La lozione di mia sorella pt. 2

220Report
La lozione di mia sorella pt. 2

"Jack esci dal corridoio!"

La voce del mio amico rimbombò nelle mie cuffie un secondo troppo tardi. La cosa successiva che ho saputo era che il mio avatar era a faccia in giù, con ferite da proiettile che spruzzavano sangue dalla mia faccia sulla moquette digitale.

"Cavolo amico, cosa ti è preso!"

Ultimamente non riuscivo proprio a concentrarmi sul gioco. Troppe distrazioni, suppongo. Ho dato un'occhiata alle bottiglie vuote sulla mia scrivania mentre aspettavo il respawn, un leggero movimento nei miei boxer mentre immaginavo brevemente con quanta violenza li avrei contaminati più tardi quella notte.

Fui distratto da qualcuno che bussava alla mia porta.

"Jack lasciami entrare. Ho bisogno di parlarti."

Era Jenn... La mia stronza di sorella. Probabilmente voleva prendermi in giro perché restavo a casa sabato a giocare. Avrei voluto semplicemente ignorarla, ma forse indossava una di quelle canotte attillate senza reggiseno... o forse i suoi pantaloni attillati da yoga che si allungavano quasi in modo trasparente sul suo grosso culo rotondo.

"Cosa vuoi!" Ho gridato di nuovo attraverso la porta.

"Fammi entrare e basta, stronzo!"

Sapeva sempre come affascinare un ragazzo.

Spinsi indietro la sedia e aprii pigramente la serratura della maniglia della porta. Entrò velocemente nella mia stanza e si chiuse la porta alle spalle. Ho finto di ignorare il suo ingresso e sono tornato alla scrivania del computer. Lanciai uno sguardo alle bottiglie vuote sulla mia scrivania, un po' a disagio per la loro presenza mentre ero così vicino a mia sorella.

"Ehi, come va amico?" Si avvicinò goffamente al mio letto e si lasciò cadere, cercando di apparire disinvolta. Non sapevo ancora quale fosse il suo punto di vista, ma ne ha sempre avuto uno.

"Niente 'amico'" lo presi in giro. Raramente era così amichevole.

Seguirono alcuni istanti di silenzio imbarazzante. Il suo odore si diffondeva nella mia stanza. L'ho respirato tranquillamente, assaporandone l'odore dolce e sensuale. Ho lavorato per mantenere la concentrazione sul gioco e non su di lei.

"Guardi come giochi?" Mi ha chiesto... insolitamente interessata a quello che stavo facendo.

"Che cazzo vuoi, Jenn?" mormorai con irritazione.

"Amico, rilassati." La sentii spostarsi sul mio letto a disagio e la usai come scusa per dare un'occhiata. Ero estremamente irritato dal fatto che stesse invadendo la mia privacy senza una ragione apparente, ma volevo anche guardarla. Per vedere cosa indossava. Per usarla come materiale per la 'seduta' a cui mi sarei indubbiamente sottoposto successivamente per dissetare la vera sete di quelle bottiglie.

Non ero dispiaciuto. Sembrava tanto troia quanto avevo sperato. Indossava una maglietta inutilmente attillata che metteva palesemente in mostra il suo stato senza reggiseno. Le sue grandi tette carnose pendevano leggermente, i capezzoli duri e rivolti verso l'alto spingevano ferocemente contro il tessuto teso. Le lettere "OMG" erano stampate in gran parte in nero sul suo petto e un capezzolo duro spingeva proprio nel mezzo della "O". La sua grande areola scura era leggermente visibile attraverso il materiale teso e praticamente chiedeva di essere trascinata attorno ad una lingua bagnata. Anche i suoi pantaloni attillati a margherita rossa metallizzata non la classificavano molto. Le labbra grasse della sua figa erano divise dalla cucitura centrale e sembravano risucchiare il materiale in modo prostituto.

"Mi spiace. Come posso aiutarla, signorina?" Dissi beffardamente, alzando gli occhi al cielo ma anche prendendo ogni breve momento che potevo per abbassare lo sguardo e bere nel suo bellissimo corpo.

"Devo parlarti di una cosa" disse con cautela.

Aveva problemi a mantenere il contatto visivo diretto con me e credevo che uno dei suoi sguardi di traverso viaggiasse sulle bottiglie vuote sulla mia scrivania. Basandomi sul suo tono e sul suo linguaggio del corpo scomodo, supponevo che avrei dovuto almeno prendere questa interazione un po' più sul serio.

"Va bene. Che succede?" Mi sono rassegnato a una conversazione normale, libera dal nostro solito odio verbale fratello-sorella. Lanciò di nuovo un'occhiata al mio fianco ed ero sicuro che questa volta stesse guardando le bottiglie. Cominciavo a incuriosirmi. Non l'avevo mai vista così goffa e disinteressata intorno a me.

