Alice in allenamento

501Report
Alice in allenamento

Ne avevamo abbastanza. Sally e io abbiamo cercato così tanto e così tante volte di convincere Alice a prestare attenzione a qualsiasi cosa. A 12 anni ora, non l'ha ancora capito. "Forse è solo stupida", mi ha detto Sally. Ho appena scosso la testa.
Poi, quando abbiamo ricevuto la sua ultima pagella, è successo tutto. Niente di meglio di una D. "Come mai?" ci siamo chiesti noi stessi e l'un l'altro. Nostro figlio, Billy, sembrava brillante, intelligente e concentrato. A 10 anni, sembrava compensare la sua piccola corporatura con il desiderio di compiacere i suoi genitori.
Ci siamo ritrovati nella camera da letto di Alice, con lei sdraiata sulle mie ginocchia mentre mi sedevo sul bordo del suo letto. Sally era seduta dall'altra parte della stanzetta su uno sgabello davanti al mobiletto di sua figlia. Non avevamo mai fatto ricorso a questo prima. Non avevamo mai sculacciato i nostri figli per correggerli. Ma sentivamo che non c'era scelta. Sembrava l'unica opzione a nostra disposizione. Forse il dolore fisico avrebbe in qualche modo attirato la sua attenzione.
Sally le ha detto di tirarsi giù i jeans e di piegarsi sulle mie ginocchia. Avevo la cintura piegata in due con la fibbia in mano. L'ho sentita sobbalzare mentre le ho abbassato la cinghia sulle natiche. Mi sono sentito a disagio però. Ecco mia figlia, quasi nuda in grembo e stavo pensando a quanto fosse sexy questa situazione.
Lei sobbalzò e strillò mentre abbassavo di nuovo la cintura su entrambe le guance coperte di mutandine. I suoi movimenti si sentivano bene sulle mie cosce. Forse stavo immaginando il leggero calore che sentivo dalla V del suo inguine. Si dimenò di nuovo e gridò più forte mentre abbassavo di nuovo la cintura, più forte di prima. La sua anca sfiorò la punta del mio cazzo, che era infilato contro la mia coscia sotto i miei jeans e cominciava a riempirsi di sangue. Ho guardato in basso e ho potuto vedere il rigonfiamento che ha creato. Dio mio!
I suoi movimenti mi stavano eccitando. Di nuovo le sculacciai il giovane culo sodo, più forte che mai, forse con un po' di rabbia verso di lei. Dannazione a lei per avermi fatto eccitare in questo modo. Ho guardato Sally. Mi fece un cenno stranamente comprensivo della sua bella testa e sorrise. Sapeva in qualche modo cosa mi stava facendo questo?
La prossima volta che ho colpito il culo tenero di mia figlia ho avuto una sorpresa. Ho sentito qualcosa di molto più caldo del suo sesso diffondersi sulla mia coscia. Quando mi sono reso conto che aveva perso il controllo della vescica e mi aveva pisciato sulla gamba, mi sono alzato violentemente e l'ho spinta via da me. Atterrò con un tonfo sul pavimento e io la guardai furiosamente e cercai di gridare la mia rabbia. Nessuna parola sarebbe venuta alle mie labbra, ero così sbalordito.
"Sei piccola puttana cattiva", ho sentito dire Sally. "Guarda cosa hai fatto a tuo padre." Fu alla testa di Alice in un istante, afferrando il mento di sua figlia e guidandole la testa per guardarmi. "Guarda cosa hai fatto", urlò di nuovo.
Non potevo crederci. Mi sono semplicemente seduto di nuovo sul bordo del letto di Alice e ho fissato la scena davanti a me, quasi senza capire cosa fosse successo dopo. Sally ha afferrato sua figlia per la nuca e l'ha costretta a strisciare tra le mie ginocchia. "Leccherai la tua brutta pipì dalla coscia di tuo padre, porcellino."
Sally ha costretto la bocca di Alice alla mia coscia ricoperta di jeans. "Leccalo, maiale", ordinò. Sally sbatté il viso di sua figlia contro la mia coscia più e più volte finché non fu soddisfatta che Alice le stesse ubbidendo. La lingua di Alice leccò il suo piscio e di nuovo sentii e vidi il rigonfiamento che strisciava lungo la mia coscia verso la sua lingua.
“Vedi che piccola puttana cattiva sei, cagna? Guarda come stai rendendo duro il cazzo di tuo padre. È quello che vuoi, troia? Vuoi succhiare il cazzo di tuo padre?" Non potevo credere che quelle parole stessero uscendo dalla bocca di mia moglie. E sorrideva con un certo male e un pizzico di lussuria negli occhi. Non mi sarei mai aspettato una cosa del genere. Sally mi guardò e mi sorrise con il suo amore. "Alzati piccola."
