Emilia

512Report
Emilia

La mia prima storia, per favore non essere troppo duro con me :3


***********


Emilia era in piedi in uno degli archi delle finestre dell'edificio che stava visitando. Il gruppo non era troppo avanti e non pensava che si sarebbe persa se avesse dato una rapida occhiata fuori dalla finestra. Era in India, viaggiava da sola, o da sola come potrebbe essere una donna incinta. Stava appena iniziando a mostrarsi e la maggior parte dei suoi vestiti nascondeva ancora la protuberanza.

C'era un passo dietro di lei ed Emilia pensava che fosse la guida turistica. Si voltò per scusarsi ma fu fermata da due mani ferme sulla sua spalla.

"Non girarti." Disse la voce di un maschio indiano. "Non gridare o ti uccideremo".

Emilia si bloccò e tutto ciò che stava per dire le era bloccato in gola. Annuì per mostrare che capiva. Mani, dozzine di mani, scorrevano sulla sua forma vestita ed Emilia si sforzava di non gridare. Ci fu un clic e le mani caddero.

La voce parlò di nuovo. "Brava ragazza. Spogliati fino alle mutande, nessuno ti vedrà."

Emilia tremò e si tolse la maglietta, lasciandola cadere a terra accanto a lei. Il suo pancione era ora in bella vista e la sua mano andò inconsciamente sull'onda prima di scivolare verso il basso e sganciare la gonna, uscendo da essa. Ci fu un sussurro dietro di lei e qualcuno si fece avanti per far scorrere la mano sullo stomaco della donna incinta. Un debole gemito lasciò le labbra di Emilia e la mano si sollevò per pizzicarle forte il capezzolo.

Non poteva farne a meno e un debole gemito le sfuggì, le ginocchia che minacciavano di farla cadere a terra. Le mani si affollarono di nuovo in avanti, toccandole i seni, accarezzando il suo stomaco gonfio, alcune si abbassarono per sfiorarle le mutandine davanti e dietro.

Emilia piagnucolò di nuovo e fu spinta in avanti contro il davanzale di una finestra, seminascosta dietro un piccolo giardino pensile. I suoi seni furono liberati e le mani palparono i seni nudi, pizzicando rudemente i capezzoli, facendola contorcere dalla sensibilità.

Qualcosa le cadde sugli occhi ed Emilia si rese conto che la stavano bendando. Percepì le persone che si muovevano intorno a lei e sentì due bocche sui suoi capezzoli.

"No... sto allattando..." sussurrò Emilia.

Non ha fermato gli uomini, hanno bevuto il liquido dolce che avrebbe dovuto essere per suo figlio. I loro denti sfiorarono l'area sensibile e lei non riuscì a trattenere un debole gemito. Le mani le tirarono le mutandine, lasciandola completamente nuda nel caldo, una brezza che le scorreva tra le gambe.

"Sei bagnata. Ti deve piacere essere trattata come una puttana. Puttana incinta." la voce le sussurrò all'orecchio ed Emilia le sentì afferrarle le chiappe e separarle.

Un cazzo corse tra loro, strofinando il culo intatto di Emilia. Rabbrividì un po' e cercò di allontanarsi. Non c'era spazio per muoversi, era circondata da uomini arrapati. L'uomo dietro di lei si è abbassato un po' e ha lasciato che il suo cazzo si strofinasse sulla figa di Emilia. "Qui. Lo vorresti qui invece?"

Lei scosse la testa ma era troppo tardi, i suoi fianchi scattarono in avanti e lui spinse il suo cazzo dentro di lei. Emilia aprì la bocca per urlare, ma fu smorzata all'istante da un cazzo che le veniva infilato in gola. Ha soffocato forte e ha iniziato a piangere quando ha sentito il cazzo nella sua figa iniziare a spingersi dentro e fuori.

Era nel suo inferno personale, le mani ancora si toccavano dappertutto e due persone le stavano ancora succhiando i seni. E poi è arrivato un istante di sollievo quando il cazzo nella sua figa si è tirato fuori. Si è imbavagliata di nuovo sul cazzo in bocca prima di imparare ad aprire la gola ed è stato allora che l'ha sentito.

Dolore, dolore di un cazzo che le viene forzato nel culo senza pensarci due volte per il suo benessere. Ha urlato intorno al cazzo che aveva in bocca, ma tutto quello che ne è uscito è stato un gemito soffocato.
Dita scavate nella sua figa, Emilia le contò per cercare di ignorare il dolore. Uno, due, tre, ora stava iniziando a distendersi, le lacrime le rigavano il viso. Quattro, cinque, ora faceva male e male, spinsero più forte, come se cercassero di forzare l'intera mano nella sua figa incinta.

Rabbrividì quando la mano nella sua figa fece contrarre il cazzo nel suo culo. Lui grugnì e poi si slanciò in avanti, spruzzandole la sua sborra. L'uomo nella sua bocca seguì presto il suo esempio, pompando i fianchi per infilare il suo cazzo nella sua gola, facendola vomitare ancora e ancora, il dolore le fece dimenticare di rilassare la gola.

Emilia sentì lo sperma rotolarle giù per la gola e singhiozzò piano. La sua tortura è continuata per ore, finché non è rimasta insensibile e si è lamentata ancora. Alla fine è svenuta.