"Così stavo parlando con Connie l'altro giorno..." Cominciò a interrompersi.

Connie era una delle sue "clienti". La sera prima mi era stato assegnato il compito di fornire alcuni "prodotti per la cura della pelle" a Connie e Jessica. Connie e Jessica erano compagne di scuola di Jenn. Altrettanto egocentrico e stronzo con me a scuola quanto Jenn, ma altrettanto sexy. Non erano così impilati come quelli di mia sorella, ma erano comunque il carburante di molte serate piene di calzini.

"...E hanno detto che prima di acquistare, vogliono vedere-"

"Aspetta. Cosa intendi con 'comprare'?" La interruppi a metà della frase.

Lei mi guardò con una faccia da "oh merda" e rimase seduta in silenzio per un momento.

"Cosa intendi con 'comprare' Jenn?" Lo ripetei una seconda volta, questa volta in maniera un po' più accanita.

"Merda Jack..." cominciò a balbettare. "È solo che... non avevo intenzione di-"

"Lo vendi?" sussurrai, lanciando un'occhiata alla porta chiusa. Questa conversazione stava andando rapidamente a rotoli e non volevo che le unità genitoriali si accorgessero di quello che stava succedendo.

"Gesù Jenn, che cazzo!" Mi vergognavo più che arrabbiato di lei. "Hai intenzione di vendere il mio sperma alle ragazze a scuola e non me lo avresti nemmeno detto?"

"Aspetta amico, stavo per dirtelo... stavo solo aspettando di divertirmi" Iniziò rapidamente a fare marcia indietro. "Davvero lo ero".

"E avevi voglia di dividere i soldi con me?" Ho posto la domanda ovvia. Ho girato completamente la sedia verso di lei. Sfidandola.

"Uh... beh sì!" Balbettò, probabilmente mentendo. Mi avrebbe usato per il suo tornaconto. Quella stronza. Immagino che non fosse così stupida come pensavo, ma era pur sempre una stupida stronza.

"Vaffanculo... è per questo che sei venuto qui? Per dirmi che mi stavi usando per il tuo profitto personale? Cavolo Jenn..." La mia voce si interruppe.

Se dovessi essere onesto con me stesso, la cosa non mi ha disturbato troppo. Voglio dire, non stavo facendo di tutto per fornirle il "prodotto", e l'idea che le sue amiche sexy lo spalmassero sui loro corpi era una ricompensa sufficiente. Ma era una buona leva di cui avrei potuto aver bisogno in seguito, quindi ci stavo giocando.

"Scusa amico" Lei distolse lo sguardo verso il basso. Quella era probabilmente la prima volta che sentivo quelle parole uscire dalla sua bocca. Era molto insolito da parte sua e mi ha preso un po' alla sprovvista.

"Non è per questo che sono venuta qui..." Lei tenne lo sguardo altrove.

Ho aspettato qualche istante che continuasse. Sembrava che stesse cercando le parole di cui aveva bisogno.

"Hanno detto prima di... comprare..." Continuò esitante la sua frase precedente. "Volevano delle... prove" Mi lanciò uno sguardo sull'ultima parola, sperando apparentemente che avessi capito senza ulteriori spiegazioni.

Ho alzato le spalle "Dimmi solo di che cazzo stai parlando, Jenn."

Lei strinse brevemente le labbra pensierosa. Ero incuriosito. Potevo dire che la sua mente stava combattendo contro se stessa.

"Prendi questo..." finalmente iniziò. Le sue parole e i suoi movimenti ovviamente scelti con cura "e registrati tu stesso... mentre lo fai"

Si sporse in avanti, raggiunse la piccola tasca posteriore delle sue Daisy Dukes e gettò il cellulare rosa tempestato di strass sul mio letto accanto al cuscino.

All'inizio ero confuso. Ho guardato il telefono, poi di nuovo lei. Il suo telefono era il suo bene materiale più prezioso. Ho colto ancora una volta il suo sguardo mentre sfrecciava oltre le bottiglie sulla mia scrivania e a quel punto è stato subito chiaro cosa voleva. Un’ondata di confusione, ma anche di eccitazione mi travolse. Aprii la bocca per prepararmi a spezzare la tensione che si stava rapidamente addensando nella stanza, ma non uscirono parole. Lei ha preso l'iniziativa.

"So che è dannatamente strano, ma sì, dividerò i soldi con te." Ha parlato in modo esitante.

In realtà non avevo ancora considerato se avrei soddisfatto o meno la sua richiesta, ma pensai subito che l'avrei fatto indipendentemente dal fatto che fossi pagato o meno. Perché no? Inoltre, il pensiero di avere un video del mio cazzo che spara in una bottiglia sul telefono di mia sorella mi faceva già venire i brividi.

