Emilia

751Report
Emilia

La mia prima storia, per favore non essere troppo duro con me :3


***********


Emilia era in piedi in uno degli archi delle finestre dell'edificio che stava visitando. Il gruppo non era troppo avanti e non pensava che si sarebbe persa se avesse dato una rapida occhiata fuori dalla finestra. Era in India, viaggiava da sola, o da sola come potrebbe essere una donna incinta. Stava appena iniziando a mostrarsi e la maggior parte dei suoi vestiti nascondeva ancora la protuberanza.

C'era un passo dietro di lei ed Emilia pensava che fosse la guida turistica. Si voltò per scusarsi ma fu fermata da due mani ferme sulla sua spalla.

"Non girarti." Disse la voce di un maschio indiano. "Non gridare o ti uccideremo".

Emilia si bloccò e tutto ciò che stava per dire le era bloccato in gola. Annuì per mostrare che capiva. Mani, dozzine di mani, scorrevano sulla sua forma vestita ed Emilia si sforzava di non gridare. Ci fu un clic e le mani caddero.

La voce parlò di nuovo. "Brava ragazza. Spogliati fino alle mutande, nessuno ti vedrà."

Emilia tremò e si tolse la maglietta, lasciandola cadere a terra accanto a lei. Il suo pancione era ora in bella vista e la sua mano andò inconsciamente sull'onda prima di scivolare verso il basso e sganciare la gonna, uscendo da essa. Ci fu un sussurro dietro di lei e qualcuno si fece avanti per far scorrere la mano sullo stomaco della donna incinta. Un debole gemito lasciò le labbra di Emilia e la mano si sollevò per pizzicarle forte il capezzolo.

Non poteva farne a meno e un debole gemito le sfuggì, le ginocchia che minacciavano di farla cadere a terra. Le mani si affollarono di nuovo in avanti, toccandole i seni, accarezzando il suo stomaco gonfio, alcune si abbassarono per sfiorarle le mutandine davanti e dietro.

Emilia piagnucolò di nuovo e fu spinta in avanti contro il davanzale di una finestra, seminascosta dietro un piccolo giardino pensile. I suoi seni furono liberati e le mani palparono i seni nudi, pizzicando rudemente i capezzoli, facendola contorcere dalla sensibilità.

Qualcosa le cadde sugli occhi ed Emilia si rese conto che la stavano bendando. Percepì le persone che si muovevano intorno a lei e sentì due bocche sui suoi capezzoli.

"No... sto allattando..." sussurrò Emilia.

Non ha fermato gli uomini, hanno bevuto il liquido dolce che avrebbe dovuto essere per suo figlio. I loro denti sfiorarono l'area sensibile e lei non riuscì a trattenere un debole gemito. Le mani le tirarono le mutandine, lasciandola completamente nuda nel caldo, una brezza che le scorreva tra le gambe.

"Sei bagnata. Ti deve piacere essere trattata come una puttana. Puttana incinta." la voce le sussurrò all'orecchio ed Emilia le sentì afferrarle le chiappe e separarle.

Un cazzo corse tra loro, strofinando il culo intatto di Emilia. Rabbrividì un po' e cercò di allontanarsi. Non c'era spazio per muoversi, era circondata da uomini arrapati. L'uomo dietro di lei si è abbassato un po' e ha lasciato che il suo cazzo si strofinasse sulla figa di Emilia. "Qui. Lo vorresti qui invece?"

Lei scosse la testa ma era troppo tardi, i suoi fianchi scattarono in avanti e lui spinse il suo cazzo dentro di lei. Emilia aprì la bocca per urlare, ma fu smorzata all'istante da un cazzo che le veniva infilato in gola. Ha soffocato forte e ha iniziato a piangere quando ha sentito il cazzo nella sua figa iniziare a spingersi dentro e fuori.

Era nel suo inferno personale, le mani ancora si toccavano dappertutto e due persone le stavano ancora succhiando i seni. E poi è arrivato un istante di sollievo quando il cazzo nella sua figa si è tirato fuori. Si è imbavagliata di nuovo sul cazzo in bocca prima di imparare ad aprire la gola ed è stato allora che l'ha sentito.

Dolore, dolore di un cazzo che le viene forzato nel culo senza pensarci due volte per il suo benessere. Ha urlato intorno al cazzo che aveva in bocca, ma tutto quello che ne è uscito è stato un gemito soffocato.
Dita scavate nella sua figa, Emilia le contò per cercare di ignorare il dolore. Uno, due, tre, ora stava iniziando a distendersi, le lacrime le rigavano il viso. Quattro, cinque, ora faceva male e male, spinsero più forte, come se cercassero di forzare l'intera mano nella sua figa incinta.

Rabbrividì quando la mano nella sua figa fece contrarre il cazzo nel suo culo. Lui grugnì e poi si slanciò in avanti, spruzzandole la sua sborra. L'uomo nella sua bocca seguì presto il suo esempio, pompando i fianchi per infilare il suo cazzo nella sua gola, facendola vomitare ancora e ancora, il dolore le fece dimenticare di rilassare la gola.