Qualcuno le stava scuotendo la spalla ed Emilia si svegliò di soprassalto, guardando il viso gentile della guida turistica. "Stai bene?" chiese, inginocchiandosi accanto a lei. "Sei rimasto indietro e devi esserti addormentato. Vieni, ti prendo qualcosa da mangiare e ti prendo un taxi. Troppo buio per una giovane donna come te per tornare a casa a piedi da sola."

Emilia sorrise e gli prese la mano, lasciando che lui la tirasse in piedi. Era tutto solo un sogno? Un incubo che aveva sognato? Era così immersa nei suoi pensieri che Emilia non prestò attenzione a dove la guidava la guida. Fu solo quando aprì una porta dietro la quale si nascondeva un gruppo di indiani che Emilia reagì.

"No!" urlò ma era troppo tardi. Le mani la trascinarono nella stanza buia e la porta si richiuse dietro di lei con un sinistro boato.

Storie simili

Ritmo di The Rails

Siamo usciti dalla Union Station verso le 20:00. Nella canzone, il treno parte la mattina e arriva la sera. Immagino che le cose siano cambiate da quando Steve Goodman ha preso il treno e ha scritto la canzone. Potrei conviverci. Fin dalla prima volta che avevo sentito Arlo Guthrie cantare di The City of New Orleans, avrei voluto fare questo viaggio. Spesso, al lavoro o sotto la doccia, mi ritrovavo a canticchiare la melodia. Ora, in realtà ero sul treno leggendario, in viaggio da Chicago a New Orleans. Stavamo cambiando auto a Memphis, nel Tennessee verso le 6:30 del mattino, a...

262 I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

228 I più visti

Likes 0

La moglie vuole un altro bambino_ (1)

Questa è una storia di fantasia che coinvolge me, mia moglie e il suo patrigno Mia moglie, Nicole ed io siamo sposati da 7 anni e abbiamo tre figli meravigliosi. Viviamo in una città più piccola e la maggior parte delle persone qui sono amici intimi e molta famiglia. Quando è nato il nostro primo figlio, gli è stata diagnosticata una sindrome ed è stato allora che abbiamo scoperto che entrambi siamo portatori di un gene. Dopo che al nostro secondo figlio è stata diagnosticata la sindrome, quando ho deciso che avrei dovuto sottopormi a una vasectomia per evitare che altri...

685 I più visti

Likes 0

Fat Bastards violenta il mio culo - storia 4

Sapevo che The Fat Bastard sarebbe stato in giro oggi per riscuotere l'affitto e non sapevo cosa aspettarmi. Non avevo i soldi, quindi ero sicuro che avrebbe voluto scoparmi di nuovo, ma non sapevo cos'altro avrebbe potuto volere. La prima volta che è venuto, mi aveva appena scopato lui stesso, ma la seconda volta mi aveva dato anche a suo figlio. Questa sarebbe stata la terza volta e sospettavo che sia lui che suo figlio mi avrebbero voluto scopare di nuovo, ma non sapevo se sarebbe stato sufficiente per coprire l'affitto del mese. Ero sdraiato sul mio letto a leggere un...

327 I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

667 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

634 I più visti

Likes 0

Fallout Quattro Futanari

Fallout Quattro Futanari Eccolo, Jalbert Brothers Disposal, ha detto Brand. Paige Carter, alta, snella, con gli occhi grigi e corti capelli biondi, strinse più forte il suo fucile automatico mentre guardava su per la collina, verso gli edifici sgangherati e frammentari e le pile di rottami. Guardò la sua squadra di predoni con uno sguardo dubbioso. Brand era in piedi con il binocolo fissato sul posto, il revolver calibro 44 nella fondina all'anca, quasi nascosto dall'armatura a punte che indossava. Era stoico e calmo, per la maggior parte; una dipendenza psicotica lo ha fatto esplodere di rabbia in alcune occasioni. Dietro...

595 I più visti

Likes 0

Betty tettona

Storia di Fbailey numero 489 Betty tettona Avevo incontrato Betty solo di recente. I primi due tempi furono relativamente brevi e frettolosi. Tuttavia, la terza volta è stata un incantesimo. Non eravamo soli ma siamo riusciti a trascorrere un'ora o giù di lì nella stessa stanza. Mia moglie era lì con me così come un amico comune. Suo marito e due figli erano in un'altra stanza, ma di tanto in tanto entravano in cucina per un momento o due e poi si ritiravano in cose più grandi e migliori come i videogiochi e la televisione. Betty è quella che Internet chiama...

386 I più visti

Likes 0

Eddie, la mamma del suo amico e Betty

June Cleaver era la mamma di due giovani uomini ben educati, Waldo di 20 anni e Theo di 19 anni. Era la tipica casalinga di periferia americana che amava suo marito Ward ed era sposata con lui da oltre 32 anni. La 53enne June era piena di seni di 40 gg, un culo grasso e rotondo ed era formosa. A 5 piedi 9 era un bicchiere d'acqua alto ed è per questo che il giovane Eddie Haskell, bramava la mamma del suo migliore amico. Eddie, 20 anni, aveva scoperto di recente l'ipnotismo e scoprì di essere davvero bravo in questo. Quindi...

318 I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

276 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.