I segreti depravati della mamma 3

120Report
I segreti depravati della mamma 3

Qualche settimana fa ho beccato mia madre a fare sesso con il suo cane (vedi parte 1 di Mom's Depraved Secrets). Disgustato all'inizio, in seguito non riuscivo a togliermi l'immagine dalla testa: mamma a quattro zampe, il suo corpo nudo dai toni yoga esposto, culo rotondo in aria, seni pesanti appesi al pavimento, cazzo di cane bloccato dentro di lei figa. Così caldo.

Più tardi mi ha raccontato la storia di come sono iniziate le sue avventure di cazzo di cane; derivante da una singola e-mail della sua amica (vedi parte 2 di Mom's Depraved Secrets). Ha anche rivelato che vorrebbe che la vedessi di nuovo nuda. La mia risposta era stata tiepida e temevo che la porta fosse chiusa; non ci parlavamo da allora.

Ho deciso che era ora di tornare in contatto.

Mi sentivo sessualmente vivo in un modo che non mi sentivo da quando avevo scoperto la masturbazione per la prima volta da adolescente. Mia madre formosa, nuda e fottuta di cane era sempre nella mia mente, senza sosta. Mentre facevo sesso con la mia ragazza (Laura), pensavo a mia madre e sborravo in pochi secondi. La mia ragazza era molto sexy e trasudava sessualità, ma questa nuova esposizione a mia madre era prepotente nei suoi effetti su di me. Mi masturbavo ogni giorno con l'immagine mentale di mamma e ogni volta sparavo densi flussi di sperma. Il mio cazzo sembrava anche più grande in qualche modo. Nel disperato tentativo di rivedere la mamma nuda, l'ho chiamata al telefono.

"Ciao?" lei rispose.

"Ciao mamma. Sono io."

"Ciao tesoro," fece una pausa. "È passato un po 'di tempo."

"Sì", ho detto. "Mi dispiace per quello."

"Cominciavo a chiedermi quando avrei avuto tue notizie."

"Si scusa." Ho pensato che avrei potuto anche farlo subito, era l'elefante nella stanza. "Allora, volevo parlarti di nuovo di... sai, cosa è successo?"

Esitò, insicura sulla direzione in cui stavo andando. "Va bene, che ne dici?" lei chiese.

Questo era il momento. Fu allora che entrai volontariamente nel mondo depravato di mia madre e iniziai a svelare tutti i suoi segreti. "Vorrei discutere dell'offerta che hai fatto. Sembra interessante."

"Va bene, mi piacerebbe," disse. Sentivo sollievo nella sua voce.

Abbiamo concordato che sarei passato a casa sabato mattina e avremmo potuto chiacchierare. Sabato mancavano due giorni; sembrava un'eternità. 48 ore di immaginazione di vari scenari, chiedendosi come sarebbe andata a finire. Mia madre si sarebbe davvero spogliata per me? Quanto lontano sarebbe arrivato? Non vedevo l'ora di rivedere le sue enormi tette, volevo dare un'occhiata da vicino alle sue gigantesche areole e capezzoli marroni.

Sabato. Mi sono svegliato, ho fatto la doccia, mi sono vestito e ho provato a fare colazione. Avevo lo stomaco in un nodo e riuscivo a malapena a soffocare un brindisi. Ero nervoso e combattuto. Pensavo che mi sarei sentito eccitato, ma più diventava reale, più sembrava sbagliato. I figli non dovrebbero impegnarsi in attività sessuali con le loro madri. Quando è arrivato il momento di partire, mi ero quasi convinto che fosse meglio annullare, annullare. Ma la mia libido ha avuto la meglio su di me; Ero troppo incuriosito per non presentarsi.

Ho parcheggiato nel suo vialetto e ho bussato alla porta d'ingresso. Nessuna risposta. Bussato di nuovo. Ancora nessuna risposta. Strano. Sapeva che stavo arrivando. Ho provato la porta ed era sbloccata. La casa suonava silenziosa. "Ciao?" Ho chiamato. Nessuna risposta. Ho attraversato il soggiorno e la cucina. Nessuno era in giro. Mi sono diretto al piano di sopra e ho avuto un momento di deja vu. Questo è stato molto simile al giorno in cui l'ho beccata a scopare con il cane, e all'improvviso ho capito: era di nuovo nella sua camera da letto a scopare con il cane, aspettando che la raggiungessi. Mi sono diretto direttamente nella sua stanza ed sono entrato.

