Rosso – Parte II – La fermata del camion

511Report
Rosso – Parte II – La fermata del camion

La mente di Sara correva mentre percorreva la I-95. Era stato un viaggio di routine da Richmond verso casa a Hoboken finché l'incidente non aveva fermato il traffico 30 miglia prima. Il traffico si muoveva molto meglio a nord di Wilmington, ma lei era ancora nel panico per quello che era appena successo. Bloccata nel traffico, ad ascoltare il suo ragazzo, Brian, che le parlava sporco al telefono, aveva fatto l'impensabile. Brian sapeva che lei indossava la sua gonna corta di jeans, senza mutandine (le aveva lasciate sul pavimento del suo appartamento quando avevano scopato prima di lasciare la città) e il pensiero di lei guidare fino in quel modo lo stava facendo arrapare. L'aveva convinta a raggiungere un orgasmo da sballo. Sorrise al pensiero dell'orgasmo, del piacere, ma poi all'improvviso il pensiero di vedere quel camionista accanto a lei, affacciato al finestrino, con la videocamera in mano, la scosse. “Da quanto tempo era lì? Cosa aveva visto? Cosa aveva ottenuto in VIDEO?"

Trenta minuti dopo aver filmato la bionda alta che raggiungeva l'orgasmo mentre era accanto a lui nel traffico, nel bel mezzo della I-95, Cliff aveva ancora un'erezione. Cavolo, che spettacolo ha messo in scena per lui, e tutto a sua insaputa. E ha ottenuto TUTTO in video. Non vedeva l'ora di arrivare alla fermata del camion, infilarsi nella sua cuccetta e guardarlo. Aveva preso il giusto tempo da quando l'incidente si era risolto ed era a poche miglia dal luogo in cui si sarebbe riposato per la sera.

Sara imprecò sottovoce quando notò la mano dell'acceleratore su E. Trovò un'apertura e tornò sulla corsia di destra. Dopo un paio di miglia raggiunse l'uscita e attese al semaforo per svoltare verso la fermata dei camion. Erano ormai passate le 8 e c'erano ancora 85 gradi. Il sole si stava nascondendo dietro le nuvole, ma l'umidità era pesante. Sara era calda e non si era presa il tempo di asciugarsi l'inguine pieno di sperma quando aveva notato il camionista che la filmava. Afferrò l'asciugamano mentre la luce girava e si asciugò l'inguine.

Il semaforo stava diventando verde quando Cliff raggiunse l'uscita. Aspetta, quella è la piccola Toyota rossa con la splendida bionda che svolta al semaforo e si dirige verso la fermata dei camion? Accidenti, assomiglia proprio alla sua macchina! Cliff svoltò più velocemente che poté verso l'area di sosta dei camion e parcheggiò il suo Kenworth nero nel retro. Dal suo parcheggio, poteva vedere il giovane impiegato della stazione avvicinarsi e parlare con lei mentre era seduta alla pompa, e lui si voltò, afferrò la pistola e aprì lo sportello del serbatoio. Cliff ridacchiò vedendo l'espressione scioccata sul volto del giovane quando aprì la portiera per uscire dall'auto. Sicuramente il ragazzo aveva dato una sbirciatina allo stesso delizioso cespuglio che aveva filmato qualche tempo prima. Qualcosa scattò nella mente di Cliff.

Era ancora abbastanza presto e l’area di sosta dei camion non era affollata quando Sara entrò e chiese il bagno delle donne. Una volta dentro, si rese conto di essere sola, così prese un tovagliolo di carta dal bancone, lo bagnò e lo portò con sé nel box. Saltò leggermente quando l'asciugamano bagnato e freddo toccò le sue tenere labbra della figa. Si asciugò tutto lo sperma secco del suo orgasmo in autostrada, andò allo specchio, si spruzzò dell'acqua sul viso e si spazzolò i capelli. L'aria condizionata nel ristorante era fredda e poteva sentire i suoi capezzoli nudi irrigidirsi contro la sottile canottiera color lavanda mentre usciva. Se ne accorse anche il camionista seduto da solo all'ultimo stand, e la seguì con lo sguardo fino alla macchina. "Rossa", la sua vecchia Toyota Corolla del '99 era piena di benzina e pronta a partire. Il giovane addetto con l'evidente rigonfiamento nei suoi pantaloni color cachi da lavoro ha detto "Siete tutti pronti a perdere, buon viaggio". Aprì la portiera del conducente e strinse tutti i 5'10 pollici del suo splendido corpo con le gambe lunghe al volante. L'addetto stava sul cemento rialzato tra le pompe per migliorare la visuale. Non rimase deluso. Si fermò un'altra macchina, così tornò al suo lavoro. Stava mettendo la borsa sul pavimento del sedile del passeggero quando vide qualcuno avvicinarsi alla porta. Alzando lo sguardo, riconobbe che era lui, il camionista che l'aveva filmata.