Non ho potuto resistere. Mi sono alzato muto. "Ora togli i pantaloni di tuo padre, troia." Ho visto mia figlia aprire i miei jeans e tirarli giù. "Ora i suoi boxer", ordinò. Il mio cazzo era rigido e palpitante, più forte di quanto potessi mai ricordare. "Adesso bacia il posto dove gli hai pisciato addosso."
Obbedientemente, Alice fece come le era stato detto. "Ora bacia il cazzo di tuo padre, brutta puttana", ordinò sua madre. Sono quasi svenuto per un brutto piacere quando le giovani labbra di mia figlia hanno toccato la testa del mio cazzo. Le sue calde labbra giovani bruciavano dove erano state per breve tempo. Sono quasi arrivato proprio allora.
“Ora succhia il cazzo duro di tuo padre, cagna. È colpa tua se è andata così, ora devi aggiustarlo. Sally si è avvicinata al punto in cui nostra figlia si è inginocchiata tra le mie ginocchia. Voleva avere una buona visione di questo sembrava. Mentre Alice mi leccava la testa del cazzo, ho visto la mano di mia moglie muoversi tra le sue stesse gambe, le sue dita lunghe e sottili strofinavano il suo jeans e la fessura ricoperta di mutandine. Sorrideva mentre guardava nostra figlia prendere la mia spessa testa di cazzo palpitante nella sua giovane bocca.
"Penso che abbiamo trovato un uso per la nostra stupida figlioletta qui, tesoro", ha detto, sorridendomi. Ho ricambiato il sorriso, realizzando finalmente che aveva pianificato l'intera scena. “Penso che l'unica cosa per cui la nostra piccola troia qui sia brava sia succhiare il cazzo. Cosa ne pensi?" Sorrise di nuovo quel sorriso malvagio e io glielo ricambiai.
"Forse puoi addestrarla anche a mangiare la figa, tesoro?" Ho suggerito. Il suo sorriso si illuminò. "Forse. Deve ancora imparare a prendersi cura del tuo cazzo prima." Detto questo, Sally ha afferrato una manciata dei folti capelli castani di sua figlia e l'ha costretta a prendere il mio cazzo in bocca alla fine. Ho sentito il mio cazzo colpire la parte posteriore della sua gola ed ero solo a metà sepolto. Sua madre non ha mai potuto prendere il mio cazzo lungo tre pollici e 10 pollici in gola, e non l'avrei mai forzata.
Questo non vuol dire che non ci abbia provato. Ci ha provato tutto il tempo. Adorava leccare il mio duro albero palpitante e succhiare le mie palle pesanti nella sua bocca calda e dolce. A volte sembrava che potesse passare ore tra le mie gambe. E forse ha fatto come noi sessantanove. Dio sa che amavo mangiare la sua figa tanto quanto lei godeva del mio cazzo.
Presto ho scoperto che Sally aveva altri piani per sua figlia. Ha afferrato i capelli delle nostre figlie sexy e ha forzato la gola sul mio cazzo, sempre più in profondità, tirandola via in modo che potesse riprendere fiato. Ancora una volta Sally avrebbe forzato la gola della nostra giovane figlia sulla mia spessa testa di cazzo, soffocandola e imbavagliandola. Le sensazioni che stavo provando erano oltre l'incredibile. Quei giovani muscoli che si ribellano all'invasione. La sua gola stretta che lotta per accettarmi. I gemiti di dolore e umiliazione di Alice sembravano solo spingere Sally ad andare avanti.
“Fottiti il ​​bel cazzo di tuo padre con la gola, cagna. Sai che lo vuoi, vero", ha detto ancora e ancora mentre costringeva la giovane gola di sua figlia ad essere squarciata. Potevo vedere lacrime di dolore scorrere lungo le guance di Alice, eppure sembrava non provare altro che la mia stessa lussuria ed eccitazione. Non mi importava che questa fosse mia figlia che stavo rompendo. In effetti, stavo pensando che fosse una buona cosa, forse non dovremmo preoccuparci così tanto del suo futuro ora.
Alice stava gemendo e gemendo costantemente ora per il dolore. Sua madre sembrava determinata a seppellire il mio enorme cazzo nella gola di nostra figlia. Sempre più della mia spessa asta scomparve nella sua bocca. Le incredibili sensazioni che stavo provando finalmente hanno svoltato l'angolo. La mia stessa mano è andata alla testa di mia figlia, afferrandole i capelli con violenza e tirandola un'ultima volta fino in fondo sul mio cazzo palpitante. le scoppiai in gola. L'ho tenuta sul mio cazzo mentre uno spasmo dopo l'altro devastava il mio corpo, sparando il mio sperma direttamente nella sua pancia. Adesso gemevo di piacere come non avevo mai provato prima.
