Ricattare il MILF Capitolo 3

263Report
Ricattare il MILF Capitolo 3

Durante il viaggio verso casa dal pub, Saskia ed Emma si scambiarono a malapena sguardi, per non parlare di parole. Entrambe le donne si vergognavano di quello che era successo, ma si consolavano pensando che se non avessero portato a termine lo spettacolo sessuale, ma solo gli atti sessuali, le conseguenze sarebbero state disastrose per entrambe.
Tornarono a casa al buio; entrambi persi nei loro pensieri, finché finalmente raggiunsero la casa di Saskia.

Saskia si voltò e disse "Emma, ​​Joel e i bambini sono via quindi penso che sia meglio che tu stia con me stasera" Emma guardò semplicemente avanti, senza dare alcun segno di aver sentito la sua amica. "EMMA" disse Saskia più bruscamente "stai con me stanotte" Emma annuì lentamente, con le lacrime agli occhi.

"Oh Dio, oh Dio, oh Dio... cosa ho fatto... cosa sono diventata..." ripeteva Emma più e più volte. "Come possiamo guardare negli occhi le nostre famiglie?"

SMACCO!

"Ricomponiti Emma, ​​non c'era scelta, se non avessimo fatto quello che ha detto quella creatura, avrebbe mandato il video alle nostre famiglie, lo avresti voluto? Un video di noi, mentre violentavamo un'adolescente, sarebbe qualcuno ci crede? No, abbiamo fatto la cosa giusta"

Emma, ​​massaggiandosi lentamente la guancia dolorante, si voltò a guardare la sua amica "ma Saskia, io, io, mi sono divertita" altre lacrime, altre recriminazioni.

Saskia rimase seduta per un po', pensando, poi "non preoccuparti, non c'è niente che si possa fare adesso, penso che faremo meglio a tornare in casa, così puoi chiamare Mark e farglielo sapere."

E con ciò entrambe le donne entrarono nella casa di Saskia.

Quella notte Emma ebbe difficoltà a dormire, immagini e ricordi le arrivarono spontaneamente nella notte. Immagini del corpo nudo di Saskia, dei cazzi degli uomini. La loro sensazione, il loro sapore, quanto fosse eccitante e quanto fosse sbagliato. Emma non era mai stata infedele a Mark, era sicura che ci fossero state delle offerte, ed era sicura di aver flirtato in modo innocuo con gli uomini al lavoro, ma non aveva mai oltrepassato quel limite prima, e per quanto riguarda il lesbismo, non l'avrebbe mai preso in considerazione. Ma i pensieri di Saskia, come si sentiva, come assaggiava, come si sentiva ad essere baciata e accarezzata, questi non l'avrebbero lasciata, non importa quanto cercasse di scrollarli di dosso.

Mentre giaceva lì nell'oscurità, lentamente, come se avessero una mente propria, le sue mani iniziarono a vagare sul suo corpo, stringendole e accarezzandole il seno, la sua mano sinistra rimase dov'era, mentre la sua mano destra si spostò lungo lo stomaco. fino a raggiungere l'apertura della sua figa. Era quasi sorpresa di sentire l'umidità lì. Con delicatezza fece scorrere la mano su e giù per la fessura, e poi gradualmente inserì le punte delle dita, una per una. Muovendoli avanti e poi indietro, avanti e poi indietro, circondandole il clitoride con il pollice, stringendole e accarezzandole nel frattempo il seno, immaginando che non suo marito o qualche celebrità compia questi atti su di lei, ma Saskia, Mike e Phil. Finché all'improvviso, il suo corpo tremò nel rilascio dell'orgasmo. Ciò, sfortunatamente, non portò sollievo a Emma, ​​ma solo ulteriore senso di colpa, finché la stanchezza non la sopraffece e cadde in un sonno superficiale e intermittente.

La mattina successiva all'inizio trascorse in modo imbarazzante; Nessuna delle due donne riusciva a stabilire un contatto visivo con l'altra, ma entrambe sapevano che avrebbero dovuto fare qualcosa altrimenti la gente avrebbe iniziato a notarlo. L’aria andrebbe chiarita una volta per tutte.

"Guarda" dissero entrambe le donne allo stesso tempo; ‘Saskia’ continuò Emma, ​​‘hai ragione, quello che è successo è successo. Non c’è niente che possa cambiare la situazione, quindi...’

"...proviamo a far finta che non sia successo nulla?" Saskia concluse per lei "Penso che sia saggio" con questo si abbracciarono, ma entrambe le donne inconsciamente si resero conto che nessuna delle due poteva fingere di non aver fatto sesso l'una con l'altra altro, e due strani uomini la sera prima, o che la loro amicizia non fosse inesorabilmente alterata.