Passarono altri momenti di silenzio dopo la sua ultima frase e lei mi guardò con le sopracciglia alzate.

"Sono $ 100" ha continuato, apparentemente dando per scontato che avrei rifiutato la sua offerta, ma quell'ultima frase mi ha strappato dalla confusione.

"Gesù amico... pagano 100 dollari?" Ho risposto con incredulità.

"Sì, $ 100 ciascuno. $ 200. Lo dividerò con te 50/50"

Santo cielo... Aveva un racket in corso... L'avrei fatto gratis, ma mi sarebbero sempre serviti 100 dollari.

"Non deve essere strano..." Guardò di nuovo il telefono. "Lo lascerò qui per un paio d'ore. Sai come usarlo... Il tuo telefono è praticamente lo stesso... E tornerò più tardi a prenderlo. Lascialo sul tuo letto . Freddo?"

Ho guardato oltre per vedere che il telefono era già in modalità fotocamera e pronto per l'azione.

Non potevo ancora crederci. Avevo più domande. Tutta la situazione mi teneva alle calcagna.

"Quindi registri tutto? Dall'inizio alla fine?" Ho esitato leggermente "...e lo guarderai?"

"Non ci avevo davvero pensato... voglio dire... perché dovrei?" Si corresse rapidamente.

"Immagino che non mi importi davvero" mormorai. Era una bugia. Mi importava. In quell'istante ho segretamente soppesato le possibilità nella mia testa e ho deciso che volevo davvero che mia sorella mi guardasse venire in video. La sua amica, Amber, mi ha dato un sacco di ritrovata fiducia a causa degli eventi accaduti ieri sera. Era quasi ossessionata dal mio cazzo. Non riusciva a distogliere lo sguardo da esso ed è venuta tutta addosso solo guardandomi mentre ci giocavo. Speravo che mia sorella avesse la stessa reazione.

Tuttavia, l'idea era strana. Ho apprezzato quanto fosse sincera al riguardo, ma comunque strana. Non ero sicuro di come procedere.

"...E sì, il tutto... dall'inizio alla fine." Lei abbassò di nuovo il contatto visivo, lanciando esitante uno sguardo al mio inguine. Seguii il suo sguardo verso il basso e mi adattai rapidamente. Avevo inconsapevolmente acquisito un leggero paffuto. La "botola" sul davanti dei miei boxer era appena spaccata, rivelando solo il minimo pezzettino di pelle rosa sul lato del mio cazzo.

A quella vista si alzò rapidamente e iniziò goffamente a dirigersi verso la porta, lasciando dietro di sé il telefono.

"Quindi sì, solo... fammi sapere quando posso venire a prendere il telefono..." balbettò, scivolando velocemente attraverso la mia porta e chiudendola dietro di sé.

Ero sbalordito. Rimasi seduto a bocca aperta e fissai il suo telefono. Avevo ancora così tante domande.

Mi sono avvicinata al mio letto e ho preso con attenzione il suo telefono con la custodia rosa, toccando gli strass estrusi a forma di specchio e prendendomi in giro internamente la sua femminilità. Era una generazione più nuova della mia, ma aveva sempre lo stesso sistema operativo di base. Inoltre, l'aveva già in modalità video. Ho giocato brevemente con l'idea, ma con riluttanza ho deciso che avrei rispettato la sua privacy e non avrei letto i suoi messaggi, per quanto succosi potessero essere. Probabilmente avrei potuto gettarle addosso ogni tipo di sporcizia con il loro contenuto, ma in qualche modo sentivo che la nostra relazione stava prendendo una svolta. Con la breve conversazione che abbiamo appena avuto, praticamente siamo entrati in affari insieme. Abbiamo praticamente firmato un contratto verbale e avevo intenzione di aderire al senso degli affari associato che era intrinsecamente legato.

Dopo diversi minuti di discussione interna, valutando tutte le possibilità, i pro, i contro, i risultati e le conseguenze, ho deciso che dovevo giungere ad una conclusione. Ero assolutamente sicuro che chiunque avesse visto questo video avrebbe saputo che ero io, così come ero sicuro che Amber si vantasse con tutta la cerchia di amici di aver fatto sparare il mio "cazzo di cavallo" (come lo chiamava lei) dappertutto senza nemmeno toccarlo . Una settimana fa ero sicuro che avrebbe raccontato una storia carica di prese in giro e insulti, ma sentivo che aveva guadagnato un ritrovato rispetto per me dopo quei pochi minuti trascorsi con lei nella stanza di mia sorella. Mi sentivo come se in qualche modo fossi stato gradualmente indottrinato nella loro cerchia di amici. Anche se usavano il mio "Prodotto" solo come integratore per la cura della pelle, sapevano chiaramente da dove veniva e, come diceva affettuosamente Amber: avevano bisogno di me. Inoltre, aveva senso. Se spendessi 100 dollari per qualcosa, mi piacerebbe sapere che è autentico.

