Il risveglio di Lily - Parte 3

260Report
Il risveglio di Lily - Parte 3

Sono andata in bagno per rinfrescarmi, ho messo un vestito estivo per godermi questa bella giornata e provare ad abbronzarmi. Era un vestitino carino che mi aveva regalato mia zia per il mio 18esimo compleanno e mi faceva un bel complimento. Era un vestito azzurro pallido con top allacciato al collo, fatto di tessuto fluido. Mi copriva fino al collo ma le spalle erano scoperte ed era di media lunghezza, il che era "appropriato" ma comodo. Scesi in cucina sicuro di trovare mio zio, mia zia e i miei cugini ma invece c'erano circa due dozzine di braccianti seduti all'enorme tavolo. Quando entrai nella stanza si voltarono e uno degli uomini disse:

- Ehi, tu, signorina Lily?

- Sì, sì, lo sono.

- Tuo zio ha ragione, sei così carino e mi ha fatto l'occhiolino.

-Grazie! Dov'è mio zio?

- All'ora di pranzo l'aiuto mangia in questa cucina e i proprietari mangiano nella veranda Mam. Vai dritto e poi gira a destra. È alla fine del corridoio.

-Grazie.

Mi ha guardato e mi ha fatto l'occhiolino e gli altri uomini hanno detto "Ciao signorina Lily" all'unisono. È stato davvero strano. Se lo avessi saputo, avrei preso le scale all'altra estremità del secondo piano e non avrei dovuto attraversare questo mucchio di strani esemplari maschi.

La villa era gigantesca. Mi sono preso nota mentalmente di chiedere se avevano una mappa dei quartieri e ho riso al pensiero. Mentre mi avvicinavo ho sentito delle voci in una stanza alla mia destra. Penso di aver potuto vedere quella che sembrava essere una veranda, dritto davanti a me, ma la curiosità ha avuto la meglio su di me e mi sono avvicinato alla stanza. Sembrava una seconda cucina. Adesso avrebbe avuto più senso pranzare qui se avessero avuto un'altra cucina vicino alla veranda. Ma sto divagando.

L'ingresso della cucina aveva porte come nella cucina di un ristorante professionale. Hai presente quelle porte a spinta con le finestre in alto? Stavo per entrare in cucina quando ho sentito un forte gemito femminile; Mi sono fermato di colpo e in punta di piedi sono sgattaiolato per vedere cosa stava succedendo.
La mia bellissima zia Leslie era in piedi di fronte a me con la sua lunga gonna arrotolata sopra la vita. Non aveva mutandine e la sua figa non era completamente pelosa. Era rasato, tranne che per una linea verticale di stagno proprio sopra la fessura che lo faceva sembrare più lungo. Si stava appoggiando a mio zio Joe ed era chiaro che lui aveva le dita dentro di lei e il pollice le stava massaggiando il clitoride.

- È così bello, tesoro. Fottimi più forte. Ne ho davvero bisogno, fammi venire, tesoro!

Il volto di zio Joe si illuminò. Cavolo, era bello, somigliava a mio padre ma era più alto e con una corporatura più grande di papà. Era come un contadino sexy; uno che ha funzionato e aveva un corpo assassino. Sembrava un gigante in confronto a lei. Con una mano sulla sua figa, le lasciò andare il seno, la tenne per la vita e iniziò a sollevarla da terra, su e giù, su e giù mentre la scopava con le dita.

- È così bello. Si si…

Ansimava rapidamente. Era così forte che lei sembrava una bambola di pezza tra le sue forti braccia. Quando arrivò, il corpo inarcato, le dita dei piedi piegate lateralmente; lui fermò il movimento su e giù, le tenne la figa stretta, le dita ancora inserite e fece rotolare il suo pollice enorme sul suo piccolo bocciolo di piacere finché lei smise di tremare e gli disse "Ti amo, tesoro".

- Ti amo anch'io, Les.