Emma entrò in casa sua "Mark, Mark" chiamò, senza risposta, entrò nel soggiorno, seduto lì sulla mensola del caminetto c'era un biglietto di Mark, suo marito da 25 anni;

Emma, ​​sono andata a giocare a golf con un cliente, tornerò stasera, Mark

Sebbene si vergognasse di ammetterlo, segretamente si sentiva sollevata, le dava il tempo di ricomporsi e di cambiare senza il rischio che suo marito si accorgesse della sua mancanza di biancheria intima.

Attraversò la casa vuota, sentendosi sempre più sola finché non raggiunse la sua camera da letto. Togliendosi i vestiti, saltò direttamente sotto la doccia, sperando che l'acqua calda lavasse via il suo senso di colpa.

Rimase lì, lasciando che l'acqua calda scorresse sul suo corpo nudo, sentendola scaldarle la pelle. Mentre si insaponava si accorse che stava ripetendo le cure della notte prima. "BASTA" quasi gridò, facendo uno sforzo cosciente per fermarsi. Anche mentre si asciugava cercava di evitare di toccarsi in alcun modo sessuale.

Guardandosi allo specchio pensò, so di cosa ho bisogno, una bella corsa. Vestendosi con vecchi pantaloni da jogging, maglietta e scarpe da ginnastica, afferrò il suo iPod.

Facendo jogging per un po', con il suono del Britney Spears Circus che le rimbombava nelle orecchie, non sentì l'auto fermarsi accanto a lei, né che qualcuno la stesse chiamando. Non si accorse di nulla finché l'uomo non si trovò di fronte a lei.
Si fermò, sorpresa: "Chi sei?" chiese, riconoscendo a metà l'uomo, ma sperando che non fosse vero.
"Non è carino dopo ieri sera Emma" ha risposto confermando i suoi timori. Era Phil, il barista di ieri sera. "Mike mi ha mandato a prenderti, ha bisogno di assistenza e tu sei all'altezza," disse l'ultima parte mentre la squadrava dall'alto in basso.

"Io, come?" chiese nervosamente la donna.

Phil alzò le spalle, "Non lo so, tutto quello che ha detto è stato vai a prenderti, e assicurati di essere vestito in modo elegante" scosse la testa vedendo il suo abbigliamento da jogging "In qualche modo non credo che intendesse questo con elegantemente. Ti dico cosa penso" ti porto a casa, puoi cambiarti e poi ti accompagno io"

Emma lo guardò "e se dico di no" raccogliendo tutta la sfida che riuscì a raccogliere

"C'è bisogno che lo chieda?" con questo tirò fuori una foto dalla tasca, aprendola lei poté vedere che era una delle foto di lei, Saskia e Monica.

Lei annuì con riluttanza in segno di assenso, guardando la macchina le venne un pensiero "ti dico una cosa, tu vai a prendere Saskia mentre io vado a cambiarmi e questo ti farà risparmiare tempo."

"Mi è stato solo detto di venirti a prendere. Ora taglia, taglia" con questo la prese per un braccio e la condusse alla portiera del passeggero, aiutandola a salire.

Quando arrivarono a casa, si rese conto che Phil la stava seguendo, lo guardò, sapeva che non poteva fare niente, quindi lo condusse in casa.

Mentre andava a salire le scale per cambiarsi, si voltò a metà e indicò il soggiorno "il salotto è..." fermandosi mentre lui la stava già seguendo su per le scale. 'Cosa fai,?'

"Ti aiuterò a scegliere il tuo outfit, non fare in modo di turbare Mike, vero?"

"Ma io, ma prima devo farmi una doccia..."

Lui alzò le spalle in modo sprezzante "beh, sexy, ho visto tutto ieri sera quindi a meno che non ci siano stati cambiamenti..."
Con le spalle abbassate, a indicare la sua vittoria su di lei, si voltò e lo condusse nella sua stanza, infilandosi la maglietta sopra la testa mentre procedeva. Poteva sentire i suoi occhi pieni di lussuria, che la fissavano, bruciandole nella schiena mentre camminava.

Fermandosi, si tolse le scarpe da ginnastica e fece scivolare giù i pantaloni da jogging, gettandoli nell'angolo della camera da letto.

Ora, con addosso solo il reggiseno sportivo e le mutandine, si diresse verso il bagno privato.

'Eh e dove pensi di andare, puttana'

Lei impallidì, non sapeva se al nome, alla domanda o ad una combinazione di entrambi. Lei rimase lì, a guardarlo. "Vado a farmi una doccia, non vorrai che incontri Michael puzzolente di sudore, vero?"