Presto il mio orgasmo passò e lasciai la presa tra i suoi capelli. Sally me l'ha strappata di dosso ed è stato tutto ciò che Alice poteva fare per riprendere fiato. Sally lasciò andare la presa e guardò sua figlia cadere a terra, lottando per respirare. Le lacrime le scorrevano sulle guance. Sembrava che stesse ansimando come un pesce. Le sue mani andarono alla sua giovane gola riempita di dolore. I suoi gemiti erano aspri e ansiosi.
Sally si è messa in ginocchio tra le mie gambe e ha allungato la mano per afferrare il mio cazzo ancora palpitante. Era ancora massiccio nella sua mano anche se gonfiato solo per metà. Gemevo di dolce piacere mentre si piegava in avanti per baciarmi la testa del cazzo. “Oh piccola, era davvero eccitante. Ho bisogno di sborrare piccola. La sua mano era sepolta tra le gambe strofinandosi la fica ancora vestita.
Mi sono seduto e ho chiamato Alice. Non ha risposto. Usai il mio piede per colpirle il fianco, chiamandola di nuovo per nome. Quando ancora non ha risposto, le ho puntato un calcio in testa, urlando "siediti, cagna". Ho visto una linea di sangue dall'angolo della sua bocca e ho sorriso dicendo che finalmente avevo la sua attenzione. “D'ora in poi presterai attenzione, o verrai punito. Capisci?" ringhiai.
"Rispondimi, puttana."
“Y-y-yes papà,” mormorò cavalleramente attraverso i suoi singhiozzi.
“Smettila di piangere ora o conoscerai il vero dolore. Ora vieni qui e spoglia tua madre.
Lentamente, dolorosamente, si trascinò ai piedi di sua madre e iniziò a spogliarla. Ho visto come le gambe lunghe e sexy di mia moglie e la fica rasata sono state rivelate. Il mio cazzo è tornato in vita quando Sally ha detto a sua figlia di baciarle i piedi. Questa volta Alice non esitò ad obbedire. Baciò ogni piede, poi aspettò le sue istruzioni successive. "Guarda come una vera donna fa piacere al suo uomo, troia", istruì Sally. Si arrampicò sul letto e si mise a cavalcioni sulla mia vita. Mi è piaciuto quando ha fatto questo.
Si è allungata tra le gambe e ha aperto le labbra della fica per me. Mi sono abbassato e ho guidato il mio cazzo duro di nuovo nel suo buco. Sembrava che ogni volta che le scopavamo la figa fosse ancora stretta come la prima volta. Sembrava sempre che ci volesse un po' prima che potesse accogliere il mio cazzo completamente nel suo grembo. A volte ci vorrebbe un'ora o più per completare il nostro fare l'amore. Mi stuzzicherebbe il cazzo con la sua fica. Le stuzzicherei i seni pieni e sodi con le dita. Mi baciava appassionatamente mentre le toccavo il clitoride gonfio.
Questa volta non era differente. Ha tenuto la figa in bilico sopra il mio cazzo fino a quando non l'ho spinta verso l'alto in modo stuzzicante. Mentre lasciava che la mia testa di cazzo aprisse le sue labbra, un lungo ringhio erotico uscì dalla sua gola. Ha scopato su e giù sulla mia testa di cazzo un paio di volte prima di permettersi di prenderne di più. Controllava il ritmo dei nostri movimenti e non mi dispiaceva affatto. Lascio che soddisfi se stessa e me, godendomi il modo in cui ha ceduto il suo corpo al mio tocco.
Le strinsi i seni ampi. Li ho tirati. Ho pizzicato i capezzoli duri finché non sono diventati più duri. Torcendoli e tirandoli ha solo reso il mio amore ancora più selvaggio. Adorava il dolore del mio cazzo che le apriva la fica e le mie dita che si chiudevano sui suoi capezzoli. Ho spinto una mano tra i nostri corpi alla ricerca del suo clitoride. Non appena l'ho trovato, ho premuto forte contro il suo inguine. Gemeva in modo sgradevole, come sapevo che avrebbe fatto. Le faceva sempre venire voglia di fare pipì in quel momento, e la pressione che sentiva non faceva che aumentare i suoi intensi sentimenti di piacere doloroso. Segretamente, speravo sempre che perdesse il controllo e che in effetti pisciasse mentre scopavamo. Forse sarebbe cambiato presto, speravo. Immagino di avere dei progetti personali.
Ho sentito i muscoli della sua fica stringersi attorno al mio grosso strumento palpitante e sapevo che era già vicina a venire. Ho guardato mia figlia da sopra la spalla, che stava osservando cosa stava succedendo, con quella che sembrava la massima attenzione. "Vieni qui, troia", ho ordinato. Mentre si arrampicava sul letto, allungai una mano e le presi un'altra manciata di capelli e la costrinsi a trasferirsi nel momento in cui sua madre e suo padre si incontravano.