Non era proprio quello che pensavo. Non stava succedendo (ancora) un cazzo. La mamma era seduta per terra in mutandine e reggiseno, guardandomi. Sorrise quando entrai nella stanza. Leon, il suo laboratorio giallo, sedeva accanto a lei. Stava accarezzando lentamente il suo cazzo eretto. Oh merda, e adesso? Ha continuato a guardarmi mentre faceva scorrere la sua mano chiusa su e giù per la lunghezza della sua considerevole carne di cane.

La mamma era meravigliosa in mutande. Il suo reggiseno sollevava quelle tette enormi e le faceva sembrare anche migliori del solito; la scollatura era lunga un miglio. Le sue gambe grosse sembravano morbide, ma toniche.

"Vieni qui, piccola", disse. "Penso che non abbiamo più bisogno di parlarne, penso che dovresti toglierti dei vestiti."

Questo è stato troppo veloce. Volevo prima dare una bella occhiata al suo corpo nudo. Un po' a suo agio in tutta questa faccenda, ma lei stava masturbando il cane e dicendomi di spogliarmi.

"Aspetta, mamma. Alzati, voglio guardarti."

"Oh, non posso ora. Leon si arrabbia se non finisco quello che ho iniziato. Credimi, non vogliamo che si arrabbi." Mi ha fatto l'occhiolino.

"Beh, come funzionerà? Sono venuto qui per te, non per Leon."

"Perché non guardi per ora, poi vedremo cosa succede."

Quindi ho guardato.

L'ho vista accarezzare il cazzo di Leon con una mano mentre si toglieva il reggiseno e le mutandine con l'altra mano. Quando ha sciolto i seni è stata la cosa più incredibile che avessi mai visto. Erano enormi, ma perfetti. Alla sua età matura, in qualche modo ancora piena e soda, con areole che coprivano un terzo di ciascuna tetta e capezzoli corti e grassi sull'attenti. Mi ha visto fissarlo e ha sorriso. si è fatta scivolare le mutande lungo le gambe e ha fatto oscillare il culo verso di me e allargando le gambe per mostrarmi la figa. Sembrava fantastico. era luccicante e bagnata, le labbra gonfie e invitanti.

Poi mi sono ricordata che questa era mia madre! Gesù, si sta comportando come una vera puttana. Che tipo di donna era? Non la conoscevo nel modo in cui pensavo di conoscerla?

Si è posizionata a quattro zampe e ha puntato il culo verso Leon, che immediatamente le è saltato sulla schiena e ha iniziato a puntare il suo grosso cazzo verso la sua fica. L'ha immerso con una mossa pratica e la mamma ha sussultato un po'. Le sue enormi tette pesanti pendevano verso il pavimento e saltavano e sussultavano, spinse indietro la fica sul cazzo di Leon. Duro. Stava pompando via. I succhi gocciolavano lungo l'interno delle cosce della mamma. Si dondolava avanti e indietro, indietreggiando duramente contro Leon come se non riuscisse a farle entrare abbastanza cazzo. I suoi bei seni ondeggiavano a ritmo. Dannazione, che puttana calda e sporca era mia madre. Il mio cazzo era duro come una roccia.

Anch'io ero nuda, sdraiata sul suo letto, con una visuale dall'alto dell'azione sul pavimento. La mamma gemette e chiuse gli occhi. Perso nel piacere del sesso. Lavorando sodo per cercare di accettare ancora più cazzi nella sua scatola.

Non ci volle molto perché la sua pelle luccicasse di sudore; gocciolava su tutte le parti del suo corpo. Il succo di figa e cane continuava a scorrere lungo le sue gambe. La bava gocciolava dalla sua bocca aperta e lamentosa, che si asciugò con il dorso della mano. Era un pasticcio caldo, bagnato e viscido, e la stanza puzzava di figa e sesso. Era la cosa più sporca che avessi mai sperimentato.

