Sorpresa a 3 vie

268Report
Sorpresa a 3 vie

Ero già a letto da un paio d’ore quando le lenzuola si agitarono e il materasso si mosse leggermente. Mi svegliai abbastanza per spostarmi e fare spazio quando sentii i suoi capelli cadere sulla mia spalla nuda e il suo respiro avvicinarsi al mio orecchio. Si strofinò contro il mio collo mentre si spostava nel letto dietro di me. La sua mano morbida e calda iniziò sulla mia spalla e accarezzò un percorso tortuoso lungo il mio braccio, attorno al mio petto e attraverso il mio stomaco. Non c'erano dubbi che volesse iniziare qualcosa, e ancor meno dubbi che l'avrei accontentata volentieri. Mentre ruotavo il mio corpo verso di lei potevo sentire che era entrata nel letto nuda - cosa molto insolita dato che di solito le piaceva vedermi toglierle i vestiti durante i preliminari. Mi sono voltato per baciarla e lei ha aperto la bocca per me come se non ci baciassimo da anni. La sua lingua era calda e feroce mentre mi succhiava un enorme bacio.

Marie rimase sveglia con la sua amica di vecchia data, bevendo vino e facendo parlare le ragazze nel nostro salotto. Ero andato a letto presto, stanco per aver lavorato in giardino per gran parte della giornata e per niente interessato alle loro chiacchiere. Dopo essermi sistemato per la prima volta potevo ancora sentirli blaterare di tutto e di niente, ma non si vedevano da alcuni mesi, quindi non era una sorpresa. Ho sorriso mentre scivolavo in un sonno leggero, felice che abbia un'amica del genere.

Forse era il vino, ma era da molto tempo che non si comportava in modo così vigoroso, e mi stava dando quel tipo di erezione che quelli del Viagra sperano solo di ottenere. Ho girato il mio corpo completamente verso di lei mentre sollevava il viso in alto e lontano dal mio e mi strofinava le sue splendide tette alla bocca. Inghiottii un capezzolo rigido e le ispirai un lieve gemito. Le sue dita premettero sulla mia testa e spinsero il mio viso su di lei. La mia lingua e le mie labbra ricoprivano la sua pelle con morbidezza e il leggero schiocco del succhiare e rilasciare il capezzolo era punteggiato da altri gemiti. La mia mano si allungò per afferrare il seno che la mia bocca stava ignorando. La carne era così calda e il capezzolo così duro che sembrava che potesse farle male, ma sapevo che le piaceva che fossi duro con le sue tette. Afferro quanta più carne possibile in una manciata, stringendo il capezzolo tra le dita mentre succhio ancora più forte. Mi tirò i capelli cercando di forzare ancora di più il mio viso su di lei.

Si chiamava Dayna ed erano amiche fin dalle elementari. Era lì per Dayna quando ha divorziato, e Dayna era lì per lei mentre ero chiamato a servire all'estero. Erano vicini quanto lo sono gli amici: incondizionatamente nel loro sostegno reciproco, ma sempre straordinariamente sinceri. Era un'amicizia da invidiare.

L'erezione violenta che era bloccata nei miei boxer contorti aveva bisogno di essere rilasciata, e ho provato a usare la mano libera per spostare da parte la cintura. Marie non ne voleva sapere, mentre faceva scivolare la gamba sul mio stomaco, muovendo il petto in modo che il seno asciutto potesse muoversi con la bocca. Li presi entrambi a coppa e cominciai a baciarli e succhiarli rumorosamente. L'umidità su di lei rendeva il pizzicamento e lo sfregamento ancora più erotici - ovviamente si stava divertendo perché potevo sentire il suo calore sessuale aleggiarmi proprio sopra lo stomaco. Il mio cazzo si fletteva in modo incontrollabile, desideravo ardentemente penetrarla e scoparla in modo primordiale. Non avevo ben capito come stesse gestendo la cosa in quel momento, ma potevo sentire le sue dita afferrarmi i pantaloncini e tirarli via. Ero così felice di essere nudo, semplicemente non mi resi conto.

"Vuoi fare qualcosa di pazzo?" mi chiese con voce bassa e roca.

"Sì", dissi mentre le facevo rotolare il capezzolo con la lingua, "per favore".

Quando ho sentito il mio cazzo inghiottito dalle dita, era chiaro che non c'era modo che quelle potessero essere le sue mani. . . e c'era solo un'altra donna in casa! Non c'era alcuna luce nella stanza, quindi non potevo vedere esattamente cosa stava succedendo, ma potevo sentire che le mani di Marie erano sul letto vicino al mio viso e che Dayna aveva entrambe le mani sul mio cazzo. Amici, davvero!

