I segreti depravati della mamma 3

1.8KReport
I segreti depravati della mamma 3

Qualche settimana fa ho beccato mia madre a fare sesso con il suo cane (vedi parte 1 di Mom's Depraved Secrets). Disgustato all'inizio, in seguito non riuscivo a togliermi l'immagine dalla testa: mamma a quattro zampe, il suo corpo nudo dai toni yoga esposto, culo rotondo in aria, seni pesanti appesi al pavimento, cazzo di cane bloccato dentro di lei figa. Così caldo.

Più tardi mi ha raccontato la storia di come sono iniziate le sue avventure di cazzo di cane; derivante da una singola e-mail della sua amica (vedi parte 2 di Mom's Depraved Secrets). Ha anche rivelato che vorrebbe che la vedessi di nuovo nuda. La mia risposta era stata tiepida e temevo che la porta fosse chiusa; non ci parlavamo da allora.

Ho deciso che era ora di tornare in contatto.

Mi sentivo sessualmente vivo in un modo che non mi sentivo da quando avevo scoperto la masturbazione per la prima volta da adolescente. Mia madre formosa, nuda e fottuta di cane era sempre nella mia mente, senza sosta. Mentre facevo sesso con la mia ragazza (Laura), pensavo a mia madre e sborravo in pochi secondi. La mia ragazza era molto sexy e trasudava sessualità, ma questa nuova esposizione a mia madre era prepotente nei suoi effetti su di me. Mi masturbavo ogni giorno con l'immagine mentale di mamma e ogni volta sparavo densi flussi di sperma. Il mio cazzo sembrava anche più grande in qualche modo. Nel disperato tentativo di rivedere la mamma nuda, l'ho chiamata al telefono.

"Ciao?" lei rispose.

"Ciao mamma. Sono io."

"Ciao tesoro," fece una pausa. "È passato un po 'di tempo."

"Sì", ho detto. "Mi dispiace per quello."

"Cominciavo a chiedermi quando avrei avuto tue notizie."

"Si scusa." Ho pensato che avrei potuto anche farlo subito, era l'elefante nella stanza. "Allora, volevo parlarti di nuovo di... sai, cosa è successo?"

Esitò, insicura sulla direzione in cui stavo andando. "Va bene, che ne dici?" lei chiese.

Questo era il momento. Fu allora che entrai volontariamente nel mondo depravato di mia madre e iniziai a svelare tutti i suoi segreti. "Vorrei discutere dell'offerta che hai fatto. Sembra interessante."

"Va bene, mi piacerebbe," disse. Sentivo sollievo nella sua voce.

Abbiamo concordato che sarei passato a casa sabato mattina e avremmo potuto chiacchierare. Sabato mancavano due giorni; sembrava un'eternità. 48 ore di immaginazione di vari scenari, chiedendosi come sarebbe andata a finire. Mia madre si sarebbe davvero spogliata per me? Quanto lontano sarebbe arrivato? Non vedevo l'ora di rivedere le sue enormi tette, volevo dare un'occhiata da vicino alle sue gigantesche areole e capezzoli marroni.

Sabato. Mi sono svegliato, ho fatto la doccia, mi sono vestito e ho provato a fare colazione. Avevo lo stomaco in un nodo e riuscivo a malapena a soffocare un brindisi. Ero nervoso e combattuto. Pensavo che mi sarei sentito eccitato, ma più diventava reale, più sembrava sbagliato. I figli non dovrebbero impegnarsi in attività sessuali con le loro madri. Quando è arrivato il momento di partire, mi ero quasi convinto che fosse meglio annullare, annullare. Ma la mia libido ha avuto la meglio su di me; Ero troppo incuriosito per non presentarsi.

Ho parcheggiato nel suo vialetto e ho bussato alla porta d'ingresso. Nessuna risposta. Bussato di nuovo. Ancora nessuna risposta. Strano. Sapeva che stavo arrivando. Ho provato la porta ed era sbloccata. La casa suonava silenziosa. "Ciao?" Ho chiamato. Nessuna risposta. Ho attraversato il soggiorno e la cucina. Nessuno era in giro. Mi sono diretto al piano di sopra e ho avuto un momento di deja vu. Questo è stato molto simile al giorno in cui l'ho beccata a scopare con il cane, e all'improvviso ho capito: era di nuovo nella sua camera da letto a scopare con il cane, aspettando che la raggiungessi. Mi sono diretto direttamente nella sua stanza ed sono entrato.