Quando Sally ha capito cosa stavo facendo, si è appoggiata un po' indietro, piegando il mio cazzo all'indietro con lei. “Lecca la figa di tua madre. Trova il suo clitoride con la tua bocca da troia e succhialo", ordinai.
Non mi ci è voluto molto per capire che lo stava facendo bene, che aveva trovato il clitoride gonfio di sua madre e lo stava succhiando come un minuscolo cazzo. Con un lungo gemito dal suono aspro e forte, Sally arrivò duro e quasi violentemente. Ho tenuto la testa di Alice sulla fica di sua madre mentre ci sedevamo meglio che potevamo e ci avvolgevamo le braccia l'una intorno all'altra, il nostro respiro affannoso, il nostro sudore che colava dai nostri corpi, il nostro amore per l'altro più profondo che mai. Ci siamo baciati appassionatamente mentre tenevamo la testa di nostra figlia all'inguine. Sally faceva un piccolo salto di tanto in tanto mentre sua figlia trovava un punto sensibile mentre continuava a leccare.
Presto ci separammo e lasciammo che Alice prendesse un respiro profondo. Ci siamo sdraiati uno accanto all'altro sul letto di Alice e ci siamo abbracciati per un po', in un amore silenzioso e realizzato. Alice si è semplicemente inginocchiata lì, senza muoversi, non sapendo cos'altro fare.
Dopo un po', Sally ruppe il silenzio. "Allora, cosa facciamo adesso, tesoro?"
“È ovvio che non può tornare a scuola, che senso avrebbe? È troppo stupida per fare qualsiasi cosa se non fallire, e in qualche modo ci metterebbe comunque nei guai. Forse dovremmo tenerla a casa. Addestrala a pulire la casa, cucinare, servirci... lo sai?
Dopo un breve silenzio, Sally acconsentì. “Penso che tu abbia ragione, naturalmente. Conosco un paio di persone a cui possiamo chiedere informazioni sulla legalità di tutto questo. Non so se è abbastanza intelligente da insegnare a pulire la casa e cucinare, però. Sto solo pensando di insegnarle a scopare e poi a puttana.
Ero abbastanza sicuro che Sally stesse scherzando su quell'ultima parte. Mi sbagliavo, come ho scoperto a lungo termine. “Ma, in questo momento, non sono così sicuro che abbia ancora imparato la lezione. Sono ancora arrabbiato perché ti ha pisciato addosso. Guardò con disgusto Alice, che era rannicchiata ai piedi del letto. "Scendi a terra, stronza." Quando Alice si arrampicò sul pavimento, Sally si alzò in piedi sopra di lei.
“Guardami, stronza. Penso che d'ora in poi sarai il nostro gabinetto. Sally mi guardò con aria interrogativa. Ho annuito il mio pieno assenso e lei si è girata di nuovo verso nostra figlia. "Apri la tua bocca cattiva, troia."
Ho visto mia moglie aprire le labbra della fica con le dita e iniziare a pisciare. Non l'avevo mai vista fare pipì prima e l'ho trovata così brutta e sexy come pensavo. Non solo, ma per lei puntare il suo flusso caldo e sgradevole a nostra figlia era ancora meglio. Potevo sentire il mio staff crescere di nuovo, ma prima che accadesse...
Mi sono alzato e mi sono avvicinato a mia moglie. Ho messo la mia mano nel suo ruscello facendolo schizzare su tutto il petto ben sviluppato di nostra figlia. Mi avvicinai alle labbra con le dita bagnate e le leccai, assicurandomi che Sally sentisse il mio brutto lamento. Quando finalmente il suo flusso è terminato, ho detto ad Alice di non muoversi, mentre mi sono messo in ginocchio. Ho seppellito la mia faccia tra le gambe di mia moglie e ho iniziato a leccarle la figa per pulire la sua pipì. Mi ha avvolto le mani tra i capelli e ha tenuto la mia faccia lì. Leccai e leccai la sua fica, succhiando tutti i succhi che offriva, gemendo in modo cattivo e avido. La sua presa si fece più stretta, quasi dolorosa mentre raggiungeva l'orgasmo, non permettendomi di allontanarmi finché non fu completamente soddisfatta. “Oh Dio, piccola. Non avrei mai saputo che potesse essere così caldo. Mi hai leccato la pipì! Ohh, mio ​​Dio, mi hai fatto venire di nuovo,” sussurrò mentre mi allontanavo. Potevo solo sorriderle con lussuria.
Le sue gambe erano deboli per il piacere mentre sedeva sul bordo del letto per riprendersi. Ho rivolto la mia attenzione ora alla mia figlia troia ricoperta di piscio e ho sorriso. Il mio cazzo si era un po' rilassato ed ero pronto a pisciare e avevo un grosso carico. “Apri quella tua bocca da bagno, stronza. E farai meglio a ingoiare tutto, o sarai adeguatamente punito. Si inginocchiò davanti a me, la testa all'indietro, la bocca aperta, con un aspetto più sexy di quanto qualsiasi ragazza avesse diritto. Rilassai la vescica e lasciai che il mio denso flusso giallo si riversasse nella sua bocca calda.