Dayna ha divorziato qualche anno fa e stava crescendo due figlie da sola. Aveva avuto la sua dose di appuntamenti, inclusi un paio di ragazzi con cui era stata semi-seria. Avevo ascoltato frammenti della loro conversazione che indicavano che lei era in una grave siccità quando si trattava di uomini e non ci avevo pensato. Immagino che mentre stavo sonnecchiando avessero escogitato un piano per aiutarla.

La sensazione delle mani di Dayna che mi sfregavano su e giù il mio cazzo mentre un paio di seni scivolosi mi venivano nutriti era fuori dal mondo. Devo aver fatto un rumore involontario di qualche tipo perché entrambe le donne ridacchiarono. Ho allungato la mano e ho massaggiato il sedere di Marie, la mia mente girava al pensiero che ciò stesse realmente accadendo. Quando Dayna ha rallentato i suoi colpi e ha massaggiato piccoli cerchi attorno alla testa del mio uccello con i pollici, ho inarcato leggermente i fianchi, premendo il mio stomaco direttamente nelle labbra bagnate della figa a cavalcioni su di me. Ovviamente andava tutto bene: Marie respirava affannosamente, la sua fessura gocciolava bagnata e io ero tenuta ferma. Nessuna lamentela qui.

Presto le tette di Dayna cominciarono a scivolare sulle mie cosce mentre posizionava la bocca sulla punta del mio cazzo tremante. Sentii il suo respiro caldo su di me prima che le sue labbra si posassero sulla mia testa, facendomi ringhiare nella carne del seno che stavo ancora succhiando. Come diavolo avrei potuto scoparli entrambi? La lingua sul fondo della mia asta era bagnata - e Dayna stava emettendo lo stesso tipo di rumore che stavo facendo io mentre la sua bocca mi inghiottiva. Ha inclinato la testa in avanti e si è spostata su e giù, facendo scorrere la punta del mio cazzo sul palato mentre si muoveva.

Ho sentito Dayna strascicare la mano, arrotolandola sulla mia pancia, con le nocche abbassate. Dayna stava strofinando le dita nella fessura umida di Marie, la sua migliore amica, proprio sopra di me! Il digrignamento che iniziò rese quasi impossibile mantenere la presa sulle tette bagnate che avevo in bocca, così mi appoggiai allo schienale e le presi a coppa tra le mani. Anche Marie si appoggiò all'indietro, allungandosi dietro di sé per afferrare il polso di Dayna mentre Dayna spingeva le dita su quelle labbra scivolose della figa. Gli occhi di Marie erano rivolti all'indietro e le sue cosce iniziarono a tremare al ritmo del massaggio di Dayna.

"Ooohhh goddd, Oooooooooohhhh GODDDDDD, sì sì, dannazione," gemette Marie mentre la prima ondata di orgasmo cominciava a salire. Mi afferrò le costole con le ginocchia e spinse i suoi fianchi sulla mano di Dayna mentre io le pizzicavo e le torcevo i capezzoli sempre più forte. La bocca di Dayna era staccata dal mio cazzo mentre guardava la figa che aveva manipolato iniziare ad avere convulsioni. "Oh Dio, Dio, Diodddd, sto per venire!" Non riuscivo a vedere cosa stesse facendo, ma sembrava che stesse scopando con le dita la figa di Marie, velocemente e con forza. Potevo sentire la mano di Dayna rimbalzare sul mio corpo ad ogni spinta e Marie si sdraiava sopra di me, premendo il suo petto sul mio, sollevando la figa in aria mentre stringeva i piedi, le cosce, le ginocchia e le braccia intorno a me mentre veniva forte. Fottutamente sexy da morire.

Dayna rallentò la mano e la lasciò scivolare via e tornare sul mio cazzo. Ora la sua mano era bagnata dello sperma di Marie e ci sono volute solo una mezza dozzina di colpi, insieme alla sua bocca che ne succhiava la punta, perché fossi pronto a scoppiare. Marie poteva percepire che mi stavo avvicinando e si voltò a guardare indietro mentre Dayna muoveva la bocca e la mano in un movimento viscido e sexy sulla mia asta pulsante.