Mi sono accarezzato il cazzo mentre guardavo, e anche lei mi ha guardato. Ha iniziato a sborrare forte mentre fissava il mio cazzo. Il suo corpo tremava, urlò con sussulti e appoggiò la testa a terra, con il suo culo rotondo e carnoso ancora alto nell'aria che veniva pompato dal grosso cazzo di cane. Ancora qualche minuto, poi Leon si chinò sopra la mamma e stava sparando il suo carico dentro di lei, che le fece scattare un altro orgasmo.

La pelle della mamma era lucida di sudore, le sue gambe erano particolarmente inzuppate adesso. Ho fissato le sue tette giganti e le enormi areole, ho puntato la mia virilità verso di lei e ho rilasciato un carico di sperma che è atterrato sulla sua schiena, sulle spalle e sul fianco. Le piaceva, se lo strofinava sulla pelle, mescolandolo con tutti gli altri fluidi corporei che la ricoprono. Si passò la mano bagnata e appiccicosa tra i capelli e li arruffò in un pasticcio.

Dieci minuti dopo, Leon si è liberata dalla mamma e la sua figa ha versato sperma e liquido come se fosse stato tirato un tappo. Il pavimento era in disordine, potevo capire perché aveva steso le coperte. Anche le sue tette gocciolavano sudore sul pavimento. Ora che poteva muoversi di nuovo, si è avvicinata e mi ha abbracciato, strofinando il suo corpo sul mio, premendo le sue ridicole brocche nel mio petto e strofinando la figa sul mio fianco. Adesso ero fradicio quanto lei. Si chinò e vidi il sudore che ancora le gocciolava dai capezzoli. Tranne, aspetta... non era affatto sudato. Perdeva dai suoi capezzoli. Era latte!

Vide che l'avevo notato, sollevò un seno e lo strinsi. Un rivolo di latte schizzò fuori dal suo grasso capezzolo marrone. Gesù. non c'è da stupirsi che le sue tette siano sempre così piene e sode. Sono pieni di latte. "Vuoi succhiarli?" lei chiese. Cazzo sì, l'ho fatto. L'areola era così grande che non riuscivo a circondarne una con la bocca. Ho succhiato un capezzolo e ho preso un sorso di latte caldo. Il sapore era strano e non volevo davvero ingoiarlo, quindi l'ho lasciato fuoriuscire dalla mia bocca, aggiungendo al pasticcio bagnato di sperma e liquidi già sui nostri corpi. Mi sono guardato e ho visto Leon che si leccava il cazzo, per ricordarmi che avevo appena visto mia madre scopare il suo cane.

Mentre le succhiavo le tette, la mamma mi massaggiò il corpo con le mani. Le mie braccia, schiena, culo, gambe, pancia e infine il mio cazzo e le mie palle. Quando lo toccò, prese vita, pronto per un secondo round. Lo afferrò nel pugno e lo accarezzò lentamente. Ho continuato a mungerle le tette con la bocca, e lei si è riposizionata e ha abbassato la sua figa bagnata sul mio cazzo. Sono entrato subito, nessun problema. L'ho presa per il culo e l'ho tenuta su mentre lei oscillava su e giù sul mio cazzo.

Ha preso un seno in una mano e ci ha spruzzato del latte su entrambi. Guardarla accarezzarsi il seno e cavalcare il mio cazzo era troppo, ho detto "Mamma ..." per avvertire che stavo per venire. Il che l'ha eccitata e ha oscillato più velocemente, la sua figa ingoiando il mio cazzo ad ogni colpo sciatto. Mi sono teso per iniziare a venire e lei mi ha afferrato in un abbraccio da orso. Era come se le avessi iniettato un gallone di sperma e potevo sentire le sue pareti vaginali contrarsi ritmicamente mentre aveva un altro orgasmo. Lei gemette forte e mi tenne stretto.

La stanza era un disastro. Cum, sudore, latte materno, fluidi corporei ovunque. La nostra pelle era scivolosa con esso. Sdraiato lì nel bagliore residuo, i miei sentimenti si sono lentamente trasformati da estrema eccitazione a estremo senso di colpa. Cosa stavo facendo? Quello che un minuto prima era scivoloso, umido e caldo, divenne viscido e grossolano. Probabilmente ho avuto sperma di cane su tutta la pelle. Disgustoso. Avevo bisogno di una doccia. Ho guardato la mamma, strofinandole delicatamente la pelle, spargendo la poltiglia su tutto il corpo. Era in paradiso, vi si crogiolava. All'improvviso non mi sentivo così bene. Mia madre era una donna malata che scopa i cani, e ora sono un abilitatore. Avevo davvero bisogno di una doccia.