L'ho vista lottare per ingoiare tutto, sapendo che sarebbe stato impossibile. Non avevo quasi finito di punire questa piccola puttana per tutto il dolore che aveva causato a sua madre e a me. La guardai mentre cercava debolmente di obbedire al mio ultimo avvertimento. Mi sono girata e ho sorriso alla mia calda e sexy moglie quando è diventato ovvio che non avevamo ancora finito con Alice.
Ho finito di pisciare, guardando il liquido bollente gocciolare sul suo petto ansante, giù per la pancia sopra le fica già bagnate, fino al pavimento. C'era una piccola pozzanghera sotto di lei.
«Guarda che brutto maiale» ringhiai. “Guarda tutta la mia pisciata che hai sprecato. Non te la cavi così facilmente, troia. Mettiti in ginocchio e leccalo. Ho sentito mia moglie gemere di lussuria mentre Alice ha cominciato a leccarmi la pipì dal pavimento. Devo ammettere che mi ha eccitato notevolmente. Ho guardato indietro per vedere Sally che si toccava la fica mentre guardava nostra figlia.
Quando fui soddisfatto del suo lavoro di leccata, mi chinai e l'afferrai rudemente per i capelli e la tirai in piedi. Non aveva detto una parola da quando era cominciato e non aveva cominciato adesso, a parte fare dei rumori incomprensibili in gola. Deve aver ancora sofferto molto per aver ingoiato il mio cazzo prima. Presto avrebbe dimenticato quel dolore. Ho sorriso tra me e me.
Ho guardato Sally e le ho chiesto di andare in garage a prendere della corda e un coltello. Sorrise eccitata e corse fuori dalla stanza. Mentre tenevo la mia giovane figlia per i suoi capelli, piegai la sua testa all'indietro e premetti le mie labbra sulle sue, la mia lingua spingeva violentemente nella sua bocca volenterosa. Si è afflosciata tra le mie braccia mentre il nostro bacio è diventato appassionato. Sapevo a quel punto, da quel bacio, che avrebbe fatto qualunque cosa le avessi comandato, che sarebbe stata la nostra schiava volontaria.
“Sai che è giusto, vero Alice,” chiesi più gentilmente che potevo. La guardai negli occhi e riuscii a vedere la risposta. Ma volevo sentirla dire. Ho insistito per una risposta, strattonandole i capelli. Riusciva a malapena a soffocare il suo "sì". Ho sorriso al suo dolore. "Sei mamma e io mi divertirò moltissimo, anche se potresti non esserlo." Sono sicuro che la malvagità del mio sorriso l'ha spaventata di sicuro quella volta. Da allora non mi ha quasi guardato negli occhi.
Sua madre tornò nella stanza, ricordandomi che Billy sarebbe tornato presto. Era una preoccupazione. Come avrebbe fatto un bambino così piccolo, un uomo piccolo, da grande, a farsi strada in questo mondo? Non avevo quella risposta in quel momento, quindi non me ne preoccupavo.
Ho preso la corda e il coltello da Sally e ho considerato il problema in anticipo. Mi sono reso conto che c'era qualcos'altro di cui avevo bisogno, che avrebbe funzionato meglio dei miei pensieri originali. Questa volta sono andato in garage e ho frugato in giro finché non ho trovato quello che stavo cercando: due ganci a vite per impieghi gravosi. Ho anche trovato un martello leggero e l'ho portato con me nella stanza di Alice.
Era sul letto tra le gambe aperte di Sally. Sally le stava insegnando a mangiare la figa correttamente, usando la mia cintura come incentivo quando non era soddisfatta. Ho dovuto lavorare attraverso i gemiti e i gemiti del piacere di mia moglie e l'occasionale colpo secco della cintura sulla schiena di Alice.
Usando il martello, ho picchiettato sul soffitto per trovare due travetti a circa quattro piedi di distanza. Ho preso un gancio e l'ho avvitato in ciascuno di essi, quindi ho testato il peso. Erano solidi. Ho preso la corda e ho tagliato due pezzi, legando un'estremità di ogni pezzo a un gancio. Poi ho aspettato che Sally fosse soddisfatta dalla bocca di mia figlia. Dopo che l'orgasmo di Sally è passato, ho preso brutalmente la nostra figlia troia per i capelli e l'ho drogata sotto i ganci.
L'ho fatta stare sullo sgabello che ho tirato fuori dalla sua vanità mentre le legavo i polsi sopra la testa. Poi le ho ordinato di scendere dallo sgabello e l'ho portato via. Mentre il peso del suo corpo tirava le sue braccia tese, le dita dei piedi toccavano appena il pavimento.
