Fantasia realizzata

2KReport
Fantasia realizzata

FANTASIA REALIZZATA

Stava soffrendo. Se l'è meritata. Era stata sciocca, i suoi desideri avevano annebbiato il suo buon senso e l'avevano portata ad agire impulsivamente. Lo aveva incontrato online e anche se fin dall'inizio il suo istinto le diceva che poteva essere pericoloso, ma quando le ha descritto come l'avrebbe usata ha eccitato il suo desiderio masochista e lei non ha potuto resistere alla tentazione. Quindi era andata dove lui le aveva detto e poi aveva fatto quello che lui le aveva detto di fare.
“Quando arriverai lì vedrai un furgone nero. Apri le porte posteriori, sali, chiudi le porte. Sul pavimento vedrai una benda, un bavaglio e le manette. Mettili tutti, ammanetta i polsi dietro di te. Mettiti in ginocchio, appoggia la testa a terra, allarga le gambe. “
Anche se il suo istinto le urlava di non farlo, aveva seguito le sue istruzioni. Anche lei era vestita come le aveva ordinato. Indossava un vestito, niente reggiseno, niente mutandine, niente calze e sandali. Una volta in posizione nel furgone, era completamente accessibile e vulnerabile.
Subito dopo aver completato le sue istruzioni, ha sentito le porte del furgone aprirsi, poi il pizzico di un'iniezione nel culo e poi... niente.
Ora poteva dire che era nuda, appesa per i polsi, con le gambe larghe. La sua bocca era ancora imbavagliata ma non con quella che aveva messo dentro di sé, questa era un bavaglio ad anello che le teneva la bocca aperta. Era ancora bendata. Sentì il peso tirarle sui capezzoli. Aveva paura e soffriva. Le facevano male le spalle per il fatto che penzolavano lì. Era anche eccitata e la sua fica implorò per l'uso. Il suo clitoride pulsava.
All'improvviso sentì le mani sui fianchi. Qualcosa si è diffuso nel suo culo, lubrificante, poi un cazzo forzato dentro. Il lubrificante aiutò, ma la repentinità del suo ingresso faceva ancora male. Lei gemette. È andato fino in fondo e si è fermato. Altre mani e un cazzo le ficcarono nella fica. Ora hanno cominciato a scoparla, forte. Ovviamente andando al ritmo e al ritmo che gli piacevano. Sentì dei morsetti strappati dai suoi capezzoli. Ha urlato ma con il bavaglio è stato attutito. Il cazzo nel suo culo è venuto ed è stato rimosso. Poi quella nella sua fica ha fatto lo stesso. I suoi polsi sono stati liberati da sopra di lei ed è stata lasciata cadere a terra. Un collare era avvolto intorno al collo e un guinzaglio attaccato. Uno strattone le disse di andare avanti. Due paia di mani la sollevarono su un tavolino basso. I polsi e le caviglie erano attaccati agli angoli. Usando il collare e il guinzaglio, la sua testa era incatenata in modo che rimanesse in piedi.
Poi qualcosa è stato spinto nella sua fica. Era grande, duro e freddo. Poi un cazzo le è stato infilato in bocca attraverso l'anello e un altro nel suo culo. Sono venuti. Poi un altro nella sua bocca. Qualunque cosa ci fosse nella sua fica è stata spostata nel suo culo e un cazzo le ha scopato la fica.
Più e più volte è stata fottuta. Tutti e tre i fori costantemente mantenuti pieni. Se non con un gallo, un giocattolo o un oggetto. Una bottiglia è stata infilata nella sua fica il lungo collo di esso che colpisce la sua cervice. Faceva così male che si sarebbe rannicchiata in posizione fetale se avesse potuto, ma era trattenuta e non poteva.
Si rese conto che doveva avere i tappi per le orecchie perché non aveva mai sentito alcun suono.
Sentì grosse dita entrare nella sua fica. Uno alla volta l'altro è stato aggiunto fino a quando non è stata allungata e riempita da un intero pugno. La sua fica bruciava per essere stata allungata da quella che era ovviamente una grande mano. Eppure gocciolava ancora. La sua mente era piena di bisogni sessuali. Sospettava che qualunque cosa l'avessero drogata fosse parzialmente responsabile. Il pensiero che potesse essere così da sola, che il suo cervello masochista malato potesse farla reagire in quel modo la terrorizzava. Eppure sapeva che era possibile. La teneva in una sorta di calma foschia. Non riusciva a pensare ad altro che a cosa stessero facendo al suo corpo.
La mano tirò fuori, divenne un pugno e la colpì con un pugno. La picchia crudelmente. Ha urlato di dolore. Lo ha fatto più e più volte. Nonostante il dolore, sentì crescere l'orgasmo.
Una mano le schiaffeggiò il viso mentre il pugno le colpiva l'utero. Un enorme dildo le è stato piantato nel culo. Qualcosa iniziò a mandarle shock attraverso i capezzoli e il clitoride. Tutto si è alternato, quindi ogni dolore è rimasto da solo per un secondo, poi è arrivato il successivo. Ogni parte sessuale di lei veniva tormentata, torturata e l'orgasmo era ancora costruito.