Non era proprio quello che pensavo. Non stava succedendo (ancora) un cazzo. La mamma era seduta per terra in mutandine e reggiseno, guardandomi. Sorrise quando entrai nella stanza. Leon, il suo laboratorio giallo, sedeva accanto a lei. Stava accarezzando lentamente il suo cazzo eretto. Oh merda, e adesso? Ha continuato a guardarmi mentre faceva scorrere la sua mano chiusa su e giù per la lunghezza della sua considerevole carne di cane.

La mamma era meravigliosa in mutande. Il suo reggiseno sollevava quelle tette enormi e le faceva sembrare anche migliori del solito; la scollatura era lunga un miglio. Le sue gambe grosse sembravano morbide, ma toniche.

"Vieni qui, piccola", disse. "Penso che non abbiamo più bisogno di parlarne, penso che dovresti toglierti dei vestiti."

Questo è stato troppo veloce. Volevo prima dare una bella occhiata al suo corpo nudo. Un po' a suo agio in tutta questa faccenda, ma lei stava masturbando il cane e dicendomi di spogliarmi.

"Aspetta, mamma. Alzati, voglio guardarti."

"Oh, non posso ora. Leon si arrabbia se non finisco quello che ho iniziato. Credimi, non vogliamo che si arrabbi." Mi ha fatto l'occhiolino.

"Beh, come funzionerà? Sono venuto qui per te, non per Leon."

"Perché non guardi per ora, poi vedremo cosa succede."

Quindi ho guardato.

L'ho vista accarezzare il cazzo di Leon con una mano mentre si toglieva il reggiseno e le mutandine con l'altra mano. Quando ha sciolto i seni è stata la cosa più incredibile che avessi mai visto. Erano enormi, ma perfetti. Alla sua età matura, in qualche modo ancora piena e soda, con areole che coprivano un terzo di ciascuna tetta e capezzoli corti e grassi sull'attenti. Mi ha visto fissarlo e ha sorriso. si è fatta scivolare le mutande lungo le gambe e ha fatto oscillare il culo verso di me e allargando le gambe per mostrarmi la figa. Sembrava fantastico. era luccicante e bagnata, le labbra gonfie e invitanti.

Poi mi sono ricordata che questa era mia madre! Gesù, si sta comportando come una vera puttana. Che tipo di donna era? Non la conoscevo nel modo in cui pensavo di conoscerla?

Si è posizionata a quattro zampe e ha puntato il culo verso Leon, che immediatamente le è saltato sulla schiena e ha iniziato a puntare il suo grosso cazzo verso la sua fica. L'ha immerso con una mossa pratica e la mamma ha sussultato un po'. Le sue enormi tette pesanti pendevano verso il pavimento e saltavano e sussultavano, spinse indietro la fica sul cazzo di Leon. Duro. Stava pompando via. I succhi gocciolavano lungo l'interno delle cosce della mamma. Si dondolava avanti e indietro, indietreggiando duramente contro Leon come se non riuscisse a farle entrare abbastanza cazzo. I suoi bei seni ondeggiavano a ritmo. Dannazione, che puttana calda e sporca era mia madre. Il mio cazzo era duro come una roccia.

Anch'io ero nuda, sdraiata sul suo letto, con una visuale dall'alto dell'azione sul pavimento. La mamma gemette e chiuse gli occhi. Perso nel piacere del sesso. Lavorando sodo per cercare di accettare ancora più cazzi nella sua scatola.

Non ci volle molto perché la sua pelle luccicasse di sudore; gocciolava su tutte le parti del suo corpo. Il succo di figa e cane continuava a scorrere lungo le sue gambe. La bava gocciolava dalla sua bocca aperta e lamentosa, che si asciugò con il dorso della mano. Era un pasticcio caldo, bagnato e viscido, e la stanza puzzava di figa e sesso. Era la cosa più sporca che avessi mai sperimentato.