"Oh mio Dio", sussurrò Sally. "Guarda com'è bella così." Lei aveva ragione. Non avevo mai visto uno spettacolo così bello prima. Il suo giovane corpo snello allungato strettamente ha fatto risaltare il suo giovane petto in erba. I suoi tumuli sporgevano dritti, i suoi capezzoli erano duri e sassosi. La guardai mentre lottava contro il dolore, i muscoli del suo giovane corpo che si ribellavano all'agonia che stava appena iniziando a provare.
Il mio cazzo è cresciuto di nuovo mentre la guardavo. Sally ha afferrato il mio strumento pulsante e ha iniziato a sollevarlo avanti e indietro, le sue dita incapaci di avvolgere completamente il mio albero. “Prendila, piccola. Falla diventare la tua cagna totale. Voglio vedere il tuo cazzo duro e palpitante di papà rompere la nostra bambina. Sono quasi venuto quando ha detto questo mentre mi prendeva il cazzo.
Mi sono avvicinato alla nostra ragazza indifesa e ho allungato la mano per afferrarle entrambi i capezzoli. Li ho pizzicati forte e senza pietà. Volevo farle del male. Sally voleva che le facessi del male. Non potevo fermarmi adesso. Ero in questo tutto il modo. Ho lasciato andare i suoi capezzoli e ho iniziato a schiaffeggiare i seni giovani. Avanti e indietro li schiaffeggiavo meravigliandomi della bellezza mentre la pelle diventava rossa. Più e più volte le frustai le tette con la mano finché Sally non mi diede la mia cintura di pelle. "Fai sanguinare, piccola", mi sorrise.
Ho iniziato a sculacciarle forte le tette con la cintura. Sorrisi mentre osservavo lunghi lividi rosso intenso apparire sulla parte superiore dei suoi giovani seni, la bella carne che brillava di sangue. Le ho frustato la pancia un paio di volte, il che ha fatto uscire nuove urla e gemiti di dolore dalla sua gola maltrattata. Le ho frustato la pancia e le tette finché il mio braccio non si è stancato. Il mio cazzo pulsava più forte che mai e lo volevo nella sua fica.
Ho camminato vicino a lei, premendo il mio cazzo tra i nostri corpi. Ho baciato la sua bocca calda e cattiva. Ho allungato una mano e ho spremuto i tumuli sexy e sodi del suo culo. Mi sono mosso contro di lei finché non ho trovato quello che volevo, la mia testa di cazzo all'apertura della sua figa vergine. Non mi importava se fosse bagnata o meno. Non mi importava se era pronta per me. Volevo solo il mio cazzo nella sua figa.
Sally mi ha esortato a continuare: "Sì, piccola, sì. Stupra la nostra stupida figlioletta. Insegnale a piacere a un uomo". E con questo ho spinto il mio cazzo nella sua figa vergine con una forte spinta. Il suo grido di dolore lancinante non fece che aumentare la mia lussuria. La tensione appena prima della rottura del suo imene era intensamente meravigliosa. La sensazione della sua giovane fica sanguinante avvolta intorno al mio cazzo palpitante era troppa, e sono entrata dentro di lei. Il mio sperma le inondò la figa e le corse lungo le gambe mentre appoggiavo la testa sulla sua spalla.
Il mio cazzo era ancora a metà duro e ancora sepolto nella sua fica stretta. Sapevo che non ci sarebbe voluto molto per diventare duro di nuovo. Cominciai a muovermi contro di lei, dandole piccole ma urgenti spinte con i fianchi. Sapevo che il mio cazzo era ancora grosso e abbastanza lungo da riempirla, e mi sono divertito. Mantenere quei movimenti alla fine ha fatto il lavoro e ho iniziato a sentire una differenza nei suoi gemiti mentre il mio albero è tornato alla piena attenzione.
Ho iniziato a scoparla sul serio questa volta, sapendo che ci sarebbe voluto molto più tempo per venire di nuovo. Ho scopato la mia bambina mentre era appesa ai ganci del soffitto. Ha espresso il suo dolore ad ogni spinta che ho fatto, il mio cazzo la squarciava. Ho visto il suo sangue sul mio strumento, lubrificare i miei movimenti. Devo averle pestate dentro e fuori per dieci minuti, forse quindici o venti, proprio non ricordo. Ma ora mi stavo stancando e volevo venire. Mi sono tirato fuori dalla figa e mi sono spostato sul suo sedere. Mi sono messo in ginocchio e ho spinto la mia faccia tra le sue chiappe, la mia lingua cattiva che cercava il suo germoglio.