La mise a terra, le lasciò cadere la gonna e la baciò; con tenerezza e amore. Ero confuso, eccitato e affascinato allo stesso tempo. Avevo resistito a toccarmi ma la mia figa era in fiamme e mentre stavo per cercare un posto per liberarmi, ho sentito la voce di Michelle dietro di me dire:

- Sono adorabili insieme, vero?
Tremavo come se fossi stato colto in flagrante, e in un certo senso lo ero.

-Oh Dio. Sono così imbarazzato che ho detto. Mi ero perso, ho preso la strada sbagliata e poi sono rimasto bloccato sul posto. Sono appena arrivato. Lo giuro.

Michelle sorrise con quel suo bellissimo sorriso, mi prese per un braccio e mi condusse in veranda.

- Va bene, Lily. Il sesso è una cosa bellissima. Da queste parti siamo un gruppo affettuoso. Non c'è bisogno di sentirsi in imbarazzo. Sei mai stata scopata Lily?

- Vuoi dire fare l'amore? Oh Dio, no!

Lei rise e disse:

- Puoi farti scopare senza essere innamorato, cuginetto. Il sesso è fantastico e ti fa sentire potente.

Quanti anni hai?

- Ho appena compiuto 18 anni.

-Veramente? E niente sesso? Pensavo fossi molto più giovane. Intendo…

- Sì, lo so, sembro un ragazzino. Questo perché, beh, sono molto inesperto. Non volevo condividere che avevo provato il mio primo orgasmo solo pochi giorni fa grazie alle mani esperte di mio nonno. Gli avevo promesso di mantenerlo segreto e di non condividerlo con nessuno.

Mi sentivo a mio agio a parlare con lei. Non mi aveva giudicato mentre guardavo i suoi genitori fare sesso. In effetti mi aveva fatto sentire come se tutto ciò fosse normale. Mi stava davvero aiutando ad affrontare questa vergogna interna che provavo. Guardando questa famiglia, ho potuto vedere che, per quanto perverse “possano sembrare” alcune delle loro azioni, si prendevano davvero cura l’uno dell’altro. Non è così che sono stato cresciuto.

Siamo arrivati ​​sulla veranda e la prima cosa che ha attirato la mia attenzione è stata la magnificenza della vista. Era davvero un posto magico. La tavola era apparecchiata magnificamente con gigli bianchi (che appropriato). Siamo stati i primi ad arrivare e c'erano targhette con il nome su ogni posto assegnato. La mamma fa sempre storie con il brunch domenicale; l'ha organizzato in modo che tu fossi seduto accanto alle 2 persone che non hai ancora incontrato.

Ero a un'estremità del tavolo, di fronte a mio zio Joe. Accanto a lui sedevano zia Leslie alla sua destra e Michelle alla sua sinistra. Alla mia sinistra c'era Mike e alla mia destra c'era Max.

Oh. Non mi aspettavo di rivedere Max. Era lo stesso Max o uno diverso? Ho iniziato a stressarmi. Dovevo comportarmi con calma e non far loro sapere che avevo spiato lui e lo zio Joe. Tutto quello a cui riuscivo a pensare adesso era il suo viso meraviglioso, il suo pene lungo e liscio e la zona pubica a forma di V. Non potevo credere che Michelle condividesse il suo ragazzo con suo padre! Voglio dire, andiamo. Forse non lo sapeva? Non erano affari miei. Sembrerei e mi comporterei normalmente. Se qualcuno inesperto come me riesce a controllare i miei impulsi, posso farlo.

Gli ospiti arrivarono nel giro di pochi minuti e, come previsto, quello era il Max di Joe e si comportarono tutti come se non fosse successo nulla di straordinario. Ci siamo scambiati tutti abbracci e baci sulle guance, mi hanno presentato il resto della famiglia e la cuoca ci ha servito il pranzo. Zia Leslie ha detto a Mike che avrebbe dovuto indossare una maglietta a tavola. Mike ha giustificato la sua sexy nudità parziale con il cast e tutto il resto; sentiva che era uno sforzo maggiore del necessario.