Mi sono accarezzato il cazzo mentre guardavo, e anche lei mi ha guardato. Ha iniziato a sborrare forte mentre fissava il mio cazzo. Il suo corpo tremava, urlò con sussulti e appoggiò la testa a terra, con il suo culo rotondo e carnoso ancora alto nell'aria che veniva pompato dal grosso cazzo di cane. Ancora qualche minuto, poi Leon si chinò sopra la mamma e stava sparando il suo carico dentro di lei, che le fece scattare un altro orgasmo.

La pelle della mamma era lucida di sudore, le sue gambe erano particolarmente inzuppate adesso. Ho fissato le sue tette giganti e le enormi areole, ho puntato la mia virilità verso di lei e ho rilasciato un carico di sperma che è atterrato sulla sua schiena, sulle spalle e sul fianco. Le piaceva, se lo strofinava sulla pelle, mescolandolo con tutti gli altri fluidi corporei che la ricoprono. Si passò la mano bagnata e appiccicosa tra i capelli e li arruffò in un pasticcio.

Dieci minuti dopo, Leon si è liberata dalla mamma e la sua figa ha versato sperma e liquido come se fosse stato tirato un tappo. Il pavimento era in disordine, potevo capire perché aveva steso le coperte. Anche le sue tette gocciolavano sudore sul pavimento. Ora che poteva muoversi di nuovo, si è avvicinata e mi ha abbracciato, strofinando il suo corpo sul mio, premendo le sue ridicole brocche nel mio petto e strofinando la figa sul mio fianco. Adesso ero fradicio quanto lei. Si chinò e vidi il sudore che ancora le gocciolava dai capezzoli. Tranne, aspetta... non era affatto sudato. Perdeva dai suoi capezzoli. Era latte!

Vide che l'avevo notato, sollevò un seno e lo strinsi. Un rivolo di latte schizzò fuori dal suo grasso capezzolo marrone. Gesù. non c'è da stupirsi che le sue tette siano sempre così piene e sode. Sono pieni di latte. "Vuoi succhiarli?" lei chiese. Cazzo sì, l'ho fatto. L'areola era così grande che non riuscivo a circondarne una con la bocca. Ho succhiato un capezzolo e ho preso un sorso di latte caldo. Il sapore era strano e non volevo davvero ingoiarlo, quindi l'ho lasciato fuoriuscire dalla mia bocca, aggiungendo al pasticcio bagnato di sperma e liquidi già sui nostri corpi. Mi sono guardato e ho visto Leon che si leccava il cazzo, per ricordarmi che avevo appena visto mia madre scopare il suo cane.

Mentre le succhiavo le tette, la mamma mi massaggiò il corpo con le mani. Le mie braccia, schiena, culo, gambe, pancia e infine il mio cazzo e le mie palle. Quando lo toccò, prese vita, pronto per un secondo round. Lo afferrò nel pugno e lo accarezzò lentamente. Ho continuato a mungerle le tette con la bocca, e lei si è riposizionata e ha abbassato la sua figa bagnata sul mio cazzo. Sono entrato subito, nessun problema. L'ho presa per il culo e l'ho tenuta su mentre lei oscillava su e giù sul mio cazzo.

Ha preso un seno in una mano e ci ha spruzzato del latte su entrambi. Guardarla accarezzarsi il seno e cavalcare il mio cazzo era troppo, ho detto "Mamma ..." per avvertire che stavo per venire. Il che l'ha eccitata e ha oscillato più velocemente, la sua figa ingoiando il mio cazzo ad ogni colpo sciatto. Mi sono teso per iniziare a venire e lei mi ha afferrato in un abbraccio da orso. Era come se le avessi iniettato un gallone di sperma e potevo sentire le sue pareti vaginali contrarsi ritmicamente mentre aveva un altro orgasmo. Lei gemette forte e mi tenne stretto.