Trovandolo, spinsi la mia lingua dentro di lei, traendo da lei un gemito di piacere. Sorrisi tra me e me mentre assaggiavo il suo culo caldo, amando il sapore, come amavo il sapore di mia moglie laggiù. Quando fui soddisfatto, mi alzai e spinsi il mio cazzo contro il suo sedere. Mi sono allungato per afferrare le sue tette in erba e ho posizionato i miei fianchi contro il suo culo.
Presto la testa del mio cazzo trovò la sua meta. Sally era in ginocchio tra i piedi delle nostre figlie, il suo viso spinto nella fica abusata delle ragazze. Ho sentito ogni reazione che Alice ha avuto alla bocca di sua madre, specialmente quando Sally ha morso e tirato il giovane clitoride. Poi ho spinto i miei fianchi verso l'alto, la testa del mio cazzo che squarciava lo stretto buco del culo vergine di mia figlia. Sembrava scivolare dentro di lei piuttosto facilmente, con i suoi succhi di figa come lubrificante sul mio cazzo. Ha urlato più duramente e più forte che mai mentre guidavo il mio cazzo senza pietà nel suo culo stretto. Ancora e ancora ho spinto verso l'alto fino a quando tutto il mio cazzo è stato sepolto in mia figlia. Nel frattempo, Sally aveva smesso di leccare la fica di sua figlia e ora lo stava frustando con la cintura di pelle, facendola saltare deliziosamente sul mio palo duro.
La frenesia del piacere che mi stava travolgendo era quasi insopportabile, ma non volevo ancora venire. Oh no. Volevo dare a mia figlia troia tutto il dolore che poteva sopportare. Io che le faccio a pezzi il buco del culo mentre sua madre le picchia la fica con la cintura. Fu più o meno in quel momento che vidi gli enormi occhi di Billy scrutare nella stanza. Semmai, tutto ciò che ha fatto è stato rendermi più difficile. Ha guardato mentre scopavo brutalmente sua sorella legata e sua madre torturava la sua giovane figa. Sono venuto più forte che mai, sparando un enorme carico del mio sperma nel buco del culo di mia figlia.
«Billy è a casa» dissi casualmente. Sally lanciò un'occhiata sorpresa alla porta e lo vide.
“Va tutto bene tesoro. Entra», invitò gentilmente. Mi venne in mente che Sally aveva sempre trattato Billy in modo leggermente diverso. Non lo trattava come un ragazzo. E nemmeno come una ragazza, davvero. Sembrava che forse, in fondo, avesse sperato in un'altra ragazza e fosse un po' delusa di avere un maschio. Era sempre gentile con lui. Sempre amorevole con lui, un po' come lo sono due femmine l'una con l'altra. Ho sorriso tra me e me. Forse aveva ragione. Per come la vedevo io, in un certo senso aveva appena perso una figlia. Forse Billy potrebbe prendere il posto di Alice. E non mi dispiacerebbe succhiare un po' di boiclit. Ho sorriso ancora più forte.
Ho visto Sally prendere Billy tra le sue braccia nude, assicurandolo che tutto andava bene. Si guardò intorno incerto, ma Sally lo tenne stretto, premendogli la testa contro i suoi ampi seni nudi, mentre lei gli dava una spiegazione. Gli ha raccontato di come siamo rimasti così delusi da sua sorella e di come non ha mai prestato attenzione, come faceva lui. Ha detto a Billy di come io e lei abbiamo deciso che l'unica cosa per cui sua sorella era buona era essere il nostro nuovo animale domestico. Quando Billy ha chiesto cosa significasse, sua madre ha spiegato pazientemente che d'ora in poi Alice avrebbe dovuto fare tutto ciò che le veniva detto, qualunque cosa fosse. Ha spiegato come stavamo punendo sua sorella per essere stata stupida e non aver prestato attenzione. Si guardò intorno, ancora confuso. Le parole successive che uscirono dalla sua bocca quasi mi lasciarono a terra. "Chi sarà la tua bambina adesso, mamma?" chiese con le lacrime agli occhi. Era così sincero e onesto.
“Billy? Ti piacerebbe essere la nostra bambina adesso?" gli ho chiesto gentilmente. Quando i suoi occhi si illuminarono in risposta, potevo vedere lo shock di Sally. Mi guardò dritto negli occhi e fece cenno di sì con la testa. "Lo pensavo, tesoro", dissi, e lo presi tra le mie braccia. Potevo sentire il suo sollievo per aver finalmente potuto essere quello che pensava di dover essere. Le lacrime nei suoi dolci occhi erano di felicità. Sally si avvicinò e ci abbracciò entrambi.
"Vieni con voi due", ha incoraggiato. “Non so voi ragazzi, ma io ho fame. E ho bisogno di forza se vogliamo pensare a un nuovo nome per la nostra bellissima bambina qui”. Sorrise felicemente alla sua nuova figlia mentre uscivamo dalla stanza. Alice era ancora legata.