"Cazzo, cazzo, cazzo sì - oh cazzo sì", grugnii "Sto venendo!" Il mio annuncio ha fatto sì che Dayna facesse scivolare la bocca più che poteva sul mio cazzo, stringendomi a coppa le palle mentre si stringevano. Ancora un paio di grugniti profondi e le ho lanciato diversi schizzi di sperma in gola. Quando sono arrivato ho chiuso gli occhi così forte che ho visto le stelle. Un po' del mio sperma scivolò giù dalla sua bocca e sulla sua mano e sulle sue labbra, così come sul mio cazzo e sulla mia pancia. Dayna ne raccolse un po' tra le dita e continuò ad accarezzarmi mentre leccava e succhiava le pozzanghere di sperma. Mi ha abbracciato di nuovo con la bocca mentre cominciavo ad ammorbidirmi e succhiavo di nuovo leggermente, strappandomelo tutto.

Stavo ancora respirando profondamente e cercando di scrollare le stelle dalla mia vista quando Marie si allontanò da me e disse: "Il nostro ospite sta facendo tutto il lavoro - non siamo dei bravi padroni di casa". Si sporse verso Dayna e i due iniziarono a baciarsi. Baci lunghi, lenti e profondi. Le loro mani erano appoggiate l'una sui fianchi e sulle spalle dell'altra mentre le loro bocche sembravano fondersi insieme. Avevo la sensazione che non fosse la prima volta che si baciavano. Mi sono alzato su un gomito e mi sono spostato di lato mentre loro si sdraiavano e continuavano la loro squisita danza con la bocca. Che posto meraviglioso in prima fila avevo: a pochi centimetri di distanza mentre due splendide donne si perdevano in un'intima passione.

Marie era dall'altra parte, ma un po' sopra mentre Dayna giaceva sulla schiena, e ho dato la mia prima vera occhiata al corpo nudo di Dayna. Il suo petto era meravigliosamente paffuto e rotondo – spettacolari seni naturali sormontati da capezzoli molto piccoli e abbastanza scuri – il contrasto con i capezzoli più grandi e più chiari di Marie e le tette di medie dimensioni era molto erotico. Vederli uno sopra l'altro è stato fantastico. Non potevo più essere solo una spettatrice e ho spostato la mia mano sulla schiena di Marie, lungo il suo fianco e sul seno di Dayna, lasciando che il mio palmo scivolasse leggermente sulla sua pelle. Le mie dita premevano lungo i contorni della sua rotondità e finivano con la punta delle dita che massaggiava lentamente il capezzolo di Dayna.

Rotolai verso loro due – erano ancora persi in una nebbia di baci intensi – e feci scivolare la mano lungo il fianco di Dayna, il suo fianco, la parte superiore della sua coscia. Alzò il ginocchio verso di me, aprendo le gambe ed esponendo la sua presa alla mia mano. Lascio che le mie dita continuino a vagare sulla sua coscia, sulla sua pancia, sfiorando leggermente il suo gattino completamente calvo. Le ho strofinato il palmo lungo l'interno della coscia, fino al sedere e le ho afferrato saldamente la guancia. Mentre le liberavo il culo, tenevo il pollice a contatto con la sua pelle, facendolo scivolare sulle labbra della sua figa mentre le mie dita le sfioravano la coscia. Il mio pollice cominciò a girare in cerchio, muovendo con esso le sue labbra carnose. L'ho divisa e ho lasciato scorrere solo la punta lungo la fessura aperta dall'alto verso il basso, per poi risalire. La sua umidità era così calda e densa che cominciai a immaginare come sarebbe stata sulla mia lingua.

Ho spostato le dita su di lei invece del pollice e lei ha spostato i fianchi per aprire ancora di più la sua figa al mio tocco. La mia erezione stava tornando velocemente mentre le massaggiavo tutta la figa. Ho portato la mano alla bocca e mi sono leccato le dita, lei ha aperto gli occhi abbastanza a lungo per guardarmi inzupparli di saliva e spostarli di nuovo verso di lei. Non appena la mia mano l'ha toccata ho puntato 3 dita e le ho fatte scivolare dentro di lei lentamente ma con fermezza. Che meravigliosa tenuta! Rimase senza fiato per un momento – interrompendo il bacio – e io spostai il corpo in modo da poter vedere la mia mano su di lei e le mie dita dentro di lei. Dopo averla pompata dentro un paio di volte, ho sfilato le dita e ho massaggiato la sua figa, diventando ancora più arrapata mentre gocciolava giù verso il suo culo.