Tutto sembrava abbastanza normale. Mike stava dicendo a Max che gli avevano tolto il gesso parziale e quello sul braccio sinistro perché erano guariti, ma il braccio destro non era completamente sistemato e avrebbe dovuto tenerlo per altre 2 settimane. Era caduto dal toro sul fianco destro e il braccio era fratturato in numerose ossa. Stava cercando di mangiare da solo ma era ovvio che era inutile con la mano sinistra, quindi zia Leslie gli diede da mangiare tutto ciò che richiedeva una forchetta o un cucchiaio.

Ad un certo punto, dato che ero seduto dall'altra parte di Michael, mi ha chiesto se potevo, per favore, prendere il comando e dare a mia cugina il suo dessert in modo che potesse finire il suo pasto e, naturalmente, ho detto che sarei stata felice di farlo.
Sembrava che oggi mi qualificherei come un esemplare straordinario. Già solo l'odore della sua pelle era contagioso. Poiché anch'io sono destrorso e lui era alla mia sinistra, ha girato le sedie e mi ha chiesto di fare lo stesso, in questo modo saremmo stati uno di fronte all'altro. Dato che sono piuttosto basso, la posizione non mi ha aiutato e stavo per alzarmi quando Max si è alzato, ha spinto ulteriormente la mia sedia, il che ha fatto sì che le nostre gambe si intrecciassero e ha detto "ecco qua, problema risolto"! Ho avuto un brivido e sono sicuro che se ne sia accorto perché ha sorriso per un secondo.

Il dessert era una deliziosa torta a strati al limone. Avevo già preso un boccone ed era soffice, dolce e aspro. Gli ho chiesto se voleva un boccone; sorrise, annuì e aprì la bocca. Gli ho dato un boccone di torta e lui ha fatto gnam...e si è leccato le labbra, lentamente, quasi provocatoriamente mentre mi guardava direttamente e ha detto "è buono, vero?"
Ho annuito in segno di approvazione e gli ho dato da mangiare un altro boccone. Questo aveva più glassa sopra e una parte gli è caduta sul petto. Lui mi guardò e disse:

- Non vuoi mettere a posto il tuo pasticcio, ragazzina?

- Primo, non sono una ragazzina e secondo, certo che lo farò. Ho guardato se c'erano dei tovaglioli ma ovviamente chi aveva apparecchiato la tavola si era dimenticato di portarli. Tutti ne parlavano come se non stesse succedendo nient'altro. Mike mi guardò e disse:

- Cosa stai aspettando Lil...Lily?
D'impulso presi il dito, tolsi la glassa dal suo corpo lucente e tonico e lo leccai. È andato:

- Uhm... mi piace. Ma avresti potuto leccarmelo di dosso, lo sai. Il cuore mi batteva nel petto e invece di guardarlo guardavo in basso e non potevo fare a meno di notare la protuberanza nei suoi jeans. Ho sentito un formicolio nella figa. Devo essere diventato rosso come una barbabietola perché lui si è messo a ridere e tutti hanno smesso di parlare.

- Cosa sta succedendo, chiese lo zio Joe?

- Niente papà, stavo solo prendendo in giro il mio cuginetto e lui mi ha fatto l'occhiolino.

- Allora Lily chiese allo zio Joe; Mimi mi dice che vorresti imparare ad andare a cavallo?

-Mi piacerebbe. Ma solo quando e se hai del tempo libero, Zio Joe. Nessuna pressione.

- È il fine settimana, ho tutto il tempo libero del mondo per te, piccoletto. Finirò il caffè e poi potremo andare alla stalla. Ti darò la prima lezione oggi e vedremo come vanno le cose, ok?

- Dovrei cambiare?

- Ti senti a tuo agio con quel vestito?

-Sì, molto.

- Allora è tutto ciò che conta.

Ho chiesto a mia zia Leslie se c'erano dei lavoretti che potevo fare per dare una mano; lei ha sorriso e mi ha assicurato che se avesse avuto bisogno di qualcosa me lo avrebbe fatto sapere, ma che avrei dovuto considerarla una vacanza. Una volta trovato un lavoro, in futuro non ci sarebbero più state 2 mesi di vacanza.

