La scoperta di Ashley - 2

284Report
La scoperta di Ashley - 2

Questa storia è immaginaria; qualsiasi somiglianza con eventi della vita reale è una coincidenza.
-------------------------------------------------- ------------

Ieri io e mia madre abbiamo escogitato un piano per sedurre mio fratello Ryan. Credeva che fosse più sicuro per noi scoprire ed esplorare insieme, piuttosto che con qualcun altro. Mi ha convinto che l'attrazione che provavo verso mio fratello era normale e che agire in base all'attrazione era socialmente inaccettabile, ma perfettamente ok a porte chiuse.

Avevo passato gran parte della mattinata nella mia stanza a pulire e a pensare a tutte le cose che mia madre mi suggeriva di fare per scoprire se Ryan è interessato a me. Scesi le scale e trovai mia madre che guardava la TV in soggiorno, mentre papà e Ryan erano fuori a falciare l'erba. Quando mia madre mi vide entrare, sorrise e mi fece cenno di avvicinarmi.

"Ieri sera ho parlato con tuo padre del nostro piano. Non solo era d'accordo con l'idea, ma è diventato estremamente duro mentre discutevo i dettagli. La nostra conversazione ha portato a del sesso davvero buono. La nostra porta era chiusa ma, spero che noi non ti ho svegliato."

"Non ho sentito niente, ero piuttosto stanco quando sono andato a letto."

"Allora andiamo a fare shopping oggi?" Ho sentito i miei capezzoli indurirsi. Mia madre, guardandomi il petto, disse: "Lo prenderò come un sì". Ho sorriso mentre prendeva le chiavi.

Durante lo shopping non ho preso nulla di troppo audace. Mi sono limitato principalmente al cotone, alla seta e al pizzo; alcuni reggiseni con infradito abbinati, hiphugger e Cheekies. Non volevo essere troppo ovvio su quello che stavo facendo scegliendo la pelle o il cavallo senza cavallo. Ho preso anche un bikini e devo ammettere che mi stava davvero bene. Si adattava perfettamente al mio corpo e abbracciava bene le mie curve. Ho preso alcune gonne corte con cui sarebbe stato facile per me dargli una sbirciatina senza essere evidente, e alcuni top scollati che dovrebbero consentire di vedere solo un accenno dei miei nuovi reggiseni di pizzo quando guardo da vicino.

Mia madre ha commentato che non aveva alcuna possibilità. Ha indicato che se non fosse stato interessato prima, dopo il nostro piccolo giro di shopping, lo sarebbe stato adesso. Abbiamo anche preso del lubrificante aromatizzato dopo che mia madre ha detto: "Non si sa mai quando potresti averne bisogno
" Suggerì di tenere una bottiglia nella mia stanza e una bottiglietta nel bagno al piano di sopra.

Quando siamo tornati a casa sono andato in camera mia per cambiarmi. Anche se Ryan era fuori, ho lasciato la porta leggermente aperta per iniziare a prendere l'abitudine. Scesi e mi sedetti sul divano davanti alla TV. Dietro la TV c'era una grande finestra e una porta finestra che dava sul cortile e sulla piscina. Vedevo Ryan che lavorava ancora fuori, ma si era tolto la maglietta. Aveva un bel petto e dei bei addominali. Era leggermente sudato per tutto il lavoro che gli dava uno splendore sexy. Mi sono seduto con la gonna con le gambe leggermente divaricate nel caso in cui gli fosse capitato di guardare dentro. Mi sono seduto e l'ho guardato per un po' comportandomi come se stessi guardando la TV. Per il resto della serata cercai l'occasione per dargli una sbirciatina sotto la gonna, senza farlo ogni volta che mi sedevo. Ho visto con la coda dell'occhio alcune volte in cui si accorgeva di poter vedere la mia gonna. L'ho notato anche che cercava di guardare alcune volte in cui non stavo cercando di dargli una visuale. Sarebbe stato sicuramente divertente.

Ho deciso di fare una doccia quella sera e ho provato a cronometrarlo in modo che lui salisse le scale dopo di me e passasse davanti al bagno. Lasciai la porta leggermente aperta, ma il corridoio era troppo buio per vedere se si fermava a guardarmi, o anche se passava. Dopo la doccia ho notato che dovrei riuscire a vedere la mia stanza dalla porta fessura, quindi se lascio la porta aperta dovrei riuscire a vedere la luce proveniente dalla stanza. Ancora non sarei riuscito a vedere chi c'era alla porta, ma avrei dovuto essere in grado di dire se c'era qualcuno perché avrebbe bloccato la luce dietro di lui.