«È vero, ma ti fai sempre la doccia in mutande? Vai a toglierteli, da buona puttanella che sei.'

Chiudendo gli occhi, afferrò l'orlo del reggiseno e lo sollevò sopra la testa. Quando il reggiseno le raggiunse la testa, sentì Phil dire "stop", e poi le sue mani iniziarono a maltrattarle brutalmente il seno.

"Hai delle belle tette, puttana, dovresti andare in giro con le braccia così tutto il giorno, spingendole verso l'alto."
Le parve debolmente di sentire il clic di una macchina fotografica. "Va bene, vai avanti"

Gettando il reggiseno in un angolo per unirlo al resto dei suoi vestiti, si sedette per togliersi mutandine e calzini.

"Fanculo, è una doccia e mezza." Scommetto che tu e il vecchio scopate tutto il tempo. Ehi, forse ti scopi anche tutti i suoi amici, una grande e felice gang bang'

"Si chiama w...w...stanza umida" balbettò.

'Scommetto che ti bagnerai molto lì dentro, scommetto che ti bagnerai tutto, pensa a quei poveri amici adolescenti di tuo figlio che prendi in giro quando sei là fuori, a prendere il sole. Ehi, forse io e Mike possiamo organizzare qualcosa, se sei bravo.'

Lacrime silenziose iniziarono a scenderle lungo le guance, è che lei e Saskia adesso erano solo oggetti per il loro piacere, e cosa intendeva dire, organizzare qualcosa, non poteva significare che lei facesse sesso con gli amici di suo figlio, non quello, no.

Lei si voltò a guardarlo, per chiedergli cosa intendesse, ma prima che potesse aprire bocca per parlare, lui la spinse nella stanza.

Aprì l'acqua, prese il gel doccia e andò al centro, dove si trovava il soffione principale. Tenendosi le spalle, si mise un po' di gel tra le mani e iniziò a massaggiarlo sul corpo, cominciando dal collo, massaggiandolo, cercando di perdersi in quel semplice compito, ma non le era permesso nemmeno quello.

"Voltati, non essere timido", ha sentito. Chiudendo di nuovo gli occhi, si voltò verso di lui, portando le mani sui seni, massaggiandoli con il gel, sollevandoli e stringendoli insieme.

Aprì gli occhi e guardando avanti vide che Phil era in piedi sulla soglia, nudo. Il suo pene, no, doveva farlo bene, il suo cazzo eretto, puntato verso di lei. Nonostante tutto, nonostante l'umiliazione, c'era una parte di lei, sepolta nel profondo, che era orgogliosa di poter eccitare così tanto un uomo che aveva la metà dei suoi anni semplicemente stando nuda sotto la doccia.

Ma tutto ciò fu sopraffatto dalla consapevolezza che eccola lì, nuda nella sua doccia, alla mercé di uno sconosciuto virtuale, non alla mercé sessuale di uno sconosciuto virtuale.

Continuò a lavarsi, applicando il gel sullo stomaco, chinandosi in avanti per lavarsi le gambe, muovendo le mani su e giù per le cosce, evitando deliberatamente qualsiasi contatto con gli organi sessuali per non eccitare più l'uomo.

Le parole "ti sei perso un ma" hanno infranto ogni speranza in merito, ha aperto leggermente le gambe, infilando la mano tra le cosce, applicando il gel sulla pelle, cercando così, così duramente di non toccarsi in modo sessuale , ma ovviamente fallendo, sperando che la sua umidità fosse dovuta al gel e nient'altro.

"Assicurati di lavare ovunque, non vuoi che perda nemmeno un pezzo"

Seguendo le istruzioni, si infilò alcune delle dita gelificate dentro le labbra, muovendole avanti e indietro dentro di sé, così da poter aiutare ad afferrare il clitoride. All'improvviso, con sua grande vergogna, lei
potevo sentire l'inizio di un orgasmo.

Mordendosi le labbra, tenendo gli occhi chiusi per evitare il contatto visivo, cercando di non far sapere al suo aguzzino cosa stava succedendo, sentì le sue gambe diventare gelatina, all'improvviso, sentì le sue braccia essere tirate verso l'alto. Due mani forti le afferrarono le spalle e la spinsero in ginocchio.

Aprendo gli occhi vide che era all'altezza degli occhi con il cazzo di Phil.

"Sai cosa fare, vero, mia piccola puttana?" Scosse la testa, no, non qui, pensò, non nella casa coniugale. ‘Vuoi resistere eh? Non è intelligente’. Sentì le sue mani avvicinarsi al suo naso, stringendolo, mozzandole il respiro, costringendola ad aprire la bocca. Quando lo fece, Phil si spinse in avanti, ficcandole il cazzo in bocca, finché lei pensò che stesse per finirla allo stomaco. Non aveva mai preso un cazzo così in profondità prima, quindi il suo riflesso del vomito non era allenato. Il gallo si ritirò, ma solo per permetterle di prendere qualche boccata d'aria profonda, poi rientrò.