Poi improvvisamente si è schiantato intorno a lei. È quasi svenuta. Potrebbe averlo fatto, ma la tortura è continuata.
Il pugno e il dildo sono stati rimossi, gli shock sono cessati. È stata liberata dalle catene e girata sulla schiena. È stata riattaccata al tavolo. Le sue gambe si allargarono il più possibile senza rompersi. Le clip erano attaccate alle labbra della sua fica, poi usate per aprirle e tenerle in quel modo. Poi ha urlato. Qualcosa le stava frustando la fica e il clitoride. Più e più velocemente. Era in fiamme. Eppure gocciolava ancora. Lei pulsava. Lei desiderava. Il dolore non la infastidiva tanto quanto l'intenso desiderio. Lei è venuta. Ancora ed ancora. Gli orgasmi non si fermavano. Pensava che avrebbe perso la testa. Le venne in mente che probabilmente lo aveva già fatto. Perché altrimenti si sarebbe messa in questa situazione.
Il pestaggio è cessato. Qualcosa è stato strofinato sulla sua fica, dentro e fuori, sul clitoride e sul buco del culo. Le sue labbra erano ancora ben aperte dai fermagli. Se fosse stata sana di mente si sarebbe forse chiesta come, ma non lo era e non lo fece.
È stata tolta dal tavolo. Il bavaglio ad anello è stato rimosso. Poi è stata condotta. Sentì mani assortite allungarsi e toccarla, ma nessuna la toccava sessualmente. Poi si sentì spinta in avanti. Sapeva di essere tra le cosce di una donna, sapeva senza che le fosse detto cosa fare. Ha cominciato a leccare. Era un giocattolo del sesso come gli aveva detto che desiderava essere e se data a un uomo o una donna doveva compiacere. Ha leccato e succhiato il clitoride. Ha infilato la lingua più profondamente che poteva nella fica. Alla fine lo sentì zampillare sul suo viso. Non ha smesso di leccare finché non è stata rimossa da esso.
Un cazzo premette contro le sue labbra così le aprì. Attraverso le mani sulla sua testa e il movimento del proprietario dei cazzi sapeva cosa le veniva richiesto. Leccò l'asta, la testa, le palle. Sentì un culo contro la sua faccia, tirò fuori la lingua e legò il buco del culo che aveva assaggiato. Lo odiava. Era pulito, ma il pensiero... se fosse stata capace di pensare. Poi il cazzo è tornato alle sue labbra e lei è stata scopata in faccia. Sentì... zampe sulla schiena! Un cane! Gli aveva parlato della fantasia. L'umiliazione di esso. Essere trattato come nient'altro che un giocattolo. Gli aveva detto che il suo desiderio più profondo era che lui la usasse per soddisfare i suoi desideri più profondi e oscuri. Avere il suo giocattolo scopato da un cane, di fronte a una folla e filmarlo, era, aveva detto, parte del suo. All'epoca aveva rabbrividito di eccitazione chiedendosi delle altre parti.
Poteva dire che era un grosso cane. Il suo cazzo la riempiva già e non aveva ancora finito di crescere. Il cazzo nella sua bocca è andato in gola ma ha continuato a muoversi in modo che potesse respirare ma non urlare.
Il cane schizzò dentro e fuori da lei forte e veloce e mentre veniva il suo nodo cresceva ed entrava in lei, riempiendola e allungandola. Poi rimase legato a lei. Quello nella sua bocca è venuto. Ha ingoiato il suo sperma e lo ha leccato pulito. Un altro le venne alle labbra. Era così distante dal sovraccarico sessuale a questo punto che lo leccò e lo succhiò con il pilota automatico. Il cane finalmente si slacciò e tirò fuori.
Di nuovo sentì le zampe sulla schiena ma anche le mani sui fianchi. Mentre il nuovo cane cercava di trovarla aprendo le mani lo diresse... verso il suo culo! Ha urlato! Questo alla fine ha rotto la sua foschia sessuale demente. Non il suo culo! Un nodo nel culo potrebbe danneggiarla in modo permanente! Gli aveva detto che era un limite duro! Ha lottato. Attraverso i tappi per le orecchie che ha sentito nel suo orecchio...
“Non sei altro che un giocattolo del cazzo. Sei un oggetto. Gli oggetti non hanno limiti oltre le capacità fisiche. A nessuno importa cosa vuoi, cosa ti piace o cosa no. Sei una cosa, un giocattolo. Tu mi appartieni. Posso usarti, abusare di te, danneggiarti, modificarti, darti via, venderti, scartarti come voglio. Sei prezioso per me solo quanto decido che tu sia e come la maggior parte dei giocattoli, quando mi annoi potrei dimenticarti di te. Lasciarti dove ti ho messo l'ultima volta e non tornare. Hai detto che volevi essere il mio giocattolo. Ora tu sei. Ma non preoccuparti, ho molte idee su come vorrei usarti e come ti ho usato. Tante idee sadiche e di umiliazione. Ricorda quello che dicono, giocattolo, attento a ciò che desideri. “Poi lo sentì ridere mentre sentiva il suo culo strapparsi mentre il nodo del cane veniva forzato dentro di lei. Le parole, "Attento a ciò che desideri" le risuonano in testa mentre urla.

