Tatuaggio

1.6KReport
Tatuaggio

Oggi è il giorno. Avevo intenzione di farlo da alcuni mesi ormai e non mi è mai sembrato il momento giusto. Ora l'attesa è finita. Sono in piedi davanti al negozio di tatuaggi, godendomi la dolce miscela di anticipazione e paura che mi avvolge. Prendo un respiro profondo e apro la porta.

Quando entro sono momentaneamente travolto dall'aria calda e dalla musica seducente che sembra non finire mai. Ora sono trascorse ore, quindi è solo in studio, si prepara a tatuarmi la schiena. Nel corso dei mesi in cui non riuscivo a decidere il design definitivo per il mio tatuaggio sulla schiena, siamo diventati piuttosto vicini, condividendo sempre idee e stuzzicandoci a vicenda. Ora mi sorride storto e dice: "Temevo che tu avessi cambiato idea". "Mai" rispondo strizzando l'occhio.

Quando mi tolgo il cappotto grugnisce irritato: “Devi vestirti sempre così sexy? Come faccio a lavorare mentre sei così distratto? Rido e dico: "Beh, è ​​meglio che tu te ne accorga dato che oggi mi tengo solo la gonna". Alza gli occhi al cielo, ma il piccolo sorriso che gioca sulle sue labbra tradisce la sua impazienza di iniziare.

Mi avvicino alle grucce per smaltire cappotto e borsa mentre lui chiude a chiave la porta e chiude le tende. Si gira e sospira, guardando il mio top già troppo rivelatore: "Allora, te lo toglierai o dovrei aiutarti?" "Il top che posso gestire, ma potrei aver bisogno di aiuto con il mio reggiseno", dico con una voce profonda e seducente. Ride e si avvicina.

Dopo che mi sono infilato il top sopra la testa e l'ho appeso al cappotto, prendo il reggiseno mentre lui sbottona le spalline. Trovo questo modo più eccitante di quanto pensassi e mi mordo il labbro per smettere di pensare alle sue mani sulla mia schiena poiché stasera dovrò in qualche modo superare molti più tocchi. Mi giro e lo sorprendo a fissare i miei seni ancora coperti, alza rapidamente lo sguardo e fa l'occhiolino: "Potrebbe risultare un po' scomodo per te, sembrano piuttosto pesanti". Rido nervosamente e mi giro in modo che possa spruzzarmi il disinfettante su tutta la schiena.

Inspiro pesantemente alle gocce fredde sulla mia pelle, sento i miei capezzoli indurirsi e stringo la presa sul reggiseno. Quando posa lo stencil lungo la mia spina dorsale, posso sentire il mio corpo iniziare a eccitarsi e pensare tra me e me che questa sarà una lunga serata. Mentre aspetto che lo stencil si asciughi lo guardo mentre prepara il tavolo per tatuaggi e l'attrezzatura.

Sono stato tatuato diverse volte prima, ma i miei altri tatuaggi sono tutti considerevolmente più piccoli e non sono mai stato da un tatuatore che fosse anche lontanamente sexy come lui. Tuttavia mi sono piaciute le sensazioni se non così tanto la compagnia, il dolore mi ha sempre eccitato e i tatuaggi erano il mio modo per ottenerne la mia parte. Questa volta, la compagnia stessa è piuttosto desiderabile e non sono sicuro se sarò in grado di tenere le mani per me o meno.

"Ehi! Sei ancora qui? Era ora che iniziassimo". mi sveglia dalle mie fantasticherie e io sorrido ancora mezzo stordito, le immagini di ciò che potrebbe danzare davanti ai miei occhi. Mi siedo e mi piego in modo che la mia schiena sia nella giusta angolazione per farlo lavorare, tengo il reggiseno e aspetto che inizi.

Quando finalmente sento l'ago sulla schiena, la dolce attesa nella mia pancia inonda tutto il mio corpo e trattengo il respiro mentre aspetto la prima puntura. La combinazione delle sue mani e la sospensione che il mio corpo ha nel giusto sapere mi fa venire voglia di sospirare e devo mordermi di nuovo il labbro per impedirmi di farlo.