La stanza era un disastro. Cum, sudore, latte materno, fluidi corporei ovunque. La nostra pelle era scivolosa con esso. Sdraiato lì nel bagliore residuo, i miei sentimenti si sono lentamente trasformati da estrema eccitazione a estremo senso di colpa. Cosa stavo facendo? Quello che un minuto prima era scivoloso, umido e caldo, divenne viscido e grossolano. Probabilmente ho avuto sperma di cane su tutta la pelle. Disgustoso. Avevo bisogno di una doccia. Ho guardato la mamma, strofinandole delicatamente la pelle, spargendo la poltiglia su tutto il corpo. Era in paradiso, vi si crogiolava. All'improvviso non mi sentivo così bene. Mia madre era una donna malata che scopa i cani, e ora sono un abilitatore. Avevo davvero bisogno di una doccia.

Ho spostato mia madre nuda da me, le sue tette ridicolmente grandi che si agitavano, mi sono alzata e sono andata in bagno. Dopo qualche minuto sotto la doccia, la mamma è entrata con me. Si strinse il gel doccia nella mano e mi insaponò dappertutto, prendendo il suo tempo con il mio cazzo e le mie palle per assicurarsi che fossero belle e pulite. Mentre la mia mente stava ancora combattendo il senso di colpa e i sentimenti di disgusto, devo ammettere che è stato fantastico vedermi strofinare. Di tanto in tanto si piegava o si girava in un modo in cui una delle sue enormi tette sfiorava o premeva contro di me. I suoi capezzoli stavano ancora perdendo latte, gocciolando a un ritmo rapido.

"Cosa fai con il latte?", chiesi.

"O pompare o spremere. Vuoi aiutarmi a spremere?"

Dopo tutto quello che avevo fatto, perché no. Sollevai con entrambe le mani un seno grasso e pesante e strinsi leggermente, getti di latte uscivano in varie direzioni. Più e più volte spremevo, sparando ogni volta più latte. Alla fine ha detto che era fatta e di passare all'altro seno. Chiaramente si stava divertendo, mi guardava in silenzio con un sorriso sulle labbra.

"Come fai ad avere il latte nel seno?", ho chiesto.

"È una lunga storia. A tuo padre piaceva, quindi ho continuato a tirare il latte ogni giorno dopo la nascita di te e tua sorella. È diventata un'abitudine, e piace anche a me, quindi l'ho continuato dopo la morte di tuo padre".

Quando il secondo seno fu vuoto, ricambiai il favore e insaponai il corpo di mia madre. strofinando ogni centimetro dei suoi fianchi e culo formosi, tette enormi, gambe e corpo lisci. Ho prestato particolare attenzione alle sue grandi areole e capezzoli e alle sue labbra della figa. Sentendola dappertutto ha iniziato a eccitarmi di nuovo, ma il mio cazzo non era pronto per un altro round e ha risposto pateticamente. La mamma, tuttavia, ha allargato le gambe e mi ha incoraggiato a continuare a strofinarle la fica. Ho infilato un paio di dita e ho scoperto che c'era molto spazio; aggiunto un terzo. Solo pochi minuti dopo averla pompata con le dita e lei stava venendo di nuovo. Anche le sue tette hanno iniziato a perdere di nuovo. Quelle cose erano incontrollabili!

Dopo essermi asciugato e vestito, è arrivato il momento di andare. Il viaggio di ritorno a casa mi ha lasciato solo i miei pensieri e sentimenti. Pensieri sull'incredibile corpo di mamma. Pensieri di tutte le linee tabù che avevamo superato. Sentimenti di colpa e confusione. Sensazioni di soddisfazione e anticipazione. Dove porterebbe tutto questo? Diventerebbe un evento normale? È stato un evento unico? Solo il tempo lo direbbe.

Storie simili

Mamma che lavora 2

Mi chiamo Becky e se hai letto l'altra mia storia ho un figlio di 17 anni che si chiama Ryan. Dopo di lui ha cercato di ricattarmi per fargli fare un pompino e ha risposto al fuoco, beh, in realtà non è stato così, invece l'ho scopato. io non mi sono descritto molto bene nella prima storia, quindi ecco qualcosa su di me. Sono un avvocato (equity partner), sono di origini italiane e irlandesi decenti con capelli nero scuro sia in alto che in basso, sono 5'7 con una taglia del seno di 32C e una taglia 4 in vita ho...