Ho spostato mia madre nuda da me, le sue tette ridicolmente grandi che si agitavano, mi sono alzata e sono andata in bagno. Dopo qualche minuto sotto la doccia, la mamma è entrata con me. Si strinse il gel doccia nella mano e mi insaponò dappertutto, prendendo il suo tempo con il mio cazzo e le mie palle per assicurarsi che fossero belle e pulite. Mentre la mia mente stava ancora combattendo il senso di colpa e i sentimenti di disgusto, devo ammettere che è stato fantastico vedermi strofinare. Di tanto in tanto si piegava o si girava in un modo in cui una delle sue enormi tette sfiorava o premeva contro di me. I suoi capezzoli stavano ancora perdendo latte, gocciolando a un ritmo rapido.

"Cosa fai con il latte?", chiesi.

"O pompare o spremere. Vuoi aiutarmi a spremere?"

Dopo tutto quello che avevo fatto, perché no. Sollevai con entrambe le mani un seno grasso e pesante e strinsi leggermente, getti di latte uscivano in varie direzioni. Più e più volte spremevo, sparando ogni volta più latte. Alla fine ha detto che era fatta e di passare all'altro seno. Chiaramente si stava divertendo, mi guardava in silenzio con un sorriso sulle labbra.

"Come fai ad avere il latte nel seno?", ho chiesto.

"È una lunga storia. A tuo padre piaceva, quindi ho continuato a tirare il latte ogni giorno dopo la nascita di te e tua sorella. È diventata un'abitudine, e piace anche a me, quindi l'ho continuato dopo la morte di tuo padre".

Quando il secondo seno fu vuoto, ricambiai il favore e insaponai il corpo di mia madre. strofinando ogni centimetro dei suoi fianchi e culo formosi, tette enormi, gambe e corpo lisci. Ho prestato particolare attenzione alle sue grandi areole e capezzoli e alle sue labbra della figa. Sentendola dappertutto ha iniziato a eccitarmi di nuovo, ma il mio cazzo non era pronto per un altro round e ha risposto pateticamente. La mamma, tuttavia, ha allargato le gambe e mi ha incoraggiato a continuare a strofinarle la fica. Ho infilato un paio di dita e ho scoperto che c'era molto spazio; aggiunto un terzo. Solo pochi minuti dopo averla pompata con le dita e lei stava venendo di nuovo. Anche le sue tette hanno iniziato a perdere di nuovo. Quelle cose erano incontrollabili!

Dopo essermi asciugato e vestito, è arrivato il momento di andare. Il viaggio di ritorno a casa mi ha lasciato solo i miei pensieri e sentimenti. Pensieri sull'incredibile corpo di mamma. Pensieri di tutte le linee tabù che avevamo superato. Sentimenti di colpa e confusione. Sensazioni di soddisfazione e anticipazione. Dove porterebbe tutto questo? Diventerebbe un evento normale? È stato un evento unico? Solo il tempo lo direbbe.

Storie simili

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

342 I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

381 I più visti

Likes 0

Rito di passaggio

Rito di passaggio Capitolo 1 Le gambe della sorella di Jimmy Smith erano gettate su ciascuna delle sue spalle mentre si spingeva con forza nel suo stretto tunnel. Guardando in basso, poteva vedere la schiuma bianca che ricopriva il suo cazzo e il morbido castano lanuginoso dei suoi peli pubici. L'aria si riempì dei suoni squishy del suo cazzo che martellava la sua succosa figa bagnata. I suoi piccoli seni volavano avanti e indietro. I suoi capelli castani lunghi fino alle spalle circondavano il suo viso sudato. I suoi occhi si fissarono su quelli di lui, la sua bocca aperta con...

