Tequila Sunrise, i

434Report
Tequila Sunrise, i

La pioggia precipitava lungo i canaletti e ci aggrediva con le onde, aspettammo tre quarti d'ora per entrare nella discoteca, l'ultima aperta in città. Una gita di compleanno per un amico era già fallita gravemente dopo che una grande percentuale del gruppo aveva bevuto troppo ed era tornata a casa e io, nonostante fossi rimasto a fare da tutore a due delle ragazze più belle della festa, stavo iniziando a pentirmi della mia decisione di non farlo. seguire l'esempio. I buttafuori ci osservavano con cautela mentre ci nascondevamo sotto una giacca appena impermeabile, uno di noi tre. La vertigine dovuta al precedente consumo di alcol e l'aspetto divertente dell'intero evento stavano cominciando a dissiparsi, ma stavo trovando conforto nel guardare l'acqua gocciolare lentamente lungo la parte posteriore del vestito della ragazza di fronte a me. Mettendo in risalto la curva delle sue spalle e i contorni della sua figura snella, la pioggia fece aderire il morbido tessuto alla sua figura e mi permise almeno di immaginare un luogo caldo dove avrei potuto vedere appieno questo corpo angelico.

Questa era Erin. Eravamo amici da anni prima di quella notte e per lunghi periodi mi ero chiesta se saremmo potuti essere perfettamente adatti l'uno per l'altra. Circa 1,70 m, capelli castani lunghi e magri con delicati riflessi, attributi perfetti compensati da un viso meravigliosamente gentile e una postura elegante che mette in mostra il meglio delle sue gambe abbronzate. Dopo averla salutata ore prima alla stazione ferroviaria, mi sono ritrovato a guardare in due direzioni separate; scoprire che le sue spalle nude conducono dolcemente a una scollatura parzialmente esposta, giovane, sicura, mentre l'orlo del suo vestito si sollevava abbastanza in alto sulle sue cosce seducenti da tentare ulteriormente il cervello, ma sfortunatamente non la mano. Entrambi eravamo usciti di recente da una relazione abbastanza duratura e, sebbene fossimo sicuramente legati, non eravamo mai stati abbastanza civettuoli da intrattenere pensieri del genere su un diverso tipo di amicizia.

Accanto a lei c'era Annabel che, mentre avanzavamo gradualmente nella coda, incoraggiava in me pensieri di possibilità molto più esaltanti. Era una ragazza con uno stile devastante e poco rispetto per il modo in cui veniva vista dalle altre persone, soprattutto dai ragazzi che la circondavano. A circa 5'2" e pesa poco più di 6 stone, è facilmente la persona più piccola di pura energia sessuale che abbia mai visto. Un rigoroso regime di corsa di mezzofondo e una buona dieta le hanno dato una figura straordinariamente ben scolpita che metteva in risalto il suo seno perfettamente in uno splendido miniabito color smeraldo, completo di scorci di un reggiseno di pizzo rosa sul davanti e di una spallina avvolta in modo invitante intorno a lei. tonificato. Queste erano le due ragazze con cui dovevo trattenermi in una conversazione educata mentre aspettavamo in fila, trovando sempre più difficile rilassare il mio battito cardiaco mentre il vento forniva sguardi segreti a questi corpi delicati.