Questa presa in giro è andata avanti per alcune settimane e potevo sicuramente dire che era interessato. Mi stavo anche godendo l'attenzione. Quando "i ragazzi" erano fuori dalla stanza, mia madre e io ci confermavamo a vicenda che si stava decisamente interessando e lanciava sguardi furtivi. La luce nella mia stanza funzionava benissimo mentre facevo la doccia e l'ho trovato che ritardava a salire o scendere finché non facevo la doccia o mi cambiavo i vestiti. L'ho anche visto guardarmi il petto quando i miei capezzoli diventavano duri, il che ovviamente li faceva indurire spesso intorno a lui. L'ho visto spesso diventare duro quando ho notato i miei capezzoli o mi ha sparato sotto la gonna. Ho scoperto che potevo sentirlo salire le scale e passare davanti alla mia stanza se prestavo attenzione. Mi emozionavo moltissimo ogni volta che lo sentivo fermarsi mentre passavo per guardarmi spogliarmi. Ho iniziato a indossare camicie che lasciavano scoperto il mio stomaco e micro pantaloncini a letto o magliette lunghe che coprivano appena le mutandine piuttosto che camicie larghe e pantaloni del pigiama.

Una notte andò a letto prima di me, il che fu un po' deludente. Sono andato in camera mia e per abitudine ho lasciato la porta leggermente aperta. Mentre mi stavo mettendo una maglietta corta e dei pantaloncini, lo sentii uscire dalla sua stanza e fermarsi alla mia porta. Dopo aver finito di cambiarmi, è tornato nella sua stanza, ho aspettato un minuto o due e il più silenziosamente possibile sono strisciata verso la porta della sua camera. Ho appoggiato l'orecchio alla porta e ho sentito uno schiaffo e un lieve grugnito qua e là. Ero già bagnato dallo spettacolo, ora cominciavo davvero a bagnarmi. Ho trattenuto dal toccarmi perché sapevo che non sarei stata in grado di parlarne. Rimasi sulla porta finché non sembrò che avesse finito e tornai di nascosto nella mia stanza.

Ho chiuso la porta, mi sono tolta la biancheria e sono saltata sul letto. Ho iniziato a strofinarmi le labbra su e giù evitando il clitoride. Ho iniziato a pensare a quello che è appena successo. Ho infilato due dita dentro di me rendendole belle e bagnate. Mi tenevo il seno e tiravo leggermente il capezzolo duro. Usai la punta del mio dito medio bagnato per sfiorarmi leggermente il clitoride, un gemito mi sfuggì dalle labbra. Ho rilasciato il seno e ho messo due dita di quella mano dentro di me e ho iniziato a farle scorrere dentro e fuori. Le punte delle mie dita dell'altra mano continuavano a stuzzicare il mio clitoride prendendo velocità. Continuavo anche a gemere piano.

Ryan aveva appena fatto un viaggio deliberato per vedermi cambiare, e poi era tornato nella sua stanza per masturbarsi. Il mio orgasmo mi ha colpito come un camion. Ho gridato seguito da altri gemiti e sì mentre raggiungevo l'orgasmo. Ho deciso che domani sarebbe stato il momento di vedere se Ryan era pronto per andare oltre. Non mi presi la briga di vestirmi o coprirmi, godendomi l'aria sulla pelle formicolio. Mi sono addormentato emozionato per il domani.

Il giorno dopo ho indossato il bikini sotto i pantaloncini di jeans e la maglietta. Ho continuato a indossare il mio vecchio costume intero mentre continuavo a nuotare regolarmente nel cortile sul retro. Ryan normalmente sedeva fuori, sui mobili del patio o sul divano, a guardare la TV. Mia madre mi ha detto che anche quando era davanti alla TV faceva molto più guardare me che guardare la TV. Dopo pranzo ho deciso di fare una nuotata. Ho aspettato che Ryan fosse in cucina prima di uscire ed entrare in piscina.

Ho nuotato per un po' come al solito, facendo qualche vasca e semplicemente godendomi l'acqua fresca in una giornata calda. Non ero sicuro se i miei capezzoli fossero duri a causa della temperatura dell'acqua o di quello che speravo stesse per accadere. Quando fui abbastanza sicuro che Ryan mi stesse guardando oltre la TV, uscii dalla piscina. Potevo sentire l'acqua scorrere dai miei capelli lungo la schiena e giù dal seno. Guardai dentro mentre guardavo la casa e presi l'asciugamano che avevo lasciato fuori prima.