Il pensiero di queste puttane violente che si strofinavano il mio sperma sui loro volti e sui loro corpi è servito anche a spingere il mio processo decisionale nella giusta direzione. Ho immaginato mia sorella che mostrava il video a Connie e Jessica. Gemevano e miagolavano, digrignando le cosce mentre mi guardavano accarezzare il mio cazzo pieno di vene attraverso lo schermo del telefono di Jenn. Ho immaginato Connie che versava il contenuto di una bottiglia calda sul viso di Jessica e glielo spalmava sulla pelle. Poi Jenn lecca in modo sexy il liquido denso dal viso di Jessica con la lingua. Ok, quella parte non era realistica, ma ho pensato che Jenn avesse bisogno di riavere presto il suo telefono e avevo bisogno della mia immaginazione per entrare nell'atmosfera giusta.

Ho guardato in basso. Il mio cazzo si stava lentamente insinuando lungo la gamba del mio boxer, gonfiandosi gradualmente al pensiero di mia sorella che leccava lo sperma dalle facce dei suoi amici. Distrattamente mi abbassai e sfiorai delicatamente la parte inferiore sensibile con il dito. Pulsava per quella sensazione e continuava a scendere lungo la mia coscia. Lanciai un'occhiata al telefono che avevo nell'altra mano. Era ancora in modalità video.

Dopo tutto, ho fatto finta che Jenn non avesse lasciato la stanza. Che è rimasta. Che voleva aiutare. L'ho immaginata chinarsi, con le tette che pendevano pesantemente nella maglietta attillata, tendere il tessuto, e ha fatto scivolare il dito sulla parte inferiore del mio cazzo. Lo accarezzò dolcemente, inducendolo a diventare duro in modo che potessi svolgere il suo compito. Gemetti dolcemente, assaporando la sensazione delle dita delicate di mia sorella che giocavano con l'asta del mio pene gonfio. Ha continuato a crescere insieme al mio battito cardiaco accelerato finché la punta pulsante non è cresciuta oltre la gamba dei miei boxer e ha sbirciato da sotto l'orlo. Stava già cominciando a fuoriuscire. Una goccia calda di sperma stava fuoriuscendo dalla fessura sulla punta. Volevo spremerlo e mungere una grossa goccia di sperma pre-eiaculazione dall'asta e lasciarla gocciolare sulla mia coscia, ma volevo che anche gli amici di Jenn lo vedessero. Ho guardato il telefono e mi sono preparato a premere il pulsante di registrazione.

Merda. È andato in modalità standby. Ho aspettato troppo per attivare il video. Ho premuto rapidamente il pulsante in basso per riattivarlo, ma mi è stata presentata una schermata di blocco.

"Vaffanculo" mi maledico sottovoce. Lascio che lo schermo si blocchi. Che cazzo potevo fare a quel punto se non...

"Jenn!" Ho urlato attraverso il muro, sperando che potesse sentirmi. "Jenn, vieni qui molto presto!"

Un attimo dopo la mia porta si aprì lentamente e la testa di mia sorella fece capolino esitante oltre il bordo.

"Che cosa succede?" Lei squittì in modo carino.

"Il tuo telefono è bloccato" dissi mentre le tendevo il telefono.

"oh merda" Lei sgattaiolò oltre la porta e la chiuse dietro di sé.

Allungò la mano e mi prese il telefono, abbassando lo sguardo verso la mia oscena tenda. La forma della mia asta gonfia era molto evidente attraverso i miei boxer e la punta era appena visibile che spuntava dal fondo della gamba sinistra. Un filo di pre-eiaculazione collegava la fessura sulla punta alla pozzanghera che si stava formando sulla mia coscia.

Il suo sguardo si è fermato solo un attimo di troppo per nascondere il suo sguardo furtivo, ma ho fatto finta di non accorgermene. Ciò che di solito richiede 2 secondi ha finito per richiedere molto più tempo del solito mentre inciampava nello sblocco del telefono. Il suo primo tentativo fallì, lo fece con un dito grosso. Le sue dita tremavano. Ho sentito un leggero *clic* mentre apparentemente il codice veniva finalmente inserito. Esitò con il telefono in mano.

"È sbloccato?" ho chiesto provvisoriamente.

Silenzio.