Ho detto loro che lo apprezzavo davvero e che mi sentivo libero di chiedere qualsiasi cosa. Il brunch era finito. Max ci ha detto che sarebbe andato al nord per un altro lavoro. Forse sarebbe tornato l'estate prossima ma era un'opportunità che non poteva lasciarsi sfuggire. Lo zio Joe gli disse quanto gli sarebbe mancato; si sorrisero e anche se sapevo esattamente cosa intendeva, non potevo fare a meno di chiedermi se lo facesse anche il resto della famiglia. Tutti salutarono Max e poi si separarono. Sono andato alle scuderie con lo zio Joe.

- Quindi ti piacciono troppo i cavalli?

Vorrei che smettesse di chiamarmi così.

- Sì, sì, lo zio Joe. Michelle mi dice che è la tua passione.

- Forse non la “mia” passione, ma sicuramente una di queste.

-Hai un preferito?

-È difficile da dire. Li amo tutti, ma in modo diverso. Abbiamo 23 cavalli in questo momento. La maggior parte sono fattrici e abbiamo anche alcuni stalloni.

- Qualche bambino? Ho fatto finta di non essere stato nella stalla. Non volevo che sospettasse nulla.

- Ci sono rimasti solo una puledra e tre puledri.

Spiegò che una puledra era una puledra e un puledro un puledro maschio. Avevo molto da imparare; in così tante aree. Mi ha fatto conoscere tutti i suoi cavalli. Avevano tutti un nome e lui li accarezzava ciascuno e loro lo leccavano in faccia. Nitrivano in segno di apprezzamento e lui passava all'altro. Lo zio Joe era davvero il padrone di questo regno. Come un sussurratore di cavalli.

Siamo arrivati ​​allo stand di una Colt davvero bella, con il mantello scuro e la carrozzeria snella.

- Il suo nome è Angel, perché per essere un maschio è davvero gentile e gentile. Sembra che non sappia che dovrebbe essere arrapato, disse lo zio Joe ridendo. Inoltre, non è troppo alto, quindi sarà molto più sicuro per il tuo primo giro.

- Che ne dici di quello, dissi indicando lo splendido cavallo bianco più piccolo che avevo visto durante la mia prima visita.

- Quella è Zoey. Ha pochi mesi, adora essere coccolata ma non è molto brava a cavallo.

Prese una sella, la più piccola che aveva e disse:

- Spero che non sia troppo largo per te, piccolo. Se è così, chiederò a un bracciante di andartene a comprartene uno in città domani.

- Non voglio che tu abbia problemi per me, zio Joe.

- Non è un problema, piccolo. Questa è la tua casa estiva. Hai bisogno di qualcosa, basta chiedere.

-Grazie. Molto gentile da parte tua.

Mi ha mostrato come sellare un cavallo.

Passaggio 1: spazzolare il cavallo.
Passaggio 2: spazzolare la parte inferiore del tampone.
Passaggio 3: posizionare il cuscino sulla schiena del cavallo.
Passaggio 4: preparare la sella.
Passaggio 5: posizionare la sella sul cavallo.
Passaggio 6: abbassare le cinghie.
Passaggio 7: stringere la cinghia.
Passaggio 8: stringere ancora un po' la fascetta.

- Ecco qua.

- È stato fantastico, zio Joe.

- Vuoi iniziare adesso?

- Beh, certo.

- OK, lasciami sellare Buck per conto mio e poi andiamo a fare un piccolo giro.

-Sì! Ero davvero emozionato. Per una volta, non stavo pensando al sesso.

Mi ha mostrato come portare Angel fuori dalla sua stalla e siamo usciti dalla stalla.

- Puoi montarlo?

- Non sono sicuro di come.

- Ecco, lascia che te lo mostri. Metti il ​​piede sinistro in questa staffa, afferra il corno e solleva la gamba destra sopra il cavallo.

Mentre me lo spiegava, la sua mano è scivolata sotto il mio vestito e mi ha afferrato il culo e la figa per sollevarmi sopra il cavallo. Sembrava una piccola corrente elettrica e rabbrividivo. Ha fatto finta di niente ma mi ha guardato con aria interrogativa. Adesso ero seduto sulla sella.