Storie simili

Amy - Parte 1 - Dan

Dan pensava di essere un uomo felice in generale: aveva un buon rapporto con Anna, sì, il sesso era raro e un po' di routine, ma era felice se non del tutto soddisfatto. Poi l'azienda ha assunto Amy, aveva 18 anni e sembrava un po' fuori di testa, forse era il primo giorno di nervi pensò Dan, ma, guardandosi intorno ai suoi colleghi, pensò che probabilmente dipendesse dal loro ovvio guardarla a bocca aperta mentre camminava oltre le loro scrivanie. Il capo aveva una storia di scelta dell'aspetto piuttosto che delle capacità, ma a nessuno degli uomini importava davvero. Dan di...

1.8K I più visti

Likes 0

Solo per cavarsela II

La luce del sole che filtra dalla finestra della camera da letto mi sveglia. È direttamente nei miei occhi. Gemendo mi giro nel sacco a pelo e infilo la testa sotto il cuscino. Una mano mi scuote rudemente la spalla e Tyler mi allontana il cuscino. “Alzati, Natalie! Non costringermi a portarti di nuovo a scuola! Tyler si lamenta esasperato. Mi sta ancora scuotendo la spalla. Apro gli occhi e lo guardo male. Mi sta fissando e non ha ancora smesso di scuotermi la spalla. Lasciami andare! scatto, irritato. Scuote la testa e scompare nella stanza principale. Tyler è mio fratello...

1.6K I più visti

Likes 0

Gli strani giri della vita, parte 3

Le strane svolte della vita, parte 3 Il lunedì e il martedì andavano e venivano, senza che fosse successo niente di eccitante, tranne che Sandy ha chiamato per dire che aveva ricevuto una bella offerta per la casa da una coppia di circa 30 anni. I suoi figli erano tornati dal loro papà, quindi non poteva venire, ma volevo. Sono andato in palestra dopo il lavoro lunedì, martedì e mercoledì e ho chiacchierato con una bella donna della mia fascia di età che era interessante e non aveva anelli o altre prove di impegno. Abbiamo parlato, mentre l'ho aiutata a riadattare...