Spostai la spalla sotto il suo ginocchio e rotolai finché la mia faccia non fu direttamente davanti al suo sesso lucente. Portando l'altra mano alla bocca, leccai anche quelle dita continuando a strofinarle e premerle dentro. Con entrambe le mani bagnate, ho fatto scivolare entrambi gli indici dentro di lei e poi di nuovo fuori, allargandola mentre tiravo. Dopo diversi passaggi con solo due dita ne ho aggiunti altri due, allargandola ancora di più. Sollevò l'altro ginocchio in alto e in fuori mentre appoggiava la pianta dei piedi sulle mie spalle. Infilai le mie quattro dita dentro di lei ancora e ancora, spalancandola ogni volta che uscivo da quel flessibile buco. Le sue natiche, leggermente sollevate dal letto, iniziarono a contrarsi leggermente ad ogni movimento.

“Succhiamelo, per favore, succhiami la figa, per favore” disse con forza, tra baci e spinte. Non potevo in alcun modo resistere alla sua richiesta. L'ho tenuta larga, ho aperto la bocca e ho cercato di inghiottire quanto più potevo la sua figa elettrica. “Aaaahhhyy!” gridò mentre le mie labbra premevano sulla sua pelle infuocata. Marie si staccò abbastanza a lungo per dire: "falla venire forte, falla venire forte, piccola". Come se non fossi abbastanza motivato, sentirlo mi ha mandato un fulmine nei lombi. Ho rilasciato le labbra della figa di Dayna e ho fatto scivolare le mani sotto le sue natiche - portandola alla mia bocca, ho mangiato la sua fica come un uomo affamato.

La mia lingua si insinuò nel suo buco caldo e colpì il suo clitoride mentre lo tiravo fuori. Le mie labbra unirono le sue labbra e le succhiai nella mia bocca. Le ho ricoperto generosamente tutta la figa da cima a fondo, usando la lingua come un enorme pennello. Le mie mani, che afferravano il suo grande culo, erano ancora meravigliosamente scivolose e potevo sentire che uno dei miei pollici era solo a mezzo pollice dal suo culo raggrinzito. L'ho lasciato scivolare verso l'ingresso e ho premuto sul suo buco del culo come se si suonasse un campanello. La punta scivolò dentro abbastanza velocemente e Dayna fece tutti i tipi di suoni meravigliosi che potevo sentire solo come grida soffocate: le sue cosce mi coprivano le orecchie. Ho infilato il pollice dentro e fuori dal suo culo e ho ripreso un ritmo costante e accelerato di leccarle la figa.

Il suo orgasmo arrivò forte ed energico. Il suo sedere mi afferrò il pollice con pulsazioni rapide per alcuni istanti e Dayna si diede una pacca sulla coscia mentre la sua figa si agitava nella mia bocca impaziente. "OOHHH fanculo la mia figa, ho bisogno di te in me adesso, fottimi, fottimi, fottimi." Ho guardato Marie come per chiedere il permesso e lei ha detto: "So che lo vuoi". Ci siamo guardati per un altro momento, Dayna stava ancora ribollendo sotto di noi in estasi e Marie ha detto: "Vai avanti", baciandomi profondamente mentre assaggiavo i deliziosi succhi della sua amica.

Mi sono alzato rapidamente in ginocchio con la punta del cazzo all'ingresso della piccola fessura calda di Dayna. Le ho afferrato entrambe le caviglie, le ho sollevato i piedi in alto e in fuori e le ho spinto dentro la mia carne finché non c'era più luce del giorno tra noi. Mi sono cullato su di lei per qualche istante, cercando di spingermi ancora più profondamente dentro di lei. Poi mi sono trasformato in un fottuto animale. Lasciando andare le sue gambe e lasciandole cadere lungo i miei fianchi, ho messo le mani su entrambi i lati dei suoi fianchi e mi sono spinto dentro di lei più forte e veloce che potevo. Le stavo martellando la figa con un forte schiaffo quando Marie è salita su Dayna, di fronte a me. Mosse il sedere verso il viso di Dayna, soffocando il forte "Ahhyye!" Dayna urlava a ogni spinta. L'ho potuto vedere sul viso di Marie quando la sua figa è caduta sulla bocca di Dayna e Marie mi ha baciato di nuovo.

Dopo solo un paio di istanti, Marie disse: “È così buono, ne voglio un po’”. Ha staccato la gamba da Dayna e mi ha messo la mano sul petto, fermandomi e allontanandomi leggermente dalla scopata che stavo facendo. Nonostante il suo precedente permesso, ora mi era chiaro che non voleva che mettessi il mio cazzo nella passera di qualcun altro. Marie spostò il suo corpo tra le gambe di Dayna e iniziò a leccare quella figa appena scopata. Rimasi ai piedi del letto, temporaneamente stordito: solo io e la mia erezione furiosa e bagnata, che dondolavamo in modo incontrollabile. Marie mi ha tirato fuori da questa situazione.

