Fantasia realizzata

658Report
Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA

Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare.
“Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul pavimento vedrai una benda, un bavaglio e le manette. Mettili tutti, ammanetta i polsi dietro di te. Mettiti in ginocchio, appoggia la testa a terra, allarga le gambe. “
Anche se il suo istinto le urlava di non farlo, aveva seguito le sue istruzioni. Anche lei era vestita come le aveva ordinato. Indossava un vestito, niente reggiseno, niente mutandine, niente calze e sandali. Una volta in posizione nel furgone, era completamente accessibile e vulnerabile.
Subito dopo aver completato le sue istruzioni, ha sentito le porte del furgone aprirsi, poi il pizzico di un'iniezione nel culo e poi... niente.
Ora poteva dire che era nuda, appesa per i polsi, con le gambe larghe. La sua bocca era ancora imbavagliata ma non con quella che aveva messo dentro di sé, questa era un bavaglio ad anello che le teneva la bocca aperta. Era ancora bendata. Sentì il peso tirarle sui capezzoli. Aveva paura e soffriva. Le facevano male le spalle per il fatto che penzolavano lì. Era anche eccitata e la sua fica implorò per l'uso. Il suo clitoride pulsava.
All'improvviso sentì le mani sui fianchi. Qualcosa si è diffuso nel suo culo, lubrificante, poi un cazzo forzato dentro. Il lubrificante aiutò, ma la repentinità del suo ingresso faceva ancora male. Lei gemette. È andato fino in fondo e si è fermato. Altre mani e un cazzo le ficcarono nella fica. Ora hanno cominciato a scoparla, forte. Ovviamente andando al ritmo e al ritmo che gli piacevano. Sentì dei morsetti strappati dai suoi capezzoli. Ha urlato ma con il bavaglio è stato attutito. Il cazzo nel suo culo è venuto ed è stato rimosso. Poi quella nella sua fica ha fatto lo stesso. I suoi polsi sono stati liberati da sopra di lei ed è stata lasciata cadere a terra. Un collare era avvolto intorno al collo e un guinzaglio attaccato. Uno strattone le disse di andare avanti. Due paia di mani la sollevarono su un tavolino basso. I polsi e le caviglie erano attaccati agli angoli. Usando il collare e il guinzaglio, la sua testa era incatenata in modo che rimanesse in piedi.
Poi qualcosa è stato spinto nella sua fica. Era grande, duro e freddo. Poi un cazzo le è stato infilato in bocca attraverso l'anello e un altro nel suo culo. Sono venuti. Poi un altro nella sua bocca. Qualunque cosa ci fosse nella sua fica è stata spostata nel suo culo e un cazzo le ha scopato la fica.
Più e più volte è stata fottuta. Tutti e tre i fori costantemente mantenuti pieni. Se non con un gallo, un giocattolo o un oggetto. Una bottiglia è stata infilata nella sua fica il lungo collo di esso che colpisce la sua cervice. Faceva così male che si sarebbe rannicchiata in posizione fetale se avesse potuto, ma era trattenuta e non poteva.
Si rese conto che doveva avere i tappi per le orecchie perché non aveva mai sentito alcun suono.
Sentì grosse dita entrare nella sua fica. Uno alla volta l'altro è stato aggiunto fino a quando non è stata allungata e riempita da un intero pugno. La sua fica bruciava per essere stata allungata da quella che era ovviamente una grande mano. Eppure gocciolava ancora. La sua mente era piena di bisogni sessuali. Sospettava che qualunque cosa l'avessero drogata fosse parzialmente responsabile. Il pensiero che potesse essere così da sola, che il suo cervello masochista malato potesse farla reagire in quel modo la terrorizzava. Eppure sapeva che era possibile. La teneva in una sorta di calma foschia. Non riusciva a pensare ad altro che a cosa stessero facendo al suo corpo.
La mano tirò fuori, divenne un pugno e la colpì con un pugno. La picchia crudelmente. Ha urlato di dolore. Lo ha fatto più e più volte. Nonostante il dolore, sentì crescere l'orgasmo.
Una mano le schiaffeggiò il viso mentre il pugno le colpiva l'utero. Un enorme dildo le è stato piantato nel culo. Qualcosa iniziò a mandarle shock attraverso i capezzoli e il clitoride. Tutto si è alternato, quindi ogni dolore è rimasto da solo per un secondo, poi è arrivato il successivo. Ogni parte sessuale di lei veniva tormentata, torturata e l'orgasmo era ancora costruito.
Poi improvvisamente si è schiantato intorno a lei. È quasi svenuta. Potrebbe averlo fatto, ma la tortura è continuata.