Phil le afferrò la testa con entrambe le mani, spingendola in avanti, semplicemente usandola, senza permetterle di avere alcun controllo. Finché lui tirò indietro, tirando fuori il cazzo, afferrandole la mano, la mise sul cazzo e cominciò a forzarlo avanti e indietro, finché lei ebbe l'idea e iniziò a masturbarlo. Lei si sporse in avanti, per riprenderlo in bocca, ma lui la fermò.

Potrebbe essere stata innocente, persino ingenua, ma aveva visto abbastanza porno di suo marito per sapere cosa sarebbe successo dopo e, come se fosse stato un segnale, è stata ricompensata con grandi gocce di bianco, marinaio, sperma pensò, lanciandosi e atterrando su di lei, sul suo viso, sul suo seno, sui suoi capelli.

Meno male che sono già sotto la doccia, pensò, quasi ridacchiando al pensiero. Continuò a lavorare il cazzo finché non uscì più niente, e cominciò ad ammorbidirsi.

Rimase lì inginocchiata per un momento, cercando di orientarsi, quando si sentì sollevata. All'improvviso le mani gelificate iniziarono a lavarla dappertutto, brutalmente, sollevandole il seno, poi stringendole le natiche. Li sentiva entrare nella sua figa, lavorarla, pulirla dentro e fuori. Mentre stava lì, poteva sentirlo diventare duro di nuovo. Poteva sentirlo tracciare un percorso lungo la sua coscia.

Si ritrovò spinta fuori dalla stanza, di nuovo nella parte principale del bagno, fino al lavandino. Fu spinta in avanti, con il sedere inarcato in aria. Sentendo il suo cazzo all'ingresso della sua figa, ha gridato "no, per favore, non quello, non qui, per favore, ti prego". Ma anche questo non servì a nulla, senza dire una parola, spinse il cazzo in avanti, impalandola, spingendo avanti e indietro, i suoi seni penduli che dondolavano ad ogni spinta. "Smettila, per favore fermati, prenderò i tuoi soldi"

"Smettila" disse Phil alla fine "non ti sei fermato quando hai violentato mia sorella, vero?"

'Sorella?'

"Cazzo, quanti avete violentato tu e quella sgualdrina di un tuo amico?" Monica, ricordati adesso, fottuto stupratore di puttana, con questo le ha afferrato il seno, lacerandolo, pizzicando e torcendo il capezzolo.

"Non ricordo di aver violentato nessuno, dovevamo essere stati drogati..." rendendosi conto all'improvviso che queste parole lo avrebbero solo fatto arrabbiare ancora di più, si è sentita in silenzio.

'Quindi è colpa di Monica eh' troppo tardi, e con quelle parole accelerò il passo, spingendo ancora più forte, con le palle che schiaffeggiavano il suo culo. Poi all'improvviso, lo sentì rallentare, e poi un'ultima spinta e lui scaricò dentro di lei quelli che sembravano litri di sperma.

Facendo un passo indietro, "è meglio che tu ti faccia una doccia" e con questo andò a vestirsi.

"Ci vediamo puttana" "Allora non mi porterai a vedere Michael?"

Fece una pausa per vestirsi e fece un sorriso malvagio.

Voltandosi, le mancò il sorriso rivolto a una telecamera nascosta e poi se ne andò.

Mentre si dirigeva verso la macchina tirò fuori dalla tasca il telefono

"Hai capito?" chiese alla persona dall'altra parte.

"Sì, te l'avevo detto che era una buona idea installare telecamere wireless mentre erano in vacanza" rispose Michael "Oh, e questo è stato geniale su Monica, puro fottuto genio". Ci vediamo più tardi alla partita?»

"Sì, ci vediamo" e con questo chiuse il telefono.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Moglie impertinente ottiene uno shock

Shelia Brown è stata presa in giro e lo sapeva. Ha preso in giro gli amici di suo marito, ha preso in giro i fidanzati delle sue figlie, ha preso in giro i suoi vicini e ha preso in giro tutti gli uomini in ufficio. Man mano che Shelia cresceva, peggiorava e suo marito Harry si irritava molto con lei che la rimproverava spesso e si lamentava della sua mancanza di decoro. Sheila non sei più una giovane donna sembri un montone vestito da agnello abbassa un po' le cose è solo chiedere guai se vai in giro così la gente...

2.2K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.