Aveva il telefono puntato dritto verso la mia testa di cazzo gonfia e gocciolante, che pulsava contro il materiale dei miei boxer. Rimase semplicemente lì, fissata su di esso con un'espressione mascherata. Ho interpretato il suo silenzio come riluttanza a riconoscere ciò che stava accadendo. Supponevo che finché avesse guardato il mio cazzo solo attraverso la visione della fotocamera del telefono, la sua mente avrebbe potuto rifiutare la gravità di ciò che stava effettivamente guardando.

Stavo anche cercando di razionalizzare la situazione. Stavo ancora fissando il telefono, quasi convincendomi che stavo ancora aspettando che lei lo sbloccasse. Dopo diversi secondi di silenzio, la guardai negli occhi, chiedendole le sue intenzioni. Rimase fissata sul suo telefono, rifiutandosi di guardarmi come se ciò potesse rompere il confine invisibile formato tra noi dallo schermo ad alta risoluzione del suo cellulare.

La tensione nella stanza avrebbe dovuto servire a sgonfiare il mio membro paziente, ma continuava a sforzare la mia gamba da boxer. Man mano che il mio cazzo cresceva ulteriormente, l'orlo dei miei boxer si arrotolò sopra la grande cresta della punta circoncisa, rivelando l'intera testa gocciolante al mirino di mia sorella. Pulsava e si contorceva visibilmente allo sguardo della mia bellissima sorella. Riuscivo a malapena a sentire il suo respiro trattenere il fiato mentre faceva gocciolare un nuovo flusso di sperma sulla mia coscia.

Faceva male. Avevo bisogno di fare qualcosa. Non ero sicura fino a che punto si sarebbe lasciata andare, quindi sono stata attenta alle mie azioni. Mi sono abbassato e ho afferrato l'asta del boxer con la punta delle dita e molto lentamente ho fatto scivolare la mano su e giù per la lunghezza, sbattendo le dita nella cresta definita alla base della testa ad ogni colpo. Pochi istanti così e mia sorella rimase statuaria e fissata sul suo telefono. L'ho preso come un invito a continuare. Durante il mio successivo movimento ascendente, ho premuto delicatamente la parte superiore della mia asta, facendo fuoriuscire una spessa e copiosa goccia di sperma pre-eiaculazione dalla fessura e scorrendo lungo la mia coscia. I miei occhi erano ancora sul viso di mia sorella, sperando che prima o poi incontrasse il mio sguardo. Mentre il mio sperma cominciava a traboccare lungo il lato della mia coscia, minacciando di gocciolare sul pavimento di legno, ho sorpreso la lingua bagnata di mia sorella che scivolava dalle sue labbra e si trascinava lussuosamente sul labbro inferiore, bagnandolo con la sua saliva.

Lo presi come un ulteriore invito a proseguire, nonostante tra noi si fosse creata una tranquilla intesa. Stava semplicemente guardando il suo telefono. Quello che stava guardando avrei fatto finta che non mi importasse e non avrei più indagato se non per essere accolto da un silenzioso diniego.

Ho afferrato l'orlo dei miei boxer con entrambe le mani su entrambi i lati del mio cazzo trasudante e ho iniziato lentamente a trascinare indietro il materiale, esponendo una parte maggiore della mia asta gonfia di sangue al telefono di mia sorella. Si contrasse ripetutamente mentre il materiale trascinante trasmetteva delicate sensazioni lungo l'asta e nel mio inguine dolorante. Mi sono fermato quando il tessuto si è accumulato sulla parte superiore della mia coscia più in alto possibile e le mie palle sono cadute pigramente dalla gamba dei pantaloni sulla mia fredda sedia di pelle. Ascoltai attentamente mentre il respiro di mia sorella accelerava. Il suo telefono tremò. Aveva difficoltà a mantenerlo in presa.

Senza i confini dei miei boxer, la mia asta tesa si sollevava in modo dubbioso, trasudando precum lungo la sua lunghezza che tracciava con noncuranza i percorsi delle mie vene estruse. Jenn aveva uno sguardo quasi in preda al panico mentre spostava indietro la telecamera di qualche centimetro nel timore che la testa bagnata potesse entrare in contatto con essa e spalmare una striscia di precum sulla sua preziosa custodia. La guardai negli occhi con orgoglio mentre le mostravo il mio membro osceno. Sussultava e sussultava a ciascuno dei miei battiti cardiaci affannosi e la sua espressione leggermente allarmata serviva solo a far crescere la mia audacia e fiducia.

Stavo ancora attento a non interrompere la nostra intesa. Rimasi in silenzio mentre alzavo lentamente la mano. Ho usato la punta delle dita per distribuire l'enorme quantità di sperma che veniva espulso dalla punta su tutta la testa e attorno alla cresta pronunciata. Ci ho bagnato le dita e ho avvolto delicatamente alcune dita gocciolanti attorno all'asta, appena sotto la testa, stringendo delicatamente e mungendo più liquido dolce dalla fessura. I suoi capezzoli si indurirono spudoratamente contro il materiale sottile della sua maglietta e lei succhiò il labbro inferiore in bocca, stringendolo con i denti mentre mi guardava in attesa.