Emilia sentì lo sperma rotolarle giù per la gola e singhiozzò piano. La sua tortura è continuata per ore, finché non è rimasta insensibile e si è lamentata ancora. Alla fine è svenuta.

Qualcuno le stava scuotendo la spalla ed Emilia si svegliò di soprassalto, guardando il viso gentile della guida turistica. "Stai bene?" chiese, inginocchiandosi accanto a lei. "Sei rimasto indietro e devi esserti addormentato. Vieni, ti prendo qualcosa da mangiare e ti prendo un taxi. Troppo buio per una giovane donna come te per tornare a casa a piedi da sola."

Emilia sorrise e gli prese la mano, lasciando che lui la tirasse in piedi. Era tutto solo un sogno? Un incubo che aveva sognato? Era così immersa nei suoi pensieri che Emilia non prestò attenzione a dove la guidava la guida. Fu solo quando aprì una porta dietro la quale si nascondeva un gruppo di indiani che Emilia reagì.

"No!" urlò ma era troppo tardi. Le mani la trascinarono nella stanza buia e la porta si richiuse dietro di lei con un sinistro boato.

Storie simili

Randy Randy

Randy è sempre stato ammirato dalle donne, con un corporatura di 6'4 che porta la maggior parte dei muscoli che ti darebbe essere un bracciante agricolo sarebbe stato sufficiente da solo. Ha anche una splendida massa di capelli biondi naturali e occhi azzurri avviare. A circa 14 anni dal suo matrimonio, ha iniziato a mostrare questo corpo fantastico a chiunque lo guardasse, guidando per grandi distanze verso campi per nudisti e spiagge per nudisti e suggerendo costantemente che i nostri incontri diventassero feste di immersioni magre. Circolavano voci secondo cui è diventato gay, le donne sembravano meno eccitate da lui e...

57 I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

883 I più visti

Likes 0

Troppo perfetto per lasciar perdere [Capitolo due]

In seguito ci addormentammo entrambi per un paio d'ore. Mi sono svegliato e lei era ancora lì a dormire accanto a me. Rimasi lì a fissare il soffitto per alcuni minuti, sentendomi come se fossi entrato in una realtà alternativa in cui tutte le mie sporche fantasie da vecchio si erano appena avverate. Lo ammetto, anch'io mi sentivo un sacco di merda, ma mi ha praticamente saltato le ossa. Cosa avrei dovuto fare? Era fumante, e io sono solo un uomo dopo tutto. Passarono alcuni minuti prima che si svegliasse. La guardai intensamente mentre batteva il pisolino pomeridiano dai suoi occhi...

779 I più visti

Likes 0

I Ragazzi ritornano!

I ragazzi tornano! Ci è voluta una settimana per organizzare un momento reciprocamente gradevole in cui Brad e Mike tornassero per un altro incontro con mia moglie Beth. L'ultima volta che i ragazzi sono stati qui, Beth si è divertita moltissimo e non vedeva l'ora di ripetere l'esibizione. Mi aveva persino detto che li avrebbe portati direttamente in camera da letto dove avrebbero potuto davvero farlo. Sono rimasto un po' sorpreso quando sono andato ad aprire la porta. C'erano Brad, Mike e altri due bei ragazzi. Brad mi ha indotto da Chad e Dan, che avevano entrambi 18 anni, e ha...

689 I più visti

Likes 0

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

907 I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

928 I più visti

Likes 0

Mia moglie Maryanne - Cap. 3

Maryanne e io, e talvolta con il nostro amico John, abbiamo continuato settimana dopo settimana con il nostro gioco di Maryanne indossa il suo vestito sexy e visitiamo un bar locale. In realtà, siamo stati lontani dai bar troppo vicini a casa e da quelli in cui potevamo incontrare qualcuno dei miei colleghi. Non so come potrei affrontare le persone con cui ho lavorato scoprendo il nostro piccolo segreto. Sono sicuro che se fossimo scoperti la voce si sarebbe diffusa in tutto il posto di lavoro e ogni possibile futuro che avevo con l'azienda sarebbe finito. Tuttavia, non avevamo programmi per...

891 I più visti

Likes 0

La mia nuova passione

La mia nuova passione Racconto di Night_Walkerx5 __________________________ I videogiochi sono sempre stati una passione nella mia giovane vita. Non quei giochi sportivi, dove fai sempre la stessa cosa ed è divertente solo quando giochi con gli amici. No... intendo giochi di avventura, giochi horror, giochi di ruolo... quelli che raccontano una storia. Una storia in cui interpreti il ​​​​personaggio principale. Probabilmente ho vissuto più avventure di chiunque altro nella mia scuola. Ho visto così tanti giochi sottovalutati con trame e gameplay meravigliosi. Mi chiamo Ashley, sto per compiere 13 anni. In termini di aspetto fisico, non c'è molto da guardare...

793 I più visti

Likes 0

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

953 I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

920 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.