- E adesso?

È facile:

- Sedersi saldamente sulla sella e caricare il peso su entrambe le ossa del sedile (a meno che non si stia girando)

Tieni le gambe vicine al fianco del cavallo, senza afferrare il ginocchio. Le tue gambe ti terranno in sella e daranno segnali al tuo cavallo.

Appoggia le punte dei piedi sulla superficie della staffa.

Aspetta un secondo, le staffe sono troppo basse.

Ha apportato modifiche e mi sono sentito con i piedi per terra e al sicuro.

- Mi sento come se fossi alto 8 piedi, l'ho detto a zio Joe.

Ha riso. La mia figa si stava riscaldando mentre la larghezza della sella si allargava lentamente ma inesorabilmente sulle mie chiappe e sulle labbra della mia figa. Potevo sentire la pelle della sella pressata che premeva attraverso il tessuto leggero delle mie mutandine. Sentivo il bisogno di chiudere le gambe per controllare la sensazione nel mio corpo, ma mi sono trattenuto. Lo zio Joe mi aveva spiegato che le mie gambe mi avrebbero tenuto in sella ma avrebbero anche dato indizi al cavallo e io non volevo questo.

- Sei pronto per andare, chiese?

-Penso di sì.

Il suo cavallo era alla mia sinistra e così gli girò attorno e fece come me per salire in sella. Una volta in sella, riorganizzò il suo enorme pacco come se niente fosse e quella vista di quell'azione apparentemente normale mi fece venire i brividi. Ho avuto un flashback del suo enorme cazzo risucchiato dalla bocca di Max e all'improvviso le mie gambe si sono contratte e Angel lo ha preso come un segno che ero pronto a galoppare; Io non ero!

Se n'è andato con furia, cogliendomi di sorpresa e non avevo idea di cosa fare dopo. La mia figa rimbalzava su e giù sulla sella di cuoio mentre io mi aggrappavo al clacson per tutta la vita e no, non mi sentivo affatto bene.

- Tirate le redini, ho sentito mio zio urlare. Tirare le redini!

Angel si fermò di colpo e stavo per cadere da cavallo quando lo zio Joe mi afferrò galantemente per la vita e mi portò in salvo. Mi ha messo a terra; Stavo tremando e tenendomi la figa. C'era un masso sotto un albero, quindi mi sono seduto su di esso finché non ho ripreso la calma. Si è unito a me e mi ha chiesto cosa fosse successo.

- Non ne sono sicuro, zio Joe. È successo qualcosa che mi ha fatto chiudere le gambe, immagino, e come hai detto tu, Angel lo ha preso come un segno.

- Sì, l'avevo immaginato, volevo dire; cosa è successo alla tua figa? Perché lo tieni?

-Non lo so. Devo averlo sbattuto forte, fa davvero male.
Tenevo la mano sotto il vestito esercitando pressione per controllare il dolore. Mi ha tirato via la mano e c'era un po' di sangue sopra.

-Oh, oh! Stai sanguinando, piccola. Puoi allargare le gambe così posso dare un'occhiata se c'è un taglio?
Normalmente penso che avrei esitato, ma soffrivo e lui sembrava seriamente preoccupato. Così ho allargato le gambe e lui mi ha sollevato il vestito sopra la vita e mi ha toccato la figa. Ho avuto uno spasmo. Mi guardò ma non disse una parola se non:

- Zitto, piccolo. Andrà tutto bene. C'è del sangue lì. Posso toglierti le mutandine?

Ho annuito di sì e avevo gli occhi in lacrime. Li tirò giù e mi allargò ulteriormente le gambe e disse:

- Devo rimuovere il sangue per vedere se c'è un taglio. È ok?