Mentre il mio sguardo accarezzava sfacciatamente le sue tette ansanti e il suo bel viso, ho iniziato a pompare lentamente la punta del mio cazzo con la mano lucida di sperma. Si sentiva un debole rumore cigolante in tutta la stanza con ogni pompa bagnata. Tremava dolcemente nel profondo come se un brivido l'avesse attraversata. Stava reagendo al mio cazzo proprio come faceva la sua amica troia Amber, con riverenza. La osservavo tentare con tutto il suo essere di non manifestare all'esterno i sentimenti che provava in quel momento verso il cazzo di suo fratello, ma le azioni autonome del suo corpo tremante rendevano abbastanza evidente ciò che provava. Sono diventato più audace, ma ho scelto attentamente le mie parole e le mie azioni per mantenere viva la farsa.

"Connie e Jessica volevano vedere qualcosa di specifico?" ho chiesto tranquillamente. Sapevo che Connie e Jessica volevano solo vedermi spruzzare il mio sperma nelle bottiglie che avevano acquistato, ma volevo vedere fino a che punto mia sorella si sarebbe spinta.

I suoi occhi guizzarono verso il mio viso e poi di nuovo verso la telecamera. Lei vacillò e alla fine lasciò andare il labbro bagnato, luccicante di saliva. Passarono alcuni secondi di silenzio.

"Loro... um..." La sua voce tremava in modo insolito per la mia sorella solitamente sicura di sé. "Vogliono vederti leccare il tuo precum".

Inizialmente ero un po' sorpreso dalle parole, ma ero abbastanza preparato che qualcosa di troia uscisse dalla sua bocca. Sapevo che Connie e Jessica non l'avevano chiesto. Voleva vederlo. Voleva vedere il suo fratellino arrapato e prosciugato leccarsi i fluidi per il suo piacere visivo perverso. Per quanto meravigliosa fosse lì, tremante nel suo top quasi trasparente e nei pantaloncini appena funzionanti, volevo fare qualsiasi cosa per lei. Inoltre, lecco comunque la roba abbastanza spesso. Mi piace il gusto e la vile perversità che riempie la mia mente quando lecco i miei fluidi.

Le ho sorriso. I suoi occhi incontrarono di nuovo brevemente i miei e lei era visibilmente imbarazzata da sola. Portai la mano imbevuta di sperma al viso e trascinai la lingua bagnata su un dito gocciolante, senza mai interrompere il contatto visivo con lei. Lei fece un sospiro ansimante quando riportai la lingua in bocca e la sorpresi a stringere leggermente le cosce. Ha tenuto il telefono tracciato con me in modo da poter guardare le azioni oscene più tardi e senza dubbio scoparsi fino all'orgasmo con le immagini. Era una così fottuta troia.

"Sì... sì, così..." sussurrò mentre ingoiavo la generosa offerta, assicurandomi di poter vedere la mia gola contrarsi mentre il liquido lasciava la mia bocca. Tremò visibilmente mentre le sue cosce si intrecciavano.

Ho riportato il mio precum, e ora la saliva, la mano rivestita sulla mia asta contratta e ho continuato a succhiare lentamente la testa con la mano.

"Cos'altro?" Ho chiesto.

"Wetter..." disse timidamente, quasi a se stessa più che a me. Non ho capito bene.

"Cosa stai-"

"Più umido... Vogliono che sia più umido" disse, interrompendomi.

Ho guardato il mio cazzo. Era molto bagnato. Non ero sicuro di cosa intendesse, ma volevo comunque obbedire. Ho regolato la presa sull'asta preparandomi a spremere nuovi flussi di sperma dalla punta, ma sono rimasto sorpreso da qualcos'altro. Un lungo e sottile flusso di liquido trasparente cominciò a gocciolare sul mio cazzo, bagnandomi la mano e la testa esposta. Ho alzato lo sguardo e mia sorella era leggermente appoggiata sul telefono e sbavava sul mio cazzo dall'alto. La sua bocca si muoveva appena, lasciava che la sua saliva scorresse dall'angolo delle labbra socchiuse sulla mia testa e sulla fessura del cazzo, ricoprendola con la sua saliva calda.