308 I più visti

Likes 0

Fallout Quattro Futanari

Fallout Quattro Futanari Eccolo, Jalbert Brothers Disposal, ha detto Brand. Paige Carter, alta, snella, con gli occhi grigi e corti capelli biondi, strinse più forte il suo fucile automatico mentre guardava su per la collina, verso gli edifici sgangherati e frammentari e le pile di rottami. Guardò la sua squadra di predoni con uno sguardo dubbioso. Brand era in piedi con il binocolo fissato sul posto, il revolver calibro 44 nella fondina all'anca, quasi nascosto dall'armatura a punte che indossava. Era stoico e calmo, per la maggior parte; una dipendenza psicotica lo ha fatto esplodere di rabbia in alcune occasioni. Dietro...

311 I più visti

Likes 0

Troppo perfetto per lasciar perdere [Capitolo due]

In seguito ci addormentammo entrambi per un paio d'ore. Mi sono svegliato e lei era ancora lì a dormire accanto a me. Rimasi lì a fissare il soffitto per alcuni minuti, sentendomi come se fossi entrato in una realtà alternativa in cui tutte le mie sporche fantasie da vecchio si erano appena avverate. Lo ammetto, anch'io mi sentivo un sacco di merda, ma mi ha praticamente saltato le ossa. Cosa avrei dovuto fare? Era fumante, e io sono solo un uomo dopo tutto. Passarono alcuni minuti prima che si svegliasse. La guardai intensamente mentre batteva il pisolino pomeridiano dai suoi occhi...

274 I più visti

Likes 0

I Ragazzi ritornano!

I ragazzi tornano! Ci è voluta una settimana per organizzare un momento reciprocamente gradevole in cui Brad e Mike tornassero per un altro incontro con mia moglie Beth. L'ultima volta che i ragazzi sono stati qui, Beth si è divertita moltissimo e non vedeva l'ora di ripetere l'esibizione. Mi aveva persino detto che li avrebbe portati direttamente in camera da letto dove avrebbero potuto davvero farlo. Sono rimasto un po' sorpreso quando sono andato ad aprire la porta. C'erano Brad, Mike e altri due bei ragazzi. Brad mi ha indotto da Chad e Dan, che avevano entrambi 18 anni, e ha...

147 I più visti

Likes 0

Betty tettona

Storia di Fbailey numero 489 Betty tettona Avevo incontrato Betty solo di recente. I primi due tempi furono relativamente brevi e frettolosi. Tuttavia, la terza volta è stata un incantesimo. Non eravamo soli ma siamo riusciti a trascorrere un'ora o giù di lì nella stessa stanza. Mia moglie era lì con me così come un amico comune. Suo marito e due figli erano in un'altra stanza, ma di tanto in tanto entravano in cucina per un momento o due e poi si ritiravano in cose più grandi e migliori come i videogiochi e la televisione. Betty è quella che Internet chiama...

92 I più visti

Likes 0

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

417 I più visti

Likes 0

La moglie vuole un altro bambino_ (1)

Questa è una storia di fantasia che coinvolge me, mia moglie e il suo patrigno Mia moglie, Nicole ed io siamo sposati da 7 anni e abbiamo tre figli meravigliosi. Viviamo in una città più piccola e la maggior parte delle persone qui sono amici intimi e molta famiglia. Quando è nato il nostro primo figlio, gli è stata diagnosticata una sindrome ed è stato allora che abbiamo scoperto che entrambi siamo portatori di un gene. Dopo che al nostro secondo figlio è stata diagnosticata la sindrome, quando ho deciso che avrei dovuto sottopormi a una vasectomia per evitare che altri...

379 I più visti

Likes 0

La nuova vita di Aria Pt3

Aria Mi sono svegliato con un sussulto tra le braccia di mio padre. Cosa c'è che non va, Aria? mi chiese preoccupato. Solo un sogno 'strano', immagino. Sudavo e tremavo. Il re deve averlo notato. “Sei venuto mentre stavi dormendo. Sei venuto spesso in questi ultimi due giorni.» Mi prese tra le sue braccia e mi tenne stretta. Nel momento in cui sono tornato tra le sue braccia ho iniziato ad avvolgere il mio corpo intorno al suo, cercando di più. Papà, per favore, ho supplicato. Assolutamente sì, Aria. Detto questo, iniziò a baciarmi e mi adagiò sulla schiena, stritolandomi. I...

383 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.