fortuna, la signorina Marsh emise un forte grido e tutto il suo corpo rabbrividì e si accasciò via me.

Prima ancora che avessi ripreso fiato, la mia insegnante di forma si era alzata in piedi e, tirandomi su molto dolorosamente per la catena attaccata ai miei morsetti per capezzoli, si è seduta sulla sedia.

Con un rapido movimento, la signorina Marsh mi afferrò per la vita e mi fece oscillare in grembo in modo che il mio sedere fosse rivolto verso il suo viso. Tenendomi giù con una mano nella parte bassa della mia schiena, iniziò a schiaffeggiarmi il sedere vibrante, all'inizio lentamente ma poi con sempre più forza finché le lacrime mi sgorgavano dagli occhi e le guance inferiori erano in fiamme.

“Non ti divertirai a meno che non ti sia stato specificamente permesso di farlo. Capisci? Sei cattivo, cattivo ragazzo” mi ammonì la signorina Marsh, schiaffeggiandomi le chiappe dopo ogni parola.

Nonostante il bruciore delle mie guance, lo schiaffo del mio sedere stava facendo effetto e ho iniziato a indurirmi. Sentendo questo in grembo, la signorina Marsh mi ordinò immediatamente di alzarmi. Afferrando il peso della palla in una mano, ha poi iniziato a schiaffeggiarmi la clitoride rigida con il palmo della mano finché non la stavo pregando di fermarsi. Il mio piccolo cazzo gonfio è stato schiaffeggiato da sinistra a destra, lanciando piccole gocce di appiccicosa birichina dappertutto finché le mie ginocchia hanno iniziato a cedere per il dolore. Proprio mentre pensavo di non poterne più, la signorina Marsh si sporse in avanti e, stringendo saldamente il mio piccolo pomello tra il pollice e l'indice, mi diede un piccolo bacio sulla punta prima di spingermi via.

"Bene, giovanotto, lascia che ti sia di lezione" disse, alzandosi per andarsene. «La signorina Bolton mi ha chiesto di ricordarvi di non dimenticare la colazione di domani mattina. Sarò qui a prenderti domani sera alle 18 in punto. Assicurati di essere preparato”. E a quel punto, la signorina Marsh mi ha lasciato da solo a riflettere sugli eventi straordinari della giornata, sbattendo la porta alle sue spalle.

Continua…

Storie simili

Ritmo di The Rails

Siamo usciti dalla Union Station verso le 20:00. Nella canzone, il treno parte la mattina e arriva la sera. Immagino che le cose siano cambiate da quando Steve Goodman ha preso il treno e ha scritto la canzone. Potrei conviverci. Fin dalla prima volta che avevo sentito Arlo Guthrie cantare di The City of New Orleans, avrei voluto fare questo viaggio. Spesso, al lavoro o sotto la doccia, mi ritrovavo a canticchiare la melodia. Ora, in realtà ero sul treno leggendario, in viaggio da Chicago a New Orleans. Stavamo cambiando auto a Memphis, nel Tennessee verso le 6:30 del mattino, a...

262 I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

228 I più visti

Likes 0

Fat Bastards violenta il mio culo - storia 4

Sapevo che The Fat Bastard sarebbe stato in giro oggi per riscuotere l'affitto e non sapevo cosa aspettarmi. Non avevo i soldi, quindi ero sicuro che avrebbe voluto scoparmi di nuovo, ma non sapevo cos'altro avrebbe potuto volere. La prima volta che è venuto, mi aveva appena scopato lui stesso, ma la seconda volta mi aveva dato anche a suo figlio. Questa sarebbe stata la terza volta e sospettavo che sia lui che suo figlio mi avrebbero voluto scopare di nuovo, ma non sapevo se sarebbe stato sufficiente per coprire l'affitto del mese. Ero sdraiato sul mio letto a leggere un...

327 I più visti

Likes 0

La moglie vuole un altro bambino_ (1)

Questa è una storia di fantasia che coinvolge me, mia moglie e il suo patrigno Mia moglie, Nicole ed io siamo sposati da 7 anni e abbiamo tre figli meravigliosi. Viviamo in una città più piccola e la maggior parte delle persone qui sono amici intimi e molta famiglia. Quando è nato il nostro primo figlio, gli è stata diagnosticata una sindrome ed è stato allora che abbiamo scoperto che entrambi siamo portatori di un gene. Dopo che al nostro secondo figlio è stata diagnosticata la sindrome, quando ho deciso che avrei dovuto sottopormi a una vasectomia per evitare che altri...

687 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

634 I più visti

Likes 0

Eddie, la mamma del suo amico e Betty

June Cleaver era la mamma di due giovani uomini ben educati, Waldo di 20 anni e Theo di 19 anni. Era la tipica casalinga di periferia americana che amava suo marito Ward ed era sposata con lui da oltre 32 anni. La 53enne June era piena di seni di 40 gg, un culo grasso e rotondo ed era formosa. A 5 piedi 9 era un bicchiere d'acqua alto ed è per questo che il giovane Eddie Haskell, bramava la mamma del suo migliore amico. Eddie, 20 anni, aveva scoperto di recente l'ipnotismo e scoprì di essere davvero bravo in questo. Quindi...

318 I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

276 I più visti

Likes 0

Rito di passaggio

Rito di passaggio Capitolo 1 Le gambe della sorella di Jimmy Smith erano gettate su ciascuna delle sue spalle mentre si spingeva con forza nel suo stretto tunnel. Guardando in basso, poteva vedere la schiuma bianca che ricopriva il suo cazzo e il morbido castano lanuginoso dei suoi peli pubici. L'aria si riempì dei suoni squishy del suo cazzo che martellava la sua succosa figa bagnata. I suoi piccoli seni volavano avanti e indietro. I suoi capelli castani lunghi fino alle spalle circondavano il suo viso sudato. I suoi occhi si fissarono su quelli di lui, la sua bocca aperta con...

588 I più visti

Likes 0

Fallout Quattro Futanari

Fallout Quattro Futanari Eccolo, Jalbert Brothers Disposal, ha detto Brand. Paige Carter, alta, snella, con gli occhi grigi e corti capelli biondi, strinse più forte il suo fucile automatico mentre guardava su per la collina, verso gli edifici sgangherati e frammentari e le pile di rottami. Guardò la sua squadra di predoni con uno sguardo dubbioso. Brand era in piedi con il binocolo fissato sul posto, il revolver calibro 44 nella fondina all'anca, quasi nascosto dall'armatura a punte che indossava. Era stoico e calmo, per la maggior parte; una dipendenza psicotica lo ha fatto esplodere di rabbia in alcune occasioni. Dietro...

596 I più visti

Likes 0

Tatuaggio

Oggi è il giorno. Avevo intenzione di farlo da alcuni mesi ormai e non mi è mai sembrato il momento giusto. Ora l'attesa è finita. Sono in piedi davanti al negozio di tatuaggi, godendomi la dolce miscela di anticipazione e paura che mi avvolge. Prendo un respiro profondo e apro la porta. Quando entro sono momentaneamente travolto dall'aria calda e dalla musica seducente che sembra non finire mai. Ora sono trascorse ore, quindi è solo in studio, si prepara a tatuarmi la schiena. Nel corso dei mesi in cui non riuscivo a decidere il design definitivo per il mio tatuaggio sulla...

424 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.