Mia sorella ha espulso il lubrificante dalla sua bellissima bocca per il piacere della carezza di suo fratello, mandando il mio cazzo in una frenesia frenetica. La testa si irrigidì e si arrossò man mano che si induriva al di là di qualsiasi cosa avessi mai sperimentato. Il precum fuoriusciva mescolandosi con la sua saliva e dovevo iniziare rapidamente a spargerlo attorno alla punta e all'asta prima che scorresse sui miei boxer. Il mio cazzo era completamente coperto. Brillava nella debole luce della lampada del mio computer e la mia mano scivolava senza sforzo intorno alla testa, distribuendo l'offerta.

Lei bevve l'ultimo pezzetto di saliva dal labbro inferiore per fermare il flusso quando fu soddisfatta di avermi lubrificato a sufficienza. La sua lingua trascinò il fondo della bocca per raccogliere i resti disordinati.

È stato incredibile. La mia mano scivolò senza resistenza su e giù per l'asta palpitante e provocò rumori ancora più forti e malaticci che riempirono la stanza. Non resisterei ancora a lungo. L'idea che mi stessi masturbando con un misto di saliva di mia sorella e della mia sperma minacciava di far uscire lo sperma dalle mie palle con la massima violenza.

Gemetti dolcemente in faccia a mia sorella in segno di apprezzamento, segnalando anche parzialmente il mio inevitabile avvicinamento al punto di non ritorno. Alla fine incontrò il mio sguardo con sfrenatezza. Le sue cosce si intrecciarono strettamente e tremò, fissandomi con aria di scusa mentre liberava una mano dal telefono e si allungava verso il punto in cui la sua fessura pulsava e succhiava i pantaloncini sottodimensionati. Si mise delicatamente la mano sul sesso, lasciando scivolare parzialmente il dito medio nella fessura e lo tenne lì stretto tra le cosce attorcigliate. Lei mi guardò implorante mentre teneva la mano perfettamente immobile sopra la sua fessura tremante e gemette dolcemente con me. Mi accarezzai più velocemente in previsione, la mia mano leccava con fervore il mio cazzo.

I suoi fianchi iniziarono a malapena a spingere contro la sua mano, apparendo quasi contro la sua volontà, e i suoi gemiti cominciarono a trasformarsi in brevi e vigorosi piagnucolii ad ogni spinta. Dopo qualche istante le sue spinte divennero più urgenti e lei mi guardò silenziosamente negli occhi con un senso di risolutezza.

Abbassai lo sguardo e la sua mano era sepolta nelle pieghe dei pantaloncini, dove affondavano nella sua figa. Mentre si agitava freneticamente contro la mano ferma, la vidi muovere il dito medio da un lato all'altro in un rapido movimento, seguito da un forte grugnito e da una reazione violenta da parte del corpo di mia sorella. I suoi fianchi si spinsero in avanti verso di me e la sua figa si contrasse violentemente attorno ai pantaloncini mentre un flusso caldo di liquido schizzava con forza attorno ai bordi del tessuto, bagnando le sue gambe e il pavimento della mia camera da letto sotto di lei. Ha artigliato disperatamente il materiale dei suoi pantaloncini, strappandolo dalla fessura della sua fica spasimante e lo ha tirato da parte in tempo per la successiva convulsione della sua furia orgasmica per inviare un flusso caldo e bruciante del suo sperma proprio sul mio cazzo e sul mio corpo. I suoi fianchi continuavano a spingere in modo incontrollabile contro la sua mano che apriva le labbra tremanti della sua figa per me, e con ogni spinta, un flusso fresco del suo sperma femminile schizzava sul mio corpo. Grugniva in modo animalesco ad ogni convulsione del suo corpo e i suoi occhi cominciarono a sbattere e roteare all'indietro.

Dopo diversi secondi e quasi una dozzina di potenti schizzi di sperma, il suo orgasmo cominciò a diminuire e liberò il suo corpo dal suo tormento. Cadde pateticamente in ginocchio, completamente prosciugata dalla forza del suo climax e continuò a sputare schizzi più piccoli e meno violenti di sperma sul pavimento sotto di lei. Riuscì a tenere sollevata la macchina fotografica per gran parte dello spettacolo meravigliosamente osceno, ma ormai era sul pavimento accanto a lei, parzialmente in una delle sue pozzanghere che coprivano il mio pavimento.

Ho dovuto smettere di muovere la mano per paura di venire nel vedere mia sorella raggiungere con tanta forza. Il mio orgasmo era imminente. Potevo sentire la pressione climatica aumentare nel mio cazzo e dovevo prepararmi velocemente. Tornai alla scrivania e presi una bottiglia, girando velocemente il tappo. Mia sorella ha sentito il trambusto e sapeva cosa sarebbe successo.

Sollevò la testa inerte e si guardò velocemente intorno alla ricerca del telefono, lo afferrò e si sistemò sul mio letto accanto a noi, usando un cuscino per sostenerlo. Non ero sicuro del motivo per cui all'inizio non lo reggeva da sola.