Ancora una volta annuii in segno di approvazione. Pensavo che avrebbe usato un fazzoletto o qualcosa del genere ma invece ha abbassato la testa sulla mia figa e ha iniziato a leccarla. La prima leccata mi ha colto di sorpresa. Stavo per chiudere le gambe quando lui mi aprì le labbra e diede un'altra leccata bagnata, una su ciascun lato del mio clitoride sporgente. Poi ha messo la punta del suo perizoma all'ingresso della mia figa ed è entrato, appena appena, quanto basta per farmi impazzire. Ho sentito il mio clitoride pulsare e mentre stavo per esplodere nella sua bocca, ha tirato indietro la testa, mi ha sollevato un po' il sedere e mi ha leccato il buco del culo, ha tirato indietro la testa di nuovo, ha guardato la mia figa con un sorriso e disse:

- Ecco qua piccolino, tutto meglio. La saliva è la migliore medicina. Fa ancora male?

- Nnnno non tanto. Stavo balbettando. Perché ha dovuto fermarsi? Quindi non c'è nessun taglio per lo zio Joe?

- Nessun taglio. Ma quella tua figa ha sicuramente preso una batosta. È rosso e il clitoride è gonfio come se stesse per esplodere. Penso che sia meglio se saltiamo la cavalcata finché la tua fica non guarisce, piccolo. Ha preso il dito medio e ha spinto delicatamente l'ingresso della mia figa, l'ha tirato fuori subito e ha confermato: non c'è più sangue. Dovresti stare bene. Sei vergine, piccola?

- Arrossii e dissi: sì.

- Capisco, disse annuendo.

Ha afferrato le mie mutandine, se le è messe nella tasca posteriore, è saltato a cavallo e ha detto;

-Dai, dammi la mano. Ti porterò a casa con Buck. L'angelo ci seguirà. Siediti in questo modo in modo che la tua figa non sia direttamente sulla sella. Penso che potresti aver perso la tua ciliegia laggiù, disse.

- Mio cosa?

-Sai; la tua verginità. Non c'erano tagli esterni e solo poche gocce gocciolavano dalla tua figa. Hai messo qualcosa lì dentro?

-Che cosa?

- Nella tua figa. Ci hai messo dentro qualcosa che potrebbe averti rotto l'imene? Saltare su una sella non dovrebbe far perdere la ciliegina sulla torta a una giovane donna.

Stava dicendo queste cose come se fosse una normale conversazione. A casa non potevo nemmeno discutere di sesso con i miei genitori e qui mio zio mi leccava la figa come se fosse la cosa più naturale del mondo. Ero di nuovo confuso. C'erano molte cose che succedevano nella mia testa in questi giorni; ma c'è ancora di più in questo posto.

-Ovviamente no!

Aveva messo il cazzo da un lato prima di tirarmi su su di lui. Era una sensazione familiare. All'inizio Buck camminava lentamente e in pochi secondi iniziò a trottare. Il mio culetto lo applaudiva e in pochi secondi il cazzo di zio Joe raggiunse proporzioni gigantesche. Deve essere così doloroso avere un organo così enorme che cerca continuamente di strapparti i pantaloni. Volevo solo afferrarlo ma continuavo a tenermi al corno.

- Puoi spostarti un po' a sinistra? Il cazzo di zio Joe è un po' eccitato e tu gli stai facendo pressione. Lasciati cullare, sarà più comodo.

- Mi dispiace, zio Joe; Non lo sto facendo apposta.

- Lo conosco, piccolo. Ecco, ha detto. Mi ha messo la mano sulla figa mentre trottavamo e mi ha tirato su leggermente.

Meglio così disse, lasciando andare la mano.

La sua enorme mortadella cullava il mio crack e la mia figa pulsava. Ho chiuso gli occhi e ho fatto un respiro profondo. Posso trattenerlo. Questo è mio zio! Eravamo a casa in pochi minuti. Mi fece scendere e disse:

- Penso che per oggi basti questo, piccolino. Vai a riposare quella tua bella fighetta. Un bel bagno ti farà bene. Ci vediamo più tardi, ok?

- OK, ho detto. Grazie zio Joe!

Mi sorrise e se ne andò al galoppo con il suo cavallo lasciando dietro di sé solo polvere e una figa bisognosa di orgasmo.

Continua…

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.