Quando finalmente l'ago parte non riesco a trattenermi ed emetto un piccolo sospiro. Ridacchia dietro di me e dice: "Sei proprio come un drogato che è passato troppo tempo senza una soluzione". "Penso di essere un drogato perché so che vorrò sempre solo un tatuaggio in più." E non ne avrò mai abbastanza di questo dolce dolore eccitante, ma lui non deve saperlo. Riesco a sentire la mia figa bagnarsi e il mio corpo caldo per il pulsare nella mia schiena, non posso fare a meno di fantasticare su come sarebbe se decidesse di infilarmi qualcos'altro, oltre al suo ago.

Sono così coinvolto nei miei sogni ad occhi aperti che non noto la mia mano che rilascia il reggiseno fino a quando la puntura dell'ago non si interrompe improvvisamente e le sue braccia mi afferrano le tette da dietro. "Hai fatto cadere qualcosa", mi sussurra all'orecchio e stringe i miei capezzoli già duri come una roccia. Emetto un sospiro e muovo le mani per attirarlo più vicino.

Mentre lo faccio, posso sentire la sua erezione contro la parte bassa della mia schiena e lo sfrego contro di essa, facendogli stringere più forte le mie tette e mordermi il collo. Sospiro di nuovo quando sento la sua mano destra scivolare lungo la mia pancia verso l'orlo della mia gonna mentre la sua mano sinistra continua a pizzicarmi i capezzoli. Faccio scivolare le mani tra di noi e gli apro i pantaloni, cercando di liberare la sua erezione. Lui geme nel mio collo e mi morde più forte, la sua mano destra raggiunge le mie mutandine in quel preciso momento. In pochissimo tempo è sotto di loro, alla ricerca del mio clitoride che trova istantaneamente.

Tutto il mio corpo trema e lui mi attira più vicino, conficcandomi il suo boner ora libero nella schiena mentre le mie mani lo strofinano. Le sue dita sono agili nel diteggiarsi come nel disegnare e presto gemo piano, la mia figa ora è così bagnata che tutta la sua mano brilla. "Sembra che tu abbia voglia anche di qualcos'altro, piccola puttana", mi sussurra all'orecchio prima di tirarmi su, piegarmi e sbattere il suo cazzo duro nella mia figa gocciolante.

Sussulto per la sorpresa ma una delle sue mani ritrova il mio clitoride e il gemito riprende. Riesco a sentire il mio corpo eccitato diventare sempre più caldo, privato del sesso da un po' di tempo, la sensazione di qualcun altro che mi massaggia il clitoride così bene che sento le lacrime agli occhi. La mia figa inizia a tremare cercando di tirare il suo cazzo più dentro, il climax arriva molto prima di quanto sono abituato. Quando sente il mio spasmo corporeo inizia a spingere più forte, usando le sue mani per attirarmi più vicino al ritmo dei suoi colpi. Vengo duro e non posso fare a meno di urlare mentre sento i miei orgasmi esplodere su tutto il mio corpo mentre lui continua a infilare il suo cazzo nella mia fica e strofinare violentemente il mio clitoride eccitato.

Quando quasi non ce la faccio più, tira fuori il suo cazzo, mi fa girare, mi fa sedere sullo sgabello e me lo posiziona davanti alla faccia dicendo: “Vediamo se quelle tue labbra sono brave in questo di loro stanno prendendo in giro”. La punta del suo pene penetra nelle mie labbra prima che io abbia il tempo di rendermi conto di cosa sta succedendo e muovo velocemente la lingua per incontrarlo. Sono abbastanza orgoglioso della mia 'ginnastica della lingua' e non cerco nemmeno di essere gentile, lo succhio duramente tutto mentre gli massaggio il solco con la punta della lingua. Posso sentirlo grugnire ora, avvicinarsi al suo stesso orgasmo e succhio più forte muovendo la testa avanti e indietro per ottenere il massimo da esso.

In poco tempo vengo ricompensato con un getto di sperma caldo in gola che ingoio avidamente. Non lascio che nessuno vada sprecato e quando finalmente si ferma gli lecco il cazzo per pulirlo, glielo bacio sulla punta e alzo lo sguardo per vedere la sua faccia euforica. "Penso che il tuo tatuaggio avrà bisogno di qualche altra sessione prima che sia completo", mi strizza l'occhio.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.