Il pugno e il dildo sono stati rimossi, gli shock sono cessati. È stata liberata dalle catene e girata sulla schiena. È stata riattaccata al tavolo. Le sue gambe si allargarono il più possibile senza rompersi. Le clip erano attaccate alle labbra della sua fica, poi usate per aprirle e tenerle in quel modo. Poi ha urlato. Qualcosa le stava frustando la fica e il clitoride. Più e più velocemente. Era in fiamme. Eppure gocciolava ancora. Lei pulsava. Lei desiderava. Il dolore non la infastidiva tanto quanto l'intenso desiderio. Lei è venuta. Ancora ed ancora. Gli orgasmi non si fermavano. Pensava che avrebbe perso la testa. Le venne in mente che probabilmente lo aveva già fatto. Perché altrimenti si sarebbe messa in questa situazione.
Il pestaggio è cessato. Qualcosa è stato strofinato sulla sua fica, dentro e fuori, sul clitoride e sul buco del culo. Le sue labbra erano ancora ben aperte dai fermagli. Se fosse stata sana di mente si sarebbe forse chiesta come, ma non lo era e non lo fece.
È stata tolta dal tavolo. Il bavaglio ad anello è stato rimosso. Poi è stata condotta. Sentì mani assortite allungarsi e toccarla, ma nessuna la toccava sessualmente. Poi si sentì spinta in avanti. Sapeva di essere tra le cosce di una donna, sapeva senza che le fosse detto cosa fare. Ha cominciato a leccare. Era un giocattolo del sesso come gli aveva detto che desiderava essere e se data a un uomo o una donna doveva compiacere. Ha leccato e succhiato il clitoride. Ha infilato la lingua più profondamente che poteva nella fica. Alla fine lo sentì zampillare sul suo viso. Non ha smesso di leccare finché non è stata rimossa da esso.
Un cazzo premette contro le sue labbra così le aprì. Attraverso le mani sulla sua testa e il movimento del proprietario dei cazzi sapeva cosa le veniva richiesto. Leccò l'asta, la testa, le palle. Sentì un culo contro la sua faccia, tirò fuori la lingua e legò il buco del culo che aveva assaggiato. Lo odiava. Era pulito, ma il pensiero... se fosse stata capace di pensare. Poi il cazzo è tornato alle sue labbra e lei è stata scopata in faccia. Sentì... zampe sulla schiena! Un cane! Gli aveva parlato della fantasia. L'umiliazione di esso. Essere trattato come nient'altro che un giocattolo. Gli aveva detto che il suo desiderio più profondo era che lui la usasse per soddisfare i suoi desideri più profondi e oscuri. Avere il suo giocattolo scopato da un cane, di fronte a una folla e filmarlo, era, aveva detto, parte del suo. All'epoca aveva rabbrividito di eccitazione chiedendosi delle altre parti.
Poteva dire che era un grosso cane. Il suo cazzo la riempiva già e non aveva ancora finito di crescere. Il cazzo nella sua bocca è andato in gola ma ha continuato a muoversi in modo che potesse respirare ma non urlare.
Il cane schizzò dentro e fuori da lei forte e veloce e mentre veniva il suo nodo cresceva ed entrava in lei, riempiendola e allungandola. Poi rimase legato a lei. Quello nella sua bocca è venuto. Ha ingoiato il suo sperma e lo ha leccato pulito. Un altro le venne alle labbra. Era così distante dal sovraccarico sessuale a questo punto che lo leccò e lo succhiò con il pilota automatico. Il cane finalmente si slacciò e tirò fuori.
Di nuovo sentì le zampe sulla schiena ma anche le mani sui fianchi. Mentre il nuovo cane cercava di trovarla aprendo le mani lo diresse... verso il suo culo! Ha urlato! Questo alla fine ha rotto la sua foschia sessuale demente. Non il suo culo! Un nodo nel culo potrebbe danneggiarla in modo permanente! Gli aveva detto che era un limite duro! Ha lottato. Attraverso i tappi per le orecchie che ha sentito nel suo orecchio...
“Non sei altro che un giocattolo del cazzo. Sei un oggetto. Gli oggetti non hanno limiti oltre le capacità fisiche. A nessuno importa cosa vuoi, cosa ti piace o cosa no. Sei una cosa, un giocattolo. Tu mi appartieni. Posso usarti, abusare di te, danneggiarti, modificarti, darti via, venderti, scartarti come voglio. Sei prezioso per me solo quanto decido che tu sia e come la maggior parte dei giocattoli, quando mi annoi potrei dimenticarti di te. Lasciarti dove ti ho messo l'ultima volta e non tornare. Hai detto che volevi essere il mio giocattolo. Ora tu sei. Ma non preoccuparti, ho molte idee su come vorrei usarti e come ti ho usato. Tante idee sadiche e di umiliazione. Ricorda quello che dicono, giocattolo, attento a ciò che desideri. “Poi lo sentì ridere mentre sentiva il suo culo strapparsi mentre il nodo del cane veniva forzato dentro di lei. Le parole, "Attento a ciò che desideri" le risuonano in testa mentre urla.