"Che diavolo stai aspettando?" si guardò indietro e chiese, mentre roteava il culo nudo in aria. A volte ho bisogno di aiuto per concentrarmi. Mi sono inginocchiato sul pavimento davanti alla figa più bella del mondo e l'ho adorato. L'ho adorato con la bocca e le mani, premendo il naso sul buco del culo stretto e carino di Marie mentre leccavo febbrilmente la sua fessura. C'è un certo modo in cui le piace che le accarezzo la figa mentre uso la lingua: due dita su ciascun lato, che le sfregano su e giù le labbra mentre la lingua preme con forza contro il fondo della sua fessura, scivolando di tanto in tanto dentro e fuori da lei. Questo metodo la farà sicuramente venire - e volevo fare tutto il possibile per assicurarmi che la scopata con l'amico che avevo appena fatto non venisse imputata a me. L'orgasmo di Marie fu così intenso che lei scattò in avanti, con le guance serrate insieme incredibilmente forte mentre il suo corpo sussultava e si contorceva. Gemette profondamente nella figa di Dayna, le cui vibrazioni scatenarono Dayna in un orgasmo tutto suo. "AAAAAaaaaayyyyy, oooooohhhhhhhh!" Dayna strillò, con la testa inclinata così all'indietro che sembrava potesse staccarsi dal collo.

Tutto questo era troppo per me e non avevo ancora finito di scopare. Così, mentre il sedere di Marie era ancora in preda alle convulsioni davanti a me, ho raccolto un po' di sputo sulla mia mano, gliel'ho spalmato tra le guance e mi sono arrampicato sul suo corpo sudato. Non importa quanto fosse stretta, non c'era modo che la mia verga venata non le penetrasse nella figa. Mi sono appoggiato su di lei e l'ho scopata così forte che sembrava muovere l'intera stanza. Le tette di Dayna rimbalzavano e ondeggiavano. Le natiche di Marie tremavano mentre i miei fianchi le schiaffeggiavano ancora e ancora. Marie ha provato ad alzare i fianchi per soddisfare le mie spinte, ma io stavo mettendo tutto il mio peso dietro ciascuna di esse – volevo scopare così forte, e venire così forte, che avrei potuto farmi svenire. Dayna si tolse da sotto il viso di Marie e si stese da parte. Marie era comunque troppo impegnata a cercare di trattenere il respiro per leccare la fica. Potevo sentire lo sperma ribollire dentro di me. Potevo sentirmi grugnire un grugnito primordiale – quasi un suono non umano. Il mio scroto sussultò e schiacciò la saliva nella figa di Marie. Ho continuato a pompare dentro di lei mentre venivo, godendomi il suono ancora più umido dello sperma che scivolava fuori da lei, attraverso il suo culo, tra le sue gambe.

Alla fine ho smesso di spingere e sono rotolato via, consapevole delle altre stelle e dell'enorme mal di testa che mi viene quando trattengo il respiro durante l'orgasmo – fortunatamente scompare non appena riesco a riprendere qualche respiro profondo. Dayna si avvicinò a Marie dall'altra parte, massaggiandole la parte bassa della schiena. Giacevo dall'altra parte, sulla schiena, osservando il viso di Marie mentre si rilassava. Ci siamo addormentati insieme così. Quando mi sono svegliato, le signore erano già alzate, parlavano e facevano colazione in cucina. Quando entrai, mi salutarono tutti normalmente, come se nulla fosse diverso. Ho mangiato il mio piatto di waffle con ansia, aspettando le conseguenze che non sono mai arrivate – nessuna parola, nemmeno un occhiolino o un cenno rubato – niente per riconoscere il gioco carnale che avevamo tutti sperimentato. Niente tranne la mia memoria.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Moglie impertinente ottiene uno shock

Shelia Brown è stata presa in giro e lo sapeva. Ha preso in giro gli amici di suo marito, ha preso in giro i fidanzati delle sue figlie, ha preso in giro i suoi vicini e ha preso in giro tutti gli uomini in ufficio. Man mano che Shelia cresceva, peggiorava e suo marito Harry si irritava molto con lei che la rimproverava spesso e si lamentava della sua mancanza di decoro. Sheila non sei più una giovane donna sembri un montone vestito da agnello abbassa un po' le cose è solo chiedere guai se vai in giro così la gente...

2.2K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.