"Buonasera signorina, non volevo spaventarti, ma volevo parlarti un minuto, per favore. Ho qualcosa che penso ti piacerebbe vedere. Puoi accostarti lì così possiamo parlare?" Avvicinò la videocamera alla finestra e Sara capì esattamente cosa voleva che vedesse. Indicò il terreno accanto all'edificio e si voltò, dirigendosi da quella parte.

La paura la sopraffece mentre guardava l'alto camionista che girava verso l'angolo del ristorante. “Devo andarmene? Chiama la polizia? Cosa dovrei dire?" "Ciao, un uomo che mi ha filmato mentre avevo un orgasmo a metà del 95 vuole parlarmi?" Non c'era niente che potesse fare. Lo sapeva. Doveva fare come aveva detto, altrimenti cosa avrebbe fatto? Cliff raggiunse il lato dell'edificio, si voltò e guardò Sara che avviava l'auto. Poteva dire che era nervosa e insicura su cosa fare. Il suo inguine si irrigidì mentre i pensieri del suo cespuglio marrone chiaro danzavano nella sua mente. Sara mise in moto Red, si voltò e si diresse verso il lato dell'edificio.

Cliff si avvicinò alla Toyota rossa, sorrise a Sara e disse: "Voglio ringraziarti per quel piccolo spettacolo laggiù e mi chiedevo se ti piacerebbe guardarlo con me?"

"NO!" Sara scattò indietro.

"Bene, allora immagino che non ti dispiaccia se lo faccio vedere in giro?"

“Non lo faresti! Faresti meglio a NON farlo! Sara lo guardò truce.

"O cosa?" sorrise Cliff. Sara non ha risposto. Sapeva che non aveva una risposta!

“Senti, signorina, ecco l'accordo. A meno che tu non voglia che pubblichi questo video, con la tua macchina e il numero di targa, su ogni maledetto sito porno su Internet, devi lasciarmi dare un'occhiata più da vicino a quel cespuglio. Tu mi capisci?"

“Nooo, per favore non farlo” implorò Sara.

Cliff la guardò e sorrise. “Oh cavolo”, pensò Sara. Cosa posso fare, non posso fare nulla. Non posso permettergli di mostrare quel video. "Cosa vuoi?" mormorò, conoscendo la risposta.

"Esci e vieni con me, tesoro."

Sara lasciò la Red, abbassò i finestrini e si diresse verso il grosso camion nero a 50 metri di distanza. Poteva sentire le sue ginocchia indebolirsi mentre si avvicinava. Cliff si allungò e spalancò la porta. "Il mio nome è Cliff, qual è il tuo?" "Sara" mormorò mentre afferrava la maniglia sul lato della cabina e saliva sul camion.

Il cazzo di Cliff pulsava mentre guardava il culo nudo e il cespuglio peloso di Sara, salire sulla scala del suo camion. "Siediti al posto di guida mentre capisco le cose", mentre apriva la tenda della grande cabina letto. Sara non aveva mai visto prima l'interno di un trattore stradale, tutte le luci, gli interruttori e i comandi, ed è rimasta stupita dalla stanza. Cliff stava gettando i vestiti nell'angolo del letto, gettando via le lenzuola e lei lo guardò mentre sistemava la videocamera su uno scaffale.

"NON mi filmerai di nuovo", ha chiesto Sara.

"No tesoro, l'ho collegato alla TV così posso mostrarti il ​​video." Cliff la spinse nella cuccetta e chiuse la tenda dietro di lei. Una TV adornava la parete ai piedi del letto e il video stava appena iniziando.

“Guarda questo, sarà bello. Anch'io lo vedo per la prima volta."

Sara si sedette sul letto e la guardò con orrore mentre si masturbava nella sua macchina. “Spegnilo, per favore. Per favore, non puoi farlo.

"Ascolta", disse Cliff, "non ti farò del male, ma non sono mai stato così dannatamente eccitato mentre ero seduto al volante in vita mia. È la tua ultima possibilità, puoi spegnerla, oppure puoi pensare di vedere la tua figa schizzata su Internet.

Cliff si alzò e i suoi pantaloni caddero a terra. "Sai cosa fare."