Storie simili

La moglie vuole un altro bambino_ (1)

Questa è una storia di fantasia che coinvolge me, mia moglie e il suo patrigno Mia moglie, Nicole ed io siamo sposati da 7 anni e abbiamo tre figli meravigliosi. Viviamo in una città più piccola e la maggior parte delle persone qui sono amici intimi e molta famiglia. Quando è nato il nostro primo figlio, gli è stata diagnosticata una sindrome ed è stato allora che abbiamo scoperto che entrambi siamo portatori di un gene. Dopo che al nostro secondo figlio è stata diagnosticata la sindrome, quando ho deciso che avrei dovuto sottopormi a una vasectomia per evitare che altri...

675 I più visti

Likes 0

Rito di passaggio

Rito di passaggio Capitolo 1 Le gambe della sorella di Jimmy Smith erano gettate su ciascuna delle sue spalle mentre si spingeva con forza nel suo stretto tunnel. Guardando in basso, poteva vedere la schiuma bianca che ricopriva il suo cazzo e il morbido castano lanuginoso dei suoi peli pubici. L'aria si riempì dei suoni squishy del suo cazzo che martellava la sua succosa figa bagnata. I suoi piccoli seni volavano avanti e indietro. I suoi capelli castani lunghi fino alle spalle circondavano il suo viso sudato. I suoi occhi si fissarono su quelli di lui, la sua bocca aperta con...

575 I più visti

Likes 0

Fat Bastards violenta il mio culo - storia 4

Sapevo che The Fat Bastard sarebbe stato in giro oggi per riscuotere l'affitto e non sapevo cosa aspettarmi. Non avevo i soldi, quindi ero sicuro che avrebbe voluto scoparmi di nuovo, ma non sapevo cos'altro avrebbe potuto volere. La prima volta che è venuto, mi aveva appena scopato lui stesso, ma la seconda volta mi aveva dato anche a suo figlio. Questa sarebbe stata la terza volta e sospettavo che sia lui che suo figlio mi avrebbero voluto scopare di nuovo, ma non sapevo se sarebbe stato sufficiente per coprire l'affitto del mese. Ero sdraiato sul mio letto a leggere un...