Quando il suo splendido viso mi guardò con silenziosa supplica, sapevo che avrei avuto bisogno di più di una bottiglia. Il mio orgasmo minacciava di prendermi il sopravvento e sapevo che sarebbe stato violento. Ho abbassato la bottiglia proprio mentre sentivo il mio inguine formicolare per la pressione pre-orgasmica, ma mia sorella me l'ha presa. Mi ha sorriso leggermente e ha continuato a tirare fuori dal cazzo anche la mia mano imbevuta di sperma e saliva e l'ha spinta via. Aveva agito proprio nel momento critico in cui il mio orgasmo stava raggiungendo il culmine e il mio cazzo sussultava in agonia, inviando piccole gocce di sperma bianco e denso che sgorgavano dalla punta. Poteva percepire la mia urgenza. Non mi ha fatto soffrire a lungo.

Con un movimento rapido, afferrò la mia asta con la sua mano delicata e imbevuta di sperma e avvolse le labbra attorno alla parte inferiore sensibile appena sotto la base della testa. Succhiò con decisione, creando attorno ad esso un anello di aspirazione perfettamente umido e ermetico e iniziò a far scorrere freneticamente la lingua sulla pelle tesa. Proprio mentre sentivo il mio corpo bloccarsi e le mie mani afferrare saldamente i braccioli della sedia, lei gemette profondamente, inviando vibrazioni lussuose attraverso il mio cazzo e nel mio inguine.

"Ooh Jenn" gemetti sorpreso dalle sue azioni. I suoi occhi guizzarono verso i miei con desiderio incessante.

"Mmm hmm" gemette attorno al mio cazzo con soddisfazione. Sapeva cosa sarebbe successo.

Il mio orgasmo mi travolse. Ho grugnito forte e lei ha sollevato la bottiglia giusto in tempo per catturare il primo di tanti violenti schizzi di sperma nella bottiglia vuota. I miei fianchi si sollevavano e il mio cazzo si fletteva spasmodicamente con ogni flusso caldo di sperma che espellevo nel contenitore, ma lei teneva duro, facendo scivolare la lingua bagnata avanti e indietro sul mio frenelo sensibile e convincendo quanto più fluido possibile. La bottiglia si riempì velocemente e cominciò a traboccare deliziosamente lungo i lati e sul viso di mia sorella con un leggero schiocco. Tremavo e sussultavo quando il mio orgasmo finalmente si placò e lo sperma continuò a fluire dal mio cazzo teso, correndo lungo l'asta e attraverso le labbra di mia sorella che succhiava.

Si è staccata dal mio cazzo con uno schiocco umido e ha bevuto lo sperma in eccesso che scorreva lungo la mia asta e intorno alla sua bocca. Si sedette sui talloni e sollevò la bottiglia con un'espressione soddisfatta, poi abbassò lo sguardo ed esaminò la stanza. Ero coperto del suo sperma dal petto ai piedi, alcuni addirittura gocciolavano ancora dal mio viso. Il mio sperma scorreva ancora lungo il mio cazzo in grandi rivoli e un po' mi gocciolava dalle palle, schizzando nelle pozzanghere lasciate da mia sorella. Restammo seduti in silenzio per qualche istante guardandoci l'un l'altro finché lei si alzò cautamente dal pavimento, con le gambe che tremavano in modo instabile, e afferrò un asciugamano usato appeso alla colonna del mio letto.

La pulizia ha richiesto diversi minuti ed è stata occasionalmente accompagnata da risatine e incredulità per la distanza e i luoghi raggiunti da alcuni schizzi del suo sperma. Una volta che abbiamo deciso di aver ripulito la maggior parte, ho abbassato di nuovo i boxer sul mio cazzo ancora sgonfio e Jenn ha riaggiustato i suoi pantaloncini bagnati in modo che i pezzi gocciolanti non fossero più esposti.

Afferrò il telefono, mi guardò ancora una volta in silenzio, permettendo al suo sguardo di indugiare per qualche secondo, e si diresse verso la mia porta.

"Jenn" ho quasi sussurrato con voce tremante. Lei non si voltò, ma si fermò con la mano sulla maniglia della porta e rimase per diversi secondi in silenzio.

"Era solo per Connie e Jessica" Alla fine parlò alla mia porta, a malapena abbastanza forte da permettermi di sentire.

Lei girò leggermente la testa e mi guardò con la coda dell'occhio, ma distolse rapidamente lo sguardo verso il basso. Si leccò lo sperma rimasto dalle sue labbra mentre rimaneva pensierosa come se cercasse qualcosa da dirmi, ma alla fine girò la maniglia della porta con riluttanza e scivolò fuori dalla mia stanza.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare. “Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.