832 I più visti

Likes 0

Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni. 'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina. 'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella...

712 I più visti

Likes 0

L'incontro sexy

Sei seduto al bar di un hotel con indosso un bel vestito blu truccato e indossi una bella parrucca castana dai capelli lunghi sapendo che indossi un crogiolarsi con delle mutandine nere a volant sotto il vestito, ti senti un reggicalze sexy che regge delle calze a rete morbide e setose mentre liscia il tuo vestito mentre ti metti a tuo agio sul tuo sgabello da bar alto in pelle. Mi noti dall'altra parte del bar, sorridi, io ricambio e chiedo al barista di mandarti un drink con una chiave magnetica nella stanza 6969 con un biglietto che dice di portare il...

1.4K I più visti

Likes 0

Ritmo di The Rails

Siamo usciti dalla Union Station verso le 20:00. Nella canzone, il treno parte la mattina e arriva la sera. Immagino che le cose siano cambiate da quando Steve Goodman ha preso il treno e ha scritto la canzone. Potrei conviverci. Fin dalla prima volta che avevo sentito Arlo Guthrie cantare di The City of New Orleans, avrei voluto fare questo viaggio. Spesso, al lavoro o sotto la doccia, mi ritrovavo a canticchiare la melodia. Ora, in realtà ero sul treno leggendario, in viaggio da Chicago a New Orleans. Stavamo cambiando auto a Memphis, nel Tennessee verso le 6:30 del mattino, a...

1.3K I più visti

Likes 0

Sabato da sogno_(1)

Sabato da sogno…. Introduzione: Sono alto 6' 3; muscoloso dato che mi alleno 5 volte a settimana e ragionevolmente bello. Sono anche bisessuale. Adoro farmi leccare e scopare il culo con un dito, con un vibratore o preferibilmente con un cazzo vero. La mia ragazza sa tutto del mio lato bi ed è davvero eccitata all'idea di guardare me e un ragazzo che stiamo insieme mentre la facciamo godere. Questo è qualcosa che miriamo a fare nel prossimo futuro. La mia ragazza, Sarah, è alta 5' 6 pollici e molto magra, lunghi capelli castano scuro. Lei è la tipica ragazza fantasy...

411 I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.7K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.7K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

1.8K I più visti

Likes 1

Un mese fantastico

Da Pussycatspecialist Descrizioni dei personaggi Noemi: 18 anni Capelli lisci castano-rossicci Grandi seni 34C 5'6 con gambe lunghe e snelle e un culo tondo. Tom: 20 anni Capelli castani corti Muscolare 6'2 con un gallo da 9 pollici *** Ieri mattina i miei genitori hanno chiamato me e mio fratello Tom nella loro stanza. Cosa succede ragazzi? chiese Tom mentre noi due entriamo nella camera dei nostri genitori. Mentre mi guardavo intorno nella loro stanza, ho notato che avevano preparato le valigie sul letto accanto a loro. Sappiamo che è stato un po' improvviso, e ci dispiace, ma alcuni nostri amici...

1.9K I più visti

Likes 0

La storia del sesso di Katrina Kaif Questa è la storia della ragazza più calda del culo Katrina Kaif. _(1)

Questa è la storia della ragazza più sexy Katrina Kaif. Una volta Salman e Katrina Kaif andarono in tournée negli Stati Uniti e di notte andarono in un pub a giocare a biliardo. Quando entrarono nella sala giochi videro che stavano giocando tre giganteschi negri. Quando sono entrati, tutti e tre i ragazzi hanno detto wow! Che cagna sexy nella loro lingua locale e il loro bastone sta a 90 gradi completamente eretto nei pantaloni. Katrina indossava una minigonna monopezzo celeste a strisce singole che mostrava le sue spalle complete fino alle tette e le cosce sexy. Hanno discusso tutti nella...

831 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.