La mascella di Ryan era quasi sul pavimento e non ero sicuro che i suoi pantaloncini non avrebbero iniziato a bruciare i punti. Ho usato l'asciugamano per rimuovere un po' d'acqua dai capelli, sperando di allungarli in un modo che fosse interessante per Ryan. Poi mi sono asciugato per lo più girandomi un paio di volte durante il processo per essere sicuro che Ryan potesse vedere tutto. Ho appeso l'asciugamano sul mio braccio destro in modo che non gli impedisse di vedermi mentre gli passavo accanto. Si era ripreso abbastanza da chiudere la bocca e sembrava che si fosse aggiustato i pantaloncini, ma sembravano ancora contenerlo a malapena. Gli sorrisi mentre lo superavo dirigendomi verso le scale.

Una volta nella mia stanza ho lasciato la porta un po' più aperta del normale. Finii di asciugarmi e rimasi con l'asciugamano in mano e tornai alla porta. Dovevo solo aspettare ancora qualche secondo prima di sentire il suono familiare di Ryan che saliva le scale. Quando si fermò fuori dalla mia porta, gettai l'asciugamano di lato sul pavimento e allungai la mano dietro di me slacciandomi il top del bikini. L'ho sollevato sopra la testa girandolo leggermente in modo che il mio lato sinistro potesse essere visto dalla porta. Poi mi sono girata in vita esponendo completamente il mio seno sinistro alla porta e ho guardato Ryan dritto negli occhi. Si immobilizzò.

Ero felice che si fosse bloccato invece di cercare di nascondersi dietro l'angolo. Mentre continuavo a guardarlo negli occhi, mi sono abbassata e ho tirato lentamente il cordino sciogliendo il lato sinistro dei miei slip del bikini. Vedendo il movimento i suoi occhi lasciarono i miei e abbassarono lo sguardo su quello che stavo facendo. Ho sciolto più velocemente il lato destro e li ho sfilati gettandoli vicino all'asciugamano. Il suo sguardo guardò rapidamente di nuovo i miei occhi, poi di nuovo verso la mia figa rasata. La sua mano destra si spostò lentamente verso il suo inguine mentre i suoi occhi risalivano lentamente sul mio corpo per incontrarsi di nuovo con i miei. Sorrisi vedendo la sua mano muoversi. Vedendo il mio sorriso, spostò la mano più velocemente fino alla cerniera.

Ho guardato il mio letto e mi sono avvicinato. Ci sono salito a quattro zampe e l'ho guardato mentre il suo cazzo spuntava dalla parte anteriore dei pantaloncini. Mi sono seduto al centro del letto e ho mosso la mano destra per infilare un dito dentro di me.

Tutti gli scorci che gli avevo dato di me erano sempre “innocenti”. Non gli ho permesso di vedermi mentre mi masturbavo o qualsiasi altra cosa apertamente sessuale. La sua mano destra si avvolse attorno al suo cazzo e iniziò a scivolare furiosamente su e giù per la lunghezza. La punta brillava intensamente. "Oh sì," dissi guardandolo muovere il dito per creare dei cerchi sul mio clitoride. Continuò a pompare mentre i suoi occhi vagavano su e giù per il mio corpo incontrando i miei occhi ogni volta che arrivavano in cima. Osservai la sua mano in modo confuso guardando in alto e in profondità nei suoi occhi mentre piccoli gemiti sfuggivano di nuovo alle mie labbra. Ho allungato l'altra mano e mi ho pizzicato il capezzolo. Questo era troppo per lui e grugnì profondamente quando il primo getto di sperma volò per atterrare sul pavimento della mia stanza. "Oh Dio, sì!", ho gridato vedendo diversi getti del suo sperma volare in aria. Il mio corpo ha iniziato a tremare e ho avuto il mio orgasmo più forte fino ad ora. I miei occhi furono costretti a chiudersi mentre cavalcavo un'onda dopo l'altra prima che potessi aprirli e guardare Ryan. L'ultimo pezzetto di sperma gocciolò dalla punta del suo cazzo per atterrare ai suoi piedi.

"Era così fottutamente caldo", ha detto.

"È stato fantastico", ho risposto.