Storie simili

Ritmo di The Rails

Siamo usciti dalla Union Station verso le 20:00. Nella canzone, il treno parte la mattina e arriva la sera. Immagino che le cose siano cambiate da quando Steve Goodman ha preso il treno e ha scritto la canzone. Potrei conviverci. Fin dalla prima volta che avevo sentito Arlo Guthrie cantare di The City of New Orleans, avrei voluto fare questo viaggio. Spesso, al lavoro o sotto la doccia, mi ritrovavo a canticchiare la melodia. Ora, in realtà ero sul treno leggendario, in viaggio da Chicago a New Orleans. Stavamo cambiando auto a Memphis, nel Tennessee verso le 6:30 del mattino, a...

262 I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

228 I più visti

Likes 0

La moglie vuole un altro bambino_ (1)

Questa è una storia di fantasia che coinvolge me, mia moglie e il suo patrigno Mia moglie, Nicole ed io siamo sposati da 7 anni e abbiamo tre figli meravigliosi. Viviamo in una città più piccola e la maggior parte delle persone qui sono amici intimi e molta famiglia. Quando è nato il nostro primo figlio, gli è stata diagnosticata una sindrome ed è stato allora che abbiamo scoperto che entrambi siamo portatori di un gene. Dopo che al nostro secondo figlio è stata diagnosticata la sindrome, quando ho deciso che avrei dovuto sottopormi a una vasectomia per evitare che altri...

685 I più visti

Likes 0

Fat Bastards violenta il mio culo - storia 4

Sapevo che The Fat Bastard sarebbe stato in giro oggi per riscuotere l'affitto e non sapevo cosa aspettarmi. Non avevo i soldi, quindi ero sicuro che avrebbe voluto scoparmi di nuovo, ma non sapevo cos'altro avrebbe potuto volere. La prima volta che è venuto, mi aveva appena scopato lui stesso, ma la seconda volta mi aveva dato anche a suo figlio. Questa sarebbe stata la terza volta e sospettavo che sia lui che suo figlio mi avrebbero voluto scopare di nuovo, ma non sapevo se sarebbe stato sufficiente per coprire l'affitto del mese. Ero sdraiato sul mio letto a leggere un...

327 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

634 I più visti

Likes 0

Betty tettona

Storia di Fbailey numero 489 Betty tettona Avevo incontrato Betty solo di recente. I primi due tempi furono relativamente brevi e frettolosi. Tuttavia, la terza volta è stata un incantesimo. Non eravamo soli ma siamo riusciti a trascorrere un'ora o giù di lì nella stessa stanza. Mia moglie era lì con me così come un amico comune. Suo marito e due figli erano in un'altra stanza, ma di tanto in tanto entravano in cucina per un momento o due e poi si ritiravano in cose più grandi e migliori come i videogiochi e la televisione. Betty è quella che Internet chiama...

386 I più visti

Likes 0

Eddie, la mamma del suo amico e Betty

June Cleaver era la mamma di due giovani uomini ben educati, Waldo di 20 anni e Theo di 19 anni. Era la tipica casalinga di periferia americana che amava suo marito Ward ed era sposata con lui da oltre 32 anni. La 53enne June era piena di seni di 40 gg, un culo grasso e rotondo ed era formosa. A 5 piedi 9 era un bicchiere d'acqua alto ed è per questo che il giovane Eddie Haskell, bramava la mamma del suo migliore amico. Eddie, 20 anni, aveva scoperto di recente l'ipnotismo e scoprì di essere davvero bravo in questo. Quindi...

318 I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

276 I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

670 I più visti

Likes 0

La mia mente era congelata nel tuo amore

Capitolo 1: Era stata la peggior fortuna che avessero mai avuto. Una strana bufera di neve li aveva bloccati nel loro ultimo rifugio e avevano perso il volo di linea fuori dal paese. Red era stato in contatto con Dembe per fargli sapere che non sarebbero stati in grado di raggiungere la pista di atterraggio dove il suo jet privato era in standby, in attesa di portarli via all'estero. Il ritardo sarebbe indubbiamente costato loro un certo inconveniente: Red aveva sperato di riunirsi con Dembe ormai, i nervi di Lizzie si stavano logorando e, per finire, era la vigilia di Natale...

640 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.