317 I più visti

Likes 0

I segreti sporchi di Lindsay

Ohhhh! Ohhhh! Ohhhh! Lindsay è sempre in paradiso quando ha il suo dildo di vetro lungo preferito con il bordo a vortice che entra ed esce dalla sua piccola figa rosa. Torna a casa tutti i giorni e ne ha bisogno subito dopo una lunga giornata di lavoro. Il suo capo, il signor Franklin, la fa impazzire ogni giorno dove torna a casa e guida quel dildo dentro gemendo il suo nome desiderando che fosse il suo cazzo e la sua scrivania invece di quel dildo e quel cuscino. Adora strofinare il suo piccolo clitoride mentre pensa a lui che la...

260 I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

264 I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

219 I più visti

Likes 0

College Town – Parte 4 – Ragazzi cattivi

Adam riusciva a malapena a guardare Jess che era seduta sul letto coperta dallo sperma di un altro uomo. Si sedette sul bordo del letto chiedendosi perché non fosse ancora fuggito dalla stanza mentre grosse gocce bianche del succo di Jason rotolavano dalla fronte della sua ragazza, lungo i lati del suo naso, e nel suo occhio sinistro. Non era del tutto sicuro se la sua ragazza avesse avuto intenzione di umiliarlo o se fosse stata semplicemente presa dal momento e avesse detto e fatto cose che non avrebbe dovuto fare. I suoi pensieri furono interrotti mentre lei parlava. Distendersi. Jess...

656 I più visti

Likes 0

Quattro anni dopo la pesca del tonno

Ora è l'inverno del 2009, quasi cinque anni dal nostro grande viaggio di pesca. Potresti aver letto la mia storia su una battuta di pesca del tonno in cui mia moglie era malata ed è rimasta a casa e ho portato un paio di nostri amici a pescare. È stato durante quel viaggio che mi ha detto che si era interrogata sul mio cazzo dai tempi del college molti anni fa. Noi tre abbiamo finito per fare del sesso fantastico sulla mia barca nell'oceano. Nessuno di noi ha mai parlato di quel giorno per quasi cinque anni, cioè fino ad oggi...

658 I più visti

Likes 0

Mia moglie Maryanne - Cap. 3

Maryanne e io, e talvolta con il nostro amico John, abbiamo continuato settimana dopo settimana con il nostro gioco di Maryanne indossa il suo vestito sexy e visitiamo un bar locale. In realtà, siamo stati lontani dai bar troppo vicini a casa e da quelli in cui potevamo incontrare qualcuno dei miei colleghi. Non so come potrei affrontare le persone con cui ho lavorato scoprendo il nostro piccolo segreto. Sono sicuro che se fossimo scoperti la voce si sarebbe diffusa in tutto il posto di lavoro e ogni possibile futuro che avevo con l'azienda sarebbe finito. Tuttavia, non avevamo programmi per...

631 I più visti

Likes 0

Succhiare e deglutire_(1)

Era da molto che pensavo, come ci si sente a succhiare un ragazzo? Come sarebbe avere un vero cazzo che mi scivola su per il culo? Ho 39 anni e sono sposato e non ho mai avuto quel prurito nel modo corretto. Sicuramente mia moglie ha usato gli strap-on, ma non mi è mai sembrato abbastanza giusto. Dovevo scoprirlo, quindi ho iniziato la mia ricerca sugli incontri locali per uomini. Alla fine ho trovato un ragazzo che era Bi-Curioso e viveva in zona, per la sua privacy lo chiameremo David. David era un uomo dall'aspetto medio, come lo sono io, abbiamo...

623 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.