Ero sdraiato sul letto ancora formicolio e tremante leggermente. Alla fine distolse lo sguardo da me per vedere la sua sborra sul mio pavimento. "Mi dispiace per il disordine."

Mi sono alzato, mi sono calmato per un secondo e ho detto: "Nessun problema" mentre andavo ai miei cassetti. Ne aprii uno e tirai fuori un paio di mutandine di cotone bianco. "Me ne prenderò cura." Mi sono avvicinato al suo sperma più lontano dalla porta e l'ho asciugato con le mutandine. Ho continuato finché non sono arrivato al punto ai suoi piedi. Mi sono inginocchiato e ho asciugato l'ultimo pezzo. Rimasi in ginocchio, mi sedetti e lo guardai. Il suo cazzo si contrasse quando dissi "Sarà meglio che mi metta dei vestiti prima di cena." Gli ho sorriso mentre rimetteva il cazzo nei pantaloncini. Lui fece un passo indietro e io mi alzai e chiusi la porta.

Ho deciso di indossare una scenetta corta e una maglietta che lasciasse scoperto il mio stomaco per cercare di ricordare a Ryan tutta la pelle che aveva visto prima. La serata trascorse come di consueto, cenando tutti insieme e poi sedendoci davanti alla TV. I miei genitori si sedettero insieme sul divano mentre Ryan e io sedevamo uno di fronte all'altro sulle sedie. Piccoli sorrisi sono passati tra me e Ryan per tutta la serata e mia madre se ne è accorta. Mio padre si alzò e andò in cucina a preparare una ciotola di popcorn. Mentre mi passava accanto, ho incrociato lo sguardo di Ryan e ho allargato un po’ le gambe. Abbassò lo sguardo e vide che indossavo le mutandine di cotone bianco che usavo per pulire il pavimento dal suo sperma. Si alzò immediatamente e si diresse verso le scale gridando alle sue spalle che sarebbe andato a dormire presto. Gli ho sorriso alle spalle mentre si allontanava e la mamma si è avvicinata a me. Di cosa si trattava?

Le ho raccontato di lui che mi guardava cambiarmi ieri sera e si masturbava quando tornava nella sua stanza. Poi i dettagli di come l'ho portato nella mia stanza e la masturbazione reciproca che ne è seguita. Poi le ho parlato delle mutandine ricoperte di sperma che indossavo. Durante la storia i suoi capezzoli diventarono molto chiari attraverso la maglietta. Quando sono arrivato alla parte delle mutandine lei ha abbassato lo sguardo sulla mia gonna e poi mi ha guardato sorridendo. Le ho detto che volevo vedere se potevo vedere qualche spettacolo al piano di sopra prima di andare a dormire. Mi sono alzato e mi sono diretto verso le scale.

Quando sono salito di sopra mi sono diretto nella stanza di Ryan sperando di vederlo di nuovo mentre si masturbava. Purtroppo la sua porta era chiusa e quando ho appoggiato l'orecchio alla porta non ho sentito nulla. Ero deluso; ma tra l'attesa di quello che sarebbe successo, quello che è successo, e l'aver indossato le mutandine, oggi avevo già avuto cinque orgasmi. Immagino che sia bastato per un giorno... beh forse un altro prima di addormentarmi. Detto questo mi sono diretto nella mia stanza.

Storie simili

La fantasia di Carla si realizza

Sono entrato nel negozio e ho visto Richard che guardava davvero in basso e gli ho chiesto cosa c'era che non andava. Richard mi ha detto che ha appena scoperto che sua moglie lo tradiva e non sapeva cosa fare. Gli ho detto quanto ero dispiaciuto e l'ho invitato a bere qualcosa e a vedere un film, così mia moglie Carla ed io potessimo pensare a tutto lui. Gli ho detto che i bambini erano dalla zia, così non avrebbe dovuto preoccuparsi di stare con un gruppo di bambini urlanti. Richard bussò alla porta e mia moglie aprì la porta e...

2.4K I più visti

Likes 1

Giugno e luglio (2° tentativo)

Erano le 18:30 di venerdì sera quando sono tornato a casa dal lavoro. Girovagavo per casa alla ricerca di July, mia moglie da 10 anni. C'era una grande casseruola che cuoceva lentamente sul fornello. Era un buon segno. Alla fine sono uscito sul retro della casa nella nostra zona piscina. Là su due poltrone c'erano July e la sua cara amica June, entrambe completamente nude. “Cosa sta succedendo?”, ho chiesto. “June ha rotto con il suo ragazzo. Le ho detto che può trasferirsi qui, con noi. Abbiamo discusso su come potrebbe funzionare. Oh! E cosa ti sei inventato? Bene. Ho iniziato...