1.7K I più visti

Likes 0

Alza il tuo

Nell'agosto del 1998, avevo 18 anni e vendevo Bibbie porta a porta, a piedi, in una piccola città della Virginia. Mentre continuavo a camminare sempre più fuori città, cercando di vendere qualcosa che tutti avevano già, mi sono reso conto che si stava facendo buio ed ero a circa 5 miglia da dove stavo affittando un piccolo appartamento. Ho deciso di tornare in città in autostop. GROSSO ERRORE!!! Quando un furgone si è fermato e si è fermato e la porta scorrevole si è aperta, ho capito che potrebbe non essere una buona idea. C'erano 4 ragazzi neri lì dentro e...

1.2K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a conoscere la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho chattato con lei solo alcune volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che avevo più di dieci anni di lei... A parte questo non avevo mai visto una sua foto, anche se mi aveva detto che è molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i miei nervi. Quando ho svoltato nella strada giusta, la...

1.9K I più visti

Likes 0

Piccola e carina babysitter

Tammy Lovett è entrata in casa mia e mi è quasi venuto duro a guardarle il culetto. Ha un bellissimo culo tondo di 13 anni e tette stranamente grandi per la sua età, una buona coppa D. È entrata in casa mia indossando una minuscola minigonna che mostrava la parte inferiore delle sue dolci chiappe, e una maglietta così attillata che le sue tette vivace stavano quasi aprendo i bottoni. 'Ciao papà!' esclamò. Mi chiama sempre papà, così ha fatto la maggior parte delle persone, e io l'ho sempre chiamata la mia bambina. 'Ehi piccola, Aimee ha dormito presto, dorme nella...

944 I più visti

Likes 0

Sandra dopo l'Università Pt. 1

Sandra dopo l'università di Vanessa Evans Sandra ha guadagnato abbastanza soldi per prendersi un anno di pausa. Nota dell'autore Questa storia è una continuazione della mia storia Sandra è diversa. Sebbene questa storia possa essere indipendente, avrà più senso se leggi prima Sandra è diversa. v introduzione Dopo 3 incredibili anni all'università in cui ho fatto un sacco di soldi lasciandomi sculacciare dagli uomini, lasciando che gli uomini mi scopassero mentre ero privo di sensi e dimostrando macchine del cazzo alle convention di attrezzature erotiche, ho deciso che dovevo prendermi un anno per ottenere il massimo delle mie dipendenze che si...

779 I più visti

Likes 1

Ho guidato la macchina nel vialetto e l'ho parcheggiata accanto a quella di mia madre. Mi sono controllato dallo specchietto retrovisore per l'ultima volta, per assicurarmi di non sembrare il diavolo in persona, ho preso il regalino che avevo comprato per la mamma e mi sono avviato verso casa. Il mio nome è Kevin. Ho ventuno anni e sono uno studente universitario. Vivo con mia madre, che quel giorno compiva quarantuno anni. Lei e mio padre hanno divorziato quando ero piccolo e da allora si è presa cura di me. Papà veniva a trovarci circa ogni due mesi e, a giudicare...

919 I più visti

Likes 0

Vivere la vita negli spogliatoi

Lexi si è svegliata al suono della campanella della settima ora, la campanella le era familiare perché le ricorda sempre l'ora del congedo. Lexi era un'atleta di punta nella squadra di pallavolo del liceo e ogni giorno dopo la scuola doveva andare ad allenarsi. Si affrettò verso il suo armadietto, notando che tutti i suoi amici si stavano salutando, prese la sua uniforme dall'armadietto e la borsa della palestra. e si precipitò negli spogliatoi delle ragazze. Di solito era la prima lì e oggi non era diversa. Andò al suo solito armadietto e iniziò a spogliarsi, si tolse la camicia e...

740 I più visti

Likes 0

Il mio fantastico viaggio a Sydney

Questa è la mia prima storia: ne ho lette alcune ma è un po' diverso scriverle, quindi un feedback sarebbe positivo. In particolare su quanta introduzione piace alle persone. Mi piace un po' ambientare la scena, ma non così tanto da richiedere anni, non sono sicuro di aver capito bene o meno. Mi chiamo Matt, ho 22 anni e studio all'università di Adelaide. Ho una ragazza che si chiama Kate, è una ventenne bionda bassa che sta benissimo nel sacco, ma sfortunatamente le piaccio più di quanto piaccia a me. Kate ha un'amica a Sydney che festeggiava il suo 21esimo compleanno...

696 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.