Alla fine ci siamo ritrovati al bar interno e, dopo un'altra mezz'ora e tre bicchierini di tequila a testa, mi sono ritrovato solo con Erin, o più solo possibile in mezzo a un club pieno di gente ubriaca che ballava. Tuttavia, queste erano le persone tra le quali ci trovavamo adesso e mentre lentamente cedevo alla miscela di alcol e un sistema audio dai bassi pesanti che controllava i miei movimenti, sentii il tenero flusso del suo corpo salire attraverso il mio mentre lei si sfiorava sensualmente il sedere contro il mio cazzo che si irrigidisce, portando le mie mani nervose per sentire le curve allettanti dei suoi fianchi. L'ho tenuta forte, avvicinandola così che alla fine della canzone successiva eravamo completamente schiacciati l'uno contro l'altro e chiaramente avevamo bisogno di un po' di sfogo. Purtroppo siamo stati bruscamente interrotti da Annabel che aveva rapidamente fatto la fine di altri amici e aveva un disperato bisogno di tornare a casa dopo uno scatto di troppo. Inizialmente ero molto infastidito da questo, temendo di affrontare un’altra notte solitaria a casa con il portafoglio vuoto e un forte sentimento di insoddisfazione, ma ho cercato di rimanere positivo. Sembrava che ci fosse un'alta possibilità che Annabel potesse ammalarsi ad un certo punto nel prossimo futuro, e così Erin ci guidò verso il grande blocco di bagni unisex dove fece entrare Annabel in un cubicolo e la fece sedere. Con mia sorpresa, Erin se ne andò rapidamente, chiudendo la porta dietro di sé, ed entrò nel cubicolo accanto, prendendomi la mano così avidamente che non ebbi altra scelta che seguirla e ritrovarmi seduto sul water di fronte a lei con il la porta si chiuse rapidamente e si bloccò dietro. Senza perdere tempo, Erin si inginocchiò e attaccò la mia cintura, togliendola velocemente e abbassando i jeans fino alle caviglie. Ancora in stato di shock, trovai poche parole per rispondere alla sensazione della sua lingua delicata che svolazzava dolcemente sopra la testa del mio pene, girando intorno e lungo l'asta e poi avvolgendo tutto in un lungo e fantastico movimento in cui mi sentivo raggiungere il fondo della gola con disinvoltura, desiderando penetrare più a fondo. Poi è tornata in cima, scuotendo leggermente la testa e stuzzicandomi gradualmente così che ho iniziato a spingermi verso le sue labbra carnose e rosse, disposto a fare qualsiasi cosa per tornarci di nuovo. La sua lingua circondava la base della mia asta mentre la sua mano lavorava lentamente ma in modo significativo su e giù finché non fissò finalmente il suo sguardo affamato su di me, ancora senza parole per l'estasi. Muovendo la mano verso il basso per massaggiare una pallina e poi l'altra, si alzò di proposito, sollevando la gonna per rivelare che non aveva biancheria intima sotto il collant chiaro, e si abbassò abbastanza da massaggiare leggermente il mio cazzo contro la sua figa aperta, sentendo momentaneamente l'umidità. attraverso il materiale sottile e toccandole il clitoride pulsante mentre ansimava. Chinandosi in avanti, mi sussurrò all'orecchio: “È ora di andare. Perché non rimani da me, però? Penso che sappiamo entrambi dove si svolgerà la vera festa a tarda notte.

-------------------------------------------------- --------------------------------


Quando arrivammo a casa sua, tuttavia, un'Annabel sempre più incosciente aveva in qualche modo ucciso l'atmosfera. Fortunatamente, questo sembrava aver infastidito Erin tanto quanto me, quindi mi sono assicurato di vedere (non) cavalleresco che Annabel si spogliasse e andasse a letto mentre Erin preparava altri drink per noi in cucina. Ciò comportava il trasporto della piccola bellezza nella stanza degli ospiti nell'ascensore dei vigili del fuoco poiché aveva perso da tempo la capacità di camminare, qualcosa da non considerare un lavoro di routine poiché era una luce celestiale ed emetteva il rumore delle fusa più celestiale quando la mia mano di tanto in tanto scivolava dolcemente sotto il vestito e attorno al suo bellissimo culo stretto. C'era poca sottigliezza in Annabel e, con la porta ben chiusa, provava piacere nel palparmi il petto e la schiena mentre le toglievo i vestiti per prepararmi per andare a letto. Slacciandole il reggiseno ho scoperto che i suoi seni sodi, minuscoli su qualsiasi altra cornice, si adattavano perfettamente al suo corpo e non aveva alcun imbarazzo nel fatto che li accarezzassi attentamente, facendo le fusa e ansimando di nuovo mentre pizzicavo i suoi capezzoli morbidi come il frutto di un albero, prendendoli ciascuno dentro la mia bocca a turno e lasciando che il sapore dolce indugi sulla mia lingua. Ho fatto scorrere la mano sui suoi talloni precari, sui suoi calzini sexy al ginocchio, e ho portato entrambe le gambe attorno a me in una presa salda in modo da poterla bilanciare con una mano e avere l'altra libera per altri mezzi.