Sara si voltò timidamente verso di lui. Prese con cautela in mano il cazzo duro come la roccia di Cliff da 8 pollici e aprì le labbra. Era molto più grande di Brian e poteva sentire il sapore del suo sudore. Una lacrima le scivolò lungo la guancia. "No, questo non sta succedendo."

Non passò molto tempo prima che il pensiero di succhiare il cazzo di uno sconosciuto iniziasse a svanire. Come potrebbe divertirsi? Era stata costretta a salire su un camion e veniva ricattata per fare sesso! Anche se sentì la sua mano scivolare lungo la pancia fino alla sua fica pelosa. Cliff poteva sentire il suo cazzo prepararsi a spruzzarle la gola di sperma. Lui indietreggiò, la spinse sul letto e le allargò le gambe. La gonna di jeans sfilacciata di Sara le arrivava fino alla vita e lui le tolse la minuscola canotta color lavanda. "Mio Dio, guarda quelle tette." Li afferrò con entrambe le mani e succhiò forte i suoi capezzoli. Sara si stava contorcendo dal piacere mentre Cliff si allontanava per ammirare il suo corpo. Abbassò il viso sorridente sulla sua fica e la sentì sussultare mentre le allargava le labbra della fica con la lingua. Il suo cazzo pulsava, e lo faceva da quando l'aveva ripresa mentre veniva. Quando lei era bagnata dalla sua lingua che entrava e usciva dalla sua figa pelosa e le mordicchiava il clitoride, lui si inginocchiò e mise la testa del suo cazzo tra le labbra gonfie della sua fica. Lei gemette mentre lui scivolava nella testa del suo cazzo. Lui spinse più forte... e lei gemette. Alla fine, le ha infilato dentro tutti gli spessi 8 pollici del suo cazzo duro come la roccia. Qualunque paura e imbarazzo avesse provato un'ora prima se n'era andato mentre spingeva volontariamente i fianchi contro il suo cazzo che si tuffava. "Vaffanculo, oh vaffanculo, per favoreeeeeee".

Due ore dopo, Sara si svegliò, esausta. Lei si girò e si alzò. Si infilò la gonna di jeans, si tirò la canottiera sul seno nudo e spinse indietro la tenda per andarsene. Cliff si girò: “Non così in fretta, tesoro. Scoparmi solo una volta non basterà. Una volta non è abbastanza per impedirmi di pubblicare il tuo video online. A meno che tu non voglia essere conosciuto come il "Masturbatore interstatale" da ogni camionista del paese, con la faccia e la figa incollate su Internet e la carriera rovinata, faresti meglio a darmi il tuo numero. Mi piacerebbe incontrarti quando sarò di nuovo così lontano. Cliff fece un sorrisetto malvagio. Sara sapeva di non avere scelta. Cliff diede un colpetto al telefono mentre lei snocciolava con riluttanza il suo numero. Premette CHIAMA per assicurarsi che fosse il numero corretto e il suo telefono squillò. “Grazie, tesoro. Oh, e un'ultima cosa, Sara, prima che tu vada. Ogni volta che guidi, assicurati di lasciare le mutandine a casa. Noi camionisti lavoriamo duro qui e vedere una bellissima ragazza passare mostrando la sua fica è ciò che ci fa andare avanti.

Sara annuì.

"Grazie tesoro, non vedo l'ora di rivederti."

Sara scese la scaletta e si diresse verso la sua macchina. “In che cazzo mi sono cacciato? A che cazzo stavo pensando? Nessuno lo saprà mai”, pensò. Si avvicinò a Rosso. Mentre apriva la porta e si sedeva sul sedile, poteva sentire la sua figa dolorante ma soddisfatta, e sorrise. Accese Red e si diresse a nord.

Cliff si avvicinò alla TV, spense il pulsante REGISTRA, si sdraiò sul letto e sorrise. “Oh, ci rivedremo presto, mia dolce Sara. Molto presto."

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Moglie impertinente ottiene uno shock

Shelia Brown è stata presa in giro e lo sapeva. Ha preso in giro gli amici di suo marito, ha preso in giro i fidanzati delle sue figlie, ha preso in giro i suoi vicini e ha preso in giro tutti gli uomini in ufficio. Man mano che Shelia cresceva, peggiorava e suo marito Harry si irritava molto con lei che la rimproverava spesso e si lamentava della sua mancanza di decoro. Sheila non sei più una giovane donna sembri un montone vestito da agnello abbassa un po' le cose è solo chiedere guai se vai in giro così la gente...

2.2K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.