1.9K I più visti

Likes 0

Trovare il maestro

Trovare il maestro Prima parte Ci siamo incontrati online, come fanno tante persone in questi giorni. Era un sito di social per adulti, ed era lì che definivo la mia persona online e mi liberavo finalmente dal nascondere le mie preferenze sessuali. Mi ha stupito che ci fossero così tanti uomini in cerca di una donna come me, ma sono rimasto anche sbalordito nello scoprire, mentre parlavo con molti di loro, che non avevano idea di come gestirmi correttamente. L'uomo di nome Wolf, con i lunghi capelli scuri, la barba folta e i luminosi occhi verde giada, conosceva il modo giusto...

1.9K I più visti

Likes 0

Nurse Mom - Capitolo 9 - La mamma si unisce alla zia Pam

Girai la testa e vidi la mamma seduta sulla poltrona in un angolo. Pam ha girato la testa di scatto e si è bloccata quando ha visto la mamma lì, completamente nuda e che si toccava. La mamma aveva un grande sorriso sul viso e ha detto che non poteva trattenersi mentre continuava a far scorrere le dita sul suo gattino. Pam iniziò a farsi prendere dal panico e cercò di alzarsi da me, ma io tenni una presa salda sui suoi fianchi larghi e la tenni giù, piantata sul mio cazzo. Non riuscì a dire una parola, semplicemente arrossì quando...

2.3K I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

1.9K I più visti

Likes 0

Moglie impertinente ottiene uno shock

Shelia Brown è stata presa in giro e lo sapeva. Ha preso in giro gli amici di suo marito, ha preso in giro i fidanzati delle sue figlie, ha preso in giro i suoi vicini e ha preso in giro tutti gli uomini in ufficio. Man mano che Shelia cresceva, peggiorava e suo marito Harry si irritava molto con lei che la rimproverava spesso e si lamentava della sua mancanza di decoro. Sheila non sei più una giovane donna sembri un montone vestito da agnello abbassa un po' le cose è solo chiedere guai se vai in giro così la gente...

2.2K I più visti

Likes 0

Un'estate con la mia sorellastra Mary, parte 2

Sembrava che ci fosse voluta un'eternità prima che la mia matrigna se ne andasse, ma quando finalmente lo fece, ci guardammo entrambi e Mary mi fece il sorriso più carino, chiedendomi se ero pronta a finire di mettere quella lozione. Uscimmo e lei si tolse il top lentamente, timidamente, come se fosse imbarazzata dalle piccole dimensioni delle sue tette. A me sembravano la perfezione, piccoli, appuntiti, con minuscoli capezzoli rosati che spuntavano fuori. Le ho detto che erano belli, al che ha fatto un grande sorriso e si è sdraiata sulla sedia, di nuovo a pancia in giù. Avrei voluto toccarli...

2K I più visti

Likes 2

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy

Cane fortunato Ch5: Finire Tammy Tammy uscì dal bagno avvolta in un asciugamano. Si era asciugata la maggior parte del sangue e si era sborrata via dal corpo. Aveva perso il suo gioco preferito. Doveva solo scopare il primo ragazzo che aveva incontrato e restare con lui per un po'. Forse avrebbe seguito il consiglio della sua amica e avrebbe trovato un affidabile sei pollici. Si sedette su una sedia in cucina con un bicchiere di latte davanti a sé. Il cane era stato rude e brutale, ma lei pensava che fosse qualcosa che le sarebbe piaciuto in un essere umano...

2.1K I più visti

Likes 1

SESSO DI CRAIGSLIST

Questa è la mia prima storia quindi dimmi cosa dovrei fare meglio la prossima volta!! Anche questa è una storia vera spero vi piaccia!! Quando avevo 18 anni stavo molto nell'armadio. Nessuno nella mia scuola sapeva che ero bisessuale e il fatto che tutto il giorno avrei sognato e fantasticato di avere un cazzo in bocca. Prima di raccontarvi la storia lasciate che vi parli un po' di me. Ho 18 5'7 140 e sono in forma atletica considerando che ho lottato; ma questa è una storia per un'altra volta ;). Inoltre ho un grosso cazzo nero da 8 pollici. Ma...

1.9K I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.