"Ohhhh... Dio mio.." espirò a lungo e lentamente mentre le mie dita scivolavano lungo il suo stomaco, attraverso la sua vita stretta e tra il materiale provocatorio del suo perizoma e la carne celeste dell'interno della sua coscia, trovando il suo desiderio clitoride che si presenta verso l'esterno e viene afferrato in modo gratificante tra pollice e medio.
"Aspettiamo solo un secondo ragazzone" ansimò, sforzandosi di rimuovere il mio tocco cauto e sedersi sul letto.
"Conosco il piano di Erin stasera, ti vuole nel suo letto adesso, dovresti andare da lei."
Nonostante la mia confidenza con Annabel, ne rimasi enormemente scioccato, come se fossi uscito da un sogno. Come ero arrivato a questa situazione, in cui una splendida ragazza mi aveva quasi molestato in una discoteca e un'altra era seduta nuda di fronte a me, chiaramente desiderando che accadesse qualcosa ma rifiutandolo a se stessa per lealtà verso la sua amica?
"Come fai a saperlo? Voglio dire, sei sicuro?"
"Penso che quando una ragazza ti succhia il cazzo nella toilette di un nightclub e non vede l'ora di riportarti a casa, sia un buon segno delle sue intenzioni." Lei rise, i capelli biondi che cadevano delicatamente su una spalla per galleggiare su un capezzolo in rinnovata modestia. "Inoltre, voglio godermi come si deve quando sarò abbastanza sobrio, ragazzone."
Questa volta ho riso e annuito in segno di consenso, ma mentre mi giravo per andarmene ho sentito la mano di Annabel avvolgermi ancora una volta, questa volta trovando la strada attraverso la mia vita e giù per afferrare il mio cazzo pulsante attraverso i jeans.
“Sospetto però che lei vorrà che tutto vada bene, e anche tu. Sono passate circa tre settimane da quando hai rotto con la tua ragazza, vero?"
"Ermm... beh sì, suppongo", ho risposto, incerta sulla direzione della sua domanda.
"Bene allora, suppongo...", pronunciò con aria sognante, imitando casualmente la mia confusione mentre scopriva abilmente il mio cazzo e si spostava giù dal letto in modo che entrambe le mani fossero su di esso, con la bocca in bilico appena sopra la punta, "che potresti aver bisogno un po’ di riscaldamento”.

Per la seconda volta in meno di due ore sono rimasto senza parole mentre una bellissima ragazza mi ingoiava dolcemente il cazzo, pensando a qualsiasi cosa pur di impedirmi di esplodere al tocco delle sue labbra che riportavano indietro il prepuzio, la lingua che scivolava dominante sul testa e portandola alla parte posteriore della bocca. Togliendo una mano dal mio cazzo, si assicurò che la vedessi accarezzarsi rudemente il seno, ansimando per finta sorpresa mentre si pizzicava i capezzoli e gradualmente stuzzicava il clitoride verso l'orgasmo. Nel frattempo, pulsavo sul bordo delle sue labbra mentre una mano mi teneva fermo, la sua bocca pronta e in attesa sul fondo dell'asta e la sua lingua che danzava sulle mie palle. Senza problemi si spostò verso il basso per prendere una pallina in bocca e succhiò avidamente, iniziando a pompare l'asta con la mano libera e permettendo ai suoi fianchi di mostrare l'intensità del suo piacere. Ben presto però fu chiaro che si trattava di un pompino di pura funzionalità, fantastico ma non di un'esperienza sessuale condivisa. Mentre la sua lingua tentava di espellere quanto più fluido possibile dalle mie palle, smise di badare a se stessa e rivolse completamente i suoi occhi ai miei.
"Eccolo, andiamo."
Sicuramente sapevo cosa stava per succedere, ma non potevo fare a meno di uno scoraggiato "oh cazzo" scappare dalle mie labbra mentre spostava il suo su per la mia asta e sulla testa dove la sua lingua vorticava come una tempesta mentre entrambe le mani pompavano velocemente lungo la mia asta. Quando divenne chiaro che stavo per venire, non fece alcuno sforzo per tirarsi indietro ma si costrinse a scendere sul mio cazzo per assicurarsi di ricevere tutto lo sperma che poteva in gola. Le mie gambe cedettero e mi abbassai gradualmente mentre pompavi le ultime gocce dal mio cazzo tremante, gli ultimi pezzetti di fluido le colavano dal mento sulle tette e verso la fica esposta.
“Wow, lo stavi davvero conservando per un'occasione speciale. Meglio farlo anche tu, allora, ragazzone."
E con questo, e un paio di secondi in più di recupero, sono stato mandato a finire ciò che era stato iniziato solo circa un'ora prima.


-------------------------------------------------- --------------------------------

Erin aspettò con grazia in cucina, sei bicchierini di tequila allineati davanti a lei, insieme a sei fette di lime, due lunghi bicchieri di champagne e una brocca di acqua ghiacciata. Quando sono arrivato, si è alzata allegramente e si è gettata la tequila sul collo prima di addentare brutalmente il lime e fare una smorfia.
“Uffa. È terribile. Il tuo turno! Annabel è andata bene?»
Mi sono quasi soffocato con la domanda e il mio cazzo ha avuto uno spasmo involontario come promemoria. Mi chiedevo se fosse saggio continuare a bere con quello che avevo in mente, ma ho fatto l'iniezione a condizione che lei ne facesse un'altra contemporaneamente. Mentre ci salutavamo e bevevamo il liquido forte, ho preso una grande fetta di lime e l'ho offerta alla bocca di Erin mentre mordevo l'altro lato. Sentendo il succo forte in bocca, buttai via il lime e la baciai profondamente, facendoci entrambi fare una profonda smorfia al gusto e poi ridere mentre le nostre lingue si intrecciavano. Mi mise entrambe le braccia attorno al collo e mi afferrò la schiena, rendendomi facile sollevare le sue gambe lisce e sollevarla sul bancone della cucina.

"Un altro?" dissi, presentandole un'altra inquadratura. Questa volta, ho fatto per versarglielo in bocca, ma di proposito ho lasciato che le colpisse il collo e le gocciolasse nella scollatura. Affondai il viso nella sua pelle tenera, baciandola rudemente su e giù mentre abbassavo le spalline del suo vestito. La sua testa era gettata all'indietro per il piacere mentre la mia lingua girava attorno al suo lobo dell'orecchio, lungo la linea del collo e lungo la parte superiore del reggiseno mentre la portavo velocemente dentro di me e slacciavo la spallina. In netto contrasto con la forma lineare di Annabel, la forma sinuosa di Erin le regalava tette magnificamente carnose che afferravo con lussuria mentre divoravo i suoi capezzoli, finalmente liberi e desiderosi di contatto. Le mie mani iniziarono a vagare sul suo vestito e le tirarono i collant fino sotto le ginocchia, le mie dita non perdevano tempo per immergersi direttamente nelle profondità della sua fica umida e vellutata. Nel frattempo, Erin mi strappò i bottoni della camicia e portò via i drink dietro di sé mentre si sistemava per trovare una presa migliore sul bancone. Prendendo un lungo sorso di champagne, ho lasciato che le bollicine mi frizzassero in bocca e poi ho attaccato il suo clitoride, la sensazione provocando un certo shock mentre Erin saltava e si spingeva ulteriormente nella mia faccia. Prendendo questo come spunto, presi tre cubetti di ghiaccio dalla brocca e ne diedi due a Erin, mettendoli in ciascuna mano e poi mettendo le sue mani sul seno. Presi il terzo e lo infilai lentamente nelle sue labbra morbide, leccandolo avidamente attorno prima di toglierlo e immergere la lingua nella zona fredda. Dopo aver tolto le mani che la sostenevano sulla panca, Erin cadde all'indietro in modo che fosse distesa, massaggiandosi le tette e contorcendosi mentre alternavo con ghiaccio e lingua tra il clitoride e la presa. Più gemeva e sentivo il suo monticello bagnato sul mio viso, più il mio cazzo desiderava essere libero e dentro di lei. Alla fine, dopo un altro ciclo con il ghiaccio, mi sono fermato e ho iniziato a spogliarmi il più velocemente possibile. L'interruzione improvvisa non ebbe alcuna importanza per Erin che velocemente infilò tre dita dentro di sé e iniziò a masturbarsi selvaggiamente, continuando a massaggiarsi le tette e pizzicandosi i capezzoli gonfi. Ho pensato di lasciarla fare finché non si è seduta e mi ha guardato male. "Metti dentro il tuo cazzo adesso, bastardo!"

Non potendo resistere al desiderio di stuzzicarla ancora di più, sono tornato a divorare la sua figa con la lingua, le sue mani ora forzavano saldamente il mio viso più in profondità dentro di lei, con una mano manovrata sotto il suo culo e l'altra che mi scuoteva lentamente il cazzo. Quando fui pronto, la presi con entrambe le mani e la spinsi verticalmente contro il bancone, forzando il mio cazzo nella sua passera gocciolante e spingendo con decisione. "Ahhhh fanculo, sì" urlò e mi affondò le unghie nella schiena. Ho cominciato a perdere forza nelle gambe, quindi l'ho spostata sul bancone e mi sono arrampicato con lei, continuando le mie spinte pulsanti nella sua fica e guadagnando slancio. Mi sono aggrappato al suo capezzolo con i denti per tutta la vita e ho devastato la sua morbida fica mentre lei gemeva in estasi, portata fino all'orgasmo mentre la sentivo sgroppare solidamente contro di me. Per rallentarla, ho preso dell'altro ghiaccio e l'ho strofinato con forza contro il suo clitoride, provocandole uno shock, ma che è stato presto sostituito da rinnovate spinte e rapidi sfregamenti con la mano sinistra mentre stavo in equilibrio sulla destra. Mi attirò a sé e mi afferrò forte con le sue cosce mentre la sua fica cedeva a un orgasmo esplosivo, tremava e gemeva mentre durava attraverso ogni lungo movimento spingendomi più in profondità dentro di lei. Mentre la sua figa mi stringeva, ho sentito lo sperma accumularsi nelle mie palle e le ho dato un'ultima spinta prima di riempirle la figa, poi ritirarmi e mandarle lo sperma su tutte le tette e sul viso. Senza rumore, crollai sul bancone accanto a lei mentre lei chiudeva gli occhi e sorrideva mentre faceva le fusa, continuando a pizzicarsi i capezzoli con due dita.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.